Skip to main content

Full text of "Archivum Romanicum, nuova rivista di filologia romanza"

See other formats


::-fFr'^;.'-  ;--ti',  ";  ^  -  f  '■■■":  n    -^^  ^  ■.:■.;  ; 


iUm.m 


I  I(]|DAB>\' 


m  Tir.  y^  1  ^923, 


jiKt^  f 


ARCHIVUM 

ROMANICUN. 


NUOVA  RIVISTA  DI  FILOLOGIA  ROMANZA 


DIRETTA   DA 


GIULIO  BERTONI 


Voi.  III  (19 19) 


GENÈVE 
LEO   S.   OLSCHKT,  ÉDITEUR 

1919 


ae^tìp&ai**-' - 


/ 


SOMMARIO 


Bertoni  (Giulio).  —  Le  teusoni  del  fraììiììieiito  francese  di  Berna 

A.  95  (con  6  facsimili) 43 

Casella  (Mario).  —  //  <somm'  d'  en  Bernat  Metge 145 

Dallari  (Umberto).  —  Ricerche  sul  luogo  dove  nacque  a  Reggio 

Lodovico  Ariosto  (con  una  illustrazione) 240 

Fabre  (C).  —  Un  poème  inédit  de  P.   Cardenal  (con   una  nota  di 

G.  Bertoni) 28 

—  Docmnents    d'histoirc   trouvés   au  XVI e   siede    dans    des 

livres  de  Pierre  Cardinal  et  de  sa  famille  (1218—1286)  .  327 

—  Le  Conipot  du  Puy-en-Velay 511 

Frati  (Lodovico).  —  Giunte  agli  inisi  di  aììticìie  poesie  italiane 

religiose  e  morali  (fine) •   •   •       -   •         ,  •.  ó*? 

—  Poesie  alchimistiche  attribuite  a  Jean  de  Meun 321 

Jeanroy  (A.)  et  Langfors  (A.).  —  Chansons  inédites  du  ms.  fr.  846 

de  la  fffbl.  Nationale 1;  355 

V'iTALEiTi  (Guido).  —  Benedizioni  e  maledisioìii  in  amore    ....  206 

—  Tradisioni  carolingie  e  leggende  ascetiche   raccolte  presso 

Fonte  Avellana 409 

Varietà  e  aneddoti 

Aebischer  (P.)   —  Etyiiìologies  roinandes 379 

Bertoni  (G.).  —  Etimologie  itidiane,  francesi  e  franco-provensali 

(con  due  illustrazioni) '.    .    .  97 

—  Note  varie  al  romanzo  di  ^Durmart  le  Galois» 257 

—  Due  etimologie  firign.  gudna;  lad.  genuij 260 

—  Erbolato 261 

—  Elementi  lessicali  volgari  negli    Status  de  lEolise  de  Mague- 

lone» 368 

—  Note  ct/mologìc//('  l'arie 376 

—  Fioldo;  maneggia  ;  mcdussero 381 

—  Etimologie 500 

—  Revisione  del  ms.  della  Farsaglia  di  Niccolò  da   Verona     .  550 

Krepinsky  (M.).  —  Quclcjues  étimologies  espagnoles 384 

MòRNER  (M.).  —  Le  «ternìinus  a  quo-  du  Chevalier  au  Lioìi  .   .   .  95 


1\'  •  SOMMARI  (-)    (voi.    Ili) 

Pag. 

Platz  (E.).  —  Anc.  fv.  «roiissinoìe   féiri.;  Une  gìose  de  V Appcndix 

Probi 373 

Spitzer  (L.).  —  Altfrs.  «os"  als  Iinperativ 375 

SoRBELLi  (T.).  —  l^na  epistola  di  ÈIdrco  Gerolaìiio   Vida 388 

Bibliografia 

Appel  (K.).  —  ProvensaliscJie  Laiitìeìire  (G.  B.) 127 

Croce  (B.).  —  Lodovico  Ariosto  (G.  B.) 560 

GiLi.iÉRON  (J.).  —  Genealogie  des  iiìots  qui  ont  designa  l'abeille 

(G.  B.) 398 

—  Faillite  de  l'etimologie  phonétiqiie 560 

H ORNINO  (A.).  —  Glossare  der  ronianischen  Mundarteu   voji  Zeli 

(La  Baroche)  und  Schonenberg  ini  Breuscìital  (Belnioìit) 

in  den   Vogesen  (G.  B.) r_'9 

HuBER  (G.).  —  Les  appcllations  dii  traìneau  et  de  ses  parties  dans 

les  dialectes  de  la  Siiisse  romane 401 

MuoTH  (G.  C.).  —  Poesias  rininadas  e  pnblicadas  per  incarie  della 

«Societat  RetoroniontscJia»  (Fr.  Vieli) 262 

Salvioni  (C).  —  Siti  dialetto  milanese  arcaico  (G.  B.) 567 

Cronaca  bibliog"rafica  e  critica 

Agnelli  (G.).  —  /  monumenti  di  Niccolò  III  e  Borso  d'  Este  (G.  B.)  569 

AlxMagia  (R.).  —  Cristoforo  Colombo  (T.  S.) 572 

Fankhauser  (F.).  —  Zu  tessiniscJì  -tòrba^  Speicìier  (G.  B-,  con  una 

illustrazione) 139 

Fava  (D.).  —  Alfoìiso  II  d'  Este  raccoglitore  di  codici  ^reci  (G.  B.)  143 

Ferri  (F.).  —  La  giovinessa  d'un  poeta  (G.  B.) 141 

Gerig  (W.).  —  Die  Terminologie  der  Hanf-  und  Flachskidtur  (G.  B.)  140 
JuD  (J.).   —   Ziir    Geschichte   der    bi'mdnerromaniscììen    Kirchen- 

sprache  (G.  B.) 569 

KoLSEN  (A.).  —  Dichtungen  der  Trobadors  (G.  B.)  •    .   • 31^' 

Lopez -Celley  (E.).  —  La  Cristiade  di  M.  G.  Vida 319 

Massalongo  (R.).  —  Alessandro  Benedetti  e  la  medicina  nel  quattro- 
cento (T.  S.) •  407 

—  Girolamo   Fracastoro   e  la   Rinascenza   della    medicina    in 

Italia  (T.  S.) 408 

Murray  (J.).  —  Le  Chàteau  d'amour  de  Robert  Grosseteste  (G.  B.)    317 

Fanzini  (A.).  —  Matteo  Maria  Boiardo  (G.  Reichenbach) 143 

ScHUCHARDT  (H.).  —  Die  romanischen  Lehmvòrter  ini  Berberisclien 

(G.  B.) 138 

—  Sprachur sprung  (T.  S) 56*> 

SchDrr  (Fr.).  —  Romagnoli  scile  Dialektstiidien  (G.  B.) 570 

Spokrki  (T.).  —  //  dialetto  della   Valsesia  (G.  B.) 404 

Strempel  (A.).  —  Giraut  de  Salignac  (G.  B.) 406 

Torraca  (Fr.).  —  L'Entrée  d' Espagne  (G.  B.) 317 

—  Giovanni  Boccaccio  a  Napoli  (VÒ26—VÒ39)(i:.  S) 318 


SOMMARIO     (VOI,     111)  V 

Pag. 

^\'ARTBURG  (W.  von).  —  Ztiì'  Beuenniuig  dcs  Sc/ìd/'cs  in  dcii  ro- 

ììianiscJien  Spraclien  (G.  B  ) 405 

Spogli  di  riviste 

Romania  XLIV  (1916-1917)  G.  B 132 

Modem  Language  Notes  XXXIII  (1918)  E.  H.  Tuttle 314 

Correzioni 144;  57*2 

Indici  axalitici  compilati  da  E.  Platz 573 


ARCHIVUM  ROMANICUM 

\^ol.  3.  —  No.  1.  Gennaio— Marzo  1919. 


Chansons  inédites  tirées   du  manuserlt  fraiiQals 
846  de  la  Bibllothèque  nationale. 

(«Ardi.  Rem.»  II,  296.) 

XXIX 

(Raynaud  817) 
I  Joie  et  solaz  mi  fait  chanter 

Ou  mes  cuers  bee  a  avenir 
Par  atendre,  par  desirrer, 
4     Par  bien  amer  et  par  servir, 
Qa'encor  ai  le  premier  desir 
Qu'Amors  me  dona  en  m'enfance, 
Dont  je  ne  quier  ne  vuil  partir 
8     Ne  ja  Dex  ne  m'en  doint  poissance. 

II  Je  ne  vuil  ne  ne  quier  partir 

D'Amours  ne  de  ma  dame  amer, 
Ainz  aing  mieuz  amer  sanz  merir 
12     Que  de  tei  leu  mon  cuer  oster. 
Merci,  bele  et  bone  sanz  per, 
En  vos  est  toute  m'esperance; 

Sanz  vos  ne  puis  je  bien  joir,  (fol.  67  b) 

16     Qu'en  vostre  main  gist  ma  cheance. 

Ili  Sanz  vos  ne  puis  je  bien  joìr 

Ne  joie  ne  me  puet  venir,  ^ 

Ne  riens  ne  la  me  puet  doner 
20     Sanz  vos  ne  rendre  ne  tolir  ; 
Si  fermement  me  fait  tenir 
Amors  en  sa  douce  creance 
Qu'en  ceste  loi  vivre  et  morir 
24     Me  covient  sanz  nule  dotance. 


II,  15  Ali  lieti  de  joir  ilfaut  une  rime  en  -er.  C'est  évidemment  par 
erreur  que  ce  vers  se  trouve  ici;  il  est  identiqiie  au  v.  17,  qui  devrait 
également  avoir  une  rime  en  er. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  ] 


A.  JEANROY  ET  A.  lXxgFORS 

IV  En  ceste  loi  vivre  et  morir 

Et  doloir  sanz  desesperer 
Me  covient,  que  par  maux  soffrir 
28     Estuet  les  biens  asavorer. 

Nuns  ne  doit  tant  pechié  douter 
Con  celui  de  desesperance  ; 
Qui  plus  vaut  plus  doit  endurer, 
32     Que  granz  maus  veint  on  par  soffrance. 

V  Qui  plus  vaut  plus  doit  endurer. 

Or  pri  Deu  et  son  saint  Espir 
Qu'au  gre  celi  me  doint  ovrer 
36     Qui  de  touz  maux  me  puet  garir. 
Sainz  et  saintes,  confès,  martyr, 
Priez  Deu  que  sanz  demorance 
Doint  voloir  de  moi  retenir 
40     Celi  qui  m'a  navré  sanz  lance. 

XXX 

(Raynaud  285) 
I  J'osasse  bien  jurer,  n'a  pas  Ione  temps,       (fol.  67  v°  b) 

Qu'a  nul  jor  mais  ne  feisse  changon, 
Car  j'ai  estey  toute  ma  vie  engranz 
D'Amors  servir,  n'ainz  n'en  oi  guierredon  ; 
5  Mais  or  me  fait  don, 

Et  je  l'en  graci, 
D'un  savoreus  panser,  •  plaisant,  joli. 
Par  quoi  je  chant  por  la  plus  debonaire 
9     Qui  soit  ou  mont,  tesmoing  son  douz  viaire. 

II  Je  ne  dois  pas  d'Amors  estre  peifsanz 

Qu'ele  ait  emblé  mon  cuer  en  trahison, 
Car  tant  est  eie  a  tout  le  mont  plaisanz,  (fol.  68) 

Dont  li  recorz  m'est  adès  en  saison  ; 
14  Car  quant  sa  fagon 

Amoreuse  vi, 
Lors  erramment  li  donai  sanz  detri 
Tot  de  bon  gre  mon  fin  cuer  en  doaire, 
18     Si  fu  Amors  sires  a  l'outroi  faire. 


IV,  32  par  soffrir" 
II,  16  dona. 


CHANSONS  IXÉDITES  DI'  MS.  FR.  846  3 

111  Avis  me  fu  que  ses  tres  douz  semblanz 

Le  recreiist,  et  par  ceste  raison 
Sui  et  serai  liez,  joliz  et  chantanz. 
Ja  ne  savront  li  losengier  felon 
23  La  droite  achoison 

Qui  me  tient  ensi, 
Ne  ma  dame,  s'en  chantant  ne  li  di  ; 
Car  j'aing  trop  mieus  a  garder  par  bon  taire 
27     Mon  beau  desduit  que  perdre  par  retraire. 

IV^  Flors  de  beauté,  gemme  resplandissanz, 

Se  ja  de  vos  n'avoie  garison 
Fors  de  veoir,  s'est  li  desduiz  si  granz 
Que  a  nul  autre  comparer  nou  doit  on. 
32  Se  j'ai  le  renon 

De  bonté  choisi, 
Coment  qu'il  soit  de  recovrer  merci, 
Je  servirai,  car  bien  doit  poinne  plaire 
36     Qui  cuer  obscur  enluniine  et  esclaire. 

V  Tresors  de  sens,  gracieuse  et  plaisanz, 

Cortoise  a  toz,  noble  sanz  mesprison. 
Coment  se  puet  nuns  hons  qui  soit  vivanz 
Contretenir  d'estre  en  vostre  prison? 
41  Car  sanz  raengon 

Li  miens  i  chei  ; 
Tant  bel  i  fait  c'onques  puis  n'en  issi, 
Ne  ne  fera,  car  je  n'en  dout  contraire, 
45     S'Amors  consent  que  je  vos  doie  plaire. 

VI  Changons,  je  te  pri,  (fol.  68  b) 

Va  saluz  rendre  et  mercier  celi 
Por  cui  je  chant  de  fin  cuer  sanz  retraire, 
49     C'onques  amanz  n'ot  si  bel  examplaire. 

XXXI 

(Raynaud  1648) 
I  Je  ne  chant  mais  dou  temps  qui  renverdist, 

De  chant  d'oiseax,  ensi  con  je  soloie; 
Autre  achoison  i  sai  qui  m'abelist, 


III,  26  mieus  manque. 


1* 


A.  JEANROY  ET  A.  LAXGFORS 

4     Qui  fait  mes  maux  entremesler  de  joie: 

C'est  ma  dame  cui  nommer  n'oseroie, 

Por  cui  je  muir,  ne  ne  doingne  soffri*- 
7     Qu'a  li  soie,  n'autre  ne  puis'  servir. 

II  Pou  set  de  bien  qui  ne  se  puet  tenir 

De  dire  moi  que  d'amer  me  recroie. 

Cil  losengier,  qui  ne  sevent  servir 
11     Tres  fine  Amour  qui  touz  les  biens  envoie,       (fol.  68  v°) 

Ne  sevent  pas  le  desduit  ne  la  joie 

Que  bone  Amors  set  as  suens  departir 
14     Qui  leaument  servent  sanz  repentir. 

Ili  Por  ce,  s'Amors  ne  me  vuet  riens  merir, 

N'ai  je  talant  que  departir  m'en  doie, 
Mais  vuil  touz  jors  en  bon.espoir  servir 
18     La  bele  et  bone  ou  mes  fins  cuers  s'outroie. 
Dex!  que  ferai?     Trop  plus  que  ne  soloie 
M'estuet  por  li  travaillier  et  penser, 
21     Et  plus  que  moi  la  me  covient  amer. 

IV  Aucune  foiz  me  covient  en  dormir, 

Ce  m'est  avis,  qu'avec  ma  dame  soie. 
Lors  vient  Amors,  si  m'envoie  un  sopir 
25     Quant  je  cuit  estre  en  ma  tres  plus  grant  joie, 
Si  m'esvoille,  mès  mieuz  dormir  voudroie, 
Car  en  dormant  me  plait  a  li  parler, 
28     Puis  qu'en  voillant  ne  os  vers  li  aler. 

V  J'aing  la  bele  qui  me  fait  resjo'ir, 

Ne  por  morir  ne  m'en  repentiroie; 

Coment  qu'il  soit,  de  li  ne  vuil  partir; 
32     Or  me  doint  Dex  que  je  ne  li  ennoie. 

Quant  je  la  voi,  si  sui  sopris  de  joie, 

Je  ne  li  puis  tot  dire  mon  panser, 
35     Mès  m'en  covient  revenir  sanz  parler. 

VI  Chan(;on,  va  t'en,  si  li  di  toute  voie, 

Se  longucment  me  fait  ce  mal  durer, 
38     Ne  puis  faillir  a  moi  desesperer. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.  846 


XXXII 

(Raynaud  746) 
I  Lons  desirs  et  longue  atente  (fol.  77) 

Longuement  m'a  fait  doloir; 
Lonc  temps  ai  mise  m'entente 
4     En  amer  sanz  decevoir; 
Or  m'a  mis  en  nonchaloir 
Amors  qui  tant  m'atalante 
Que  quant  pis  mi  fait  avoir 
8     Plus  sui  siens  sanz  removoir. 

II  N'est  droiz  que  nuns  les  biens  sente 

D'Amors  ne  de  son  pooir 

Qui  por  mal  ne  por  tormente 
12     Qu'il   en  ait  s'en  puet  movoir; 

Por  ce  n'ai  cuer  ne  voloir 

Que  je  d'amer  me  repente, 

Ainz  vuil  touz  jors  recevoir 
16     Son  plesir  en  bon  espoir. 

III  Bien  me  tolt  envoiseiire 
Cele  qui  pas  ne  se  faint 
De  faire  ennui  et  laidure 

20     A  Tome  ou  mont  qui  plus  l'aint.  (fol.  77  h) 

He  las!  cun  pou  eie  plaint 

Les  maux  que  por  li  endure! 

Soffre  Dex  que  li  ensoint 
24     Amors  coment  mi  destraint. 

IV  Dex  doint  que  d'autrui  n'ait  cure, 
S'ainsi  est  que  mi  desdaint 


28 


De  ce  mes  cuers  se  complaint. 
Tant  est  tendre  creature 
Ne  soffreroit  un  sol  plaint 
32     Dou  mal  qui  en  mon  cuer  maint. 

IV,  27—28  //  manque  deux  vers  à  ce  couplet. 


A.  JEANROY  ET  A.  LAN'GFORS 

V  Cler  vis,  simple  esgardeiire, 

Bien  fait,  sanz  enuioux  taint, 

Gent  cors  et  fcele  faiture, 
36     Plus  gent  c'on  ne  l'eiist  paint, 

Vostre  cortoisie  vaint 

Touz  ceus  que  bone  aventure 

Soffre  tant  qu'a  vos  les  maint; 
40     Nuns  n'i  va  que  ne  s'en  saint. 

XXXIII 
(Raynaud  2094) 
I  Li  tres  douz  maux  que  j'endure  (fol.  77  v^  b) 

Me  fait  chanter  liement. 
Or  ait  hui  bone  aventure 

4  Cele  a  cui  mes  cuers  s'atent, 
Qui  de  moi  amer  n'a  cure-, 
Se  Pitiez  ne  la  sorprent 

Et  Merciz  ne  veint  Droiture, 

8  Por  li  morrai  doucement. 

Il  Je  li  doing  sanz  parteiire 

Mon  cuer  qui  a  li  s'atent 

Car  de  plus  bone  apesure 
12     Ne  porroit  on  nulement 

Aprendre  le  bien  qui  dure 

Qui  vuet  amer  leaument; 

Il  quiert  sa  desconfiture 
16     Qui  le  vuet  faire  autrement. 

XXXIV 

(Raynaud  1445) 
I  Le  brun  temps  voi  resclarir 

Et  s'oi  les  oiselx  chanter,  (fol.  79  v^  b) 

Qui  me  font  le  cuer  fremir 
Et  doucement  remembrer 

5  La  ou  Dex  me  doint  joir 

De  bien  amer, 
Que  riens  ou  mont  ne  desir 
Fors  acomplir 

9  Ce  que  je  n'ox  esperer. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.  846  7' 

li  Mal  ai,  je  nou  puis  covrir, 

Et  si  n'en  vuil  eschaper, 
Que  fins  cuers  ne  puet  garir, 
Mais  il  en  doit  amender. 
14     Douce  dame,  a  vos  servir 
Et  honorer 

Et  amer [ir] 

Irai  querir 
18     Le  mire  a  mes  maux  saner. 

Ut  Cist  mires  m'alegera 

De  touz  mes  max,  se  li  plait, 
Qu'en  son  poing  tient  et  tendra 
Ma  sante  et  mon  dehait. 
23     Dex!  quel  aumosne  fera 
Se  bien  me  fait! 
Tot  ausi  me  demanra, 
Com  li  plaira, 
27     Que  je  li  quit  guerre  et  plait. 

IV  L'ore  qu'Amors  me  mostra 

Tote  beante  a  sohait 
Mens  fins  cuers  ne  se  garda 
De  son  debonaire  agait; 
32     En  resgardant  le  navra  (fol.  80) 

D'un  douz  atrait  ; 
Cist  douz  resgarz  l'ocirra, 
Se  merci  n'a 
36     De  moi  qui  riens  n'ai  meffait. 

V  Quant  je  resgart  et  remir 

Son  gent  cors  et  son  vis  cler 
Ne  je  ne  m'os  enhardir 
D'un  soul  mot  a  li  parler, 
41     Lors  m'estuet  maint  grief  sopir 
A  estrangler. 
Por  Deu!  doingne  son  ami 
Tant  de  lesir 
45     Qu'a  li  s'osast  confesser. 


II,  16  Le  vers  est  incomplet  dans  le  manti  scrii  ;  il  faiit  une  rime 
en  -ir. 


A.  JEANTROV  ET  A.  LAXGFORS 

V  I  Conforz  ne  mi  lait  morir 

Ne  mais  durer, 
Quant  je  cuit  estre  -a  loisir 
De  mal  soffrir, 
50  Et  je  me  truis  au  rentrer. 


XXXV 

(Raynaud   1877) 
Li  douz  chanz  de  l'oiseillon 

Que  j'ai  01 
M'esmuet  de  faire  charn;on, 
Mais  trop  me  truis  esbahi, 
5  Que  moins  ga}^  ne  moins  joli 

Ne  me  vi, 
Puis  que  j'entendi  raison. 
Si  n'i  sai  autre  achoison 
Fors  que  hors  sui  de  prison, 
10  Deu  merci,  (fol.  80  b) 

Car  j'ai  Amors  deguerpi 
Qui  ne  m'ont  fait  se  mal  non 

Jusque  ci. 
N'encor  n'en  a  nuns  joi, 
15  Assez  le  set  on, 

Qui  plus  n'en  ait  mal  senti 
Se  Dex  ne  l'en  a  gari 
Par  metre  Amors  en  obli 
19  Ou  s'"il  n'ama  en  trahison. 


XXXVI 

(Raynaud  2065) 
Mout  longuement  avrai  dolour  ahue,  (fol.  83  VoJ 

Mais  li  ennuiz  m'en  avrà  plus  greve 
Et  ce  que  j'ai  Ione  temps  esté  en  mue, 
Que  nunz  solaz  ne  me  venoit  a  gre; 
Mais,  se  Deu  plait,  encor  avrai  sante, 
Cune  dougours  m'est  au  cuer  descendue 
Qui  m'a  donne  novele  volente. 
Par  quoi  mi  mal  sunt  de  mort  obl'i'e. 


CHANSONS  INÉDTTES  DU  MS.  FR.    846 


XXXVII 

(Raynaud  1910) 
I  Mout  m'abelit  li  chanz  des  oiseillons 

Et  la  verdours  et  estez  qui  repaire, 
Et  nonparquant  ce  n'est  pas  l'achoisons 
4     Dont  mes  fins  cuers  se  muet  a  cham;on  faire; 

D'Amours  me  vient  l'esperance  que  j'ai,  (jol.  84  v°) 

Cui  ligement  fui  et  sui  et  serai, 
Qu'en  la  moillour  dou  mont  me  fait  entendre 
8     Et  cuer  et  cors  a  li  donner  et  rendre. 

II  Sens  et  beautez,  valours  et  hauz  renons 

Sunt  en  ma  dame  et  a  toz  la  font  plaire. 
Ma  dame  est  telx  qu'Erodes  et  Noirons 

12     Fussent  o  li  cortois  et  debonaire. 
Ma  dame  set  conforter  en  esmai, 
Ma  dame  set  dou  faus  faire  verai, 
Ma  dame  set  touz  biens  faire  et  aprendre, 

16     Toute  bontey  puet  on  a  li  comprendre. 

Ili  Beau  sire  Dex!  quant  vendra  la  saisons 

Que  je  li  OS  par  droit  mes  max  retraire? 

Se  li  ne  plait  qu'entende  mes  chancons, 
20     Autres  proiers  me  sembleroit  mesfaire. 

Je  n'os  parler  de  li,  s'en  chanterai 

Et  en  chantant  fine  Amor  prierai 

Qu'ele,  por  Deu,  le  laz  li  vuille  tendre 
24     Dont  eie  sot  mon  cuer  lacier  et  prendre. 

IV  Tuit  mi  desir,  toute  m'entencions, 

Tuit  mi  panser,  ma  joie  et  mi  contraire         (fol.  84  v°  b) 

Vienent  de  li,  certes,  qu'il  est  raisons, 
28     C'uns  de  ses  biens  vaudroit  d'autres  mil  paire. 

Dame  et  Amors,  por  Deu!  que  devanrai? 

Vivrai  j'ensi?     Se  Deu  plait,  non  ferai. 

Vos  volez  tant  mon  guierredon  contendre 
32     Que  mes  morirs  devancira  l'atendre. 

V  He  las!  coment  me  vendra  guierredons? 

Qui  le  porroit  de  si  haut  si  bas  traire? 


10  A.  JEANROY  ET  A.  LANGFORS 

Nuns  fors  qu'Amours  qui  donne*  les  beax  dons, 
36     Qui  par  pitie  set  bien  orgueil  desfaire; 

A  celi  pri  merci  et  prierai, 

Car  j'ai  veii  et,  se  Deu  plait,  verrai 

Qu'Amors  font  bien  le  haut  ou  bas  descendre 
40     Et  font  planter  cuer  en  autre  et  reprendre. 

VI  Douce  dame,  sanz  plus  tant  vos  dirai: 

Quant  vos  m'avroiz  tochié  a  droit  essai, 
Se  vos  trovez  en  m'amor  que  reprendre, 
J'outroi  qu'Amors  le  me  puisse  chier  vendre. 

XXXVIII 

(Raynaud  816) 

I  Ma  dame  me  fait  chanter  (fol.  85  bj 

De  joli  corage, 
Je  la  vuil  a  droit  nommer 
4  Bele  et  bone  et  sage. 

Je  li  fis  homage 
Quant  premiers  la  vi. 
Mais  ce  m'a  trahi 
8  Que  merci  n'i  puis  trover; 

Dont  je  sui  en  si  grant  esmai 
Que  près  sui  de  desesperer. 
He,  Dex!  coment  mi  maintendrai, 
12  Qu'Amors  ne  mi  laissent  durer?  (fol.  85  v°J 

II  Quant  je  cuit  a  li  parler, 

Lors  per  mon  lenguage, 
Ne  je  n'ox  bien  resgarder 
16  Son  simple  visage. 

Onques  mais  tei  rage 
Nuns  hons  ne  senti. 
Douce  riens,  merci! 
20  Trop  me  faites  endurer. 

Non  porquant  je  re  vivroie 
Un  soul  jor  sanz  bien  amer, 
23  D'Amors  vient  toute  ma  joie,  etc. 

Ili  ChanQonnete,  la  t'envoi 

Ou  mes  cuers  rcpaire; 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.    846  11 

A  cele  en  cui  toz  biens  voi 
27  Di  si  mon  afaire: 

S'ele  ami  vuet  faire 

De  moi  et  son  dru, 

Bien  m'avrà  rendu 
31     Ce  qu'ai  touz  jors  desirré. 

Je  n'ai  mie  a  gas 

Si  Ione  tens  amé; 

Ses  tres  douz  resgarz 
35  M'a  mon  cuer  emblé. 

XXXIX 

(Raynaud  773) 
I  Or  ne  puis  je  plus  celer 

Le  mal  d'amors  que  je  sent; 

Si  me  destroint  durement  (fol.  90  b) 

Que  ne  puis  aillors  penser. 
5  Bien  doi  oblì'er 

Toute  autre  pensee 
Pour  fine  Amor 
Qui  s'est  afermee 
9  En  moi  sanz  retor. 

Il  Cist  maux  me  vint  d'esgarder 

Et  si  me  prist  en  pensant  ; 
Mout  me  grieve  et  me  plait  tant 
Que  n'en  puis  mon  cuer  oster, 
14  Ne  n'os  demander 

Ce  que  plus  m'agree  ; 

Mais  par  Amor 
M'iert  joie  donnee, 
18  Se  je  l'ai  nul  jor. 

Ili  Riens  ne  puis  tant  desirrer 

N'autre  joie  ne  demant 
Fors  que  veoir  son  semblant, 
Son  douz  ris,  son  biau  parler 
23  Et  son  douz  penser 

Savoir  a  celee 


III,  29  et  manqiie. 

Il,  12  et  mout  me  pi.  t.  —  16  amors. 


12  A.  JEANROY  ET  A.  lAxGFORS 

Et  que  s'amor 
Me  fust  adonee 
27  Sanz  autrui  amor. 


IV  Se  tant  me  voloit  doner, 

Fait  m'avroit  lié  et  joiant; 
Mès  mieuz  vuil  tout  mon  vivant 
Por  li  griez  maux  endurer 
32  Que  par  son  parler 

Vers  moi  fust  iree 
Cele  ou  m'amor 
Ai  tote  atornee 
36  Sanz  faire  autre  ator. 

V  Dame  cui  je  n'os  nommer, 

A  vos  me  doing  en  comant 

Et  tant  l'aing  et  plus  por  tant  (fol.  90  v°) 

Que  je  vos  ai  tant  amé 
41  Et  si  bien  cele 

C'onques  a  rien  nee 
Ne  dis  m'amor; 
Ja  n'iert  acusee 
45  Par  faux  jangleour. 

VI  Gent  cors  au  vis  cler, 

Soiez  apensee 

De  ceste  amour 

Qu'encor  soit  ostee 

50  Par  vos  ma  dolour. 

VII  Amauri,  desver 

Doit  bien  cil  qui  bee 

A  tei  amour 
Qui  li  est  vehee 
55  Sanz  avoir  dougour. 


Ili,  25  Et  manqiie ;  s'amors  —  26  donce. 

IV,  32  Corr.  mon  parler? 

V,  38  toing  —  39  por  itant. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.    846  13 

XL 

(Raynaud  1224) 
I  Onques  mais  jor  de  ma  vie  (fol.  93  v°) 

N'oi  si  grant  mestier 
Qu'Amors  me  feist  ahie 
A  chant  comencier. 
5  Las  !  de  son  dongier 

Me  Guidai  oster, 
Mais  or  m'estuet  desirrer 
Sa  douce  amistié 
9  Plus  c'onques  mais  la  moitié. 

Il  Ma  granz  outrecuiderie 

M'a  fait  covoitier 
Dame  de  tei  seignorie 
Cui  je  n'os  proier, 
14  Ne  merci  ne  quier 

Aillors  demander. 
Amors  la  me  font  amer, 
S'en  ai  le  cuer  lié 
18  Quant  si  bien  m'ont  enseignié. 


XLl 

(Raynaud  1803) 
I  Onques  ne  me  poi  parcevoir 

Que  pour  bien  amer  léaument 
Peiisse  rien  d'Amors  avoir  (fol.  94) 

4  Qui  tornast  a  alegement, 

Et  dès  que  j'oi  entendement  , 

Ne  fui  sanz  pensee  jolie, 
N'onques  n'en  oi  jor  de  ma  vie 
8     Fors  que  dolour  dès  Tencomencement. 

Il  Que  qu'Amors  me  face  doloir, 

Ja  n'en  partirai  mon  vivant, 
Mais  me  covient  touz  jors  voloir 
12  Que  de  moi  face  son  talant. 

Je  ne  ser  pas  volagement, 
Mais  de  bon  cuer  sanz  tricherie. 


14  A.  JEANROV  ET  A.  LAN'GFORS 

De  bien  amer  m'est  pris  envie 
16     Qui  onques  ne  me  faudra  mon  vivant. 

IH  S'Amors  m'ont  mis  a  nonchaloir. 

Onques  por  ce  ne  m'en  repent 
Qu'adès  ne  face  mon  devoir 

20  D'adès  servir  mout  bonement; 

Coment  qu'il  soit,  a  li  me  rent; 
Je  la  sai  si  de  bien  gamie 
Qu'en  aucun  temps  ne  laira'mie 

24-    Que  ne  pensoit  de  son  leal  amant. 

IV  S'Amors  doignast  ensi  voloir 

Con  Dex  fait  de  la  soe  gent, 
Que  le  riche  ne  vuet  veoir, 

28  Celui  qui  prie  fausement, 

Mais  le  bon  povre  a  sa  part  prent, 
Qui  toz  jors  sert  sanz  tricherie, 
Celui  met  en  sa  compaignie; 

32     Et  bone  Amors  delist  faire  ausiment. 

V  Et  se  je  plus  n'en  puis  avoir, 

Je  me  toing  a  paiez  de  tant; 
De  quoi  c'on  ne  puet  pis  valoir. 

36  Nuns  n'est  si  bons  qui  n'en  ament, 

Que  bone  Amors  celui  aprent 
A  faire  tote  cortoisie 
Et  covient  tote  vilenie 

40     Haìr  celui  qui  aimme  leaument. 


(foL  94  b) 


XLII 
(Raynaud  477) 
Pour  faire  l'autrui  volente 
Chanterai,  s'i  n'en  ai  talant. 
Si  n'ai  pas  en  amor  trové 
Joie  ne  solaz  dont  je  chant, 
Ne  ja  cil  ne  m'en  saichent  gre 
Qui  m'ont  a  lor  voloir  blasmé: 
Li  menteour  felon  taisant. 


II,  16  onques  nianque. 
V^,  37  celui  tnanque. 


(fol.  98) 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.    846  15 

TI  Je  chant  a  guise  d'esgaré 

Qui  ne  set  que  se  va  querant, 

Car  je  n'aim  pas  d'amors,  ainz  he 
11     La  fause  que  j'amoie  tant; 

Mais  por  descovrir  mon  pansey 

Que  j'ai  plus  dedenz  enceley 
14     M'estuet  faire  joious  talant. 

Ili  En  nuisement  mi  a  greve 

Fause  amors  male  et  decevanz  (fol.  98  b) 

Qui  longuement  m'a  si  pene 
28     Que  se  j'amase  un  pou  avant 

Mort  m'eiist  a  sa  volente, 

Si  feist  de  moi  cruauté, 
21     Quant  vers  li  n'ai  ma  joie  grant. 


XLIII 
Raynaud   1317 

I  Panser  mi  font  et  voillier  (foL  105  v^J 
Granz  amors  et  nuit  et  jor, 

A  jointes  mains  sopploier 
4     Le  douz  pa'is  ou  j'aour 

Ma  dame  ou  ma  mort  prochainne, 

Se  Dex  par  tens  ne  m'amainne 

Un  secors  dont  j'ai  paour 
8     Si  grant  que  jou  vuil  a  poinne. 

II  Mout  m'a  mis  en  douz  cuidier 
Uns  saluz  ploins  de  dougour: 
S'ele  m'a  nommé  tres  chier 

12     A  ami,  n'ai  je  s'amor? 

Oli,  qu'ele  est  si  certainne  ffol.  105  V  b) 

Que  ja  de  parole  vainne 

Ne  me  feìst  tant  d'onor; 
16     Donc  est  ce  ma  joie  plainne. 

Ili  Dex!  verront  donc  ja  mi  huil 

Ma  tres  grant  joie  acomplir? 


II,  9  set  qui  se. 

Ili,  19  m'eust  est  répété. 


16  A.  JEANROY  ET  A.  LANGFORS 

Je  n'os  cuidier,  tant  le  vuil, 
20     Que  ce  peiist  avenir. 

Las!  trop  sui  en  grief  balance, 
Trop  crien  terme  et  mescheance: 
Deu  pri,  se  g'i  doi  faillir, 
24     Que  ma  morz  soit  ma  venjance. 

IV  Assez  ai  dont  je  me  duil 

Et  pou  de  quoi  resjoir; 
Mais  quant  j'ai  son  douz  acuii,  ' 

28     Pou  me  chaut  de  maus  soffrir-, 
En  s'amorouse  semblance 
Refrain  m'ire  et  ma  doutance; 
J'ain  sanz  faindre  et  sanz  partir; 

32     Ic'est  toute  m'esperance. 

V  Dou  partir  est  il  neanz; 

N'i  vaut  maus  ne  desconfors  ; 

Ce  fu  mes  comencemenz, 
36     C'ert  ma  fins,  c'ert  mes  resors, 

C'est  ma  grevance  et  m'ahie, 

C'est  ma  droite  seignorie. 

Siens  soit  li  droiz  et  li  torz, 
40     Que  je  n'en  partirai  mie, 

VI  Chanyon,  mon  compaignon  prie 

Que  ma  dame  mant  ou  die 
Qu'en  son  corrouz  gist  ma  mort 
44     Et  en  sa  pitie  ma  vie. 


XLIV 

(Raynaud  1057) 
Pour  longue  atente  de  merci 

Ne  doit  nuns  laissier  bone  Amour,  (fol.  106) 

Car  plus  puet  rendre  en  un  seul  jor 

Amors  de  bien  et  de  joie 
Que  nule  riens  qu'ou  siegle  voie; 

Por  ce  vuil,  ou  que  je  soie, 
Estre  suens  sanz  partir  de  lij 

Car  sanz  li   jor  ne  vivroie. 


\\\  26  Et  bien  de. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.   846  1 7 

XLV 

(Raynaud  1868) 

Qui  porroit  un  guierredon  (fol.  121  v°) 

Avoir  de  Ione  tens  amer, 

Bien  devroit  s'entencion 

Metre  en  Amors  honorer. 
5  Dex!  cil  qui  n'aimme  en  pardon 

Ne  si  set  pas  consirrer, 

Ainz  languist  plus  qu'autres  hon, 

Quant  il  ne  puet  achever. 

Mais  dame  de  grant  vaillance 
10  Ne  devroit  pas  oblier  ^ 

Celui  qui  n'a  sostenance 

Fors  que  s'amor  desirrer. 

Pis  me  fait  que  darz  ne  lance, 

Bien  le  vos  puis  affier, 
15  Uns  resgarz  quant  le  me  lance    • 

Cele  cui  je  n'os  nommer. 
Dame  de  beauté  la  nomper, 
18     Mi  mal  me  sont  douz  sanz  amer. 


XLVI 

(Raynaud  579) 

I  Quant  par  doucour  dou  temps  novel 
Se  resjoissent  oiseillon, 

Que  pré  sont  vert  au  aubrissel  (foh  122) 

4     Font  flors  de  diverse  fa(;on, 

D'un  douz  desir  ai  tei  frigon 

Qu'en  tremblant  fait  suer  ma  pel; 

Itel  sont  d'Amors  li  rapel, 
8     Mais  nuns  nou  set  se  li  sien  non. 

II  J'aing  mieuz  tei  mal  que  nul  joel 
Ne  que  l'onor  au  roi  Charlon, 

Si  pri  celui  qui  Daniel 
12     Sauva  en  la  fosse  au  lion 
Que  ja  n'en  aie  garison, 

7  homs. 

Archivum  Romanicum    —  Voi.  :'..  —  l''!?.  -^ 


18  \.  JEANROV  ET  A.  LÀN'GFORS 

Se  ma  dame  doit  estre  bel, 
Si  m'avrà  mort  d'un  tei  flael, 
16         Q'ainz  de  si  douz  ne  morut  hon. 

Ili  Certes,  buer  avroie  servi 

Se   cele  mi  doignoit  amer 

Qui  sor  toutes  a  deservi 
20         Que  chacuns  la  doie  honorer; 

Bele  et  blonde,  bone  sanz  per 

Est  eie  plus  que  je  ne  di, 

Si  en  lo  mon  cuer  et  merci, 
24         Quant  en  tei  lieu  osa  penser. 

ly  ©e  ce  que  j'aing  ma  dame  si 

Nuns  hom  ne  m'en  devroit  blamer; 

Car  Dex  mist  tant  de  biens  en  li 
28         Que  nuns  nes  porroit  aasmer; 

Maint  grief  mal  m'a  fait  endurer,  (fol.  122  b) 

Or  doint  Dex  qu'il  me  soit  merci 

Car  je  ne  puis  sanz  sa  meri, 
32         Ne  loing  garir  ne  près  durer. 

V  Se  ma  dame  vient  a  plaisir, 

Bien  puet  par  raison  esgarder 
Con  doit  bien  a  vraie  tenir 
36         L'amour  c'on  ne  puet  oblier, 

Et  puis  qu'Amours  puet  esprover 
Que  je  sui  siens  sanz  repentir, 
Certes,  ne  doi  mie  faillir 
40         A  ce  que  me  fait  desirrer. 

XLVII 
(Raynaud  1262) 

I  Quant  voi  le  tens  en  froidure  changier,       {fol.  122  b) 

L'erbe  matir  et  jus  dou  ciel  descendre 
Noif  et  gresil,  et  les  douz  chanz  baissicr 
4     Des  oiseillons  qui  n'i  puent  contendre, 
Si  est  de  moi  qui  ne  me  puis  desfendre 
Encontre  Amors  qui  me  fait  cele  amer 
7     En  cui  Merciz  ne  se  laisse  trover. 

IV,  26  ne  sen. 


CHANSONS  INÉDTTES  DI'  MS.  FR.    846  '  19 

Je  ne  doi  pas  de  ma  dame  esloingnier 

Mon  servise,  j'en  ferole  a  reprendre, 

Car  qui  d'Amors  ne  puet  soffrir  dongier. 
1 1     Ne  doit  mie  de  sa  grant  joie  prendre  ; 

Of  vail  mon  cuer  tot  a  ma  dame  rendre, 

Qu'ele  me  puet  tei  guierredon  doner 
14     Qu'il  n'est  nuns  hom  qui  le  peust  penser 


XLVIIl 

(Raynaud  439) 
J  Quand  voi  fuille  et  fior  d'esté 

Et  le  douz  tens  revenir, 
Lors  ai  je  grant  volente 
4  De  bone  Amor  maintenir 

Qui  m'a  pris  et  aresté, 
Lonc  tens  a,  por  li  servir, 
7  Las!  et  si  n'en  puis  joir. 

II  Assez  pou  de  fermeté 

Puet  uns  cors  sanz  cuer  tenir, 

Car  la  vie  et  la  sante 
U  Doit  au  cors  dou  cuer  venir. 

S'un  pou  de  joliveté  (fol.  122  v^  b) 

Ne  m'aidast  a  sostenir, 
14  Dou  tot  deiisse  fenir. 

Ili  Mout  redout  sa  grant  beauté 

Que  veillece  nau  sormoint  ; 
Par  itele  cruauté 
18  Covient  que  li  tens  nos  moint; 

Amors  fera  leauté 
S'ele  tant  l'enchauce  et  point 
21  Que  la  puisse  panre  a  point. 

IV  Nature  m'a  conforté 

Qui  si  l'apipa  et  point, 

Mais  la  grant  enfermeté 
25  Me  vient  de  ce  que  trop  loint 

Avrai  si  grief  fais  porte, 

N'encor  mes  cuers  ne  s'en  foint, 
28  Car  sa  beautez  m'art  et  oint. 


20  A,  JEANROY  ET  A.  lAnGFORS 

V  Chan^on,  va  t'en,  si  li  di 

Qu'ele  a  ma  vie  et  ma  mort; 
Ce  poise  moi  quant  je  vif 

32     Sanz  avoir  de  li  confort; 
S'ele  n'a  de  moi  merci, 
Trop  mieuz  m'ameroie  mort 

35     Oue  vivre  en  tei  desconfort. 


XLIX 

(Raynaud  1690) 
I  Quant  voi  renverdir  l'arbroie 

Que  li  tens  d'estey  revient,  (fol.  124) 

D'une  amor  qui  me  maistroie 
4     Et  en  grant  dolor  me  tient 
Volentiers  me  complaindroie, 
Quant  il  me  sovient 
Que  je  ne  porroie 
8     Miier  ce  qu'estre  covient. 

II  Si  covient  qu'en  Amors  croie, 

Qu'ele  me  garde  et  maintient; 
Nonporquant  sovent  s'esfroie 
12     Fins  cuers  qui  tei  fais  soutient; 
Trop  me  desconforteroie, 
Mais  mout.  me  retient 
Mes  duelx  et  ma  joie 
16     Qu'en  li  va  et  de  li  vient. 

Ili  Bele  et  bone,'simple  et  sage, 

Dame  qui  mon  cuer  avez, 
Ne  me  tenez  a  folage 
20     Ce  que  trop  haut  sui  montez; 
Se  mi  dui  droit  seignorage, 
Amors  et  Beautez, 
M'en  font  faire  outrage, 
24     Par  Deu  moi  le  pardonez. 

IV  Amors  ne  quiert  haut  parage 

Ne  richece  ne  fiertez, 
Mais  se  donne  en  fin  corage 
28     Et  i  met  totes  bontez. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.    846  21 

Ses  douz  espirs,  par  usaige, 
De  grace  donnez 

Donte  le  sauvage,  '  (fol.  124  b) 

32  Atempre  les  destemprez. 

V  Amors  veint  par  sa  poissance 

Toute  riens,  bien  le  savez  ; 
Cuens  ne  dus  ne  rois  de  France 
36  Ne  nuns,  tant  soit  hauz  levez, 

N'est  en  si  bone  cheance 
Ne  tant  honorez 
Com  cil  sanz  dotance 
40  Qui  bien  aimme  et  est  amez. 

VI  Douce  amors,  douce  esperance, 

Douce  volentez, 
En  vostre  creance 
44  Croi  que  je  serai  sauvez. 

L 
(Raynaud  1487) 
Quant  voi  le  novel  tens  venir  (fol.  124  v^  b) 

Au  comencement  de  pascer, 
Que  comencent  a  renverdir 
Li  pré  melley  d'erbe  et  de  flour, 
5  Et  j'oi  chanter  par  grant  douc;our 

Le  rossignol  en  la  ramee, 
Lors  me  destroint,  mais  trop  m'agree, 
Uns  tres  douz  maux  qui  me  fait  sovenir 
9     De  la  ou  sont  mi  savorous  desir. 

LI 

(Raynaud  2061) 

Se  j'ai  chanté,  ne  m'a  gaires  valu;  (fol.  131  V^J 

Au  loing  aler,  se  Deu  plait,  me  vaudra. 

Meillor  de  moi  ont  mainte  foiz  failli; 
4     Mal  dahaz  ait  qui  por  ce  se  faindra 

De  bien  amer;  quant  ma  dame  plaira. 

Li  guierredons  m'en  sera  bien  renduz. 

A  li  me  sui  jusqu'a  or  atenduz 
8     Et  atendrai  tant  con  or  li  plaira. 


22 


A.  JEANROY  ET  A.  lAnGFORS 


10 


LII 
(Raynaud  682) 
Sovent  m'ont  demandé  la  gent 
Se  je  ai  par  amors  chanté 
Et  se  j'aing  ausi  finement 
Con  j'en  ai  le  semblant  mostre 
Et  con  j'ai  chanté  sovent; 
Mais  bien  saichent  vraiement 
C'onques  ne  chantai 
Ne  ja  ne  ferai 
A  jor  de  ma  vie 
Sanz  amour  jolie. 


(fol.  131  v<>  b) 


LUI 

(Raynaud  1218) 
1  Se  valors  vient  de  mener  bone  vie, 

Je  devroie  bien  valoir  par  raison, 
Car  j'ai  Amor  qui  me  fait  grant  ahie, 
4     Et  m'est  avis  que  tote  Tachcison 

Preigne  d'Amors  qui  que  vuille  valoir; 
Et  j'ai  si  mis  trestot  a  nonchaloir 
La  cusen(;on  de  cest  siegle  et  l'ardure 
8     Que  je  ne  quier  fors  chanter  et  desduire. 

II  Chanter  me  fait  la  tres  grant  seignorie 

Qui  d'Amors  vient  et  de  son  douz  renon, 
Car  la  plus  bele  et  la  mieuz  enseignie 

12     Qui  soit  ou  mont  me  tient  en  sa  prison. 
He!  fine  Amour,  a  cui  tot  m'abandon, 
Ja  savez  vos  que  ne  fu  si  pris  hom 
Con  je  sui  pris;  se  vostre  cortoisie 

16     Ne  me  secourt,  ma  grant  joie  est  faillie. 

Ili  Secorrez  moi  par  vostre  grant  franchise, 

Ma  douce  dame,  cui  j'aing  sanz  repentir. 
Certes,  bien  voi  j'ai  grant  folie  emprise 
20     Se  de  vos  n'ai  que  me  face  esjoir. 
Hay!    Amors,  car  li  faites  sentir 
La  grant  dolor  que  me  fait  sostenir, 
Et,  s'ele  vuet,  praigne  de  moi  justise, 
24     Mais  que  toz  jors  me  lait  en  son  servise. 


(fol.  132  b) 


CUANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FK.   846  23 

IV  En  vos  servir  vuil  user  mon  aage, 

Douce  dame,  ploinne  de  grant  valour. 

Quant  je  remir  vostre  simple  visage 
28     Qui  est  touz  ploins  de  promesse  d'amour, 

Mes  cuers  fremist  de  joie  et  de  baudor, 

Puis  après  ce  me  prent  une  dolor 

Qui  ne  me  lait  descovrir  mon  corage 
32     Vers  vos,  dame,  cui  j'ai  fait  lige  homage. 

V  Or  est  ensi  que  je  n'ox  ma  pensee 

Ne  ma  dolour  qu'en  chantant  descovrir 
Vers  ma  dame,  que  j'ai  Ione  tens  amée, 

36     Ne  ja  nul  jor  ne  m'en  quier  departir; 

Car  je  l'aing  mieuz  sanz  nul  espoir  servir 
Que  d'autre  dame  avoir  tout  mon  plesir, 
S'en  chanterai  ce  chant  qui  mout  m'agree 

40     Pour  la  moillour  qui  soit  en  la  contree. 

VI  Prevoz  dou  Liege,  mon  chant  je  vos  envoi. 

Mais  sachiez  bien,  des  maus  que  je  soffroi 
Ne  garirai     se  cele  ne  m'alege 
44     Qui  plus  legier  me  puet  faire  que  liege. 


LIV 
(Raynaud  524) 

I  Sor  toutes  riens  soit  Amors  honoree,  (fol.  132  v°) 
Car  par  li  sont  li  nonsachant  norri. 

Et  li  choarz  lor  valor  recovree, 
4     Et  li  preceus  en  sont  ravigoré. 

Et  li  sage  en  sont  desnaturé, 

Si  que  dou  tot  revienent  en  l'enfance; 
7     Si  met  Amors  bien  et  mal  en  balance. 

II  Mors  et  Amors  sont  de  grant  seignorie; 
Bien  les  doit  on  ensamble  comparer, 
Car  tot  le  mont  ont  pris  en  vouerie, 

11     Ne  nuns  ne  puet  de  lor   laz  eschaper. 

Bien  ait  de  Deu  qui  lor  ieulz  fist  crever: 
S' Amour  veist,  ne  croi,  que  que  on  die, 

14     Que  vrai  amant  eiissent  longe  vie. 


24  A.  JEANROY  ET  A.  lAnGFORS 

LV 
(Raynaud  1065) 
I  Tres  fine  Amors,  je  vos  requier  merci     (fol.  138  V'^  b) 

Qu'en  ce  jor  d'ui  me  faites  tant  d'onor 
Que  ma  dame  me  teingne  a  son  ami, 
4     Que  j'aing  de  cuer  et  de  cors  sanz  folour: 
C'est  la  riens  que  plus  desir; 
Ensi  me  doint  Amors  de  li  joìr. 
Mieuz  vuil  por  li  languir  tote  ma  vie 
8     Qu'avoir  de  li  joie  par  tricherie. 

II  He!  franche  riens,  ne  metez  en  obli 

Celili  qui  pense  en  vos  et  nuit  et  jor, 
Car  autrement  m'avroient  malbailli 
12     Vostre  resgart  simple,  plain  de  dou^our, 
Qui  sovent  me  font  fremir, 
Si  que  ja  mès  ne  cuit  a  tens  venir 
A  la  joie  dont  je  morrai  d'envie, 
16     Se  fine  Amors,  dame,  ne  vos  en  prie. 


LVl 

(Raynaud  99) 
I  Tout  autresi  con  dou  soloil  li  rai 

Troblent  tant  fort  a  Tome  le  veoir, 
Qu'ovrir  ne  puet,  ainz  l'estuet  par  esmai 
4     Clorre  ses  eulz,  que  d'ovrir  n'a  pooir, 
Tout  autresi,  quant  je  ma  dame  voi, 
Et  cuer  et  cors  si  dou  tot  i  emploi 
Que  dessevrer  ne  sai  le  mal  dou  bien; 
8     S'adonc  m'espren,  ne  m'en  demandez  rien. 

11  Droiz  et  raison  m'aprent,  et  bien  le  sai 

Que  fins  amis  qu'aimme  sanz  decevoir 

Doit  bien  joir  d'Amours  sanz  Ione  delai       (fol.  139  b) 
12     Ainz  que  felon  s'en  puissent  parcevoir; 

Et  c'est  la  riens  dont  plus  sovent  ni'esmai 

Qu'il  ne  saichent  la  pensee  que  j'ai 

Vers  ma  dame  dont  toz  jors  me  sovient, 
16     Car  de  li  muet  touz  li  biens  qui  me  vient. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.    846  2ò 

III  Par  Deu!  Amors,  bien  vos  doi  honorer 
Et  touz   les  jors  de  ma  vie  avancier, 
Por  ce  que  vos  me  feistes  amer 

20     Dame  plesant,  ou  il  n'a  qu'ensoignier  : 
En  li  vost  Dex"  tant  de  biens  essambler, 
Que  riens  n'i  faut  que  g"i  puisse  trover 
Fors  que  merci,  dont  point  ne  truis  en  li, 

24     S'en  ai  le  cuer  et  le  cors  moins  joli. 

IV  Certes,  bien  sai  qu'il  covient  endurer 

Les  fins  amanz  qui  aimment  sanz  trichier. 
s   Et  les  dames  ne  font  pas  a  blamer 
28     S'eles  vueìent  lor  amis  essaier; 

Mais  qui  en  puet  un  leal  recovrer 

Celui  doit  on  et  cuer  et  cors  doner; 

Por  moi  le  di,  qui  ainz  ne  resailli 
32     De  bien  amer  dès  que  premiers  vos  vi. 

V  Douce  dame  que  j'aing  sanz  repentir, 

En  vos  ai  mis  tot  mon  entendement, 

Si  me  doint  Dex  de  vostre  amour  joir 
36     Con  je  vos  aing,  de  cuer  entierement. 

Trop  longuement  -m'avroiz  fait  alanguir  ; 

S'il  vos  plesoit,  tens  seroit  de  merir 

Le  guierredon  qu'ai  Ione  tens  atendu, 
40     Ou  se  ce  non,  mar  vos  vi  et  mar  fui. 


LVII 
(Raynaud  1993) 
I  Trop  m'abelit  quant  j'oi  au  point  dou  jor  (fol.  140) 

Le  rossignol  qui  crie, 
Qu'estez  revient  qu'amoinne  fueille  et  flour; 
4  Mais  ce  ne  me  fait  mie 

Chanter  par  mignotie, 
Car  se  mes  cuers  moinne  joie  et  baudour, 
7     Riens  n'en  merci  fors  ma  dame  et  Amor. 

II  Riche  de  sen,  de  beauté,  de  valour, 

Jone  sanz  vilenie, 


26  A.  JEANROY  ET  A.  lAnGFORS 

Gente  de  cors^  amorouse  d'atour 
11  Et  de  touz  biens  gamie, 

Itele  l'ai  choisie, 

Et  si  sai  bien  Dex  me  fait  tant  d'onour 
14     Que  des  bones  ai  eslit  la  moillour. 

Ili  Nuns  n'est  si  bons  ne  de  si  grant  valor, 

S'est  en  sa  conpaignie, 
Qu'il  n'apreingne  cortoisie  et  honor; 
18  De  ce  ne  dot  je  mie 

Que  nule  foiz  mesdie. 
Dex!  trop  sui  liez  quant  recort  sa  valour 
21     Et  sa  beauté  qu'est  de  fresche  colour. 

IV  En  recordant  ses  biens  et  sa  beauté, 

Las  !  userai  ma  vie, 
Qu'encor  ne  li  ai  confort  demandé, 
25  Trop  dout  ne  m'escondie, 

Amors  par  lor  maistrie, 
Quant  ja  la  voi,  ne  mi  laissent  parler; 
28     Au  departir  covient  mes  max  doubler. 

V  De  ce  ne  doutez  mie. 

Por  vos  morrai,  je  n'en  puis  eschaper, 
31     Ne  plus  avant  ne  puet  nuns  hons  amen 


LVIII 

(Raynaud   1657) 
Vuiz  de  joie,  plains  d'ennoi, 

Empren  a  chanter. 
Si  ne  sai  raison  por  quoi 
4  M'en  doie  mesler 

Fors  pour  esprover 
S'en  chantant  oblieroie 
Un  grief  mal  qui  m'afebloie, 
8     Si  qu'il  m'a  fait  aliter. 

Las!  je  n'en  quier  ja  lever. 

Se  li  douz  cuers  n'atendroie  (fol.  14!  v^  b) 

De  cele  a  cui  je  m'outroie, 
12     Sanz  cui  je  ne  sai  durer. 


CHANSONS  INÉDITES  DU  MS.  FR.    846  2/ 

II  Je  sai  bien  que  je  foloi 

De  si  haut  penser, 
Mais  je  n'en  puis  mès,  par  foi, 
16  N'en  fais  a  blasmer, 

Car  si  bel  huil  cler 
Dont  garde  ne  me  donoie 
Vindrent  a  moi  lez  mon  foie 
20     Mon  cuer  prendre  et  em  porter. 
Las!  je  ne  m'en  soi  garder, 
Qu'il  me  prometoient  joie. 
Li  max  que  j'ai  me  maistroie 
24     Si  que  j'en  quier  desvier. 

A.  Jeanroy  et  A.  Langfors. 
(à  suivre) 


Un  poème  Inédlt  de  Peire  Cardinal. 

I.  Texte. 

Serventech  tot  uni?onant  ffet  per  En  Pere  Cardenal  *. 

I             Si  tots  temps  vols  viure  valents  e  pros,  a  IO 

E  que  tots  hom  te  tenya  per  valen,  h  10 

E  guazanyar  Dieu  e  te  a  la  gen,  h  10 

4     Sies  leyals  e  fis  e  valeros.  a  10 

Car  hieu  ere}'  qu'a  Dieu  playa  d    6 

Home  leyals  ^  el  segle  que  s'en  paya,  e'  10 

E  tu'n  vals  mays  c'est  leyals,  pie  ^  de  be  ;  d  10 

8     Car  le3^altat  ^  en  l'hom  tot  be  rete.  d  10 

II  Sies  tots  temps  plazen  *  ez  amoros, 

E  saluda,  si  pots,  primeramen, 
Segons  dever,  saludan  bellamen, 
12     Honran  a  tots  segons  que  es  razos, 
E  tal  a  cuy  s'eschaya. 
Cai  trop  cortes  ditz  hom  que*l  parla  braya. 
Tots  trops  ^  son  trop,  e  qui  trop  fay  de  ce 
16     Lo  trop  **  no-y  tany  e-1  paucbs  si  descove. 

Ili  Ja,  per  gran  dan,  no  seras  cossiros, 

Ne,  per  gran  be,  no-t  tendras  trop  jauzen. 
Mas  vulles  far  tots  fa3-ts  saviamen, 
20     E  fay  los  tals  quc'ls  tinguem  tuyt  per  bos. 


*  Ms.  de  la  Bibliothèque  de  Barcelone,  no.  8. 
'  Lisez:  Tots  hom  leyals. 

^  Lisez:  ples. 

^  Lisez:  leyaltats. 

*  Lisez:  plazcns. 

^  Lisez:  tuit  trop. 

"  Lisez:  Lo  trop<,. 


UN  POKME  INÉDIT  DE  PEIRE  CARDINAL  29 

Totz  enamichs  apaya. 
Ab  jent  parlar,  mas  dels  fayls  los  esglaya. 
Perdona  tost  leu  fayt  quan  s 'esdeve, 
24     E  del  grieu  fayt  ajes  fera  merce. 

IV  No  prometes,  si  no  vois  far  tos  dos, 

Ne  no  queres  trop  grans  dons  examen. 
Serviras  be,  com  a  savi  serven, 
28     E  despendras  part  poder  a  saysos. 
Fals  consell  ^  te  desplaya, 
E  pietat  dels  paubres  ton  cor  aya. 
A  tots  amich  ^  vai  quant  auras  de  quo  ; 
32     Qu'axi'n  pot  fer  eli  si  ['n]  tal  cas  te  ve. 

V  Ves  ton  amich  no't  mostres  trop  hiros 

Si  tots  tos  mais  te  blasma  e*t  repren. 
Car  celi  be't  voi  que*t  castiga  soven, 
36     E  a  cuy  play  la  tua  faillisos 
Amor  no  t'ha  veraya. 
Enans  dels  hops  a  ton  amich  asa3'aj 
E  gens  d'amar  no  t'avanyas  dese, 
40     Si  dons  no-1  plats  avans  l'amor  de  te. 

VI  Al  plasent  hom  no*t  mostres  corro^os, 

Ne'l  corro(;os  alegre  ne  jausen  ; 
Ne'l  lausenjer  ^  no-t  trobe  lleu  cresen, 
44     Ne  lo  paubres  trop  avar  ne  pitos  *. 

Le  poème  se  trouve  dans  un  manuscrit  que  Mila  y  Fontanàls  avait 
décrit  dès  1878  dans  la  Remie  des  Langues  romaiics,  sous  le  titre: 
«Poètes  lyriques  catalans>^.  Mila  avait  propose  d'appeler  ce  manuscrit  (A), 


'  Lisez:  consells. 

'^  Lisez:  tot  amich  ou  toìi  amich. 

^  Lisez:  lauseìijers. 

*  L'on  a  ici  un  exemple  rare,  peut-étre  unique,  d'une  tornada  qui  reproduit, 
non  le  rythme  de  la  dernière  partie  de  la  cohla,  mais  celui  de  la  première. 
Pour  voir  ce  qu'a  d'exceptionnel  cette  innovation,  il  suffira  de  remarquer 
Ics  tornadas  des  poèmes  de  Pons  de  Chapteuil  et  de  Boniface  de  Castellane 
que  nous  rapprochons  plus  loin  de  celui  de  Cardinal. 

Le  poème,  dans  le  manuscrit,  est  suivi  d'un  sigmini  qui  semble  forme 
par  l'abréviation  du  mot  P[e]t[y]i. 


30  e.  FABRE 

ainsi  que  trois  autres  recueils  (B,  C  et  D),  qu'il  dépouilla,  en  mème 
temps,  du  nom  de    Vega-Aguiló,  «leur  dernier  possesseur». 

Depuis,  ces  manuscrits,  achetés  par  de  généreux  amis  des  lettres, 
ont  été  déposés  dans  la  Biblioteca  d'Esttidis  Catalans,  et  M.  iMassó 
Torrents  les  a  décrits  plus  amplement  que  Mila  dans  Y Ammari  Calala, 
1913—1914. 

En  1916,  M.  A.  Jeanroy  a  propose  le  sigle  v  pour  les  manuscrits 
\'ega-Aguiló  {Chansonniers  proven^aiix,  Paris,  H.  Champion,  p.  30). 

Le  manuscrit  A  est  classe  sous  le  n°  8  dans  la  Biblioteca  de  Cata- 
lonya ,  et  le  poème  de  Cardinal  y  figure  à  la  page  711  au  folio 
CCCCXLII. 

Le  manuscrit  est  en  papier  et  le  poème  a  été  copie  au  XV''  siècle. 

Quoique  le  copiste  ne  respecte  plus  la  règie  du  cas  sujet  et  qu'il  ait 
donne  à  la  langue  de  Cardinal  une  orthographe  franchement  catalane, 
la  pièce  est  admirablement  conservée  et  peut-ètre  comprise  et  traduite 
sans  difficulté. 

Nous  devons  le  texte  aux  bons  soins  de  M.  Anglade,  professeur  à 
rUniversité  de  Toulouse.     Nous  lui  exprimons  la  plus  vive  gratitude. 


II.  Hypothèse  sur  le  sens  historique  du  poème. 

N'aurait-il    point   été   adressé    au   jeune   Raimon    VII,   comte   de   Toulouse. 

en  121 6 V 

Ce  nouveau  poème  de  Cardinal  prendrait  vraisemblablement  une 
valeur  historique  de  premier  ordre  s'il  était  possible  de  savoir  à  qui 
il  fut  adressé.  Il  n'est  pas  douteux,  en  effet,  que  le  poète  ait  prodigué 
ses  beaux  préceptes  à  un  très  haut  personnage.  Celui-ci  doit  Otre 
«vaillant  et  preux»  (v.  1)  et  gagner  à  sa  cause  à  la  fois  «Dieux  et 
le  monde»  (v.  3);  il  doit  étre  «agréable  et  affectueux»  à  tous  (v.  9), 
ne  pas  se  laisser  abattre  par  de  trop  grands  malheurs  qui  peuvent  le 
frapper  et  ne  pas  trop  se  réjouir  des  grands  biens  qui  peuvent  lui 
échoir  (vv.  17  et  18).  Ses  actions  seront  connues  de  tous,  puisque  le 
poète  dit  que  tout  le  monde  doit  les  tenir  pour  bonnes  (v.  20);  son 
parler  doit  étre  noble  (jeut)\  il  doit  pardonner  rapidement  aux  gens 
légers,  mais  avoir  une  merci  farouche  pour  les  vrais  coupables  (vv.  23, 
24).  Il  peut  faire  des  dons  et  en  quérir,  avoir  pitie  des  pauvres  ^ 
dépenser   à  l'occasion   (a  saysos)   au-delà    de   son    pouvoir   (v.  28);  il 

'  «Les  pauvres,"  dans  le  lanj?ag:e  de  Cardinal,  sont  souvent  les  hérétiques 
et  plus  spécialcnient  Ics  Vaudois  connus  sous  le  nom  de  Pauvres  de 
Lvon  . 


UN  pokmp:  iNÉDir  dk  peike  cardinal  31 

doit  s'entourer  d'amis  qui  le  conseillent  et  tout  faux  avis  doit  lui 
déplaire  (vv.  29,  33,  37),  Enfin,  il  doit  se  défier  des  flatteurs 
(V.  43). 

On  ne  donne  pas  de  telles  directions  à  un  homme  de  rang  modeste 
dont  l'action  limitée  ne  sortirait  guère  du  giron  d'une  famille  et  de  la 
vie  privée. 

Dès  lors,  on  trouve  peut-étre  les  désirs  de  Cardinal  réalisés  en  1225 
dans  les  qualités  du  jeune  Raimon  VII,  comte  de  Toulouse,  alors  àgé 
de  27  à  28  ans.  A  ce  moment,  Cardinal  fait  un  éloge  enthousiaste 
du  Comte,  en  qui  il  voit  son  disciple,  et  dit,  en  propres  termes,  que 
ce  vaillant  jeune  homme  est  «tei  qu'il  le  demande». 


Voici  le  portrait 


Lo  coms  de  Tolosa  vai  tan 

E  tan  fai  e  embria, 
Que  lunh  home  del  mon  no  blan 

Per  mal,  qui's  vuelha  sia. 
Aitals  es  quant  ieu  lo  dernan, 
Larcs,  arditz,  alegres,  aman, 

Francs,  de  bella  paria, 
Vertadiers,  drechura  gardan, 

Leials  e  ses  bauzia, 
Bels,  gen  parlan. 

Aissi  cum  vai  mais  naus  en  mar 

Que  buz  ni  sagetia, 
E  vai  mais  leos  que  seinglar, 

E  bels  dons  que  fadia, 
Val  mais  lo  coms  que  autre  bar. 
Per  tolr'als  fals  et  als  fis  dar. 

Sec  de  valor  la  via, 
E  pueia  en  pretz  ses  devallar  ; 

Et  ha  la  maestria 
De  'rics  fatz  far. 

A  Tolosa  n'a  tal  Raymon, 
Lo  comte  que  Dieus  già, 

Qu'aissi  cum  nais  aiga  de  fon, 
Nais  d'el  cavalaria. 

Car  dels  peiors  homes  que  son 

Se  defen  e  de  tot  lo  mon  ! 


32  e.  FABRE 

Que  Frances  ni  Clercia, 
Ni  las  autras  gens  no  l'an  fron  ; 
Mas  als  bos  s'umilia 
E'is  mais  confon  ^. 

Tout  ce  que  demande  Cardinal  dans  le  nouveau  poème  se  trouve 
réalisé  dans  cet  extrait,  et,  si  notre  hypothèse  est  exacte,  il  n'est  mème 
pas  difficile  de  voir  que  les  espérances  du  maitre  ont  été  dépassées. 
C'est  que  Raimon  VII  en  effet,  à  partir  de  dix-huit  ans ,  a  fourni  la  plus 
belle  carrière  que  ses  amis  pussent  réver.  De  retour  de  Rome,  au  prin- 
temps  de  1216,  il  a  gagné  Marseille  à  sa  cause,  puis  repris  le  Venaissin. 

Son  pére  le  laissa  à  ce  moment  pour  passer  en  Espagne  et  lui 
oonfia  le  soin  de  reprendre  Beaucaire  à  Simon  de  Montfort.  Beaucaire 
fut  reconquis,  en  effet,  après  un  siège  mémorable.  Puis,  Toulouse 
se  révolta  en  faveur  de  son  comte  (1217);  Simon  de  Montfort  mourut 
devant  la  place  (25  Juin  1218)  et  la  capitale  de  la  Garonne  fut  délivrée. 
En  vain,  le  prince  de  France,  Louis,  vint-il,  avec  une  armée  de  vingt 
mille  hommes,  saccager  Marmande  en  1219:  au  méme  moment,  Raimon 
était  vainqueur  à  Bazièges;  il  attaquait  Carcassonne  dès  1221,  et,  trois 
ans  après,  an  1224,  chassait  définitivement  du  Midi  Amaury  de  Montfort. 

Quelle  epopèe  brillante  et  inespérée  !  Aussi ,  Cardinal  presse-t-il 
Raimon  de  reconquérir  le  Vivarais  et  lui  souhaite-t-il  la  couronne  de 
roi  de  Vienne  devenue  vacante  en  1225  par  la  mort  de  Guillaume 
de  IVIontferrat  : 

Viana,  e*l  Pupetz,  e-1  dromos 
Aion  rey  lo  plus  cabalos 
Que  d'aissi  en  Turquia 
Porte  caussas,  ni  esperos  ^. 

^  Poème:  Jeu  volerà  si  Dieus  o  volgues  (coblas  HI,  I\'  et  V).  —  La 
date  que  nous  donnons  à  ce  poème  avait  été  déjà  établie  approximativement 
dans  VHistoire  litteraire  de  la  France,  XX,  pp.  569—577.  C.  Fabre  a 
depuis  (1909)  serre  la  question  de  plus  près  dans  une  étude  encore  inèdite, 
qui  a  été  soumise  à  l'examen  si  autorisé  de  M.  A.  Jeanroy.  La  date 
est  donnée,  d'une  pari,  par  la  mention.  au  vers  6,  de  la  conquéte  que 
Raimon  VII  fait  réellement  d'une  partie  du  Vivarais  en  1225,  et,  d'autre 
part,  par  le  passale  que  nous  reproduisons  plus  loin,  où  Cardinal  propose 
de  donner  à  Raimon  la  couronne  de  roi  de  Vienne.  Cette  couronne  devint 
vacante  en  1225  par  la  mort  de  son  possesseur,  le  marquis  Guillaume  de 
Montferrat,  à  qui  l'cmpereur  Frédéric  II  l'avait  décernée  en  1220,  comme 
à  son  dilecto  ftlio.  {\K  P.  Fouknier  ,  Le  royaumc  d'Arles  et  de  Vienne, 
pp    116-117.) 

'  Cobla  II.  vv.  15—18.  —Le  Pupets  est  aujourd'hui  le  Pipet,  c'est-à-dire 
la  haute  colline  qui  doininc  la  ville  de  Vienne,   et   sur  laquelle  s'élevait  au 


UN  POKME  IXÉDIT  DE  PEIRE  CARDINAL  33 

Dès  lors,  les  conseils  du  premier  poème  dateraient  visiblement  de 
l'epoque  où  cette  epopèe  avait  commencé,  c'est-à-dire  de  1216.  Ils 
complèteraient  ainsi  ceux  que  le  jeune  comte  avait  regus  de  tous  còtés 
et  que  l'auteur  de  la  Chanson  de  la  croisade  contre  les  Albigeois 
(deuxième  partie)  rapporte  avec  attendrissement. 

Après  le  concile  de  Latran,  le  pape  Innocent  III,  qui  avait  spolié 
Raimon  VI  de  ses  terres,  regut  néanmoins  le  jeune  fils  du  comte  et 
eut  pitie  de  sa  jeunesse  et  de  son  infortune.  Il  l'embrassa,  lui  restitua 
le  Venaissin  et  lui  souhaita  gioire  et  succès,  méme  contre  Simon 
de  Montfort,  à  la  condition,  bien  entendu,  qu'il  serait  un  fidèle  serviteur 
de  l'Eglise  et  un  persecuteur  fervent  de  l'hérésie.  {Alb.,  Vv.  3678 — 3731.) 

Quelque  temps  après,  à  Marseille,  qui  se  déclara  pour  lui,  Raimon  VII 
re^ut,  avec  son  pére,  l'hommage  de  trois  cents  avignonnais,  qui,  avec 
Gui  de  Cavaillon,  vinrent  le  chercher  pour  le  conduire  dans  leur  ville. 
En  route,  au-delà  de  Salon,  au  moment  où  les  barons  fidèles  marchaient 
deux  par  deux  dans  les  pleines  herbues  (per  l'erhos)^  Gui  de  Cavaillon 
s'approcha  du  Comte  jove  et  lui  exposa  que  Parage  mourrait  sans  lui, 
qu'il  en  était  l'espoir  et  devait  le  restaurer: 

379v5     ....  En  aissi  es  Paratges  tornatz  de  sus  en  jos. 

Que,  si  per  vos  no's  leva,  per  totz  temps  es  rescos. 
E  si  Pretz  e  Paratges  no"s  restaura  per  vos, 
Doncs  es  ja  mortz  Paratges  e  totz  lo  nions  en  vos. 
E,  pus  de  tot  Paratge  etz  vera  sospeisos 
O  totz  Paratges  morra  o  vos  que  siatz  pros. 

Le  jeune  comte  répondit  par  le  plus  noble  langage  :  «Jamais  Parage 
ne  sera  par  moi  honni  ou  souffrant.  Si  quelqu'un  m'est  léopard ,  je 
lui  serai  lion»  : 

3805'    Jamais  non  er  Paratges  aonitz  ni  sofrachos  .  .  . 
3811     Si  degus  m"es  laupartz,  eu  li  sere  leos. 

A  ce  beau  programme  politique,  Raimon  VI  lui-mème  ajouta  quel- 
ques  indications  pratiques  au  moment  où  il  partait  pour  l'Espagne. 
Après  avoir  recommandé  En  Raìuiiudct  aux  barons  d'Avignon,  il  dit 
à  son  fils  de  se  fier  à  eux,  de  partager  leurs  joies,  leurs  peines,  leurs 
travaux,  d'étre  généreux  à  leur  égard  ainsi  qu'à  l'égard  des  barons  de 
Marseille  et  de  Tarascon.  C'est  avec  leur  concours  qu'il  reconquerra 
Beaucaire  : 

3854     Que,  si  cobratz  Belcaire,  ab  lor  lo  cobraretz. 


moyen  àge  le  chateau  des  rois  de  Bourgogne.     Le  droiììos  était  le   donjon 
méme  du  chateau  royal. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  3 


34  t--  FABRE 

«Raimon,  dit-il  en  terminant,  vous  reconnaìtrez  désormais  qui 
vous  veut  du  bien  ou  qui  vous  alme  et  nous  verrons  ce  que 
vous  ferez» : 

3872     Ramon,  so  ditz  lo  coms,  oimais  conoicheretz 

(^)ui-us  voi  be  o  qui-us  ama,  e  veirem  que  faretz. 

On  le  voit,  à  ces  hautes  directions  religieuses  et  politiques.  il  manquait 
l'expression  d'un  idéal  moral  de  vie  personnelle.  Ce  n'est  pas  pour 
le  profit  qu'on  en  retire  qu'il  faut  étre  loyal,  vaillant  et  preux,  modeste, 
généreux  et  humain  :  c'est  parce  qu'on  en  «vaut  mieux»  soi-méme! 
Ces  beaux  préceptes  couronnent  admirablement  le  programme  du  pape, 
de  Cui  de  Cavaillon  et  de  Raimon  VI.  Aussi,  croyons-nous  que 
Cardinal  les  a  adressés  au  Comte  Jove  à  la  suite  de  ces  grands  per- 
sonnages.  Personne  n'était  plus  digne  de  les  formuler  en  vers  simples 
et  beaux  que  le  poète  qui  s'était  mis  spontanément,  lui,  ancien  homme 
d'église,  au  service  de  la  cause  des  comtes  de  Toulouse.  Depuis  1211, 
Cardinal  avait  défendu  cette  cause  avec  tonte  la  fougue  et  la  sincérité 
de  son  apre  genie  ^ 

Un  vers  de  la  Cìiaiison  de  la  Croisadc  note  peut-étre  le  moment 
pathétique  oìi  le  chant  de  Cardinal  se  fit  entendre  pour  la  première  fois. 
La  reception  du  jeune  comte  et  de  son  pere  en  Avignon,  en  1216, 
fut  réellement  triomphale;  les  gens  criaient:  Tholosa!  pel  paire  e  pel 
tos.  Après  une  réunion  au  «moùtier»  pour  la  prestation  du  serment 
de  fidélité,  un  repas  splendide  fut  servi  et  ses  jongleurs  y  firent  entendre 
leurs  chansons : 

3826     Fo  lo  manjars  compi itz  e  saboros  .  .  . 

3829     E-ls  joglars  e  las  viulas,  e  dansas,  e  caiisos. 

Or,  malgré  le  titre  que  lui  a  donne  le  manuscrit  de  Barcelone,  le 
poème  de  Cardinal  n'est  pas  un  sirventés,  mais  une  chanson  grave  et 
affectueuse,  qui  avait  bien  sa  place  dans  ce  moment  de  publique 
émotion. 

En  tout  cas,  le  noni  de  Ramundet  que  nous  avons  vu  plus  haut, 
se  trouve  dans  l'ccuvre  de  Cardinal.  Celui-ci  recommanda  au  jeune 
comte  de  chanter  lui-méme  un  violent  sirventés  qu'il  venait  de  composer 

'  Cardinal  commencc  à  défendre  la  cause  de  Toulouse  et  de  Raymon  W 
dans  le  chant  Falsedats  e  desmesiira ,  que  nous  signalerons  plus  loin 
et  qui  a  été  écrit  en  1211,  au  moment  où  Simon  de  Montfort  altaque 
Raimon. 


UN  l'OKME  INÉDJT  DE  PEIRE  CARDINAL  35 

vers  1212  et  qu'il  avait  d'abord  envoyé  à  Gui  II,  comte  d'Auvergne  K 
C'est  la  pièce 

Totz  temps  azir  falsetat  et  enjan. 

Elle  flétrissait  les  puissants  impitoyables  qui  déshéritaient  les  faibles. 
L'allusion  à  Simon  de  Montfort  et  à  ses  partisans  est  visible,  et  voici 
l'envoi  de  Cardinal  à  Rarmuidet : 

Vai,  Raimondet,  porta  mon  sirventes 
Als  enseignatz,  als  pros,  als  ben  apres, 
Et  als  avols  tu*l  sela  e'I  rescon. 
E  no'l  chantes,  si  be  no  sabes  on  2. 

^  L'envoi  de  ce  poèma  à  Gui  II,  comte  d'Auvergne  (1195—1224)  est  in- 
diqué  par  la  tornada  des  éditions  courantes  (Raynouard,  C.  A.  F.  Mahn  etc): 
Faidit,  vai  fen  chantar  lo  sirventes 
Drech  al  Tornei,  a  N  Guigo,  qui  que  pes; 
Car  de  valor  non  a  par  en  est  mon, 
Mas  monsenhor  En  Ehlon  de  Clarinon. 
Le  Tornei  était  le  chàteau  de  Tourìioel,  près  de  Riom.   dont   les  ruines 
existent  encore;  c'était  la   residence    ordinaire   de  Gui  li.     Le  chàteau   fut 
pris,  en  décembre  1213,   par  'les  troupes  de  Gui  de  Dampierre,   general  de 
Philippe  -  Auguste,   et  Gui  li,   complètement  dépouillé,   fut    réduit  à  la  con- 
dition  de  «simple  particulier».    La  prise  de  Tournoel  est  signalée  notamment 
par  Guillaume  Guiart  dans  le  Roman  des  Royaux  lignages: 
Clermont  acquistrent  e  Riom, 
Brieude,  Le  Puy,  La  Toiirnìole. 
N  Ebles  de  Clermont  était  seigneur  d'Olliergues  (sur  la  Dorè,  Puy-de- 
Dome).     Il  est  attesté  en  1210  et   était  le  frère  méme  de  Gui  IL    On  com- 
prend  donc  que  Cardinal  dise  qu'il  est  le  par  en  valor  du  comte  d'Auvergne. 
Cardinal  avait  déjà  adressé  à  N  Ebles  son  poème 

Senher  N  Ebles,  nostre  vezi  .  .  . 
On  voit  qu'il  ne  faut  pas  songer  au  Tour  nel  du  Gévaudan,  comme  Font 
fait  MM.  Stanislas  Stronski  et  Brunel  (  Annales  du  Midi%  XXVIll,  page  467, 
(et  note  9  de  la  méme  page).  —  En  Guigo  n  est  pas,  non  plus,  Guigue-Meschin, 
un  seigneur  du  Gévaudan,  mais  bien  Gui  lì,  comte  d'Auvergne,  dont  Cardinal 
s'occupe  aussi  en  1213  dans  le  chant  L'afar  del  comte  Guio. 

Quant  au  nom  de  Faidit,  il  désigne  vraisemblamblement  Cardinal  lui- 
méme.  La  troubadour  a  été  réellement  faidit,  c'est-à-dire  poursuivi  par 
l'Eglise  à  partir  de  1212.  Or,  le  poème  qui  nous  occupe  a  été  écrit  au  plus 
tard  en  1213,  puisque,  cette  année-la,  le  Tornei  (Tournoel)  a  été  occupé 
par  les  troupes  royales  et  n'a  iamais  été  rendu  à  Gui  II. 

C.  Fabre  a  élucidé  longuement  toutes  ces  questions  dans  ses  études  sur 
Cardinal  (à  paraìtre).  —  On  peut  voir,  en  attendant,  ce  que  le  méme  autcur 
dit  dans  Le  Troubadour  Poìis  de  CJiapteuil,  etc.    Le  Puy,  1907,  p.  11. 

-  Cet  envoi  nouveau  se  trouve  dans  deux  manuscrits:  L  la  ms.  «'  (Modène, 
Estense)  de  Bernart  Amoros,  publié  par  M.  Giulio  Bertoni,  Fribourg,  1911; 

3* 


36  e.  FABRE 

On  ne  saurait  étre  surpris  de  voir  Cardinal  tutoyer  ici,  comme  dans 
le  chant  que  nous  étudions,  le  jeune  comte  de  Toulouse.  Le  poète  a 
tutoyé.  contrairement  à  l'usage  de  son  temps,  les  plus  hauts  personnages. 
Il  a  tut03'é  Estève  de  Belmont,  un  chanoine  du  Puy  ^  ;  il  a  tuto3'é  les 
rois   et   le   pape  dans  son  beau  sermon  Jìiesii  Crist  nostre  Salvane: 

Aus-tu  que  amas  l'anona 
E  desira's  la  corona"? 
Aus-tu  que  Gleiza  governas? 

Et,  pour  Raimon  VII,  il  avait  des  raisons  particulières  de  prendre 
ce  ton  familier  et  affectueux.  Il  le  connaissait  depuis  1204,  puisqu'il 
avait  été,  dès  cette  epoque,  un  des  secrétaires  (escvibas)  du  comte 
de  Toulouse  ^.    A  ce  moment,  Raimon  était  un  jeune  enfant  de  six  ans. 


2°  dans  le  ms.  Gg  (ancien  Gii  y  Gii,  Biblioteca  de  Catalunya,  n°  146).  Dans 
ce  dernier  chansonnier,  le  chant  de  Cardinal  est  attribué  à  un  des  disciples 
du  maitre,  Raymond  de  Cornet  (XIV*^  siècle),  et  M.  Masso  Torrents  en  a 
récemment  publié  le  texte  dans  les  «Annales  du  Midi-,  XXVII,  p.  28. 

Ce  nouvel  envoi  est,  en  tout  cas,  tellement  de  circonstance  en  1216,  à 
Avignon,  que  l'adresse  à  Rauuiììdct  (Raimon  VII)  ne  saurait  s^uère  laisser 
de  doute.  Remarquons  les  enseigìiats,  les  pros,  les  ben  iipres,  qui  sont 
opposés  aux  avols,  et  qui  deviennent  ainsi  les  partisans  du  comte  de  Toulouse 
et  les  ennemis  de  ses  spoliateurs.  Le  poète  Gavaudan  traite  aussi  d'avo/s, 
vers  1211,  les  ennemis  de  Toulouse.  (Voir  édition  A.  Jeanro\',  Romania, 
1905,  et  C.  Fabre,  Le  Tronbadour  Gavaudan  elle  Veìay,  Le  Puy,  1913.) 
L'envoi  de  Raimon  de  Cornet  étant  un  peu  différent  de  celui  du  ms.  Cam- 
pori  (Bernart  Amt>ros),  nous  en  donnons  le  texte  b.  titre  de  renseignement 
et  pour  rendre  clair  un  texte  un  peu  obscur: 

\'ay,  Ramondet,  porta  mon  sirventes 

Als  pros  savis,  avinens  e  cortes, 

E  als  malvatz  tu'l  cela  el  rescon, 

E  noi  cantes,  si  be  no  sabes  hon. 
'  V.  C  Ea]ìre,  Etudcs  sur  Peire  Cardinal.    Estève  de  Behnoìit.  (An- 
nales du  Midi,  1909.) 

^  Petrus  Cardinalis  se  trouve  mentionné,  avec  la  qualité  de  scriba,  dans 
un  acte  de  1204  (septembre),  publié  par  Teulet  {Layettes  du  Trésor  des 
Charles,  \\  et  signalc  par  Chabaneau  (Biographies  des  Troubadours). 
Or,  c"est  bien  du  poète  Cardinal  qu'il  s'agit:  le  nom  ne  reparaìt  nulle  part 
ailleurs  dans  le  richc  chartrier  des  documents  de  Toulouse  et  était  inconnu 
au  Toulousain.  Dailleurs,  la  carrière  poètique  de  Cardinal,  quand  on  examine 
un  à  un  les  chants  du  troubadour,  commence  en  Auvergne,  en  1200,  se  pour- 
suit  un  moment  en  Provence  en  1204,  puis  à  Toulouse,  la  mémc  année.  Elle 
se  continue  en  Catalogne  à  partir  de  1206  jusquen  1211.  Cardinal  revient 
alors  à  Toulouse,  par  Narbonne,  puis  se  rend  de  nouveau  en  Auvergne 
jusqu'en  1214.  A  partir  de  1216,  il  s'attache  à  Raimon  \TI  et  le  suit  à 
Toulouse  1217—1219. 


UN  POKME  INÉDIT  DK  PKIRK  CARDINAI,  37 

Et,  depuis,  le  poète  avait  revu  et  suivi  l'enfant  dans  les  jours  pénibles 
ou  glorieux:  en  1211,  il  avait  fait  l'éloge  de  son  pére  et  de  sa  maison 
dans  un  sirventés  justement  célèbre  : 

Coms  Raymons,  ducx  de  Narbona, 

Marques  de  Proensa, 
V^ostra  valor  es  tan  bona 

Oue  tot  lo  mon  oensa  ^ 


III.   Construetion  strophique. 

a)    Cardinal    et   Pons    de    Chapteuil. 

Ce  que  nous  apprend  la  construetion  strophique  du  nouveau  chant 
de  Cardinal  confirme,  dans  une  certaine  mesure,  notre  h3^pothèse. 
Cette  construetion  est  assez  recherchée  et  rare,  malgré  sa  simplicité. 
Aussi,  ne  la  trouve-t-on  que  dans  quatre  autres  poètes  :  1  °  Eble  d'Uisel 
(chant  2  de  Bartsch);  2°  Pons  de  Chapteuil  (10);  3  "^  Boniface  de  Ca- 
stellane (3),  et  4°  Peire  Torat  (1). 

Le  chant  d'Eble  d'Uisel-  peut  étre  le  plus  ancien,  puisque  ce  poète, 
comme  ceux  de  sa  famille,  chanta  vers  la  fin  du  douzième  siècle 
et  dans  les  premières  années  du  treizième.  Il  est  donc  possible  que 
Cardinal  doive  le  rythme  de  son  poème  à  ce  troubadour  du  Limousin. 
Mais,    méme  dans  cette  hypothèse,  il  ne  lui  devrait  pas  autre  chose"? 

Par  contre,  le  chant  de  Pons  de  Chapteuil  (Humils  e  fis  e  francx, 
soplei  vas  vos)  se  rapproche  intimement  de  celui  de  Cardinal  par  une 
communauté  de  sentiments  et  d'expressions  qui  n'échappe  point,  meme 
à  la  première  lecture. 

Pons  exalte  l'amour  idéal,  qui  est  le  mobile. de  toutes  les  vertus  et 
de  tous  les  mérites.    Cet  amour  lui  demande  d'étre  humils,  fis  e  francx 


^  Ces  vers  appartiennent  au  poème  bien  connu:  Falsedats  e  desmesura, 
compose  en  l'honneur  de  Raimon  VI,  en  1211,  au  moment  où  ce  cemte  se 
résout  à  la  g;uerre  contre  TEglise  et  Simon  de  Montfort. 

-  Le  sujet  du  poème   d'Eble   d'Uisel   n"a  rien   de   commun   avec  celui   du 
chant  de  Cardinal.    C'est   une   tenson  joyeuse  dont  le  début  indique  bien  la 
gaité  et  le  peu  d'élévation;  elle  est  proposée  à  Gui   d'Uisel,   c'est-à-dire  au 
poète  le  plus  connu  de  la  famille  (H.  Carstens,  p.  64): 
En  Gui,  digaz  laqal  penriaz  nos, 
—  E  non  mentez,  sitot  vos  faiz  feignenz  — 
Capa  de  pers  un  mes  denant  aveuz. 
E  grans  osas  afaitadas  ab  ros, 

Tro  a  Kalenda  maia, 
O  tot  lestiu  dona  corteze  gaia? 


38  e.  FABRE 

(v.  1),  surtòut  leyals  (vv.  2  et  19);  sa  dame  est  la  mielher  et  la  plus 
valens,  la  plus  gentt'ls,  la  plus  francha  et  méme  la  plus  pros  (vv.  3 
et  4);  ses  maniùres  sont  courtoises  (son  cortes  li  semblnn  e-l  respos^ 
V.   12),  et  ses  actions  sont  les  plus  viclies  qui  puissent  se  voir: 

Non  a  domna  cui  tan  ricx  faigs  s'eschaia  (v.   14). 

Les  mots  amoros,  luerces,  perdos  se  trouvent  aussi  dans  le  poème; 
il  s'y  trouve  surtout  cette  belle  expression  intraduisible  de  vai  mais 
qui  marque  justement  la  pensée  maitresse  de  Cardinal. 

Il  est  dpnc  visible  que  l'un  des  poétes  a  inspiré  son  confrère,  et  il 
serait  intéressant  de  savoir  quel  est  celui  qui  est  arrivé  le  premier  à 
l'expression  de  ces  beaux  sentiments. 

Pons,  nous  l'avons  démontré  il  y  a  dix  ans,  n'a  pas  écrit  avant  1190, 
comme  on  le  croyait  quand  on  le  faisait  mourir  à  la  troisième  croisade. 
Des  chartes  de  Vertaizon  le  montrent  en  conflit  avec  l'évéque  de 
Clermont  et  Philippe- Auguste  en  1209  et  1211;  il  vend,  avec  le 
concours  de  sa  lemme  Jérentone  et  de  ses  enfants,  une  terre  au  Puy 
en  1218.  Ses  plus  beaux  poèmes,  c'est-à-dire  ceux  qui  préchent  la 
croisade,  sont  de  la  mCme  epoque  (1211—1214).  La  première  dame 
qu'il  a  aimée,  Alazaìs  d'Anduze,  baronne  de  Mercceur,  a  encore  son 
pere  en  1210.  Enfin,  il  nomme,  dans  ses  chants  de  Provence,  une 
Béatrix  vcomtessaT^  qui  ne  peut  étre  que  Béatrix  de  Savoie,  mariée 
en  1217 — 1219  au  jeune  Raymond-Bérenger  IV"^,  comte  de  Provence. 
Dans  ces  conditions,  méme  si  son  poème  Hiunils  e  Jìs  célèbrait 
Alazais  d'Anduze,  il  se  placerait  vers  1210,  et  s'il  concernait  la  belle 
Audiart,  vicomtesse  de  Marseille,  il  se  placerait  vers  1217 — 1219  i. 
Ainsi,  Pons  peut  avoir  imité  Cardinal,  comme  il  peut  l'avoir  inspiré. 
Dans  le  premier  cas,  le  .chant  de  Cardinal  serait  forcément  antérieur 
à  1219,  et,  dans  le  cas  contraire,  il  se  placerait  encore  avant  cette 
date  et  méme  avant  1217.  Cardinal,  en  effet,  a  oublié  ses  compatriotes 
ou  confrères  du  Velay  et  d'Auvergne  dès  1216.  Jeté  dans  la  lutte 
qui  ensanglantait  le  Midi,  il  a  surtout  demandé,  à  partir  de  ce  moment, 
le  rythme  de  ses  chants  à  Bertrand  de  Born,    le  chantre  ses  armes^. 


'  Voir,  pour  toutcs  Ics  assertions  contenues  dans  ce  passage.  C.  Fabre, 
Le  Troiibadoiir  Pons  de  Cìiapteiiiì ,  quelqiies  remar ques  sur  sa  vie  et 
sur  l'esprit  de  ses  poènics.  Le  Puy,  1907. 

■''  Voici,  avec  leurs  dates  probables,  quelques  poùmes  que  Cardinal  a 
imités  de  Bertrand  de  Born  : 

1.  Cardinal:  Tots  temps  asir  falsetat  et  enjan.    (1212.) 
Bertrand:  Qiian  la  novcla  flors  par  el  ver  Jan. 

2.  Cardinal:  Aissi  cani  Iìoììì  planJi  son  Jìtìi  e  son  paire.    (1212.) 
Bertrand:  Mon  cìiaìi  Jenisc  ab  dot  et  ab  niaftraire. 


UN  POKMK  INÉDIT  DE  PEIRE  CARDINAL  39 

Auparavant,  au  contraire,  il  avait  imité,  non  seulement  Pons  de  Chapteuil, 
mais  aussi  Guillaume  de  Saint-Didier  ^.  Il  avait  tensonné  en  Auvergne 
avec  Hugues  de  Moensac  ^,  adressé  un  chant  à  N  Eblon  de  Clermont, 
seigneur  d'OUiergues  ^,  et  surtout  déploré  les  malheurs  de  Gui  II,  le 
comte  d' Auvergne  dépouillc  par  Philippe-Auguste,  de  1210  à  1213*. 
Ainsi,  toutes  les  vraisemblances  placent  le  poème  de  Cardinal  en 
1216,  et  celui  de  Pons  de  Chapteuil  vers  la  méme  date.  Mais  Pons 
a  vraisemblablement  inspiré  son  jeune  émule,  et  l'ilme  des  deux  poètes 
du  Velay  s'est  élevée  en  meme  temps  à  la  plus  haute  conception  des 
vertus  chevaleresques.  Pons  est  arrivé  à  cette  conception  en  célébrant 
l'amour,  et  Cardinal  en  se  demandant  quelles  doivent  étre  les  règles 
supérieures  de  la  vie  morale  pour  un  jeune  seigneur  qu'attendent  les 
épreuves  et  les  responsabilités  d'un  conducteur  de  peuples.  Le  poète 
de  Chapteuil  est  brillant  et  gracieux,  parce  que  ses  vertus  d'amoureux 
trouvent  leur  récompense  immediate  dans  le  bonheur  et  l'accueil  de 
l'objet  aimé.  Son  collègue  du  Puy  et  sobre  et  grave,  parce  que  l'avenir 
est  toujours  plein  de  menaces  et  ne  permet  un  peu  de  réconfort  que 
par  les  satisfactions  de  la  conscience. 


3.  Cardinal:  Teìidas  e  traps,  al  e  uba  s,  pabaillos.    (1217.) 
Bertrand:  Mieg  sirventes  vuelìi  far  deìs  rcis  amdos. 

4.  Cardinal:  Per  folli s  tene  Polhes  e  Lonibavts.    (1219.) 
Bertrand:  Ges  de  far  sirventes  no'm  tarts. 

^  Le  premier  des  chants  signalés  dans  la  liste  précédente  est  imité,  en 
effet  de  Guillaume  de  Saint-Didier.  Ce  troubadour,  vers  1183,  avait  adressé 
à  la  vicomtesse  de  Polignac,  Bélissende-Marquèze,  la  délicieuse  chanson: 

Aissi  com  es  bella  cilìi  de  cui  cJmn 

et  c'est  vraisemblablement  à  cette  chanson  que  Bertrand  de  Born  lui-méme 
avait  emprunté  son  rythme. 

-  Voir  le  chant:  Eìi  Peirc,  per  nion  cliantar  bel,  publié  par  P.  Meyer 
dans  les  Derniers  troubadour s  de  la  Provence,  1871,  p.  26.  Uc  de  Moensac 
(Mansac)  est  signalé  dans  une  charte  du  13  février  1196,  publiée  par  Teilhard 
de  Chardin  (Clermont,  1893)  et  rappelée  par  C.  Fabre  dans  Le  Troubadour 
Pons  de  cJiapteuil  ....    Le  Puy,    1907.    Le  chant  est  antérieur  à  1204. 

^  Voir  le  chant:  Senher  NEbles,  nostre  vesi.  Ce  chant  est  antérieur 
à  1204. 

*  Voir  le  chant: 

L'afar  del  comte  Guio 
E  de  la  guerra  del  rei. 

Cardinal  y  signale  la  prise  de  Carnaleiras  (Chamalières,  près  de  Clermont) 
et  le  sac  de  son  abbaye  de  Sant-Afre  (Saint-Affre). 


40  e.  FABRE 

b)   Cardinal    et    Boniface   de   Castellane. 

De  1226  à  1250,  Cardinal  vécut  surtout  à  iSIarseille,  auprès  de 
Raimon  VU ,  qui  fut  syndic  de  la  ville  de  1230  à  sa  mort  (1249), 
auprès  d'Hugues  du  Baus,  qui  était  vicomte  de  la  cité,  puis  auprès 
de  Barrai  du  Baus,  qui  fut  vicomte,  conime  son  pére,  de  1233  à  1257, 
et  un  protecteur  éclairé  des  troubadours.  Il  y  joua  un  ròle  politique 
merveilleux,  s'occupant,  surtout  vers  1245,  de  la  lutte  tragique  d'Inno- 
cent  IV  et  de  l'empereur  Frédéric  II.  Il  y  forma  des  disciples  fervents, 
comme  Bertrand  Carbonel  de  Marseille  et  Guilhem  Fabre  de  Narbonne. 
TI  y  combattit  surtout  l'influence  et  la  politique  francaises  incarnées 
dans  le  jeune  et  entreprenant  Charles  d'Anjou  ^ 

Ce  dernier  róle  devait  naturellement  lui  attirer  les  sympathies  de 
Boniface  de  Castellane,  l'adversaire  irréductible  et  la  victime  la  plus 
illustre  de  Charles  ^.  Cette  S3^mpathie  semblait  jusqu'ici  n'avoir  point 
laissé  de  traces.  Or,  notre  poème  révèle  enfin  ces  traces  d'une  manière 
eclatante. 

Le  seigneur  de  Castellane,  en  effet,  a  imité  le  r3'thme  et  la  langue 
du  chant  de  Cardinal  dans  un  de  ses  sirventés  les  plus  vigoureux 
contre  Charles  d'Anjou.     Ce  sirventés  est  la  pièce: 

Si  tot  non  es  fort  gaia  la  sazos, 

dont  Raynouard  avait  public  de  copieux  extraits  dans  le  volume  V 
de  ses  Choix,  et  que  Chabaneau  a  fait  connaitre  en  entier  dans  la 
Revue  des  langues  romane s  (t.  XXXII,  1888,  p.  562). 

Comme  le  poème  est  une  satire  violente,  pleine  d'allusions  historiques, 
il  ne  saurait  présenter  la  calme  énumeration  de  préceptes  mouraux 
tressée  par  Cardinal.  Néanmoins,  nous  y  trouvons  la  rime  rare  de 
braya  que  Cardinal  avait  formée  avec  le  subjonctif  du  verbe  braire 
et  que  Boniface  a  renouvelée  avec  le  mot  braya  {=^pantaìoii),  encore 
si   commun   et   si   gai   dans   les   jeux   de    la  langue  du  Midi.     Av  lur 


*  Pour  tout  ce  passage  concernant  le  séjour  de  Cardinal  à  Marseille,  son 
oeuvre  pendant  ce  séjour,  et  ses  disciples,  voir  C.  Fabre,  Pìaììh  de  Bertrand 
Carbonel  de  MarseUìe  sur  la  mort  de  Cardiìial  (1270—1274),  Le  Puy. 
1914.  —  M.  Bertoni  n'admet  pas  toutcs  les  conclusions  de  cette  étude  (Arch. 
rom.,  II,  254);  mais,  mème  dans  le  cas  où  Bertrand  Carbonel  m"aurait  pas 
pleure'  Cardinal  dans  le  planh  étudié,  ces  deux  troubadours  n'en  resteraient 
pas  moins  très  étroitement  liés  par  leurs  ceuvres,  Bertrand  étant  un  disciple 
presque  Constant  de  Cardinal  dans  ses  sirventés  anticléricaux  et  ses  cobìas 
esparsas. 

^  On  sait  que  Boniface  de  Castellane  fomenta  une  ré  volte  de  Marseille 
contre  Charles  dAnjou  en  1257.  Charles  assiégea  et  prit  la  ville,  et  Boniface 
fut  exilé  et  dépouillé  de  ses  biens. 


UN  POÈMP:  INÉDIT  DE  PEIRE  CARDINAL  41 

laysson    brava   (v.   5)    exprime   encore   aujourd'hui    le   comble   de   la 
spoliation  et  équivant  à  l'hyperbole  frangaise*:   «On  l'a  laissé  nu  et  cru.- 
Rapprochons  aussi  les  expréssions  suivantes  qui  sont  si  heureuses  : 
Cardinal  :   Amor  no  t'ha  veraya.     (37.) 
Boniface:  E  ay  ma  gen  vera 3^1.     (25.) 
Cardinal:  Ja  per  gran  dan  no  seras  cossiros.     (17.) 
Boniface:  Als  Proensals  paubres  e  cossiros.     (4.) 
Il  est  vrai  que  Boniface  imite  aussi  Pons  de  Chapteuil  : 
Pons  :         E  reman  fis  vostre  pretz  cabalos 

Malgrat  la  gen  savaya.     (28 — 29). 
Boniface:  Esti  Frances  a  l'avol  gen  savaya.     (6.) 
Mais  cela  prouve  seulement  avec  quel  soin  Boniface  avait  étudié  ses 
meilleurs  devanciers.    Il  n'y  a  rien,  en  effet,  dans  son  poème,  qui  soit 
emprunté  à  Eble  d'Uisel. 

Ce  qui  est  plus  étrange,  c'est  que  les  trois  beaux  poèmes  que  nous 
venons  de  rapprocher  n'aient  point  donne  un  peu  plus  d'energie  et  de 
précision  à  la  tenson  de  Peire  Torat  et  de  Guiraut  Riquier.  Ce  chant 
est  bien  postérieur  à  tous  les  précédents.  M.  Anglade  {G.  Riquier, 
p.  100)  le  place  en  1267,  et  il  est  visible  que  celui  de  Boniface  de 
Castellane  est  de  1250 — 1252,  au  moment  où  le  jeune  comte  qui  Acre 
non  conquis  (v.  32)  est  de  retour  de  la  croisade  d'Egypte,  mais  n'a 
pas  encore  assujetti  Marseille. 

Or^  le  poème  de  Peire  Torat  agite  une  question  galante.  Mais  que 
nous  sommes  loin,  néanmoins,  de  Pons  de  Chapteuil!  11  suffit,  pour 
s'en  convaincre,  de  lire  la  première  cobi  a: 

Guiraut  Riquier,  si  be'us  es  luenh  de  nos, 

Cosselh  vos  quier,  e  donatz  lo'm  breumens. 

Una  domna  ay  amada  lonjamens, 

Bel'  ab  gens  huelhs  et  ab  plazens  fayssos, 
Que  m'auci  e  m'esglaya 

E  no  voi  far.  endreg  mi  ren  que'm  playa, 

Et  ieu  fas  tot  so  que  voi  ni  cove, 

E  lieys  no  denha  ni  voi  aver  merce. 
Non!  Pons  de  Chapteuil  donnait  un  autre  lustre  à  la  langue 
conventionnelle  des  poèmes  d'amour!  Et  les  rimes  seules  peuvent 
étre  rapprochées  de  Cardinal  et  de  Boniface  de  Castellane.  Or,  la 
rime,  méme  dans  la  langue  la  plus  carressante  ou  la  plus  sonore,  n'a 
jamais,  à  elle  seule,  produit  la  poesie. 

C.  Fabre. 


42  <^-  FABRE 

,  Nota  allo  studio  precedente. 

In  questo  interessante  lavoro,  il  Fabre  parte  dal  presupposto  che 
r  attribuzione  del  ms.  8  della  Bibl.  di  Barcellona  (il  cui  indice  dobbiamo 
al  Masso  Torrents)  sia  sicura.  Io  ho  già  avuto  occasione  di  fare  le 
inie  riserve  («Arch.  rom.»  II,  102)  sulla  veridicità  della  didascalia  che 
si  legge  in  testa  al  nostro  sirventese,  il  quale  non  si  può  dire  abbia 
né  le  doti  né  lo  stile  dei  componimenti  di  Peire  Cardenal.  Noto  che 
il  ms.  7  di  Barcellona  attribuisce  a  un  poeta  di  nome  Peire  Calala 
sette  componimenti  (di  cui  quattro  almeno  paiono  spettargli  con  pieno 
diritto)  e,  benché  di  un  Peire  Català  io  non  abbia  notizie,  né  esso  figuri 
nelle  liste  del  Bartsch  e  dello  Chabaneau,  mi  par  difficile  ammettere 
che  codesto  verseggiatore  sia  uscito  tutto  d'  un  pezzo  dalla  fantasia  di 
uno  dei  copisti  dei  manoscritti  7 — 8  di  Barcellona,  manoscritti  che 
vanno  considerati,  come  si  sa,  insieme.  Non  mi  pare  improbabile  che 
al  celeberrimo  Peire  Cardinal  possa  essere  stato  attribuito,  in  un 
codice  catalano,  un  componimento  dell'  oscuro  Peire  Català,  pel  fatto 
che  il  nome  di  uno  di  questi  poeti  richiamava  facilmente  alla 
memoria  il  nome  dell'  altro,  mentre  la  fama  del  Cardenal  oscurava 
la  nominanza  del  Català,  esile  nominanza,  in  ogni  caso,  ammessa 
anche  la  costui  esistenza.  Tuttavia,  che  un  conoscitore  di  Peire  Car- 
denal, quale  é  il  Fabre,  accetti  come  veritiera  la  didascalia  del  ms. 
di  Barcellona  e,  messo  in  guardia,  perseveri  nel  credere  di  Peire  Car- 
denal il  nuovo  sirventese,  è  cosa  che  scuote  alquanto,  pur  non  can- 
cellandole, le  mie  induzioni.  Non  le  cancella,  tanto  più  che  alcune 
argomentazioni   dello   stesso  Fabre  non  riescono  punto  a  convincermi. 

G.  B. 


Le  tenzoni  del  frammento  francese  di  Berna  A.  95. 

Do'  una  riproduzione  integrale  delle  tenzoni  contenute  nel  ms.  di 
Berna  A.  95  (cart.  sec.  XV,  cfr.  Hagen,  p.  144),  persuaso  di  rendere 
agli  studiosi  un  piccolo  servigio. 

Si  tratta  di  un  frammento  di  quattro  fogli  d'un  ricco  canzoniere 
quasi  per  intero  distrutto  e  perduto.  I  tre  primi  fogli  contengono  una 
serie  di  tenzoni  delle  quali  il  Raynaud  non  ha  tenuto  conto;  e  non  si 
capisce  il  perchè  di  questo  immeritato  oblio,  dal  momento  che  il  catalogo 
dello  Hagen  era  già  edito,  quando  il  Raynaud  compilava  la  sua  utile 
bibliografia  ^.  1  tre  fogli,  per  fortuna,  si  seguono  ininterrottamente  e 
avevano  entro  il  manoscritto  i  nn".  87,  88,  89.  Il  manoscritto,  a  sua 
volta,  era  di  non  poca  importanza.  Si  rivela  imparentato  con  i  mss. 
Vatic.  Reg.  1522  e  1490.  Un  guadagno  reale  si  fa  con  il  componi- 
mento n.  9.  Eccone  la  breve  tavola  : 

1.  Lambert  le  vous  amies  b'n  loyalment 

2.  Griuelier  fé  vous  auiez 

3.  Sire  jehan  bretel  confeil  vo'  p*e 

4.  Jehan  de  griuel'r  maintes  fiez. 

5.  Sire  bretel  je  vous  vueil  demandar. 

6.  Griuelier  or  y  perra 

7.  Griuelier  fé  vous  cuidies 

8.  Griuelier  du  quel  doit  eftre 

9.  Griuelier  a  ama  requefte 

10.  Griuelier  jaime  miex  de  moi 

11.  Je  vous  demande  criuelier 

12.  Auoir  cuiday  engignie  le  marchie 

13.  Adam  vouries  vo'  manoir 


^  Il  quarto  foglio  contiene  gli  ultimi  nove  versi  di  una  poesia  che  non 
riesco  ad  identificare  (col.  a:  «Douce  dame  plaisant  et  franche»  ecc.)  e  il  prin- 
cipio di  un  lungo  componimento  che  incomincia  (col.  a:  «Li  bes  jounesce 
nomes  estoit  —  Trop  biaux  qui  apoint  y  arestoit»,  ecc.).  Entro  la  busta  che 
contiene  i  nostri  frammenti  si  ha  un  foglietto  pergamenaceo  del  sec.  XIV" 
(«Si  lor  estoit  ml't  deduiz  —  qiit  si  haute  chose  trouerent«)-  Esso  apparteneva 
(come  ho  avuto  modo  di  convincermi)  al  ms.  di  Berna  393,  descritto  dallo 
'Hagen,  a  p.  361. 


44  GIULIO  BERTONI 

14.  Lambert  doit  mielx  avoir 

15.  Biaux  griuerr  lequel  facointa  miex 

16.  Ferri  fé  ja  dieux  vous  voie 

17.  [L]ambert  il  lont  dui  amant 

18.  Jehan  bretel  relpondes 

Faccio  ora  seguire  la  riproduzione  diplomatica  e  la  ridroduzione 
zincotipica  del  prezioso  frammento,  lasciando  in  bianco  i  versi  e  le 
parole  che  i  guasti  subiti  dal  manoscritto  ci  hanno  invidiate. 

Lambert  fé  vous  amies  b'n  loy  (e.  1")  ^ 

alment.    vne  dame  qui  fuft  fa 
gè  et  vaillans.    le  quel  aries 
vous  plus  ch'r.     Ou  quelle  vous  amaft 
fouffifanment.     Et  autres  fuft  du  corps 
de  luj  tenans.     Et  leuft  p'fe  amoulier 
Ou  elle  euft  aautri  famour  donnee. 
Et  leuffies  efpoufee 

Sire  Jehan  bretel.    certainemt.    sca}^  et 
fi  nen  fuis  de  Riens  doubtans.     Que 
pò  mon  cuer  apaifier.     Me  vauroit  miex 
que  madame  au  corps.  gent.     Euft  ba 
ron  et  fust  amoy  penfanz.     Car  je  fca)^ 
tout  fanz  cuidier.     Qua  qui  qui  grift 
que  dame  mariee  Veult  acomplir  fa 
pensee. 

Ferri  ce  vient  de  trop  poure  effient. 
Que  miex  ames  amengier  auec  lez 
feruanz.    quec  le  conuent  pmier.    qui 
fa  féme  a  afon  vouloir  la  pnt.     En 
cor  aies  vous  ch'r  les  Remenanz.    mi 
eux  valent  li  mes  plenier.     Cil  a 
trop  mieux  qui  a  joye  aduree.     Que 
cil  qui  a  jo)X  bee 

Griuelier  fé  vous  auiez.     Ione 
temps.    vne  dame  amee.     Et 
encore  lamiffiez.     Selle  eftoit  vers  vo' 
iree.     Q)ui  vous  deuroit  plus  defplai 
re.     Ou  selle  auoit  fon  affaire,    du 
tout  en  tout  en  vous  hair  tourne. 

^  Nel  margine  superiore:  1]I[>^>^  vij. 


LE  TENZONI  DEL  FRAMMENTO  FRANCESE  DI  BERNA  A. 


95 


45 


Wi^MP'-IIW^P^WfRraWiaKHT  ,fi«» 


.Wl««5    "ì*.-; 


-     .ir»*»  ^-H  '*?(t'\»^u' 

f  tv  ^ 

•'•  1     .^  une  Ì<<  ^c-*'*- '>'fi< 

.'    l'i.-.-      ..:;"ii  S<rH:    .,  ■".■•ii(,-  3»,.  ,,  *'".•    (^  .„!,, 


.     i.T   «i'MS-  (>1i:»i   t;^!*-'     "Tr-W 


•  f«>?;    fWH  fejwj  -H»^v 


46  GIULIO  BERTONI 

Ou  celle  vous  auoit  fi  cubile,    qlle 
nen  fuft  mille  fois  louuenant 

Sire  la  demande  elt  gries.     Mais  jen 
dirai  ma  peniee.     Mieux  vouroie  ce 
fachies.    qmoy  hair  fuft  atournee. 
Car  m  . .  pais  encore  faire  poroie 

erte  eft  .  .  .  . 

cnez  ....  e 

fouuient  de  bien  ne  de  griefte  Je  nen  (e.  1^) 

vueil  pas  oltre  fi  eflong' 

Griuelier  aincois  aries  vn  gnt  ire 
oublie.     Que  mife  apais  naries. 
Cruel  hairie.    ne  acordee.    baine  eft 
trop  de  put  aire.     Mais  je  vous  di  bi 
en  fani;  taire.     Que  oublier  vient 
de  debonnairete.     Dieu  pardonne  auat 
le  pechie  oublie.     Que  le  petit  dont 
il  fouuient  cent  ans. 

Sire  Jehan  bretel  confeil  vo"  p'e 
vSil  vous  plaift  le  me  donnes 
jaim  vne  dame  fanz  villenie 
fage  plaifant  pleine  de  giit  bonte 
vn  mien  compains  qui  picca  eft  a 
les  hors  du  pais.    bien  lamoit  fanz 
ticherie.    et  me  dift  que  gardaffe 
famie.    et  je  li  os  encouuent.    le 
quel  me  leeres.    famour  prier.    ou 
fouffrir  les  grietes 

Robin  ne  fcay  coni  leyal  compagnie 
as  aceluj  dont  tout  bien  teft  Remez 
Sii  a  fa  dame  laiffie  ^  gardes  la  bien 
Et  foies  apenfes  quii  y  affiert  je 
qui   fuis  tes  ainfnez.    fc  ie  lamoie 
et  leuffe  en  baillie.    de  luj  p'cr  ne 
me  tenroit  on  mie.     Bien  qui  neft 
quis  ne  puet  eftre  trouuez.     Et  cha 
fcun  fu  pour  fon  preu  faire  nes 


'  Sul  rigo,  della  stessa  mano:  oi  ta  narde. 


I.E  TENZONI  DEL  FRAMMENTO  FRANCESE  DI  BERNA   A.  45  47 

Sire  jehan  vous  feries  gnt  folle 
de  la  p^er.    fé  mes  compains  feft  tat  ^ 
fies.     En  moy  que  fa  dame 
laiffie  mait  en  garde  moult  fuis 
de  luj  ames.    fé  fes  defirs  eft  de 
moy  violes.     Moult  me  doit  on  bla 
mer  par  ma  fotie.    Nfe  amitie  est 
ainsi  departie.   jaim  miex 
....  doulours  que  fan  de  ...  . 
ne  .  .  doulou  .  .  , 

Iehan  de  griuel'r  maintes  fiez.  (e.  1'-') 

Ay  demande  et  parti  a  vo' 
de  plufieurs  parties.     Or  Ref 
pondes  acefti.    le  quel  alme  mieux 
adroit.     Ou  cil  qui  si  cler  y  uoit.    quii 
fcet  deceuoir  famie.     Ou  cil  qui  en  li 
fé  fie.     Tant  quii  fé  laift  deceuoir  et 
ne  le  fcet  aperceuoir. 

Sire  bretel  foriugies.    ne  Rent  ia  a 
mours  par  mi.     Cil  aamours  couchi 
ees.    qui  fait  le  femblant  damj.    p 
puis  famie  decoit.     Mais  cil  aime  fi 
com  il  doit  lui  meifmes  entroublie 
Et  met  en  autri  baillie.     Corps  hon 
neur  et  auoir.     Or  vous  en  ay  dit 
le  voir 

Jehan  li  pleing  de  folies.    qui  mettet 
eux  en  oubli.     Ont  damours  voies 
maries,    li  peu  fachant  abaubi.    nai 
ment  pas  en  bon  endroit.    le  fages  q' 
fé  penoit  de  venir  afeignourie.     Aime 
adroit  quoy  que  nul  die.     Qui  ne  bee 
a  valoir.    ne  fé  doit  ofer  douloir 

Sire  bretel  je  vous  vueil  deman 
der  q3t  fin  amant  aplus  fei 
gnourie.     Ou  qiit  il  veult  les 
foulas  Recorder,    quii  a  eus  damours 


^  tat  della  stessa  mano  nel  margine,  accanto  a  oi  tuoy  cancellato. 


48 


GIULIO  BERTONI 


;'J^Kp_9c  vl^ifwm^?  Y'U-n^e..  J>-»-'fef 
'i^^^      /.!    fv        'a       -  ' 

\c   Te  A^i^  ,UJ«VClWtt- 

4*0      15 '.11    f-rt-Jf  I-i    linUtUltjC^OI^f  '  p 

fcpf -oicr  CM  <tittin  Unftw    S^^-^-  iV« 

w-i»»  eli  iMiKli.  ^>n  ■■£.vn»»*»M'».     vt<* 
Mittnco     h  W»  Cu-ftjitr  ap^nthi    ha» 

■MtCMt  TCKIf  e».  RjD  «:»fj!<>tt   ■    le    T'Il^cO-,"» 

•Otwf  4imyr>  ^TiM  itirf  ^w      J^^♦^  >••  :  (ve 
,l£o||o  Tittii  C^t«l      |<-*  "-vvni.».  s.mt:ti  d.-^twin 

S  j^H'  "^yrut)!*»!»:    J>i«  «tur  ir^»cnlt'  wc- 
y  f.>«UiG  "K:«3«xSa*    »VM»K\  Clic-  ^vnvr»ii-«> 

An-vv>Mt-  ,^»w*  •J>»>'3k:  fatttt-  jT-viefr 
v»v:  ^«  tt*nr  .tjjji?.  .v»M«'  '-:  »-ir>»»»ie»»r 

/,«-  if»  -  |hl;- ,*.»i«^  «u*.  1-    ; 


ilci»vt^»<"t-i  Se-nt  ■>«  inw«  p*»ipi  :»'t/r- 
liscsxf  -MC  ùx-c  iwc'dc  fallir  <c^»um»>*' 

MA 


luxeutft' .  sr>v  -14  V*^*^*^  ■  •■^•y»»»*"  '■^k.'vtó 


^ucc-  Intrici-      .;  ttii 


t^'i»  <n 


r. 


i>i»i?'»n*e'    lo.'M»-^  A.'~oie 


MI  t»?l,p-i,_-.-   ■ACKV'S  1 
ti  -il 


.VMie      pii>    pv  er  f.uu  LT>.*itv 
\irnu:    nii  v-un-at?>  vi-     «j-ii^*»)  ^11  ^*i^  C» 

•ypMX-  vfxitc  »-il  i;»»4  .>-|U»»l4C-    yt>UUt^    ne 

tJItC'-vW'rclUV!     MdH     Y'^t^   '"*-*        '*    HUU 

fiitf  Mc>i'?»>ii^!Vt.    -mie      V'ir  ~-/ì»-c  «bi 


«aI  v^ni    »iA  i»Tnr  e/2\: 


rj'^vi»*  <-Mi*^ie<;  »t«c 


te  tVTIC  !lC<r 


{?>c  .-S'il»x*»»<?ict 

■KJWiO»   -11^)  A^/jf 
1»  -vo-iiv-  H<*m<««v 


-wo-nc 


9o«>^o»w 


valine  ti- --ooiie  «^fì'?^/■^/^li::?     lo   t»»;i»»' 
^ne  tu'»»  fè-iwi/p;     »p»  ?in»»,^  "^Z*   " 
l<»n<y»i<^.   ^r  fc«  «4ìici>i)  »"  '  * 
<  07i%p<i  ■vV.-.'Bticr  .1VI.S4-    «t  ♦  afr'è^, . 

ttn  -MI»»-»  ;''^--t»ccf" 


LE  TENZONI  DEI.  ERAMMENTO  ERANCKSE  IH  BERNA  A.  95  49 

et  damie.     Ou  aceluj  point  que  le  de 
duit  empnt.     Je  vueil  (auoir  le  juge 
ment 

Je  vous  Refpons  jehan  de  griuelier. 
Au  point  qua  Joy  de  lamie  jl  nelt 
mie  du  tout  apais  ains  le  comiient 
doubter.    deltre  deceus  dont  fa  joie 
amenrie.     Plus  a  de  bien  en  bon  Recor 
dement.     Car  il  le  fait  lanz  paour  et 
.  .  ment 

....  ire  jehan  vous  ne  lauez  parler  couìt 
damours  deduit  est  la  maiftrie.     Dont  fc.  l'^J 

Recort  vient.     Dont  ne  puet  lembler 
Que  Recort  pait  ce  qui  li  donne  Vie 
Recort  ne  fert"fors  de  tant  feuleint 
Que  Redit  ce  que  deduit  li  apnt 


Griuelier.     Or  y  perra.     Còmt  vous 
faues  jugier.    le  quel  fait  miex 
ap'fier.     On  cil  qui  onques  nama 
par  amours  jours  de  fa  vie.     On  cil 
qui  par  tricherie.     Aime  et  a  toufios 
ame  fanz  foy  et  fanz  loyalte 

Sire  ne  crerray  ia,    quen  en  doie  lo 
fengier.    plus  fait  ablafmer.    et  def 
pifier.     Que  cil  qui  onques  nama.    ne 
que  volente  nen  prift  mie.    le  mal 
fait  nen  doubtes  mie.    doit  eftre  plus 
blafme.    que  cil  qui  na  point  effe 


G 


riuelier  fé  vous  cuidies  que 
vre  amie  amaffe.    dites  le  quel 
vous  prendries.     Ou  que  je  vo' 
encontraffe.  q3t  vous  iries  par  nuit 
ali  parler.     Amon  iLfir  et  deuffies  entrer 
Ou  qnt  vous  en  iffilfiez.     Et  ji  ent"f 
fé  tous  lies 

Sire  jehan  ce  fachiez.     Se  couroucier 
vous  ofaffe.    ja  refpondu  nen  fu[[es 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1910. 


50  GIULIO  BERTONI 

Que  ny  vo}'  bonte  ne  gce.     En  nuì 
des  deux.    mais  pò  vous  honnorer 
vous  aim  mieux  encontrer  q3t 
vous  venriez.     Et  jen  iftroie  paies 

Griuel'i'  vous  choisissiez  le  pieur 
que  trop  fé  iralfe.  qui  damie  eft  ei 
longniez.  Et  fen  aucun  ilaifle  Car 
temps  de  duel  aries  arecorder.  les 
b'ns  que  je  pourroie  en  luj  trouuer 
Que  fé  parti  men  famee  ,  .  .  vous 
.  .  ndemouriez 

Griuelier  du  quel  doit  eftr'e  le  ma  fc.  2")  ^ 

ri  plus  engoiffeus.  Ou  q3t  fa  fé 
me  a  anpftee.  Mis  quatré  ou 
trois  ou  deux  de  jours.  De  parler  p 
mit  aluj  piueement.  Mais  il  fcet  b'n 
du  tout  que  li  ment.  Ou  q3t  il  fcet 
que  vne  fois  la  baifie.  Sanz  parler 
plus  ne  fut  de  lui  proie. 

Foy  que  je  doy  faint  filueltre.     Sire 
tieux  giens  font  hontoux.     Mais  trop 
est  feme  panfee.    qui  afon  mari  fait 
tei  tours.     Que  le  baifier  consent.    pi' 
li  meffait  en  celuj  atouchement.    q 
fé  journee  tonte  fa  vie.     Auoit  an  p 
ftee  et  puis  menti  done  fie 

Griuelier.    ama  Requefte.     Refpo 
des  je  vous  demant.    la  qlle 
eft  plus  praifte.    de  faire  le 
gre  fon  amant.     Ou  celle  qui  le  con 
forte  et  apaife.    toutes  les  fois  que 
le  fcet  amalaife.    fanz  ce  que  plus 
enfeift.     Ou  celle  qui  parie  aluj  fou 
uent.     Volentiers  et  tout  feurement 
Et  fa  penfee  lideift 

Sire  bretel  voftre  enquefte.    vous 
Rendray  maintcnant.     Celle  ne  fait 

'  Xol   marojne  supcriore:  IIIl-^'*^    viii. 


LE  TENZONI  DEL  FRAMMENTO  FRANCESE  DI  HI.KNA   A.  95 


51 


>•  •  4fi->Te  .-cu.:,  ^i  ' 

■     pioli  »tt*  <}>»>J    IH.     ' 

-    ini  ah''  '  >"'•   f*i«Mi.- -w -.'v   ^--»«<?jB 

•  ^» 

1  (    {x<t'ìi'->:f 


'.4V  ,, 


f 

»^>n•»«<:^■  fe- 
ci? T^rtl*-  >i 


./n-  . 


«1.    ^V    . 


^•■T 


»n«  ■'>»•  ■■**»*■ 


52  GIULIO  BERTONI 


pas  molefte.     Afon  ami  mais  bien 
moult  gnt.    qui  de  doulour  le  Reueult 
mettre  a  aife.     Mais  je  croy  qami 
trop  plus  plaife.    qjt  tout  fon  cuer 
li  geift  UH  femble  bien  quelle  ai 
me  plus  leyalment.    puis  quelle 
ueult  quii  lache  vraiment.    qua[que]  • 
fur  le  cuer  li  giit 

Jehan  biau  trait  darbalelte.    qui  fa[ne] 
ami  dolent.     Tant  endite  et  amoune 
[Ite],    que  lie  le  face  et  joyant.     [Si] 
faite  amour  ne  puet  eftre  mau[uaise.] 
Elle  vault  mieux  foy  que  doy  faint  (e.  2^) 

nicaile.     Que  celle  qui  fi  obbeift.    a 
tant  plaidier  que  ne  puet  nulleiìit. 
Tant  valoir  ce  quon  ot  q  ce  quon 
fent.     Netant  de  pourfit  nen  ift 


Griuelier  jaime  miex  de  moy 
la  feme  avn  cheual'r  El 
le  maime  en  benne  foy.    fes 
fires  ma  moult  chier.     Et  formet 
en  moy  fé  fie.     Doi  ie  le  dieux  vo' 
beneie.    pour  luj  la  dame  eflongnier 
On  jen  doy  le  deuoir  prendre  felle 
le  mot'e 

vSire  fé  par  fon  ottroy.     En  poiez 
vo  defir  auoir.     Naies  pas  effroy.    ne 
doubtance  dembracier.     Samour  et 
fa  compengnie.    quoy  que  fes  ma 
ris  en  die.     Selle  vous  veult  ottri 
er.    fon  deduit  par  bel  p^er.     Ce  ne 
Refu[es  mie 

GriuelV  ml't  gnt  anoy.    me  loes  pò 
chacier.     Se  de  luj  le  preng  je  croy  jen 
perdray  sanz  Recouurcr.     Mon  amj 
par  ma  folie.     Et  fi  eft  la  dame  lai 
die.     De  luj  pò  mo)'  couroucier.    lors 
pourray  vif  enragier.     Et  fi  ert  cel 
le  mal  baili  ie 


LE  TENZONI  DEI.  FRAMMENTO  FRANCESE  1)1  liKRNA  A.  95  53 

Ie  vous  clematide  criuelier  Rei" 
pondes.     Se  vous  araies  belle 
dame  et  l'enee,    dites  le  quel 
leroit  mieux  vo  gres.     Ou  le  lamour 
auies  conqueltee.     De  ufe  l'ens  fan 
autre  pourueance.     Achief  dun  an 
lans  peine  .  .  .  .  z  ^  greuance.     Ou  par 
moyen  que  ....  b'n  amiffiez  d 
dun  moys  ....  leullies  ? 


dame  defiree.     Car  mieux  leroit  mes  (e.  2'^) 

affaires  celes.     Mais  que  lamour  aie 

achief  de  lennee.    bien  loyalment  par 

bonne  vaillànce.     Que  de  fon  fenz 

quon  aquiert  par  honnorance.     Joye 

damour.    trop  elt  miex  apoies  ^.    que 

cil  eftoit  par  un  autre  poiez  * 

la  pieur  part  criuelier  pris  aues 
nul  nelt  leur  dauoir  longue  duree 
Se  vous  mouries  ains  que  fuLl'iez 
ames.  fanz  joie  auoir  aries  vo  vie 
vfee.  Cil  fait  moult  miex  qui  par 
autri  fauance.  Que  cil  qui  mct  luj 
en  detriance.  fon  defirer  plus  lon 
guement  est  lies,  le  toft  joyant  q 
li  plus  detries. 


A 


uoir  cuiday  engignie  le  mar 
chie.    q3t  conuoitay  dame  bel 
le  et  jolie.     Et  tant  poquis 
quelle  mot  ottrie.     Quelle  mamoit 
et  me  fist  courtoifie.     Mais  le  mar 
chie  ma  trop  mieux  enginie.     Car  en 
luj  na  foy  ne  loyalte.     Ains  ki  chafcu 
a  fon  tour  gaengnie.     Adam  a)-  ie 
perdu  ou  gaengnie 


'  Carta  stracciata.    L.  forse:    et  fauB. 
^  La  carta  è  stracciata. 
^  L'  -0-  ben  chiaro.    R"-:  apaies. 
*  R2  :  paies. 


54 


GIULIO  BKRTONl 


^Ptcftvtc    4^<"--  w!Cti<»  fextfit  tue* 


fi  -V  / 

f^^^o1<a^■  <#  lìce  -  fj  cs^ì' ^'*T<*»»«".  •] 
t%icifi<.'  S-m'iiUK  »Aj*»tjl-.n  <w»ifi».*^J'  " 


i>.^^)  imi  tcìtipi.  *>V<uc:  liVinViWri'! 
^^.-'•^aa;  fc:«<t  c«SMi«if  «  »vi»»tv  *,  Aiti^ 

fci»nt/T|)cV)t>-AmMa..rT<>iit  fcuft  ft*..^. 
if  I  j  «|7i«P  ^>Jir  mk^*  ,1 

»  cft  iettali»  .  if  t  'J>»t/r'9»Vminw-c> 
}dirt\»  yoc«r  Cirfi^oe■^*^\A- 


LE  TENZONI  DEL  FRAMMENTO  FRANCESE  DI  BERNA  A.  95  55 

Sire  jehan  bien  aues  elploitie.     .Se 
de  ve  dame  aues  a'O,  joie  acompHe 
Coment  quelle  alt  cuer  et  corps  en 
techie.     Datraire  a  luj  ^  eeulx  dont 
elle  elt  proiie.    le  cuer  en  aues  fanz 
faille  irle.     Mais  puis  quaues  fon 
deduit  deleure.    Et  bonncment  feft 
avous  obligie.     Je  tieng  vo  t"'uail 
a  bien  emploie. 

[A]dam  pourement  ,  .  .  foutillie,    fé 
....  quis  a  .  .  .  .  eferie.     Et  qn 


OS  ie  apndre  agtit  piante,  qnt  je  pdi  (e.  2'') 

ce  que  jauoye  conquefte.     par  fon 
meffait.    celle  la  moitie  plus  Recon 
forte  quen  doumagie. 


A 


dam  vousriez  vo'  manoir  a 
aras  tonte  vo  vie.     Et  euf 
fies  tout  lauoir.    qui  ens  eft 
et  belle  en  vo  baillie.    qui  fust  a 
uec  vous  manans.     Et  lamiffies 
bien  tout  temps,     Mais  jamais  pi' 
que  vous  deux  ni  verriez.     Ne  ja 
mais  hors  de  la  ville  niftries 

Sire  tout  ce  vueil  ie  auoir.    fanz 
autre  compengnie.     Car  ades  main 
et  foir  feroie  fanz  -jaloufie.     Ja 
chien  en  cuifine  eftans.    nert  de  fon 
per  defirans.     Mien  effient  par  tei 
couuent  prendries.    la  dame  et 
tout  ce  fé  achois  eftiez 

Adam  b'n  puet  perceuoir.    homs  qui 
cler  voit  vo  folie.    vfe  preu  ne  fauez 
vouloir.     Richefce  ne  druerie.    ne  vo' 
feroit  pourfitans.     Tout  feulz  la  fc 
ries  Reftans.     Et  feul  come  p'fonni 
er  viuriez.     Et  come  paien  c|ue  ja 
meffe  norries 

^  Prima  di  ////  si  le.ijoe  rifx  cancellato. 


56  GIULIO  BERTONI 


Lambert  lequel  doit  mielx  a 
uoir.     Volente  de  faire  vaffela 
gè.     Ou  cil  qui  fert  amour  ou 
bon  efpoir.     Atendant  le  louuerain 
auantage.    qmours  promet  et  done 
as  fins  amans.     Ou  cil  qui  a  pmain 
.  .  .est  tenans.     Et  joil't  damours 
.  .  ut  afa  volente.     Je  vueil  fauoir 
de  vous  la  verite 

Sire  jehan  bretel  [achies  de  voir 
.  .  eux  doit  auoir  li  honn  cuer  et  co  .  . 
....  lui  p'fier  et  faire  valour 

Qui  damour  elt  en  li  bon  eltage.    que  (e.  3")  ' 

jl  en  ioilt  àlon  vouloir  tout  temps.    q 
cil  ne  doit  qui  Riens  neft  pnans.     Ri 
ches  homs  doit  plus  faire  de  noblefce 
Que  vn.  poure  homs  qui  lert  pour 
Richelce 

lambert  ferri  bien  doit  faire  -  pa 
roir.     Cil  qui  delire  a  joir  fon  berna 
gè.    par  ce  puet  on  cuer  de  dame 
efmouuoir.    le  preux  defert  que  fes 
maulx  affouage.     Mais  cil  qui  joift 
puet  bien  eftre  areftans.    par  ce  elt  fa 
dame  congnoiffanz.    que  au  point 
quii  fu  plein  de  joliuete.    que  ce  ne 
fu  fors  pour  famiftie 


Biaux  griuel'r.    le  quel  facointa 
miex.     Enuers  amos,  ou  cil 
qui  des  jouuent.     De  feize  as 
fu  en  amours  ententiex.     Et  ama 
tant  quii  en  ot  demi  cent,    puis  le 
laissa  tout  haities  et  tout  fains.     Ou 
cil  qui  ot.    quarante  ans  ou  plus  ains 
Conques  amaft  qjt  fé  p'ft  alamer 
Et  ama  puis  tant  com  il  pot  durer 


'  In  alto:  IIIXX  jx. 

-  Prima  di  /dire,  si  ha  cjtrc  cancellato. 


LE  TENZONI  DEL  FRAMMENTO  FRANCESE  DI  BERNA  A.  95 


57 


-'::4 


"    r     ^       ^        ■  '    r. 

■sy.v,  .'-.e    ■j.»viv\.;t>r    Se  l«f■^■.<^  »<.(? 

»^r<ii«»  ^*t.  i-jju«is'.nt^r  *iv.'.' .-1!  vhi^    •.,)*   . 
J-v-^uinco  »-i>«.i^    òn    fc  yp  t^lN^iK-i- 
'ÌEr';;Si' jJui>!i  ♦^^>;/^  nu»itff -iiiJi^  ?»-i<iTiV 
-3.>,.  ^  tvc^'Scnv   ■»»<:  fixt  te  ìnfcc-jì^r 

1   V     '^ìMirii^   timi  lisrst"  ^»  »i  vxiijsa.i 
■..;>ic     >j, lì'  .,-vi  tmii-'trc  A'it  l'i  )• 
^frt  et  £m>  fi»-:-!-     ^t  tp<  c'fr« 


t''' 


onci 
,«0 


58  GIULIO  BERTONI 

vSire  jehan  cil  eft  moult  pou  foutilx 
(^)ui  de  ces  deux  ne  fcet  le  jugemt 
puis  cjue  li  homs  atent  tant  quii  est 
viex.     Aincois  quii  aint  il  a  mauuai 
l'eiiit.    peie  amours  de  ce  loies  cer 
tains.     Car  en  amours  doit  li  homs 
pmerains.     Mettre  fon  temps  fa  [jou| 
nefce  et  fon  cuer.     P2t  qjt  est  v[iex] 
adieu  merci  crier 


F 


erri  le  ja  dieux  vous  voie 
quel  vauft  miex  avre  fen 
Ou  apais  piante  de 


ne  et  fanz  ahan.     Ou  en  perii  et  en  (e.  3^) 

grief  peine.    trois  fois  chafcune 

fepmaine 

Sire  moult  miex  leeroye.    avous  et 
atoutes  gens,    les  trois  fois  le  dieux 
me  voye.     Que  les  neuf  ceft  mes 
affens.     Si  en  fouftenray  bien  mon 
pan.     Ne  men  ofteres  cen.     Que  joi 
e  qui  foit  loingtaine.    vaille  tant 
que  la  procliaine 

Ferri  apais  miex  ameroie.    gnt  de 
duit  qui  fuft  lens.     Cun  autre  ha 
ftien  ne  ferole,    tout  pleing  dempef 
chemens.     Jaim  miex  le  marchie 
•  fanz  engien.     Il  fait  bon  par  l'aint 
jehan.     Atendre  vne  quarantaine 
pour  auoir  fa  joie  pleine. 

Sambert  jl  font  duy  amant 
dim  fens  et  dune  puifiance 
.Si  aiment  deux  dames  dun 
gnt.     Dun  p's  et  dune  vaillance.    li 
vns  aime  en  tei  maniere,    quii  na 
pouoir  quii  Requiere.    fa  dame  de 
villenie.     Et  li  autre  neltudie.    fors 


LE  TENZOXI  Di:i,  FRA.MMKNTO  FRANCESE  1)1   13ERXA   A.  <m  59 

a  ce  quen  ait  ia  volentes.    le  quel 
elt  plus  adroit  en  amoures 

Sire  bretel  maintenant.     V^ous  en 
diray  ma  femblance.    moult  acil 
le  cuer  vaillant.    qui  e[t  de  tei  alte 
nance  ...  il  ne  veult  ...  re  p'ere 


Celt  vne  amour  defputiere,    q  jt  on  fait  fc.  3'^) 

damour  giit  chiere.    pò  delirer  amoi 

tie.    damour  qui  neft  pas  furnie. 

Nert  ia  fin  cuer  poies.    ne  faoulez 

Cest  trop  grief  fais.    qui  tout  pent 

a  vn  les 


Iehan  bretel.     Relpondes.    a  ce  q 
ie  vous  demant.    fé  vous  par 
amours  amies.     Dame  belle 
acorps  gent.    le  quel  aries  vous 
plus  chier.     Se  acomplir  voulies 
vfe  delirer.    de  luj  ou  fult  a  or  ba 
tu  veftue.     Ou  en  vn  lit  tonte  nue 
Couuert  de  deux  las.    la  tenifliez 
entre  vos  bras 

Perrot  de  ninelle  oes.    mon  Reipos 
Je  vous  creant.    jameroye  trop  mix 
alfes.    que  ma  dame  que  jaim  tant 
fuft  veftue  afouhaidier.    fauec  lui 
efbanoier.     Me  deuoie  que  leuffe  vene 
En  vn  poure  lit  tonte  nue.    je  ne 
vueil  pas  ce  que  jaim  mettre  en  bas 
Mais  effaucier  pò  plus  auoir  foulas 

Sire  jehan  vous  parles.    aguife  de 
puiffant.    qjt  veftue  la  prenes.    trop 


60 


GIULIO  BERTONI 


Tm^^^m^r:^'"'^ 


rTr-F"''>^<i 


/ 


^tK-i-w»*  e?  <i)»e  Jrt'v'»'^  iitcttt*c«.i^  Urte- 
oKttfr  c/fvvn^^tct'  ^?  -wfiie  ««ti»tr  /imCse 


'I, 


LE  TENZONI  DEL  FRAMMENTO  FRANCESE  UI  BERNA  A.  05  61 

done  amours  Refroidant.     En  dous 

nanes  mais  maiftier.    damours 

ne  dedefirer,    q^t  Refufee  eft  mie.    en 

tre  vos  bras  voftre  drue.     Bien  pu 

et  dire  ....  lonnoures  a  ....  eft  pò 


Giulio  Bertoni. 


Giunte  ag^li   «Inizil  di   antiche  poesie  italiane  e 
relig-iose»  a  cura  di  Annibale  Tenneroni. 

(Or.   'Ardi,  rom.»  1,  441;  II,  185.  325.) 

Q 

Qual  cor  sarà  sì  duro  che  oggi  non  senta 
Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  90  v.  (anon.) 
Qual'  è  sì  duro  core 

Firenze,   1489,  e.  25  (anon.) 

Venezia,   1512,  e.  22  (anon.) 

Venezia^   1556,  e.  32  v.  (anon.) 
Mss.:  Palat.  272,  e.  26  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  11.  27,  e.   166  r.  (anon.i 

Riccard.   1119,  e.  211   r.  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.  1  r.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  47  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  238  (anon.j 

Gamba].  206.  D.  1\',  p.  50  (anon.) 
(Jual  fia  quel  cor  sì  ingrato 

Bologna,  1551,  e.  43  (anon.) 

Bologna,   1580,  e.  63  (anon.) 
(Jual  fu  mai  più  graziosa 

Tes.  spir.  Milano,   1494,  cap.  53  (anon,) 
(,)ual  lingua  mai  potrà,  dolce  Signore, 

Rasm.     \^enezia,  1563,  e.  62  (Pier felice  Caiani) 
Qual  padre,  qual  signore,  o  qual  maestro 

Mss.:  Magi.  \\\.  690,  e.  87  v.  (Feo  Belcari 

Boi.  Univ.  4019,  e.  126  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  8.  744,  e.  10  v.  (anon.) 

Riccard.  2896,  e.  45  -Z'.  (anon.) 

Mouck.  536,  e.  245  (anon.) 
Qualunque  ha  freddo  il  core. 

Ms.  :  Magi.  \I1.  690  e.  47  v.  (Feo  Belcari  . 


IXIZU  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  63 

<^)ualunqut'  sente  dell'  amor  divino 

\'enezia  1512,  e.  32  (Feo  Bei  e  avi) 
\'enezia   1556,  e.  46  (id.) 
Mss.:  Magi.  VII.   11.  27,  e.   165  v. 

Magi.  VII.  690,  e.  79  v.  (Feo  Belcarij 
Riccard.  1501,  e.  41  v.  (anon.) 
Riccard.  2896,  e.  37  v.  (S.  Bernardino)  ■ 
Chig.  LVII.  266,  e.  109  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  \\,  p.  74  (Feo  Belcarij. 
Quando  fu  circociso. 

Mss.:  Gambal.  206.  D.  IV,  p,  77  (Francesco  (T Albico). 
Boi.  Univ.  4019,  e.  91  r.  (anon.j 
Quando  il  suave  e  mio  fido  conforto 

Mss.:  Riccard.  3418,  e.  2  r.  (Fra  Hieronimo  da  Ferrara). 
Quando  io  ti  guardo  in  croce,  o  Signor  mio, 
Venezia,  1512,  e.  51  v.  (anon.) 
Firenze,  Giunti,  1378  (Francesco  d'Albico) 
Mss.:  Palat.  331,  e.  47  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  42  (anon.) 
Magi.  MI.   11.  27,  e.  165  v.  (anon.) 
Quando  le  membra  mie  l'ultima  volta 

Ms.  :  Gambal.  206.  D.  N.  p.  94  (Feo  Belcari) 
Quando  riguardo  il  nostro  viver  rio 

Venezia,  1512,  e.  76  v.  (anon.)  / 

Quando  sarà  eh'  io  non  stia  a  rischio 

Ms.  :  Senese  J.  VIII.  17.  e.  91  r.  (anon.) 
Quando  sarà  quel  giorno,  Jesù  mio, 

\^enezia,   1512,  e.  40  r.  (anon.) 
Bologna,   1551,  e.  21   (anon.) 
Venezia,   1556,  e.  38  v.  (anon.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  94  (anon.) 
Quando  sarà  quel  giorno,  anima  mia 

Raccolta  di   proce  e  rime   per  la  monacazione   di  Raffaela 
Serena.     Napoli.   1858,  p.  8. 
Quando,  signor  Gesù,  sarò  io  mai 

Giustiniani.     \"icenza,   1475. 
Mss.:  Boi.  Univ.  2932,  e.   181  (anon.) 

Marc.  ci.  IX,  it.  182,  e.  189  (Leonardo  Giustiniani) 
Mouck.  8,  e.  125  V. 
Quando,  signor  mio  dolce,  vedrò 

Ms.^  :  Senese  G.  X.  41.  e.  71  r.  (anon.) 


64  LODOVICO  FRATI 

Quando  t'allegri,  uomo,  d'altura 

Laudi  di  una  comp.  fior,  del  sec.  XIV, 
Firenze,   1870,  p.  49 
Propugnatore,  voi.  XII,  P.  II,  p.  381 

G.  Ferraro,  in:  Scelta  di  curios.  lett.  (Bologna,  1876,  p.  32) 
Mss.:  Palat.   168,  e.  6  v.  (Jacopone) 
Palat.   118,  e.  50 
Magi.  VII.  4,  e.  1  r.  (anon.) 
Magi.  VII.  8.  285,  e.  71  v.  (anon.) 
Magi.  Vili.  2.  4 

Magi.  VII.  10.   1132,  e.  46  v.  (anon.) 
Magi.  II.  1.  212,  e.  63  r. 
Rice.  2929,  e.  122  v.  (Jacopone) 
Rice.  1700 

Veronese  Capitol.  750,  e.  36  (anon.) 
Senese  J.  II.  38,  e,  37  v.  (anon.) 
Senes  J.  VI.  5,  e.  89  r.  (anon.) 
Parig.  1037,  n.  7 
Classense  137.  5.  L  (Jacopone) 
Bodl.  Canon.  240,  e.  67  (anon.) 
Chig.  LVII.  266,  e.  284  (Jacopone) 
Napol.  V.  H.  386,  e.  230  v.  (anon.) 
Perugino  110,  e.  70 
Ferrarese  307 

Boi.  Univ.  2o50,  e.  21  r.  (Jacopone) 
Boi.  Univ.  2845,  p.  289  (jacopone) 

Quando  te,  Gesù,  miro  in  croce  appeso 

Atti  d.  Accad.  d.  Scienze  di  Torino,  1866,  p.  142  (Aldobrando 
da  Siena). 

Quando  ti  desterai,  anima  stolta, 
Venezia,  1512,  e.  64  r. 
Bologna,   1580,  e.  61  (Bianco  da  Siena) 
Mss.:  Magi.  VII.  8.  744,  e.  8  (anon.) 

Magi.  VII.  690,  e.  85  v.  (Feo  Belcavi) 
Riccard.  1501,  e.  55  v.  (anon.) 
Riccard.  2896,  e.  43  r.  (anon.) 
Chig.  LVII.  266,  e.   114  (anon.) 

Quando  ti  parti,  Jesù,  vita,  mia, 

Firenze,  1489,  e.  4  (Feo  Belcari) 
Venezia,   1512,  e.  4  (id.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  65 

Venezia,   1556,  e.  8  v.  (id.) 

Firenze,   1578,  e.  9  (id.) 
Mss.:  Magi.  VII.  8.  744,  e.  12  r.  (anon.) 

Magi.  VII,   11.  27,  e.  166  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  4,  e.  10  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  690,  e.  13  r.  (Feo  Belcart) 

Riccard.  1501,  e.  53  v.  (anon.) 

Riccard.  2896,  e.  46  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  114  (anon.) 

Mouck.  536,  e.  245 

Gambal.  206  D.  IV,   p.  8  (Feo  Belcari) 
Quando  ti  sguardo  in  croce,  o  Signor  mio, 
Mss.:  Magi.  VII.  8.  285,  e.  52  v.  (anon.) 

Riccard.  1473,  e.  99  v.  (anon.) 

Riccard.  1666,  e.  3  v.  (anon.) 

Riccard.  29293,  e.  41  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  42  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  124  v.  (anon.) 
Quanta  fatica  dura 

Venezia,  1512,  e.  75  r.  (anon.) 
Quant'è  dolce  l'amore. 

Venezia,  1512,  e.  10  (Feo  Belcart) 

Venezia,  1556,  e.  14  v.  (id.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  19  (Belcart) 
Quant'  è  grande  la  bellezza 

Bologna,  1551,  e.   13  (anon.) 

Venezia,  1503,  e.  11  (Lorenso  de   Medici) 

Firenze,  1578,  e.  3  (id.) 
Mss.:  Senese  J.  Vili.  15,  e.  26  v.  (anon.) 

Senese  G.  X.  41,  e.  39  v.  (anon.) 
Quanti  n'  ha  già  la  tardità  ingannati 

Venezia,  1512,  e.  13  r.  (Frane.  d'Albico) 

Venezia,  1556,  e.  20  r.  (id.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  28  (Francesco  d'Albico). 

Quanto  è  cosa  felice 

Bologna,  1580,  e.  61  (Paolo  Morigia) 
Quanto  è  dolce  e  soave  e  bel  morire 

Venezia,  1512,  e.  89  v.  e  99  v.  (Franceco  d'Albico) 
Quanto  è  grande  la  dolcezza 

Venezia,  1512,  e.  95  r.  (Bernardo  Giambullari) 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  8.  —  191'^'.  5 


66  LODOVICO  FRATI 

Quanto  fa  poco  fructo 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  HO  r.  (anon.) 
Quanto  più  gli  occhi  mie'  versano  in  pianto 

Venezia,  1512,  e.  40  v.  (Feo  Belcari) 
Venezia,   1556,  e.  59  r.  (id.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  I\\  p.  95  (Feo  Belcari) 
Quanto  più  penso,  o  Dio. 

Venezia,  1512,  e.  4  (Feo  Belcari) 
Venezia,   1556,  e.  5  (id.) 
Firenze,   1578,  e.  10  (id.) 
Mss.:  Magi.  VII.  8.  744,  e.  42  r.  (anon.) 
Magi.  VII.   11.  27,  e.  165  v.  (anon.) 
Magi.  VII.  4,  e.  26  r,  (anon.) 
Magi.  VII.  690,  e.  74  v.  (Feo  Belcari) 
Riccard.  1501,  e.  24  r.  (anon.) 
Riccard.  2894,  e.  22  r.  (anon.) 
Riccard.  2896,  e.  26  r.  (anon.) 
Chig.  LVII.  266,  e.  49  (Feo  Belcari) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  154  v.  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  9  (anon.) 
Quanto  sarà  crudele  chi  non  ara  merzede. 
Venezia,  1512,  e.  66  v.  (anon.) 
Mss.:  Magi.  VII.   10.  30,  e.  58  V.  (anon.: 
Riccard.  2929,  e.  26  v.  (anon.) 
Chig.  LVII.  266,  e.  221  (anon.) 
Quanto  sarei  contento 

Ms.  :  Riccard.  1133,  e.  85  v.  (anon.) 
Quento  se'  degna  sia  sempre  laudata. 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  72  (anon.) 
Quanto  sente  di  pazzia 

Ms.  :  Riccard.  1473,  e.   101  r.  (anon.) 
Quanto  tenpo,  o  peccatore. 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  68  r.  (anon.) 
Quel  bambin,  che  per  mio  amore 

Ras  si.  X^enezia,  1563,  e.  25  (Marco  della  Casa^ 
Quel  di  tremendo,  ahimè!  quel  giorno  d'ira 

Rassi.  W'nazia,  1563,  e.  136  (Serafino  Rassi) 
Quel  sempre  gentil  core 

Ms.  :  Riccard.  1501,  e.  77  r.  (anon.) 
Quel  vero  Dio,  che  regge  l'universo 

Ms.  :  Senese  J.  VFII.   17,  e.  113  v.  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICIIK  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  67 

Questa  Maria  donzella 

Bologna,  1551,  e.  43  (Bianco) 

Giustiniani.  Vicenza,  1475,  quad.  e. 
Mss.:  Chig.  LVll.  266,  e.  237  (Bianco  da  Siena) 

Marc.  ci.  IX  it.,   182,  e.  196 

Magi.- VII.  11.  27,  e.  182  v.  (anon.) 

Boi.  Univ.  2845,  p.  275  (anon.) 
Questa  sposa  diletta  de  lo  spirito  santo 

Mss.:  Chig.  LVII.  266,  e.  53  (Bianco  da  Siena) 

Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  16  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  29  v.  e  86  r.  (anon.) 

Magi.  VII  11.  27,  e.  56  r.  (anon.) 

Magi.  VII  3.  1008,  e.  4  v.  (anon.) 
Quest'  è  quella  croce  grande 

Venezia,  1512,  e.  117  v.  (anon.) 
Questi  fu  della  sacra  sede  chiaro 

Bologna,  1580,  e.  6  (Paolo  Morigia). 

R 

Rallegati,  Fiorentia, 

Ms.  :  Marc  ci.  IX  it.,  77.  e.  181  r.  (anon.) 
Rallegrati,  Maria  piena  di  gratia 

Ms.  :  Riccard.  28%,  e.   138  r.  (anon.) 
Recati  a  mente,  miser  peccatore, 

Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  13  v.  (anon.) 
Rice.  2094,  e.  33  v.  (anon.) 
Rice.  2929,  e.  33  r.  (anon.) 
Redentor  mundi,  miserere  mei 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.   109  r.  (anon.) 
Reduciti  a  memoria,  o  uditore, 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  57  v.  (anon.) 
Regina  del  cor  mio  a  te  con  mente  pia 
Giustiniani.  Venezia,  1474 

y>  Venezia,  1490,  e.  49 

»  Venezia,   1475,  e.  e 

»  Brescia,  1495. 

Mss.:  Riccard.  1091,  e.  192. 

Magi.  VII.  11.  27,  e.  150  r.  (anon.) 
Chig.'  LVII.  266,  e.  301  (anon.) 
Regina  del  gran  regno 

Giustiniani.  Vicenza,  1475. 

5* 


68  LODOVICO  FRATI 

Regina  gloriosa  imperadrice 

Bini.  Rime  e  prose,  p.  42  (Astorre  Manfredi) 
Regina  potentissima 

Ms.  :  Boi.  Univ.  2845,  p.  287  (Jacopone) 
Regina  sei  di  ogni  laude  degna 

Tes.  spir.  Milano,  1494,  cap.  35  (anon.) 
Religion  chi  vuol  gustare. 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  67  r.  (anon.) 
Rettore  onnipotente,  Dio  verace 

RttBBi.  Venezia,  1563,  e.  98  (S.  RaBBi). 
Reverenza  facciamo 

Prammal.  cattol.,  1850  (anon.) 
Ricchi  slam,  lieti  e  contenti 

Rubbì.  Venezia,   1563,  e.  67 

Ricorriamo  a  te.  Maria, 

Venezia,  1512,  e  94  v.  (Messer  Castellano) 

Riguardo  in  croce,  e  vedo  il  mio  amore. 

Tes.  sapienza  evang.  Venezia,  1582,  e.  83  (Lorenso  Giustiniani) 
Ringraziam  ciascuna  sposa 

Mss:  Senese  J.  Vili.  17,  e.  87  v.  (anon.) 
Senese  J.  II.  6,  e.  35  r.  (anon.) 
Senese  J.  Vili.  14,  e.  91  r.  (anon.) 
Ringrazia  ciascuna  sposa 

Mss.:  Riccard.  2895,  e.  35  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  17,  e.  87  v.  (anon.) 
Ringrazio  e  laido  Christo  onipotente 
Mss.:  Palat.  172,  e.  58  v.  (anon.) 

Riccard.  1501,  e.  52  v.  (anon.) 
Rimuovi  la  tua  mente. 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  18  r.  (anon.) 

Rinnova  la  tua  vita. 

Laudi  ined.  o  rare.  Venezia,  1869  (anon.) 
Mss.:  Palat.  172,  e.  58  r.  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.  7  v.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  49  r.  (anon.) 
Riposatevi  in  pace,  felici  ossa, 

RaBBx.  Venezia,  1563,  e.  2  (S.  RasBi) 
Riposo  alcun  non  trovo. 

Rubbì.  Venezia,  1563,  e.  77  (Angelo  Bettini) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  69' 

Risguarda  il  tuo  factor  confitto  ii)  croce 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  39  v.  (Firmano  Bichi) 
Risorto  è  Cristo  nella  carne  pura 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.   175  (anon.) 


S 

Salute  in  te,  Maria,  per  Jesù  sposa 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  89  v.  (anon.) 
Salve,  di  Gesù  sposa 

Rassi.  Venezia,  1563,  e.  57  (Nicolò  Fabroiii) 
Salve,  madre  del  salvatore 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 
Salve,  regina  di  misericordia 

Bologna,  1551,  e.  20  (anon.) 

Venezia,  1556,  e.  7  (Feo  Belcari) 

Venezia,  1563,  e.  1  (id.) 

Venezia,  1512,  e.  2  (id.) 
Mss.:  Magi.  VII.  8.  744,  e.  18  v.  (anon.) 

Magi.  VII,  17.  27,  e.  183  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  960,  e.  59  v.  (Feo  Belcari) 

Riccard.  1501,  e.  6  v.  (anon.) 

Riccard.  2896,  e.  7  /-.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  47  (Feo  Belcari) 

Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  153  v.  (anon.) 

Bodl.  Canon.  Ili,  e.  7  (anon.) 

Gambal,  206.  D.  IV,  p.  4  (Feo  Belcari) 
Salve  regina  misericordiosa. 

Tes.  spir.  Milano,  1494,  cap.  38  (anon.) 
Salve,  regina,  o  germinante  ramo 

Giiistiniani.  Venezia,  1474 
T>  Vicenza,   1475 

»  Venezia,   1490. 

Tes.  spir.  Milano,  1494,  cap.  29. 

Capitoli  di  S.  M.  della  Miser.  Pesaro,   1531. 
Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.  109  r.  (anon.) 

Magi.  VII  11,  27,  e.  150  v.  (anon.) 

Mouck.  8,  e.  125  v. 

Salve  regina,  vergine  Maria 

Tes.  spir.  Milano,  1494  (anon.) 


70  LODOVICO  FRATI 

Salve,  sacro  e  santo  legno, 

Bologna,  1551,  e.  14  (anon.) 
Venezia,  1556,  e.  3  (anon.) 
Salve,  santa  ostia  consacrata 

Giustiniani.  \^enezia,  1474. 
Mss.:  Riccard.  2971,  e.  12  v.  (anon.) 
Bodl.  Canon.  50,  e.  74  (anon.) 
Bodl.  Canon.  Ili,  e.  76  (anon.) 
Bodl.  Canon.  50,  e.  74  (Dante) 
Salve,  superna  e  sempiterna  luce, 

Ms.  :  Riccard.  1119,  e.  212  (anon.) 
Salve  tu  sacra  sola  al  sancto  seno. 

Mss.:  Riccard.  2895,  e.  10  v.  (anon.) 

Senese  I.  VI.  5,  e.  115  r.  (anon.) 
Salviti  Dio,  santissima  regina, 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
S'amar  sembra  con  divoti  sospiri 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.   107  (anon.) 
San  Paol,  padre  nostro  et  avocato 

Ms.  .  Palat.  172,  e.  44  (anon.) 
San  Simone  e  Taddeo  tutti  invochiamo 

Venezia,  1512,  e.  44  v.  (Frane.  d'Albico) 
Venezia,  1556,  e.  63  r.  (id.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  108  (Francesco  d'Albiso) 
Santa  Chiara  sia  laudata. 

Ms.  :  Riccard.  1802,  e.  57  r.  (anon.) 
Santa  Lucia  graziosa, 

Ms.  :  Riccard.  1119,  e.  239  r.  (anon.) 
Sapete  voi  novelle  dell'  Amore. 

Mss.:  Magi.  VII.  10.  1132,  e.  95  v.  (anon.) 
Riccard.  1049,  e.  26  v.  (Jacopone) 
Riccard.  2929,  e.  109  r.  (id.) 
Magi.  IL  III.  225,  e.   17  (anon.) 
Sappiatevi  guardare 

Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  42  v.  (anon.) 
Magi.  VII.  8.  285,  e.  51  /'.  (anon.) 
Riccard.  1473,  e.  95  v.  (anon.) 
Riccard.  2894,  e.  11  /'.  (anon.) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77  e.   178  (anon.) 
Se  a  lei  s'andrà 

Ms.  :  Magi.  VII.  10.  30.  e.  63  r.  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  71 

Se  Cristo  ti  diletta,  anima  netta 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  173  (anon.) 
Se  gustiamo  il  van  diletto 

Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  108  r.  (anon.) 
Riccard.   1119,  e.  208  v.  (anon.) 
Riccard.  2894,  e.  33  r.  (anon.) 
Kiccard.  2929,  e.  36  v.  (anon.) 
Chig.  LMI.  266,  e.  98  (anon.) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  38  v.  (anon.) 
Se  Jesù  volle  morire 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  67  v.  (anon.) 
Sei  legno,  o  croce,  creato  nel  consiglio 

Ant.  da  Tempo.    Delle  rime  volg.  Bologna,    1869,   p.  211 
(Ant.  Baratella) 
Seil  corpo  ne'  piaceri  è  consolato 

Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.  114  v.  (Feo  Belcari) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  56  (id.) 
Se  il  mondo  te  desprezza 

Ms.  :  Boi.  Univ.  157,  e.  145 
Se  in  paradiso  egli  è  alcun  beato. 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  135  r.  (anon.) 
Se  io  pensassi  all'  eterna  e  dura  sorte 

RasBÌ.  Venezia,  1563,  e,  53  (Nicolò  Fabroni) 

Se  io  pensassi  a'  piacer  del  paradiso 
Feo  Belcari.  Firenze,  1480. 
Rcissi.  Venezia,  1563,  e.  53  (Belcart) 
Se  la  fortuna  e  '1  mondo 

Lami.  Catal.  codd.  Riccard.,  p.  81  (Stoppa  Bostichi) 
Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  141  (anon.) 
Se  l'alma  pensa  a  quel  che  ti  guerreggia 
Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  97  (anon.) 
Se  la  Sammaritana 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  93  (anon.) 
Se  le  lagrime  spandi  in  pura  fede 

Ms.  :  Riccard.  1802,  e.  53  v.  (anon.) 
Se  mai  la  tua  virtù  vince  la  guerra 

Venezia,  1512,  e.  20  v.  (Feo  Belcari) 
Bologna,  1551,  e.  16  (id.) 
Venezia,  1556,  e.  30  v.  (id.) 


72  LODOVICO  FRATI 

M.-,.-,.:  Magi.  VII,   11.  27,  e.   173  r.  (anon.) 
Magi.  VII.  690.  e.  40  r.  (Belcari) 
Riccard.  1473,  e.  72  v.  (anon.) 
Riccard.  2895,  e.  56  v.  (anon.) 
Senese  i.  Vili.  16,  e.  17  v.  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  45  (Feo  Belcari) 
Boi.  Univ.  4019.  e.  113  (id.) 

Se  Maria  vuol  grazia  fare 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  107  (anon.) 
Se  mi  diletta  di  fermar  la  mente. 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  83  v.  (anon.) 
Sempre  a  Dio  si  vuol  servire 

Venezia,   1556,  e.  2  (anon.) 
Sempre  anima  diletta  per  tuo  aiuto 

Ms.  :  Gambal.  206.  D.  I\^,  p.  64  (Francesco  d Albico) 
Sempre  Jesù  voglio  amar  nella  miente 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  126  (anon.) 
Sempre  laudata  sei,  \^ergine  pura, 

Giustiniani,  Vicenza,   1475. 
Tes.  spir.  Milano,  1494  (anon.) 
Sempre  sia  Gesù  laudato 

Mss.:  Magi.  MI.  10.  30,  e.  43  v.  (anon.) 
Magi.  VII.  4,  e.  12  V.  (anon.) 
Riccard.  2929,  e.  68  v.  (anon.) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  40  (anon.) 
Sempre  sii  tu  laudato,  dolciss  mo  Gesù 
Ballo  del  paradizo  delectevole 
Firenze,  1856,  e.  3  (anon.) 
Mss.:  Magi.  VII.  11.  27.  e.  41  r.  (anon.) 
Riccard.  1802.  e.  54  r.  (anon.) 
Riccard.  2929,  e.  32  v.  e  250  (anon.) 
Sempre  ti  sie  in  diletto. 

Firenze,  1489,  e.  40  r.  (Bianco  ingesuato) 
Firenze,   1510  (anon.) 
Bologna,   1551,  e.  14  (anon.) 
Venezia,  1556,  e.  51  (Bianco  Jesuato) 
Giustiniani.  Vicenza,   1475. 
»  Venezia,   1490 

»  Brescia,   1495 

Crescimbeni.  Venezia.  1731.  I,  245  (Crisostomo  Jesuato) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  73 

Mss.:  Berg.  Gabin.  D.  \'II.  15,  e.  90  (Jacopone) 

Chig.  LVII.  266,  e.  76  (Crisostomo  Jestiaio) 

Marc.  ci.  IX  it,  181,  e.  196. 

Marc.  ci.  IX  it.,   77,  e.  122  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it..  312  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,   145  (anon.) 

Palat.  13,  e.   105  (anon.) 

Palat.   171,  e.  15  (anon.) 

Palat.   172,  e.  125  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  13,  e.  21  r.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  20  (anon.) 

Riccard.  1119,  e.  190  r.  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.   16  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  8.  285,  e.  55  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  11.  27,  e.  141  r.  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  83  (Bianco  Jesuato) 

Boi.  Univ.  2845,  p.  334  (Bianco  Gesnato) 
Senno  mi  pare  e  cortesia 

Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.  101  v.  (anon.) 

Boi.  Univ.  838,  e.  53  (Jacopone) 

Magi.  VII.  4,  e.  74  v,  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  1132,  e.  35  v.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  100  v.  (Jacopone) 

Riccard.  2895,  e.  56  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  192  (Jacopone) 

Marc.  ci.  I  it.,  6,  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.   116  r.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  13^  e.  4  r.  (anon.) 

Senese  J.  VI.  9,  e.  115  v.  (Jacopone) 

Senese  J.  II.  6,  e.  45  v.  (anon.) 

Napol.  XIV.  C.  38,  e.  127  r. 
Se  non  t'ho,  se  non  t'ho.  Cristo,  amore 

Magi.  VII.   11.  27,  e.  143  r.  (anon.) 
Se  pensassi  l'errore 

Belcari.  Parma,   1836,  p.  20. 
Mss.:  Magi.  VII.  690,  e.  19  r.  (Feo  Belcari) 

Riccard.  1501,  e.  69  r.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  14,  e.  5  v.  (anon.) 
Se  per  diletto  ancor  cercando  vai 

Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.  99  v.  (anon.) 

Palat.  331,  e.  49. 


74  LODOVICO  FRATI 

Palat.  172,  e.  54  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  11.  27,  e.  70  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  30,  e.  23  v.  (anon.) 

Riccard.   1119,  e.  210  r.  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.  48  r.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  45  r.  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it,  77,  e.  58  v.  (anon.) 

Senese  G.  X.  41,  e.  19  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  17,  e.  50  r.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  13,  e.  19  r.  (anon.) 

Riccard.  2895,  e.  49  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  222  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  79  (anon.) 
Se  per  Dio,  anima  mia, 

Ms.  :  Senese  G.  X.  41,  e.  78  r.  (anon.) 
Se  per  speranza  a  per  nullo  exorare. 

Motte.  Latein,  Hymn.,  1853,  III,  54  (anon.) 
Se  tu  donassi  il  core 

Venezia,   1512,  e.  31  v.  (Feo  Belcari) 

Venezia,   1563,  e.   141  (anon.) 

S,  Bernardo.    Sette   op.    di    penit.  Venezia,    1846,    p.    119 
(Feo  Belcari) 
Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  169  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  30,  e.  67  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  690,  e.  20  v.  (Feo  Belcari) 

Riccard.  1473,  e.  73  r.  (anon.) 

Riccard.  1501,  e.  70  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.   11,  e.  7  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  300  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  73  (Feo  Belcari) 
Se  tu  pensassi  bene,  anima  mia, 

Ms.  :  Riccard.   1501,  e.  76  v.  (anon.) 
Se  vogliam  grazia  impetrare 

Venezia,   1512,  e.  67  r.  (Frane.  Mar  nocchini) 
Se  vuoi  gustare  il  dolce  amor  Gesù 

Mss.:  Magi.  VII.  690,  e.  16  v.  (Belcari) 

Riccard.  2896,  e.  48  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  144  (anon.) 

Mouck.  536,  e.  247  (anon.) 

Boi.  Univ.  4019,  e.  77  r.  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POKSIE  ITAEIANK  K  RELIGIOSE  75 

Sguardate  el  Salvatore 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.   130  r.  (anon.) 
Sia  benedetto  Dio  del  paradiso 

Venezia,   1512,  e.   113  (Feo  Belcari) 
Sia  laudato  san  Francesco. 

Ms.   :  Palat.  331,  e.  58  v. 
Si  ch'io  ti  vo'  seguire 

Rasm.  Venezia,   1563,  e.  124  (anon.) 

Eirenze,  1518,  e.  24  (Clem.  Pandolfìni) 
Si  come  fa  la  morte 

Mss.:  Riccard.  2929,  e.  140  v.  (Jacopone) 

Magi.  VII.  10.  1132,  e.  45  r.  (anon.) 
Si  come  '1  cervio  le  fonti  disia 
Mss.:  Palat.  171 

Chig.  LVII.  266,  e.  118  (anon.) 

Laur.  plut.  XC  inf.,  27,  e.  118  (Jacopone) 
Sì  forte  di  parlare  io  son  costretto 

Laude  a  M.  V.  Siena,  1863  (Tommasso  Caffarini) 
Sì  fortemente  son  tratto  d'amore 

Ugo  Panciera.  Prato,   1861,  p.  7 

Crescinibeni,  ed.  Ven.,  Ili,  119  (U.  Panciera) 
Mss.:  Boi.  Univ.  838,  e.  7  (Jacopone) 

Riccard.  1049,  e.  19  ^'.  (Jacopone) 

Riccard.  2929,  e.  28  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  54  (Guido  Panmera) 

Senese  J.  Vili  13,  e.  12  v.  (anon.) 

Laur.  pìut.  XC  inf.  29,  e.  159  (U.  Pansiera) 

Magi.  II.  III.  255,  e.  25  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  1132,  e.  6  v.  (anon.) 
Signor,  che  '1  sangue  tuo  per  noi  spargesti 

Ms.  :  Riccard.  1802,  e.  55  v.  e  67  r.  (anon.) 
Signor,  dolce  amore  e  vita 

Ms.  :  Classense  137.  5.  L  (anon.) 
Signor,  dammi  la  morte 

Mss,:  Marc.  ci.  IX  ital.,  77,  e.   130  (anon.) 

Senese  I.  VI.  9,  e.  90  v.  (Jacopone) 
Signore,  esaudì  la  mia  orazione  La  qual  gridando 

Dante.  Op.  min.     Firenze,  1856,  I,  369 
Signore  esaudì  la  mia  orazione  La  qual  ti  porgo 

Dante,  Op.  min.  I,  380. 


76  LODOVICO  FRATI 

Signor,  facci  contemplare  la  divina  caritade. 

Ms.  :  Palat.  168,  e.  34  v.  (Maestro  Latino) 
Signore  Dio,  della  salute  mia 

S.   Bernardo.   Sette   op.   di   penit.  Venezia,    1846,   p.    117 

(Feo  Belcari) 
Venezia,  1512,  e.  9  r.  (Belcari) 
Venezia,   1556,  e.  14  r.  (id.) 
Mss.:  Senese  I.  Vili.  15,  e.  30  v.  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  18  (Belcari) 
Signor  Gesù,  quando  sarò  io  mai 

Venezia  1512,  e.  63  r.  (anon.) 
Firenze,   1578,  (Pandolftni) 
RasBi.  Venezia,  1563,  e.  133  (anon.) 
Signor  Gesù,  tu  sia  lo  ben  venuto 

Ms.  :  Magi.  VII.  690,  e.  54  r.  (Feo  Belcari) 
Signore  Iddio,  che  il  mondo  volgi  e  giri 

Bini.  Rime  e  prose,  p.  47  (Dante) 
Signore  Iddio,  che  sei  signor  del  tutto 

Bini.  Rime  et  prose,  p.  47  (Bindo  Bollichi) 
Signor  Jesù,  quando  sarò  i'  mai  t 

Firenze,  1578,  e.  27  (Clemente  Pantolfmi) 
Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  166  v.  (anon.) 
Riccard.  2994,  e.  29  v.  (anon.) 
Chig.  LVII.  266,  e.  100  (anon.) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  87  (anon.) 
Signor  Jesù,  vu  sia'  lo  ben  venuto 

Venezia,  1512,  e.  8  v.  (Belcari) 
Venezia,  1556,  e.  12  v.  (id.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  18  (Belcari) 
Signor,  io  pur  vorrei 

RasBi.  Venezia,   1563,  e.  122  (anon.) 
Firence,  1578,  e.  '26  (Clemente  Pandolfini) 
Ms.  :  Riccard.  2896,  e.   Ili  r.  (anon.) 
Signor,  merzè  ti  chieggio 

Ms.  :  Magi.  VII.  4,  e.  11  r.  (anon.) 
Signor  mio  dolce,  al  qual  s'appartiene 

Ms.  :  Riccard.  1119,  e.  294  r.  (anon.) 
Signor  mio,  io  vo  languendo. 

Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  26  (anon.) 
Magi.  VII.  8.  285,  e.  42  (anon.) 


INIZI!  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  77 

Magi.  VII.  11.   1132,  e.  15  v.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  64  r.  (anon.) 

Palat.  168,  e.  25  7;. 
•       Palat.  168,  e.  73 

Chig.  LVII.  266,  e.  189  (Jacopone) 

Napol.  XVII.  C.  38,  e.  83  v. 
Signor,  non  mi  riprendrer  con  furore 

Bianco  da  Siena.  Luca,  1851,  p.  160. 

Dante.  Op.  min.  Fir.,  1856,  I,  343. 
Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.   131  (anon.) 
Signor,  per  la  tua  fé 

Rassi.  Venezia,  1563,  e.  105. 
Signor,  quella  pietà  che  ti  costrinse 

Firenze,  1578,  e.  39  (Pietro  Bembo) 
Signor,  soccorri,  aita 

Ras  si.  Venezia,   1563,  e.  21  (anon.) 

Firence,  1578,  e.  26  (Clemente  PandoMni) 
Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  129  (anon.) 
Sii  sollicito  gì'  infermi  a  visitare. 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 

Simone  e  Guida  n'andorno. 

Venezia,  1512,  e.  121  (Bernardo  de'  Medici) 

Si  morì  in  croce  per  te 

Ms.  :  Rice.  2896,  e.  117  v.  (anon.) 

S'io  conoscessi  aver  fallo  commesso, 

Ms.  :  Boi.  Univ.  1739,  e.  79. 
S'i'  pensasi  a'  piacer  del  paradiso. 

Plausi  al  sac.  R.  Bertini.  Pistoja,   1850. 
Mss.:  Magi.  VII.  8.  744,  e.  15  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  11.  27,  e.  167  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  4,  e.  24  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  690,  e.  3  v.  (Feo  Belcari) 

Riccard.  1473,  e.  79  v.  (anon.) 

Riccard.  1501,  e.  3  v.  (id.) 

Riccard.  2894,  e.  42  v.  (id.) 

Riccard.  2896,  e.  3  r.  (id.) 

Chig.  LVII,  266,  e.  47  (Belcari) 

Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  151  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  18,  p.  2  (anon.) 


78  LODOVICO  FRATI 

S'  i'  t'ho  fallito,  Gesù,  e'  mi  dispiace. 
Mss.:  Chig.  LVIl.  266,  e.  39. 

Magi.  VII.  4,  e.  23  (anon.) 
Riccard.  1119,  e.  202  v.  (anon.) 
Riccard.   1473,  e.  97  v.  (anon.) 
Riccard.  2894,  e.  15  v.  (anon.) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.   113  (anon.) 
Senese  J.  Vili.   14,  e.  19  v.  (anon.) 
Soccorrimi,  Signore, 

Ms.  :  Gambal.  206,  D.  IV,  p.  29  (Francesco  (VAlbiso) 
Solo  a  Dio  possa  piacere. 

Mss.:  Magi.  VII.  10.  2132,  e.   120  r.  (anon.) 
Rice.  2929,  e.  113  r.  (Jacopone) 
Marc,  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
Sono  stato  in  paradiso 

Firenze,  1489,  e.  9  (Feo  Belcari) 
Sono  stato  in  peccato  tanto,  tanto 

Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  17  (Belcari) 
Sopr'  ogn'  altro  beato. 

Ms.  :  Riccard.  2224,  e.  7  r.  (anon.) 
Sopr'  ongni  lingua  amore 

Mss.:  Boi.  Univ.  838  (Jacopone) 
Riccard.  1049,  e.  5  v.  (id.) 
Riccard.  2929,  e.   103  v.  (anon.) 
Senese  U.  V.  5,  e.  87  (anon.) 
Magi.  II.  III.  255,  e.  8  r.  (anon.) 
Napol.  Xni.  D.  26,  e.  l  (anon.) 
Napol.  XIII.  C.  1  (Jacopone)      ^ 
Sopr'  ogni  virtù  passa 

Mss.:  Boi.  Univ.  2845.  p.  347  (anon.) 
Spandi,  sole,  i  tuoi  rai  . 

RaBsi.  Venezia,   1563.  e.  39. 
Speranza  se'  de  fra'  predicatori 

Ms.  :  Magi.  VII.   11.  27,  e.  97  r.  (anon.) 
Spirito  santo  amore, 

Bologna  1551,  e.   15  (anon.) 
Bologna,   1580,  e.  66  (Feo  Belcari) 
Il  Getsemani^  strenna,  Napoli,  1857. 
iMss.:  Magi.  VII.   10.  30,  e.  10  v.  (anon.) 
Riccard.  1501,  e.  45  v.  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POKSIE  ITAIJANK  K  RELIGIOSE  7^) 

Chig.  LVII.  266,   17  (Feo  Bel  cari) 

Vicent.  G.  2.  8.   18,  e.  1:59  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  p.  13  (Leonardo    VinwianoJ. 

Napol.  VI.  D.  62,  e.   112  (anon.) 

Boi.  Univ.  2932,  e.  17b  (anon.) 
Spirito  santo  vieni  nel  mio  core, 

Crescimbeiii,  ed    Ven.,  Ili,  193  (S.  Caterina  da  Siena) 
Spiriti  siam  sempre  gaudenti 

Venezia,  1563,  e.  63  (Serafino  Rassi) 

Spirito  santo  pio 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  32. 

Spogliati,  anima  mia, 

Sacchetti.  Rime.  Roma,   1856. 
Dante  e  Sacchetti.  Rime.  Firenze,  1857. 
Mss.:  Chig.  LVII.  266,  e.  123  (anon.) 
Senese  J.  Vili.   16,  e.   1  (anon.) 
Sposa  di  Dio  divina, 

Ms.  :  Riccard.  2896.  e.  58  v.  (anon.) 

Sposa  novella  del  re  del  paradiso. 

Mss.:  Magi.  VII.  8.  285,  e.  44  v.  (anon.) 

Riccard.  2895,  e.  37  v.  (anon.) 

Senese  I.  II.  6,  e.  86  r.  (anon.) 
Sposo  diletto  dell'  anima  mia 

Ms.  :  Boi.  Univ.  2845,  p.  318  (anon.) 
Stabat  Mater  dolorosa 

Mss.:  Palat.  172,  e.  34  v.  (anon.) 

Magi.  VIL  11.  27,  e.  121  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  8.  285,  e.  49  v.  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  ital.,  77,  e.  75  (anon.) 
Stava  la  Vergin  sotto  della  croce. 

Bonfacio  Vili.   Orazione  dello  Stabat  Mater.  Pesaro,  1869. 
Stefano  glorioso. 

Prammal.  Cattol.,   1850  (anon.) 
Stonimi  qui  al  monumento  oguor  piangendo. 

Rassi.  Venezia,  1565,  e.  109. 
Superbia  non  è  altro  che  volere 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 
Suso  a  Maria,  suso  a  Maria, 

Ras  si.  Venezia,   1563,  e.  17.  , 


80  LODOVICO  FRATI 

Su  tutti,  peccatori, 

Ms.  :  Marucell.  C.  152,  e.  58  r.  (Andra  Stefani) 
Svegliati  ormai  dal  sonno,  anima  mia, 
RaBsi.  Venezia,  1563,  e.  l. 

T 

Tacer  non  posso,  e  temo  meschinello 

Ms.  :  Boi.  Univ.   1739,  e.  125. 
Tal'  è,  qual'  è,  non  c'è  religione 

Mss.:  Magi.  VII.  10.   1132.  e.  74  v.  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
Tamanta  disianza 

Opusc.  relig.  lett.  e  mor.,  Vili,  468  (Lilio  di  Stefano) 
Tanta  pietà  mi  tiro  et  tanto  amoVe 

Mss.:  Magi.  VII.  8.  744,  e.   14  (anon.) 

Magi.  VII.  11.  27,  e.   169  i;.  (anon.) 

Magi.  VII.  4,  e.  10  V.  (anon.) 

Magi.  VII.  690,  e.  2  (Feo  Belcari) 

Riccard.  1119,  e.  242  (anon.) 

Riccard.  1473,  e.  82  v.  (anon.) 

Riccard.  1501,  e.  2  v.  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.  9  v.  (anon.) 

Riccard.  2896,  e.  2  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  44  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  59  (anon.) 

Gambal.  206  D.  IV,  p.  2  (Feo  Belcari) 
Tanto  giorno  oggi  richiede. 

Rassi.  Venezia,  1563.  e.  114  (Pier/elice  Caiani) 
Tanto  lume  m'hai  dato,  o  Signor  mio. 

Leggenda  di  s.  Silvestro.  Firenze,  1876,  p.  7  (anon.) 
Tanto  gaudio  nel  cor  sento 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  114  r.  "(anon.) 
Te  Deiim  laudamus,  ciascun  canti  in  eterno. 

Epistola   di  Penelope   ad  Ulisse   dal  volgarizz.  delle  Eroidi 
d'Ovidio  di  Domenico  da  Montichiello.    Firence,  1869^ 
p.  Vili,  (anon.) 
Temete  Dio,  che  è  giusto  Signore 

Mss.:  Magi.  VII.  600,  e.  29  v.  (Feo  Belcari) 

Senese  J.  Vili.  11,  e.  42  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  .   81 

Temo  non  poter  portare 

Venezia,   1512,  e.  3  (Feo  Belcari) 
Venezia,   1535,  e.  7  v.  (id.) 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  6  (Feo  Belcari) 
Tengo  sol  chi  vuol  regnare 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  25  r.  (anon.) 
Tommaso  inclito  e  santo 

Russi.  Venezia,  1563,  e.  48. 
Torna,  amore  Yesù,  a  mi 

Ms.  :  Boi.  Univ.  201  (anon.) 
Tornate,  peccatori,  a  penitenza 

Capitoli  di  S.  M.  della  Misericordia, 
Pesaro  1531  (incerto) 
Torna,  torna  al  freddo  core. 

Russi.  Venezia,   1563,  e.  111. 
Torna,  torna  al  tuo  Signore 

Russi.  Venezia,  1563,  e.  HI  (Marco  Dellu  Cusa). 
Torna,  torna  a  penitenza. 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  98  r.  (anon.) 
Tre  virtù  siamo,  eroiche  e  divine 

Russi.  Venezia,   1563,  e.   121. 
Tromba,  che  '1  divin  suono 

Venezia,  1512,  e.  120  v.  (Bernardo  d'Alumumio  de'  Medici). 
Troppo  perd'  el  tempo  chi  non  t'ama 

Mss.:  Chig.  LVIL  266,  e.  165  (anon.) 
Boi.  Univ.  157  (anon.) 
Napol  VI.  D.  68,  e.  95  r. 
Bergam.  Gabin.  D.  VII.  15,  e.  84  (Jucopone) 
Tua  chiara  stella  ognor,  dolce  Maria, 

Venezia.  1512,  e.  121  v.  (Bernurdo  d' Alumunno  de  Medici). 
Tu  che  puoi  quel  che  tu  vuoi 

Mss.:  Magi.  VII  690,  e.  42  (Feo  Bclcuri) 
Riccard.  1501,  e.  59  r.  (anon.) 
Riccard.  2896,  e.  57  v.  (anon.) 
Senese  G.  X.  41,  e.  38  r.  (anon.) 
Senese  J.  Vili.  17,  e.  38  r.  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  89  (Feo  Belcari) 
Tuoi  divoti,  Agneza,  siamo 

Russi.  Venezia,   1563,  e.  87. 

Archivum  Ronianicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  (y 


32  LODOVICO  FKATL 

Tu  m'  ài,  amor  Gesù,  el  cor  passato 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  117  r.  (anon.) 
Tu  mi  tormenti  non  ti  posso  lassare 

Ms.  :  Magi.  VII.   11.  27.  e.   134  r.  (anon.) 
Tu  non  pensi  al  morire. 

Mss.:  Palat.  172,  e.  57  v.  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.   10  v.  (anon.) 
■    Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  20  v.  (anon.) 

Tu  non  potrai  fuggire 

Bianco  da  Siena.  Lucca.   1851. 
Ms.  :  Chig.  LVII.  266.  ac.  267  (Bianco  da  Siena-) 

Tu  sei  un  fuoco 

Ms.  :  Boi.  Univ.  2845,  p.  352  (anon.) 
Tu  se'  tutta  cortese,  madre  nostra. 

Rassi.  Venezia,  1503,  e.  31  (Nicolò  Fabroni). 
Tu  sposa  intemerata  fusti  eletta. 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  28  r.  (anon.) 
Tutta  fu  liquefatta  l'alma  mia 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.  89  r.  (anon.) 
Tutta  l'Italia  una  volta  peria 

Ms.  :  Riccard.  2894,  e.  55  r.  (anon.) 
Tutta  smarrita  si  A'a  ammirando 

Ms.  :  Riccard.  2929,  e.  22  v.  (anon.) 
Tutti  festa  facciam  con  grande  amore 

Prammal.  cattol.  1850  (anon.) 

Tutti  i  divini  amanti 

Ms.  :  Riccard.  2896,  e.   109  r.  (anon.) 

Tutti  laudiam  Maria 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  77.  e.   112  r.  (anon.) 
Tutti  s'inchini  e  faccia  onore 

Ms.  :  Bodl.  Canon.  193,  e.  84  (anon.) 
Tutto  d'amor  m'  accendo 

Ms.  :  Palat.   172,  e.  49  v.  (anon.) 
Tutto  per  noi  si  dette  il  sommo  Dio 

Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.   126  v.  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  'ÒO  (Francesco  d'Alhizo). 
Tuttor  dicendo  di  lui  non   tacendo 

Ms.  :  Chig.  LVII,  266,  e.   169  (anon.) 


INIZIl  DI  ANTICHI';  l'OESIK  ITALIANI-    K  RKLIGIOSIC  83 

Tutto  se"  dolce,  Iddio  signore  eterno 

Firence,  1489,  e.  25  v.  (Feo  Belcari) 
Venezia.   1512,  e.  87  r.  (Mcsscr  Castellano) 
Venezia,  1556,  e.  33  /'.  (Feo  Belcari) 
Mss.:  Magi.  VII.  11,  27,  e.   151  v.  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  50  (Feo  Belcari) 

U 
Udite  che  m'  avvien  per  Cristo  amare. 

Sonnetti,  cans.  e  laude,  s.  a.,  a  petiz,  di  Bartol.  Castelli,  in-4'\ 
Poligrafo  di  Verona,  1885,  T.  V.  (Bianco  da  Siena) 
Bianco  da  Siena.  Lucca,  1851,  p.  48. 
Udite  el  parlar  mio,  figliuo'  di  letti, 

Ms.  :  Palat.   172,  e.  60  v.  (anon.) 
.Udite  in  cortesia  diceraggiovi  via 

Tresatti,  II,  25  (Jacopone) 
Mss.:  Magi.  VII,   10.   1132,  e.  36  r.  (anon.) 
Napol.  XIII,  C.  98,  e,  9  r.  (Jacopone, 
Udite  la  battaglia 

Jacopone.  Brescia,  1495. 

»  Venezia,   1514,  e.  27 

Mss.:  Boi.  Univ.  838,   e.  64  (Jacopone) 

Magi.  VII.   10.   1132,  e.  83  x;.  (anon.) 
Riccard.  2929,  e.  135  v.  (Jacopone) 
Classense  137.  5.  L  (anon.) 
Bergam.  D.  VII.  15,   e.  19  i'.  (Jacopone) 
Napol.  XIV.  C.  38,  e.  79  r. 
Parig.  559,  6u7,  240  e  1037. 
Boi.  Univ.  2845,  p.  297  (Jacopone) 
Udite  matta  pazzia  che  mi  viene  in  fantasia. 
Mss.:  Magi.  VII.  690,  e.  66  (Feo  Belcari) 
Magi.  VII.  11.  27,  e.   153  v.  (anon.) 
Magi.  VII.  4.  e.  5  V.  (anon.) 
Riccard.   1473,  e.  -86  r.  (anon.) 
Riccard.   1501,  e.  16  r.  (anon.) 
Riccard.  2895,  e.  104  v.  (anon.) 
Chig.  LVIL  266,  e.  45  (anon.)  . 

Udite  nova  pazzia  che  mi  viene  in  fantasia 
Mss.:  Torinese  13,  e.  180 

Magi.  VII.  ,8.  744,.  e.  24  T'.  (anon.) 
Magi.  VII.  10.  1132,  e.  125  (anon.)     . 

6* 


34  LODOVICO  FRATI     . 

Senese  J.  II.  17  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  13,  e.  23  v.  (anon.) 

Chig  LVII.  266,  e.  40  (anon.) 

Riccard.  2894,  e.  50  (anon.) 

Marc.  ci.  I  it.,  80  (anon.) 

Laur.  pi.  89  sup.,  94,  e.  140  (Jacopone) 

Boi.  Univ.  4019,  e.  135  r.  (anon.) 

Udite  una  battaglia 

Ms.  :  Boi.  Univ.  838.  e.  64  (Jacopone) 
Boi.  Univ.  2845.  p.  297  (id.) 
Udite  una  tenzone  eh'  è  fra  l'anima  e  '1  corpo. 
Jacopone.  Brescia,   1495. 

»  Venezia,   1514.  e.  95. 

»  Sorio,  in  :  Op.  rei.  lett.  e  mor.,  Ser.  II,  T.  XI,  p.  399. 

Mss.:  Magi.  VII.  10.  1132,  e.  52  v.  e  76  (anon.) 
Riccard.  2929,  e.  139  r.  (Jacopone) 
Riccard.  1049,  e.  21  r.  (Jacopone) 
Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
Senese  J.  VI.  9,  e.  94  r.  e  116  r.  (Jacopone) 
Napol.  XIV.  C.  38,  e.  102  r. 
Bergam.  Gabin.  VII.  15,  e.  74  (Jacopone) 
Parig.  559,  607  e  1037. 
Boi.  Univ.  2845.  p.  383  (Jacopone) 
Udite  una  tenzone  ch'era  in  fra  due  persone 
Jacopone.  Brescia,  1495,  e.  68. 

>  Venezia,   1514,  e.  63. 

>  Roma,  1558,  e.  22. 

»  Sorio,  in:   Op.  rei.  lett.  e  mor.,  XI,  Ser.  11.  p.  401. 

Ms.  :  Bergam.  VII.  15,  e.  57  (Jacopone) 
Udite  una  tenzone  ch'è  fra  onore  e  vergogna. 
Jacopone.  Roma,  1558,  e.  130. 
Ms.  :  Bergam.  VII.  15  e.  48  (Jacopone) 

Umanato  è  il  ver'  Messia 

Bologna,   1551,  e.   17  (anon.) 

Umil  Madonna,  non  mi  abbandonare 

xMs.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  42  (Francesco  d'Albico). 

Umilmente  te  invoco. 

Jacopone.  Brescia,  1495. 

Giustiniani.  Venezia,   1474^  Vicenza,  1475  e  Venezia,  1490, 
e.  17. 


INIZII  DI  ANTICHI';  POKSIp:  ITAIJANE  K  RKLIGIOSK  85 

Un  albero  è  da  Dio  piantato 

Mss.:  Magi.  VIT.   10.   1132,  e.  110  v.  (anon.) 

Magi.  II.  III.  225,  e.  11 

Riccard.  1049,  e.  10  v.  (Jacopone) 

Senese  U.  V.  5,  e.  100  (anon.) 

Parig.  607,  n.  78. 
Una  stella  è  apparita 

Vite  de'  SS.  Padri,  IV,  300  (incerto) 
Mss.:  Palat.  43  (ora  E.  5.  8.  49),  e.  120  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  43  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  13,  e.  36  r.  (anon.)  ■ 

Riccard.   1280,  e.  12  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  21.  e.  94  -y.  (anon.) 

Una  stela  lucente 

Bologna,   1551,  e.  25  (anon.) 
Un  consiglio  vi  vo'  dare. 

RaBsi.  Venezia,  1563,  e.  64  (Marco  Della  Casa) 
Un  duro  letto  ebbe  la  terra  ignuda. 

Bologna,  1580,  e.  61  (Paolo  Mori  già) 
Un  pianger  amoroso  lamentando 

Ms.  :  Senese  J.  VI.  9,  e.  59  v.  (anon.) 
Un  picciol  fumo  è  questra  nostra  vita 

Sonetti,    canz.  e  laude  s.  a.,    a  petiz.  di  B.  Castellini    in-4° 
(anon.) 
Un  solo  Iddio  debbi  avere 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 
Uom  non  mi  pare  intero 

Lettere  di  santi  e  beati  fior.,    p.  122  (Giovanni  Dominici) 

Uomo  che  può  la  sua  lingua  domare 

Jacopone.  Brescia,   1495,  cap.  11. 
»  Venezia,  1514,  e.  11  r. 

Roma,   1558,  e.  112. 
Mss.:  Senese  I.  VI.  9,  e.   119  (anon.) 

Magi.  II.  III.  225,  e.  12  v.  (anon.) 
Bergam.  VII.  15,  e.  7  oj.  (Jacopone) 
Uomo,  di  te  mi  lamento 

Mss.:  Magi.  VII.   10.   1132,  e.  42  v.  (anon.) 
Rice.  2929,  e.  119  (Jacopone) 
Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
Bodl.  Canon.  240,  n.  4. 


86  LODOVICO  FRATI 

Uomo  è  oggi  fatto  Dio 

RazBi.  Venezia,  1563,  e.  50. 
Uomo,  mettite  a  pensare 

Mss.:  Riccard,  2929,  e.  142  r.  (Jacopone) 
Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 

V 

X'anne,  mio  core,  al  Signor  mio 
Venezia,   1512,  e.  d>  v. 
Venezia,   1556,  e.   1  r.  (Feo  Bclcari) 
Mss.:  Magi.  VII.. 690,  e.  53  v.  (Feo  Belcari) 
Senese  J.  Vili.  16,  e.  9  v-  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  7  (Feo  Belcari) 
Vaso  d'eletione  predicator  perfetto 

Ms.  :  Palat.  172,  e.  14  v.  (anon.) 
Veder  non  posso  più  niuna  creatura 

Ms.  :  Magi.  VII.  11.  27,  e.  130  z-,  (anon.) 
Vedi  l'alma  che  in  tè  sitisce  amore 

Bologna,   1580,  e.  72  (anon.) 
Veggo  la  croce,  che  mi  divora 

Ms.  :  Riccard.  2760,  e.  21  (anon.) 
Veggo  li  disperati  tutti  andare 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.  259  (anon.) 
Vegna,  vegna  chi  vuol  giocondare 

Guittone.  Rime  (I,  78) 
V^enga  ciascum  devoto  ed  umil  core 

Venezia,   1512,  e.  116  r.  (Feo  Belcari) 
Bologna,  1580,  e.  67  (id.) 
Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  175  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  690,  e.  31  r.  (Feo  Belcari) 
Riccard.  1303,  e.  44  v.  (S.  Caterina  da  Siena) 
Venga  ogni  core  ardente. 

Ra;23i.  Venezia,   1503,  e.  5 
Vengoti  a  visitare,  anima  mia, 

Mss.:  Magi.  VÌI.  690,  e.  56  v.  (Feo  Belcari) 
Riccard.  2895,  e.  52  v.  (anon.) 
Venite  ad  adorare 

Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.  119  -o.  (anon.) 
Chig.  LVII.  266,  e.  35 
Magi.  VII.  8.  285,  e.  84  v.  (anon.) 
Riccard.   1666,  e.  15  v.  e  20  v.  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  87 

Bodl.  Canon.   193,  e.  70  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  60  (anon.) 

Parig.  2867,  p.  340  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  13,  e.  32  r. 

Marc.  ci.  IX  it..  77,  e.  71  r. 
Venite,  amanti  del  divino  amore, 

Bologna,   L")51,  e.  16  (anon.) 

Bologna.   1580,  e.  68  (Bembo) 
Mss.:  Marc.  ci.  I  it.,  80  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  14,  e.  72  r.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  298  (anon.) 

Boi.  Univ.  2845,  p.  324  (Bembo) 
Venite  a  vedere  il  Signore 

Ms.  :  Magi.  VII,  4,  e.  5  r.  (anon.) 

Venitene  pastori. 

Ms.  :  Senese  G.  X.  41,  e.  46  v.  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  51  (Liicrema  De  Medici) 
Ms.  :  Senese  J.  II.  6,  e.  22  v.  (anon.) 
Venite,  o  voi  gentili, 

RaB3Ì.  Venezia,   1563,  e.  57. 
Venitene,  sorelle, 

Ras£Ì.  Venezia,  1563,  e.  56. 
Venite  tutta  zente  aldir  cosa  novela. 

Ms.  :  Boi.  Univ.  2932,  e.   185  (anon.) 
Venite  tutti  al  fonte  di  Gesù 

Venezia,   1512,  e.  2  v.  (Leonardo  Giustiniani) 

Bologna,   1551,  e.  21  (anon.) 

Bologna,   1580,  e.  71  (anon.) 

Firenze,   1587,  e.  5  (Giustiniani) 
Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  16  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  30,  e.  53  r.  (anon.) 

Riccard.  2929,  e.  206  -z'.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  51  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 

Vicent.  G.  2.  8.  18,  e.  140  v.  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  5  (Giustiniani) 

Napol.  VI.  D.  62,  e.   112  (anon.) 

Boi.  Univ.  4019,  e.  127  r.  (anon.) 

Boi.  Univ.  2845,  p.  323  (Giustiniani) 

Boi.  Univ.  2932,  e.  173  (anon.) 


88  LODOVICO  FRATI 

V^enuto  m'è  nel  core 

Ms.  :  Canon.  Bodl.   193,  e.  86  (anon.) 
Vcrbtmi  caro,  dolce  Maria, 

Ms.  :  Canon.  Bodl.   193,  e.  90  (anon.) 
Verbum  caro  factum  est  de   Virgine  Maria. 
Jacopone.  Firenze,   1485,  p.   HO 
»  Brescia,   1495 

■»  Venezia.   1512 

»  Venezia,   1514,  e.   116  v. 

»  Venezia,   1556, 

Mone.  Latein.  Hymn,,  I,  65;  li,  81. 
Mss.:  Ferrarese  211,  NB,  1 
Marc.  ci.  Ili  it.,  32 
Marc.  ci.  IX  it.,  145 
Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
Napol.  XIV.  C.  38,  e.  154  r. 
Laur.  Gadd.  121. 
Boi.  Univ.  4019,  e.  67  v.  (anon.) 
Verbnm  caro  factum  est  In  questo  anno  grazioso 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,  80  (anon.) 
Verbimi  caro  factum  est  De  Maria  per  nostro  amore 
Giustiniani.  Venezia,  1474. 

»  Venezia,  1490,  e.  33 

»  Brescia,   1495. 

Mss.:  Marc.  ci.  I  ital.,  61  (anon.) 
Boi.  Univ.  157  (anon.) 
Verbum  caro  factum  est  De  quel  fante  piccoli  no 

Ms.  :  Marc.  ci.  I  it..  61  (anon.) 
Vergin  del  ciel  regina 

Ms.  :  Palat.  331,  e.  57 
Vergine  alta  regina 

Mss.:  Magi.  VII.   11.  27,  e.  180  v.  (anon.) 
Magi.  VII.  4,  e.  24  r.  (anon.) 
Magi.  VII.   10.  30,  e.  65  v.  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  88  (Cristofano  dì  Miniato) 
Vergine  bella,  che  di  sol  vestita 

Giustiniani.  \^enezia,   1474  (Petrarca) 
»  Vicenza,   1475  (anon.) 

»  Venezia,   1490  (Petrarca) 

»  Brescia.   1495  (id.) 


INIZII  DI  ANTICHE  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE 

Mss.:  Riccard.  2760,  e.  10  (Giovanni  Boccaccio) 
Marc.  col.  IX  ital.,  145  (anon.) 
Vergine  bella,  et  del  ciel  regina. 

Ms.  :  Riccard.  2895.  e.  73  (Firmano  Bichi) 
Vergine  bella,  gratiosa  e  pura 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  ital.,   145,  n.   18  (anon.) 
Vergine  bella,  non  mi  abbandonare 

Mss.:  Magi.  VII.  690,  e.  50  v.  (Feo  Belcari) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  89  (id.) 
Vergine  benedetta 

Giustiniani.  Venezia,   1474 
»  Vicenza,  1475 

5>  Venezia,   1490,  e.  57 

»  Brescia,  Misinti  1495 

Laudi.  Bologna,  1551,  e.  18  (anon.) 
»       Bologna,   1580,  e.  69  (anon.) 
Mone.  Latein.  Hymn.,   1853,  II,  425  (anon.) 
Mss.:  Boi.  Univ.  4019,  e.  65  v.  (anon.) 

Chig.  LVlI.  266,  p.  223  (Bianco  da  Siena) 
Bergam.  VII.  15,  e,  91  r.  (Jacopone) 
Marc.  ci.  IX  ital.,   145,  n.  21  (anon.) 
V'ergine  Caterina 

Ms.  :  Senese  J.  Vili.   15,  e.  48  v.  (anon.) 
Vergine  chiara  di  superna  luce 

Tes.  spir.  Milano,   1494,  cap.  32  (anon.) 
Vergine  donzella  da  Dio  amata 

Ms.  :  Parig.  2867  (ars  8521),  p.  331  (anon.) 
Vergine  eletta  dal  superno  chiostro 

Bellincioni.  Rime.  Milano,  1493,  p.   118. 
Vergine  generosa,  anima  bella, 

Cornassano  Ant.  Vita  della  B.  V.  Maria, 
Venezia,   1471 
Ms.  :  Canon.  Bodl.  191,  e.  28  (Antonio  Cornassano) 
Vergine  gloriosa,  alma  lucente, 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  42  r.  (anon.) 
\^ergine  gloriosa  stella  del  ciel  et  terra,  alta  e  lucente, 

Ms.  :  Riccard.  2895,  e.  40  r.  (anon.) 
Vergaci  gloriosa,  sacra  e  sancta. 

Bianco  da  Siena.  Lucca,   1851,  p.  171. 
Ms.  :  Riccard.  2895,  e.   16  r.  (anon.) 


90  LODOVICO  FRATI 

Vergine  gloriosa  donna  del  paradiso 

Ms.  :  Vicent  G.  2.  8.  18,  e.  141  v.  (anon.) 
Vergine  immacolata 

Mss.:  Riccard.  2896,  e.  125  v.  (anon.) 
V^ergine  madre  del  figliuol  di  Dio. 

Giustiniani.  Vicenza,  1475,  e.  d'. 
Vergine  madre,  figlia  del  tuo  figlio 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 
Mss.:  Riccard.  2224,  e.  11  (anon.) 

Chig.  LVIl,  266,  e.  73  (anon.) 
Marc,  ci  IX  it.,  77,  e.  108  r.  (anon.) 
Canon.  Bodl.  263.  e.   154  (anon.) 
Canon.  Bodl.  180,  e.  26  (anon.) 
Vergine  madre,  immaculata  sposa 

Venezia,  Rusconi,    1512,    e.  39  v.  (Jcvonima  de'  Malatesti) 
Bologna,  Gianarello,   1551,  e.  20  (anon.) 
Venezia,  arrivabene,   1556,  e.  57  (Jcroninia  de   Malatesti) 
Bologna,  Bonardo,  1580,  e.  71  (Geronima  Malatesta) 
Battista  da  Montefeltro.  Rime,  Imola,  1847. 
Ms.  :  Gambal.  206.  D.  IV,  p.  93  (Suora  Hieronima  de  Malatesti) 
Vergine  madre  pia,  miserere  di  noi 

Mss.:  Riccard.  2929,  e.  93  v.  (anon.) 
Boi.  Univ.  2751,  e.  89  (anon.) 
Vergine  madre  pia,  ognun  s'  inchini  a  te  divotamente 

Ms.  :  Marc.  ci.  IX  it.,   145,  n.  8  e  33  (anon.) 
Vergine  Maria  beata,  rosa  bella  e  angelicata 

Ms.  :  Chig.  LVIl.  266,  e.  243  (anon.) 
Vergine  Maria,  per  lo  tuo  onore 

Ms.  :  Ars.  8521,  p.   105  (anon.) 
Vergine  Maria,  scola  di  caritade, 

Ms.  :  Bodl.  Canon.  180,  e.  24  (anon.) 
Vergine  Maria,  sommo  diletto 

Ms.  :  Magi.  VII.  8.  285,  e.  88  v.  (anon.) 
Vergine  più  che  femmina 

Ms.  :  Marc.  ci.  IV  it.,  25,  e.  148  (Jacobi  de  Tnderto) 
Vergine  sacra,  al  ciel  splendida  lampa 

Collectanea  di  cose  spirit.  Venezia,   1514,  e.   14  v. 
Vergine  sacra,  gloriosa  e  bella 

Annunziazione  di  N.  D.,  p.  44  (Feo  Belcari) 
Venezia,  1512,  e.  60  i).  (anon.) 


INIZII  DI  ANTICHE  l'OKSIR  ITALIANK  K  RELIGIOSE  Ot 

Mss.:  Magi.  VII.  4,  e.  2ò  /'.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.   14,  e.  93  r. 
Vergine  santa  e  pia 

Ms.  :  Riccard.  2929,  e.  69  r.  (anon.) 
Vergine  santa,  gloriosa  e  degna. 

RasSii.  Venezia,   1563,  e.  145  (anon.) 
AIs.  :  Riccard.  2896,  e.  70  v.  (anon.) 
V^ergine  santa,  immacolata  e  degna 

Poliziano.  Le  stanze,  l'Orfeo  e  le  rime, 

Firenze,   1863,  p.  362. 
Vergine  santa,  immacolata  e  pia. 

Bcnivieni.  Firenze,  Giunti,  1519,  p.  144. 
Ms.  :  Magi.  VII.  10.  30,  e.  61  (anon.) 
Vergine  sola  al  mondo  senza  esemplo 

Tes.  spir.  Milano,  1494  (anon.) 
Vergine,  tu  mi  fai 

Firenze,   1489,  e.  59  v.  (anon.) 

Venezia,   1512,  e.  51  v.  (anon.) 

Bologna,   1551,  e.   17  (anon.) 

Bologna,  1580,  e.  69  (Feo  Bclcari) 

Cvcscimbcìii,  ed.  Ven.,  I,  382  (scr  Chclo  prete) 

Savonarola.  Firenze,   1862,  p.  22. 
Mss.:   Magi.  VII.   11.  27,  e.   181  (anon.) 

Riccard.  1473,  e.  84  v.  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  259  (ser  Chelo  prete) 

Senese  G.  X.  41,  e.  17  v.  (anon.) 

Senese  J.  V.  19,  e.  36  r.  (anon.) 
Vergin  Maria  beata 

Ms.  :  Palat.  331,  e.  52  v. 
Vergin  Maria,  istella  di  valore 

Tes.  spir.  Milano,  1494  (anon.) 
Vergin  Maria,  maestra  d'ogni  bene 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 
Vergin  Maria,  scola  di  caritade 

Tes.  spir.  Milano,   1494  (anon.) 
Vergin  pulzella,  per  merzè 

Jacopone,  ed  Tresatti,  p.  369. 
Vergin  sacra,  alta  regina  che  se'  in  ciel  sopr'  ogni  santa 
Ms.  :  Palat.  172,  e.  13  v.  (anon.) 


92  LODOVICO  FRATI 

Vergin  sacra,  alta  regina  per  cui  '1  ciel  trionfa  e  gaude 

Ms.  :  Palat.  172,  e.   12  <!;.  (anon.) 
Vidi  virgo  Maria,  che  si  stava 

Firenze,  1489,  e.  41  (anon.) 

Venezia,  1512,  e.  36  (anon.) 

Venezia,  1556,  e.  52  (anon.) 

Firenze,  1578,  e.  27  (Clemente  Pandolfmi) 
Mss.:  Magi.  VII.   11.  27,  e.   180  v.  (anon.) 

Riccard.   1473,  e.  85  v.  (anon.) 

Riccard.  2895,  e.  51  (anon.) 

Marc.  ci.  IX  it.,  79  (anon.) 

Senese  G.  X.  41,  e.  33  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  914.  e.  56  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  15,  e.   19  v.  (anon.) 

Gambal.  206.  D.  IV,  p.  85  (anon.) 

Boi.  Univ.  4019,  e.  81  r.  (anon.) 
N'iene  '1  messaggio,  e  lo  spirito  saggio 

Ms.  :  Gambal.  206  D.  IV,  p.  53  (Lucrezia  de   Medici) 
Vieni  a  Gesù,  figliuola  sua  diletta 

Ms.  :  Senese  J.  VIII.   15,  e.  44  r.  (anon.) 
Vieni  a  Gesù,  figliuola  benedetta, 

Mss.:  Senese  J.  Vili.  15,  e.  1  r.  (anon;) 

Senese  G.  X.  41,  e.  42  r.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  17.  e.  42  r.  (anon.) 
Vieni  a  Gesù  figliuolo 

Ms.  :  Senese  J.  Vili.  17,  e.   118  v.  (anon.) 
Vieni  a  me,  peccatore, 

Venezia,  1512.  e.  48  (anon.) 

Firenze,  1578,  e.  2  (anon.) 

Bologna,  1580,  e.  70  (anon.) 
Vienne  consolatore 

Mss.:  Magi.  VII.  590,  e.  37  (Feo  Belcarì) 

Riccard.  2896,  e.  89  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.  16,  e.  2  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  288  (anon.) 
Virgo  Maria  beata,  de'  peccator  conforto 

Venezia,   1512,  e.  51  v.  (anon.) 
Mss.:  Magi.  VII.  11.  27,  e.  48  r.  (anon.) 

Magi.  VII.  4,  e.  20  v.  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  30,  e.  54  v,  (anon.) 

Chig.  LVII.  266,  e.  196  (Jacopone) 


INIZII  UI  ANTICHI-:  POESIE  ITALIANE  E  RELIGIOSE  93 

N'irtù  divina  e  singulare  effetto 

Ci' e  scimbe  ni,  ed.  Ven.,  TIT,  324  (Ambrogio  Camaldolese) 
Mss.:  Chig.  LVII.  266,  e.  2 13  (fra  Ambrogio  generale  ili  Camaldoli) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.   139  (anon.) 
Mta  di  Jesù  Cristo,  specchio  immacolato 
Mss.:  Chig.  LVII.  266,  e.  213 
Mss.!  Magi.  VII.  11.  27,  e.  35  (anon.) 

Magi.  VII.  10.  1132,  e.   103  v.  (anon.) 
Riccard.  1119,  e.   183  r.  (anon.) 
Riccard.  2929,  e.  98  r.  (Jacopone) 
Chig.  LVII.  266,  e.  69  (anon.) 
Senese  J.  VI.  9,  e.  81  i».  e  83  v.  (Jacopone) 
Boi.  Univ.  838,  e.  1  (Jacopone) 
Senese  U.  V.  5.  e.  95  v.  (anon.) 
xMagl.  II.  III.  255.  e.  26  v. 
V'ita  di  Gesù  Cristo,  specchio  di  veritade. 
Jacopone.  Firenze,   1490 
»  Brescia,   1495 

»  Venezia,  1556 

»  Roma,   1558,  e.  44  v. 

»  Napoli,   1615,  p.   102 

Tresatti,  II,  16. 
Ms.  :  Boi.  Univ.  838,  e.  3  (Jacopone) 
Napol.  Xin.  D.  26,  e.  10  n 
Magi.  II.  III.  255,  e.  27  r. 
Parig.  539,  609.  607  e  1037. 
Palat.  44. 
Vita  mondana  e  ria 

Mss.:  Palat.  172,  e.  56  r.  (anon.)      • 
Riccard.  2894,  e.  34  v.  (anon.) 
Riccard.  2929,  e.  24  r.  (anon.) 
Marc.  ci.  IX  it.,  77,  e.  39  v.  (anon.) 
Viva  Cristo  amoroso 

Ms.  :  Senese  G.  X.  41,  e.  24  r.  (anon.) 
Viva  -Gesìi  amoroso 

Ms.  :  Palat.  172,  e.  56  v.  (anon.) 

Magi.  VIL  11.  27,  e.   108  v.  (anon.) 
Magi.  VII.   \,  e.  12  r.  (anon.) 
Magi.  VII.  8.  285,  e.  57  v.  (anon.) 
Riccard.  2894,  e.  12  v.  (anon.) 
Riccard.  2929.  e.  42  v.  (anon.) 


94  LODOVICO  FRATI 

Viva  la  caritate 

Ms.  :  Palat.  331.  e.  46 
Viva,  viva  in  orazione 

Mss.:  Riccard.  2896,  e.  98  v.  (anon.) 

Senese  J.  Vili.   14,  e.  97  v.  (anon.) 
\'iva.  viva  in  nostro  core 

Crescimbeiti,  ed.  Ven.,  111.  324  (Filippo  doni) 
Vivo  per  te.  Signor,  col  cor  sincero 

Firenze.   1489.  e.  42  (Feo  B  de  ari) 
Venezia.   1556.  e.  53  (id.) 
Venezia.   1512.  e.  37  (id.) 
Mss.:  Palat.   171.  e.  4  (anon.) 

Chig.  LVII.  266.  e.  118  (anon.) 
Gambal.  206.  D.  IV,  p.  87  (Feo  Beleari; 
\o    gire  air  ermo  per  farmi  romito 

Rassi.  Venezia,   1563,  e.  U?. 
Voi  che  desiderate  a  Dio  di  pervenire 

Jacopone.  Poesie  ined.  ed.  Mortara.  Lucca,  1819,  p.  IS. 
Vorria  in  alto  gridare 

Ms.  :  Magi.  VII.  10.   1132,  e.   1  v.  (anon.) 
Vorria  saper  da  voi.  figli  ribelli, 

RaBzi.  Venezia,   1563,  e.   108. 
Vorria  trovar  chi  ama 

Ms.  :  Magi.  VII.  10.  1132,  e.  90  r.  (anon.) 
Vo'  te  amore  e  non  ti  vo'  lasciare 

Ms.  :  Chig.  LVII.  266,  e.   158  (anon.) 

Lodovico  Fkati. 


VARIETÀ  E  ANEDDOTI. 
Le  «termi  nus  a  quo>  du  Chevalier  au  Lìon. 

On  sait  quelles  difficultés  se  sont  présentées  aux  savants  qui  ont 
cherché  à  fixer  la  date  des  (jeuvres  de  Chrétien  de  Troies,  Pour  ce 
qui  est  du  Chevalier  au  Lion,  on  n'a  qu'à  se  rapporter  au  chapitre, 
que  W.  Foerster,  dans  son  édition  de  ce  texte,  a  consacré  à  la  da- 
tation  du  poème\  en  le  complétant  toutefois  de  la  brillante  page  où 
Gaston  Paris  a  traité  de  la  mème  question  ^. 

Foerster  place  le  poème  entre  1164  et  1174  —  récapitulons  en  quel- 
ques  mois  pourquoi.  Dans  certains  passages,  le  poèle  fait  allusion  au 
Lancelot.  Or  ce  roman,  fait  pour  la  comtesse  Marie  de  Champagne, 
fille  de  Louis  VII  et  d'Aliénor  de  Poitou,  n'a  pu  étre  compose  qu'après 
le  mariage  de  Marie  avec  le  comte  Henri  en  1164.  Si  donc  le  Lancelot 
est  postérieur  à  cette  année,  il  faut  bien  que  le  Chevalier  au  Lion 
le  soit  aussi.  D'autre  part  ce  poème  doit  étre  antérieur  à  1174,  année 
de  la  mort  de  Noradin,  sultan  d'Alep,  puisque,  au  vers  596,  ce  Noradin 
est  suppose  encore  en  vie^. 

Tout  en  s'appuyant  sur  les  résultats  obtenus  par  Foerster,  G.  Paris 
cherche  à  préciser  davantage  la  date  du  poème.  D'après  lui  le  Lancelot 
ne  saurait  remonter  aux  premiers  temps  du  mariage  de  Marie  :  les 
théories  raffinées  sur  l'amour  courtois  que  le  poète  y  préche,  en- 
couragé  par  la  comtesse,  ne  lui  ont  pas  été  inspirées  par  une  jeune 
lemme  nouvellement  mariée  —  pour  cela  elles  sont  trop  osées.  Voilà 
pourquoi  G.  Paris  fait  descendre  la  composition  de  ce  roman  jusqu'en 
1172.     Par  conséquent,  le  Chevalieur  au  Lion  doit  dater  de   1173. 

En  soi ,  cette  hypothèse  semble  très  plausible  ;  toutefois ,  pour 
l'accueillir  définitivement  on  désirerait  avoir  d'autres  témoignages  en 
sa  faveur.  A  ce  titre  il  peut-ètre  utile  d'étudier  de  plus  près  le  célèbre 
passage  sur  la  forét  de  Broceliande  et  sa  fontaine  miraculeuse  {Chev. 
au  Lion,  vv.  370 — 580).  Ce  passage  est  généralement  considéré 
comme  l'écho  des  vv.  6395 — 6420  de  la  troisième  partie  du  Roman' 
de  Rou^  dont  il  reproduit  presque  textuellement  quelques  vers  {Chev. 

'  «Petit»  Yvain,  4^  ed.,  pp.  VII— XV;  cf.  Kristia)i  voìi  Troyes,  Wórter- 
buch,  pp.  129*-- 134*. 

-  Mélanges  de  Uttératurc  francaise,  pp.  262—263. 

^  Le  ^'terminus  ad  quem  n'est  peut-étre  pas  inattaquable;  cf.  Kristiaìi 
von  Troyes,   Wòrterbucìì ,  p.  129*. 


96  MARIANNE  MÒRNER 

au  L.  òli — 8,  Ron  6418 — 20)  ^  La  priorité  de  Wace  n'a  pas  été 
mise  en  doute,  et  avec  raison.  Wace  semble  baser  son  récit  sur  une 
tradition  qu'il  a  probablement  recueillie  lors  d'un  voyage  en  Bretagne 
(cf.  Rou,  vv.  6395  —  8,  v.  6410,  vv.  6415—6).  Au  reste,  son  récit  et 
celui  de  Chrétien  diffèrent  sur  bìen  des  points.  ce  qui  est  très  naturel 
si  c'est  le  maigre  récit  de  la  chronique  qui  a  inspiré  l'imagination  du 
poète.  Par  contre,  il  est  bien  moins  probable  que  le  chroniqueur  — 
s'il  avait  eu  à  résumer  la  legende  d'après  le  roman  de  Chrétien  — 
l'eùt  racontée  avec  des  divergences  aussi  importantes  :  ainsi  p.  ex.  le 
Ckevalier  au  Lion  n'a  rien  qui  corresponde  aux  veneors  (Rou, 
vv.  6401 — 3),  ni  aux  fées  (Rou,  v.  6409).  On  n'a  donc  pas  eu  tort 
de  voir  dans  les  vv.  6418 — 20  du  poème  de  Chrétien  une  réminiscence 
du  Roman  de  Rou. 

Or  la  troisième  partie  de  ce  roman  n'a  pas  été  commencée,  comme 
le  croit  Foerster-,  en  1160,  mais  en  1170  au  plus  tòt,  puisque  Wace 
dit  V.  179  :  Treis  reis  Henris  vi  e  cunui.  Le  troisième  roi  de  ce 
nom  le  fils  de  Henri  II.  fut,  on  se' le  rappelle,  couronné  en  1170.  du 
vivant  de  son  père^. 

On  pourrait  ici  faire  cette  objection  que,  si  le  vers  179  a  été  écrit 
après  le  couronnement  de  Henri  le  Jeune,  il  n'en  est  pas  nécessaire- 
ment  de  mCme  pour  le  reste  du  poème.  Il  semble  en  effet  que  Wace 
ait  eu  l'habitude  de  revoir  ses  ouvrages  en  y  ajoutant  i;à  et  là  des 
passages*.  Dans  notre  cas  cependant  cette  objection  est  sans  valeur. 
Le  vers  179  se  trouve  dans  tous  les  quatre  manuscrits  qui  nous  ont 
conserve  la  troisième  partie  du  Roman  de  Rou,  et  semble  donc 
appartenir  à  une  rédaction  relativement  ancienne.  Les  vers  sur  la 
forét  de  Broceliande  ne  sont  donnés  que  par  deux  manuscrits  qui, 
comme  Gaston  Paris  l'a  montré  dans  le  compte  rendu  cité^,  présentent 
le  poème  avec  des  additions  postérieures  *^,  en  premier  lieu  justement 
le  passage  qui  nous  interesse  ici. 

Ce  passage  est  donc,  semble-t-il,  postérieur  à  1170  et,  à  plus  forte 
raison,  c'est  le  cas  du  Chevalier  au  Lion.  On  voit  comme  cela  cadre 
bien  avec  Thypothèse  de  Gaston  Paris  sur  la  date  du  poème. 

Marianne  Mornkr» 

^  FoERSTER,  Yvain,  pp.  XI— XIII,  p.  XXII  ss.;  cf.  aussi  G.  Baisi,  Zeit- 
schrift  fur  rora.  Philologie,  XXI,  p.  402.  ^   Yvain,  p.  XIII. 

^  Cfr.  Roman  de  Rou,  ed.  Andresen,  tome  I,  p.  XCIV-,  Gaston  Paris, 
Romania,  IX  (compte  rendu  de  Tédition  Andrescn\  p.  597. 

*  GastoxX  Paris,  ibid.  p.  599,  p.  609.  "  p.  609. 

^  Elles  ont  probablement  été  faites  par  l'auteur. 


Etlmolog'ie  italiane,  francesi  e  franco-provenzali. 

Veli,  «berenacci»  forfora. 

Non  verrà  punto,  come  pensa  dubbiosamente  il  Crocioni,  «Studj  rom.» 
V,  67  da  un  hibernaceu,  ma  si  riattaccherà  all'  abr.  vrenne  (Fina- 
more,  316),  tar.  vremic,  log.  hrinnii,  prov.  piem.  lomb.  hren  crusca, 
voce  di  origine  oscura,  che  alcuni  voglion  celtica,  della  quale  ha  par- 
lato il  Jud  «Arch.  f.  d.  St.  d.  n.  Spr,  u.  Lit.  >  1911,  p.  137  sqq.  e  di 
cui  ho  toccato  recentemente  nella  mia  Italia  dial.,  p.  8. 

Frane,  «beton»  colostro,  primo  latte. 

In  alcune  lucide  pagine,  il  Thomas  («Romania»  XLIV,  330—332) 
fa  giustizia  dell'  etimo  germ.  biost,  al  quale  si  facevan  risalire  1'  a. 
frane,  bet,  frane,  beton,  ecc.  (il  sost.  best  e  il  verbo  bester  del  Meyer- 
Liibke,  n°.  1307  non  esistono,  come  aveva  già  supposto  Horning,  La 
Baroclic ,  Bclmont ,  p.  168).  Bisogna  muovere  certamente  da  una 
forma  senza  -st- ,  da  un  radicale  *bett-  di  ignota  origine,  che  si 
presenta  qui  come  '^brtt-,  là  come  "^bett-. 

Che  nella  base  non  istesse  punto  -st-  è  dimostrato  anche  (mi  si  con- 
senta di  aggiungere)  dalla  forma  della  Syizzera  romanda  betò  in  luoghi 
dove  -st-  viene  a  ^  o  ad  /z'  o  a/ e  dal  vallone  bet  «colostro»,  (cfr.  ^os' 
gusto,  Horning,  p.  168,  n.  1).  L'  e  si  trova  di  regola  nei  dial.  orien- 
tali ed  è  postulato  anche  dal  dial.  di  La  Baroche,  dove  abbiamo  bà  e 
da  quello  di  Usseglio,  dove  si  ha  liìbat  (laìbat),  cfr.  frat  'freddo'  (ma 
lesi).  Anche  il  -hixt  di  Usseglio  di  fronte  a  l{St  esclude  biost,  del 
quale  ninno  oramai  parlerà  più,  quando  discorrerà  di  beton. 

Lomb.  «bjàm,  bjum»  rosume,  avanzi  o  rimasugli  del  fieno. 

Domando  il  permesso  di  richiamare  alla  memoria  dei  lettori  dell'  «Arch. 
romanicum»  i  noti  termini  bjdin  della  Leventina  e  di  Elenio,  bjém  della 
Valmaggia  (accanto  a  cui  vive  anche  ^rò/,  «Arch.  glott.»  XVI,  174)^, 
bjum  diffuso  nella  pianura  lombarda,    abr.  brame  bjame  «avena»  pei 


^  A  Riva  S.  Vitale  si  usa  resegaiis  e  si  capisce  perchè. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919. 


98  GIULIO  BERTONI  ,l,^ 

quali  il  Salvioni  ha  proposto  quale  etimo  il  m.  a.  ted.  bhtornc,  ted. 
Bltimc  (Mise.  Ascoli,  p.  86).  È  un  etimo  erroneo,  suggerito  unica- 
mente dalla  fortuita  coincidenza  che  il  «rosume»  è  detto  anche  in  ital. 
fiorimie  (a  Morcote  fjiirana),  ma  contrario  alle  norme  della  fonetica 
(Meyer-Lubke ,  n°.  1178,  Jud  <  Arch.  f.  d.  St.  d.  n.  Spr.»  CXXVII, 
1912,  p.  431),  ed  è  un'  illusione  del  Salvioni  («Romania»  XXXI,  295) 
che  la  forma  hlóm  di  Treviglio  (a  cui  si  aggiunga  il  Valvest.  blocni 
«rosume»  Battisti,  48)  sia  una  ;  bella  conferma»  dell'  etimo  Bltiinr. 
La  forma  di  Treviglio  vale  unicamente  ad  attestare  che  nella  base 
dovevansi  avere  vm  bl  e  un  u  e  nulla  più.  Anche  1'  *ablumen 
-amen,  che  propone  con  giustificata  riservatezza  il  Jud  non  accon- 
tenta. Egli  metterebbe  in  relazione  il  suo  *ablumen  con  abluta 
(donde  1'  emil.  bida  «succo  di  sterco  bovino»,  imbiddr  edistendere  il  succo 
dello  sterco  bovino  nell'  aia  prima  della  battitura  per  renderne  la 
superficie  più  solida»),  ma  non  dice  chiaramente  per  quali  serie  ragioni 
semantiche  egli  abbia  istituito  questo  rapporto.  Cita  egli  opportuna- 
mente le  voci  bi/lm  albiiim  del  Cherubini ,  voci  che  significano 
«alburno»  e  pensa  che  si  tratti  della  stessa  parola,  nel  che  egli  può 
essere  nel  vero;  ma  ricorda  i  termini  sbiokè  sbiukd  < scapitozzare» 
che  non  hanno  probabilmente  nulla  da  vedere  col  nostro.  Insomma, 
r  etimologia  di  bjilm  bjdni  è  da  trovarsi.  ^ 

Ant.  frane,  ^bler»,  prov.  «blar    glaucus. 

.  Ne  ha  parlato  il  Thomas  due  volte  «Romania»  XXXVI,  257  e  266; 
XLIV,  332.  Il  Meyer-Lubke,  n".  1144  pensa  al  neerl.  bìaar  e  il 
Thomas,  citati  due  nuovi  esempi  da  Rigomer  (vv.  12  284,  13  240: 
«ceval  bici'  et  baugant»  ;  «ceval  amblant  et  blcr»),  dichiara  che  1'  origine 
germanica  del  vocabolo  sembra  sicura.  Io  mi  permetto  di  ricordare 
le  seguenti  parole  di  K.  Meyer  («Sitzungsberichte»  dell'  Accad.  di  Ber- 
lino, 1918,  p.  624:  «In  schottischen  Galisch  wird  blar  ausschliefilich 
«von  Tieren  mit  einem  weiCen  Fleck  im  Gesicht  gebraucht,  wie  zum 
«Beispiel  aon  cadi  biùi-  diibìi  (Campbcl,  Tales  I,   14.   137).  ^  wahrend 

^  I  Bleniesi  dicono  bjc'un  al  plurale,  ma  biadóìi  al  singolare  e  non  si  può 
non  pensare  ad  influsso  di  «biada-',  detta  però  biava  a  Blenio.  È  curioso  che 
ad  Usseglio  sia  già  scomparsa  1'  antica  denominazione  broise  pi.  «rosume»  e 
sia  stata  sostituita  appunto  da  bjiìm  che  non  ha  riscontro  altrove»  (Terracini, 
Parlare  di  Usseglio,  p.  133  dell'  estr.).  È  un  termine  accattato.  Il  Terra- 
cini (p.  134)  cita  altre  denominazioni  del  "rosume-  nei  territori  da  lui  con- 
siderati nel  suo  bel  lavoro.  Mi  si  permetta  ricordare,  a  proposito  di  ritiri[ur{\ 
il  lad.  sopras.  riunirli  «Kehricht»  (Huonder,  Dissentis,  p.  39)  e,  a  proposito 
di  broise,  il  gruyer  brój^e  «rosume». 

'-  Ricordo  il  boul.  vaxjue  blère  «vacca  con  una  macchia  bianca  sulla  fronte-. 


ETIMOLOGIE  ITALIANE,  FRANCESI  E  FRANCO-PROVENZALI  99 

«kymr.  gorqivrydd  blaivr  einen  (Irauschimmel  hedeutet».  E  le  cito 
per  avanzare  1'  ipotesi  che  in  blcr  sia  più  opportuno  riconoscere  una 
voce  celtica  che  germanica  e  cioè  bla-ros  (germ.  hldwos).  Tutto  questo 
gruppo  lessicale   celt.-germanico   meriterebbe   uno  studio  approfondito. 

Courfaivre:  «borne»  rhume. 

Dev'  essere  un  deverbale  di  anbornc  «enrhumer»,  verbo  che  Urtel 
v<Bull,  du  Gloss.  de  la  Suisse  rom.»,  XII,  17  ha  trovato  a  Charmoille 
e  che  vive  anche  a  Courfaivre.  A  Chatenois  abbiamo  :  enboirnai 
«enchifrené».  A  Charmoille  troviamo  poi  il  primitivo  boron  «rhume» 
largamente  diffuso  (Urtel.  p.  17);  e  Cìibornè  pare  bene  provenire  da 
*cnboroHèj  comunque  si  giudichi  poi  questo  boron,  che  1'  Urtel,  non  so 
se  con  tutta  ragiune,  vorrebbe  riattaccare  al  verbo  «bourrer>  o  meglio 
al  sost.  «bourre».  Il  deverbale,  eh'  io  sappia,  non  si  incontra  che  a 
Courfaivre. 

Moncalvo  (Alessandria):  «biislà*  siepe. 

Credo  che  biislà  stia  per  ^biisnà  e  questo  per  ^-'biissonà.  Metto 
cioè  biislà  con  bissiinà  (Possano,  Spinetta,  Robilante,  ecc.)  biissiinà 
(Moncalieri),  bissona  (Cuneo),  che  con  ciu(v)cnda  cioénda  è  così  diffuso 
per  il  Piemonte.  E  credo  altresì  che  alla  stessa  base  risalga  un  biisrà 
<isiepe»  che  ho  da  Serravalle-Scrivia.  Qui  pure  pav.  biislà.  V.  invece 
.-Rom.)  XLIII,  376. 

Mescle,  «kagórda»  spauracchio. 

La  kagórda  è  immaginata  quale  una  vecchia  laida  e  malefica,  diversa 
dalla  così  detta  Vrga.,  che  nelle  fantasie  e 'leggende  popolari  «devesi 
baciare  andando  la  prima  volta  in  montagna». 

E  impossibile,  a  mio  vedere,  staccare  la  kagórda  di  Roveredo  dalla 
begórda  dei  Grigioni:  «donnaccia  malvestita,  da  far  paura  ai  bimbi». 
Ora,  questa  begórda  era  certamente  per  il  passato  una  maschera  di 
carnevale.  Mi  si  dice  che  la  costumanza  non  sia  del  tutto  tramontata 
a  Laax;^  ma  già  la  denominazione  fa  pensare  a  qualche  spasso  o 
divertimento,  poiché  begórda  si  connette  a  bagordo  (Bertoni,  Eleni, 
germ.,  p.  79).  Dietro  la  kagórda  della  Mesolcina  si  profila  dunque 
una  begórda  ancora  ladina,  e  si  capisce,  dato  il  senso  dispregiativo 
della  voce,   che   un  altro   vocabolo  abbia  influito  a  deturpare  l'antico 


^  Quivi  un  altro  fantasma,  raffigurato  sotto  specie  d'  una  vecchia  brutta  e 
sdendata,  è  chiamato  tatavéìa  {tata  =^  nonna). 


100  GIULIO  BERTONI 

termine.  E  interessante  notare  che  ciò  è  accaduto  anche  nell'  a. 
moden.  scagaborda  «paura»,  che  si  riconnette  a  borda  spauracchio», 
donde  btirdana  befana  (<Arch.  glott.»  XVII,  371).  Non  è  impossibile. 
ma  è  improbabile,  che  in  borda  si  nasconda  un  *ba(g)orda.  Meglio 
vale,  per  questa  voce,  pensare  alla  rad.  bord- ,  su  cui  «Arch.  gì.; 
371,  n. 

Logud.  «chedda»  quantità;  camp,  «cedda»  branco. 

L'  etimo  del  Picchia,  cioè  cèlla  (  Mise.  Caix-Canello;,  p.  200),  ha 
fatto  fortuna.  Lo  accoglie  il  Wagner,  Laittlchre  der  siidsard.  Mund., 
p.  29,  §  63.  Il  Salvioni,  Spig.  sic,  n°.  86  nota  che  il  sicil.  ha  chidda 
<gran  quantità >  e  sente  a  dirittura  il  bisogno  di  scrivere  una  lunga 
pagina  per  dimostrare  (ciò  che  è  elementare)  che  il  k-  siciliano 
scuole  un  etimo  con  e-  (+  e)  latino.  Ciò  non  ostante,  egli  avanza 
l'ipotesi  che  il  camp,  ccdda  alto  non  possa  essere  che  il  log. 
chedda  (trattato  secondo  la  norma  :  camp,  cena,  log.  chena),  dopo 
aver  detto  che  il  Picchia  non  avrebbe  neppure  pensato  all^  etimo 
de  lui  proposto,   «dove  avesse  conosciuta  la  forma  siciliana ->. 

Al  cèlla  del  Picchia  bisogna  rinunziare  poiché  non  soltanto  il 
siciliano  ha  chidda ,  ma  anche  nel  velletrano  abbiamo  kélla  vgran 
quantità»  e  questa  voce  è  diffusa  inoltre  nell'  Umbria  e  nelle  Marche. 
Occorre  dunque  muovere  da  una  base  con  k-,  ed  io  penso  all'  ar. 
qedd  «grosseur,  faille,  autant»  {qucddach  «combien  ,  De  Bussy,  p.  498) 
e  metto  il  termine  kdla  con  1'  ital.  bi.^seffe  la  cui  origine  dall'  ar. 
bis  se f  besBaf  «molto  è  ben  nota.  Centro  di  irradiazione  del  vocabolo 
fu  in  Italia  il  mezzogiorno,  onde  i  dialetti  centrali  ricostruirono  falsa- 
mente, dietro  analogia  del  tipo  beddii :  bello,  il  loro  kèlla.  .Se  poi 
l'ar.  qedd,  non  accontentasse,  ci  rassegneremo  a  postulare  un  oscuro 
*kéUa  (-i:-) ,  del  quale,  allo  stato  delle  nostre  conoscenze,  nulla  si 
saprebbe  dire. 

Gruyer.  «kòra    petite  averse. 

Nella  voce  kóra  V  -ci-  ha  il  suono  di  ogni  ó  risalente  ad  «',  il  che 
è  confermato  dal  verbo  corrispondente  di  Blonay  (Odin ,  p.  253)  : 
i.kard,  se  dit  de  la  pluie  qui  tombe  en  averse-.  Il  termine  kóra  è 
estratto  da  un  *karó,  che  risponde  esattamente  a  un  quadrare  (cfr. 
gruyer.  karó  «carré).  La  via,  per  la  quale  si  giunge  al  senso  di 
piovere  precipitosamente,  è  monstrata  forse  dal  milan.  sqiiarrà  già 
■^irrompere,  precipitare,  rovesciare:.  11  piem.  ha  uno  skwarc'  «scivolare- 
(che  il  Nigra  ha  ricondotto  giustamente  a  exquadrare,   «Arch.  gì.» 


KXnrOI.OGIE  [TAF.IANE,  FRANCESI  E  FRANCO-PROVENZALI  101 

XIV,  379).     Vi   si  aggiunga  sgwar(  scivolare»  a  Faido  e  ègward  in 
altri  luoghi  del  Canton  Ticino.  ' 

Gruyer.  «kotéri»  ver  blanc  (larva  del  maggiolino). 

Il  Gauchat  cita  giustamente  il  gruyer.  kotéri  insieme  al  blon.  kotéréi 
«ver  blanc,  larve  du  hanneton»  nel  suo  studio  sul  suff.  -èri  (<Bull.  du 
Gloss.  d.  Pat.  de  la  Suisse  rom.»,  VII,  42),  ma  nulla  dice  dell'  etimo 
di  questo  vocabolo.  E  interessante  notare  che  a  Corpateaux,  a  Cottens 
e  a  Ruz  abbiamo  kotérù  con  lo  stesso  significato  (-ariolu)  e  a  Bre- 
tigny  (Vaud)  kotcri  significa  ;.  verme  che  si  annida  sotto  la  pelle  dei 
buoi  e  delle  vacche.).  Abbiamo  poi:  kotri  (che  risponde  esattamente 
a  ììotcri  -ci)  nel  lorenese  per  dire  larva  del  maggiolino:  (grò  kòtrr 
V^ogesi  mérid.,  Bloch,  Lex.,  p.  138).  Nel  punto  62  dell'  Atlas  ling.  683 
(hanneton)  si  ha  koterii  «maggiolino». 

Il  «  maggiolino  s  ha  nomi  svariatissimi,  ^  dei  quali  uno  ha  per  base 
la  nota  voce  latina  cossus,  specie  di  verme.  Nel  soprasilvano  si  ha 
tgiess  pi.  coss  «maggiolino»  (anche  co  estratto  dal  plurale,  «Zeitschr. 
f.  rom.  Phil.;;.  XXXIV,  388j.  APoschiavo:  kos  crisalide).  Abbiamo 
ko  4 larve  du  hanneton-  nella  S.-et-Loire  e  nella  Nièvre  (rispett.  punti 
907,  919,  903  della  e.  1740  dell'  Atlas).  A  Rougemont:  kó  <.ver  de 
fromage  et  larve  de  hanneton:).  Invece,  a  Pierrecourt  (Juret,  p.  81) 
si  ha  ekdw  (e  +  cossu)  «ver  de  fruit».  In  qualche  luogo  della  Francia 
ko  significa  anche  «lùcciola»  (nella  H.-Marne:  ekcs  «ver  Iuisant>). 
È  poi  un  derivato  di  cossus  il  frane,  cosson ^  kousson ,  kourson 
«charanQon»  [Atlas,  e.  1492)  molto  diffuso  nei  dialetti  meridionali,  nei 


^  Ho  detto  che  la  strada  semantica  battuta  dal  nostro  vocabolo  è  mostrata 
'forse»  dal  milan.  sqiiarrà giò.  La  via  potrebbe  essere  anche  diversa,  perchè 
è  certo  che  in  alcuni  luoghi  la  voce  quadra,  passando  attraverso  il  senso 
di  misura  dei  solidi,  è  venuta  al  senso  di  «misura  dei  liquidi'.  Così  in  sardo 
abbiamo:  log.  carrassolu^  camp,  carricciolu  «piccolo  doglio»  (Guarnerio, 
Romania,  XX,  59).  Il  sardo  ha  anche  carrajolu  «colui  che  porta  1'  acqua 
potabile  in  botti».  La  quadra  potè  essere  nel  passato  un  vaso  per  1' acqua, 
onde  una  kóra  potrebbe  equivalere  a  «una  certa  quantità  d'acqua ^  quanto 
su  per  giù  cape  in  una  quadra. 

-  Cfr.  per  V  italiano  1'  Arch.  rom..  I,  416 — 17.  La  e.  683  dell'  Atlas  (v. 
anche  la  e.  1740)  è  preziosa  per  le  denominazioni  francesi.  Aggiungo  che 
il  «maggiolino  è  detto  nel  "Giura  bernese  kìkoitdi,  nella  Gruyère  e  nella 
Glàne  kukòra,  nella  Broye:  kuerkueìe,  a  Blonay  tyenkouàrtia.  Il  «maggio- 
lino» ha  fornita  la  sua  denominazione  per  rivestire  l'idea  di  «importuno,  noioso». 
Così  a  Courfaivre  kèkoicdi  significa  anche  «vecchia  importuna»  ed  è  curioso 
che  a  Friburgo  si  dica  nel  francese  volgare  per  la  medesina  vecchia:  une 
qiiinqiierne.  A  Ratziins  (Grigioni)  dicesi:  hukariia  forma  dissimilata  del 
sopra  s.  kukaréia  -rdia,  -ria. 


102  GIULIO  BERTONI 

quali  abbiamo  anche  con  una  ripetizione  (d'  origine,  credo,  infantile)  ^ 
della  prima  sillaba  koukurson,  kourkoiissoit  ecc.  sempre  col  senso  di 
«charangon». 

Io  ritengo  che  non  sia  lecito  staccare  da  cossus  la  denominazione 
kotéri,  kotérìi  ecc.,  ma  non  ardirei  ricostruire  un  *cottus  risalendo 
a  qualche  forma  dialettale  in  cui  la  rad.  *q"èt  (+  ttis)  avesse  man- 
tenuto il  suo  /  (cfr.  quattus  quassus).  Mi  spiego  le  cose  in  questo 
modo.  In  un'  area  che  comprende  ora  la  Svizzera  romanda  e  una 
sezione  della  Francia  orientale  la  voce  kos  (cossus)  fu  presa  come 
un  sing.  nom.  o  un  plur.  accus.  quando  ancora  esisteva  la  declinazione 
a  due  casi.  Se  ne  estrasse  un  *kot,  a  quella  guisa  che  a  un  sing. 
nom.  '^bots  *bos  corrispondeva  un  accus.  sing.  o  un  nom.  plur.  bot 
(*bottu  rospo),  a  mots  mos  un  ìiiot,  ecc.,  e  poscia  a  quésta  forma 
(Pierrecourt :  c-kaiv  può  rappresentare  un  "^koso  un  ^kot)  fu  aggiunto 
il  suff.  -ér'ì,  o  il  suff.  -érii.  False  ricostruzioni  del  genere  di  "^kot  sono 
ben  note  nelle  lingue  celebri  per  la  declinazione  a  due  casi.  Ricorderò 
il  sopras.  sktdt  allato  a  skuls  scalzo  ;  ma  di  questo  fatto  si  potrebbero 
dare  più  esempi. 

Gruyère  :  «kri^ià»  tas  de  bois. 

Nella  Svizzera  occidentale  dicesi  comunemente  métr  è  kra  «mettere 
in  croce»  per  «disporre  1'  uno  sull'  altro  fasci  d'  erba,  manipoli  di  fru- 
mento, di  segala,  di  canapa k  ,  ecc.  ecc.  Ne  viene  che  krièid  deve 
essere  cruciata.  Da  krizia  con  -ia  (pai.  +  atà)  si  giunge  regolar- 
mente a  krizìd  secondo  una  norma  ben  nota  in  più  parlari  franco- 
provenzali. Ciò  che  dimostra  giusto  1'  etimo  da  me  proposto  è  che 
krizid  usasi  anche  per  «carrefour»  (cfr.  mirand.  kruédl  «crocicchio  ). 
(guanto  air  //  in  /  (sopratutto  in  contatto  con  palatale),  dirò  che  non 
vi  sono  difficoltà  da  opporre  (cfr.  frib.  d^inu  junior  «giovane  in  un 
chalet,  garzone»). 

Frib.  ddgne  «flèche  d'un  clocher;  clocher>. 

Un  interessante  significato  è  attribuito  a  dagne  in  una  raccolta  di 
voci  «gruyeriennes»  conservata  nell'  Arch.  di  Stato  di  Friburgo:  flèche 
d'un  clocher.  Mi  risulta  di  che  a  Ruz  ddgne  significa  generalmente 
non  solo  «punta  poi  campanile»,  ma  anche  «;cam panile 2>.  Questi  signi- 
ficati  vengono   da   quello   originale   di    <'tige»,    che  ddgne  deve  avere 


^  Stimo  che  siano  dorigine  infantile  certe  ripetizioni  dell'  iniziale,  come 
in  bébéte  'bète.  Si  sa  che  i  bimbi  usano  dire:  pépain  «pain»,  ecc.  Si 
potrebbe  scrivere  su  ciò  un  interessante  capitolo  della  storia  delle  lingue. 


ICTIMOLOGIE  ITAI.IAXE,  FRANCESI  E  FRAXCO-PROVEN/ALI  103 

avuto  (e  sopra  tutto  di  «tige  de  chanvre»).  ^  11  Gerig,  Teriìi.  der 
Harif-  ìind  FlachskiiUur,  p.  12  conosce  infatti  daguc  per  tutto  il 
dominio  franco-provenzale  e  per  l'Est  e  il  Sud  della  Francia  col  senso 
di  «Hanfstengel»,  p.  es.  Jura  degne,  Grand'  Combe  dhl ,  Dauphiné 
dngno ,  morv.  daigne ,  ecc.  ^  Meglio  di  un  *dagina  è  opportuno 
postulare  un  *danja,  col  quale  non  pare  abbiano  relazione  etimologica 
né  un  *dalia  «pino  selvaggio»  (cfr.  a.  ir,  dell  «baton,  baguette») 
che  è  richiesto  dai  ben  noti  fr.-prov.  de  «feuille  de  sapin>,  datile  «pin» 
{Atlas,  e.  1667  e  cfr.  anche  Jud,  <Bull.  d.  dial.  rom.»  Ili,  64)  né  un 
"^dasja  frondi  del  pino>  (Jud,  «Romania»  XLI,  292  e  già  Gauchat, 
Mèi.  Chab.,  p.  873).  ^  Sono  tutte  voci  oscure,  preromanze  non  latine. 
Cfr.  la  mia  Italia  dial.,  p.  8.  Il  Gerig  non  conosce  che  pochi  signi- 
ficati differenziati  di  *danja,  significati  che  muovono  sempre  da  quello 
di  «tige».  Io  gli  offro  il  dagne  «campanile»  di  Ruz  e  il  frib.  dagne 
d'  etìian  'flèche  d'  étang,  cioè  la  pianta  detta  in  frane,  «langue  des 
chiens>,  il  «potamogeton  natans»  (Savoy,  Flore,  147). 

Gruy.    denà».  Blonay:  «denàu>, 

A  Gruyères  mi  è  stato  dato  dend  col  senso  di  «chemin  pour  entrer 
dans  la  grange».  In  un  glossario  friburghese  manoscritto  messo  a 
mia  disposizione  dagli  eredi  Glasson 
trovo:  <i.denia:  pont  pour  engranger  ^ . 
Nel  Gloss.  du  patois  de  Blonay  di 
L.  Odin,  p.  102  si  legge:  cdénùii, 
«s.  m.  Espace   plus   ou    moins  étroit 

«qui   longe  l'écurie,  derrière  la  paroi  ^^tJSiilJ^liMMIli^V'^^^ 

«des   crèches,    et  ou  descend   le  foin  "txi^'^i^^^^^^^^^^^^r-^ 

ipour  chaque  repas  du  bétail.    A  ce 

«que  l'on  croit,  le  dcnàii  servait  à  loger  un  ou  plusieurs  animaux, 
«quand  on  ne  voulait  ou  ne  pouvait  pas  les  rentrer  immédiatement  à 
«l'écurie.  Aujourd'hui  il  sert  à  passer  la  nourriture  au  bétail».  Come  si 
vede,  vi  é  alquanta  fluttuazione  quanto  al  significato,  ma  questa  indecisione 
non  mi  impedisce  di  credere  che  V  etimo,  che  propongo,  sia  giusto. 

Penso  che  il  nostro  vocabolo  continui  un  lat.  *de-minatorium 
e  vada  col  verbo  minar i  -e  «menare»  (prov.  demenar  «conduire»).* 

^  Sui  campanili  si  metteva  talora  un  ramo  d'  albero  dritto  e  sottile. 

^  Nella  e.  1788  (chènevière;  chènevotte)  dell'  Atlas  trovo  al  P.  920  (Drome): 
dèné  de  chanevo. 

^  Valm.  ddza  "ramo  verde  di  abete  o  di  larice  %  Val-de-Ruz:  day  «branche 
de  sapin»,  ecc.  ecc. 

*  Trattasi  forse  di  un  de-  intensivo  (cfr.  lat.  postulare j  depostulare,  ecc.). 


104  GIULIO  BERTONI 

Da  un  *d  e  m  (i)  n  a  t  o  r  i  u  -  si  scendeva  a  denid  e  a  dcniùii  rispettiava- 
mente  a  Friburgo  e  a  Blonay,  poiché  -a  e  -àil  si  mettono  con  grande 
facilità  d'  accordo  risalendo  a  un  o,  come  di  -ore  (p.  es.  frib.  yjtd^  blon. 
Mìàil  florem)  ovvero  di  -orium  (p.  es.  frib.  sarid .  blon.  saryàii 
«serroir»,  frib.  m§rid,  blon.  meryàii  <miroir»,  ecc.  ecc.).  Cfr.  altresì: 
frib.  ekdre,  blon.  ékàiìre  «battre  le  blé»  frib.  kddra  (anche  n.  di  1 
poco  lungi  da  Gruyères),  blon.  kàildra  «noisetier».  frib.  ara.  blon. 
ùiìra  «heure»,  ecc.  Per  quanto  concerne  tiin  in  n ,  si  pensi  al  frib. 
sena  «seminare»,  al  frib.  e  hXon.féna  «femina»,  al  frib.  e  blon.  dsernd 
«germinare».  Da  un  *dem'naór  dcmneór  dentò  si  veniva  a  Friburgo 
a  denid(u)  e  a  Blonay  a  denitdl  regolarmente  (per  questo  sviluppo  di  ó. 
cfr.  «Arch.  rom.»,  II,  62)  e  poscia  -;//-  passava  regolarmente  a  n  (cfr. 
p.  es.  frib.  nd  «nichée  de  porcs»,  nòia  «nebbia»  ecc.). 

L'idea,  che  sta  alla  base  del  vocabolo,  è  insomma  quella  di  «con- 
durre», e  infatti  il  dcì^^d  è  qualcosa  come  un  «conduttoio»  o  alcun  che 
di  analogo.  ^ 

Giud.  <danéga    assenzio. 

Questa  voce  è  citata  dal  Gartner,  «Sitzungsber.»  di  Vienna,  voi.  C, 
p.  848  ed  è  sfuggita  allo  Horning  che  ha  consacrato  alcune  interessanti 
pagine  al  frane,  tanaisie  («Zeitschr.  f.  rom.  fhil.»  XXXII,  25).  Vi 
abbiamo,  come  nell'  ital.  lett.  daneda  «tanaceto»  e  nel  berg.  daneda 
(che  risalgono  a  daneta  cfr.  *taneta,  donde  prov.  tendo  fr.-prov.  tanid), 
il  d-,  che  pur  si  trova  nel  latino  medievale  (Diefenbach)  e  per  di  più  il 
suff.  -eca.  11  piem.  tnea  tneja  può  risalire,  dal  punto  di  vista  fonetico, 
tanto  a  un  *(ta-)  teneta.  quanto  a  un  *teneca. 

Bedano  «derénsc»  inerte,  irresoluto. 

Così  il  Pellandini,  Bedano,  p.  21  definisce  la  voce  deréns:  «inerte, 
lento  nei  movimenti,  irresoluto;  il  contrario  di  scorrevole,  parlando 
di  corda  e  simili;  avaro,  spilorcio».  In  -ens  avremo  un  suffisso  (cfr. 
valm.  barène  «a  brandelli»  e  «brandello»  cfr.  «Arch.  rom.»  II,  243). 
Quanto  a  dcr-^  io  vi  scorgo  quell'  eri  intirizzito»  che  1'  Ascoli  voleva 
da  un  *erigidus,  etimo  che  punto  non  accontenta  ma  di  cui  nulla 
si  sa  trovare  di  meglio.     Citerò  eri  a  Giornico  ed  (ri  a  Broglio  «irri- 


'  A  ragione  Odin,  p.  102  scrive:  "Gomme  il  n'existe  pas  dans  chaque 
«maison  un  dendi'l,  quelques  pcrsonnes  confondcnt  ce  mot  avec  paresàdso» 
(Su  questa  voce,  v.  Arch.  rom.,  II,  64).  Ora,  a  Gruyères  un  vecchio  settan- 
tenne, che  aveva  passato  molti  anni  in  quel  di  Montreux  sosteneva  che  dend 
è  la  «porta  della  greppia  e  diceva:  ouró  /g  de>>d  ^faprire  la  porta  della 
greppia». 


ETIMOLOGIE  ITALIANE,  FRANCESI  E  FRANCO-PROVENZALI  1.05 

gidito»  e  sopra  tutto  ricorderò  (anzi  aggiungerò  al  Meyer-Lubke, 
n°.  2900)  il  mesolc.  (Roveredo)  dori  «intirizzito».  Ma,  a  risolvere, 
parmi,  la  questione,  ecco  qui  un  dcrènkt  ^intirizzito»  in  ValcoUa.  Che 
da  «irrigidito»  si  passi  a  «inerte»  e  ad  «irresoluto»  (in  senso  morale) 
è  cosa  che  si  capisce  facilmente, 

Jura  bern.  djenatche>  sorcière. 
Trovo  questa  voce  in  un  vocabolarietto  di  Courfaivre  che  debbo 
alla  cortesia  del  prof.  J.  Girardin:  adjcndtche  sorcière;  {djenàtcheri 
sorcellerie)».  E  impossibile  staccare  questo  vocabolo  dall'  ant.  frane. 
geneschier  stregone,  -ierc  strega  e  dal  lor.  s««/  «sorcière»  hna  mago, 
dichiarati  giustamente  da  Horning,  partendo  da  genius.  Siamo  con 
djendtsche  a  un  g  e  ni  s  e  a  (-d-  =  i).  Cfr.  «geniscus  ;  nomen  daemonum» 
(Du  Gange)  e  v.  Horning.   fZeitschr.  f.  rom.  Phil.»  XVIII.  218. 

Belmont:  <dzòt^  (femm.)  sorta  di  cavolo;  Pange:  «zòt»  cavolo. 
Nel  dizionarietto  accodato  dal  Dosdat  al  suo  studio  sul  dial.  di  Pange 
«Zeitschr.  f.  rom.  Phil.»  XXXIII,  275,  abbiamo:  zgt  .chou».  Nel 
vocabolarietto  di  Belmont  regalatoci  dallo  Horning  «Zeitschr.  f.  rom. 
Phil.»  XXXIII,  394  si  legge :.«rfio^  f.  Kohl;  d(}  %udii^  d~ì}t  pommes 
de  terre  mélées  avec  des  légumes  (on  y  met  de  la  graisse)».  Nel 
maggior  vocabolario  di  Belmont  datoci  ora  dallo  stesso  Horning 
(«Beih.  z.  Zeitschr.  f.  rom.  Phil.  n°  65,  p.  114)  troviamo:  <igQt  (gùt) 
«f.  Kohl.  insbesondere  der  zur  Bereitung  von  Sauerkraut  dienende; 
«griine  Blatter  der  Kartoffeln,  Riiben,  Runkelriiben;  de  yuài  g'[>t  mé- 
«lange  de  pommes  de  terre  et  de  légumes  avec  de  la  graisse».  Quest' 
ultimo  significato  ci  mette  sulla  strada  per  trovare  1'  etimo  della  voce. 
In  questa  dovrem  vedere  il  vocabolo  jutta  di  oscura  origine,  al  quale 
ho  fatto  risalire  il  moden.  ;fa^/a  («Arch.  rom.»  I,  80-81)  combattendo 
un'  erronea  etimologia  del  Salvioni.  Per  la  fonetica,  si  pensi  a  dèà/i 
giallo,  dèu  giogo,  ny  orso,  rodò  rosso,  sf/p  suppa  a  Belmont.  La  de- 
signazione ds^t  deve  essere  servita  anzi  tutto  per  la  particolare  specie 
di  cibo  che  si  ricava  dal  «cavolo 3  e  poscia  deve  essere  passata  al 
cavolo  stesso.  Ricordo  il  poitev.  std  «Gemisch  von  Kohl,  Kleie  und 
anderem,  das  man  den  Gansen  und  Truthiihnern  gibt».  Cfr.  sopras. 
djóta  «zuppa  d'  orzo» ,  breg.  gotta  «orso  pilato»  e  pila  la  gótta 
«nettare  1'  orzo  dal  guscio».^    Aggiungo  ora  che  nelle  Ardenne  si  ha 

^  Cfr.  xVi  secco  (femm.  /</«/)  a  Belmont. 

^  E  non  va  dimenticato  jotta  'brodo  di  maccheroni»  nei  Sannio  (Nittoli, 
p.  122),  per  la  qual  voce  non  si  può  pensare  a  un  deverbale.  Cfr.  sann. 
Aliotte  inghiottire,  glianna  ghianda,  ma:  justo,  jommenta  cavalla,  ecc. 


106  GIULIO  BERTONI 

(jut,  gcst,  dsut.  Il  Bruneau,  Enqiiéte  ling.  sur  les  patois  d'Ardennes, 
p.  497  scrive:  «Ce  mot  designa  en  Wallonie  les  choux  cuits  à  la 
«graisse;  mais  il  désigne  aussi  (secondo  i  luoghi)  les  épinards.  la 
«salade  cuite,  les  legumes  en  general,  de  petits  navets  blancs.  toutes  les 
«herbes  vertes  qu'on  met  à  la  soupe.  toutes  sortes  de  légumes  verts 
«cuits  ensemble».  In  alcuni  luoghi  delle  Ardenne  la  voce  designa  un 
piatto,  poco  stimato,  fatto  con  «oseille.  pissenlits»  ecc.,  piatto  ritenuto 
rinfrescante  e  purgativo.  La  parola  (jontte)  si  trova  anche  nelle 
Coiitumes  de  V Echcvinage  de  Mésières,  p.  80.  A  Bertrix:  kurtì  a 
gcet  «jardin  potager».  Insomma,  jutta  ebbe  un  senso  vago,  che  andò 
specificandosi  qua  in  un  modo  e  là  in  un  altro.  In  origine,  1'  idea, 
che  dovè  rivestire,  fu  quelle  di  mescolanza  di  ingredienti  vari  per  la 
nutrizione;  in  sèguito  poi  la  voce  potè  passate  ad  indicare  uno  (il 
principale)  di  codesti  ingredienti.  A  La  Baroche  si  ha:  <igìjt  f.  Be- 
zeichnung  fiir  alle  Kohlarten.  insbesondere  fur  «un  chou  grand  et  forme 
en  téte». 

V^ogesi  merid.     emondà»  crescere. 

La  voce  è  data  dal  Bloch,  Atlas,  n°.  235.  Poiché  accanto  ad  emòda 
abbiamo  emòdd,  emodè,  io  credo  che  .la  nasalizzazione  sia  secondaria, 
come  nel  frane,  orient.  tàre(tr)  «lierre»  (terrestre),  e  che  si  debba 
partire  da  emodà  (e  x  m  o  v  i t  a  r  e).  La  storia  di  m  o  t  i  t  a  r  e'  è  inte- 
ressante. Il  rintocco  della  campana  pei  morti  è  chiamato  moda  nelle 
H.  Alpes  971  e  nella  H. -Savoie  958  e  inude  (Piem.  966).  E  ben  noto 
in  territorio  franco-provenzale  il  verbo  moda  modo  per  «partire»  molto 
più  diffuso  nella  Svizzera  romanda  di  quanto  appaia  dalle  ce.  975 — 976 
dell'  Atlas.  Il  rintocco  segna  il  momento  della  «partenza»  del  morto 
dalla  casa,  onde  vedremo  in  moda  un  deverbale  di  moda,  dunque 
teoricamente  parlando  un  '^'movita. 

Frib.  4èr§t§à'!'  tavolo  su  cui  posa  il  formaggio  ancora  in  forma. 

Il  formaggio,  durante  la  sua  manipolazione  (appena  levato  dalla 
caldaja  e  messo  entro  la  forma ,  detta  yétse)  ^  posa  suU'  èretsii  ed  è 
premuto  dal  tevé  (tabellu-),    cioè  da  un'  asse  circolare  su  cui  si  fa 


^  LucHSiNGER,  Molkercigeràt,  p.  33.  Date  le  forme  come  rti^ka  a  Dongio 
e  ruts<(,  nel  Paj's  d'  Enhaut,  pare  veramente  che  alla  base  stia  un  *rusca. 
A  Gruyùres  abbiamo  ri^ts^,  che  nell'  £  tonico  si  risente  forse  del  derivato 
ritsó  «piccola  forma  per  il  siero  \  Par  bene  che  la  voce  dy'ltso  dyets<j 
(Luchs.,  23)  si  connetta  direttamente  all'  alem.  ffcbse.  (Tappelet,  II,  55.) 
Forse  si  dovrà  partire  da  una  forma  più  antica  del  vocabolo,  più  vicina  all' 
a.  a.  ted.  i>;ebiza  (dal  latino  gahataX  donde  viene,  come  si  sa,  gebse. 


ETIMOLOGIE  ITAI.IANF,  FRANCESI  E  ERAXCO-PRO VEXZAl.I 


107 


sentire  la  forza  del  tserdsà,  («chargeoir»).  Le  voci  sono  citate  nella 
veste  fonetica  che  hanno  a  Gruj^ères. 

Di   rrets('i   parla  brevemente  il  Luchsinger ,   Molk. ,   p.  34 ,    il   quale 
propone  di  vedervi  un  derivato  di  «ricco»  (frib.  rrtso),   quasi  un  «en- 
richoir:,  il  tavolo  «ou  Fon  enriche■^.    Ma 
questa    dichiarazione    è    tutt'     altro    che 
soddisfacente. 

E  opportuno,  a  parer  mio,  notare  che 
esiste  il  verbo  èrctsi  (derivato  di  rétse) 
col  senso  di  «mettre  le  fromage  dans  la 
forme  ;  tourner  le  fromage»,  precisamente 
di  metterlo  e  volgerlo  nella  rétse.  Ora. 
èrcts(ì  deve  essere  un  derivato  strumentale 
(-orium)  di  questo  verbo,  il  quale  suona 
l'vetsi  ma   dovè  avere   accanto  un  èretsi 

più  conforme  alla  fonetica  di  Gruyères ,  dove  dinanzi  ad  /  e  li  gli 
antichi  ts  e  dz  non  sono  scaduti  sino  a  ts  ds.  Abbiamo  così  :  fvetU 
formaggiaio  {fve  «frutto  formaggio),  etUla  scala,  Iziitsi  «coucher», 
tsàdzi  changer>  ecc.  Se  la  forma  TreUi  è  scomparsa  (soppiantata  da 
èretsi),  la  ragione  sarà  che  T  influsso  di  rétse  si  è  fatto  sentire  con- 
stante e  gagliardo;  ma  che  essa  sia  esistita  è  provato  appunto  de 
rreAsà  che  mantiene  il  suo  ts.  Così  abbiamo  il  citato  tserdzà  («char- 
geoir»), strumento  col  quale  si  preme  sul  formaggio,  accanto  a  tsérdse 
(«charge»).  Insomma,  io  ritengd  che  ìretm  non  abbia  nulla  di  comune 
con  «ricco». 


Frib.   :etsazyère:   mèche  du  fouet 

A  Blonay  (Odin,  p.  156)  si  ha  etsahaire  «mèche  du  fouet».  Si  tratta 
di  *captiaria  (cfr.  frib.  tsayvi,  blon.  tsaM  «chasser»).  Ciò  che 
conferma  in  modo  manifesto  questo  etimo  è  che  nel  francese  regionale 
la  «mèche  du  fouet»  è  chiamata  chasse  (capti a).  L'  e-  deve  rap- 
presentare gli  effetti  dell'  agglutinazione  dell'  art.  plur.,  secondo  il 
tipo  les  écornes  studiato  dal  Tappolet,  «Bull.  d.  Gloss.  de  la  Suisse 
rom.»  II,  24.  Un  altro  caso  di  agglutinazione  dell'  articolo  plurale 
femm.  io  vedrei  nella  voce  frib.  ekozdla  «una  delle  due  briglie  che 
legano  1'  estremità  del  timone  di  un  carro  al  collare  dei  cavalli»,  voce 
che  generalmente  è  usata  al  plurale,  perche  due  sono  le  ekozale^  una 
per  ognuno  dei  cavalli.  Quanto  all'  etimo,  non  saprei  proporre  che 
nn  koèd  (sost.  fem.)  «cucita» -f  ^//f/.  Le  ekozale  sono  strisele  di  cuoio 
o  catenelle  di  ferro,  ma  per  il  passaro  dovetono  essere  generalmente 
di  cuoio. 


108  GIULIO  BERTONI 

Lev.    fosnón-  bracciata  d'  erba,  paglia,  fieno. 

Accanto  a  fosnón  vive  fiisnón  e,  sempre  nella  Leventina,  a  Quinto, 
si  ha  fusnéda^  che  mi  pare  importante  perchè  sta  a  dimostrare  che 
r  -n-  di  fo-  jiisnon  dev'  essere  secondario.  E  secondari  saranno  pure 
gli  0  u  e  il  protonici,  se  1'  etimo  che  propongo  è  giusto.  Moverei 
cioè  da  fascina  e  vedrei  in  fusnéda  un  *  f  a  s  e  i  n  a  t  a  (la  cui  esistenza 
è  dimostrata  anche  dal  he.rr.fenée,  «Romania»  XXXVIII,  599).  Nelle 
altre  forme  avremo  il  suff.  -one.  L'  oscurarsi  dell'  a  di  fascina 
ritengo  determinato  dall'  influsso  labiale  di  f.-  L'  n  si  dovrà  a  qualche 
altra  voce  di  significato  affine. 

Frignati,  «gaiét»  specie  di  fungo  giallo. 

Lasciando  impregiudicata  la  questione  etimologica,  aggiungo  alla 
serie  dei  derivati  di  un  oscuro  gaio,  che  col  senso  di  «screziato,  pic- 
chiettato maculato»  il  Nigra.  «Arch.  gì.»  XV,  287  ritiene  (non  so 
con  quanta  ragione)  d'  origine  provenzale,  aggiungo,  dico,  un  nuovo 
termine:  gaiét  «fungo  giallo,  di  poco  conto»  che  mi  viene  da  Benedello. 
Per  la  questione  della  gaietta  pelle  della  lonza  di  Dante,  questo  gaiét 
non  è  privo  d"  importanza.  La  pernice  rossa  è  detta  in  Piemonte 
pernis  gaia,  il  codirossone  è  chiamato  riiss  gaio\  e  in  canav.  una 
vaka  gaia  è  una  «vacca  pezzata  di  bianco»  più  propriamente  «gialla  e 
bianca  >  (prov.  vaco  caiolo).  È  probabile  che  il  «giallo  e  il  «bianco»  siano 
i  due  colori  che  insieme  alternati  abbiano  costituito  ciò  che  è  detto  «gaio, 
ma  non  è  escluso  che  il  vocabolo  abbia  assunto  o  possa  avere  assunto  > 
significato  più  largo,  come  parrebbe  da  alcun  i  esempi  addotti  dal  nigra. 

Piem.    genoria»  marmaglia. 

A.  Levi,  Palatali  pieni.,  p.  173  pensa  che  questa  voce  risalga  a 
un  ^genitoria  e  «quindi  si  colleghi  con  fr.  génitoire ,  prov.  mod. 
genitori  testicolo».  Sarebbe  quindi  un  neutro  plurale  divenuto  sing. 
femm.  con  valore  collettivo.  Le  cose  saranno  più  semplici.  Si  tratterà 
invece  di  quel  «genia»  che  ha  dato  all'  emil.  éneja  «ragazzo,  mar- 
maglia» («Arch.  rem.»  I,  212)  e  vi  avremo  nulla  più  che  uno  scambio 
di  suffisso. 

Alto  ital.  *góva»,  frane,  «glioube»,  prov.  «gleva». 

Una  grande  sezione  dei  dialetti  italiani  settentrionali  —  e  special- 
mente la  sezione  alpino-lombarda  —  ha  una  voce  góva  la  quale  designa 
un  oggetto  di  legno  ricurvo,  presso  che  forcuto,  che  serve  a  raccogliere 
per  terra  i  ricci  delle  castagne. 


KTIMOLOGIE  ITALIAKK,  FRANCESI  K  FRANCO-l'ROVENZALI 


109 


E'  oramai  noto  che  il  termine  in  questione  va  con  V  a,  a.  ted.  klobo 
(m.  a.  ted.  klobe ,  ted.  mod,  kloben  «gespaltenes  Holzstuck  zum  Fest- 
halten,  Fessel.  gespaltener  Stock  zum  Vogelfang,  Riegei,  Spalt  usw.» 
Kluge,  249)  e  che  rispecchia  in  territorio  italiano  la  forma  gotica  di 
questa  voce,  la  quale  compare  (con  di  pilli  il  suo  ìd-  voltosi  in  gì-) 
nel  C.  G.  L.  IV,  83,  96  :  glaba  [glóba]  \ 

Do'  qui  la  riproduzione  di  una  góva  lombarda  perchè  il  lettore  possa 
farsi  un'  idea  chiara  ed  esatta  dell'  oggetto  e  passerò  in  rassegna  le 
regioni  in  cui  la  nostra  voce  compare  ad  indicare  1'  ordegno  in  di- 
scorso. Cominciando  dal  Nord,  osserverò  che  nell'  alta  Leventina  non 
vegeta  il  castagno,  sicché  questo  utensile 
non  vi  è  usato;  ma  a  partire  da  Faido  lo 
incontriamo  con  la  denominazione  appunto 
di  góva.  Così  a  Personico:  góva  e  via  via 
scerfdendo  abbiamo  la  voce  nella  Riviera, 
eppoi  góva  ad  Arbedo  («Boll.  stor.  d.  Svizz. 
ital.»  XVII,  110)  «molle  di  legno  per 
raccogliere  i  ricci  delle  castagne»,  góva  a 
Gudo,  a  Gorduno  góo  «forcella  di  legno  a 
foggia  di  molle  per  raccogliere  i  ricci», 
mentre  a  Sonvico  si  ha  sgója  (con  influsso 
forse  di  fója,  poiché  insieme  con  i  ricci 
delle  castagne  trovansi  per  terra  le  foglie 
delle  piante)  ^.  Pure  si  ha  góva  a  Intragna, 
ecc.  ecc.  Nella  Mesolcina  si  ha  govèta 
«piccola  molla  per  i  ricci  delle  castagne». 
Nella  Verzasca:  góva  (a  Lavertezzo  golia) 
e  góva  abbiamo  in  tutta  la  Valle  Maggia  («molle  di  legno  o  di 
latta  per  i  ricci»)  ^  in  tutto  il  Locarnese,  in  tutti  gli  altri  dialetti, 
si  può  dire,  del  Canton  Ticino.  Oltrepassato  il  quale,  troviamo 
geliva  nel  novarese  (Quarna)*,  dove  anche  il  vocabolo  serve  a 
designare  la  molle  del  fuoco.  Laddove  i  ricci  delle  castagne  si 
raccòlgono   vestendo    la    mano    con    un  guanto  speciale  o  anche  senza 


(Una  góva  locarnese). 


^  Vedasi,  per  ultimo,  Meyer-LObke,  Liter.  f.  gemi.  n.  roman.  Phil,  XXXVII 
(1915),  col.  316  (ree.  di  un  mio  articoletto  sul  vocabolo  alto-ital.  9óva). 

-  Cfr.  appunto  a  Sonvico:  mója,  molle  del  fuoco.  Ma  come  spiegare  il  g' 
duro?  Lo  abbiamo  anche  (se  la  mia  informazione  è  esatta,  come  credo)  a 
A'aglio:  ^giiéa  ^'forcella  per  raccogliere  i  ricci». 

^  A.  Cavergno:  {Java. 

*  Veramente,  per  essere  esatti,  a  Quarna  è  detto  geliva  V  utensile  che 
serve  ad  aprire  i  ricci;  quello  che  si  adopera  per  raccoglierli,  chiamasi  riUèL 


no 


GIULIO  BERTONT 


guanto,  laddove  insomma  il  nostro  strumento  non  è  in  uso  (anche  per 
ragione  della  diversità  del  riccio  meno  consistente,  meno  spinoso)  ^ 
non  è  da  credersi  che  la  voce  manchi.  Essa  è  passata  ad  indicare 
un  altro  oggetto,  che  serve  a  togliere  la  buccia  dalle  castagne,  certo 
perchè  quest'  oggetto  era  od  è  fatto  con  rametti  per  lo  più  biforcuti 
insieme  legati  o  anche  consisteva  e  consiste  di  un  solo  ramo.  Così, 
lo  Schneller   cita  un  lom.     góa    «eine  Art  Zange,    welche   dient.    die 

Kastanien  aus  der  griinen  Stachel- 

hlìlle  loszuschalen».  Ma  .  sopra 
tutto  interessante  è,  per  il  suo  uso, 
la  góva  dell'  Apennino  emiliano. 
Essa  serve  formata  di  ramoscelli 
a  guisa  di  una  piccola  scopa,  a 
togliere  alle  castagne  sgusciate  e 
cotte  neir  acqua  la  seconda  pelle 
(la  pecca).  Si  agita  nella  bigoncia 
la  góva  e  le  castagne  escono 
svestite.  Quando,  invece,  le  castagne 
sono  state  seccate  e  sono  dure,  la 
seconda  pelle  è  levata  con  uno 
strumento  che  chiamasi  stanga  e 
che  finisce  con  punte  di  ferro.  Ora, 
è  interessante  notare  che  il  blocco 
di  ferro  con  punta  della  stanga 
chiamasi  anch'  esso  góva  ^. 

Confrontando  le  nostre  ripro- 
duzioni, si  vede  chiaramente  quanta 
dissimiglianza  corra  fra  i  tre  og- 
getti chiamati  con  un  sol  nome  : 
gova.  L'  idea  della  «biforcazione»  non  si  è  mai  perduta  di  vista  del  tutto, 
ma  la  varietà  stessa,  sotto  cui  può  presentarsi  un  oggetto  biforcuto, 
spiega  il  singolare  passaggio  del  vocabolo  da  un  utensile  ad  un  altro. 
Se  volgiamo  lo  sguardo  verso  un  altro  ordine  di  cose,  vedremo  qua 
€  là  sopravvivere  il  nostro  vocabolo  per  indicare  altri  utensili  incur- 
vati, biforcuti.  Abbiamo  detto  che  nell'  alta  Leventina  non  prospera 
il  castagno;  ma  vi  fiorisce,  invece,  aggiungiamo  ora,  la  voce  gova^  la 
quale,  non  potendo  designarvi  un  oggetto  che  non  esiste,  è  applicata 
invece   al  coltello,    ma,    si  badi,    al  coltello  da  tasca,  al  coltello  che  si 

^  Il  riccio  (lomb.  ri<,  ari<)  è  detto  nell"  Emilia  skiìrL  donde  poi:  skarzcìr 
''togliere  il  riccio'   e  skarzadóra  strumento  per  sricciare. 

-  La  bigoncia,  in  cui  vengono  pestate  le  castagne,  di  cesi  pela  (pila). 


(Una  .^(U'rt  deU'  Appennino.) 


KTIMOI.OGIE  italiani:,  FRANCKSI  K  KRANCO-PROVENZAIJ 


111 


piega  in  due  (manico  e  lama)  e  che  a  un  dato  momento  si  trova  ad 
essere  biforcuto,  quand'  è  semichiuso,  analogo  presso  a  poco  (quanto 
alla  forma)  a  uno  di  quegli  strumenti/  che  abbiamo  studiati.  Ad 
Ambrì  e  in  Valle  Bedretto,  il  coltello  da  tasca  vi  è  detto  infatti  gòva 
ed  io  credo  che  si  tratti  sem.pre  dello  stesso  vocabolo  g  1  o  b  a.  Il  quale 
vedremo  ancora  nella  voce  góa  del  Trentino  «eine  gegabelte  Stange 
«zum  Pfliicken  groi3erer  Baurhfruchte,  auch  tìberhaupt  andere  ahnliche 
«Werkzeuge»  ;  a  proposito  del  qual  significato,  sarà  utile  aggiungere 
che  nel  lombardo  (milanese)  góva  si  usa  anche  per  uno  «strumento 
«per  cogliere  i  fichi»  e  nel  ferrarese  (Bondeno)  significa  «brocca  per 
«cogliere  i  grappoli  d'  uva»  (ciò  che  comunemente  in  emiliano  dicesi 
furaténa  e  filatela).  In  romagnolo  abbiamo  un  derivato,  e  cioè  :  vóvla 
«brocca  per  cogliere  frutta»  e  anche 
c/ivla,  che  deve  il  suo  li  ai  verbi 
ruvlé,  ciiglé.  («Romania»  XXXIX, 
440.)  Il  lettore  osserverà  che  la 
biforcazione  appare,  più  o  meno,  in 
ognuno  di  questi  oggetti,  risultando 
poi  evidentissima  nel  friulano  giove 
«punto,  in  cui  un  ramo  si  biforca  . 
Eppoi  nel  lombardo,  nel  veneziano, 
nel  bolognese,  nel  ferrarese,  góva- 
significa  ancora,  per  dirla  col  Cheru- 
bini   (Voc.    mil. ,    II,    227)    «quel 

«ferro  piegato,  forcuto,  dentato,  il  gambo  del  quale  è  conficcato  nella 
«panca  da  piallare  il  legname,  e  serve  per  tener  fermo  il  legno  che 
«si  vuol  lisciare  e  assottigliare  con  la  pialla»,  un  ferro  che  in  lom- 
bardo dicesi  anche  gdmber  (Banfi,  p.  530),  in  ital.  granchio^  termine 
dei  falegnami.  E  si  aggiunga  che  nel  padovano  goa  significa  «bastone 
che  finisce  con  due  branche  per  tener  ferma  la  doga  lavorata  col  fuoco» 
(termine  dei  bottai). 

Prego  ora  il  lettore  di  dare,  per  ultimo,  un'  occhiata  alla  stanga 
dell'  Ap.  emiliano  e  sopra  tutto  alla  parte  di  essa  che  chiamasi  góva. 
È  un  blocco  di  ferro  dentato  a  guisa  di  tante  penne  di  martello  1'  una 
addossata  all'  altra.  Ora  1'  Angiolini  nel  suo  Vocab.  milan.,  p.  35*^' 
dà  un'  altra  accezione  del  vocabolo  góva.  e  cioè:  «penna  del  martello 
spaccata  a  uso  di  levar  chiodi  o  simili».  Per  ragione  dell'  aspetto 
che  ha,  la  stecconata  à  detta  gnvdda  in  dialetto  di  Mirandola  e  qui 
abbiamo  un  derivato  di  góva. 

Ho  istituito  tutti  questi  avvicinamenti  perchè  mi  son  parsi  assai 
adatti  a  spiegare   come  il  nostro   termine   abbia   potuto ,    passo  passo. 


(La  stanga. 


1 12  GIULIO  BERTONI 

indicare  oggetti  che  a  prima  vista  paiono  disparati.  Nessun  rapporto 
diretto  corre  fra  la  parte  in  ferro  della  stanga  e  la  penna  di  un 
martello,  né  laddove  vive  uno  di  questi  significati,  vive  anche  1'  altro. 
Indipendentemente,  in  luoghi  diversi,  si  è  avuto  un  trapasso  ideologico 
affine. 

Il  nostro  vocabolo  è  rappresentato  anche  in  francese  e  provenzale 
Così,  nel  pittavino  si  ha  glioiibc  «s.  f.  petit  instrument  en  fer  qui  se 
«piqué  (le  plus  ordinairement)  dans  le  mur  de  la  cheminée  par  l'une 
«de  ses  extrémités  et  dont  l'autre  qui  est  comme  fendue  et  forme 
«deux  branches.  regoit  et  tient  pincée  la  chandelle  de  rottsine.  On 
«donne  encore  ce  nom  à  deux  morceaux  de  bois  dont  se  servent  les 
«affrancJiissettrs  pour  castrer  les  chevaux.  L'on  appelle  encore  de 
«ce  nom  toute  entaille  profonde  faite  en  forme  de  mortaise  et  dans 
«laquelle  on  fait  entrer  une  autre  pièce  de  bois  .  .  .  .»  Neil'  Aunis: 
«glioitbe  petite  branche  fendue  qui  re^'oit  la  chandelle  de  rèsine»,  ecc.  ^. 
Inoltre,  nel  linguaggio  dei  marinai,  ìioube  è  r«entaille  qu'il  faut 
«faire  pour  enter  un  bout  de  mat  sur  la  partie  qui  est  debout  lorsqu'un 
«vaisseau  a  èté  dématé  par  un  gros  temps»  ^.  Ne  sono  derivati, 
sempre  nel  linguaggio  nautico,  lionher  e  enliouber.  Non  v'  ha  dubbio, 
come  hanno  veduto  lo  Schuchardt  e  il  Behrens,  che  queste  voci  fran- 
cesi vadano  riattaccate  a  klobe\  ma  diversi  sono  stati  i  momenti  della 
penetrazione  del  termine  in  Italia  e  in  Francia.  Più  interessante  ancora 
del  francese  è,  per  il  nostro  vocabolo,  il  provenzale,  in  cui  abbiamo: 
gioito  «outil  pour  ègruger  le  chanvre,  tenaille  de  bois  à  1'  usage  des 
«vanniers»,  esglouà  eigloiià  «ègruger  le  chauvre»  (Gerig,  Termino- 
logie der  Hanf-  tind  Flachslitdtur,  p.  22).  L'  ant.  prov.  ha  gleva 
(sull'  ^determinato  dalla  labiale  contigua,  v.  ora  «Arch.  rom»,  II,, 
261),  del  quale  due  esempi  ha  il  Levy,  S.-Wb.^  IV,  138  (uno  suona: 
«glevas  fendudas  de  fust»).  Nel  glossario  bearnese  del  Lespy  sotto 
glebe  si  legge:  «baguette  fendue  où  l'on  suspend  par  le  cou  les 
'^petits  oiseaux  morts  que  l'on  porte  au  marche;  gaule  fendue  à  une 
«extrémité  avec  laquelle  on  cueille  des  fruits  à  queue,  de  raisins,  que 
«l'on  ne  peut  atteindre  avec  la  main». 

E',  quest'  ultimo,  il  senso,  che  (java  ha  assunto  in  qualche  parte 
dell'  Italia  settentrionale,  come  ho  sopra  dimostrato. 


^  Maggiori  dettagli  si  possono  vedere  in  un  articolo  dello  Schuchardt, 
in  Zeitschr.  f.  roiii.  PJiil.,  XXVI,  419  e  in  un  altro  articolo  della  Zeit- 
sclin'/t,  nello  stesso  volume  (p.  245),  articolo  dovuto  al  Behrens  e  intitolato 
lioiibe. 

-  Thomas,  Mélanges  d'étymologie  fran^aisc,  p.  99. 


ITIMOT  OGIK  ITALIANE,  FRA^X'K.SI  K  FRAXCO-PROVEKZAT.I 


113 


A.  frane.  <\uuernote  grenote». 

Il  Thomas  non  si  mostra  ancora  convinto  che  V  ormai  celebre 
guernote  «testicolo»  del  {&b\ei\x\  La  Dame  cscollice  xixòix  \e\.io  grenote 
e  riattaccato  a  granii s.  Persiste  egli  («Romania»,  XXXVIII,  357) 
a  credere  ehe  si  debba  correggere  in  gieniote  e  sia  da  collegarsi  con 
r  idea  di  «terre-noix»  (cfr.  poit.  abvcnote  «sorte  de  racine  bonne  à 
«manger»  e  «am^^gdales»).  Io  penso  invece  che  abbia  ragione  il 
Behrens  («Zeitschr.  f.  rom.  Phil.»  XXVI,  110).  Ricordo  il  veron. 
graniei  (granedelli)  testicoli  e  osservo  che  il  «mouton  entier»  è  detto 
grenon  nella  Saóne-et-Loire.  Ora,  questo  grenoii  non  si  può  staccare 
da  ììioutoìi  à  gvaiìies  (stesso  senso)  nell'  Allier.  Ne  viene  un  valido 
appoggio  alla  base   ;grano>. 

Frib.  «/i^ro»  plancher  de  la  grange. 

Questo  vocabolo  (che  trovo  in  alcune  note  fra  i  manoscritti  Gremaud^ 
voi.  84,  n°  9)  rappresenta  regolarmente  un  exterum  (cfr.  lat.  exteras 
«partes  domus»).  Da  aggiungersi  al  Meyer-Liibke,  n°  3087.  Abbiamo 
come  si  sa  («Zeitschr.  f.  rom.  Phil.»  V,  386),  estve  es  in  ant.  frane. ^ 
estras  in  provenzale  (Levy.  Sappi.- W.,  s.  v.)  e  e'  è  poi  un  esti'a  anche 
in  Alfonso  X  [Cant.  151,  261),  nel  quale  vocabolo  converrà  vedere 
con  il  Lang  («Zeitschr.  f.  rom.  Phil.»  XXIX,  255)  un  provenzalismo. 
Quanto  allo  sviluppo  di  e-  seguito  da  (c)st,  cfr.  frib.  til>a  testa^  frii}a 
«faìte»  che  risale,  a  mio  parere,  a  un  *férsta  (First)  per  la  via  indicata 
ora  dal  Jud,  «Rom.»  XLIV,  630.  Il  Bridel  registra  étros  «chalet 
des  Alpes  les  plus  élevées»,  e  il  savoiardo  ha  etra  «lieu  où  l'on 
serre  les  feuilles  sèches  le  foin,  la  paille*,  écurie». 


Frib.  «va»  soliveau,  plancher  d'une  grange. 

Col  frib.  yd^  che  significa  «soliveau,  plancher  d'une  grange»  e 
precisamente  quel  «plancher»  che  congiunge  due  stalle,  va  la  voce 
seguente  di  Blonay  (Odin ,  p.  324)  : 
<.<làu  s.  m.  Plancher  un  peu  plus 
«élevé  que  le  plancher  ordinaire  d'une 
«grange  et  formant  corame  un  second 
«étage,  soit  au-dessus  de  l'écurie,  soit 
«sur  la  partie  de  la  grange  qui  avoisine 
«l'aire».  Una  particolarità  dello  yd^  la  il 
è,  in  fondo,  quella  di  collegare  V  una  all' 
altra  due  parti  di  un  edificio  sicché  1'  etimo, 
che   subito  si  presenta  al  pensiero  viene 

Archivum  Romaniciim.  —  Voi.  3.  —  1019. 


114  GIULIO  BERTONI 

convalidato  dallo  studio  e  dall'  esame  della  cosa  stessa  e  del  suo  officio. 
E  quesf  etimo  deve  essere  *ligatorium.  Naturalmente  il  frib.  yd 
risale  a  *Ay/,  che  forse  vive  ancora  in  qualche  luogo,  dove  1'  /  palata- 
lizzato non  sia  scaduto  a  y. 

Centovalli:  «lui'na»;  valm.  «luina»  valanga. 

È  impossibile  staccare  questa  voce  da  «lavina»,  cioè  da  «lava»  (cfr. 
Velletr.  rava  macigno).  Vedi:  bresc.  laj  «frana»,  lainà  «franare». 
Deve  trattarsi  di  voce  non  latina.  Rimando,  per  V  etimo,  più  che  al 
Nigra  «Arch.  glott.»  XIV,  284,  ad  alcune  mie  osservazioni  in  Ricerche 
ling.  varie  («Atti  e  Meni.  d.  R.  Dep.  di  St.  P.  per  le  prov.  mod.» 
S.  V.  Voi.  XI  p.  11,  n.  1).  È  dubbio  ;infatti  che  1'  ar.  laba  sia 
d'origine  latina.  A  Neg'd  in  Arabia,  dove  1'  infl.  lat.  non  è  ammissi- 
bile, si  ha  labe  «terreno  duro,  scarpato:.  Comunque  sia,  dirò  che  1' 
a-  prot.  s'  è  oscurato  in  ti  (ii)  per  influsso  della  labiale.  Abbiamo 
anche  liiina  sliiina  ad  Arbedo.  L'  influsso  di  «ruina»  («Boll.  st.  d. 
Svizz.  ital.»  XV^Il,   135)  è  ammissibile,  ma  non  necessario. 

«Magnacocia    e  «tchetchevè  . 

Nei  :  Comptes  de  la  maison  de  l'aumòne  de  Saint  -  Pierre  de  Rome 
(12o5  — 1286):  editi  ora  dal  Prou  (:.Moyen  age»,  XX,  42)  si  legge: 
citem  eodem  die  [11  Aprile  1286]  quattuor  pueris  qui  coUegerunt 
zmagnacocias  de  vineis  dicti  jardini,  cum  XXVI  operibus,  ad  rationem 
«XII  d.  per  operam.  .  .  XXVI  s.»  Il  Prou  si  chiede  che  cosa  siano 
le  magnacociae.  Si  tratta  del  «grillotalpa»,  che  a  Velletri,  a  ragion 
d'  esempio,  è  detto  magnakòssa  (Crocioni),  negli  Abruzzi  tnajakòsse 
(Crocioni,  iStudj  rom.-  V,  75),  cioè  (Merlo,  cStudj  rom.»  IV,  155) 
«mangia-zucche».  Fra  le  denominazioni  del  «grillotalpa  ^  da  aggiun- 
gersi allo  studio  del  Merlo  (cfr.  Thomas,  «Romania >,  XXXVIII, 
146  e  Bertoni,  «Romania;  XLIII,  615—616),  registro  qui  tchetchevè 
nel    Tura,  cioè   «calca  e  va>   denominazione  fra  le  più  espressive. 

Frib.  «pyé»  sorta  di  tela  per  il  formaggio. 

■  Il  pyii  è  un  pezzo  di  tela ,  a  una  delle  cui  estremità  sta  una  ver- 
ghetta  di  ferro  (verds'éta),  per  estrarre  dalla  caldaia  il  formaggio  da 
mettersi  nella  forma. 

Questo  vocabolo  è  stato  registrato  dal  Luchsingcr,  Molkereigerdt, 
p.  37,  il  quale  dà  le  seguenti  forme:  pyj;  Bulle.  Ormont;  pi  dii  fro- 
màdBO  Liddes;  pi  Panex  e  aggiunge:    «Etymon  dunkel  . 


KTrMOI.OGIE  italiani:.  FKANX'ESI  !■   FRANCO-PROVENZALI  115 

Io  ritengo  che  la  nostra  voce  vada  con  un  termine  che  significa  in 
gran  parte  della  Francia  del  Sud-Est  ;langes->  (cfr.  la  e.  1839:  langes 
dell'  Atìas).  Abbiamo  (hi)  pyc  nella  Savoia,  nell'  alta  Savoia,  e  nell' 
Ain,  nella  Dróme:  pyas.  Nelle  Basses-Alpes  (e  nella  Vaucluse),  dove 
il  -/-  digrada  e  resta,  si  ha  pedas^  il  che  dimostra  che  nella  base  era 
un  4-  e  chQ  pyé  dev'  essere  un  derivato  (cfr.  svizz,  rom.  brotsé  piccolo 
vaso  di  legno  per  il  latte»  brocca  +  -Tttu).  Con  ciò  1'  etimo  non 
è  punto  trovato,  poiché  non  si  conosce  una  radice  *p'it-  o  una  voce 
*pTta  o  *péta  col  senso  di  ;  pezzo  >  o  di  «pezzo  di  tela;  in  modo 
più  particolare,  ma  in  base  alle  sopravvivenze  messe  in  luce  qui  sopra 
sarà  forse  lecito  postularla.  Col  significato  di  langes»  il  termine  più 
non  vive  nella  Svizzera  romanda. 

Franco-prov.  «peiolé(t)»  (Vaiid.  Veveyse)  serpolet. 

Accanto  alla  voce  peiole(t)  si  possomo  registrare  i  vocaboli  pure 
franco-provenzali:  piliolé piole(t)  (Vaud),  pignole{t)  (Vaud),  pelevoue(t) 
(Frib.),  che  mostrano  fenomeni  fonetici  vari,  ma  che  non  si  debbono 
distaccare  da  peiolet.  H.  Savoy  {Flore  romande  ^  p.  118),  che  dà 
tutte  queste  forme  (le  quali  si  possono  aggiungere  all'  Atìas,  e.  1222) 
pensa  a  torto  che  esse  provengano  dal  lat.  p  i  1  u  s. 

Non  v'  ha  dubbio  che  i' nostri  termini  vadano  con  la  denominazione 
che  il  «serpolet»  ha  in  molti  parlari  della  Francia  e  cioè  ponillù 
pouillcc  nel  Passo  di  Calais,  pouyó  nella  Loire-Inf. ,  nella  Yonne  e 
altrove,  pouilló  (Sarthe),  ecc.  ecc.  È  interessante  poi  notare  che  il 
volgo  confonde  facilissimamente  il  «serpolet»  e  il  «timo»  ;  onde  nella 
e.  1301  dell'  Atlas  abbiamo:  pouillu  pouxce  ben  diffuso  per  designare 
appunto  il  «timo».  E  il  serpillo  è  pur  chiamato  «timo  sauvage»  nej 
centro  della  Francia  o  anche  :.timo  batar,  beter-»  cioè  «bastardo». 
La  voce  majorana,  serve  poi  nel  Cantal  a  denominare  il  serpillo 
(mediarono)  e  nella  H.-Loire  a  designare  il  timo  (inadsaróna).  Quanto 
a  pouillu,  -a',  peiole(t),  piliole(t),  ecc.,  ritengo  che  queste  voci  risal- 
gano tutte  a  una  base  che  abbiamo  nel  gr.  yróliov.  In  una  glossa 
(Goetz,  111,  615,  45)  si  legge:  ^polion  est  serpullus»  e  in  altre  glosse 
si  hanno  indicazioni  analoghe.  In  una  di  queste  si  ha,  come  denomina- 
zione, un  oscuro  f  l  i  e  o  n ,  che  fu  pensare  al  termine  frigoideto  diffu- 
sissimo al  Sud  per  «serpillo»  e  «timo».  A  base  di  un  peiole(t)  sta 
dunque  un  *  poliiole(t).  Quanto  sì  pignole(t)^  vi  avremo  una  dis- 
similazione di  ì  —  /  in  >7  — /,  come  nei  canav.  punj'ól  pugnbl ^  che 
veramente  il  Nigra  «Arch.  glott.»  XIV,  373  ha  ricondotti  a  *serpylle- 
ólu,  mentre  non  si  potranno  anch'  essi  staccare  dalla  base  nóXiov. 
La  forma  piole(t)  risale  anch'  essa  a  un  ^pijole(t),  peiole(t). 

8* 


116  GIULIO  BERTONI 

Esempio  di  deformazione,  così  frequente  in  nomi  di  piante,  è  pele- 
voite(t)^  che  si  riattacca  esso  pure  a  iiohov  ',  mentre  saranno  deforma- 
zioni di  serpullum  gii  ital.  sermollino  e  pepolino^^  svizz.  prim- 
puwale  e  da  un  incrocio  fra  una  forma  di  questa  natura  e  un  derivato 
di  7róÌA0v  deve  essere  scaturito  il  pur  svizz.  rom.  pepyf'e. 

Frib.    sèrnu     alone  della  luna. 

L'  4 alone  >  è  detto  èerftic  a  Ruz,  con  la  qual  voce  è  anche  designato 
in   friburghese,    per   dirla    con  un  vecchio  collettore  di  voci  dialettali, 

iun  lieu  qui  est  ou  fut  entouré  de  foréts;  un  pré  dans  les  montagnes?. 
Il  Bridel  non  registra  questo  termine,  ma  ha  bensì  cerguteìiici'n  lieu 
défriché  dans  une  forét:,  cernei,  cernetta  «paturage,  abatis  dans  une 
forét^.  Evidentemente  serfiu  rappresenta  circinus  (cfr.  frane,  cygne 
cicinus)  e  va  con  le  voci  lor.  5/7rse'wr:' serS(?;zc  studiate  dallo  Horning, 

.Zeitschr.  f.  rom.  Phil..>  XVIII,  215;  XXXII,  18,  per  le  quali  il  citato 
valoroso  linguista  ha  trovato  il  giusto  etimo. 

Frib.     rizu-  démenagement. 

Dev'  essere,  s'  io  sono  nel  vero,  il  ted.  Reise  «viaggio  ,  che  il 
Tappolot  non  registra.  Per  1'  -/-,  si  pensi  a  krid  «Kreide-  ecc.,  con 
un  /,  che  viene  dall'  alemanno.  La  voce  ho  raccolta  a  Ruz.  Nella 
Gruyère  dicesi  gardemò^  il  cui  etimo  è  da  trovarsi. 

Ticin.     sciòla>  specie  di  pane. 

La  voce  è  di  Sigirino  e  il  Pellandini  la  cita  [Bedano,  p,  21)  sotto 
Ctiscióó  «piccolo  pane  di  segala  pei  ragazzi  con  queste  parole:  ca 
Sigirino  tali  panetti  chiamansi  setola^.  Ritengo  che  1'  accostamento 
ia  opportuno  non  pure  per  il  significato,  ma  anche  per  1'  etimo,  pel 
fatto  che  in  setola  io  leggo  un  (cnjsciòla^  nel  quale  1'  b  (e  non  o)  sia 
determinato  dall'   -<"/,  secondo  una  norma  ben  nota. 

Ferrar,     sumnèla^. 

Questo  termine  si  adopera  ed  indicare  1'  uso  di  spargere  sabbia  o 
crusca  fra  la  casa  di  chi  è  rifiutato  sposo  e  di  chi  rifiutò.     Risaliamo 


'  Vi  si  tratta  di  un  suffisso  analogico  diminutivo,  ricavato  dai  frequenti 
tsenevoiié(t)  {tsenevo  canapa),  come  tsenevoue(t)  de  hià  (ortica  reale),  tsene- 
voiié(t)  (ortica  rossa),  h'ian  tsenevoiié(t),  sinapa  arvensis.  Cfr.  frane. 
cafétier  (chocolatier). 

2  Nelle  Alpi-Mar.  e"  è  un  pehre  d'  ad  "serpillo'.  Se  non  gi  tratta  di  una 
ricostruzione,  ciò  può  far  pensare  a  un  influsso  di  -pepe     su  "scrpiflo». 


laiMOI.OGIE  ITALIANE,  FRANCESI  E  ERANCO-PROVENZAI.I  1  1  7 

a  un  «seminare ,  essendo  sìiìiméla  nulla  più  che  *semmella  con  e  ri- 
dottosi a  u  all'  atona  per  effetto  della  labiale  seguente.  Giud.  smnaìKir 
iseminares  e  cfr.  ant,  alto  ital.  romcmer     rimanere  . 

Ferr.  svétula    bastonata. 

Con  piena  ragione,  il  Meyer-Liibke  (n°.  9404)  abbandona  il  ve  e  ti  s 
del  Nigra  e  si  volge  a  vTtta.  Il  moden.  évàttla  «percossa  con  cor- 
reggia, con  bastone,  schiaffo;  col  suo  -a-  risolve  la  questione,  poiché 
à  ton.  risale  ad  ('  in  posizione  (p.  es.  sàa'a  secchia,  a  mdtt  ego 
mitto,  non  già  ad  é  in  pos.  (cfr.  vr^i-  vecchio,  vréspa  vespa,  ecc.) 

Córso:     taranola     allodola,  ecc. 

Mi  sia  concesso  mettere  in  evidenza  questa  denominazione  còrsa 
dell'  «allodola»  che,  insieme  ad  altre  affini,  rilevo  nell'  Atlas.  e.  61: 
ter anghj Illa,  taragghjola,  ter-,  hranagghjola.  La  ragione  di  questa 
designazione  è  evidente,  se  si  pensa  alle  abitudini  terrestri  dell'  ani- 
maletto. Anche  in  una  zona  meridionale  abbastanza  estesa  ha  avuto 
luogo  la  medesima  formazione,  come  ho  avuto  occasione  di  accennare 
nella  mia  Italia  dialettale^  p.  48  ^  Qui  afferro  l'  occasione  per  offrire 
alio  studioso  maggiori  informazioni.  Abbiamo  dunque  :  taragnóla  a 
San  Severo  (Foggia)  e  a  Gallipoli  (Lecce),  taragmìla  a  Tughe,  Parà- 
bita,  Casarano  (Lecce),  teragnóle  a  Conversano  (Bari),  taraùndole 
ad  Andria  e  tarannóle  a  Corato  (Bari),  e  tiragnéhi  a  Matera  (Potenza). 
E  interessante  notare  che  a  Fusio ,  nel  Canton  Ticino ,  si  abbia  :  In 
tarano  l'  allodola  .  Sono  dunque  tre  aree  di  diversa  estensione  che 
ci  stanno  dinanzi  ed  io  credo  che  siano  fra  loro  indipendenti,  perchè 
un'  idea  come  quella  che  presiede  alla  nostra  denominazione  può 
affacciarsi  per  1'  allodola  in  luoghi  diversi  e  lontani.  AH'  idea  dell' 
accovacciarsi  in  terra  dell'  alato  animaletto  si  connette  un'  altra 
designazione  meridionale,  e  cioè:  cocciarda  a  Caserta,  cucciarda 
a  Castrovillari ,  Bisignano,  Benevento,  Avellino,  Campagna  di 
Salerno.  Di  altre  denominazioni  ho  discorso  nelle  Discuss.  etim., 
23  e  neir  «Arch.  rom.  1,  209,  547.  Qui  dirò  che  ora  spiegherei 
diversamente  lo  strellaca  di  Fermo  e  lo  starlaca  di  Lugo.  Anche 
ad  Arcevia  abbiamo:  stirlacca  allodola»  (Crocioni,  p.  100).  E 
probabile  che  si  debba  muovere,  come  pensa  il  Crocioni,  dalla 
voce  istrillo.;'.  Aggiungo  che  a  Sommariva  -  Bosco  (Piemonte)  1' 
allodola  à  chiamata:  éataritna  (a  Bonifacio,  Corsica:  vatarùn ^  cfr. 
Bertoni,    «Romania»,    XLIV^,  272)  e  che  nel  cuneese  abbiamo  traróla 


^  Vedansi  anche  le  mie  Discussioni  ctiìnoIogicJie,  p.  23. 


113  GIULIO  BERTONI 

(Cuneo.  Savigliano,  Spinetta,  Robilante).  V  è  stata  confusione  con  la 
ballerina»  a  Settimo- Vittone:  balaróla^  con  altro  uccelletto  ^  a  Luino: 
par  asóla  e  con  la  calandra)  a  Piazza  Armerina  e  a  Vallo  Lugano 
(calandra).  A  Chiaramonti  (Sassari):  calandrina.  Abbiamo  poi: 
pastore! a  a  Sondalo  e  sempre  in  Valtellina  (accanto  alla  forma  più 
diffusa  ódtda,  cfr.  anche  udin.  ódiilc)  si  ha  anche  pajardina.  A  Leontica 
(Elenio)  r  allodola  è  detta  ;  uccello  grigio:;  nel  cremasco:  ciorlana. 
Finirò  con  mettere  in  evidenza  alcune  interessanti  forme  che  si  riat- 
taccano ad  alaudula,  cioè:  vigev.  rf«r<f/a,  Pitigliano  :  dódola,]>io\ ara 
(Messina)  rineri  (plur.),  cfr.  sicil.  lonera  (Cefalù,  ecc.).  lonara  (Tra- 
pani, ecc.)  e  V.  Italia  dial.,  p.  48.  Ciò  sia  detto  ad  integrare  quanto 
ho  scritto  altrove,  nei  passi  sopra  ricordati,  sulle  denominazioni  dell' 
allodola:    nei  dialetti  italiani. 

Piem.     terlé     saltellare  di  gioja. 

È  voce  usata  generalmente  nella  locuzione  terlé  d'  goi  «saltellare 
di  gioja»  (Ponza,  p.  558).  Esiste  anche  il  deverbale  terla  ;  zurlo: 
andé  an  terla  andar  in  visibilio,  non  capire  nella  pelle  per  la  gioja  .  A 
Castellinaldo  abbiamo  poi  tcrlién  (-igine)  ;  uzzolo  (Toppino  Studj  rom.  : 
X,  24).  Da  queste  voci  non  si  può.  a  mio  vedere,  staccare  tarla  a 
Usseglio,  che  significa  (Terracini,  <.Arch.  glott.  XVII,  300):  isaltellare- 
(delle  vacche)».  Ed  io  ritengo  che  si  debba  muovere  appunto  da  questo 
senso,  in  cfuanto  alla  base  deve  stare  la  voce  taurus  e  dal  «saltellare 
delle  vacche:  che  domandano  il  toro  si  deve  essere  venuti  al  signifi- 
cato di  < saltellare:  in  genere,  detto  anche  degli  uomini.  l\  'à^.x.  tarala 
-:étre  en  chaleur,  demander  le  taureau:  (Constantin).  che  corrisponde 
al  piem.  terlé  (*torlé),  mi  pare  confermare  validamente  la  mia  eti- 
mologia.    Siamo  dunque  a  un  *taurellare. 

Frib.     trapèna    trati  che  sostengono  il  tetto. 

A  Ruz  dicesi  krapìiia^  dalla  qual  voce  (comunque  si  spieghi  il  t-)^ 
mi  pare  impossibile  disgiungere  trapèna,  che  verrà  dunque  da  un 
carpenta  (carpentum)  *crapenta  con  sostituzione  di  suffisso." 
Cfr.  valt.  krapèna.  Bravuogn  charpenna  (Palioppi)  e  cfr.  Zeitschr. 
f.  rom.  Phil.:;  XXII,  468.  Il  sopras.  karpicn  (detto  d'  ogni  sorta  di 
carri)  dev'  essere  un  carpentum. 


'  Con  r  animaletto  che  in  Emilia  è  chiamato:  payiiìiséijia. 
''  W  sarà  influsso  di     trabem  . 


KTI.MOI.OGIK  ITAI.IANH,  FRANCESI  K  FRANCO-PROVENZALI  119 

Tuhrucus  \ 

Per  ben  due  volte,  ho  avuto  occasione  di  parlare  di  questo  vocabolo 
e  della  sua  vitalità  in  certi  dialetti  settentrionali  d'  Italia  (;  Arch.  glott. 
ital.  XVII,  472;  ElenL  gcri/i.  nella  lingua  ilaL  pp.  210,  261)2. 
Domando  ora  il  permesso  di  ritornare  suU'  argomento,  persuaso  che 
r  interesse,  che  il  nostro  termine  sveglia,  costituirà  una  giustificazione 
a  questa  mia  insistenza. 

Due  passi  possono  dirsi  celebri  su  questo  \'Ocabolo,  poiché  valgono 
a  darci  un'  idea  dell'  uso  che  veniva  fatto  del  tttbructts  o  tttbriigus  : 
V  uno  di  Isidoro,  Etnn.  XIX,  22:  Tnbrucos  vocatos  diciint  quod 
tihias  bracasque  legante  1'  altro  di  Paolo  Diacono  {Historia  Lango- 
bardonim,  in  «Mon.  Germ.  Hist.^  SS.  RR.  Lang.  et  Ital.,  p,  124,  10): 
Calcei  vero  eis  erant  usque  ad  summum  poUicem  pene  aperti  et 
alternatim  laqueis  corrigiarum  retenti.  Postea  vero  ceperunt  osis 
;uti,  super  quas  equitantes  tiibnigos  birreos  mittebant  .....  I  mano- 
scritti dell'  Historia  danno  parecchie  varianti  della  voce,  e  cioè:  tn- 
brugros,  tttbugros,  titbnicos,  trubiigos,  tngnbros,  tibriigos,  tiburgos^ 
tribugos,  trnbucos.  Le  Glosse  di  Cassel  n.  114  hanno:  deiirus  deoh- 
proh  (copertura  della  gamba^,  cfr.  ted.  mod.  Bnich). 

Che  cos'  erano  propriamente  i  tiibriici'ì    II  Saglio  ^  ricorda  il  passo 

di  Paolo  Diacono  e  quello  di  Isidoro  e  arriva  alle  conclusioni  seguenti  : 

xPaul  Diacre  ....  mentionne  à  son   tour   les  Itosae   dans  une  phrase 

:qu'il   convient   de   citer   tonte   entière.     Il   parie   des   Lombards  .... 

«dont   il   compare   le  costume   au  vétement   ampie  des  Anglo-Saxons. 

'<Leur   chaussure,    dit-il  ensuite,    était  ouverte    presque   jusqu'au   bout 

«de    l'orteil    (c'est    le   soulier    découvert    des   peuples    du    Nord,    très 

«différent  de  celui  des  Romains),  et  il  ajoute:  après  cela,  ils  commen- 

cèrent  à   se  servir   des  hoses,    par   dessus  lesquelles,   pour  monter  à 

cheval,  ils  mettaient  des /^/6;7/(7?/^5  de  bure  ;  mais  c'est  là  un  emprunt 

«qu'ils   firent   aux   usages   romains.     Qu'est-ce  au   juste  que  les  Lom- 

«bards  empruntèrent  au  Romains?    Il  est  clair  que  ce  sont  les  hosae^ 

«ce  ne  sont   pas  les  trabuqnes  ou  lubvuqucs.     Pour  ce  dernicr  mot, 

il  n'y  a  auctin  doute ;  l'explication  qu'en  donne  nn  contemporain, 

'  Accedendo  al  desiderio  di  alcuni  studiosi,  ristampo  (con  alcuni  lievi 
ritocchi)  una  mia  nota  su  «tubrucus*  edita  negli  Atti  e  Mem.  della  R.  Dep. 
di  St.  P.  per  le  Prov.  moden.,  1916. 

^  Le  mie  osservazioni  si  sono  rallagrate  del  consenso  del  Foerster.  Cfr. 
FoERSTER  -  KoscHWiTZ,  Altfransósischcs  Ubungsbucìi'^ ,  Leipzig  1915, 
p.  290. 

^  E.  Saglio,  Les  'Bracaci  et  les  "Hosae"  nella  Revue  celtique,  XI. 
pp.  38-39. 


120  GIUI.IP  BEKTOKI 

ilsiclorc,  la  signi fication  qiCil  a  gardé  aiix  siede s  snivaiits,  mais 
<iSnrtont  Vemploi  ici  iiidiqiié  par  Paul  JDiacre  fait  bien  coiiipreiidre 
<iqiìil  s'agit  de  bas  oh  de  bottes  de  laine  épaisse,  tirés  par-dessus 
^les  hoses,  de  véritables  houseaux;  on  les  metta  it  poi  ir  montev  à 
u'heval'. 

Che  veramente  i  passi,  in  cui  è  questione  dei  tubruci  (Du  Gange, 
VI,  691),  facciano  proprio  -ben  comprendere»  che  si  tratta  di  calzari 
di  lana  spessa,  e  non  di  calzoni,  non  oseremmo  affermare  '  ;  tuttavia, 
data  1'  espressione  di  Paolo  Diacono  {<  eqiiitantes  tubrugos  birreos 
mittebant  ),  1'  opinione  del  Saglio  pare  anche  a  noi  abbastanza  veri- 
simile, ma  non  sicura.  Papia  ha  però  una  variante  con  una  dichia- 
razione che,  se  fosse  riconosciuta  esatta,  sconvolgerebbe  le  illazioni 
degli  studiosi,  poiché  dopo  aver  riportato  letteralmente  la  definizione 
di  Isidoro,  aggiunge  :  tubraci  quod  a  braccis  ad  tibia  usque  veniant  ; 
ma  noi  riteniamo  che  la  voce  tubvaeus  non  sia  mai  esistita  e  che 
provenga  da  un  errore  spiegabile,  spiegabilissimo.  Forse  Papia 
desunse  il  suo  tubraci  da  un  manoscritto  dell'  opera  di  Beda,  che  ha, 
almeno  in  certi  codici  :  calceatus  tibracis,  e,  mentre  s'  avvide  che 
sotto  questa  parola  si  nascondeva  la  voce  tubrncìis^  non  dubitò  punto 
che  la  variante  fosse  una  corruzione  degli  amanuensi  dello  stesso 
termine  tubriicus ,  tibnicus.  E  accaduto  assai  spesso,  naturalmente 
prima  del  sec.  XI,  che  i  copisti  trascrivessero  per  //  un  a  e  per  a  un  // 
per  ragione  della  somiglianza  notevolissima  che  1'  a  aperto  (in  forma 
di  e  e  avvicinati)  presentava  con.  la  lettera  //.  Di  siffatti  scambi  si 
hanno  esempi  nelle  Glosse  di  Reichenau  (secc.  Vili — IX)  in  quelle  di 
Cassel  (secc.  Vili — IX)  ^  e  sopra  tutto,  come  è  noto,  nelle  antiche 
glosse  edite  nel  Corpus  del  Goetz.  Ricorderò,  fra  queste  ultime, 
salisutores  (\^,  513,  5)  da  correggersi  in  salisatores,  eppoi  :  vuculaV, 
?)?)6,  36  (corr.  vafcjcttla),  e  mani/ex  IV,  415,  31;  V,  603.  63  (corr. 
munifex).     Cfr.  Ileraeus,   «Arch.  f.  lat.  Lex.»,  X.  507,  510. 

I  tubrugi  birrei  di  Paolo  Diacono^  dovettero  essere  probabilmente 
grossi  gambali  di  stoffa  villosa,  di  lana  aspra  e  dura  (cfr.  la  glossa 
birriis:  veslis  aspera  [Du  Gange]  e  Giovanni  da  Genova  birruni : 
grossum    vestimentuìii   e   vedasi    anche    Thes.    li.    2006);    ma    sulla 

'  Il  pensiero  corre  specialmente  ai  tubroces  vel  bvacae  cit.  da  Heyni:, 
Kórperpjlegc  ttnd  Kleidung  bei  den  Deutschen,  Leipzig,  1903,  p.  261. 
Non  bisogna  troppo  chiedere,  in  fatto  di  esattezza,  agli  antichi  scrittori  medie- 
vali. Soltanto  dal  confronto  di  più  passi,  è  possibile  in  certi  casi  farsi  un"  idea 
chiara  di  ciò  che  essi  vogliono  veramente  dire. 

^  Reich.  459:  iuniie,  corr.  ianiu'x  Cassel  125:  gcrahi,  corr.  genti  a:  154 
liKtiKÌacoriì.  corr.  Un'i^t^  nuiìKlucdril  (l)icz). 


KTIMOI.OGIE  ITALIANE,  FRANCESI  E  FRANCO-l'ROVENZAI.I  121 

loro    forma    esatta  è  giocoforza    convenire    che    non  sappiamo  nulla  di 
positivo. 

1  dialetti  romanzi  presentano,  come  presto  vedremo,  varie  accezioni 
della  voce,  nelle  sue  sopravivenze,  ma  attraverso  a  questa  varietà  a 
noi  non  par  lecito  purtroppo  risalire  con  sicurezza  al  vero  e  proprio 
senso  originale.  La  materia  alle  ipotesi  è  troppa,  e  ogni  congettura 
sarebbe  troppo  vaga  per  essere  seria.  Tutto  ciò  che  si  può  dire  è 
che  i  tubntci  furono  un  rivestimento  della  gamba  e  che,  con  verisi- 
miglianza,  possono  essere  stati,  come  vuole  il  Saglio,  dei  <bas  ou  des 
<bottes  de  laine  épaisse.  tirés  par-dessus  les  hoses ,  des  véritables 
<-houseaux    ^ 

Veniamo  ora  agli  esemplari  romanzi.  La  nostra  voce  sopravive 
neir  Ossola,  dove  per  travile  s'  intendono  certi  gambali  di  lana  grossa 
e  pesante.  Travile  dicesi  a  Trontano.  straiis  a  Villette.  Neil'  Onsernone 
abbiamo  travis     calze  senza  peduli     e  anche  trevilsik'. 

Per  uno  di  quegli  accordi  che  i  dialetti  del  sistema  dell'  Adda 
presentano  con  quelli  ossolani  (accordi  ancor  piìi  notevoli,  in  parti- 
colare, nella  fonetica)  il  termine  ha  grande  vitalità  nella  Valtellina, 
dove  tuttavia  il  significato  si  fa  diverso.  A  Bormio,  a  Livigno,  a 
Madonna  dei  Monti,  a  Ceppina  trus  sono  chiamati  i  .calzoni»  (non 
già  irose,  come  ha  erroneamente  il  Monti,  corretto  dal  Longa  nel  suo 
prezioso  lessico  bormino)-,  e,  sempre  nella  Valtellina  sono  detti //'«//'/^ 
trajiìk  certi  stivaletti  di  panno,  specie  di  scarpe..  A  Sondalo,  come 
mi  scrive  un  cortese  informatore,  il  vocabolo  tvaiìk  designa  quello 
che  è  per  Bormio  il  ghet,  cioè  i  calze  di  panno,  anche  a  maglia,  che 
«coprono  la  gamba  sotto  il  ginocchio,  sopra  le  scarpe.  Ordinariamente 
tsi  usano  per  proteggere  la  gamba  dalla  neve  .  La  forma  con  -k 
riflette  il  singolare  di  tubruciis ,  le  forme  con  -5,  s,  s  (^molto  più 
comuni)  ci  rappresentano  il  plurale,  usato  (e  si  capisce  perchè)  molto 
piij  del  singolare.  Pare,  anzi,  che  il  plurale  abbia  trionfato  in  ant. 
francese  poiché  rilevo  nel  Godefroy,  Vili.  34  esempi  come  i  seguenti  : 
Et  chanfa  un  trebus  (Ren.  de  Mont.).    Et  chance   ìin   trebus,    ecc. 


'  Siamo  invece  meglio  informati  sulle  bracae  e  sulle  hosae  (voci  di  origine 
celtica  la  prima,  germanica  la  seconda).  Il  termine  braca  designò  sempre 
una  specie  di  pantalone,  lungo  o  corto,  che  arrivava  talora  sino  al  ginocchio 
e  -talora  sino  al  piede.  Le  hosae  furono  dapprima  une  specie  di  ghette,  di 
calze  alte  o  basse  (cfr.  frane,  housean),  ma  non  è  escluso  che  il  termine 
potesse  riferirsi  anche  ai  pantaloni,  nella  quale  accezione  unicamente  vive 
ora  la  voce  in  Germania. 

'  (In  Valfurva:  tru:égl  specie  di  ghette  ).  Invece  a  Sondalo.  Grosio, 
Tirano:  braghi \  a  Sondrio:  caìsi'tii,  a  Pendolasco  cnlsi'cn. 


122 


GIULIO  BERTONI 


Ciò  mi  ricorda  la  glossa  114  di  Casse!  (dcurus)  e  mi  fa  ritenere  che, 
ridottosi  -cs  a  -s,  il  vocabolo  fosse  considerato  come  uno  di  quelli  in 
cui  r  -s,  appartenendo  al  tema  e  non  alla  desinenza,  necessariamente 
si  conservava  nella  flessione  a  doppio  caso  (p.  es  tems^  cours^  ecc.). 
Nel  dial.  odierno  di  S.'  Yrieix-la-Montagne  (Creuse),  trebu  si  adopera 
al  plurale  (comunicazione  di  A.  Thomas)  per  designare  in  senso  peg- 
giorativo delle  vecchie  calze  {de  la  tdiòussd).  In  ant.  provenzale,  la 
voce  è  ben  nota.  Posso  aggiungere,  a  c[uelli  conosciuti,  un  altro 
esempio,  tratto  dalla  versione  provenzale  della  «Regola»  di  S.  Bene- 
detto (ms.  della  Nazionale  di  Parigi  f.  frane.  2428,  [sec.  XIII],  e.  27^')- 
e  trebucs  e  caiisos\  mentre  nel  ms.  di  Avignone  della  stessa  versione, 
ancora  inedita,  si  ha  a  questo  punto:  caiisos  e  causas.  Si  vede 
adunque  che  caiisos  potevan  sostituire  i  trebucs. 

Venendo  a  noi,  diremo  che  tr alisi  dicesi  per  «calzoni»  a  Poschiavo, 
mentre  a  Gordola  i  /r//>,  sono  «scarpe  con  gambali»,  a  Cimalmotto 
traile  si  adopera  per  indicare  dei  «calzettoni,  che  fanno  1'  ufficio  delle 
moderne  bende».  Altrettanto  accade,  se  le  mie  informazioni  sono 
esatte,  a  Gudo  (treviis).  Anche  a  Tesserete  si  hanno  i  traiis^  intorno 
alla  forma  dei  quali,  però,  non  posso  dire  nulla  di  preciso. 

Nella  Verzasca.  la  voce  travile  (e  straviis)  serve  in  genere  a  desi- 
gnare   dei    grossi    calzoni  di  lana   spessa    da   portarsi   in   inverno   per 

ripararsi  dal  freddo,  dalle  nevi  ^  La  ripro- 
duzione, che  abbiamo  il  piacere  di  offrirne 
qui  contro,  ci  dispensa  dal  darne  una  più 
lunga  ed  accurata  descrizione.  Sono  calzoni 
ineleganti,  di  forte  tessuto,  qualcosa  da 
potersi  paragonare,  parmi,  alle  bracae 
celtiche. 

Neir  alta  Valmaggia  esistono  pure  i  travile 
e  la  voce   trovasi  da  Bignasco  in  su,   com- 
presa la  Lavizzara.     Da  Cevio  in  giù  ado- 
prasi,  con  lo  stesso  senso,  un  altro  termine: 
mokzct,  una  specie  di  calzare  ricoprente  il 
piede   sino   alla   caviglia.     L'  uso  di  questi 
traviis   va    però    molto   diradando.     Oggidì 
si   può    dire    che    non   se   ne    servono    che 
poche   vecchie   quando   si    conducono   nei   boschi  a  fare  erba  e  legna. 
Da  Piano  di  Peccia  mi  viene  traviis  con  1'  indicazione  «mezze  calzo, 
che  par  corrispondere  alla  descrizione  che  ne  abbiamo  data,  fondandoci 


(I  traviis  della  N'erzasca.) 


'  Neir  Ap.  erti,  si  lia.  per  siffatti  calzoni,  la  voce  poiana  -e. 


ETI.MOLOGIE  l'I  ALIANE,  1-KA\(  ESI  K  ERANCO-rKOVEXZALI  123 

SU  altri  fonti  valmaggini.  Il  vallanti",  tì'nvis  significa  altresì:  «calze 
senza  peduli».  Il  genov.  ha  trósi  {*/ra/i:i)  scarponi  da  contadino 
(anche //'ò"i«  tanghero) ;  la  Valsesia  ha  ^r(7i'//''«/  (uccu)  gambali,  calze 
senza  peduli;  nella  Val  di  Scalve:  ireiise  e  iróse  (femm.  pi.)  calze 
senra  solette.  Nel  gergo  di  Parre:  trcosghe^  specie  di  calzare  per  la 
gamba,  gergo  solandro  :  trauc  stivali  da  neve  ^. 

L'  etimo  di  titbntcus  (divenuto  iriihiictis  e  quindi  "^trabucus,  a  cui 
risalgono  le  forme  moderne  sopra  citate)  pare  essere  indicato  dalle 
Glossa  stessa  114  di  Cassel:  devvus:  deohproh.  Saremmo  dunque  a 
una  base  germanica,  come  altrove  ho  sostenuto.  Altrimenti  pensa  il 
Bruckner,  che  tocca  pure  del  lat.  tubnictis\  ma  la  principale  ragione 
che  egli  ne  dà,  è,  a  mio  avviso,  erronea  ^. 

Comunque  sia,  la  raccolta  di  queste  sopravivenze  moderne  non  sarà 
senza  interesse  per  i  cultori  della  linguistica  e  della  storia  del  costume. 
Le  voci  «calzoni,  calzettoni,  ghette»  fanno  ora  una  guerra  spietata  al 
prezioso  nostro  termine  e  presto  il  giorno  verrà,  in  cui,  a  designare  i 
travìls ,  si  adoprerà  una  parola  che  non  avrà  più  il  medesimo 
interesse  per  il  linguista  e  per  il  filologo. 

Moden.  «vidérba»  vitalba. 

Il  mutamento  di  /  +  cons.  in  r  stupisce  nel  dialetto  modenese  che 
conserva  intatto  V  l  in  questa  congiuntura  (ìiu'ilva,  talpa)  o  tutt'  alpiìi 
nelle  campagne  lo  jotacizza,  fenomeno  comune  ai  dial.  dell'  Apennino 
{ójerii  olmo,  ("fjva  frantumi  di  castagne,  ecc.  ecc.).  Ma  il  suono  dell' 
(',  che  è  chiuso,  ci  dice  che  su  «vitalba;!-  (che  avrebbe  dato  *viddlba) 
ha  influito  «erba>  {<:rba),  anzi  che  «erba»  ha  sostituito  del  tutto,  per 
ragione  di  certa  affinità  formale,  la  voce  alba.  È  un  esemplai-e 
da  aggiungervi,  per  un  certo  riguardo,  al  pur  moden.  óndes  «guarda- 
nidio, endice  {(mdes  «undici»  ha  sostituito  per  pura  somiglianza  formale 
rndeé    indice»). 

Verz.    vui^tana»  specie  di  castagaa. 
Deve  trattarsi  di  «agostana:,    e  la  voce   andrà   aggiunta   alle  varie 
denominazioni  (riguardanti  sopra  tutto  l"  uva,  il  fieno,  la  biade)  risalenti 

1  Rend.  Ist.  Lomb.,  XLIX,  1065.     Arch.  rom ,  L,  534. 

'■^  Bruckner,  Sprache  der  Lang.,  p.  86  scrive:  Paulus  (Diacono)  aus- 
«drucklich  bemerkt,  dai5  die  Langobarden  die  Bitte,  tubrugi  zu  tragen,  von 
'den  ROmern  iibernommen  hatten.  Ma  vedasi,  di  contro,  V  interpretazione 
del  Saglio,  op.  cit-,  p.  38.  Continua  poi  il  Bruckner:  mit  diohpruoh 
< wenigstens  kann  es  jedenfalls  nicht  identisch  sein.  wie  Cirimm  [Gramm.  d. 
<deutsclì.  Spr.,  695)  annahm  . 


124  GIULIO  BERTONI 

alla  base  *agustanu,  per  cui  v.  Merlo.  Stag.,  p.  210.  A  confermare 
in  modo  evidente  quest'  etimo,  si  noti  che  la  stessa  castagna  è  chiamata 
a  Gudo  per  1'  appunto  :  agustana. 

Prov.     voibre  gouibre     regain. 
(,>uesto  vocabolo  trovasi  già,    come  è  noto,   in  Flamenca   (v.  4677). 

Tardius  sera,  som  cug,  mos  blatz; 
4677     Ges  non  es  madurs  al  voìbvc 

Ans  atenda  lo  glas  el  gibre. 
TI  senso,  in  Flamenca^  è  veramente  quello  di  :  epoque  où  on  fauche 
le  regain;  (Meyer,  p.  412)-,  ma  la  voce,  col  senso  di  «guaime>,  trovasi 
neir  Aveyron  (gouibre  nel  diz.  del  Vayssier,  s.  rottibre)  e  nel  Cantal. 
Per  il  Cantal,  1'  Atlas  e.  1139  regain  dà  le  forme:  bwouyibr,  boiìibre, 
bouébre  ;  per  1'  Aveyron  :  boidbre,  rombre,  ecc.  Io  non  negherò  certo 
che  vivere >  e  ;  re- vivere;,  che  corrono  sostantivati  per  tanta  parte 
della  Francia  meridionale  col  significato  di  guaime>;  (Mistral,  s.  vevieiire  ^, 
Tappolet,  cBull.  d.  Gloss.  d.  Pat.  de  la  Suisse  rom.»,  X,  26)  non  entrino 
o  non  possano  entrare  per  gran  parte  in  voibre ,  gouibre^  ecc..  ma 
credo  che  nessuno  potrà  muovermi  serie  objezioni.  se  dico  che  vvivere;^ 
e  rivivere^  non  bastano  a  spiegare  queste  voci  singolari.  Il  volgo  vede 
nel  guaime,  anzi  nello  spuntare  degli  steli,  quasi  un  sorgere  dalla  terra 
di  aculei.  Cosi  è  che  a  Subiaco  è  detta  aggwilu  la  v  prima  erba 
che  ricresce  dopo  il  taglio;  {arraggivilà  e  rispuntare;  Lindstrom, 
Less.  Studj.  rom.;,  V,  266),  cioè  aquileu,  alla  qual  base  si  con- 
giungono (come  ha  veduto  di  recente  lo  Jud  «Zeitschr.  f.  rom.  Phil.  , 
XXXV^III,  74)  r  abr.  qiiijà  germogliare  (Finamore)  e  il  napol. 
sqiiiglio  tallo,  germoglio  .  Anzi  lo  Jud  bene  a  ragione  distrugge 
r  etimo  infelice  dal  Salvioni  {Mise.  Ascoli,  76)  per  il  rom.  arquillo 
arquillnve  germogliare,  cioè  il  lang.  *quil  lon  {ted.  Oitellc,  sorgente) 
per  sostituirvi  aquileu.  Ora  il  prov.  ha  gnivre  gtiivrar  ;piquer 
che  vanno  con  1'  a.  iranc.  vuivre  guivre  <  sorte  de  flèche  ou  de  dard 
(Thomas.  'Romania;,  XXXVIII,  604)  ed  io  vedo  in  votbre  gouibre 
questa  voce  giiivre  o  un  incrocio  di  questa  voce  con   ;  vivere  . 

Frib.  «vnargno»  sapin  blanc. 
Nei      Docunicnts,    notes   et   recherches   sur   le   patois   fribourgeoisv 
nella   ;Collection  Gremaud>  voi.  84,  n°.  IX  (Arch.  Cant.  di  Fribourg) 
si    legge  f.  7  1.  9:       Viiargìio:    sapin    blanc  .     La    voce    vive    vegeta 

'  Honnorat  dìi  revioierc  e  /crceirooit^  ma  avrumk  nic /e ree/ rovi /  r  il  terzo 
fieno. 


ETIMOLOGI!-:  riALIANK,  FRANCESI  E  ERANCO-I'ROVEXZAEI  125 

ancora.  A.  (ìruyères:  i^iirrno:  sapin  blanc:.  Nella  Glane:  «ugrf/O: 
sapin  blanc  .  E  materia  da  aggiungersi  al  n.  9301  del  Meyer-Liibke, 
poiché  siamo  a  un  viburneum.  C  è  anche  un  varn  al  n°.  944 
della  H.  Savoie  nella  e.   1567  dell'  At/as  (pin). 

Vogesi  merid.     wcelmay,  evélmay-   amoncellement  de  neige. 

Propongo  di  riattaccare  questo  vocabolo,  che  trovo  registrato  nel 
Bloch,  Lex.,  p.  92,  alla  stesso  termine,  donde  proviene,  secondo  il 
Tappolet,  Aleni.  Lehnw.  184,  il  franco-prov.  blon.  wèlamò  ;  petit  tas 
de  foin  qu'on  fait  le  soir  quand  le  temps  n'est  pas  sur;,  Jura  bern. 
voltnò,  ecc.  Questo  termine  suona  nei  dia),  alem.  walm  wàlnili  ed 
ha  vari  significati  (come  -meule  de  foin;  petit  tas  de  terre  qu'on 
fait  en  plantant  les  pommes  de  terre  >,  ecc.),  alla  base  dei  quali  sta 
quello  di  .mucchio  .  Occorrerebbe  studiare  la  diffusione  di  questa 
voce  che  il  Tappolet  ritiene  germanica,  ma  ciò  non  posso  ora  fare. 

Vogesi  merid.     vvétìn-   spazzatura. 

Questo  vocabolo  è  dato  dal  Bloch,  Atlas,  e.  79  (P.  22)  «balayures»  ; 
e  il  Bloch  medesimo  ha  ottenuto  la  stessa  risposta  per  cattive  erbe.> 
[Lex.,  p.  73)  ^  Inoltre,  egli  ci  dice  che  d'un  champ  plein  de  mau- 
vaises  herbes  on  dit  ewetiné^.  A  La  Baroche  abbiamo  u(t  schmutzig» 
(Horning,  p.  59)  e  a  Belmont  net  «hal31ich^  (Horning,  136).  Anche 
nei  Vogesi  meridionali  si  \\dLwet  (.sale»  (Bloch,  Lex.,  p.  121)  e  ivilain» 
(Bloch,  e.  792).  Inoltre  si  ha  wet  al  P.  88  della  e.  743  dell'  Atlas 
ling.  «laid>.  È  evidente  che  ivlixn  è  un  derivato  di  questo  wd^  al 
quale  Horning  (p.  188)  darebbe  per  base  v astare.  E  Horn.  ricorda 
r  a.  frane,  uuaster  ^ beschmutzen >  et  la  < terre  Wfl/sif^;>  del  Psautier 
lor.  VI,  13.  Si  può  anche  citare  1'  a.  frane,  guastine  (Meyer-Liibke, 
9168)  e  il  vali,  wet  champ  {Atlas  ling.,  235)  2.  Cfr.  anche  wetye 
■gater.  {Atlas  ling.,  628).  P.  59.  Malgrado  ciò,  è  lecito  dubitare  di 
questa  etimologia,  poiché  nei  dialetti  che  serbano  traccia  dell'  5  di  st 
(p.  es.  a  La  Baroche,  dove  abbiamo  fc't  First,  ecc.)  il  riflesso  ha 
costantemente  t.  E  se  con  wet  va,  com'  io  penso,  lo  svizz.  rom. 
ouetò   netò     fils,    garcon»   (Haefehn,    140,   185),    quasi      petit   sale^^ 


^  Atlas  ling.  «herbe >,  e.  686,  P.  191:  wet. 

'■^  Attas  ling.  1882,  P.  196:  wèt  -prairie». 

^  Più  difficilmente  questa  voce  potrebbesi  connettere  all'  alto-ital.  isoatar 
«ragazzo  ,  che  par  essere  'guattero  .  Salvioni,  Rcnd.  Ist.  Lomb.,  XXX^ 
p.  io  dell'  estr.  (Aggiungi:  Trontano  iidtra  «ragazza»,  Minusio:  /  vètar 
«i  ragazzi*. 


126  GIULIO  BERTONI 

avremo  un'  altra  ragione  per  risalire  a  una  base  senza  5,  perchè  xietò 
si  ha  in  luoghi  ove  dicesi  Jii)a  festa,  an'i)a  vesta,  ecc.  Comunque  sia. 
è  certo  che  wd'iii  va  con  icet  col  senso  di  sporco,  laido  e  passò 
dal  senso  di     immondizie     a  quello  di   -spazzatura-. 

Nemi:  tzappo    capro. 

Negli  Statuti  di  Nemi  ricorre  (cap.  M )  questo  vocabolo,  che  il  Salvioni 
<Boll.  stor.  d.  Svizz.  ital.  .  XIX.  170  mette  col  cvalm.  vili,  ossol.  sap 
vitello  bienne,  vaccherella  sterile».  E  si  tratta  —  scrive  egli  —  di 
-0  sonoro. 

Qui  bisogna  fare  distinzioni  parecchie.     La  voce  risalirà  alla  stessa 

base  di  sap,  ma  il  senso  deve  essere  diverso.     Se  si  nota  che  1'  abr. 

ha   Bappe    < capro,    becco     (Finamore.    319)  e  che  Velletri  ha  sappo 

<capro>   (Crocioni,    «Studj.  rom.»,  V,  87),    meglio  sarà  interpretare  lo 

Bappo  di  Nemi   per  «capro;    ed  ammettere  che  b-  sia  sordo.     Non  è 

poi   vero    che   lo  Bap   alto-italiano   abbia   sempre  z-,    come   afferma  il 

Salvioni.    Trovo  zap  a  Broglio,  ma  Bapa  svacca  giovano  ad  Avegno. 

Anche   sul   senso  e'  è  molto   da   dire,    poiché  a  Broglio  zap  significa 

soltanto:     egiovenca,    vacca    che  non  ha  ancora  figliato >^.     L'  etimo  è 

oscuro,  poiché  lo  sapfen   ;.  maschio     del  Crocioni  —  voce  che  non  so 

dove   il  Crocioni    abbia   pescata  —  non    é   un    etimo   da   prendersi   in 

cosiderazione. 

Giulio  Bertoni, 


BIBLIOGRAFIA. 


Karl  Appel.  Proveiisalische  Laiitlchre.    Leipziir,  0<  R.  Reisland. 

1918.     In  8°.  pp.  Vili— 140  (con  una  carta). 

Questo  volume,  che  si  presenta  modestamente  come  un  complemento  della 
celebre  crestomazia  provenzale  del  medesimo  autore,  si  risolve  in  una  vera 
e  propria  fonologia  della  lingua  illustre  dei  trovatori,  non  senza  qualche 
accenno  a-  fenomeni  e  forme  caratteristicamente  dialettali.  E  preceduto  da 
dense  osservazioni  lessicologiche  ed  è  seguito  da  un  utile  indice  delle  parole 
esaminate  nel  corso  dell'  opera.  La  quale  si  raccomanda  per  le  doti  ben 
conosciute  nelT  Appel:  sobrietà  nella  trattazione,  esattezza  scrupolosa  e  in- 
formazione invidiabile  su  tutti  o  presso  che  tutti  i  punti  del  vasto  soggetto. 
Dico  «presso  che  tutti»,  perchè  qualche  studio  recente  suU'  una  o  1'  altra 
parola  provenzale  (p.  es.  iisar(n),  esqucr,  soanar)  pare  essere  stato  trascu- 
rato; ma  in  compenso,  se  1'  informazione  lessicologica  non  può  dirsi  sempre 
completa,  completa  appare  1'  informazione  grammaticale.  Verrò  facendo 
qualche  appunto  e  qualche  aggiunta  ad  alcuni  paragrafi  dell'  A.  e  uscirò 
talora  dall'  ambito  del  linguaggio  dei  trovatori. 

L'  A.  registra  (p.  8)  fra  le  voci  celtiche  il  prov.  mod.  beko  «ape«,  seguendo 
evidentemente  il  Meyer-Liibke  (n'".  1014);  ma  vedasi  ciò  che  scrive  il  Thomas, 
"Romania-,  XXXV,  139;  XL,  HO.  È  altresì  dubbio  che  la  voce  cade 
"ginepro»  sia  d'origine  celtica.  Uno  sguardo  alla  e.  635  dell'  Atlas  ci  mostra 
r  area  di  questo  vocabolo,  per  il  quale  l'ipotesi  d'  un'  origine -iberica  si 
presenterebbe,  in  ogni  caso,  più  seducente.  La  glossa  cataniim  (C.  GÌ.,  V, 
179,  6)  viene  da  una  compilazione  redatta  in  Ispagna  nel  sec.  VII;  ma,  mal- 
grado ciò,  sul  nostro  termine  non  si  può  dire  nulla  di  probabile,  sopra  tutto 
se  con  esso  vanno  tcJiai,  kai,  tsai  ginepro  ben  diffusi  nella  Francia  meri- 
dionale. Oltremodo  oscuro  è  altresì  il  prov.  esqiier  «gauche'  (spagn.  isqiiierdo, 
basco  esker)  di  cui  tocca  1'  Appel  a  p.  9.  Anche  oggidì  la  voce  vive  nel 
dipart.  del  Cantal,  di  Lot  e  Aveyron  {Atlas,  e.  629).  Il  catal.  ha  esquerre 
«gauche  \  Lo  Schuchardt,  che  ha  discorso  a  più  riprese  di  questa  interessante 
voce,  non  ha  ancora  pronunciato  un  giudizio  deciso  sulla  sua  origine  («Literat. 
f.  germ.  u.  rom.  Phil.  >,  XXXIX,  col.  41),  ma  le  ragioni  geografico-linguistiche 
parmi  bene  militino  tutte  per  la  provenienza  iberica  '.  E  per  la  stessa  pro- 
venienza parla  la  diffusione   della   voce  garrik  «quercia-,   sebbene  1'  A.  la 


^  Queste  ragioni,  a  parer  mio,  escludono  anche  il  germ.  skel  (ted.  scheel\ 
contro  il  quale  s'  è  levato  recentemente  anche  il  Jud,  Romania,  XLII,  603. 


128  GIULIO  BERTONI 

escluda  f§  9).    Si  cfr.  lo  spagn.  carrasca  -quercia    già  addotto  dallo  Schuchardt 
("Zcitschr.  f.  rom.  Phil.-^  XXIII,  198)  e  si  veda  questo  «Arch.  rom.     II,  239. 
Tra  le  voci  di  origine   araba   non   vedo  che  1"  A.  segistri   (inaura  (Thomas. 
Rem..  XLI,  58). 

Intorno  alla  pronuncia  di  li  in  ant.  prov.  1'  A-  si  mostra  molto  prudente  e  si 
tien  pago  a  registrare  le  ragioni  prò  e  contro  la  palatalizzazione  (pp.  26  —  27). 
Con  siiire  e  piuse  né  il  Meyer-Liibke  né  1'  A.  citano  il  prov.  tiiire  (*tuf  erem, 
«Romania  XXXVIII,  149),  che  dovrebbe  esser  messo  nelP  esigua  serie, 
alla  quale  forse  si  vuol  far  dire  piìi  di  quello  che  in  realtà  non  dica.  È  vero 
che  il  catalano  con  il  suo  il  schietto  fornisce  una  presunzione  contro  la  pro- 
nuncia prov.  u\  ma  chi  ci  dice  che  in  origine  il  catalano  non  avesse  u  per- 
dutosi poi  in  sèguito  ad  influsso  spagnuoloV  Si  sa  quanto  il  vocalismo  delle 
colonie  sia  soggetto  ali"  efficacia  dei  parlari  circostanti  e  per  prova  si  potrebbero 
ricordare  i  dialetti  gallo-italo-ladini  di  Sicilia.  Inoltre,  come  spiegare  la  pala- 
talizzazione di  /-  (catal.  liana,  llagrcma,  Ila,  Il  una  ecc.),  senza  ammettere 
che  essa  si  sia  svolta  dapprima  in  voci  in  cui  /-  trova  vasi  a  contatto  con  /' 
e  ii  (llilna)  e  che  poi  si  sia  estesa  a  tutti  i  termini  comincianti  con  /-  e  sia 
rimasta  quando  già  ti  s'  era  fatto  ?r?  Se  il  problema  è  quale  ho  prospettato 
in  queste  linee,  la  palatalizzazione  catalana  di  /-  parlerebbe  in  favore  di  u. 
Anche  le  antiche  scrizioni  provenzali  lìnini  Ihui  (sec.  XIII)  da  me  medesimo 
messe  in  evidenza  («Annales  du  Midi'  XXV^,  483^  hanno  la  loro  importanza, 
come  di  recente  ha  riconosciuto  il  Meyer-Liibke,  -  Zeitschr.  f.  rom.  Phil.  . 
XXXIX,  263,  n.  2.  Escludere  in  antico  provenzale  la  pron.  ii  mi  pare  im- 
possibile, se  anche  essa  non  sia  stata  di  tutti  i  luoghi  e  a  seconda  delle 
regioni  siasi  svolta  in  tempi  diversi.  Ritengo  perciò  prudente  e  saggia  la 
conclusione  dell'  A.  (p.  27):  das  Problem  wird  durch  Feststellung  chrono- 
logischer  und  geographischer  Verschiedenheiten  zu  erledigen  sein  . 

§  30.  L'  i  (per  e)  delle  voci  iris  (raramente  ens\làins,  dins  (de-),  intra 
(acc.  a  entra"  dipenderà  decisamente  dall'  infl.  di  nt. 

§  36  fp.  41).  Scrive  1"  A.:  -Weshalb  loton  neben  lato)i  <  germ.  latta?» 
È  un  fatto  che  le  forme  con  o-  sono  ben  diffuse  e  non  soltanto  nel  provenzale, 
poiché  il  Piemonte,  la  Lombardia,  la  Venezia  hanno  lotóìi.  L'  emiliano  ha 
lo(tìtòu  (Parma)  e  ii(t)tón  (Bologna),  come  1'  ital.  ottone.  Arpino  ha  lettone 
con  un  e  che. viene  da  o.     In  ant.  dcfc.  ferraresi:  alone  e  olone. 

§  37.  Il  mutamento  di  e  prot.  -f  r  in  a  si  trova  o  si  può  trovai'e  un  po' 
dappertutto,  come  appare  a  chi  studi  le  ce.  39  1  (dernier)  e  392  fderrière)  dell' 
Atla^.  Abbiamo  già  nel  Boeci  marce  76  (e  cfr.  Chabaneau,  Gramm.  lim-, 
193),  abbiamo  darwr  in  Daùrel  et  Beton  358,  sarjant  in  Crois.  Alb.,  ìnarce.s 
in  Gir.  de  Ross.;  ma  il  testo  che  ce  ne  offre  più  esempi  è  pur  sempre  Aigar 
e  Maurin  :  nuircìiat,  marce,  harbers,  ecc. 

§  46.  Del  mutamente  di  -s-  intervocalico  in  -/'-  e  di  -r-  in  ,:-  in  identica  con- 
giuntura r  Appel  tocca  in  nota  e  si  capisce  il  perché,  quando  si  pensi  che 
il  suo  libro  è  rivolto  sopra  tutto  alla  lingua  trobadorica.  Di  siffatto  fenomeno 
ha  discorso  per  ultimo  e  assai  estesamente  O.  Zaun,  Miindart  von  Aniane 
(Hérault),  p.  88;  ma  sarebbe  assai  interessante  raccoglierne  le  testimonianze 
e  anche  le  tracce  nell'  Alias-  Ecco  qui,  a  ragion  d'esempio,  nelle  Pyrénées 
Orient.  un  aranci  *arroser'>  (e.  60) che  rappresenta  un  dUiu?o  a.sag'à  .idaquare' 
Aude,  Gard  ecc.  osoffà  Aveyron.  L'  -;'-  in  -s-  e  un  tratto  ora  sopratutto 
vivace   nei   dipart.   del   Rhóne   e   dell'   Ain,   dove   si  ha,   p.   es.  ascia,  aréte. 


BIBLIOGRAFIA  129 

e   non   vi    deve   essere  antichissimo   (rfr.  ]>JhOnc  arìnivasi    armoire   ,  frese 
<frere'). 

§  5(S.  Per  gli  sviluppi  di  licita  in  Icida  e  leiida ,  ù  troppo  poco  dire, 
(p.  39):  In  leida  leuda  neben  lesda  wechselt  cu  mit  ei  .  Il  mutamento  di 
s'  +  cons.  in  /  è  ben  noto  {deima,  decima,  alnioiiia,  careima  ecc.),  quello 
in  ti  è  giudicato  catalano,  ma  se  si  nota  che  Ande  rispecchia  un  *As-de 
*Acete  *Atece,  cioè  Atacem  (Thomas,  -Ann.  d.  Midi>  XXIX,  240),  si  è 
già  portati  ad  ammettere  che  il  fenomeno  sia  di  più  larga  ragione  e  infatti 
esso  deve  avere  abbracciato  non  soltanto  la  Catalogna  ma  buona  parte  della 
Francia  meridionale  (l'Aude,  FAriège,  la  Haute-Garonne,  le  Basses-Pyrénées, 
la  Haute- Vienne).  Se  si  esamina  poi  la  e.  73  (aumòne)  dell'  Atlas,  ci  si  fa 
un'  idea  chiara  dell'  estensione  dello  sviluppo  di  «  +  cons.  in  /. 

§  62.  La  voce  per  pai  (che  ha  accanto  a  se  paìfer)  non  sarà  ferrum 
pai  US  ma  ferri  palum.  Si  ha  pofè  nella  Svizzera  romanda,  pofèpafè 
pafar  nella  Haute-Savoie,  padefè  podfè  nell'  Isère  ecc.,  ma  una  forma 
ferpal  o  perpal  non  pare  viva  nei  dial.  moderni. 

§  64.  Tocca  1'  A.  della  protesi  di  v-  in  casi  come  von  (=  on\  viielìi 
(=  lielh  olh).  Questo  fenomeno  si  trova  specialmente  in  testi  del  dominio 
occidentale  e  nella  Provenza  propria  (cfr.  P.  Meyer,  Daurel  et  Beton,  p.  LV  ; 
Derniers  troiib.,  p.  20  e  vedine  Romania  Vili,  104  e  XXII,  123— 4\  ma 
non  è  escluso  in  testi  di  altri  territori.  È  poi  interessante  notare  che  il  l'- 
etimologico in  simile  congiuntura  può  talora  cadere  iielhas  idlias  (voleas 
in  Daurel,  ostre  per  vostre  [Dern.  troub.,  p.  22).  Per  -s-  estirpatore  di  jato 
r  A.  cita  rosilh  (=  roilh  robig-),  rosasó  (rogationem)  e  pasimen  accanto 
a  paimen  e  pavimen.  Si  può  ricordare  anche  asondos  aondos.  Trovasi 
rosasons  in  testi  della  Linguadoca  e  della  Provenza  propria. 

Questa  fonologia  renderà  utili  servigi  non  soltanto  alla  scuola,  a  cui  è 
sopra  tutto  destinata,  ma  anche  ai  compagni  di  studio  già  esperti. 

Giulio  Bertoni. 


Adolf  Horning.  Glossare  der  roììianisclieii  Mimdavten  von  Zeli 
(La  Bavoche)  iind  Schónenberg  Un  Breiischtal  (Belmont) 
in  den  Vogesen.  (Beihefte  zur  «Zeitschr.  f.  roman.  Philo- 
logie %  Heft  65).    Halle  a.  S.,  Max  Niemeyer.  1916,  pp.  200. 

L'insigne  glottologo,  a  cui  tanto  deve  la  linguistica  romanza  e  i  cui  studi 
hanno  gettato  tanto  lume  in  particolar  modo  sui  dialetti  francesi  nord-orientali, 
ci  regala  con  questo  volume  un  importante  contributo  lessicologico  per  la 
miglior  conoscenza  delle  parlate  dei  Vogesi.  Una  fortunata  congiuntura  ha 
voluto  che  il  libro  dello  Horning  uscisse  in  luce  contemporaneamente,  o  quasi, 
ai  tre  volumi  coscenziosi  e  importanti  di  O.  Bloch  sui  dialetti  dei  Vogesi 
meridionali^.    Ne  viene  che  le  ricerche  dell'  uno  integrano  in  più  punti  quelle 


^  O.  Bloch,  Lcs  parler s  des  Vosges  luéridionales ,  Paris,  Champion, 
1917;  Alias  lingnistiqiie  des  Vosges  tuér.,  ibid.,  1917;  Lexique  Jran(;ais 
patois  des   Vosges  niér.,  ibid.,  1917. 

Archivum  Romanicura.  —  Voi.  3.  —  1<5W.  9^ 


130  GIULIO  BKRTONI 

dell"  altro  indaoatore  con  grande  vantaggio  degli  studi.  Mi  permetto  di 
far  pubbliche  alcune  postille  che  sono  venuto  facendo  a  qualche  articolo 
dello  H.,  postille  senza  pretesa  che  si  risolvono,  più  che  altro,  in  altrettante 
aggiunte. 

bios  nur  in  pfd'  bias,  poire  biette  .  La  Bar.  ^/''s/.  «Birnen  oder  Apfel  zu 
volliger  Reife  bringeu'-.  Si  tratta,  come  si  sa,  di  uà  radicale  ben  diffu.so 
(Godefroy:  blesson).  A.  Fribourg:  bliessoii  fruit  du  bliesscìié  pj-rus  com- 
munis*;  a  Pierrecourt:  «byccson  poire  sauvage;  byoesnci  poirier  sauvage, 
dont  le  fruit  n'est  mangeable  que  quand  il  est  blet-,  ecc. 

ansfit  osfU.  Cfr.  Vogesi  mer.  osÒf  '  espece  de  clef  à  l'extrémité  de  l'essieu 
pour  maintenir  laroue.  Con  perfetta  ragione,  Horn.  ha  staccato  1'  a.  frane. 
f/i )etice  <Radna.ge\  dall'  a.  a.  ted.  /?//;«  (Zeitschr.  f.  rom.  Phil.-.  XXV,  615) 
proponendo  un  seducente  obicem,  che  Jud  (•  Literat.  f.  germ.  u.  rom.  Phil.» 
1918,  col.  247)  ha  riconosciuto  anche  nel  pieni.  (Poirino)  livff:  «acciarino  della 
< ruota-  registrato  nell'  utile  glossario  di  Castellinaldo  del  Toppino.  Se  non 
che,  a  me  non  riesce  di  convicermi  che  anche  i  piem.  sivè,  lomb.  Slièll,  emil. 
siv^l  risalgano,  come  propone  Jud,  a  un  *obicéllu  metatizzato  in  *ocibellu. 
Sul  senso  di  questa  voce  stièll  ecc.  ci  sarebbe  anche  assai  da  dire.  Nel 
Crisostomo,  significa  chiodo,  fermaglio  di  sepolcro  .  A.  Mirandola,  sivèl  è 
«assicelle  per  dirla  col  Lolli;  il  brus.  nvél  significa  -punte  di  ferro  da  scarpe 
e  il  lomb.  silici  ha  anche  il  senso  di  <punte  di  legno  da  scarpe».  Ma  non  è 
punto  r  accezione,  che  mi  distoglie  da  *ocibellu-,  si  bene  la  difficoltà  che 
si  incontra  nell'  ammettere  per  una  sì  grande  estensione  la  base  metatizzata. 
Tutto  sommato,  mi  pare  più  conveniente  attenermi  al  subula  -u,  -ellu 
del  Xigra  '  Arch.  glott.»  XIV,  380  (cfr.  sp.  sidnlla,  port.  sovela).  Ne  viene 
.che  il  piem.  Jrve(;  rappresenterebbe,  secondo  me,  una  propaggine  di  obice 
^n  territorio  di  subula. 

i'arpi:n  fKorb>.  Cfr.  Pange:  ferpiiij  {-ìij  =  v)  «Zeitschr.'  XXXIIl,  285 
e  Vog.  mer.  ferpen  'panier  (Bloch,  p.  98).  Siamo  evidentemente  a 
*c  a  r  p  i  n  e  a. 

kaniyoer  'bezeichnet  die  feste  Verbindung  der  Deichsel  mit  dem  Wagen- 
«kasten-.  Malgrado  il/,  credo  che  con  ragione  Horn.  pensi  a  commissura. 
Cfr.  ad  Assens  (Vaud)  coniinsiìra    avant-train  d'un  char  de  campagne  . 

kmM  «Apfel-.  Nei  Vogesi:  kmott  pomme  de  terre •  (pomittu).  E^ 
sempre  nei  Vogesi  si  ha  tmce  per  pmoe    millet    (Bloch,   pp.  146,  289,  299  . 

krùux  "prestation  faite  librement».  E  certo  corrogata  ed  è  utile  porvi 
vicino  i  ben  noti  rojda  r'òjda  del  Piemonte  (valses.  rota)  rogita. 

kìtonii  <  Unterhaltung,  Gesprach  wahrend  des  Tages".  A  Chàteau-Salins: 
^'kwaray  réunion  de  femmes  travaillant  et  causant  devant  la  porte  d'une 
d'elles».  Dobbiamo  allo  stesso  Horn.  la  felice  idea  che  al  di  sotto  di  queste 
voci  stia  un  quadri  vi  um  (con  iscambio  di  suff.).  Nei  Vogesi  merid.  karaj 
kvoarèy  kzvony,  ecc.  Nella  parte  suffissale  il  vocabolo  aspetta  nuove  indagini 
(Brod,  p.  534,  Haillant,  s.  coaré\  Adam,  s.  coiiarccic;  N'autherin,  s.  care). 

orzi  «soigner  les  bètes».  Vogesi  mer.  erJii,  erjé,  arji,  crJie  (Bloch,  n°.  46). 
Nient'  allro  che  «arranger»,  come  ben  dice  1'  H. 

{Sta.  Nei  Vog.  mer.  (Bloch,  n\  575)  sto  (sic  tostumi.  E  che  stepwe 
«peut-ètre>'  sia  un'  si  tòt  à  pòint,  è  confermato  dallo  stèpiva/l  del  Bloch. 

riiwii  «Schuppen  fiir  Holz«.  Ottima  1'  osservazione  del  Jud,  col.  24S.  Cfr. 
Bloch:    «h  V  abri   |de   la   pluie]    <"  /e  cway.     Siamo  al  part.   femm.  di  un  f'ti} 


BIBLIOGRAFIA  131 

<'essuyer\  E  si  noti,  per  la  finezza  di  codesti  parlari,  che  (tvV  et;/'/ si  adopera 
solo  per  il  vento,  ■■^way  per  la  pioggia. 

(•si  «rucher-.  Lo  stesso  Horn.  ha  già  veduto  nello  -s-  di  questo  vocabolo 
r  -5  di  apis  (io  direi  piuttosto  V  -s  del  plur.  apes).  Cfr.  nella  magnifica 
carta  1  dell"  Atlas  la  forma  esette  (es-ette)  e  nei  \^ogesi  mer.  (Bloch,  n  .  671): 
esey,  ase,  ash  ecc.  «rucher>. 

ficerl  m.  «Futtertuch  viereckig  aus  grober  Leinwand  .  Serve  anche  a 
couler  la  lessive».  Va  zon  fi^  florem.  Ed  è  opportuno  ricordare  a  Cour- 
iaivre  (Jura  bernese)  cheuri^  «drap  qui  se  met  sur  le  cuvier»  {Convi.cheiirf 
fleurir  )  e  a  Blonay  (Odin)  hlyoraì  -grand  drap  de  grosse  toile^. 

Jievo  (f lagellu'm).  L'  epentesi  di  -v-  è  molto  estesa  in  questa  voce. 
Bormio  ha  fidi  che  risale  a  ""Jla-  fi  e-  flovei  (cfr.  poi  =  *pavél  lucignolo)  ; 
Usseglio  ha  fioel  (*flavel}  e  vedansi  non  poche  forme  con  -v-  nel  bello  studio 
del  Jeanjaquet  'Bull.  d.  Gloss.  d.  patois  de  la  Suisse  rom.»  IV,  36.  Nei 
Vog.  mer.  fyevé  (Bloch,  p.  61). 

gad  -Gartenttir-.  x\ppunto  <Gatter  .  Cfr.  Jura  bern.  gatre  petite  porte 
de  jardin,  frib.  gitterlé  <guichet  . 

(jaliDid  -an  «dévidoir».  Nelle  Ardenne  (Brunot,  Enqiiéte,  p.  26'_'):  gclond 
gelante  più  al  Nord:  gei"whi\  \aW.  gorvài.  NeiYogesì  mer.  j'nloH,  jervond 
ecc.  (Bloch,  n-.  248).  Rappresentano  queste  voci  un  germ.  garnwinde 
(Thomas,  -Romania    XXXVIII,  403). 

tasi.  Cfr.  Val-d'-Ajol:  è  nièn  n  loey  <>emmi  le  lieu-,  cioè  'par  terre  .  E 
vedasene  Bloch,  p.  126. 

Inr  '  veillée»  ;  Vog.  mer.  loìivyò  gruupe  de  jeunes  gens  qui  veillesn  II 
Bloch  non  si  decide  (p.  314)  fra  la  proposta  dello  Horning  (lucubra)  e  quella 
dèi  Behrens  (opera).  Si  vede  che  gli  sono  sfuggite  le  acute  osservazioni  del 
Gauchat  «Bull,  du  Gloss.'-  cit.  III,  38  (in  favore  di  lucubrum). 

luzur\  lu^lier  «purin  .  Cfr.  Vog.  mer.  lohi,  louhi,  loiihir,  liiher,  ecc. 
e  blon.  lise  (Odin).  Il  frib.  Iid(  Usi  è  già  citato  dal  Meyer  -  Ltibke 
(*lotiariu). 

p(il  «Wohnzimmer  mit  grolk-m  Ofen  \  Vog.  mer.  poi ,  poi ,  pul ,  pòy,  pwey 
(Bloch,  p.  106).  ¥r'\h.  peilo  -chambre' ;  piem.  p'flo,  che  rispecchia  V  ant.  base 
(frane.)  *pei[s]Ie  (pénsile). 

poeidò  «pollice».  Cfr.  Vog.  mer.  grò  day,  pces  doy  e  anche  pas  dòy  per 
orteil».    Emil.  dì  grós  «pollice». 

ran  «Schweinestall  .  Nei  Vog.  mer.  rau,  era/L  È  V  a.  a.  ted.  ran  (Bloch, 
p.  312).  E  qui  mi  sia  concesso  di  dire  che  per  soiie,  saw  io  accetto  non 
già  sudes,  ma  il  sutem  del  Thomas,  Ess-,  p.  385.  Nel  Jura  bern.  so 
«étable  à  porcs». 

rietn  «collier  .  Frib.  rìinii.  Siamo  dinanzi  a  un  vocabolo  tedesco,  come 
ha  ben  veduto  il  Tappolet. 

skoìisai  Untergang  der  Sonne  .  Cfr.  \"og.  mer.  s'  konsé  se  coucher 
(du  soleil)-,  *(ab)sconsare. 

sèp  «sapin-,  cioè  sappus  (cfr.  Meyer  Liibke :  sappus  pinus).  Anche 
nei  Vog.  mer.  sèp  (Bloch,  e.  682). 

ènpq  «démanger».  Dice  il  Bloch:  «de  quelque  chose  qui  donne  des  déman- 
geaisons  on  dit  wpoiì  .  Per  scalp-,  cfr.  tr.  prov.  etserpi  (Bridel),  Val  d' 
Illiers  etserp'^'oy  'Fankhauser,  p.  31). 


132  GIULIO  BERTONI 

svèr  Gestell  mit  FaC,  um  Erde  zu  fahren  .  Cfr.  i  riflessi  alpini  di  cibaria 
da  me  dati  in  Arch.  rom.',  1,  156,  159  e  ag.aiunirasi:  ^'ìv(ra  gerla  per  il 
"fieno-  a  Gattinara  (Novara);  e  sempre  a  Gattinara:  ^ivrò  o  nlvrò  gerla  più 
piccola  per  \  uva  . 

Giulio  Bertoni. 


Romania.  Recueil  trimestriel  consacré  à  l'étude  des  langues 
et  des  littératures  romanes  fonde  en  1872  par  Paul 
Meyer  et  Gaston  Paris  publié  par  Mario  Roques. 
T.  XLIV  (Janvier-Octobre,  Pn6-19i7). 

P.  321.  A.  Thomas,  NoHvèlcs  vari  et  és  étiììioìojiqiies:  Amcur.  iNuove 
testimonianze  dell'  esistenza  di  aìneiir  applicato  sopra  tutto  agli  animali.  Il 
Th.  pensa  che  1'  opinione  più  probabile  circa  amour  sia  quella  che  vede  in 
questa  forma  il  trionfo  d'  una  forma  letteraria  dovuto  all'  influsso  della 
poesia  amorosa  dei  trovatori.  Per  me,  amour  è  una  forma  che  non  si  è  in- 
corporata con  chaleiir  ecc.  per  ragione  della  nobiltà  di  sentimenti  che  il 
vocabolo  sveglia.  Si  sa  che  v'  è  tendenza  a  nobilitare  un  vocabolo  dandogli 
o  conservandogli  un  aspetto  arcaico.  La  voce  aìuour  potè  rimanere  tal 
quale  per  questa  ragione,  divenendo  un  allotropo  di  ameur,  che  fu  applicato 
alla  brama  sessuale  delle  bestie.  Questa  è,  del  resto,  la  storia  di  molti  allo- 
tropi nelle  lingue.  Pie.  and  risse,  antriche  gui-.  Riconnette  felicemente 
questa  denominazione  ad  ausfrus,  antra  vischio  di  antiche  glosse.  Un' 
altra  glossa  (Goetz,  III,  47)  dà:  amostro,  pomula  de  visco--  che  par  esseVe 
alla  base  del  vali.  hCunustai,  hàmustaine  ecc.,  che  designano  una  varietà 
di  vischio.  Che  cosa  poi  siano  antra  e  amostro,  non  sappiamo.  Vengono 
in  mente  certe  denominazioni  del  mirtillo  in  dial.  alto-italiani  :  ladrióm 
(Intragna)  lariiìn  (Val  N'igezzo),  ìildriói  (levio),  lariói  e  leriói  (sing.  lerióìi) 
nella  \'almaggia,  leriói  nelT  Onsernone:  ma  forse  per  la  spiegazione  di  questi 
vocaboli,  dato  livión  mirtilli'  di  Quarna  ecc.,  converrà  battere  un'  altra 
strada  (cfr.  Arch.  rom.-  I,  75— 6 \  tanto  più  che  tutto  fa  credere  che  1'  -;?- 
mancasse  nella  base  di  queste  forme.  Anc.  fr.  aramine.  Corregge  giusta- 
mente in  aramine  la  voce  ar anime  in  Godefroy.  Lat.  volg  arbua  arboreta  . 
Latinizzazione,  secondo  il  Thomas,  di  un  frane.  *albue  *arbue  rappresentante 
il  lat.  *albuca  già  illustrato  dallo  stesso  Thomas,  Romania,-  XXXIX,  194. 
A  me  sorride  un  altra  spiegazione:  che  cioè  si  tratti  di  *arbrue,  dissimilato 
in  arbue,  cioè  arboruta  (terra).  Si  sa  che  il  suff.  -utus  si  incorpora  a 
sostantivi  e  forma  aggettivi  esprimenti  uno  sviluppo  d"  una  qualità  espressa 
dal  radicale..  Cfr.  branche,  branchu ;  membre,  mcmbru.  L"  ant.  frane,  ha 
pommelìi,  ramu,  ecc.  Prov.  rtrjg'W^/ <drogue  indéterminée  .  Denominazione 
normanna  del  tartaro  ,  poiché  1'  ingl.  ha  argot  (cfr.  New  Engl.  Dict ,  s. 
argob)-  Prov.  aussaprem  "espèce  d'étrier  sur  lequel  l'arbalétrier  posait 
le  pied  pour  tendre  ^son  arbalète-.  Cfr.  prov.  mod.  ausso-pren  (Mistral) 
«cale  qui  soutient  l'effort  d'un  lévier«,  ma  sopra  tutto  catal.  alsapreni 
«levier  (donde  spagn.  alsapriìna).  Voce  che  ha  certamente  viaggiato. 
L'  ant.  frane,  ha  hauceprime  (Jal.  Archeologie  navale,  IL  321:  ìiancc 
pninesX     Anc.  fr.  bandoire.    Così  va  corretto  baudoire    insti-umer.t  à  corde" 


BrBLU)G  RAFIA  133 

del  Godefroy.  Verrà  dallo  spalili,  bandiirvìa,  cfr.  ital.  paìiduva  lìiaiidola. 
Nel  Clcomadùs  di  Adenet  (v.  17  2cS0):  lìiandoire^  altro  esempio  di  assim. 
di  h-ii  in  m-n.  Anc.  fr.  bct,  fr.  mod.  bétoìi.  Cfr.  Arch.  rom.,  Ili,  97). 
Prov.    blay.    anc.    fr.  bler.     Cfr.   «Arch.   rom.,     Ili,   98).     Aunisien   boiizil 

nombril'.  Sta  per  '^boiiril  cioè  *(im)bilìculum  (Aunis,  Deux.- sèvres : 
enbouril).  Esitazione  fra  bn-  e  wn-  anche  in  friul.  imbrisón  (Ampezzo 
O/z/^r/.^o^  (Tarcenta);  eppoi:  fm?^//57^/ a  Pontelasioscuro,  ecc.  Anc.  saintong. 
bnitiiT  houcher  .  Va  con  ant.  guasc.  breiiter ,  brcnteiy ,  stesso  senso 
('•'brevi  tari  US  proposto  con  incertezza).  Godefroy:  bustatique  «fève  de 
niarais  .  La  voce  bustatique  d'  un  antico  glossario  va  corretta,  come  mostrano 
i  confronti  istituiti  dal  Th.  con  altri  glossari,  in  liìifatiqiie.    Prov.  cabescol 

chef  de  fècole -,  ma  della  scuola  ecclesiastica  (caput  se  ho  la  e).  Si  tratta 
insomma  di  quel  dignitario  che  in  arit.  docum.  italiani. è  chiamato  •  magischola» 
(magistrum  scholae)  con  metaplasmo.  Champ.  colcron  ^bourrelier  ,  cioè 
-l'artisan  qui  fait  des  coUiers.  Ital.  copevtoiiiola,  denominazione  della 
piunta  detta  in  frane,  nombril  de  VY-nus-.  Storia  di  un  equivoco,  per  cui 
il  nome  toscano  è  stato  considerato  francese  e  scritto  come  copertoivole.  Anc. 
poit.  corgaìcran,  nome  d'  un  uccello.  Da  corp  +  galeran  formazione 
anologa  a  quella  di  corrnoran,  la  cui  spiegazione,  data  dal  Thomas,  è  divenuta 
celebre.  Nel  trattato  degli  uccelli  detto  di  Federico  II  abbiamo:  galeranus ; 
Rolland  ha:  galermi  butor«  in  Brettagna.  Fran»;.  dial.  debtirer,  prov. 
deburar.  Il  v.  deboiiver  égoutter;  vider  vive  nel  Poitou.  Béri,  Aunis 
Saintonge.  Il  Th.  gli  avvicina  V  ant.  prov.  deburar  che  compare  in  un  passo 
oscuro  di  Bertran  de  Born  (ediz.  Stimming'-',  XII,  16)  di  cui  dà  un'  interpreta- 
zione ingegnosa  (  dessécher  quindi  in  senso  figurato  déconcerter  ).  Dal 
lat.  depurare.  Confesso  che  1'  interpretazione  del  passo  di  Bertr.  de  Born 
non  mi  soddisfa  appieno.  Anc.  fr.  desloissier\  variante  di  esloissier  «briser, 
disloquer  con  es-  sostituito  da  des-.  A  La  Baroche  abbiamo  i/o«7  «Baum, 
der  gegabelt  ist>,  il  cui  /-  non  è  del  tutto  chiaro  (Horning,  p.  178j.  Prov. 
dcvendalh  (cioè  defcndalh  *defendaculum).  La  trasformazione  di  -f- 
in  -z;-,  perdutasi  la  coscienza  della  composizione,  è  naturale.  Cfr.  piem. 
travonde  inghiottire  -fundere  (si  pensi  al  noto  borni,  tnwgìiir  'quagliargi 
del  latte  al  fuoco  'tra-fochire").  Poit.  énioiseler  se  dit  des  enfants  quand 
les  dents  les  fatiguent»,  Vendèe:  eiiiwaselei  amagrir.  Da  un  tipo  *exma- 
cellare.  Anc.  fran?.  emigaut  «ouverture  dans  un  v^tement  >  (cfr.  «Arch. 
rom.»  I,  229).  Esempi  di  questa  voce,  di  origine  oscura,  in  dial.  moderni 
(Normandie,  Anjou,  Poitou,  Aunis).  Anc.  frane,  enfantiìloìige.  Cfr.  nella 
Vendèe:  Oììfontilonge  'idiot  .  Osservazioni  sul  suffisso.  Poit.  étiirc  smorfia  . 
Da  lat.  statura.  L'  evoluzione  semantica  sarebbe  ben  singolare,  ma  pare 
presso  che  impossibile  staccare  questo  vocabolo  dall'  ant.  frane,  esteure  «taille, 
stature».  Goàeivov  ■  faistiieitr.  Neil'  originale  sta  saisiuenr.  Con  ciò  ogni 
difficoltà  scompare.  Anc.  frang.  hel  «bare  du  gouvernail  .  Il  Th.  propone 
di  scomporre  il  verbo  helenger  della  Vie  de  Saint  Gilles  893:  «Ne  tendre 
tref  ne  helenger >  in  hel  engev.  «Le  verbc  enger,  engiev,  ongiev  signifie 
cour.imment  ,hanter''  dunque  «enger  le  hel'  sarebbe  «tenir  sans  relàche  la 
bare  du  gouvernail».  Si  vede  che  il  Th.  accetta  X  etimo  dello  Jeanroy 
«Romania»,  XXXIII,  604  (*undicare)  accolto  anche  dal  Meyer -  Liibke 
9064;  ma  io  dubito  forte  che  (a)engier  e  Oìigier  siano  la  stessa  cosa.  E 
veramente  ongier  che   significa  correntemente    hanter    ed  io  non  nego  che 


134  GIULIO  BERTONI 

oìiiiier  possa  divenire  engier  (con  un  passaggio  di  on-  a  en-  che  il  Foerster, 
il  quale  propone  però  con  riserva  un  inaccettabile  unguere,  Krist.  v. 
Troyes  Wb.,  197.  avrebbe  trovato  regolare);  ma  credo  che  esistesse  un 
(a)engier  in  antico  francese  d'  altra  origine  col  senso  di  -remplir,  n.  s'enra- 
ciner>  eqc ,  poiché  lo  svizz.  rom.  hsLèdsi  «inoculer  une  maladie  \  che  mi  par 
difficile  staccare  da  engier  e  che  non  può  derivare  da  *undicare.  Insomma, 
queste  voci  aspettano  nuove  indagini.  Frantj.  méchanceté.  Osservazioni  sulla 
parte  suffissale  della  voce.  Anc.  franf.  ;//^/ss/rt?/ «méteil'.  Lat.  miscellus. 
Champ.  nioinjotc.  Va  col  celebre  niiisgodc  di  Saint  Alexis,  ma  \  etimo 
è  ancora  da  trovarsi.  Champ.  ni' sole  iberis  amara  sta  per  ^amevole 
{amer  +  ole).  Anc.  frane,  osmeur  ^odeur  .  Era  noto  sin  qui  il  solo  verbo 
osmer  onier  flairer  .  Anc.  frane,  reance,  raince  ^rangon».  Il  Th.  le  giudica 
grafie  erronee  di  *reense  raense  dal  part.  pass,  reens  raens.  God.  roiiscelle 
<>sauterelle».  Crede  che  non  sia  una  forma  reale,  ma  che  le  sole  forme  reali 
siano  aotisterele  aoKsterenle,  in  cui  vedrebbe  ora  non  più  locusta  ma,  col 
Meyer-Liibke,  un  derivato  di  agosto  .  È  da  ricordarsi  il  Merlo,  Sfag.  e 
mesi ,  p.  216.  —  P.  357.  G.  Cohen  —  K.  Young.  77?^'  'Officinni  Stellae» 
front  Bilsen.  —  P.  373.  M.  Wilmotte,  Le  «Rodlieb  ,  Notre  premier  roman 
courtois.  Nel  titolo  sta  già  la  tesi  principale  sostenuta  dal  W.,  che  cioè  il 
Rodlieh  non  sia  dovuto  a  penna  germanica,  come  si  è  creduto  sin  qui  grazie 
ad  argomenti  ricavati  sopra  tutto  dal  latino  dell'  autore  —  argomenti  assai 
fragili,  come  dimostra  il  W.,  j-  ma  che  la  patria  di  codesto  grazioso  romanzo 
d'  avventura  sia  da  ricercarsi  vers  le  nord-est  de  notre  Gaule  romane,  sur 
«la  rive  de  la  Mense,  non  loin  de  la  frontière  des  langues,  là  où  fut  compose 
<VEcbasis  et  où  l'auteur  du  WaltJiarins  semble  avoir  chanté  ce  héros 
aquitain,  à  quelques  lieues,  au  nord-est,  de  Theureuse  terre  où  l'auteur  de 
<'la  Chanson  de  Guillaume,  un  Flamand  de  lisière,  et  d'autres  trouvères 
«devaient,  un  siècle  plus  tard,  populariser  la  gioire  d'un  autre  meridional, 
< Guillaume  d"  Grange-.  Il  Rodlieh  è  interessante,  fra  1'  altro,  per  questo: 
che  ci  mostra,  ben  prima  del  1150  (ben  prima  di  Chrétien  de  Troj^es)  diffusa 
la  tradizione  della  pittura  della  vita  di  società,  il  che  conferma  i  risultati  di 
altre  egregie  ricerche  filologiche  del  Wilmotte.  —  P.  407.  E.  Walberg,  Date 
et  sonrce  de  la  Vie  de  Saint  Thomas  de  Cantorbèry  par  Benet,  moine 
de  Saint -Alban.  Delle  tra  vite»  francesi  di  Thomas  Becket  (f  1170),  cioè 
1°  il  poema  di  Guerhe,  edito  da  C.  Hippeau;  2-)  i  frammenti  anglo-norm. 
editi  da  P.  Meyer;  3  )  il  poema,  anch'  esso  anglo-norm.,  di  Benet,  il  W. 
prende  a  studiare  la  terza  e  giunge  alla  conclusione  che  Benet  compose  la 
sua  opera  fra  il  1 183  e  il  1 189  e  attinse  a  una  Vita  sancii  Tììomae  di  Robert 
de  Cricklade  che  fu  anche  la  fonte  principale  della  Thomas  Saga  e  che, 
scritta  prima  del  1180,  è  andata  perduta.  —  P.  427  G.  Huet,  La  legende 
de  la  montagne  d'aimant  dans  le  roman  de  -BerimiS'.  Si  tratta  della 
leggenda  del  Monte  della  Calamita  già  studiata  dal  Graf.  Z'  H.  si  studia 
di  precisare  le  fonti  da  cui  dipende  il  romanzo  di  Berinus  per  quanto  con- 
cerne questa  leggenda  e  conclude  che  codeste  fonti  sono:  il  romanzo  di 
Hersog  Ernst,  conosciuto  forse  attravo  una  redazione  latina  in  esametri,  e 
probabilmente  una  versione  della  storia  della  Montagna  in  un  racconto  delle 
Mille  e  un  giorno.  Si  sa  che  la  medesima  leggenda  si  trova  anche  nella 
prima  delle  tre  continuazioni  dell'  Hnon  de  Bordeaux  conosciuta  sotto  il 
nome  di  Esclarmonde.  —  P.  454.  A.  Jeanroy-A.  LRngfors,  Chansons  ine- 


BIBLIOCRAFIA  135 

dites  tirées  dii  nìcuiiiscrit  Jj-d/ifais  1591  lìc  la  lìibìiolìièijnc  Naiioncile 
(Plì^  Raynaud:  R  Schwan).  —  P.  511.  A.  I.,^ni>-fors,  Le  Toiirìwictncnt 
iì'Enfcr  .  Poèmc  allégorique  et  satirique  tire  dii  niainiscrit  frain:. 
1807  de  la  Bibliothèqnc  Nationale.  L'  opinione  del  L.  che  il  poemetto  sia 
stato  composto  dans  le  voisinage  de  Blois.»  sembra  ben  fondata.  Quanto 
al  copista,  il  L.  dice  che.  fondandosi  sulla  lingua,  si  deve  ammettere  eh'  egli 
fosse  originario  d'  una  provincia  vicina  a  qualla  dell'  autore.  A  me  pare 
che  la  patria  del  copista  sia  lecito  cercarla  un  po'  più  all'  Est,  dati  i  fenomeni 
messi  in  evidenza  dal  Làngfors  e  dato  un  importante  venenge  «vendange< 
icfr.  ora  nei  dip.  di  Nièvre,  Saone-et-L.,  Còte  d'or  la  forma  vnenger  «ven- 
danger»  che  prelude  al  diffuso  fr.-prov.  venendzl.  Del  resto,  nd  in  (njn, 
per  questa  voce^  si  trova  nell'  Ossola'.  La  voce  rouahle  1856  tradotta  per 
<'Croc»  serve  ad  indicare  le  insegne  sullo  scudo  della  lupidigia,  che  viene 
dall'  Enferno.  Designerà  più  propriamente  il  «tire-braise»  (prov.  roudable  e 
dyable,  che  ne  deriva,  frane,  voiiahle  e  vahlé).  Rotcriaiis  sembra  applicato 
piuttosto  a  dei  guerrieri,  a  dei  soldati  o  qualcosa  di  simile.  —  P.  559. 
A.  Lftngfors,  Le  Fabliau  du  Moine.  Le  Dit  de  la  Trenioìitaine.  Deiix 
poènies  iiiédits,  tirés  du  matiuscrit  2800  de  la  Bibl.  du  Barou  James 
de  Rothschild.  Per  ciò  che  concerne  la  voce  galevìie,  civ.  veni  de  galenie 
nei  dip.  D.-Sèvres,  Maine-et-Loire,  Indre-et-Loire,  Eure-et-Loire,  AtlaSf 
e.  133  (brise)  e  si  veda,  per  le  forma  che  la  voce  ha  in  Italia,  Nigra  «Arch. 
gì."  XLV,  276.  —  P.  575.  J.  J.  Salverda  de  Grave,  Poèrne  en  quatrains 
conserve  dans  un  inanuscrit  de  la  Bibl.  d'Amsterdam.  —  P.  586.  Mélanges 
A.  Jeanroy,  «Ne  garder  l'eure  .  Histoire  d'une  locidion.  Corrisponde 
all'  ital.  non  veder  l'  ora  (ital.  mer.  non  saper  V  ora).  Lo  J.  studia  con 
r  abituale  sua  finezza  lo  sviluppo  ideologico  di  questa  locuzione.  —  P.  595. 
G.  Bertoni ,  Un  nuovo  frammento  della  versione  francese  perduta  del 
■Roman  de  Troie^  di  Benoit  de  Sainte-More-  In  questo  articolo  stampo 
il  contenuto  di  un  nuovo  lacerto  di  un  codice  di  una  versione  letterale  veneta 
della  celebre  opera  di  Benoit.  Un  primo  lacerto,  trovato  (come  il  secondo) 
tra  i  frammenti  di  mss.  italiani  nell'  Archivio  estense  di  Stato,  era  già  stato 
fatto  conoscere  da  me  nella  -Romania  XXXIX,  570.  —  Al  v.  29  ho  letto 
nel  ms.  No.  Poiché  fra  \  N  o.  V  H  \^  differenza  grafica  è  poca,  alcuno  po- 
trebbe pensare  a  una  lettura //o,  ma,  oltreché  1'  TV  pare  a  me  del  tutto  chiaro, 
resta  sempre  che  no  nella  nostra  vergione  rappresenta  ne  (cfr.  vv.  55,  59, 
70,  71,  89,  113,  121,  147)  v.  140:  et-,  leggi:  et  (solo  risultato  di  una  nuova 
collazione).  Colgo  1'  occasione  per  far  conoscere  un  altro  frammento  italiano 
abbastanza  notevole  fra  in  lacerti  estensi  :  voglio  dire  un  frammento  del  così 
detto  Lucano  edito  dal  Banchi  (Bologna,  1863),  una  sezione  cioè  dei  Fatti 
di  Cesare^  che  sono  un  volgarizzamento  dei  Faits  des  Romains  (cfr.  Parodi, 
Le  storie  di  Cesare  nella  letteratura  ital.  dei  primi  secoli,  in  «Studj  di 
filol.  rom.»  IV,  299,  sgg.).  Il  piccolo  brano  che  qui  stampo  corrisponde  alla 
p.  131  dell'  ediz.  Banchi.  Il  ms.  rappresentatoci  dal  frammento  estense  (di 
un  solo  foglio)  dovè  essere  del  sec.  XIV:  «Ora  si  leuo  lo  grido  el  pianto 
'-nella  città  di  Marsilia  il  padre  piangeua  il  figliuolo  il  figliuolo  il  padre  luno 
•fratello  laltro.  Le  matre  et  le  moglie  andauano  a  la  ri  uà  scapillate,  et 
piangenti  caendo  i  lor  filloli  et  lor  mariti  morti  et  tale  basiava  la  fronte  ad 


'  Arch.  rom,  I,  116. 


136  GIULIO  BERTONI 

«uno  romano  che  credea  baciare  a  suo  marito.  Tal  credea  sepelire  suo  marito 
•che  sepelia  uno  strano  et  morti  erano  inpossibile  arrecongnoscere.  Bruto 
'entro  in  Marsilia  san^a  contradicto  et  abbateo  quelle  fortesse  che  li  piaceuano." 
Di  altri  frammenti  italiani  nelF  Archivio  estense  di  Stato  avrò  occasione  di 
parlare  altra  volta.  —  P.  602.  Comptes  rendus:  A.  Làngfors  recensisce  i 
miei  Trovatori  d'  Italia  (Modena,  1915)  e  fa  utili  osservazioni  intorno  a 
qualche  passo  dei  testi  da  me  pubblicati  in  edizione  critica.  A  me  sia  ora 
permesso  di  aggiungere  che  ritengo  dovuta  a  un  verseggiatore  italiano,  nemico 
di  Carlo  d"  Angiò,  una  cobla»  anonima  che  leggesi  nel  ms.  P,  e.  64«i  e  che 
deve  essere  stata  scritta  nel  1283.     La  lezione  del  ms.  è  la  seguente: 

n[      ^    si  eu  aghes  penduiz  aut  al  uen 

I k      Cons  de  monfort  etot  sos  ualidors 

I  E  des  autres  tanz  uolria  eissamen 

"^  Lo  Reis  Carles  lo  filz  el  neboz  amdos 

E  qem  pogues  p^r  romagna  estendrc 

Uiorel  frances  ronpre  e  mal  menar 

Segiiramen  barteiar  es  encendre' 

Es  en  aisi  uolgra  nostra  gen  ueniar. 

Io  vorrei  proporre  la  seguente  restituzione ,  dopo  aver  notato  che  difficile 
sarebbe,  per  non  dire  impossibile,  ammettere  che  la  «cobla  fosse  stata  composta 
da  un  aragonese  al  sèguito  di  Pietro  III: 

Er  ieu  aghes  [vist]  pendutz  aut  al  ven 
Cel  de  Monfort  e  tot^z]  sos  validors 
E  de[l]s  autres  tanz  volri'  eissamen, 
Lo  rei  Carle,  lo  fil  ei  bot  amdos, 
E  qe'm  pogues  per  Romagna  estendrc 
Sobre"l[s]  Frances  [e]  ronpr'  e  malmenar. 
Seguramen  barreiar  es  encendre. 
Enaissi  volgra  nostra  gen  veniar! 

Cioè:  «Ora  avessi  io  veduto,  impiccati,  quel  di  Monforte  e  i  suoi  guerrieri 
«e  parimenti  tanti  altri  come  il  re  Carlo  e  suo  figlio  [Carlo  lo  , zoppo']  e  suo 
«nipote  [Carlo  Martello]  entrambi;  e  potessi  io  irrompere  per  la  Romagna 
«sui  Francesi  e  battere  e  malmenare  e  con  tutta  securtà  saccheggiare  e 
«incendiare.  Così  vorrei  vendicare  la  nostra  gente!-  —  Pp-  608  —  615. 
A.  LSngfors  dà  conto  dell'  edizione  critica  di  Gautier  de  Dargies  dovuta  a 
G.  Huet  (Paris,  1912)  e  di  tre  studi  di  H.  Crohns  (Die  Bewcrtimg  dcr 
Frati  itnter  dem  EinJìnJÌ  der  Cólibatsidee  ini  ms.  lat.  15970  dcr  Bihl. 
Nat.  [Stephanus  de  Borbone,  De  divcrsis  materiis  predicahiìibus\  Helsing- 
fors,  1913;  Legenden  odi  medcltidens  ìatinska  predikan  odi  exempìa 
i  deras  vdrdesdttning  av  kvinnan ,  Helsingfors,  1915;  Nogra  Scripta 
supposititia  i  deras  bctydelsc  for  vardcsattningcn  av  kviunan,  Helsing- 
fors, 1915).  —  Pp.  615  —  626.  Recensioni  di  G.  Bertoni  delle  opere  seguenti: 
O.  J.  Tallgren,  R.  CEller,  Studi  su  la  lirica  italiana  del  Duecento:  "De 
la  mia  disianza  Helsingfors,  1915;  E.  V.  Langley,  The  Poetry  of  Gia- 
como da  Lentino ,  Cambridge,   1915;  L.  l^'rati.   Rimatori  bolognesi  del 


BIBLIOGRAFIA  13/ 

Trecento,  Bologna,  1915.  —  P.  626.  H.  Hau vette  discorre  della  versione 
francese  della  Vita  Nuova  di  H.  Cochin  (Champion,  1914).  —  P.  629. 
J.  Jud  recensisce  e  discute  un  opuscolo  di  V.  BrOndal,  Notes  d'étymoloiiie 
romane,  1914.  Malgrado  gli  sforzi  del  Br.,  pare  anche  a  me,  come  al  J., 
che  le  ragioni  addotte  contro  V  etimo  del  frane,  fresie  fatte  proposto  dal 
Paris  non  siano  convincenti.  E  insomma  impossibile  staccare  /"r^s/é?  da  first 
(a.  a.  ted.).  A  ragione,  il  J.  spiega  V  e  ài /reste  per  influsso  delle  voci  con 
-pste.  Notevoli  osservazioni  fa  il  J.  di  carattere  geografico-linguistico  nel 
.corso  di  questa  nutrita  recensione.  —  P.  633.  Chroniqiie.  —  P.  636.  Compte 
rendu  sommaire:  A.  Jeanroy  parla  brevemente  della  tesi  di  Bl.  Sutorius, 
Le  déhat  prove)i(;aì  de  Vaine  et  du  corps,  Fribourg  (Suisse),  1916  e 
propone  alcuni  utili  emendamenti  al  testo. 

Giulio  Bertoni. 


CRONACA  BIBLIOGRAFICA  E  CRITICA. 


H,  Schuchardt.  Die  roìììanischen  Lehinvórter  ini  Berherischen  (estr.  daf 
Sitzungsberidite"  dell'  Accad.  di  Vienna,  ci.  filos.-storica,  voi.  CLXXXIII, 
1918),  pp.  82.  -  Durante  1"  analisi  degli  elementi  lessicali  romanzi,  che  lo 
Sch.  ha  scoperti  nel  berbero,  1'  insigne  linguista,  alle  cui  molteplici  e  origi- 
nali investigazioni  tanto  debbono  le  nostre  discipline,  trova  modo  di  prospettare 
problemi  di  capitale  importanza.  Vi  sono,  anche  in  queste  pagine,  fasci  di 
luce  nuova,  concezioni  ampie  e  profonde  da  vero  gigante.  Così,  la  discussione 
sul  lat.  aesculus  (donde  escìiio,  ischio,  ecc.)  e  le  voci  base,  eskiiv,  berb. 
i^kir  è  ricca  d'  insegnamenti  e  viene  a  costituire  un  nuovo  capitolo  della 
storia  delle  parole-  applicata  alla  storia  delle  cose-.  Sui  nomi  di  piante, 
di  animali,  di  oggetti  e  di  utensili  svariati  lo  Sch.  ha  scritto  sempre,  come 
ognun  sa,  pagine  istruttive,  con  una  larghezza  sorprendente  di  vedute.  Il 
particolare  naufraga,  per  così  dire,  nel  mare  delle  idee;  e  alcuni  accostamenti 
arditi  e  talora  alcuni  inevitabili  errori  di  dettaglio  scompaiono  nel  crogiuolo 
di  concezioni  fondamentali  improntate  d'  originalità  e  orientate  verso  nuovi 
sentieri  e  nuovi  indirizzi.  Soltanto  così,  agitando  idee  e  allargando  metodi- 
camente il  campo  delle  indagini,  noi  possiamo  spezzare  il  cerchio  delle  cose 
acquisite  per  cercarne  altre  alla  nostra  sete  di  scienziati.  Anche  la  discussione 
sul  berb.  (te)bniri,  (tìiaìbruria  ecc.  grandine,  tahriireH  fgrésil),  tehrure^ 
(giboulée)  è  preziosa.  Lo  Sch.  vi  vede  la  base  -aprilis».  il  mese  d'  Aprile 
assunto  al  significato  di  acquazzone,  grandinata  >  (anche  Febbraio  e  Marzo 
sono  passati  nel  berbero  sotto  veste  di  zehrari  h'hrari  e  di  rnars  iìuras). 
Che  dal  significato  di  «grandine»  si  passi  poi  o  si  possa  passare  a  quello  di 
pietruzza»  è  cosa  non  soltanto  ammissibile,  ma  probabilissima,  poiché  scambi 
fra  r  una  e  1'  altra  di  queste  idee  e  di  queste  coso  si  avvertono  in  molte 
lingue.  Mi  sia  permesso  di  ricordare  il  napol.  lapeto  «grossa  grandine  il 
march,  sassate  «grandine  forte»  e  la  glossa  importante  di  Reichenau:  grando, 
pluvia  mixta  cum  petris-,  tutte  cose  messe  in  bella  luce  dal  Jud  (nella  sua 
importante  recensione  dello  studio  dell'  Urtel  sulle  voci  iberiche  in  provenzale) 
in  questo  -Arch.  rom.  s  li,  238.  Sopra  tutto  le  pagine  dedicate  alle  denomina- 
zioni di  certe  piante  (cerrus,  taeda,  faha,  agaricimi,  liliian,  siliqua,  ecc.) 
sono  interessanti.  Già  lo  stesso  Sch.  ha  mostrato  in  altri  studi  quanta  utilità 
possa  ricavare  il  linguista  dalle  ricerche  sulla  storia  stessa  delle  piante  e 
ha  riconosciuto,  in  un  articolo  fondamcntatc  i  Zeitschr.  f.  rum.  Phil.-  XXXIII, 
347),  in  labtuia,  tamaria,  lagautcs  altrettante  voci  con  un  ta-,  che,  essendo 
esso  r  articolo  femminile  berbero  agglutinato,  ci  svela  nella  storia  della  lingua 
un  tratto  o  un  distintivo,  che  non  potrà  essere  trascurato  nella  storia  della 
diffusione  della  pianta.  Lo  Sch.  aggiunge  ora  a  questi  tre  nomi  quello  di 
taminia  così  oscuro  ;cfr.  berb.  ntimiirìt).  Vi  sono  denominazioni  di  piante, 
che    aspettano   ricerche    del    genere    di    queste    dello    Sch.     \'oglio    soltanto 


CRONACA  139 

ricordare  qui  il  lat.  abrotanum  (gr.  cÌ,ji>ót(cvoì').  J."  arabo  ha  ab'ai/aràn« 
(dial. .  centr.  dell'  Arabia:  >  ba'ai^cranO-  Chi  si  sentirà  di  staccare  queste 
voci,  sebbene  la  rispondenza  dei  t,  (se  si  accetta  1'  origine  araba  della 
parola)  non  sia  esatta"?  Quale  mai  problema  si  nasconde  in  questa  denomina- 
zione'V  Da  quale  lingua  mai  proviene  essa?'  Non  è  improbabile  che  alcuni 
accostamenti  istituiti  dallo  Sch.  siano  errati.  Così,  se  è  alquanto  ardito 
avvicinare  tagorsa  tagei'sa  ecc.  al  lat.  versorium  che  solo  vive,  a  quanto 
so,  nel  veneto  e  nel  friulano  (quivi  veramene  udrsine  con  incrocio  di  arsin\ 
parmi  più  che  problematico  accostare  amdiin  tainda  ecc.  a  mattone-.  A'ero 
è  che  ìiiadón  hanno  molti  dial.  settentrionali  e  il  friulano;  ma  al  settentrione 
e  solo  al  settentrione  questa  base  con  un  -t-  originario  (anziché  con  -tt-)  ci 
riporta  sempre,  in  fin  dei  conti,  perchè  il  sicil.  inaduni  ìnarimi  sembra 
essere  sicuramente  venuto  dal  Nord  d'  Italia.  Lo  Sch.,  del  resto,  non  ha 
punto  la  pretesa  di  darci  quali  verità  provate  tutte  le  sue  acute  suggestioni. 
Egli  stesso,  in  più  punti,  presenta  come  congetture  certi  suoi  avvicinamenti  ; 
e  se  anche  alcune  sue  ipotesi  saranno  riconosciute  erronee,  non  v'  ha  dubbio 
che  siffatte  mende  non  potranno  gettare  qua  e  là  che  esili  ombre  sopra  un 
lavoro  materiato  d'  idee. 

G.  B. 


F.  Fankhauser.  Zìi  tessiìiisch  {vabnagg.)  -tórba'  Speicìier.  (Estr.  da 
«Schweiz.  Archi V  f.  Volkskunde  ,  B.  XXII,  19 18,  pp.  50-59).  In  poche, 
ma  succose,  pagine  il  F.  studia  il  problema  oltremodo  interessante  riguardante 
la  voce  torba,  che  col  senso  di  'luogo  dove  si  conserva  il  grano  (e  altro)» 
vive  in  più  località  del  Canton  Ticino.  Il  mio  valente  allievo  dr.  G.  Zoppi 
mi  dà  per  Broglio  (Valm.)  la  seguente  descrizione:  «La  torba  comprende,  se 
così  posso  dire,  due  piani  o  reparti  ben  distinti:  uno  inferiore  con  muri  di 
•pietra  e  può  essere  stalla  o  casa  rustica;  1'  altro  superiore  con  pareti  d 
«legno,  ed  è  essenzialmente  un  granaio.  La  particolarità  dell'  edificio  consiste 
«in  questo:  che  i  due  repai^ti  sono  divisi  in  modo  che  i  topi  non  possono  salire 
«nel  piano  superiore,  grazie  a  quattro  pilastri  di  pietra  o  di  legno  che  riposano 
'-sui  quattro  angoli  del  piano  inferiore,  pilastri  posti  alquanto  obliquamente.'-'- 
F.  sostiene  con  ragione  che  il  celebre  termine  ladino  trilà^  il  quale  compare 
già  nel  testamento  di  Tello,  766,  (a  Laax  trucia  ha  il  senso  di  ^annesso  alla 
casa   o  alla   , grange'   per  provvigioni,   ma   si   sa   che  il  significato  di  questo 

*  Giacché  ho  la  penna  in  mano,  dirò,  sempre  nell'  ordine  delle  denomina- 
zioni dei  vegetali,  che  interessante  è  la  voce  sopras.  kurétg  -comino  .  Il  lat. 
cuminus  è  ben  diffuso  in  campo  romanzo  (p.  es.  frane  ciimiii,  emil.  tméin, 
cioè  *kmei)i,  cfr.  tgnósser  =  kgnosser  conoscere),  ma  il  fr.-prov.  ha  tseri 
tsivl  (p.  es.  a  Blonay).  Si  pensi  ora  alla  glossa  lat.  (C  GÌ-,  VI,  182):  «careo 
herba  quae  simulat  cumino  e  ad  un'  altra  glossa  (III,  609):  <-careio  idest 
herba  comino  sim. '  e  si  vedrà  che  dal  connubio  di  careium  e  cuminus  è 
nato  il  vocabolo  soprasilvano,  il  cui  -ti-  è  prezioso. 

"  Il  senso  non  è  dappertutto  il   medesimo.     Qua  si  tratta  di  un  edificio  a 

sé,  là  di  una  stanza,  di  un  annesso;  qua,  come  in  Val  maggia,  vi  si  conserva 

il  grano,  là,  come  nella  Valle  di  Elenio,  vi  si  dorme  e  vi  si  può  dormire  eia 

tórba  diviene   una  specie   di   camera   da  letto.     Ad  Arbedo   la  ttdbra    è  la 

stanza  del  formaggio-'  (Pellandini). 


140 


GIULIO  BERTONI 


vocabolo  varia  da  luogo  a  luogo,  sino  a  designare  il  -vaso  di  una  fontana  )  ' 
è  un  derivato  della  voce  a  cui  torba  si  riattacca,  voce  preromanza  non  latina 
(*torva).    Ritengo  che  il  F.  sia  nel  vero  e  credo  altresì  che  egli  abbia  ragione 

nel  collegare  alla  stessa  voce, 
contro  r  opinione  del  Salvioni. 
il  termine  alto-ital.  travis,  trevis, 
/r'.i.-<  ecc.  che  ha  il  senso  di  'grep- 
pia, truogolo»  e  persino  ovile- 
(  Rend.  Ist.  Lomb.  XXXIX, 
621).  Il  Salvioni  vorrebbe  sco- 
prire in  travis  trevis  ecc.  un 
lat.  praesepe  'greppia-  dispo- 
satosi con  trabacca-  o  con  'altro 
di  simile  ;  ma  il  problema  è  molto 
più  complesso,  come  il  F.  ha  il 
merito  di  mostrare.  Bisognerebbe 
determinare  con  maggiore  esa- 
tezza  le  aree  di  torba  i,triid<)  e 
di  praesepe  e  si  giungerebbe 
probabilmente  alla  conclusione 
che  i  due  termini  si  sono  in  alcuni  luoghi  sovrapposti,  in  altri  incontrati. 
Praesepe  col  significato  di  mangiatoia  è  vivo  anche  laddove  vegeta  torba 
granaio'  (p.  es.  a  Broglio,  Valm.  torba  luogo  per  il  grano  e  prast'f  greppÌR  }. 
ma  è  naturale,  dati  gli  allargamenti  e  spostamenti  di  senso  che  subiscono  le 
voci  non  latine  preromanze,  che  in  qualche  località,  in  cui  i  significati  siansi 
venuti  incontrando,  1"  incrocio  si  sia  verificato.  Non  è  senza  importanza 
notare,  a  questo  proposito,  che  a  Pinzolo  parsi/  è  stato  giudicato  dal 
Gartner  Jiidic.  Miind.  (Sitzungsb.  Wien.  C,  p.  818)  «nicht  rein»  in  causa 
del  suo  -S-.  Si  tratta  verisimilmentc  di  vocabolo  importato.  La  voce  friul. 
/n's^/  greppia  ù  probabilmente  un  risultato  di  un  incrocio  di  trevis  e  di 
praesepe  (la  cui  area  incomincia  al  Nord  nell'  »lta  Leventina.  p.  es.  Ambri 
paréni).  A  confermare  i  risultati  della  ricerca  del  F.  contribuisce  uno  scritto 
di  carattere  etnografico  del  Riitimeyer  (nello  stesso  «Archiv»  47 — 50),  il  quale 
studia  la  tórba  ticinese  nei  suoi  rapporti  col  così  detto  -'Walliser  Speicher  . 

G.  B. 


r.a  tórba  ticinese.) 


W.  Gerig.  Die  Teriìiiìiolo'Jiie  der  HaiiJ-.  iind  Flacliskultnr  in  deii 
frankoprovenzaliscììen  Miiìidarten  mit  Ausb/ic/coi  aiif  die  twigebeiidcn 
Spracììgebiete  (Suppl.  a  Worter  und  Sachen  ),  Heidelberg,  1913.  —  Inte- 
ressante e  approfondita  ricerca  sopra  una  terminologia  che  sveglia  spesso  la 
più  acuta  curiosità.  —  Il  G.  segue  un  indirizzo  che  non  si  può  che  approvare 
senza  restrizioni.  Egli  tiene  rigorosamente  conto  della  forma  degli  oggetti. 
che  studia,  e  del  loro  uso,  volge  gli  occhi  alla  storia  della  coltivazione  della 
canapa  e  del  lino  e  dà  grande  importanza  ali"  esame  della  diffusione  ed 
espansione   geografica   delle    denominazioni.     L'  abbondante  materiale  è  uti- 

*  Carisch  161:  inia<  Brunnen  .  Nachtr.  p.  51:  Dorfbrunnen  •  ;  Hunziker 
262:  '  viereckige,  verzinkte  Holztroge  .  \'al  Bregaglia:  /'r/zz'c^-  vaso  grande 
di  fontana»  (Monti). 


CRONACA  141 

lizzato  con  molta  finezza.  Buone  sono,  ad  esempid.  le  pauine  (29 — 31)  nelle 
quali  r  autore  studia  i  frane,  orient.  ìuiii^-cr,  nai^cr,  aigcr,  aiser,  fr.-prov. 
nasi,  nesl,  neUl ,  ecc.  rouir  le  clianvre_.  Egli  rifiuta  con  ragione  il 
natjare  (ted.  net  zen,  umettare)  proposto  dal  Mcycr-Lubke  (la  voce  è  certa- 
mente antica  e  da  un  lato  non  si  capirebbe  perchè  natjare  dovesse  essersi 
svolto  diversamente  da  hatjan  : //ci'/r,  mentre  dall'  altro  lato  le  rispondenze 
provenzali  postulano  piuttosto  un  *nasjare,  Thomas,  Mèi.  7)  e  pensa  che 
si  debba  risalire  a  un  primitivo  *nasjum  o  meglio  *naisjum  (col  senso  di, 

pozza,  macero"  o  qualcosa  di  simile),  donde  i  verbi  siano  derivati,  il  ragiona- 
mento del  G.  è  serrato  e  le  sue  conclusioni  paionmi  giuste,  anche  se  non 
tutti  quanti  i  nomi  locali,  da  lui  citati,  hanno  proprio  per  base  *naisjum. 
Fra  i  nomi  comuni  gli  è  sfuggito  un  termine,  che  per  «bourbier  è  stato 
dato  air  Edniont  al  P.  972  (Piem.,  e.  1768)  e  cioè  luiis,  termine  che  figura 
isolato  e  che  va  naturalmente  accostato  al  ìidys  delle  basse  Alpi  (Atlas^ 
e  1621)  col  senso  di  -pozzanghera  (P.  8S9).  A  proposito  dello  spagn.  cocer 
«flachsrostens  ricorderò  il  gruyer.  koii(y  don  tsenévro  rouir  du  chanvre", 
che  ho  dal  paese  stesso  di  Gruyères.  Fra  i  derivati  di^jpera  (cl'r.  valm. 
ò^iva  canape  ancor  greggia,  gruyer.  ara  chanvre  en  étoupe-)  prende  posto 
delóra  (stesso  senso)  di  Echallens.  A  p.  3o,  il  G.  cita  le  voci  ven  gnyna 
(donde  gr.  yvcìva),  calabr.  VHV'^a  pozzanghera  e  accenna  alla  loro  deriva- 
zione da  urna.  E  sarà:  ma  non  senua  immistione  di  altra  voce,  probabil- 
mente di  «gorgo".  Il  sicil.  ha  nrvu  e,  con  lo  stesso  senso,  tnunaca  e  anche 
hunaca  (v.  Scerbo,  s.  vurgal  A  p.  64.  il  G.  mette  loppa  con  il  vals.  olha. 
Questo  olha  va  col  posch.  olva,  genov.  turba  IMontese  ójva  frantumi  di 
castagne],  tutte  voci  che  meglio  che  a  v  vìi  va  tSalvioni,  Rend.  Ist.  Lomb.  ' 
XXXIX,  488j  risaliranno  al  termine  olva,  donde  il  Thomas  «Romania* 
XXXVIII,  364)  deriva  i  frane,  merid.  orve,  aubo,  Cham  orvc,  Brioux: 
oiivre  «fleur  de  farine  o  'étincelle,  flammèche  ovvero  anche  '<cendre«;  ma 
loppa  non  va  certamente  con  questa  serie  preziosa  di  vocaboli.  L'  ital, 
lòppa  va  congiunto  al  lomb.  emil.  top  lopa  scoria  del  ferro,  lomb.  lop 
pula  del  miglio,  voci  di  origine  oscura.  A  p.  34,  è  questione  di  hialéra, 
celebre  termine  piemontese  che  si  connette  a  una  voce  celtica  studiata  dal 
Nigra  e  dal  Gauchat.  Non  vedo  che  nessuno  abbia  ricordato  bcseria  «canales 
che  figura  in  un  documento  del  1438  (  Arch.  de  la  Société  d'hist.  du  C.ton  de 
Fribourg»   III,    p.    125).^     Aggiungo,   per  ultimo,   che   il   canapino,   cioè  il 

pettinatore  ,   è  detto  a  Castellinaldo  piìidu  e  che   una  specie  di  beccafico, 
il  beccafico  canapino,  è  chiamato  in  Piemonte  scanavréta. 

G.  B. 

F.  Ferri.  La  giovincssa  d'  un  poeta.  Rimini,  1914.  Pp.  LI-08.  —  II 
poeta,  intorno  alla  cui  gioventù  il  F.  raccoglie  diligenti  notizie,  è  Basinio  da 
Parma.  Nel  corso  della  sua  trattazione,  1'  a.  al  quale  è  sfuggito  un  docu- 
mentino estense  importante,  ^  tocca  di  altri  personaggi  che  ebbero  rapporti 
più  o  meno  vivaci  con  Basinio  e  che  vissero  nella  consuetudine  dei  Signori 
di  Ferrara.     Fra   gli   altri,  è   degno  d'   essere   ricordato   Girolamo   Castello, 


^  Vedasi  anche   la  e.  1755    dell'   Alias   (  aqueduc  ):    Svizz.   rom.   bis,  bi, 
bms'e  e  bea  (Alp.-Mar.). 
^  Arch.  rom.,  I,  70. 


142  (.lULIO  BERTONI 

medico  e  latterato.   intorno  a  cui   il  F..   meglio   che   al  Bcjrselti   e   al  Pardi, 
avrebbe  potuto  rimandare  il  lettore  al  Foucard.     Al  Castello  il  Basinio  inviò 
i  primi  due  libri  della  Meleagris  perchè  glieli  rivedesse  (p.  X).    A  guisa  di 
postilla  erudita  al   volumetto  Jel  F.,  dirò  qui   alcune  cose  ancora  ignorate 
intorno  a   questo   medico,   cultore   di   studi,   come   tanti   altri  «fisici»  del   suo 
tempo.    E  prima  di  tutto  sarà  opportuno  notare  che  uno  dei  due  interlocutori 
nel  dialogo  «Della  divina  provvidenza-  di  Francesco  Ariosti  dedicato  a  Borso 
d'  Este  è  appunto  il  Castello.     L'   altro   è  <  messer  Theophilo',   cioè  Teofilo 
Calcagnine      Introduco   —   scrive   1'  Ariosti  —   questo   nobilissimo  spirito   e 
splendidissimo  cavalieri   messer  Theophilo   come  studioso   che  egli  è  de  in- 
«tendere  cosse  magne  admirativamente  a  dimandare  questo  nostro  preclaris- 
«simo  philosopho   medico   et   theologo   Hieronimo   Castello   di  più  e  più 
«vari   articoli   circa  la  divina  providentia     (Ms.    est.  T.  6,  28).     Al  Castello 
tocca  r   onore   di   svolgere   alcune   sentenze   di   Eusebio   nelT   operetta   dell' 
"Ariosti  scritta  nel   1466.    Studioso  di  lettere  e  di  astrologia  fu  codesto  medico 
carissimo  agli  Estensi.     Dal  1468  al  1470   si   fece  prestare  dalla  libreria  di 
corte   un    -Prisciano  mazore»,    una   Politici  di   A.   Decembrio  e     uno    libro 
grande   de   strologia  .     Nel    1474   fu   mandato   aXapoli,   accompagnato   dal 
celebre    buffone   Scocola   «cum    quatuor   equis,    uno    mulo   et   uno   mulione- 
{Mandati.,  1474 — 5,  e.  10"^');  ebbe  un  figlio,  Giovan  Battista,  canonico  nel  1472, 
pel  quale   richiese  nel  1472  appunto,   da  Ercole  un  beneficio,    -o  della  pieve 
de  Cochanile     o  anche     della  chiesa  de  Vigueria    e  un  altro  figlio,  Francesco, 
che  esercitò   la  stessa  professione  del  padre  e  divenne  non  meno  celebre  del 
padre  a  Ferrara,  tanto  da  essere  scelto   quale  uno  dei  medici  di  Lucrezia 
Borgia.    Di  parecchi   altri  uomini  di  grido  della  corte  estense  discorre  il  F. 
con  informazione  precisa,  mentre  si  adopera  a  mettere  in  evidenza  1'  impor- 
tanza del  soggiorno  del  Basinio  a  Ferrara.    Un  carme  del  Basinio  fu  scritto 
nel  1450   nelle   case   di  Giovanni  Romei,   di   quel  Romei   di   cui   gli  Estensi 
facevano   un   gran   conto,   tanto  da   mostarsi  generosi,   per  amore  suo,   verso 
un  suo  figlio,   come  appare  da  questa  letterina  di  Ercole  I  ad  Eleonora  del 
14  Agosto    1479:    «Havemo  visto   quanto  V.  S.   ne  ha   scripto  a  favore   del 
•figliolo  de  Marco  de  Galeotto  per  il  beneficio  vacato  per  la  morte  Nicolò  de 
«Basino.     Et  per  risposta  dicemo  eh"  el  bisoi,'na  per  adesso  lo  habij   patientia 
«perchè   come  V.  S.  harà   mo   inteso  Nui  1'  havemo  conceduto  al  figliolo  de 
«m.   Zohanne    de   Romeo  per  observare   certa  promessa  che  facessimo  a 
«dicto  mess.  Zohanne  già  sono  molti  anni  a  cui  non  havevamo  potuto  contra- 
«dire.-     {Aep.  Reg.  1479,  e.  29^).    Viene  quindi  il  F.  a  discorrere  dell'  atti- 
vità spiegata   dal  Basinio   fuori   di  Ferrara,   nella   quale   città  aveva  strette 
tante  amicizie  (tra  cui   quella  di  Lod.  Carbone)  e  s"  indugia   volentieri   sui 
suoi  rapporti  con  Sigismondo  Malatesta.     Infine,  il  F.  dà  una  buona  stampa 
di  alcuni  componimenti  del  Basinio,   componimenti  bene  scelti,   la  cui  analisi 
gli   giova  a  confermare   un'   opinione  già  da  lui   esposta  altrove  {L'  autore 
del  Liher  Isottacus,  Rimini,   1912),  che,  cioè,  il  Basinio  sia  il  legittimo  can- 
didato alla   paternità   dell"   Isotteo.   contro  la  tesi  dell'  Albini.     Non  entrerò 
nella  disamina  dei  suoi  argomenti:   ma  dirò  che,  secondo  me^   1'  opinione  del 
F.  ha  le  maggiori  probabilità  di  toccare  il  vero.    In  ogni  caso,  il  F.  sostiene 
la  sua  tesi  con  una  critica  saggia  ed  avveduta  e  con  argomenti,  il  cui  valore 
non  si  può  né  disconoscere,  né  diminuire 

G.  B. 


•  CRONACA  143 

Alfredo  Fanzini.  Matteo  Maria  Boiardo.  Messina,  1917.  —  Alla  vita  e 
air  opera  del  Conte  di  Scandiano  dedica  il  Fanzini  un  breve  volumetto  nella 
collana  -Storia  critica  della  Letteratura  Italiana-.  Più  all'  opera  che  alla 
vita.  E  le  notizie  che  a  quest'  ultima  si  riferiscono  sono  piuttosto  brevi  e  non 
sempre  esattissime.  Ma  quando  egli  discorre  degli  scritti  di  lui,  e  più  special- 
mente del  poema,  merita  certo  maggiore  considerazione.  Si  potrebbe  forse 
osservare  una  certa  slegatura  e  spezzatura  nella  trattazione,  per  cui  spesso 
si  ritrae  V  impressione  come  di  articoli  di  giornale  riuniti  insieme  a  fermare 
il  volumetto  (e  chissà  che  in  certa  parte  non  sia  veramente  così);  ma.  tolto 
questo  appunto,  è  pur  doveroso  riconoscere  che  il  Fanzini  ha  felicemente 
sentita  e  intuita  la  natura  del  poema  boiardesco,  ne  ha  gustato  con  fine  animo 
d'  artista  la  poesia,  ne  ha  analizzato  con  acuto  intelletto  di  critico  i  princi- 
pali motivi.  Forse  di  uno  —  data  la  speciale  personalità  di  questo  critico  — 
noi  avremmo  desiderato  più  ampia  analisi  e  più  completa  trattazione,  se  pur 
r  economia  del  libretto  lo  avesse  consentito  :  voglio  dire  il  motivo  del  reale 
o  presunto  umorismo  boiardesco.  Che  il  Boiardo  abbia  qua  e  là  accenni  di 
quella  speciale  tendenza  dello  spirito  che  si  è  convenuto  di  denominare 
J^iiiìiour,  nessuno  che  abbia  letto  il  poema  può  seriamente  negare;  ma  da 
questo  a  voler  classificare  il  Conte  di  Scandiano  fra  gli  autori  specialmente 
notandi  per  tale  tendenza,  il  passo  è  grande.  Bisogna  insomma  tenere  per 
fermo  che  il  Boiardo  sogna,  accarezza,  vagheggia  questa  vita  ideale  della 
cavalleria  verso  cui  la  sua  anima  si  sente  attratta;  e  solo  di  tanto  in  tanto 
un  sorriso  a  fondo  triste  gli  increspa  quasi  involontariamente  le  labbra,  sorriso 
e  tristezza  che,  secondo  me,  sono  suscitati  dal  contrasto  tra  il  mondo  pieno  di 
grandezza  e  di  ideale  che  la  sua  mente  stava  foggiando  e  1"  altro,  scemo 
di  ogni  nobile  palpito,  in  cui  il  suo  tempo  e  la  sua  corte  lo  facevano  vivere. 
Nella  quale  constatazione  forse  anche  il  Fanzini  è,  in  ultima  analisi,  d'  accordo, 
sebbene  non  lo  professi  esplicitamente:  e  1'  essere  qui  d'  accordo  con  lui, 
che  in   questo  argomento  è  uno     specialista»,   non  può  certo  tornare  discaro. 

G.  Reichenbach. 

D.  Fava.  Alfonso  II  d'  Este  raccoglitore  di  codici  greci  (in  Rend.  d. 
R.  Istituto  Lombardo»,  s.  II,  Voi.  LI,  pp.  481—500).  —  Il  F.  illustra,  dietro 
la  scorta  di  documenti  per  gran  parte  inediti,  le  benemerenze  di  Alfonso  II 
quale  propugnatore  degli  studi  greci  a  Ferrara  e  sopra  tutto  quale  raccogli- 
tore di  mss.  greci.  Fer  la  coltura  ellenica  alla  corte  estense  nel  sec.  XVI, 
mi  pare  prezzo  dell'  opera  fare  pubblico  un  brano  di  una  letterina  del  1518 
del  segretario  di  Alfonso  I,  Gerolamo  Magnanini,  nella  quale  è  dato  conto 
di  un  esame  di  greco  subito  dal  futuro  Ercole  II  giovinetto  allora  di  10  anni, 
alla  presenza  del  Leoniceno:  Sono  certo  che  V.  Exc.t^ia  hauerà  inteso  da 
«altri  che  li  hauerà  scripto  quanto  lo  III.  S.^e  Don  Hercule  suo  primogenito 
«ne  lo  examine  che  fece  il  preceptore  suo  in  publico  de  lui,  doue  si  ritrouaua 
«la  Ill.ma  S.ra  sua  matre,  Gentilhomini  assai  et  persone  doctissime  de  la  terra 
«tra  li  quali  li  era  m.'o  Nic.o  da  Leonico  et  altri,  se  sia  portato  promptamente 
«et  doctamente  sì  in  latino  come  in  greco  per  la  età  sua  che  fu  admira- 
«tione  ad  ogniuno:  et  jo  per  me  è  gran  tempo  non  hebi  altretanto  piacere 
«per  contento  et  consolatione  de  V.  S.  Et  spero  in  Dio  che  ogni  dì  V.  Exc.tia 
«ni  sentirà  migliore  odore  per  la  sua  optima  jndole.  Haueua  deliberato  scri- 
«vere  a  quella  particularmente  lo  examine  suo,   quale  per  non  la  tediare  ho 


144  GIULIO  BERTONI  • 

pensato  pretermetterlo.  Et  sia  certa  V.  Exc^ia  che'  nun  gie  ne  potrà  essere 
scripto  tanto  in  commendatione  sua  quanto  si  conueniria  et  che  non  ne  sij 
più.-'  ^ ,  Alfonso  era  allora  in  Francia,  andatovi  per  impetrare  1"  appoggio 
sopra  tutto  morale  del  Re  Francesco  contro  1'  odio  del  papa  (Muratori,  A}it. 
estensi,  II,  322).  Il  precettore  di  Ercole  di  cui  si  parla  nella  letterina, 
dovè  essere  Pietro  Ant.  Acciainoli.  Il  Caselio»  citato  dal  Falletti  nella 
lettera  edita  dal  F.  a  p.  484,  n.  2  sarà  il  Gasolio'  cioè  Niccolò  da  C'asola, 
r  autore  del  celebre  poema  franco-italiano  su  Attila. 
G.  B. 

'  Arch.  Estense  di  Stato:  Carteggio  dei  Segretari  (Ferrara,  22  Die.  1518.1 


Correzioni. 

Voi.  II,  p.  361.  Intorno  a  snstié  è  da  vedersi  A.  Levi,  Atti  d.  R.  Accad. 
delle  Scienze  di  Torino,  XLIX,  535,  alla  cui  opinione  accedo  di  buon  grado, 
facendo  giustizia  dell'  etimo  da  me  proposto.-  Aggiungo  che  il  Monferrato 
ha  siìsnón,  detto  di  un  nomo  che  è  sempre  tra  i  piedi,  come  un  cane,  come 
un     segugio  . 


1^^ 


/ 


ARCHIVUM  ROMANICUM 

Voi.  3.  -  No.  2.  Aprile-Giugno  1919. 


Il  «Somni»  d'  en  Bernal  Metg*e 

e  i  primi  influssi  italiani  sulla  letteratura  catalana. 

Intorno  al  Somni  che  Bernal  Metge  compose  a  sollievo  del  suo 
spirito  esacerbato  dalle  persecuzioni  e  dalle  ire  di  parte,  ove  si  tolgano 
le  proficue  indagini  del  Farinelli  ^  che,  volto  a  lumeggiare  gli  mflussi 
di  Dante,  Petrarca  e  Boccaccio  sulle  letterature  medievali  di  Spagna, 
non  potè  o  non  volle  trattenersi  a  lungo,  la  critica  si  è  mantenuta 
sinora  eccessivamente  guardinga,  accontentandosi  di  sentenziare  o  con 
iperbolica  ammirazione ^  o  con  un  giudizio  affrettato  e  sommario^ 
assolutamente  inadeguato  all'  importanza  dell'  opera.  La  quale,  venuta 
alla  luce  poco  dopo  la  morte  di  Giovanni  I  d'  Aragona,  cioè  nella 
trepida  vigilia  di  quel  rinascimento  catalano  che  con  Martino  I  comincerà 
a  espandersi  in  una  larga  fioritura  e  con  Alfonso  V  il  Magnanimo 
procederà  trionfante  accampandosi  sotto  ai  nuovi  cieli  d'  Italia,  risente 
delle  molteplici  correnti  intellettuali  che  s'  avvicendano  e  s'  incrociano 
durante  quel  periodo  storico  e,  mentre  presagisce  i  nuovi  indirizzi  e  i 
nuovi  atteggiamenti  dell'  arte  paesana,  s'  indugia  ancora  e,  dirò  così, 
s'  impigra  nelle  forme  consuete,  incapace  a  spogliarsene  completamente. 


*  Note  sulla  fortuna  del  "Corbaccio  nella  Spaglia  medievale ,  in 
Bausteine  s.  rem.  Philol.  (Festgabe  f.  A.  J\Jus'iafia\  Halle  a.  S.,  F  05; 
pp.  406  sgg.;  Note  sulla  fortuìia  del  Petrarca  in  Ispagna  nel  quattro- 
cento, in  Giorn.  Stor.  della  Ietterai,  ital.,  XLIV,  1904,  p  312;  Appunti 
su  Dante  in  /spagna  neW  Età  Media,  in  Giorn.  Stor.  della  Ietterai,  ital., 
Suppl.,  n".  8,  Torino,  1905;  pp.  25—31;  Note  sul  Boccaccio  in  Ispagna 
neW  Età  Media,  in  ArcJiiv  f.  das  Studium  d.  neueren  Spracfien  u. 
Literaturen,  CXV,  1905;  pp.  374—375. 

^  J.  M.  Guardia,  Le  songe  de  B  Metge  auteur  catalan  du  XV^  siede, 
Paris,  1889;  per  cui  Morel- Patio,  in  Romania  XIX,  p.  144  sgg.  e  Farinelli, 
Note  sulla  fortuna  del  «Corbaccio»,  p.  408. 

'  Mila'  y  Fontanals,  in  Obras,  III,  pp.  379,  401,  501;  A.  Morel-Fatio, 
in  Grundriss  d.  rom.  Philol.  del  Gròber,  II,  2,  p.  110;  A.  Rubió  y  Lr.ucH, 
El  renacimiento  clàsico  en  la  literat.  calai.,  Barcelona,  189Q,  p.  59  sgg.; 
0.  Denk,  Einfilhrung  in  die  Gescìiicìite  der  altcatal.  Litteratur,  Miinchen, 
1893,  p.  94;  B.  Sanvisenti,  I  primi  influssi  di  Dante,  del  Petrarca  e  del 
Boccaccio  sulla  Ietterai  spagnola,  Milano,  1902;  pp.  350—354;  L.Ni-  olau 
y  d'OLWER,  Apunts  sobre  V  influencia  ital.  en  la  prosa  calai.,  in  Estudis 
Universitaris  Catalans,  II,  1908;  p.  177  sgg. 

ArchUum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  10 


146  MARIO    CASELLA 

Il  SUO  valore  è  più  storico  che  letterario.  Vi  manca  infatti  la  mente 
che  aduni  e  fonda  in  una  individuale  e  complessa  forma  d'  arte  ciò 
che  hanno  fornito  la  lettura  di  scrittori  contemporanei  e  lo  studio  di 
libri  antichi  ;  vi  abbiamo  più  tosto  1'  intarsio  inelegante,  la  copia  fedele, 
il  materiale  grezzo  accostato  e  disposto  in  modo  ancora  rudimentale. 
La  lettura  ci  lascia  inerti,  la  fantasia  vuota;  sul  fondo  convenzionale, 
grigio  e  monotono,  passano  a  quando  a  quando  guizzi  di  luce,  ma  il 
loro  barbaglio  è  un  pallido  e  fuggevole  riverbero  di  una  fiamma  lon- 
tana. Se  un'  immagine  potesse  adempier  l'ufficio  d'  una  definizione, 
direi  il  Somni  una  semplice  impalcatura  rizzata  attorno  a  una  casa 
rovinata. 

Quando  il  Metge  cominciasse  a  scriverlo,  non  sappiamo  con  sicurezza. 
Morto  improvvisamente  Giovanni  I,  il  19  maggio  1396  durante  una 
caccia  nei  dintorni  di  Barcellona,  fu  designato  al  trono  il  fratello  suo 
Martino  allora  assente  dalla  patria  e  inteso  a  rassodare,  contro  le 
tenaci  e  subdole  intromissioni  papali  che  ai  baroni  ribelli  fornivano 
materia  di  persistente  malcontento,  il  dominio  aragonese  in  Sicilia.  Ma 
nel  breve  periodo  della  reggenza  tenuta  dalla  nuova  regina  Maria, 
apertamente  e  prontamente  proruppero  le  ire  che,  contro  il  partito  di 
Giovanni  I  e  della  consorte  Violante,  s'  erano  sin  allora  mantenute 
più  o  meno  represse,  alimentate  da  un  acuto  dissidio  tra  la  corte  e  il 
popolo.  Troppo  gravi  ormai  e  da  troppo  tempo  pesavano  sulla  nazione 
le  crescenti  difficoltà  finanziarie,  tra  cui  si  dibatteva  il  liberale  e 
munifico  re,  per  il  fasto  esagerato  della  sua  casa  e  per  le  guerre  intra- 
prese da'  suoi  predecessori  a  difesa  della  Sardegna  e  a  un  definitivo 
assestamento  della  (Sicilia.  Contro  la  successione  di  Martino  s'  era 
accampato  il  partito  del  conte  di  Foix,  marito  della  primogenita  di 
re  Giovanni,  trovando  nella  politica  dubbiosa  e  ostile  di  Francia  un 
sostegno  per  la  sua  candidatura  ^  In  mezzo  all'  intrecciarsi  di  tali 
raggiri  e  di  tali  vicende,  nel  rapido  abbandono  d'  ogni  difesa  per  coloro 
che  a  Violante  rimanevano  fedeli,  anche  la  nuova  regina  doveva  tro- 
varsi spinta  a  eccessivi  rigori,  facendo  sua  la  volontà  de'  suoi  con- 
siglieri. Sta  di  fatto  che  nel  1397  o  sulla  fine  dell'  anno  precedente, 
i  personaggi  che  alla  corte  di  ré  Giovanni  godevano  di  maggior  rino- 
manza e  autorità  furono  imprigionati;  e  tra  loro  ritroviamo  anche  il 
Metge. 

Nel  secondo  libro  del  Somni  V  ombra  del  defunto  re,  che  nella 
prigione  viene  a  consolare  il  suo  fedele  cortigiano  dissertando  sull' 
immortalità  •  dell'    anima   e   facendolo    certo    del    proprio    stato   felice, 


A.  DE  BoFARULi.  y  Broca,  Historia  critica  de  Cataluna,  V,  p.  68  sg. 


IL   «SOMNI»   d'   en  bernat  metge  147 

interrogata  sulle  cause  d'  una  morte  così  repentina,  risponde  che  tale 
fu  il  segreto  volere  di  Dio  per  impedire  un  atto  di  violenza  e  d'  in- 
giustizia. Se  egli,  tornando  dalla  caccia,  si  fosse  recato  a  Barcellona, 
non  avrebbe  potuto  esimersi  dall'  appagare  ne'  riguardi  dell'  ordina- 
mento giuridico  e  militare,  in  difesa  della  giustizia  e  del  regno  e  della 
sistemazione  della  sua  casa,  i  desideri  d'  una  città  costantemente  fedele 
a  lui  e  a'  suoi  antenati.  Gli  invidiosi  e  i  nemici  di  coloro  che  gli 
erano  devoti  consiglieri,  avrebbc-ro  senza  dubbio  fatto  ricadere  su  di 
questi  la  colpa  d'  ogni  fasto  eccessivamente  dispendioso.  Ubbidendo 
alla  città,  non  si  sarebbe  fatta  luce  intorno  alla  solidità  delle  accuse,  e 
i  suoi  cortigiani  sarebbero  stati  abbattuti  dal  grave  colpo  dell'  invidia. 
Ora  invece,  mediante  un  regolare  processo,  essi  potranno  far  meglio 
rifulgere  1'  onestà  della  loro  opera,  la  rettitudine  dei  loro  consigli  e 
la  loro  piena  innocenza  ^. 

Non  spetta  a  noi  pesare  il  valore  delle  regali  argomentazioni,  che 
ci  richiamano  alla  memoria  quelle  del  precettore  del  Candido  voltai- 
riano;  se  ne  appaga,  nella  sconsolata  solitudine  della  sua  prigione,  il 
Metge  e  basta;  ma  gli  elementi  che  in  esse  troviamo  sono  sufficienti 
per  fissare,  meglio  di  quanto  non  si  sia  fatto  sinora,  la  data  di  com- 
posizione del  Somnij  addentrandoci  in  quel  processo  intorno  al  quale 
non  si  mostrano  troppo  espliciti  né  lo  Zurita  ^  né  il  de  Bofarull  y 
Brocà  ^.  Anzi  questi,  tentando  di  rompere  il  velo  che  ricoperse  il  fatto, 
s'affida  ai  cronisti  contemporanei  o  di  poco  posteriori  ;  i  quali,  sbizzar- 
rendosi in  congetture  o  travisando  la  verità  secondo  le  proprie  passioni, 
proiettano  su  ciò  ombre  più  fitte.  Il  processo  in  cui  si  trovò  coinvolto 
Bernat  Metge,  si  rannoda  a  precedenti  dibattiti  che  sul  lusso  smode- 
rato della  corte  s'  erano  già  prima  svolti  tra  il  re  e  la  città  di 
Barcellona  *. 

Se  il  de  Bofarull  y  Broca,  tratteggiando  gli  inizi  del  regno  di  Gio- 
vanni I,  succeduto  nel  1387  al  padre  Pietro  il  Cerimonioso,  s'  abban- 
dona a  un  grave  pessimismo  e  attinge  a  una  tavolozza  di  troppo  foschi 


^  Lo  Sbmni,  in  Les  obres  d'  en  Bernat  Metge,  ed.  R.  Miquel  y  Planas 
Barcelona,  1910;  p.  133  sgg. 

^  Anales  de  la  corona  de  Aragón,  I,  p.  414  sg. 

=*  Op.  cit.,  V,  p.  69. 

*  A  proposito  delle  «cortes»  di  Monzon  nel  1388,  cfr.  J.  CoROLEn-J.  Fella, 
Las  Cortes  catalanas'\  Barcelona,  1876;  pp.  209—214.  Parimenti  Riìbiiques 
de  Bruniquer,  Cereinonial  dels  Magnifichs  Consellers  y  Reghnent  de 
la  Ciutat  de  Barcelona,  in  Colecció  de  Dociunents  histórichs  inédits  del 
Arxiu  Municipal  de  la  Ciutat  de  Barcelona,  Barcelona,  1913;  II,  70  ad 
a.  1389. 

10* 


14S  MARIO    CASELLA 

colori  ^,  ben  diversamente  giudicava  un  cronista  che  di  quegli  anni 
ebbe  la  visione  piena  e  intera,  serbandone  un  ricordo  fatto  di  genti- 
lezza e  di  cavalleria.  Con  quel  suo  periodare  nervoso  e  saltellante, 
che  al  contenuto  sacrifica  volentieri  la  forma,  così  Pere  Tomich  prima 
del  1438  rammemorava  la  grandiosità  e  la  magnificenza  della  corte 
di  re  Giovanni  e  della  regina  Violante  «la  francesa»,  figlia  del  Duca 
di  Bar.  «E  sapiau  que  en  lo  temps  de  aquesta  Reyna,  lo  Rey  tene 
major  casa  que  Rey  que  hom  sabes  en  chrestians,  de  tot  90  que  en 
gentilesa  se  pertany.  Primerament  lo  Rey  estava  ben  acompanyat  de 
molts  comtes  e  barons  e  de  nobles  homens,  cavallers  e  gentils  homens 
en  gran  nombre  tostemps;  apres  tenia  lo  dit  Rey  molt  gran  aparell 
de  cassa  de  munt,  ab  gran  e  bella  muntaria  ;  e  tenia  molts  falcons  de 
totes  natures  per  pendre  tota  cassa;  e  tenia  molts  astors,  espervers 
per  cassar  perdius,  e  guatles,  e  tenia  moltes  esmirles  per  cassar 
cugullades  e  pendre  plaer  devant  dones  ;  e  tenia  en  la  sua  cort  coples 
de  ministres  de  totes  maneres  per  haver  plaer  de  dannar  e  cantar;  e 
estava  molt  be  a  cavali  de  totes  natures  de  besties  de  cavalcar;  e 
prenia  gran  plaer  en  junyir  e  en  tot  yo  que  a  cavalleria  se  pertany 
ne  requer;  e  totes  les  coses  dessus  dites  lo  Rey  tenia  ab  si  continua- 
ment.  Apres  la  Reyna,  sa  muUer,  tenia  la  pus  gran  casa  que  Reyna 
que  hom  sabes  en  aquell  temps  de  chrestians;  e  anava  molt  ben 
acompanyada  de  moltes  baronesses,  nobles  dones  e  muUers  e  filles  de 
cavallers  e  de  gentils  homens  en  gran  nombre,  car  no  havia  grans 
dames  en  son  regne  que  no  fossen  de  la  sua  casa»  ^. 

Amante  di  libri  e  protettore  di  letterati,  d'  ingegno  aperto  e  fine- 
mente educato,  se  nel  campo  della  politica  l'  azione  di  re  Giovanni  si 
svolse  imprevidente  e  meno  attivai  che  non  quella  del  padre  suo;  se 
le  camarille  di  corte  poterono  stringere  i  loro  lacci  attorno  alla  sua 
persona  e  il  desiderio  delle  novità  e  la  smania  della  grandezza,  rom- 
pendo air  improvviso  con  le  consuetudini  morigerate  della  corte  ara- 
gonese, stremarono  il  pubblico  tesoro  e  lasciarono  dietro  a  sé  un  solco 
profondo  di  odi  e  di  rancori,  è  certo  che  meglio  de'  suoi  antenati  egli 
seppe,  nelle  vane  manifestazioni  dell'  arte  e  della  letteratura,  intuire 
i  bisogni  degli  spiriti,  favorirli  ne'  limiti  del  possibile  e  anche  eccitarli. 
L'  assecondava    in   mirabile   consonanza   d'  intendimenti  e  di  volontà, 


^  Op.  cit.,  V,  p.  5  sffg.  Cfr.  perù  S.  Sanpere  y  Miquel,  Las  costumbres 
catalanas  en  tientpo  de  Juan  /,  in  Asociación  liter.  di  Gerona  (Certàmen 
de  1877),  Gerona,  1S78;  p.  122  sgg. 

2  Historias  e  conquestas  dels  excellentissims  e  catholics  rcys  de 
Aragó  e  de  llurs  aìitcfessors  los  comtes  de  Barcelona,  Barcelona,  1886; 
P.  223.  sgg. 


IL    «SOMNI»    D     EN    BERNAT    METGE 


149 


la  colta  e  gentile  figliuola  del  Duca  di  Bar,  la  bella  Violante,  eh'  egli 
aveva  condotta  sposa  in  terze  nozze  il  2  febbraio  1380  ^  Con  lei 
entrava  nella  severa  corte  di  Pietro  IV  un  largo  e  vigoroso  soffio  di 
quella  vita  raffinata  e  signorile  del  settentrione  francese  e  s'  affermava 
verso  le  cose  di  Francia  quella  forte  corrente  di  simpatia,  che  potè 
affrancare  la  letteratura  catalana  dall'  enorme  tributo  pagato  sin  allora 
al  limosino,  innalzando  a  dignità  d'  arte  il  linguaggio  della  prosa 
comune.  Già  nel  1339  Pietro  IV,  facendo  richiesta  a  sua  sorella 
Maria  di  un  libro  francese,  dichiarava:  «en  leyr  tales  libros  trobemos 
plazer  e  recreacionj>  2;  egli  stesso  e  i  suoi  figli  fanno  copiare  o  tra- 
durre o  prestano  romanzi  brettoni:  Lancilotto,  il  «libro»  della  Tavola 
Rotonda,  Meliadus,  Guiron  le  Courtois,  Tristano  e  le  cronache  dei  re 
di  Francia  ^. 

Gli  spiriti  d'  avventura  e  di  cavalleria,  che  informano  quella  ricca 
produzione  romanzesca  in  cui  la  società  francese  del  secolo  XIV,  tra 
i  mutamenti  turbinosi  della  politica  e  il  fragore  delle  armi,  vedeva 
rispecchiati  i  suoi  ideali,  dirigono  e  governano  tutte  le  energie  del 
cuore  e  dello  spirito.  I  vecchi  elementi,  in  cui  s'  era  circoscritta  dal 
suo  primo  fiorire  la  letteratura  catalana,  si  disgregavano  a  poco  a  poco 
perdendo  tutta  la  loro  forza  operosa.  Penetravano,  con  1'  irruenza  e 
il  vigore  della  gioventù,  nuovi  elementi  ideali  e  formali  e  le  antiche 
sorgenti  ormai  essiccate  rifluivano  di  acque  derivate  a  fonti  più  fresche 
e  più  abbondanti.  I  lays  brettoni  cantati  da  vaganti  giullari  alla  corte 
di  Pietro  IV*,  per  impulso  del  quale  si  ricostituisce,  organizzato  su 
nuove  basi,  1'  ordine  della  cavalleria,  favoriscono  1'  introduzione  di 
composizioni  poetiche  di  carattere  popolaresco;-  le  quali  se  per  la 
denominazione  di  noves  rùìiades  ci  richiamano  alla  Provenza,  per  il 
contenuto  ci  riportano  a  motivi,  a  forme  e  ad  atteggiamenti  peculiari 
all'  arte  francese^.  Caratterizzano  questo  periodo  di  transizione,  in 
cui  elementi  diversi  cozzano  insieme  senza  riuscire  a  una  formula 
superiore  che  li  integri  e  li  armonizzi,  la  Joyosa  Garda  di  Jacme 
March,    dove   echeggia   il  ricordo   del  castello  della  Dolorosa  Guardia 


1  J.  DE  BoFARULL  y  Sans  ,  Generacióìi  de  Juan  I  de  Aragón ,  in  Me- 
morias  de  la  R.  Acad.  de  Biienas  Letras  de  Barcelona  VI,  p.  303. 

2  A.  RuBió  y  Lluch,  Doaiments  per  V  historia  de  la  cultura  catalana 
mig-eval,  Barcelona,  I,  1908;  p.  118  doc.  CHI. 

»  A.  RuBid  y  Lluch,  Documents,  I,  nn.  CI,  CV,  CXIV,  CXXVII, 
CXLIV,  CLXXII,  CCIV,  CCCI. 

*  A.  RuBid  y  Lluch,  Documents,  I,  n.  CXCVIII. 

^  Mila  y  Fontanals,  Ohras,  III,  pp.  331,^  361,  405.  A.  Pagès,  Ausias 
March  et  ses  prédécesseurs,  in  Bibl.  de  l'École  des  Hautes  Etudes,  fase. 
Ì94,  Paris,  1912;  p.  134  sgg. 


150  MARIO    CASELLA 

di  Lancilotto  del  Lago  i,  pure  presente  all'  anonimo  del  Testament 
d'  Amor  redatto  verso  la  fine  del  secolo  XIV  ^  ;  la  Fatila  di  Guillem 
de  Torrella,  il  cui  linguaggio  catalano,  costellato  largamente  di  pro- 
venzalismi, cede  alle  lusinghe  del  francese  quando  entrano  in  iscena 
personaggi  arturiani^  ;  le  Cobles  de  la  divisto  del  regne  de  Mallorques 
di  Anselm  Turmeda,  in  cui  non  mancano  allusioni  al  ciclo  brettone 
e  al  Roman  de  Troie  ^.  Ma  fra  le  varie  testimonianze  dirette  o  in- 
dirette acquista  un  valore  singolare  il  fatto  che  un  frate,  non  certo 
troppo  favorevole  alla  lettura  di  libri  francesi  che  il  domenicano  Antoni 
Canals  nella  famosa  lettera  a  mossen  Galceran  giudicava  non  appro- 
vati e  «vanys)^,  si  serva  di  elementi  romanzeschi  per  confermare 
assunti  religiosi  e  richiamare  precetti  morali.  Nel  7>rf  del  Crestid 
Francesco  Eximenis  rammemora  come  «aquel  gran  e  famos  Tristany» 
si  studiava  <■  d'  esser  plasent  a  les  dones»  con  una  grazia  che  spiace  a 
Dio  e  trae  1'  uomo  suU'  orlo  del  precipizio'';  e  nel  Dotsen  del  Crestid, 
in  cui,  attraverso  il  lussureggiante  fogliame  di  ripetizioni  e  di  divaga- 
zioni, assurge  a  una  trattazione  sistematica  degli  ordinamenti  civili  e 
militari  di  uno  stato,  si  compiace  di  ricordare  le  regole  d'  armi  di 
Lancilotto  csegons  que  posen  les  histories  galliques»  ",  i  dettami  di 
«Tristany  de  Leonis»  che  lo  portano  a  citare  i  nomi  dei  migliori 
cavalieri  del  mondo,  come  «Carles  emperador  e  lo  rey  Artus»  ^,  la 
«regia    per   a   tot   bataller»    di   Palamides^,    1'  indomito   coraggio   del 


^  Pagés,  op.  cit.,  p.  143. 

^  E.  Pascuxl,  Hallasgo  de  un  "Testament  d'  amor*,  in  Bolet.  de  la 
Soc.  Arq.  Lid.,  Ili,  1889-1890,  p.  289  sgo-. 

^  CanQoner  dets  comtes  d'Urgell,  Barcelona,  1906,  p.  134  sg.  G.  Llabkés 
Guilhrmo  de  Torretta  poeta  mattorqiiìn  det  sigio  XIV,  in  Botet.  de  ta 
Soc.  Arq  Lut.,  IX,  1901  —  1902,  p.  250  sgg.  q  Estiidi  Histórich  y  Literari 
sobre  't  "Cangoìier  dels  comtes  d'Urgett'>,  Barcelona,  1907,  p.  XLI  sgg. 

*  In  CanQoner  de  les  obretes  en  nostra  lengua  materna  mes  divul- 
gades diirant tos  seglesXIV,  XV,  XVI per  M.  Agujlo'  y  Fuster,  Barcelona, 
1900;  st.  18  sgg.  Su  questi  documenti  letterari  dissertò  dottamente  A.  RuBió 
y  Lluch,  Noticia  d'  tin  Lam^alot  cedala,  in  Rev.  de  bibliog.  catal.,  Ili, 
1903,  p.  5  sgg. 

^  Colección  de  dociim.  inéd.  del  Archivo  general  de  la  Corona  de 
Aragón.  XIII,  p.  420. 

^  Biblioteca  Universitaria  y  Provincial  di  Barcellona;  ms.  21.  1.  3; 
e.  297'"  «.  .  .  aytal  graciositat  e  afabilitat  es  mala  e  desplaent  a  Deu  e  fort 
perillosa;  axi  estudiava  d'  esser  plasent  a  les  dones  aquell  gran  e  famos 
Tristany». 

^  Lo  dotsen  del  Crestid,  Valenza,  1484;  cap.  CCXV. 

8  Op.  cit.,  capp.  CCXXII,  CCXXX. 

«  Op.  cit.,  capp.  CCXXIX,  CCCXXXV. 


IL    «SOMNI.^    d'    EN    BERNAT    METGE  151 

«cavaller  Oliver,  comte  de  Savoya  e  companyo  del  gran  cavaller 
Rotlan»  e  i  detti  e  i  fatti  di  «Phebus»  e  di  «  Jofre»  ^ 

Se  r  autore  del  poemetto  Fraire-de-joy  ricusa  di  parlar  la  lingua 
francese  pur  riconoscendone  la  bellezza  2,  nella  storia  di  Frondino  e  di 
B risona  s'  insertano  «alguns  cansons  en  frances  >  ^.  Nel  1380  1'  infante 
Giovanni,  scritto  e  musicato  un  rondeau,  invita  suo  fratello  Martino  o 
coloro  tra  gli  amici  suoi  che  vogliono  comporre  virelai,  rondeau  o 
ballate  in  francese  a  inviarglieli,  perch'  egli  possa  adattarvi  un'  aria 
nuova:  «e  si  vos  ne  altre  alcu  qui  ab  vos  sia  voi  fer  virelay  o  rondell 
o  ballada  en  frances,  enviats  la  ns  quan  feta  sia,  car  nos  la  us  tra- 
metrem  notada  ab  son  novelb  *.  La  musica  franco-fiamminga  co'  suoi 
ritmi  sinuosi  e  agili  si  diffondeva  in  Catalogna,  portando  suU'  ali  del 
canto  le  ballate  capricciose  e  lascive,  che  le  donne  lanciavano  con 
r  ardimento  d'  una  domanda  prorompente  ai  venti  di  una  nuova  prima- 
vera^. Nella  nobile  gara  di  attorniarsi  di  giullari  e  di  cantori,  che 
venivano  poi  inviati  di  corte  in  corte  quasi  a  promuovere  una  sfida  di 
bontà  e  di  valentia,  il  re  Giovanni  non  si  faveva  scrupolo  di  ritenere 
presso  di  sé  i  menestrelli  che  il  duca  di  Turenna  gli  aveva  cortesemente 
prestati  per  la  sua  incoronazione''. 

Le  consuetudini  francesi,  la  moda  francese,  il  canto  francese  trovarono 
in  Violante  di  Bar  un'  assertrice  battagliera  e  autoritaria  ^,  sì  che  nella 
corte  si  manifestarono  ben  presto  gravi  dissensi  e  ne  nacquero  scissioni. 
Molto  spesso  ebbero  a  trovarsi  di  fronte  la  vecchia  regina  Sibilla  e 
r  infanta  Violante  ^    Di  tutto  si  dava  la  colpa  alla  «francesa»,  accusata 


1  Op.  cit.,  capp.  CCXXX,  CXXXI. 

^  Romania,  XIII,  p.  275  sgg. 

^  Romania,  XX,  p.  599  sgg. 

*  A.  RuBió  y  Lluch,  Docnments,  I,  p.  284.  Cfr.  F.  Pedrell,  Joan  I 
compositor  de  mùsica,  in  Estiidis  Univers.  Catal.,  Ili,  1909,  p.  21  sg. 

^  Wander  Straeten,  Les  nmsiciens  néerlandais  en  Espagne,  in  La 
Musique  aiix  Pays  Bas,  Bruxelles,  VII,  1885,  p.  48  sgg.;  Eximenis,  Livre 
de  les  dones,  in  Bibl.  Universitaria  y  Provincial  di  Barcellona,  ms.  21. 
2.  21;  e.  ól"— a  «...les  dissulucions  qui  huy  son  en  les  dones  ." .  .  que  totes 
van  en  joya,  tot  jorn  ab  cant  frances».  Cfr.  A.  Morel-Fatio,  Rapport  sur 
une  mission  philologiqne  à  Valetice  (Estr.  dalla.  Bibl.  de  l'École  de  Cliartes, 
1884—1885),  Paris,  1885,  p.  65. 

^  Sanpere  y  Miquel,  Los  cuatroceìdistas  catal anes,  Barcelona,  I,  1906, 
p.  22  ;  Las  costiimbres  catalanas,  p.  229  n.  2  ;  Mila  y  Fontanals,  Obras, 
II,  p.  511,  n.  16. 

"^  Circa  le  predilezioni  letterarie  di  Violante,  cfr.  A.  Rubio'  y  Lluch,  Docn- 
ments, I,  nn.  CCCXLIV,  eccelli. 

^  Il  BoADES,  Feyts  d'  armes  de  Catalnnya,  Barcelona,  1873;  p.  417,  fa 
ricadere  su  Violante  la  colpa  del  processo  alla  regina  Sibilla. 


152  MARIO    CASELLA 

di  alterare  i  buoni  costumi  di  Catalogna  ^  Il  Boades,  cui  le  preoccu- 
pazioni etiche  forzarono  anzi  deformarono  talora  il  giudizio,  afferma 
eh'  essa  «tenia  illaqueat  ab  mais  arts»  il  marito-;  contro  di  lei 
s'  appuntavano  indirettamente  gli  strali  dei  moralisti  e  le  ire  dei 
«laudatores  temporis  acti;.  Ma  nulla  di  più  falso  che  lo  spiegare  i 
caratteri  d'  una  società  partendo  dall'  individuo;  ingiuste  contro  Violante 
le  querele  dei  contemporanei  ;  vane  le  difese  degli  storici  posteriori  ^. 
Da  Pietro  IV  a  Giovanni  I  non  vi  sono,  nella  sottile  trama  delle  cause 
e  degli  effetti,  soluzioni  di  continuità;  è  un  processo  di  determinazione 
maggiore  di  tendenze  che  già  s'  erano  dubitosamente  affermate;  l'  onda 
delle  novità  ribollente  e  tumultuosa  alle  prime  barriere,  sospinta  dall' 
incalzare  violento  di  onde  piìi  vaste,  le  travalica  scrosciando  in  un 
largo  letto,  dove  s'  allunga  e  si  posa  in  corso  pieno  e  maestoso. 

La  società  si  rinnovava.  Libera  dagli  involucri  di  concezioni  medie- 
vali, r  anima  di  tutto  un  popolo  che  s'  era  ritemprata  nel  lavoro 
faticoso,  accumulando  le  ricchezze  ricercate  con  tenace  spirito  d'  avven- 
tura di  là  dai  confini  della  patria,  si  ripiegava  su  se  stessa,  guardava 
attorno  a  se',  si  risentiva  alacre  nella  consapevolezza  della  sua  forza, 
fidente  del  suo  destino,  francata  finalmente  da  ansietà  e  da  timori. 
La  lietezza  della  vita  correva,  con  un  brivido  di  voluttà  capricciosa  e 
spensierata,  per  tutti  gli  ordini  sociali.  Una  boighesia  instancabilmente 
attiva  e  industre,  ringagliardita  nelle  lotte  quotidiane,  pronta  ad  acco- 
gliere la  festevolezza  che  occupava  la  nobiltà,  in  cui  le  tradizioni 
belligere  si  tempravano  al  calore  d'  una  coltura  aristocratica  e  galante, 
si  piegava  con  pieno  abbandono,  come  a  un  sogno  di  quiete  dopo  la 
dura  fatica,  alle  novità  che  venivano  di  Francia.  Si  amavano  le  forme 
belle,  si  cedeva  al  lusso,  si  godeva  dell'  opulenza.  Bagliori  d'  alba 
passano  di  castello  in  castello  ;  la  luce,  irrompendo  per  le  vetrate  istoriate, 
avviva  le  scene  d'  amore,  di  valore  e  di  cortesia  conteste  in  vario 
digradar  di  colori  nelle  fini  tappezzerie,  sfolgora  sulle  miniature 
dei    codici*,    brilla    sui    monumenti    e    sulle    tombe    di    diaspro    e    di 


^  S\N'  ERE  y  MiQUEL,  Los  cnatroceutistas  cai.,  I,  p.  19. 

2  Op.  cit.,  p.  418. 

®  Sanpkre  y  MiguEL,  Las  costumbres  cat.,  146  sofor.  Si  veda  pure 
quanto  scrive  J.  de  SkiUenzx,  Historia  de  la  Orden  de  San  Jerónvno^ 
(in  Nneva  Bibl  de  AiUores  espanoles,  Vili),  Madrid,  1907,  I,  pp.  103—105. 

■•  Interessante  senza  dubbio  nei  Comentaria  Jacohi  de  MarqiiiUes  super 
Usaticis  Barchinone,  Barcelona,  1505;  e.  CCCLXXV^IIb',  l'inserzione  del 
trattatello  De  iis  qiie  sunt  necessaria  ad  stabilimentum  castri  tempore 
ohsidiouis  et  fortissime  guerre  (Mn.'  y  Foxtanals,  De  la  poesia  heroico- 
popular  castcllaììd,  Barcelona,  1874;  p.  416;  Mknéndez  y  Pelavo,  Anto- 
logia de  poctas  llricos  castellanos,  XI,  p.  14)  composto  o  ispirato  da  Alfonso 


IL   «SOMNI»   d'   en  bernat  metge  153 

marmo  ^  L'  occhio  persegue  la  visione  dei  sogni  che  animarono  la  fan- 
tasia dei  novellatori  e  dei  poeti,  e  1'  anima  si  libra  estatica  dietro  a  loro. 
Carlo  Magno,  re  Artù,  il  castello  d'  Amore,  Goffredo  da  Buglione  testi- 
moniano negli  arazzi  che  addobbano  i  palazzi  del  re^,  le  perigliose 
prodezze  degli  eroi,  1'  esaltazione  dell'  amore  onnipossente,  la  raffinata 
cortesia  e  la  fedeltà  a  tutta  prova.  Ma  non  i  palazzi  del  re  soltanto. 
Un  inventario  delle  ricchezze  mobiliari  della  potente  e  aristocratica 
famiglia  dei  Cruilles,  dell'  anno  1390,  ci  dimostra  in  suo  possesso 
«unum  pannum  de  ras  cum  istoria  del  Soldan»,  un  altro  «cum  istoriis 
de  Lancelot»,  un  altro  ancora  «cum  istoriis  de  Rochafort  e  de  Bertrando 
de  Clagui»  ^.  Dovunque  si  vuol  conformare  la  vita  all'  arte,  attuando 
nella  realtà  1'  ideale  vagheggiato.  La  vita  in  piena  e  fragorosa  letizia 
avvolge  delle  sue  attrattive  e  blandisce  con  le  sue  lusinghe  1'  anima 
che,  fatta  obliosa  delle  angosce  del  medioevo,  sente  i  fremiti  di  un 
rinnovamento.  Le  vesti  più  ricche  e  più  fastose  assentono  al  petto 
e  ai  fianchi,  perchè  le  forme  si  disvelino-  i  veli  di  seta  traforati,  i 
guanti  orlati,  gli  anelli  d'  oro  e  d'  argento,  i  fermagli  cesellati  aggiungono 
al  decoro,  alla  pompa,  alla  grazia  la  civetteria  birichina  e  procace  *. 
Oh,  le  «dones  del  temps,  dones  de  la  guisa  e  dones  de  la  verdura  e 
dones  de  la  cort,  qui  van  ab  novells  tals  de  vestidures,  ab  gets  ana- 
morats,   qui   giran    los   ulls  a  traves»  .  contro    le  quali  si  scaglia  frate 


«el  Sabio»  (Rajna,  in  Romania,  XVIII,  p.  35)  dove  si  parla  della  necessità 
che  nei  castelli  siano  romanzi  guerreschi.  A  dar  valore  di  attualità  al  riferi- 
mento, cfr.  Ramon  d'Alo's,  Inventaris  de  Castells  catalans,  in  Estudis 
Univ.  Calai.,  IV,  1910;  p.  129  sgg.;  J.  Segura,  Aplech  de  documents 
ciiriosos  e'  inédits  per  la  Ili  storia  de  las  costittns  des  Catalunya ,  in 
Jochs  florals  de  Barcelona,  Barcelona,  1885;  p.  179. 

^  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  nn.  CXII,  CL,  CLVI. 

2  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  nn.  CXXXV,  CLXXI,  CCIX. 

^  F.  de  Bofarull  y  Sans,  Gilaberto  de  Cruilles,  Barcelona,  1886 
p.  50  sg. 

*  ExiMENis,  De  les  dones,  in  Bibl.  Univ.  y  Prov.  di  Barcellona,  ms.  21. 
2.  21;  ce.  288^-t._289'— ■''«.. .  Contra  aquest  sant  doccument  fan  alcunes 
persones  relegioses,  homens  e  dones,  qui,  contra  la  puritat  de  lur  vot  e  gran 
carrech,  porten  arreus  presiosos  axi  con  guanivets  fort  presiosos  e  ornats 
d  aur  e  d  ergent,  segells,  anells,  e  pastesnostres  (/.  patresnostres)  de  lanbre 
e  de  cornai  ab  ornaments  putenchs  e  pus  bells  que  dones  setglars,  tepins  ab 
puntes  e  guants  orlats  d  estiu,  ab  punta  al  cap  e  ab  vels  de  seda  rugnats 
e  vestidures  tallades  pus  estret  e  pus  remifadament  (/.  refinadament)  que 
dones  setglars,  ensenyant  los  pits  e  anant  ab  continents  de  baronesses,  e 
ab  totes  aquelles  curiositats  e  vanitats  que  una  fenbre  de  bordell  pot  anar.» 
Cfr.  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents.  I,  nn.  CLXXI,  CLXXIII,  CXLVI, 
CXCV. 


154  MARIO    CASELLA 

Eximenis  ^  !  Per  le  vie  aperte  ai  traffici  e  allo  splendore  delle  feste, 
esse  passano  erette  nella  persona,  con  1'  andatura  studiata  «e  curiosa^', 
con  pose  e  atteggiamenti  di  dignità  ricercata,  «ab  continents  de  baro- 
nesses»,  con  uno  sguardo  che  cerca  e  chiede  ansioso  lo  sguardo, 
«donant  aquel  ris  e  moviment  qui  pus  beli  los  aparegua»  e  snodando 
il  corpo  e  agitando  la  testa  «axi  com  a  serps  moven  per  tal  que  pus 
falagueres   sien»  ^.     Invano   tuonano   dall'   alto   le   minacce   profetiche. 


'  Eximenis,  De  les  dones,  ms.  cit.,  e.  ól"— a  «.  . .  Mas  que  ferem  de  les 
dones  qui  s  fan  dir  dones  del  temps,  dones  de  la  guisa,  e  dones  de  la  verdura 
e  dones  de  la  cort,  qui  van  ab  novells  tals  de  vestidures,  ab  gets  anamorats, 
qui  giren  los  ulls  a  traves,  e  juntes  van  bra?  per  bra?,  e  us  mostren  totes 
lurs  joyes,  si  be  no  ses  jorn  de  mercat ...  E  aquelles  qui  no  s  enalten  de 
lurs  jochs;  qui  quant  se  mostren  collejen  e  cabajen  pus  espeses  que  la  serp, 
qui  fan  lurs  marits  besties;  e  mes  que  mes  los  pus  serts  qui  menen  al  costat 
les  monjes  de  lur  lureya  per  cobrir  lur  bon  fat;  qui  porten  les  selles  arran- 
cades  e  pinzades  e  pintades  ab  catorza  colors  .  .  .  totes  almeschades  e  ab  odors 
de  tunÌ9  ...  e  d'  estiu  guants  deurats;  e  s  posen  alt  a  les  finestres  per  que 
les  vejen  lurs  anamorats.» 

*  Eximenis,  TVrp  del  crestid,  nis.  cit.,  e.  404^— ^  «_ .  .  si  la  guardes  (la 
fembra)  als  peus  tostemps  porta  tapins  si  pot  qui  la  facen  pus  alta;  no  posa 
lo  peu  pia  per  que  vaia  pus  falaguerament  e  pus  curiosa.  Tot  lo  cors  se 
estreny  per  que  aparegua  pus  prima;  lo  pits  e  les  anques  se  engrosex  per 
que  aparegua  mils  feta;  los  cabells  porta  malenvats,  les  ceylles  pintades,  la 
cara  pintada,  los  labis  porta  tenyits  e  aquells  mou  ab  esguart  de  mirayll 
donant  los  aquell  ris  e  moviment  qui  pus  beli  los  aparega.  Les  dents  se 
pinten,  1'  alen  e  1  cors  se  fan  ben  olent  per  que  no  sentes  lurs  frasties  amagades. 
La  veu  se  aprimen,  lo  coyll  pleguen  e  axi  com  a  serps  moven  per  tal  que 
pus  falagueres  sien;  les  mans  se  umplen  d'  anells,  e  1  cors  de  bells  ornaments 
per  tal  que  tot  hom  guart  en  elles  e  pus  belles  sien  ...»  Anche  ci  si  per- 
metta di  aggiungere  quasi  per  illustrare  in  precedenza  1'  ultima  parte  del 
Somni  del  Metge,  un  altro  caratteristico  passo;  e.  308^'-^  ".  .  .  Entre  totes  les 
curiositats  e  oradures  d  aquest  temps  si  son  estades  les  seguents,  90  es  trobar 
vestits  qui  cobren  la  cara  e  les  mans  e  descobren  les  anques  e  les  parts  ver- 
gonyoses  e  fan  veure  les  cuxes  e  les  bragucs  a  tot  hom  .  .  . .«  Ancora  a 
e.  310^.  .  .  «E  ab  aquestes  curiositats  lo  diable  ni  ha  mesclades  d  altres,  90 
es  que  porten  jubons  axi  estrets  als  costats  que  maravella  es  cant  no  tren- 
quen  per  les  costelles  e  axi  amples  als  pits  que  per  for^a  s  an  a  unplir  aqui 
de  coto  o  d  altra  cosa,  car  natura  no  basta  a  fer  los  tan  grossos  pits  ne  tan 
grans  spatles  e  a^o  es  a  gran  desonor  de  nostre  senyor  Deu,  car  aquest 
clarament  ensenycn:  que  ells  no  s  tenen  per  pagats  de  la  forma  naturai  que 
eli  los  ha  dada  ans  ells  sen  fan  altre,  qui  es  mils  a  lur  plaer.  Encara  ha 
ajustada  altre  vanitat  lo  diable  a  les  precedents,  e  es  que  los  homens  d  aquest 
temps  porten  ara  en  gir  lo  coli  les  vestedures  rugades  per  fer  ajust  de  puces 
e  per  perdre  lo  drap  ....  porten  los  caperons  petits  e  enbotonats  e  carregats 
de  messio  ab  menys  servey  que  dabans,  car  no  scn  poden  cobrir  lo  coyl  en 
temps  de  fret  ne  de  pluja,  axi  com  feyen  cant  los  portaven  grans  e  simpla- 
ments  fets  .  . .  porten  les  calces  axi  tirades  davant  e  de  tras  que  si  cayen  en 


CROMNI»  D  EN  BERNAT  METGE 


155 


Rapido  e  fuggevole  come  un  'ombra  1'  oggi  avvince  nella  sua  ansia 
senza  posa  e  caccia  i  presentimenti  oscuri  e  le  aspettazioni  precise. 
Corre  sui  visi  qualche  sogghigno  beffardo  e  1'  ironia  risponde  alle 
ferite  dell'  invettiva  lanciata  dal  pergamo  : 

A  la  sgleya  vulles  anar 
Per  Deu  e  los  sants  ahorar, 
E  si  hoiras  prehicar 

Tantost  assente. 
So  que  hoiras  dir  faras 
E  so  qu  els  fan  squivaras, 
D  aycels  ho  dich  qu'  han  lo  cap  ras 

Hoc  e  la  barbai 

L'  antica  società  catalana,  feudale  e  cavalleresca,  tutta  rigidamente 
chiusa  nelle  armi  e  prosternata  dinanzi  al  gonfalone  su  cui  raggia  la 
croce,  si  dissolveva  a  poco  a  poco.  Languida  e  lontana  risuona  1'  eco 
di  un  mondo  ormai  scomparso,  quando  «tota  1'  ost  a  una  vou»  gridava 
contro  le  schiere  dei  saraceni  «Sancta  Maria,  Sancta  Maria.  E  aquest 
mot  nols  exia  de  la  boca,  que  quan  lavien  dit  sempre  si  tornaven,  e 
aixi  con  mes  lo  deyen  mes  pujava  la  vou»  ^'.  Ora  è  più  tosto  un  grido 
di  rivolta  che  freme  in  molti  petti,  mentre  l'autorità  della  chiesa  uni- 
versale e  militante  è  profondamente  abbattuta  dallo  scisma. 

L'  introduzione  a  Barcellona  nel  1393  dei  «jochs  florals»,  a  imitazione 
di  ciò  che  si  faceva  «in  civitatibus  Parisiensi  et  Tolose  ac  aliis  civita- 
tibus  et  locis»  ^,  sebbene  riguardi  la  letteratura  e  la  lingua  d'  oc,  segna, 
come  giustamente  avverte  il  Sanpere  y  Miquel*,  la  lotta  dello  spirito 
nuovo  che  s'  affaccia  all'  orizzonte  contro  il  medioevo  declinante  al 
tramonto.  La  festa  dei  «jochs  florals»  fomentava  il  culto  delle  lettere 
e  delle  arti  ;  e  quantunque  le  preoccupazioni  morali  che  già  avevano 
gravato  come  cappa  di  piombo  sul  libero  svolgimento  dell'  istituzione 
tolosana,   deviandola   dal  fine  che  i  primi  fondatori  s'  erano  proposto, 


terra  no  sen  porien  levar  e  fanse  de  les  calces  bragues  e  calces  ensemps  e 
han  a  anar  per  for^a  axi  drets  e  emfitats  que  appar  que  sien  fusts  entegres 
e  estatues  ....  porten  a  la  fi  de  la  cal^a  letres  e  fermayls  daurats  e  alcun 
ornaments  curios  ...» 

^  A-  TuRMEDA,  Libre  de  botis  anionestmnents ,  in  Can^oner  de  les 
obretes  en  nostra  lengua  materna  mes  divulgades,  stanze  32 — 33. 

^  Cronica  del  rei  en  Janme  l  Conqiieridor ,  ed.  Aguiló,  p.  133. 

^  Torres  Amat,  Memorias  para  ayudar  à  formar  un  diccionario 
critico  de  los  escrit.  catal.,  p.  59.    Cfr.  Pagès,  op.  cit.,  p.  165. 

*  Los  cuatrocentisias  cat.,  I,  p.  21. 


156  MARIO    CASEJLLA 

facessero  pure  violenza  sul  «consistori»  barcellonese,  è  facile  scorgere 
neir  ordinanza  di  Martino  I,  che  con  regale  munificenza  rinnova  il 
tentativo  (1398)  del  fratello  Giovanni,  un  intento  umanistico  ^  Il  più 
caloroso  ed  eloquente  panegirista  della  nazionalità  catalana,  di  cui 
alle  «cortes»  di  Perpignano  rammemorava  le  gesta  gloriose,  con 
parole  che  ci  richiamano  alla  mente  altre  consimili  del  Convivio 
dantesco,  esaltava  allora  la  scienza  come  la  più  alta  e  duratura 
nobiltà  della  vita.  «Quoniam  sola  sciencia  dicitur  summa  nobilitas 
in  hac  vita»  ^. 

Se  dunque  l'  intuizione  dei  bisogni  intellettuali  da  cui  la  società  era 
presa  in  quel  periodo  di  fervida  vita,  giustifica  1'  epiteto  di  «re  della 
gentilezza»  che  gli  storici  si  piacquero  di  dare  a  Giovanni  I,  i  torbidi 
che  seguirono  la  sua  morte  e  1'  accanimento  con  cui  si  perseguì  il 
partito  suo  e  della  regina  Violante,  mettono  in  piena  luce  1'  impreveg- 
genza  e  1'  inettitudine  del  suo  governo.  Una  misura  nel  lusso  della 
corte  era  stata  troppo  a  lungo  desiderata  e  sempre  invano.  La  tradi- 
zione gloriosa  d'  ampliamenti  territoriali  nella  penisola  pareva  ormai 
interrotta  per  sempre.  Eppure  la  Sardegna,  quasi  staccata  dal  regno 
per  r  abilità  dei  vassalli  che,  con  1'  aiuto  indiretto  dei  genovesi, 
avevano  conseguito  una  vera  autonomia  non  ostante  la  presenza  dei 
viceré  inviati  costantemente  a  Cagliari, 

A  son  Rey  la  porta  tanca. 
Asso  fa  lo  circuncis 
Oria  la  mala  branca^; 

la  Sicilia  ribelle  co'  suoi  baroni  che,  pur  dopo  la  resa  di  Palermo 
(1392)  e  la  defezione  di  alcuni  capi  potenti,  occupavano  le  principali 
città  e  si  mostravano  mal  disposti  a  sottomettersi  ai  re  Aragonesi; 
sfumato  da  tempo,  di  fronte  alle  astuzie  e  alla  tenacia  di  penetrazione 
commerciale  dei  fiorentini,  il  sogno  di  un  dominio  catalano  in  oriente^; 
il  tesoro  esausto,  pur  essendo  frequenti  e  improrogabili  le  necessità 
d'  una  guerra.  Barcellona,  la  città  più  fiorente  del  regno,  cui  le  navi 
sparse   per   il   bacino   occidentale   del   Mediterraneo   in    comunanza   di 


^  A*.  RuBió  y  Lluch,  Documents  I,  pp.  XXX,  389—446. 

2  Colecc.  de  docum.  inéd.  del  Archivo  general  de  la  Corona  de  Aragón, 
VI,  4.  69. 

"  Cobles  de  la  divisto  del  regne  de  Mallorgiies  per  A.  Tqrmeda, 
st.  112. 

1  A.  RuBió  y  Lluch,  De  V  epoca  en  que  Is  catalans  perderen  Atenes 
i  els  demés  dominis  grecs,  in  Catalunya  a  Grecia,  Barcelona,  1906; 
p.  38  sgg. 


IL   «SOMNI»   d'  en  bernat  metge  157 

traffici  coi  genovesi,  coi  pisani  e  coi  veneziani  portavano  ricchezza  e 
prosperità,  si  mostrava  più  che  mai  ostile  ^  Morto  il  re,  la  reazione 
si  scatenò  rapida  e  violenta;  il  cumulo  delle  colpe  s'  addossò  sui  corti- 
•    giani  e  s'  istituì  loro  il  processo  2. 

L'  assennatezza,  la  prudenza  e  lo  spirito  conciliativo  di  Martino  I 
riuscirono  a  frenare  le  ire.  Il  processo  cominciato  nel  1397,  per  ciò 
che  possiamo  conoscere  da  un  documento  pubblicato  dal  Rubió  y  Lluch  ^, 
si  svolse  senza  la  consueta  lungaggine  che  aveva  caratterizzato  altri 
consimili  processi,  come  quello  della  regina  Sibilla  a'  principi  del  regno 
di  Giovanni  I.  L'  introduzione  del  Somni  ci  fa  certi  della  completa 
assoluzione  degli  imputati. 

«Poch  temps  ha  passat  que  estant  en  la  preso,  no  per  demerits  que 
mos  perseguidors  e  enveyosos  sabessen  contra  mi,  segons  que  despuys 
clarament  a  lur  vergonya  se  es  demostrat,  mas  per  sola  iniquitat 
quem  haviem  o  per  ventura  per  algun  secret  juy  de  Deu...»*. 
L'  accenno  così  esplicito  e  confermato  da  altri  passi  non  meno  chiari 
e  sicuri^,  ci  offre  il  «terminus  a  quo»  della  composizione  del  Somni, 
ossia  possiamo  restringerci  alla  fine  del  1397  o,  con  probabilità  maggiore 
a'  primordi  dell'  anno  seguente.  Una  lettera  di  Martino  I,  in  data 
28  aprile  1399  da  Saragozza  e  diretta  al  Metge,  mentre  ci  assicura 
che  neir  estimazione  del  nuovo  re  nulla  era  venuto  meno,  tant'  è  che 
qualche  anno  dopo  questi  non  si  periterà  di  richiamarlo  al  suo  antico 
ufficio  di  segretario^,  ci  porge  il  modo  di  determinare  con  sicurezza 
il  termine  ultimo  per  la  stesura  completa  dell'  opera. 


^  Somni,  p.  135.  Il  19  febbraio  1396  re  Giovanni  scrive  alla  città  di 
Barcellona  perchè  si  continui  la  festa  della  Gaia  Scienza  «^e  sera  cosa  a  nos 
fort  plasent  e  que  tornara  en  gran  honor  d'  aqueixa  ciutat»  (A.  RuBió  y  Lluch, 
Documents  I,  p.  305);  a  che  il  «Concell»  s'  affretta  a  rispondere  in  data 
15  marzo  che  «per  los  grans  e  insoportables  carrechs  que  la  ciutat  ha  e  per 
lo  poch  millorament  que  aconsegueix  de  la  dita  gaya  sciencia,  les  dites  joyes 
no  sien  donades  per  la  ciutat».  Cfr.  Sanpere  y  Miquel,  Las  costumhres 
cat.,  p.  209. 

^  Stupisce  non  trovare  il  Metge  tra  i  numerosi  condannati,  imprigionati  o 
esiliati  di  quel  torbido  periodo  in  Cortes  de  los  antiguos  reinos  de  Aragón 
y  de  Valencia  y  prmcipado  de  Cataluria,  publicadas  por  la  R.  Acad.  de 
la  Historia,  Madrid.  1901;  IV,  252  sgg. 

^  Dociimeìits,  I,  p.  408  n.  1. 

*  Op.  cit.,  p.  83.  Per  brevità  rimanderemo  d'  or  innanzi  alla  numerazione 
progressiva  per  righe  (  1  — 8). 

5  Op.  cit.,  (1220  sg.;  1594  sgg.). 

^  I  Procesos  de  las  antiguas  cortes  y  parlamentos  de  Catalima,  in 
Colecc.  de  docuin.  inéd.  del  Archivo  general  de  la  Corona  de  Aragón  I, 
119  sgg.  ci  assicurano  che  il  Metge  a  cominciare  dal  1406  si  trova  al  servizio 
di  re  Martino  I. 


158  MARIO    CASELLA 

«Sapiats  que  1  feel  nostre  en  Ramon  Qavall  nos  ha  recitada  la  obra 
que  vos  havets  feta  d'  un  sompni  e  de  algunes  altres  coses,  e  hauriem 
pler  que  la  vahessem,  per  que  us  monam  e  us  pregarti  que,  el  pus 
prest  que  poretz,  nos  en  trametats  translat  e  farets  nos  en  serveys'  ^. 
A  che  alluda  il  re  con  «algunes  altres  coses»  di  cui  parla,  non  sappiamo; 
r  espressione  è  così  generica  che  non  permette  di  fissar  nulla  di  con- 
creto, e  probabilmente  tale  dovè  essere  nell'  intenzione  di  chi  scrisse. 
Ad  ogni  modo  è  lecito  concludere  che  tra  la  fine  del  1397  e  il  prin- 
cipio del  1399  il  Somni  fu  dal  Metge  ideato  e  composto. 


Che  intorno  la  morte  improvvisa  di  Giovanni  I  sia  fiorita  la  leggenda 
è  evidente.  Le  affermazioni  che  1'  ombra  del  re  fa  nell'  opera  del 
Metge  e  sulle  quali  ci  siamo  alcun  poco  intrattenuti,  dissipano  le 
favolose  notizie  a  cui  dettero  libero  il  volo  i  cronisti  posteriori  e  tro- 
vano riscontro  nella  breve  annotazione  che  alla  data  venerdì  19  maggio 
1396  ci  dà  il  Dietari  del  Antich  Concell  Bar  teloni:  colto  da  un  malore 
durante  la  caccia  il  re  cadde  da  cavallo  e  morì  prima  di  esser  portato 
a  Gerona  2.  Pere  Tomich  invece  narra  che  egli  in  cammino  verso 
Barcellona,  inseguendo  una  lupa,  morì  all'  improvviso  davanti  al  castello 
di  Urriols  ^ ;  Martino  Alpartil  dice  che  il  re,  atterrito  alla  vista  di  una 
lupa  molto  grande,  cominciò  a  tremare  e  spirò  dentro  un'  ora^;  il 
Carbonell  mesce  le  due  versioni  allontanandosi  anche  piìi  dalla  verità  •''. 
Altri  ancora  raccontano  che  morì  cadendo  da  cavallo  0,  con  maggiore 
tragicità,  che  cadde  morto  da  cavallo^.  Comunque  sia,  la  morte  del 
re,  considerata  da  alcuni  come  vendetta  divina  specialmente  per  ciò 
eh'  egli  aveva  commesso  contro  la  regina  Sibilla  facendola  processare 
e  torturare  ''j  preoccupò  non  poco  le  popolazioni.  Il  Visconte  di  Perellós 
y  Roda  nel  suo  avventuroso  viaggio  al  Purgatorio  di  S.  Patrizio,  dove 
r  aveva  condotto  il  desiderio  di  conoscere  lo  stato  in  cui  1'  anima  del 


*  A.  RuBió  y  Li^ucH,  Docutnents,  I,  p.  408  sg. 

2  Manual  de  A^ovells  ardits,  vulgarment  apellat  ^Dietari  dei  Antich 
Concell  Barceloni»  in  Colecció  de  docunt.  ìiistór.  inéd.,  Barcelona,  1892; 
I,  p.  57.    Sanfere  y  Miguel,  Las  costumbres  cat.,  p.  149  n.  1. 

8  Op.  cit.,  p.  227. 

*  A.  DE  BoFARULL  y  Bro(  A ,  Op.  cit.,  V,  53;  ZuRiTA,  Anulcs,  I,  414. 
^  A.  DE  BoFARULL  y  BkOCA ,  Op.  cit.,  V,  53. 

*  A.  DE  BoFARULL  y  Broca  ,  Op.  cit.,  V,  53. 

''  A.  DE  Bofarull  y  Broca',  op.  cit.,  V,  6;  Boades,  op.  cit.,  p.  412;  ma 
cfr.  Sanpere  y  Miquel,  Las  Costumbres  cat.,  p.  122  sgg. 


IL    «SOMNI»    d'   en   bernat   metge  159 

re  si  trovava  dopo  la  dolorosa  fine,  afferma  d'  averlo  visto  in  via  di 
salvazione  ^  Anche  il  Boadcs  allude  a  qualche  tradizione  d'  oltre 
tomba,  pur  mostrandosi  molto  incredulo  2. 

Di  qui  prese  il  Metge  la  sua  ispirazione.  Ma  non  soltanto  da  ciò 
egli  ebbe  incentivo  per  far  assurgere  il  suo  re  a  diffonditore  d'  idee 
religiose.  Ci  sono  infatti,  a  chi  ben  guardi  1'  impostazione  generale  e 
lo  svolgimento  logico  del  Somni,  molti  elementi  storici  che  non  si 
devono  trascurare  affatto  e  che  a  noi  singolarmente  giovano  per 
ricostruire  ne'  suoi  frammenti  la  vita  dell'  epoca  e  la  figura  caratte- 
ristica del  re.  Purificato  dalla  morte,  che  in  lui  ha  distrutto  ogni 
timore  mostrandogli  il  valore  relativo  e  contingente  d'  ogni  azione 
umana,  e  salito  a  un'  alta  sfera  di  felicità  da  cui,  di  là  dal  bene  e 
dal  male,  può  con  occhio  sereno  e  con  indipendenza  di  giudizio  con- 
siderare i  falli  passati,  il  re  dinanzi  al  fedele  amico  s'  effonde  in  con- 
fessioni sincere,  che  suonano  a  condanna  della  sua  opera  terrena.  «E 
vull  que  sapias  que  en  temps  que  yo  vivia,  hagui  major  pena  moltes 
vegades,  havent  pahor  de  morir  quant  era  malalt  o  curria  temps 
epidemial,  e  specialment  de  morts  repentines,  que  no  hagui  la  bora 
que  desempari  lo  meu  cors.»  E  più  oltre,  a  spiegare  il  breve  periodo 
di  penitenza  che  gli  è  decretato  in  attesa  di  salire  alla  beatitudine 
celeste:  «Jom  adelitava  molts  mes  que  no  devia  en  cassar  e  escoltar 
ab  gran  plaer  xandres  e  ministres  e  molt  donar  e  despendre  ;  e  sercar 
a  vegades,  axi  com  fan  comunament  los  grans  senyors,  en  quina  manera 
poguera  saber  algunes  cosas  esdevenidores ,  per  tal  que  les  pogues 
preveura  e  occorrerhi»  ^. 

Dalle  parole  del  Tomich  è  già  stato  posto  in  rilievo  1'  amore  di  re 
Giovanni  per  la  caccia  e  per  le  belle  cavalcate  dinanzi  a  una  molti- 
tudine di  donne  attonite  al  fulgido  luccichio  delle  armi  e  alla  fantas- 
magoria delle  uniformi  scintillanti.  Il  Livre  de  la  chasce  de  Gaston 
Febus,  conte  di  Foix,  inviatogli  in  dono  nel  1389,  due  anni  dopo  la 
sua  pubblicazione,  gli  era  riuscito  sommamente  grato,  tanta  cura  s'  era 
dato  di  farlo  sapientemente  alluminare,  perchè  al  testo  ne  venisse 
chiarezza  maggiore*. 

Debole  e  irresoluto ,    in    continuo   timore   di    essere  avvelenato  o  di 


'  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents  I,  342.  A.  Jeanroy  e  A.  Vignaux, 
Voyage  au  Piirgatoire  de  S.  Patrice,  Toulouse,  1903;  R.  Miquel  y  Planas, 
Llegendes  de  V  altra  vida,  Barcelona,  1912;  p.  43. 

2  Op.  cit.,  p.  415.      • 

^  Somni  (1251  sgg.,  1326  sgg.). 

*  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  p.  336;  Sanpere  y  Miquel,  Las 
costumbres  cat.,  p.  232. 


160  MARIO    CASELLA 

subire  qualche  fattucchieria,  come  tutti  coloro  che  non  riescono  a 
tradurre  in  azione  la  pienezza  del  loro  sentimento  e  della  loro  fantasia, 
il  re  Giovanni  troppo  concedeva  al  suo  temperamento  superstizioso, 
che  s'  appagava  di  meravigliose  e  peregrine  notizie  di  paesi  lontani 
e  mal  noti,  di  viaggi  avventurosi,  di  calcoli  astronomici,  di  profezie  e 
di  rivelazioni  *.  Al  suo  camerlengo  Ramon  de  Perellós,  visconte  di 
Roda,  scrive,  il  13  agosto  1385,  per  avere  la  relazione  fatta  da  un 
cavaliere,  che  è  entrato  nel  Purgatorio  di  S.  Patrizio,  «de  90  que  ha 
vist  e  li  es  esdevengut»,  e  contemporaneamente  lo  prega  di  trasmettergli 
«la  revolucio  de  1'  any  present  e  del  esdevenidor  de  mestre  Thomas 
de  Bolunya  e  de  mestre  Lunell»,  per  conoscere  il  giudizio  di  ciascuno 
di  essi  e  rilevarne  le  discordanze^.  Al  re,  cui  riescono  cari  i  libri 
di  geomanzia  ^  e  gli  strumenti  di  astrologia  di  Pon?  de  Jovals  *,  im- 
portavano moltissimo  le  profezie  di  maestro  Guglielmo  Lunell,  che  è 
chiesto  con  insistenza  al  Duca  di  Berry  ^  nell'  ottobre  del  1388. 

Desideroso  di  seguire  1'  esempio  de'  suoi  gloriosi  predecessori,  il 
18  settembre  1392,  re  Giovanni  dopo  molti  tentennamenti  e  dubbiezze 
partecipa  ai  rappresentanti  di  Barcellona  il  proposito  di  fare  personal- 
mente il  passaggio  in  Sardegna  per  riconquistarla  allo  corona,  prov- 
vedendo al  suo  onore  e-  assolvendo  ancor  più  il  debito  verso  la  giusti- 
zia «...  havem  proposat  fer  lo  dit  passatge,  lo  qual,  depuys  que  per 
gracia  de  Deu  fom  promogut  a  estament  de  rey,  havem  tots  temps 
molt  tengut  a  cor  e  desyat  que  aquell  poguessem  fer  e  complir  com 
en  moltes  croniques  de  emperadors  e  de  reys  e  gestes  antiques  ligen 
haiam  trobat  en  qual  manera  son  dits  gloriosos  emperadors  e  reys 
qui  virtuosament  deffenem  lurs  imperis  e  regnes  e  conquistan  los 
crexen,  axi  com  nostres  predecessors  de  alta  memoria  han  fet.»  Ricorda 
ciò  che  Svetonio  dice  di  Ottaviano  Augusto  e,  per  opposizione,  quanto 
Paolo  Orosio  racconta  di  Nerone  e  Valerio  Massimo  di  Attilio  Regolo 
e  di  Serse,  mostrandosi  risoluto  di  seguire  «los  fets  d'  aquells  los 
quals  a  memoria  perpetuai  per  lurs  virtuts  son  dignes  de  esser  posats 
en  istories:>  ".  Eppure  prima  di  abbandonarsi  a  un'  impresa,  che  del 
resto  non  compì  mai,  perchè,  osserva  un  cronista  fieramente  avverso, 
troppo  amava  la  caccia,  i  giuochi  e  la  musica '',  da  Valenza  il  17  febbraio 

^  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  p.  377  n.  1. 
^  A.  RuBió  y  Lluch,  Docunients,  I,  p.  342. 
'  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  p.  345. 
■•  A.  RuBió  y  Lluch,  Documenis,  I,  p.  349. 
^  A.  RuBió  y  Lluch,  Docuìnents,  I,  p.  354. 
^  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  p.  375. 

"^  BoADES,  op.  cit.,  p.  423;  A  diì:  Bofakull  y  Broca,  op.  cit.,  V,  p.  40; 
ma  cfr.  Sanpere  y  Miquel,  Las  costumbres  cat.,  p.  139  sgg. 


IL    «SOMNI»    D'   EN    RERNAT    METGE  161 

1393  chiede  il  libro  delle  rivelazioni  che  «un  prevere  appellai  Pere  Alerig, 
lo  qual  es  poblat  a  Sent  Pere  Pescador^)  ha  avuto  «per  lo  benaventurat 
passatge  que.  Deus  volend,  fer  devem>  ^  Era  sempre  lo  stesso  re 
che  il  19  giugno  1390  ordinava  al  governatore  del  Rosselló  di  fare 
per 'lui  incetta  di  tutti  i  libri  di  negromanzia  appartenuti  al  «clergue 
Blas  de  Corbera»  2,  e  a  un  priore  a  noi  ignoto  comandava  di  foggiare 
per  lui  e  per  la  regina  anelli  atti  a  sfuggire  ogni  tentativo  di  male- 
fizio^.  Poiché  anche  Violante  di  Bar  partecipava  a  tali  idee,  e  già 
alcun  tempo  prima,  durante  una  grave  malattia,  il  25  maggio  1387, 
s'  era  affrettata  a  procurarsi  un  trattatello  contro  le  fattucchierie,  la 
Cigonina  di  Giacomo  Cigò,  vescovo  di  Lleyda  e  Tortosa*. 

Non  mancavano  al  re  momenti  di  resipiscenza  \  lo  scrupolo  religioso 
faceva  violenza  al  suo  temperamento  ;  si  confessava,  si  comunicava,  si 
pentiva;  ma  presto  ricadeva  nel  solito  errore^.  Sulla  sua  debole 
volontà  prepoteva  la  fantasia;  e  con  che  desiderio  si  rivolgeva  al 
conte  di  Foix,  perchè  gli  mandasse  a  corte  un  frate  minore  che,  a 
lungo  intrattenutosi  presso  il  prete  Gianni,  raccontava  di  quei  paesi 
numerose  meraviglie  ^  !  Al  luogotenente  generale  del  regno  di  Maiorca, 
Berengario  di  Montagut,  ordina  gli  faccia  condurre  un  abitante  dell' 
isola,  che  è  stato  in  Tartaria  «e  en  la  terra  del  gran  Can>,  per  avere 
«informacio  e  colloqui  ab  eli  e  saber  los  fets  e  actes  que  ha  vistes  en 
les  dites  terres:-)  ''. 

Anche  in  ciò,  se  altri  mai,  re  Giovanni  è  il  più  genuino  rappresen- 
tante dell'  età  che  fu  sua.  Tristi  tempi  correvano  per  la  chiesa  pro- 
fondamente minata  dallo  scisma.  Morto  Urbano  VI,  era  succeduto  a 
Roma  Bonifazio  IX  (1389),  mentre  ad  Avignone  dopo  Clemente  VII 
era  stato  eletto  (1394)  Benedetto  XIII.  Rotta  la  disciplina  ecclesiastica, 
papa  e  antipapa,  privi  di  dignità  e  di  forza  e  costretti  a  reggersi 
mediante  concessioni  e  transazioni  miserevoli-,  erano  nomi  vani  che 
servivano  a  coonestare  le  ambizioni  dei  principi,  legittimando  contro 
di   loro   ogni   accusa   di  popolo  o  di  governi.     L'  amarezza  contro  un 


*  A.  RuBió  y  Lluch,  Docunients,  I,  p.  377. 

2  F.  DE  BoFARULL  y  S ANs,  in  Boi.  Soc.  Arq.  Lidi.,  II,  205;  [J.  Coroleu] 
Dociiments  Jiistórichs  catalans  del  sigle  XIV,  Barcelona,   1889;  p.  134. 

^  Sanpere  y  Miguel,  Las  costinnbres  cat.,  p.  220  ;  e,  per  un  processo  di 
fattucchieria  discusso  agli  inizi  del  regno,  p.  129  sgg. 

*  Coroleu,  op.  cit.,  p.  127;  Sanpere  y  Miquel,  Las  costumbres  cat., 
p.  180. 

^  Somni  (1331  sgg.). 

*  A.  RuBió  y  Lluch,  Dociiments,  I,  p.  365. 
■^  A.  RuBió  y  Lluch,  Dociunents,  I,  p.  382. 

Archivum  Romanicum.  —  VoL  3.  —  1919.  '  11 


162  MARIO    CASELLA 

tale  stato  di  cose  prorompeva  qua  e  là  in  aperte  ribellioni^  o,  negli 
spiriti  più  miti,  si  traduceva  in  vaghe  aspirazioni  verso  un  assetto  più 
regolare  e  consono  alle  finalità  di  giustizia  e  di  pace^  che  la  chiesa 
era  e  si  diceva  destinata  dalla  provvidenza  ad  attuare  sulla  terra.  I 
grandi  predicatori,  fedeli  interpreti  del  sentimento  religioso  delle  molti- 
tudini in  mezzo  alle  quali  vivono  e  delle  quali  sentono  con  esatta 
percezione  i  bisogni,  nelle  ore  di  dubbio  angoscioso,  quando  tutte  le 
realtà  presenti  paiono  vacillare  e  crollare,  trovano  conforto  nelle  pro- 
fezie di  castighi  tremendi  e  di  catostrofi  punitive,  alle  quali  seguirà  il 
regno  della  carità  e  dell'  amore  universale.  L'  Apocalisse  di  S.  Gio- 
vanni di  Patmo,  i  libri  pieni  d'  arcani  enigmi  dell'  abate  calabrese 
Giovacchino  da  Fiore  fornivano  foschi  colori  alle  profezie,  in  cui  bale- 
nava, circonfusa  d'  una  luce  lontana  e  crepuscolare,  la  speranza  di 
tempi  migliori  2.  I  segni  di  un  prossimo  rinnovamento  non  manca- 
vano: punita  era  la  crudeltà  dei  tiranni  con  morti  repentine  che  sembra- 
vano confermare  la  giustizia  immancabile  di  Dio  ^;  distrutta  la  genera- 
zione degli  increduli  e  dei  bestemmiatori,  sulla  quale  gravava  il  peso 
della  condanna  meritata  dagli  avi'*;  prossimo  a  conchiudersi  il  sesto 
periodo  di  tribulazioni  fissato  alla  chiesa  militante.  <Sanct  Gerbaut 
monge  negre  en  les  sues  revelacions  ,  in  cui  s'  affaccia  il  sistema 
cronologico  dei  gioachiniti  attraverso  le  posteriori  elaborazioni  mona- 
stiche degli  spirituali  più  ardenti,  aveva  fissato  1'  anno  1400  come 
principio  di  un'  era  nuova  di  carità,  di  fede  e  di  pace:  «aquest  temps 
sera  lo  pus  alt  e  maravellos  que  james  fos  e  mils  regit  e  governata  ^'. 


^  F.  RocQUAiN,  La  coiir  de  Rome  et  l'esprit  de  réforme  avant  Luther, 
Paris,  1897;  III,  p.  73  sgg. 

'^  Deniflp:-Ehrle,  in  Archiv  f.  Literatnr  u.  Kircliengeschichte  des 
Mittelalters,  li,  p.  327;  J.  Rubió,  Un  text  català  de  «La  profecia  de  l'Ase» 
de  Fra  A.  Tur  meda,  in  Estudis  Universitaris  Catal.,  VII,   1913,  p.  11. 

•'  ExiMENis,  Ter(:  del  crestid,  in  Bihl.  Univ.  y  Prov.  di  Barcellona, 
ms.  21.  1.  3;  e.  57''— 'i  .  .  .  «Veges  encara  huy  tots  los  tirants  de  ytalia  qui 
son  besties  fort  cruels  a  quinya  mort  moren  tots  continuament.  Veges  com 
en   aquests   nostres  dies  es  mort  en  Pere  rey  de  Castella  .  .  .»  cfr.  e.  227'"— a. 

*  TerQ  del  crestid,  ms.  cit.,  e.  3ò4v-b  .  .  .  «Aximatex  com  lo  Rey  Nanfos 
de  Castella  gran  astrolech  hagues  Deu  blasfemai  estechli  revelat  que 
ultra  la  .  IIII.  generacio  no  l'egnaria  pus  res  del  seu  en  Castella.  E  axi  es 
stat ..."  • 

^ExiMENis,  Dotsen  del  crestid,  capp.  CCCCXXVIII,  CCCCLXVI, 
CCCCLXIX.  In  qucst'  ultimo  capitolo,  sfuggito  a  E.  Graiiit,  Sobre  la  vida 
y  obras  del  escript  or  geroni  F.  Eximenes,  in  La  Renaxensa,  III,  1873, 
p.  212  e  a  J.  Masso  Torrents,  Les  obres  de  fra  F.  EximeniQ.  Essaig 
d'  una  bibliografia,  in  Annari  de  l'Institut  d' Estudis  Cat.,  Ili,  1909—10, 
p.  593,  troviamo  un'  indicazione  cronologica  che  protrae   di  sei  anni  la  com- 


IL    «SOMNI»    d'   en   bernat  metge  163 

Le  profezie,  offrendo  tormentosi  problemi  allo  spirito,  acuiscono  la 
necessità  del  sogno;  V  immaginazione  proiettando  i  desideri  nel  futuro, 
corre  per  lontane  vie  verso  soluzioni  impensate  ^.  I  libri  di  astrologia 
sono  avidamente  letti  e  studiati,  e  i  loro  oscuri  responsi  interpretati 
con  sfoggio  mirabile  di  commenti,  di  calcoli,  di  ravvicinamenti  storici  ^. 
Lo  scisma  provocava  lo  spirito  critico  contro  la  chiesa  e  tutti  gli 
ardimenti  dell'  incredulità.  Il  valore  della  religione  è  meditato  da 
menti  non  più  prese  tra  le  strettoie  della  trascendenza,  ma  volte  alla 
vita  e  attese  a  quel!'  utile  immediato,  che  le  metteva  in  comunicazione, 
per  tutti  i  paesi,  con  uomini  d'  ogni  fede  e  d'  ogni  religione.  La  crisi, 
in  cui  si  dibatteva  la  società,  investiva  tutte  le  energie  dello  spirito; 
gli  elementi  in  dissidio,  privi  dei  fondamenti  su  cui  poggiavano  sicuri, 
erano  ormai  giunti  a  tale  grado  di  tensione  da  impedire  qualsiasi 
nuova  sistemazione  senza  una  scomposizione  violenta.  Non  mai  come 
in  questo  periodo  si  cerca  di  dare  alla  società  precetti  divini,  infon- 
dendole quello  spirito  di  profonda  osservanza,  che  dileguava.  Tutta 
r  immensa  enciclopedia  dell'  Eximenis  è  un'  appassionata  analisi  delle 
passioni  del  secolo.  Lo  scibile  vi  è  radunato  per  far  argine  al  male  ; 
nel  grande  naufragio  delle  coscienze,  egli  sostiene,  incoraggia,  riprende, 
predice.  È  un  titano  che,  nello  sforzo  di  sollevare  un  peso  che  supera 
la  sua  potenza,  si  raccoglie  su  di  sé,  attinge  dal  suo  essere  che  vibra 
nella  meravigliosa  tensione,  tutte  le  sue  più  riposte  energie  e,  quando 
lo  getta  lontano,  sente  la  pienezza  della  sua  vita  e  la  gioia  dello  sforzo 
compiuto.  Quel  suo  rifarsi  continuamente  ai  primi  principi,  quella  sete 
inesauribile  di  tutto  comprendere  e  misurare,  portandolo  a  divisioni  e 
suddivisioni  scolastiche  all'  infinito,  quella  ricerca  ansiosa,  persistente, 
insaziabile  di  verità  attraverso  gli  elementi  più  svariati,  più  contra- 
dittori,  più  lontani  che  gli  sono  forniti  dalle  scritture  sacre  e  profane, 
dalle  storie  e  dalle  cronache  di  tutte  le  nazioni  europee,  e  non  europee 
soltanto,    dai  romanzi    d'  avventura  e  dalle  composizioni  trovadoriche, 


posizione  della  quarta  parte  del  Dotsen  fissata  sinora  al  1385  «.  .  .  Item  de 
fet  som  prop  del  temps  per  aquests  assignat  a  la  dita  conversio  que  dien 
esdevenidora,  car  no  y  havem  pus  de  huyt  o  de  nou  anys  ara  que  comptam 
M.  ecc.  XCI.» 

^  Cfr.  Pastor,  Storia  dei  papi,  vers.  ital.  di  A.  Mercati,  Roma,  1910;  I, 
p.  140.  Cfr.  Eximenis,  Dotsen  del  crestid,  capp.  CCCCXXVIII,  CCCCLXXI, 
il  primo  dei  quali  riceve  luce  da  una  singolare  lettera  di  re  Giovanni  del 
12  dicembre  1391,  in  A.  RubiÓ  y  Lluch,  Documents,  I,  n.  CCCCXVIII; 
ROCQUAIN,  op.  cit.,  Ili,  73. 

^  Si  veda  in  proposito  ciò  che  dice  T  Eximenis,  Dotsen  del  crestià,  cap. 
CXCII,  dove  tra  1'  altro  consiglia  lo  studio  dell'  astrologia  per  valersene  nei 
casi  di  natura  e  di  fortuna. 

11* 


164  MARIO    CASELLA 

costituiscono  il  carattere  della  sua  opera  moltiforme,  poliedrica,  uni- 
versale. Fu  detto  uno  spirito  medievale  per  la  sua  erudizione  im- 
pacciata e  confusa,  per  la  deficienza  di  spirito  critico,  per  gli  atteggia- 
menti puramente  scolastici  ^  ;  a  me,  cercando  V  uomo  attraverso  i 
manoscritti  le  cui  fitte  pagine  lumeggiano  uno  dei  più  intimi  aspetti 
della  vita  catalana  quattrocentesca,  agitata  e  commossa,  parve  un 
caratteristico  rappresentante  della  sua  epoca.  Poiché  se  nell'  enciclope- 
dismo medievale  lo  scibile  si  raduna,  secondo  la  volontà  dello  scrittore, 
attorno  a  un'  idea  madre  che  costituisce  un  pernio  stabile,  una  cer- 
tezza matematica  a  cui  1'  anima  pienamente  aderisce  senza  i  tentenna- 
menti e  le  esitazioni  del  dubbio,  nell'  Eximenis  il  procedimento  si 
capovolge  e  la  tavola  dei  valori  s'  inverte.  Qualcosa  di  nuovo  è 
sopraggiunto  a  sconvolgere  quella  certezza,  a  smuovere  quel  pernio,  a 
incrinare  quell'  edilizio  solido:  egli  cerca  nel  saperci'  «ubi  consistami 
e,  destreggiandosi  con  procedimenti  scolastici,  si  sforza  di  attingere, 
tra  il  particolare  e  il  contingente,  1'  universale  e  1'  assoluto. 

La  morte  di  Clemente  VII  (16  settembre  1394)  aveva  acceso  la 
speranza  d'  una  sollecita  cessazione  dello  scisma.  Aderendo  ai  desi- 
deri dell'  università  parigina,  che  dal  senno,  dalla  pietà  e  dalla  dottrina 
di  uomini  eminenti  come  Pietro  d'  Ailly,  Nicola  de  Clemengis  e  Gio- 
vanni Charlier  era  stata  tratta  a  propugnare  un'  intesa  tra  papa  e 
antipapa  per  ritornare  la  chiesa  alla  sospirata  unità,  la  corte  di  Francia 
scrisse  ai  cardinali  di  Avignone  di  soprassedere  alla  creazione  d'  un 
nuovo  pontefice.  Ma  per  non  esser  da  meno  dei  cardinali  di  Roma, 
che  alla  morte  di  Urbano  VI  avevano  eletto  (1389)  Bonifazio  IX,  essi 
si  affrettarono  a  scegliere  il  successore  di  Clemente  VU  nella  persona 
dello  spagnolo  Pietro  de  Luna  (settembre  1394j,  che  assunse  il  nome 
di  Benedetto  XIII-.  Le  speranze  concepite  in  lui,  sebbene  confermate 
da  giuramenti,  svanirono  prontamente;  ogni  desiderio  di  conciliazione 
s'  infranse  contro  la  tenacia  de'  suoi  propositi,  1'  ardire  de'  suoi  disegni 
e  la  sfrenatezza  delle  sue  ambizioni.  Non  tardò  a  parlarsi  in  Francia 
d'  una  sottrazione  alla  sua  obbedienza  per  obbligarlo  a  dimettersi. 

Con  un  atto  di  politica  malaccorta,  che  faceva  all'  improvviso  risorgere 
la  questione  dei  diritti  della  chiesa  di  Roma  sulla  Sicilia,  re  Giovanni 
nel  1387  aveva  definitivamente  aderito  allo  scisma  ^  11  fratello  Mar- 
tino I  che  gli  successe  al  trono,  passando  per  Avignone  (31  marzo  — 


'  A.  RuBi(5  y  Lt.uch,  Rciìacimieiito,  p.  64;  J.  Torras  y  Bages,  La 
tradició  catalana,  Barcelona,  1892;  pp.  456—457. 

"  RocyuAiN,  op.  cit ,  III,  p.  55  sgg. 

^  N.  Valois,  La  France  et  le  grand  scJiisme  d'Occidcnt,  Paris,  1S9(); 
n,  p.  207  sgg.    Cfr.  DE  BoFARULL  y  Broca  ,  op.  cit.,   IV,  p.  632  sgg.;   V, 


IL    «SOMNI»    D'  EN    BERNAT    METGE  165 

11  maggio  1397)  prima  di  recarsi  nel  regno,  fu  onorevolmente  accolto 
da  Benedetto  XIII,  col  quale  era  legato  per  stretti  vincoli  di  parentela. 
Da  lui  s'  ebbe  confermata  1'  investitura  della  Corsica  e  della  Sardegna  ; 
ond'  è  che  la  sua,  politica  si  rivelò  in  aperto  contrasto  con  quella  dei 
re  di  Francia,  di  Castiglia  e  d' Inghilterra,  stretti  in  accordo  per  esigere 
dal  papa  di  Roma  e  da  quello  d'  Avignone  1'  assoluta  rinunzia  al 
pontificato  '.  Con  ordinanza  del  27  luglio  1398  Carlo  VI  rescindeva 
per  sé  e  per  i  suoi  sudditi  ogni  legame  d'  obbedienza  verso  Bene- 
detto XIII  che,  assediato  nel  suo  castello  avignonese  dalle  milizie  del 
Boucicaut,  potè  tuttavia  godere,  per  intercessione  di  Martino  I  e  previo 
il  giuramento  di  dimettersi  nel  caso  in  cui  il  suo  competitore  venisse 
a  morire  o  abdicasse,  d'  una  relativa  libertà  in  attesa  di  tempi  migliori 
(10  aprile  1399). 

La  difficoltà  di  riconoscere,  di  là  dai  destreggiamenti  della  politica 
e  degli  interessi  dinastici,  quale  fosse  il  papa  legittimo,  ingenerava 
negli  animi  più  meditativi  perplessità  e  angosce  di  coscienza.  Ciascun 
papa  lanciava  contro  gli  avversari  i  fulmini  della  scomunica.  Il  pro- 
blema dell'  oltretomba  per  quanti  dai  mali  della  chiesa  cercavano  un 
rifugio  nella  pietà  interiore,  sorgeva  imperioso  ;  tanto  più  che  la  cor- 
ruzione del  clero  era  sfacciatamente  fomentata  da  indegne  concessioni, 
cui  papa  e  antipapa  erano  astretti  dal  bisogno  di  avere  numerosi 
aderenti  e  validi  fautori.  Qual  era  il  destino  riserbato  ai  buoni  oltre 
la  vita?  Se  la  colpa  doveva  di  necessità  cadere  sui  re,  che  con  spirito 
discorde  guidavano  nella  difficile  bisogna  le  moltitudini,  che  ne  sarebbe 
stato  di  loro  ?  Che  n'  era  di  re  Giovanni  ?  Le  fantasie  si  sfrenavano 
in  un'  angoscia  senza  posa. 

Al  Metge  inteso  a  scrivere  il  Somni  dopo  la  sua  assoluzione,  pro- 
clamando per  bocca  del  re  la  propria  innocenza,  si  presentavano 
numerosi  e  vari  gli  elementi  storici  che,  fusi  nel  mondo  fantastico, 
avrebbero  dato  alla  sua  opera  una  vitalità  larga  e  piena,  facendone 
quasi  r  eco  diretta  di  un  breve  periodo  della  vita  nazionale,  ansiosa- 
mente agitato  e  sconvolto.  Invece  1'  artista  preferì  adagiarsi  nelle 
forme  consuete  e,  impotente  a  rompere  il  cerchio  della  tradizione, 
accolse  e  radunò  i  detriti  di  opere  a  lui  note,  li  congegnò  nello  schema 
generale  della  visione,  dandoci  qualcosa  di  frammentario,  d'  incomposto 
e  d'  inorganico. 

Chiuso  nella  sua  prigione,  un  venerdì  verso  mezzanotte,  il  Metge  è 


p.  55  sgg.    Per  1'  adesione  di  Giovanni  I  a  Benedetto  XIII,  Zurita,  Anales. 
II,  413  a. 

^  RocQUAiN,  op.  cit.j  III,  pp.  58—59,  61—64. 


166  MARIO    CASELLA 

preso  da  un  improvviso  sonno  <no  pas  en  la  forma  acostumada,  mas 
en  aquella  que  malalts  e  fameyants  solen  dormir-.  Gli  appare  allora 
dinanzi  «un  hom  de  mige  •  statura,  ab  reverent  cara,  vestit  de  velut 
pelos  carmesi,  sembrat  de  corones  dobles  de  aur,  ab  un  berret  vermej^ll 
en  lo  cap.  E  acompanyaven  lo  dos  homens  de  gran  statura;  la  hu 
dels  quals  era  jova  fort  beli,  e  tenia  una  rota  entre  les  mans.  E  lo 
altre  ere  molt  veli,  ab  longa  barba  e  sens  uylls,  lo  qual  tenia  un  gran 
basto  eri  la  ma.  E  entorn  de  tots  los  dessus  dits,  havia  molts  falchons, 
astors  e  cans  de  diverse  natura,  qui  cridaven  e  udolaven  fort  lege- 
ment.»  È,  il  Metge  subito  se  ne  accorge,  il  defunto  re  Giovanni;  gli 
altri  due  personaggi,  come  potrà  apprendere  più  tardi,  sono  Orfeo  e 
Tiresia.  Un  animato  dialogo  s'  intreccia  tra  il  re  e  il  vecchio  corti- 
giano, cui  balena  il  sospetto  di  un  losco  intrigo  di  corte  che  abbia 
finta  la  morte  del  re,  per  collocare  qualcun  altro  sul  trono:  egli  non 
può  esser  morto,  perchè  i  morti  non  parlano.  «Ver  es  —  ribatte  il 
re  —  quels  morts  no  parlen,  ma  1'  esperit  no  mor.» 

Il  discorso  s'  avvia  così  verso  la  discussione  sull'  immortalità  dell' 
anima,  che  occupa  tutto  il  primo  libro.  AH'  uomo  tenace  nelle  sue 
convinzioni  epicuree,  manifestate  con  balda  iattanza  nelle  lunghe  con- 
versazioni avute  col  re  <su  in  la  vita  serena»  o  velate  da  un  assenti- 
mento alle  ragioni  contrarie,  che  non  scaturiva  da  un'  intima  con- 
vinzione ma  da  cortigianeria,  il  problema  attraverso  un  esame,  anzi 
un'  esposizione  delle  opinioni  che  intorno  ad  esso  ebbero  poeti  e  filo- 
sofi, moralisti  e  teologi,  cristiani  e  pagani,  giudei  e  saraceni,  s'  adagia 
in  un  dogmatismo  morale  che  risolve  il  problema  della  morte  negandolo  ; 
e  il  cuore,  che  con  incertezza  batteva  alle  porte  dell'  infinito,  pronta- 
mente s'  acquieta  nella  fede  che  vince  ogni  errore.  Il  problema  è 
annullato  prima  di  esser  posto;  il  dialogo  scolasticamente  si  svolge 
procedendo  per  autorità,  secco  e  reciso,  senza  1'  ansia  dell'  indagine 
che  si  ravvivi  nei  grovigli  delle  disquisizioni  o  s'  appaghi  nella 
letizia  della  sua  conclusione.  I  due  interlocutori  dissertano  dall' 
arida  rocca  dell'  intelletto  e  i  loro  spiriti  si  placano  nella  certezza 
raggiunta. 

Il  secondo  libro,  più  breve  di  tutti,  serve  di  trapasso  ai  due  seguenti  ; 
ma  vi  si  sente  incastrato;  1'  agganciamento  tra  le  varie  parti  è  voluto 
e  artificiale.  L'  intento  polemico  dell'  opera,  che  usciva  alla  luce 
dopo  un  processo  dal  quale  gì'  imputati  erano  stati  assolti  per  non 
provata  reità,  pur  restando  gravi  i  fatti  a  loro  ingiustamente  addebitati, 
fa  improvvisamente  capolino,  sebbene  in  modo  non  troppo  aperto.  Le 
confessioni  di  re  Giovanni,  come  abbiamo  osservato,  suonano  a  con- 
danna del  suo  operato  e  a  lode  de'  suoi  consiglieri.    Le  colpe  commesse 


IL     «SOJMNI»     D'   EN    BERNAT    ME'IdE  167 

non  sono  però  tali  da  vietargli  per  sempre  la  beatitudine  celeste;  ora 
è  in  via  di  salvazione  e  la  sua  pena  sta  nell'  aggirarsi  sulla  terra, 
accompagnato  da  Orfeo  e  Tiresia.  «Per  tal  —  dice  il  re  —  coni  yo 
me  adelitave  molt  en  cassar,  nostre  Senyor  Deu  ha  ordonat  que  aquests 
falchons,  estors  e  cans  quem  veus  anar  entorn,  criden  e  udolen  agra- 
ment  de  hora  en  hora  devant  mi.  E  per  tal  coni  yo  trobava  gran 
plaer  en  xandres  e  ministres,  aquest  hom  —  Orfeo  —  qui  te  la  rota 
entre  les  mans,  ab  molta  discordansa  me  fa  denant  sons  desplaents  e 
lunyants  de  bon  temps  e  masura,  e  finalment  de  tota  melodia.  Per 
lo  encercar  com  poguera  saber  algunes  cosas  esdevenidores  ha  mes 
en  ma  companya  aquest  hom  veyll  —  Tiresia  —  qui  incessant  ment 
me  reduex  a  memoria  tots  quants  desplasers  ya  may  hagui,  fahent  me 
retrets  de  la  venitat  que  yo  seguia»  ^ 

E  sin  a  quando  durerà  la  penitenza  ?  Senza  dubbio  finché  lo  scisma 
non  sia  cessato;  che  le  porte  del  paradiso  rimangono  chiuse  per  tutti. 
Lo  stesso  re  Pietro  IV,  che  astutamente  s'  era  mantenuto  immune 
d'  ogni  decisione  pericolosa,  ne  è  escluso  per  ora. 

Per  intercessione  di  Maria  Vergine,  che  re  Giovanni  singolarmente 
venerò  in  vita  icreent  fermament  que  la  sua  concepcio  ere  stade  in- 
maculada  e  neta  de  tota  tacca  de  peccat  originai»  2,  egli  potè  liberarsi 
dal  «princep  dels  mais  spirits»  corso,  «acompanyat  de  terrible  com- 
panya», a  disputare  la  sua  anima  al  Dio  del  perdono  e  della  miseri- 
còrdia. Per  dissertare  sullo  scisma  e  appoggiare  le  deliberazioni  di 
re  Martino,  rimasto  solitario  tra  i  principi  cristiani  a  favorire  Bene- 
detto XIII,  mentre  la  sua  causa  pareva  naufragare  tragicamente,  qual 
modo  più  adatto  avrebbe  trovato  il  Metge  che  far  approvare  la  politica 
religiosa  di  re  Giovanni  da  Maria  Vergine  ?  Quando  scriveva  la  sua 
opera,  le  milizie  del  Boucicaut  assediavano  Avignone  e  uno  scarso 
gruppo  di  aragonesi  difendeva  il  tenace  antipapa  ;  incertezza,  esitazione 
e  timori  occupavano  1'  anima  popolare. 


1  Somni  (1339-1352). 

-  Cfr.  A.  Gazulla,  Los  reyes  de  Ai^agón  y  la  Pttrisiina  Concepción 
de  Maria  Santishna,  in  Boletin  de  la  R.  Acad.  de  Bueiias  Letras  de 
Barcelona,  III,  p.  49  sgg.  R.  Arqués  y  Arrufat,  Lo  dogma  de  la  In- 
maculada  en  la  literat.  cai.  antigua,  Lleyda,  1904,  p.  12  sgg.  Si  veda 
pure  A.  Balaguer,  De  la  casa  del  Sr.  Rey  apellada  de  Madona  Sta. 
Maria,  in  Calendari  calala  del  any  1873,  p.  67  sgg.  e  Calend.  cat.  del 
any  1874,  p.  49  sgg.  E.  Vacandard,  Étitdes  de  critique  et  d'histoire 
religieuse,  \l\^  Sèrie,  Paris,  1912;  p.  292  sgg.  Per  i  precedenti  letterari 
cfr.  i  capp.  XLVII,  XLVIII  della  Disputa  del  Bisbe  de  Jaen  contra  los 
Jiieiis  sobre  la  fé  catìiólica,  in  Obras  de  S.  Fedro  Pascual,  Roma,  1907; 
II,  p.  215  sgg. 


168  MARIO    CASELLA 

«La  eleccio  de  Urba  —  sentenzia  il  Metge  per  bocca  del  defunto 
re  —  o  fo  bona,  o  mala.  Si  bona,  eli  fo  vertader  papa,  et  per  con- 
seguent  sos  successors.  Si  mala,  e  per  impressio,  ladonchs  vaga  lo 
papat  ...  ;  als  cardinals  qui  la  dita  eleccio  hauian  feta  pertanyia  de 
dret,  e  fo  licit  e  expedient,  elegir  altre  vegade  de  nou,  axi  com  faeren 
de  fet,  go  es  Clement;  car  tota  eleccio  feta  per  impressio  es  nulla 
per  disposicio  de  dret.  Donchs,  pus  axi  es,  a  mi  era  necessari  que  la 
un  cresegues  :  si  la  hun  havia  a  creura,  e  yo  no  ere  ben  cert  lo  qual, 
era  a  mi  legut  creure  aquell  que  la  mia  consciencia  me  dictas  esser 
vertader.  Com,  donchs,  a  mi  aparagues  Clement  e  sos  succehidors 
esser  legitims  vicaris,  sens  culpa  son  e  digna  de  menor  reprencio  que 
si  no  obtemperas  a  hun  ne  a  altre,  o  no  volgues  obe3^r  al  verteder 
loctinent  de  Jhesucrist,  lo  qual  era  un  dells  dessus  dits>  ^.  La  logica 
aridamente  frenava  le  ansie  del  sentimento.  Con  il  rapido  trasvolare 
dall'  uno  all'  altro  argomento  proprio  di.  un  sogno  vero,  può  svolgersi 
la  seconda  parte  dell'  opera  ;  che  tale  propriamente  ci  sembra  la  tratta- 
zione speciale  contenuta  nei  due  ultimi  libri.  Orfeo  che  in  vita  amò 
Euridice  e  per  lei,  scortato  dalla  sua  cetra,  discese  all'  inferno,  può 
descrivere  il  gran  baratro  che  insacca  tutto  il  male  dell'  universo.  Di 
qui,  dissertando  sulle  principali  cause  che  dannano  1'  umanità,  1'  indo- 
vino Tiresia,  che  ne  sa  qualcosa  per  aver  disputato  intorno  al  valore 
della  donna  e  dell'  uomo  in  una  contesa  tra  Giunone  e  Giove,  prende 
le  mosse  per  inveire,  con  una  serie  aspra  e  violenta  di  contumelie, 
contro  la  donna.  Il  Metge  è  costretto  a  ribattere,  e  la  sua  argomenta- 
zione, che  fa  parte  dell'  ultimo  libro,  procede  positivamente  e  negativa- 
mente :  a  contraltare  delle  affermazioni  maligne  contro  la  donna  oppone 
un  elenco  numeroso  di  donne  illustri  da  Eva  alle  ultime  regine  d'  Ara- 
gona -,  quindi  confuta  ad  una  ad  una  le  ragioni  di  Tiresia,  concludendo 
che  se  le  donne  sono  malvage,  peggio  certamente  gli  uomini.  Tiresia 
ammira  1'  ardore  del  Metge  e  la  sua  acutezza  di  giudizio  e,  mostran- 
dosi pur  insoddisfatto,  lo  consiglia  a  volgere  il  suo  amroe  «de  qui  avant, 
en  servey  de  Deu,  e  continuat  studi  >.  La  fine  precipita  e  la  visione 
si  dissolve:  ;los  falchons,  stors  e  cans  comensaren  a  cridar  e  hudular 
fort  agrament.  E  yo  despertem  fort  trist  e  desconsolat  e  destituit  tro 
al  mati  seguent  de  la  virtut  dels  propriis  membres,  axi  com  si  lo  meu 
spirit  los  hagues  desemparats»  ^. 

Fu   detto   che   il  Somni  proceda,    in   quanto   alla  sua   architettura 


^  Somni  (1339—1352).    Cfr.  ciò  che  riporta  lo  Zurita,  Anales,  II,  393'"; 
BOADES,  op.  cit.,  p.  416. 
2  Somni  (3798-3802). 


IL     «SOMNI»     D'    EN    BERNAT    METGE  169 

generale,  dal  Somnium  Scipionis  ^  che  il  Metge  conosce  ;  un  esemplare 
gli  fu  prestato  dal  re  Giovanni  mentre  si  trovava  in  Maiorca  ^.  Ma 
di  sogni  e  di  visioni  è  piena  tutta  la  letteratura  medievale,  sì  che 
difficilmente  si  può  con  sicurezza  affermare  la  dipendenza  genetica 
dall'  uno  o  dall'  altro  modello.  Tuttavia  nel  caso  nostro  si  badi  che 
si  tratta  di  un  prigioniero  visitato  in  carcere  dall'  ombra  benevola  del 
re,  inviata  per  volontà  divina  a  distoglierlo  dalla  fede  alla  sentenza 
di  Epicuro  ^  ;  si  noti  che  la  fiera  diatriba  contro  le  donne  è  sostenuta 
da  Tiresia,  ombra  saggia  custode  di  un'  ombra  in  penitenza,  per  tron- 
care i  lacci  d'  amore  che  avvincono  il  Metge  a  una  donna  che  non  è 
sua  sposa*;  si  tenga  infine  presente  che  la  risposta  di  Tiresia  alle 
obbiezioni  mossegli  è  un  nuovo  incitamento  a  fuggir  il  male,  a  dedi- 
carsi a  Dio  e  agli  studi  •^;  e  si  comprenderà  che  se  da  una  parte 
possiamo  accostarci  al  De  consolatone  philosophiae  di  Boezio,  dall' 
altra,  e  con  maggior  ragione,  al  Corbaca'o  boccaccesco.  E  noto  in- 
fatti che  neir  aspro  libello  contro  la  vedova  che  di  sé  volle  mostrarsi 
troppo  avara,  1'  imitazione  dantesca  è  evidente*^:  lo  smarrimento  nella 
valle  tenebrosa,  ossia  ne'  perigliosi  avvolgimenti  del  laberinto  d'  amore, 
il  messo  per  volontà  celeste  che  addita  1'  errore  e  guarisce  dal  male, 
toccando  senza  pietà  le  piaghe  dolorose  e  incitando  a  una  vita  di 
moralità  e  di  studio-,  sia  pure  che  nello  studio  trionfino  gli  spiriti  di 
vendetta  e  la  passione  rintuzzata  abbia  finalmente  uno  sfogo.  Lo 
schema  generale  su  per  giii  si  ritrova  nell'  opera  del  Metge,  con  un 
frazionamento  però  delle  funzioni  del  messaggero  celeste  e  un  procedi- 
mento più  meccanico,  più  laborioso  e  meno  saldamente  congegnato. 
Altri  elementi  di  maggior  importanza  verranno  a  corroborare  questo 
giudizio. 


Parve  a  un  accurato  e  valente  studioso  della  letteratura  catalana, 
che  la  simpatia  con  cui  Dante,  Petrarca  e  Boccaccio  furono  pronta- 
mente accolti  a  Valenza  e  in  Catalogna  sia  dovuta  al  fatto  eh'  essi 
hanno  risentito  1'  influsso  della  Provenza  e  sono,  in  certo  qual  modo, 


^  Menéndez  y  Pelavo,  Ensayos  de  critica  filosofica,  Madrid,  1892; 
p.  88. 

2  Somni  (662-665). 

^  Somni  (1575  sgg.). 

*  Somni  (2264  sgg.). 

°  Somni  {^ISl  sgg.). 

^  Cfr.  A.  Levi,  //  Corbaccio  e  la  Divina  Commedia,  Torino,  1887;  cfr. 
A.  DoBELLi,  in  Giorn.  Dani.,  V,  267. 


170  MARIO    CASELLA 

i  continuatori  della  tradizione  trovadorica.  «Ils  répondent  aussi  aux 
préoccupations  morales  des  écrivains  de  ces  pays  et  leur  apparaissent 
tout  d'abord ,  non  pas  tant  comme  des  poètes  ou  des  lettrés ,  que 
comme  des  philosophes  et  des  moralistes  qu'ils  admirent  pour  l'élé- 
vation  de  leurs  pensées»  \  La  spiegazione  è  tutt'  altro  che  soddis- 
facente: troppo  vaga  nella  prima  parte,  fluttuando  in  un  indefinito  che, 
se  racchiude  un  nocciolo  di  verità,  ha  tuttavia  bisogno  di  un'  inter- 
pretazione limitativa  che  tenga  calcolo  del  come  un  mondo  eterogeneo, 
frammentario  e  composito  come  quello  dei  trovadori,  potè  risolversi 
nei  nostri  grandi  trecentisti  in  una  concezione  della  vita  assolutamente 
distinta  e  materiata  di  sincerità  e  di  realtà^;  troppo  assoluta  nella 
seconda  parte,  facendo  astrazione  da  tendenze  spirituali  che  nuove  e 
fattive  s'  erano  manifestate  nella  società  catalana  dell'  ultimo  quattro- 
cento, sorreggendola  e  guidandola  sulla  via  di  una  profonda  trasforma- 
zione e  di  un  intimo  rinnovamento. 

Nessuna  necessità  per  quanto  tocca  l'  Italia  che  1'  introduzione  delle 
nostre  opere  trovasse  spianata  la  strada  dalla  consuetudine  con  modelli 
provenzali.  Le  relazioni  monastiche,  commerciali  e  politiche,  che  varie 
e  molteplici  collegarono  dall'  ultimo  medioevo  al  rinascimento  la  Cata- 
logna air  Italia,  lumeggiano  i  contatti  intellettuali  che  tra  le  due  nazioni 
si  determinarono  per  tempo,  prendendo  come  centro  iniziale  di  propaga- 
zione e  d'  irradiamento  il  monastero  di  Ripoll.  La  sua  importanza 
nello  svolgimento  della  cultura  catalana  fu  saggiamente  illustrata  dal 
Beer  attraverso  1'  esame,  pur  se  di  necessità  rapido  e  schematico,  dei 
numerosi  manoscritti  che,  di  là  provenienti,  s'  accolgono  in  Barcellona 
nel  ricco  Arxiu  de  la  Corona  d'  Aragó^.  La  tradizione  dell'  antica 
cultura  visigotica  rivolta,  sotto  gli  influssi  del  così  detto  rinascimento 
carolingio,  a  una  più  esatta  comprensione  della  romanità*,  vi  si  avviva 
durante  i  secoli  XI  e  XII  al  contatto  con  la  cultura  italiana  e,  diffon- 
dendosi per  tutta  la  vecchia  marca  spagnola,  asseconda  il  risorgente 
mov'imento  politico  ed  economico,  che  si  manifesta  nella  costituzione 
e  nel  rafforzamento  della  confederazione  catalano-aragonese  e  nell'  in- 
cremento meraviglioso  dei  commerci  per  il  Mediterraneo. 

Non  è  senza   significato   il  fatto   che  in  quell'  estremo  angolo  della 


'  Pagks,  op.  cit.,  p.  185. 

'■  Cfr.  Btdl.  della  Società  Dantesca  Ital,  N.  S.,  XX,  rp.  199—214. 

^  K.  Beer,  Die  Handschriften  des  Klosters  Santa  Maria  de  Ripoll, 
in  Sitsimgsb.  der  K.  Akad.  der  Wissensch.  in  Wien,  Philos.-Histor.  Klasse, 
L55  Band,  3  Abhandlunj?;  Wien,  1907;  I,  pp.  1  —  112;  158  Band,  2  Ab- 
handlung,  Wien,  1908;  II,  pp.  1-112. 

*  Mila  y  Fontanals,  De  los  trobadores  en  Espana,  in  Obras,  II,  p.  55  sg. 


IL    «SOMNIJ»    D'   EN    BERNAT    METGK  171 

penisola  iberica  abbia  qualche  anno  dimorato,  prima  della  sua  assun- 
zione all'  alto  seggio  di  S.  Pietro,  quel  Silvestro  IP  che  inizia  la 
serie  dei  grandi  papi  in  cui,  fra  i  torbidi  di  un'  età  grave  di  avveni- 
menti, ricca  di  antinomie  e  pervasa  da  fieri  sussulti,  par  rivivere  lo 
spirito  imperiale  di  Roma  con  tutta  la  potenza  del  diritto  senza  la 
spada,  e  con  1'  ardore  della  fede.  A  cominciare  appunto  da  colui 
la  cui  attività  scientifica  e  didattica  là  in  parte  si  svolse  e  ne  trasse 
impulso,  è  naturale  che  i  vari  pontefici  si  curassero  delle  sorti  dei 
monasteri  catalani,  cercando  di  rafforzarne,  come  meglio  sapevano  e 
potevano,  1'  autorità  e  1'  indipendenza;  tanto  più  eh'  essi  rappresenta- 
vano le  colonne  migliari  di  quella  via,  che  Roma  doveva  battere 
per  difendere  la  cristianità  continuamente  minacciata  e  riconquistare 
alla  croce  quella  parte  d'  Europa  anche  soggetta  al  dominio  musul- 
mano 2. 

La  venuta  in  Italia  di  alcuni  abati  di  Ripoll,  mentre  rinsaldava  i 
vincoli  di  relazioni  prettamente  gerarchici  con  la  curia  romana,  serviva 
all'  importazione  di  opere  e  a  un  ampliamento  degli  orizzonti  culturali 
del,  tempo.  L'arricchimento  delle  collezioni  manoscritte  del  monastero 
si  collega  con  1'  andata  a  Roma  dell'  abate  Arnolfo^  nel  951;  e  il 
reggimento  di  Oliva  (1002 — 1046),  splendido  di  attività  scientifica  e 
religiosa,  segue  immediatamente  al  ritorno  dall'  Italia  del  padre  suo, 
conte  di  Cerdanya  e  Besalù  *.  Se  la  dimora  di  Pietro  Orseolo  nel 
convento  di  Cuxà,  verso  la  fine  del  secolo  X,  sia  stata  letterariamente 
proficua,  non  sappiamo.  Lungi  da  Venezia,  dove  le  fazioni  riprende- 
vano con  impeto  la  loro  ostinata  lotta  per  il  dominio  della  repubblica 
a  mala   pena   riconsolidata   dopo    le  invasioni  ungare,    il  vecchio  doge 


^  Ll.  Nicolau  d'Olvver,  Gerbert  (Silvestre  II)  y  la  cultura  catalana 
del  siglo  X,  in  Estiidis  Univ.  Catal.  IV,  1910,  p.  332  sgg.;  Beer,  op.  cit., 
I,  p.  45  sgg. 

^  Si  osservino  le  bolle  papali  che,  a  favore  del  monastero  di  S.  Cugat  del 
Vallès,  si  susseguono  rapidamente  per  tutto"  il  secolo  X,  in  J.  Mas,  Taula  del 
cartulari  de  S.  Cugat  del  Vallès  (Notes  histór.  del  Bisbat  de  Barcelona, 
IV),  Barcelona,  1909;  I,  pp.  197,  215,  228;  II  {Notes  histór.,  V),  pp.  116, 
156;  III  (Notes  histór.,  VI),  p.  204. 

^  Beer,  op.  cit.,  I,  p.  43;  Mabillon,  Anìiales  Ordinis  S.  Benedicti,  III, 
514;  Villanueva,   Viage  liter.,  VIII,  p.  38;  cfr.  VI,  p.  36  n.  57. 

\  Beer,  op.  cit.,  I,  p.  69;  J.  Fijoan,  Els  educadors  de  la  gent  catalana. 
Oliva  (971  —  1046),  in  Empori.  Revista  catdìl.  rnensual,  Barcelona,  1907; 
pp.  114  sgg.  e  in  La  Veu  de  Catahinya ,  Barcelona,  25  febbraio  1904; 
Pellicer  y  Pagès,  Santa  Alarla  del  Monasterio  'de  Ripoll.,  p.  61  sgg.; 
Villanueva,  Viage  liter.,  VI,  p.  181  ;  Vili,  p.  8;  Espana  Sagrada  XXVIII, 
121-140. 


172  MARIO    CASELLA 

cercò  la  pace  dell'  animo  e  1'  oblio  della  sua  vita  tumultuosa  più  che 
ne'  libri,  nella  fervorosa  e  solitaria  preghiera  ^ 

La  riforma  del  clero,  iniziata  nel  XI  secolo,  trova  nel  culto  delle 
arti  liberali  lo  scudo  contro  la  potenza  e  la  prepotenza  imperiale;  e 
r  Italia,  all'  impulso  venuto  dalle  deliberazioni  del  concilio  romano 
del  1078,  risponde  inviando  a  diffonder  luce  nell' Europa  settentrionale, 
Lanfranco  da  Pavia,  S.  Anselmo  d'  Aosta  e  Pietro  Lombardo.  A 
questo  felice  rinnovamento  della  scolastica  che,  sul  fondamento  delle 
opere  aristoteliche  conosciute  direttamente  o  attraverso  a  rimaneggia- 
menti e  traduzioni  arabe,  potè  acquietarsi  in  un  compatto  sistema  con 
Alberto  Magno  e  S.  Tommaso  d'  Aquino,  risponde  nelle  raccolte  di 
Ripoll  un  movimento  largo  e  crescente  verso  le  cose  italiane;  movi- 
mento che  si  estende  alla  parte  occidentale  della  penisola  iberica,  tro- 
vando in  Raimondo  di  Penyafort  un  ardente  e  valido  sostenitore. 
Pietro  Lombardo,  Bernardo  da  Montecassino,  S.  Tommaso  costituiscono 
la  nuova  schiera  d'  autori  che  cacciano  di  seggio  le  vecchie  raccolte 
dei  sermoni  da  pulpito,  delle  omilie,  delle  parafrasi  dei  padri  della 
chiesa;  con  loro  s'  aggiungono  Giovanni  di  vSacrobosco  e  S.  Bona- 
ventura, che  determinano  quella  corrente  mistica  che  culmina  nell' 
opera  enciclopedica  del  Llull  e  che  più  o  meno  viva,  ma  persistente, 
si  mantiene  per  tutto  il  medioevo^.  Non  è  infatti  meraviglia  il  rile- 
vare come  il  culto  della  Vergine  avesse  in  Catalogna  più  che  altrove 
salde  radici  ;  così  che,  come  già  vedemmo,  la  venerazione  verso  1'  Imma- 
colata era  un  fatto  sanzionato  dall'  autoritcà  regia,  quando  ancora  le 
controversie  teologiche  non  erano  in  proposito  totalmente  definite. 

Ancora  nel  monastero  di  Ripoll  possiamo  assistere  alla  divulgazione 
degli  scritti  della  scuola  salernitana.  Tra  la  letteratura  sacra  il  Magister 
Salernus,  Bartolomeo  e  Cofo  da  Salerno  segnano  1'  entrata  che  pro- 
cederà trionfale,  di  autori  che  favoriscono  in  Catalogna  lo  svolgimento 
di  una  cultura  scientifica  moltiforme  e  svariata,  da  cui  non  si  disso- 
ciano le  idee  alchimiste^.  Uno  dei  più  antichi  e  notevoli  testi  con- 
servatici nei  manoscritti  ripollensi,  il  Liber  fortnularum  di  Ranieri 
da  Perugia  *,    mentre  ci  fornisce  una  sicura  testimonianza  delle  inten- 


*  Mabillon,  op.  cit.,  sec.  V;  878  sgg:.  Marca  Hispanica ,  col.  416; 
Gams,  Historia  de  la  Iglesia  de  Espana,  II,  2,  43ó;  V^illanueva^  Viage 
liter.,  VI,  p.  187. 

^  Beer,  op.  cit.,  II,  p.  76. 
'  Beer,  op.  cit.,  II,  p.  75. 

*  Bekr,  op.  cit.,  II,  p.  77.  Z.  Garci'a  Villada,  Formularios  de  las 
Bibliotecas  y  Archii'os  de  Barcelona  (siglos  X— XV),  in  Anuari  de  V  In- 
stitut  d'  Estudis  Catalans,  1911—1912;  IV,  p.  551. 


IL    «SOMNT»     D'   RN    BERNAT    METGE  173 

zioni  del  monastero  di  voler  con  la  forma  avvalorare  la  sostanza  dei 
documenti,  ci  porge  1'  occasione  di  rilevare  uno  dei  lati  non  meno 
interessanti  che  caratteristici  delk"  relazioni  con  1'  Italia. 

Il  risorgimento  degli  studi  giuridici  per  opera  di  Irnerio  nella  scuola 
di  Bologna  s'  accompagna  con  la  lenta  e  progressiva  irradiazione,  per 
tutte  le  nazioni  d'  Europa,  delle  norme  del  codice  giustinianeo  che 
scalzando  i  sistemi  legislativi  locali,  monchi  e  difettosi  per  le  nuove 
esigenze  pratiche  di  una  società  in  continuo  divenire,  portano  una 
concezione  giuridica  fatta  d-i  esperienze  millenarie,  atta  a  disciplinare 
le  condizioni  della  vita  cittadina  economicamente  e  socialmente  modi- 
ficate col  progredire  dei  commerci  e  delle  industrie.  Se  il  dominio 
effettivo  esercitato  da  Raimondo  Berengario  III  e  dal  successore  di 
là  dai  Pirenei  nell'  ultimo  scorcio  del  secolo  XII  e  nella  prima  metà 
del  seguente,  pose  la  Catalogna  in  diretto  contatto  con  paesi  dove  la 
tradizione  del  diritto  romano  non  aveva  mai  avuto  interruzioni^,  le 
relazioni  politiche  e  commerciali  con  le  repubbliche  italiane,  singolar- 
mente con  Pisa  e  con  Genova,  favorivano,  nei  bisogni  pratici  e  nelle 
composizioni  giuridiche  che  le  fissavano  e  le  regolavano,  1'  accolta  di 
norme  che  nel  codice  giustinianeo  trovavano  la  sanzione,  e  acuivano 
la  necessità  d'  uno  studio  diretto  delle  fonti  da  cui  esse  emanavano. 
Non  sappiamo  se  studiosi  catalani  frequentassero  la  scuola  di  diritto 
che  Pisa  possedeva  verso  la  fine  del  secolo  XII  ^^  certo  a  Bologna, 
dov'  era  professore  nel  1213  un  Pons  di  Lleyda,  commentatore  dell' 
Arbor  actiomtm  ài  Giovanni  Bassiano^,  essi,  a  mezzo  il  secolo  XIII, 
costituivano  una  delle  diciotto  nazioni  di  scolari  transalpini  *.  La  fonda- 
zione di  università  nazionali,  sia  quella  di  Lleyda  (1300)  il  cui  sistema 
di  studi  è  foggiato  su  quello  di  Bologna^,  sia  quella  di  Perpignano 
sorta  per  volontà   di  Pietro  IV,    non  impedisce  il  concorso  di  giovani 


^  ScHUPFER,  Manuale  di  storia  del  diritto  ital.;  Le  fonti ,  Città  di 
Castello,  1892;  p.  93  sgg.  Meynial,  De  l'application  dti  droit  romain 
dans  la  region  de  Montpellier  au  XII^  et  Xllh'  siècles,  in  Atti  del 
congresso  internazionale  di  scienze  storiche,  Roma,  1904;  IX; 
pp.  147-169. 

2  Denifle,  Die  Entstehiing  der  Universitdten  des  Mittelalters  bis  1400, 
Berlin,  1885;  I,  p.  317  sg. 

^  Savigny,  Storia  del  diritto  romano  nel  medioevo,  Torino,  1854;  II, 
p.  315;  per  Ramon  LluU,  II,  p.  552. 

*  Savigny,  op.  cit.,  I,  p.  561  ;  Schulte,  Gesch.  der  Qiiellen  n.  der  Litera- 
tiir  des  rom.  RecJites,  II,  p.  539  ;  G.  M.  de  Eroga,  Estiidi  y  ensenyanga 
del  dret  a  Catalunya  avans  del  sigle  XVIII,  m  Estudis  Universitaris 
Catalans,  III,  1909;  p.  33  sgg.;  Bekk,  op.  cit.,  II,  p.  81. 

^  Denifle,  op.  cit.,  I,  p.  409  sgg. 


174  MARIO    CASELLA 

alle  università  italiane  '  ;  le  quali  accoglievano  pure  professori  catalani, 
come  quel  Francesco  de  Menla,  che  fu  rettore  dei  giuristi  a  Padova 
verso  la  fine  del  secolo  XIV  ^. 

Ma  1'  importazione  del  diritto  romano  non  tanto  fu  favorita  dalla 
frequenza  nelle  nostre  università  di  studiosi  che,  intervenendo  in 
patria  ai  lavori  legislativi  in  qualità  di  notai  e  di  avvocati,  commenta- 
vano le  leggi  nazionali  secondo  le  nuove  teorie^,  quanto  dalla  diffu- 
sione dei  formulari  notarili  italiani.  I  quali  per  la  via  spianata  dall' 
azione  e  dalla  pratica  dei  tribunali  ecclesiastici,  in  cui  vigeva  il  diritto 
canonico  imbevuto  di  diritto  romano,  riescono  a  sostituire  a  mano  a 
mano  i  formulari  di  carattere  diplomatico  sullo  stampo  dei  modelli 
francesi  dei  secoli  IX  e  X^.  Ranieri  da  Perugia,  Alberico  da  Monte- 
cassino^  Rolando  de'  Passeggeri  sono  noti  per  tempo  in  Catalogna^; 
né  senza  efficacia  dovè  essere  la  raccolta  delle  epistole  di  Pier  della 
Vigna,  di  cui  la  Spagna  si  mostra  tuttora  gelosa  custode  in  numerose 
biblioteche^.    All'  autorità  dei  dittatori  e  alle  consuetudini  della  scuola 


^  Al  podestà,  agli  anziani  e  ai  rettori  di  Bologna  il  re  Martino,  con  lettera 
da  Valenza,  9  agosto  1406,  raccomanda  il  figlio  del  suo  consigliere,  Joan  de 
Cruylles  inviato  «ad  idem  studium  ipsum  tanquam  ad  fontem  Castaliam  ac 
Heliconum  montem».    Cfr.  Rubiu  y  Lluch,  Docwnents,  I,  p.  438. 

^  Savigny,  op.  cit.,  I,  p.  602.  Intorno  a  Guglielmo  di  Tavertet,  vescovo 
di  Vich,  e  alle  opere  giuridiche  da  lui  possedute,  cfr.  Villanueva,  Viage 
Ht.jWW,  p.  24;  Dknifle,  op.  cit.,  I,  p.  343;  B;:i;r,  Handschriftetischàtze 
Spaniens,  Wien,  1894;  p.  548.  Circa  la  traduzione  latina  del  «Lo  Codi» 
per  opera  di  Riccardo  da  Pisa,  cfr.  Pitting  e  Slxhier,  Lo  Codi  '^Sianm.a 
Codicis»  in  provens.  Sprache  aus  der  Mitte  des  XII.  Jahrìu,  Halle,  1906; 
1,  p.  38  sg.;  SucHiER,  Maniiscrits  perdus  de  la  Somme  provengale  die 
Code  de  Justinien,  Toulouse,  1894;  p.  5  sg.  G.  M.  de  Broca,  Un  antigiio 
libro  provensal  «Lo  Codi».  Su  importancia  en  Cataliina,  in  Boletin  de 
la  R.  Acad.  de Buenas  Letras  de  Barcelona,  V,  1909—1910;  pp.  124—127. 

^  A  documentare  i  dissidi  che  a  quando  a  quando  sorgevano  tra  il  diritto 
consuetudinario  e  il  nuovo,  s'  avverta  il  piato  narrato  n&Wa.  Chronica  del 
rey  Jacme  I,  ed.  Aguiló,  p.  64:  «E  dix  en  G.  de  Cardona:  Oiats  en  G. 
cuydats  que  per  vostra  pladesia  que  havets  aduyta  de  Bulunya  quel  comte 
perda  son  comtat»? 

^  E.  HiNojosA,  La  reception  dti  droit  roniain  en  Catalogne,  in  Mélaìiges 
Fitting,  Montpellier,  1908;  li,  p.  395  sgg.  Circa  i  formulari  notarili  e  la 
loro  origine,  cfr.  A.  Gaudenzi,  Sidla  cronologia  delle  opere  dei  dittatori 
bolognesi,  in  Bull,  dell'  Isti  tato  Stor.  Ital.,  n°.  14;  1895;  p.  87  sgg. 
P.-S.  Leicht,  Formulari  notarili  nelV  Italia  superiore,  in  Mélanges 
Fitting,  II,  p.  49  sgg. 

^  Garc/a  Villada,  op.  cit.,  p.  534. 

^  I.  Carini,  Gli  archivi  e  le  biblioteche  di  Spagini,  Palermo,  1884; 
p.  31;  P.  EwALD,  Rcise  nach  Spanien,  in  Neues  Archiv  d.  Gesellschaft 
f.  altere  deutsche  Geschichtskunde ,  \'I,  1881,  p   257. 


IL   «SOMNI»   d'  en  bernat  metge  175 

bolognese  si  richiamano  con  ostentazione  i  giuristi  catalani  ;  tra  i 
quali  ci  piace  annoverare  Raimondo  di  (^aera,  consigliere  di  Gia- 
como IP. 

Il  passaggio  della  curia  papale  da  Roma  ad  Avignone,  volgendo  la 
politica  aragonese  a  rapporti  con  la  santa  sede  più  intimi  e  più  fre- 
quenti di  quelli  che  per  opera  specialmente  di  Arnaldo  da  Villanova 
s'  erano  intrecciati  al  tempo  di  Bonifazio  Vili  '^,  favorisce  1'  intro- 
missione di  Giacomo  II  nelle  lotte  dei  guelfi  toscani  contro  il  vacillante 
partito  ghibellino  ^  e  prepara,  con  1'  acquisto  della  Sardegna,  1'  attua- 
zione di  quel  sogno  mediterraneo  balenato  alla  mente  audace  di  Gia- 
como il  Conquistatore^.  Era  il  fatale  andare  degli  avvenimenti.  La 
partecipazione  [dei  catalani  con  Berengario  III  alle  lotte  dei  pisani 
contro  i  mori  di  Maiorca  nel  1114,  1'  accordo  di  Berengario  IV  con 
Pisa  e  Genova  per  una  crociata  contro  gli  infedeli  in  Spagna  nel 
1118  e  r  unione  con  quest'  ultima  repubblica  per  la  spedizione 
ad  Almeria  nel  1147  e  a  Tortosa  nel  1148'',  segnano  il  primo 
sorgere  d'  una  potenza  mediterranea  che,  accorsa  più  tardi  libera- 
trice in  Sicilia  all'  epoca  della  fortunosa  rivoluzione  che  trasse  i 
palermitani  a  gridar  «mora,  mora,»  fissa  lo  sguardo  in  oriente  per 
aprire  nuovi  sbocchi  al  suo  commercio  in  concorrenza  con  le  nostre 
città  marinare.  Le  quali,  nelle  convenzioni  di  reciproca  libertà  nei 
traffici,  cercavano  di  mantenere  1'  antica  supremazia,  pronte  a 
violarle  quando  1'  occasione  si  presentasse  propizia.  La  conven- 
zione tra  Genova  e  Maiorca  del  1326  è  rotta  quattro  anni  dopo 
con   una   fiera   ribellione  degli  isolani,    che  da  essa  vedevano  sminuita 


^  Garcia  Villada,  op.  cit.,  p.  542.  La  «Summa  edita  a  magistro  Poncio 
provinciali»  di  cui  si  parla  (pp.  547— 551)  e  quella  già  fatta  nota  dal  Thurot, 
in  Notices  et  extraits  des  maniiscriis,  XXII,  II,  p.  38;  quindi  cade  l'ipotesi 
affacciata  dal  G.  V. 

-  H.  FiNKE,  Aiis  deuTagen  BonifasVIIL,  Miinster  i.  W.,  1902,  p.  222  sgg. 
Ada  Aragoìicnsìa,  Berlin,  1908;  II,  capp.  XVII— XX;  per  cui  Torraca, 
in  Bidl.  della  Società  Dant.  Ital.,  N.  S.,  XVII,  p.  170  sgg.  Per  questioni 
più  generali,  B.  Croce,  Primi  contatti  fra  Spagna  e  Italia  (estr.  Atti  dell' 
Accad.  Pontaniana,  XXIII),  Napoli,  1893,  p.  23  sgg.  e  Farinelli,  in  Giovn. 
stor.  della  Ietterai,  ital.,  XXIV,  1894,  p.  217  sgg.. 

^  P.  Silva,  Giacomo  li  d'  Aragona  e  la  losca na  (Ì307~\309),  in  Arc/i. 
Stor.  Ital,  1913;  II-,  p.  23  sgg. 

*  Si  ricordino  le  parole  di  Giacomo  I  ai  baroni  lasciati  a  difendere  Maiorca 
dopo  la  conquista:  «Deus  nos  ha  feyta  tanta  de  gracia  quens  ha  donat  regne 
dins  en  mar»,  in  Chronica,  ed.  Aguiló,  p.  195. 

^  Capmany,  Memorias  histór.  sobre  la  marina  comercio  y  artes  de  la 
antigua  ciiidad  de  Barcelona,  Madrid,  1779;  I,  1,  p.  10  sgg. 


176  MARIO    CASELLA 

la  loro  libertà  ^  Quando  ancora  Firenze  non  era  riuscita  ad  acqui- 
starsi lo  sbocco  sul  mare,  i  suoi  mercanti  erano  riusciti  ad  allac- 
ciare una  fitta  rete  di  interessi  nelle  Baleari ,  a  Valenza ,  a  Bar- 
cellona, dove  sorgevano  fondachi  fiorentissimi  in  relazione  diretta 
con  quelli  della  Provenza  e  delle  Fiandre.  I  cambiatori  ritraevano 
guadagni  enormi;  tanto  che  più  volte  contro  di  loro  sorgevano 
tumulti  incresciosi,  sanzionati  con  1'  espulsione  regia  dal  territorio  in 
cui  essi  osavano  con  rinnovata  persistenza  penetrare  e  quasi  abbarbi- 
carsi 2. 

Dall'  altra  parte  non  erano  inferiori  la  costanza  e  1'  audacia.  I  cata- 
lani sapevano  convenientemente  sfruttare  le  gelosie  municipali  che 
dividevano  le  città  italiane,  appoggiandosi  sul  più  forte  o  approfittando 
della  lotta  dei  forti,  per  affacciarsi  da  ultimo  a  contendere  la  preda. 
Il  trattato  commerciale  concluso  nel  1376  con  la  repubblica  senese  è 
un  esempio  tipico  di  questa  avvedutezza  catalana,  cui  si  concedevano 
facilitazioni  e  franchigie  indarno  chieste  dai  fiorentini  e  dai  pisani. 
Nella  stessa  Siena  si  istituiva  una  loggia  catalana^. 

Ma  a  farci  un  esatto  concetto  dell'  efficacia  eh'  ebbero  i  commerci 
nel  favorire,  preparare  o  determinare  certi  contatti  intellettuali  tra 
nazione  e  nazione,  dobbiamo  seguire  1'  attività  dei  nostri  mercanti,  la 
cui  cultura  prettamente  utilitaria  e  borghese  non  si  dissocia  dalle 
tendenze  pratiche  che  guidano  la  loro  fortunosa  vita  in  logge  e  in 
fondachi,  sugli  scali  dei  porti  dove  affluivano  le  mercanzie  e  s'  avvi- 
cendavano le  ricchezze,  in  mezzo  a  una  società  attesa  all'  oggi  e 
ansiosa  del  domani,  eterogenea,  dai  bassi  gradi  salendo  alle  dignità 
più  ragguardevoli  del  tempo.  Le  relazioni  commerciali  tra  nazioni 
astrattamente  congiunte  e  unificate  dal  cristianesimo,  costituivano,  di 
là  dalle-  venture  della  conquista  e  dagli  impulsi  del  tornaconto,  il  solo 
diritto  internazionale  che  realmente  vigesse  ;  per  il  quale  le  energie 
delia   civiltà   rinascente   e   1'  operosità   personale   s'   accomunavano   in 


'  Capmany,  op  cit.,  I,  1,  p.  80.  P.  A.  Sanxo,  Antichs  privilegis y  fran- 
gueses  del  Regne  regnai  de  Jaiinie  III,  in  Bolleli  de  la  Soc  Arq.  Ltd., 
XI,  p.  185;  A.  Damians  y  Mante,  Moli  en  Mallorca  contra  Genovesos 
(1330),  in  Bolleli  de  la  Soc.  Arq.  Lui.,  IX,  p.  57  sg. 

2  C M'MANV,  op.  cit.,  II,  p.  31  Doc.  XII;  p.  54  Doc.  XXIX;  p.  195  Doc.  CXVIII. 
Cfr.  E.  Aguiló,  Ultims  raslres  de  les  coìimocious  populars  de  l'any  1325, 
in  Boll,  de  la  Soc.  Arq.  Ltd.,  XI,  p.  69.  Interessante  a  questo  riguardo 
r  articoletto  di  F.  Rahola,  Coment aris  a  un  vers  famós  del  Dani  <U'  avara 
povertà  di  Catalogna»,  in  Ilustració  Catalana  XI,  1913,  p.  142  sgg. 

^  L.  Banchi,  /  porti  della  maremma  senese  durante  la  repubblica, 
in  Arch.  Stor.  Hai.,  S.  TU.  t.  XI,  parte  2s  1870,  p.  98  sgg. 


IL    «SOMNI»    D'  EN   BERNAT    METGE  177' 

una  sintesi  universale  di  lavoro  ^  Questi  uomini,  che  disdegnavano  la 
solitaria  quiete  dei  borghi  nativi  per  avventurarsi  in  terre  straniere, 
erano  spesso  i  più  tipici  rappresentanti  della  nostra  borghesia  mediana- 
mente colta,  che  talora  s'  affacciava  alle  soglie  dell'  arte  e  le  varcava  con 
un  mondo  intellettuale  tutto  proprio,  materiato  di  realtà  e  disciolto  da 
ogni  velo  di  fantasia,  dove  liberamente  si  disfrenavano  e  s'  aguzzavano 
tutte  le  energie  dell'  intelletto.  Spiriti  cui  non  erano  aliene  le  con- 
suetudini delle  Muse  e  i  sorrisi  dell'  arte  sono  i  Villani,  Dino  Com- 
pagni ,  Franco  Sacchetti  e ,  massimo  fra  tutti ,  Giovanni  Boccaccio. 
Ma  anche  nei  più  umili  e  nei  meno  noti  che  stanno,  per  così  dire,  in 
quel  mondo  crepuscolare  dove  1'  arte  scesa  alle  contingenze  pratiche 
diventa  un  affare,  la  cultura  si  avviva  di  riflessi  ideali,  che  fanno 
obliare  ogni  meschina  e  bassa  volgarità.  Pur  troppo  non  possediamo, 
ed  è  a  dolercene,  numerosi  elementi  che  valgano  a  lumeggiare  i 
caratteri  delle  corrispondenze  epistolari  che  correvano  dall'  una  all' 
altra  parte  d'  Europa,  riflettendo  come  in  uno  specchio  gli  avvenimenti 
di  cronaca,  le  notizie  di  guerre  e  di  paci,  le  relazioni  di  pubblici  tri- 
pudi e  di  disastri,  ricordati,  commentati,  rischiarati  con  1'  interesse  e 
la  vivacità  di  chi  vi  è  parte  o  ne  riceve  1'  eco  immediata.  Questa 
percezione  esatta  e  positiva  del  reale,  che  faceva  dei  nostri  mercanti 
gli  interpreti  fedeli  del  tempo  loro  e  delle  aspirazioni  e  dei  gusti  dell' 
ambiente  in  cui  vivevano,  non  si  scompagnava  dall'  arte  eh'  era  la 
vita  d'  allora^. 

Francesco  Datini,  che  verso  il  1360  aveva  fondato  un  banco  ad 
Avignone,  estende  i  suoi  interessi  rapidamente  nella  Catalogna;  che  a 
Barcellona  nel  1382,  a  Valenza  nel  1384,  a  Maiorca  nel  1395  s'  aprono 
fondachi  fiorentissimi  in  corrispondenza  diretta  con  la  madre  patria  ^. 
Uomo  di  pietà  e  di  realtà  il  Datini,  quale  ci  esce  dalle  lettere  dell' 
amico  suo  dilettissimo  ser  Lapo  Mazzei!  A  lui  era  caro  leggere  gli 
scrittori  antichi  e  i  moderni,  sacri  e  profani,  sì  che  1'  amico  non  sa 
meglio  trovare  la  via  del  cuore  che  parlandogli  con  le  sentenze  e  i 
detti   degli   autori,    che  gli  concedevano  un  po'  di  quiete  allo  spirito  : 


'  I.  Del  Lungo,  Un  mercante  del  Trecento,  in  Cotiferense  fiorentine, 
Milano,  1901;  p.  69  sgg. 

^  G.  Livi,  Dall'  archivio  di  Francesco  Datini  mercante  pratese,  Firenze, 
1910;  p.  2  sgg.  Per  le  considerazioni  da  me  svolte  credo  opportuno  riman- 
dare anche  ad  A.  Gregorini,  Le  reiasioni  in  lingua  volgare  dei  viaggia- 
tori italiani  nel  secolo  XIV,  Pisa,  1896;  p.  40,  e  al  significativo  studio  del 
Rajna,  Le  origini  del  Certame  Coronario,  in  Scritti  varii  di  eriidisione 
e  di  critica  in  onore  di  R  Renier,  Torino,  1912,  p.  1027. 

^  G.  Livi,  L'  archivio  di  F  Datini  mercante  toscano  del  secolo  XIV, 
in  Amiari  de  V  Institut  d'  Estudis  Catalans,  III,  p.  203  sgg. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  12 


178  MARIO    CASELLA 

«Dice  Seneca  vostro  .  .»  «Io  apparai  dal  vostro  Seneca  che  tanto  vi 
piace  ...:!'  ^  «...  avete  preso  Tito  Livio  o  Valerio  per  conforto  .  .  .»  ^ 
«,  .  dice  così  puntualmente  il  vostro  Boezio»  ^.  Ed  è  tra  i  due  uno 
scambio  di  libri:  le  epistole  di  S.  Paolo  e  quelle  di  S.  Gerolamo,  i 
Vangeli  e  le  Vite  dei  Santi*;  accanto  ai  quali  non  mancano  raccolte 
di  ricette  e  libri  di  profezie:  1'  eco  di  due  mondi,  quello  della  carne 
e  quello  dello  spirito.  Né  dissimili  dal  Datini  erano  coloro  che  lo 
rappresentavano  nei  fondachi  lontani.  «Vero  bibliofilo,  anzi  anche 
dantologo,  scrive  non  senza  esagerazione  il  Livi,  fu  Agnolo  di  Ugo- 
lotto  o  Lotto  degli  Agli»  ^,  predecessore  del  Datini  al  fondaco  di  Pisa. 
Di  lui  conosciamo  alcune  lettere,  in  una  delle  quali  fa  capolino  1'  am- 
maestramento di  Seneca  con  la  citazione  esatta  degna  di  uno  scrupo- 
loso erudito  moderno,  e  in  un'  altra  a  lui  diretta  dall'  amico  Andrea 
Zacci  si  parla  dell'  invio  di  dieci  «capituli  del  Purchatoro» '^.  Non 
senza  esagerazione,  diciamo,  poiché  la  citazione  dantesca  che  infiora 
una  sua  lettera  \  più  che  uno  studio  profondo  della  Divina  Commedia 
ci  attesta  il  minuto  rifrangersi  di  essa  in  emistichi,  in  versi  o  in  terzine 
divenute  proverbiali  per  la  stringata  perspicuità  ond'  è  fissata  una 
verità  sentita  e  volgare. 

Questi  fiorentini,  che  il  desiderio  dei  sùbiti  guadagni  distraeva  dalla 
loro  terra,  ritornando  ed  essa  col  dolore  nostalgico  della  rimembranza, 
ne  sentivano  con  orgoglio  vive  e  presenti  le  memorie  e  le  glorie;  e 
a  loro  tra  gente  straniera  che  parlava  ai  loro  orecchi  e  al  loro  cuore 
in  lingua  dissueta,  dovevano  a  quando  a  quando  echeggiare  nella 
mente  i  versi  dell'  immortale  poeta,  dei  quali  in  quegli  ultimi  anni  del 
trecento  un  altro  poeta  e  grande  scrittore  disvelava  in  patria  1'  "im- 
peritura bellezza.  Fiorentini,  pisani,  lucchesi,  senesi  erano  numerosi 
in  Catalogna^;    numerosi    i   genovesi    che   vediamo   partecipare   anche 


'  Ser  Lapo  Mazzei,  Lettere  di  mi  notavo  a  ìin  mercante  del  secolo  XIV, 
ed.  C.  Guasti,  Firenze,  1880;  II,  pp.  144,  146.  ^  Qp.  cit.,  I,  p.  17. 

3  Op.  cit.,  I,  p.  182.  *  Op.  cit.,  I,  pp.  61,  73,  215,  223. 

^  Livi,  Dall'  Archivio  di  F.  Datini,  p.  24. 

^  Livi,  Dall'  Archivio  di  F.  Datini,  pp.  24,  40. 

■'  Livi,  Dall'  Arcìiivio  di  F.  Datini,  pp.  23,  39.  Si  vedano  del  resto  le  lettere 
del  Mazzei,  op.  cit.,  I,  283,  310  ecc.  e  1'  inventario  dei  beni  di  Francesco 
del  Coraza,  morto  nel  1400,  redatto  dallo  stesso  Mazzei,  I,  p.  253  n.  1.  Tra 
1'  altro  troviamo  «una  chiosa  Dantis  super  Paradiso,  duo  alie  chiose  super 
Inferno  et  Purgatorio  .  .  .  unus  liber  Dantis  .  .  ." 

^  CaPxMANY,  op.  cit.,  I,  II,  pp.  29,  102  sgg.  A  farci  un'  idea  dell'  importa- 
zione di  "drap  fiorenti»,  cfr.  M.  Obkauor,  Inventari  de  la  heretat  den 
Berengner  Vida,  in  Boll,  de  la  Soc.  Arq.  Ltd.,  XI,  p.  183.  Circa  i  rap- 
porti di  Giacomo  II  e  Lucca,  Sercambi,  Croniche,  in  Pnhbl.  dell'  Istit.  Stor. 
hai.,  Lucca,  1892;  I,  p.  56. 


IL    «SOMNI»    D'   EN    BERNAT    METGE  179 

alle  guerre  di  Castiglia  ^  A  Genova  il  culto  di  Dante  era  d'  antica 
data.  Il  pilli  antico  codice  della  Divina  Commedia,  il  Landiano  del 
1336,  è  scritto  da  un  marchigiano  per  Beccarlo  de  Beccaria,  podestà 
di  Genova  2;  a  Lucano  Spinola,  che  il  frequente  e  affannoso  correre 
per  i  mari  non  straniò  dalle  muse  e  dalla  filosofia,  frate  Guido  da 
Pisa  verso  la  metà  del  secolo  XIV^  dedicava  la  Dichiarazione  poetica 
e  il  Commento  dell'  Inferno^;  alcun  poco  posteriore,  del  1354,  è  la 
copia  della  Divina  Commedia  qua  e  là  infiorata  di  gencvesismi,  che, 
appartenuta  al  Marchese  di  Santillana,  reca  nei  margini,  documento 
del  suo  amore  verso  V  Italia,  la  prima  versione  in  lingua  di  Castiglia*. 
Col  Decir  d  las  siete  virtudes  di  Francesco  Imperiai,  discendente 
da  illustre  famiglia  genovese  stabilitasi  a  Siviglia,  s'  inizia  a'  primordi 
del  secolo  XV  1'  influenza  dantesca  sulla  letteratura  castigliana^;  ma 
in  Catalogna,  piiì  stretta  all'  Itali'a  da  frequenti  rapporti,  si  palesano 
anteriori  e  piìi  dirette  le  tracce  di  Dante.  Ne  troveremo  indizi  nel 
Somni  del  Metge.  Commisti  a  reminiscenze  virgiliane  i  versi  ram- 
memoranti la  sentenza  di  Sibilla,  dispersa  «al  vento  nelle  foglie  lievi», 
ritornano  in  una  curiosa  lettera  di  re  Martino  (14u8)  a  Guerau  Ale- 
mahy  de  Cervello,  governatore  generale  di  Catalogna  ^  ;  mentre  Vin- 
cenzo Ferrer,  proclamando  la  virtià  sovrana  della  Bibbia  «ixida  de 
Parais»,  avvolgerà  di  disdegno  il  «bon  Virgili,  que  jau  en  mig  del 
infern,  Ovidi,  Dantes  poetes.  Les  doctrines  dels  poetes  donen  plaer 
a  les  orelles  per  les  cadencies  que  fan,  ab  sermons  rimats,  mas  no 
toquen  al  cor^  perque?  Car  mais  ixqueren  de  la  dolgor  de  Paradis  .  .  . 
e  veus  perque  no  convertixen  ara»  ''. 


»  R.  I.  SS.,  XVII,  1292;  Capmany,  op.  cit.,  I,  II,  pp.  20,  78;  Crónicas 
de  los  Reyes  de  Castella,  Madrid.  1878;  Rivadeneyra,  LXX,  §  67  Qui 
ricordiamo  che  uno  dei  più  antichi  testi  volgari  genovesi  è  la  versione 
di  una  cronaca  universale  catalana,  Parodi,  in  Arc/i.  Glott.  Ital. 
XIV,  p.  38. 

2  DE  Batines,  Bihl.  Dani:,  II,  124. 

^  F.  P.  Luiso,  Di  un'  opera  (ned.  di  frate  Guido  da  Pisa,  in  Misceli, 
di  studi  critici  pubbl.  in  onore  di  G.  Massoni,  Firenze,  1907;  I,  p.  78  sgg. 

*  ScHiFF,  La  bibliotJi.  dti  Marquis  de  Santillane,  in  Bibl.  de  l'Ecole 
des  Hantes  Etudes,  fase.  153;  Paris,  1905;  pp.  275—303;  e  in  Homeìiaje 
a  Menéndes  y  Pelayo,  I,  269  sgg. 

^  Amador  de  LOS  Rfos,  Historia  Critica  de  la  liter.  Esp.,\,  p.  190  sgg.; 
Menéndez  y  Pelavo,  Antologia,  IV,  p.  LXVII  sgg.;  Sanvisenti,  op.  cit-, 
p.  33  sgg.;  Farinelli,  Dante  in  Ispagna,  p.  3  sgg. 

*  A.  RuBió  y  Lluch,  Dociiments,  I,  p.  442. 

''  Chabas  Estiidio  sobre  los  sermones  valencianos  de  S.  Vicente  Ferrer, 
in  Revista  de  Ardi.,  Bibl-  y  Museos,  Tercera  època,  VI,  nn.  8-9,  1902; 
p.  135  sg. 

12* 


IBO  MARIO    CASELLA 

I  felici  atteggiamenti  dell'  arte  pittorica  catalana,  che  a  mezzo  il 
secolo  XIV  si  viene  spogliando  delle  viete  forme  rudimentali  per 
piegare  1'  immaginazione  allo  studio  del  vero,  indulgendo  alla  vivace 
colorazione  e  alla  soavità  dell'  espressione  effusa  in  gentile  tenerezza, 
sono  dovuti  all'  imitazione  di  opere  italiane,  specialmente  senesi.  Sia 
che  i  maestri  della  nuova  scuola  si  recassero  dalla  nostra  penisola 
direttamente  di  là  dal  mare,  sia  che  le  loro  tavole  lumeggiate  di  sottili 
dorature  e  rabescate  d'  intagli  di  purezza  bizantina  fossero  colà  por- 
tate dai  nostri  mercanti  ^,  sta  il  fatto  che,  se  i  prodotti  della  scultura 
italiana  appaiono  in  Catalogna  isolati  e  senza  continuità,  come  il  sepol- 
cro di  S.  Eulalia  finito  a  Barcellona  nel  1339  da  un  discepolo  di 
Giovanni  Pisano,  la  pittura  senese  fa  presto  scuola  nelle  Baleari  e  a 
Valenza,  dove  gaiamente  e  luminosamente  fiorisce,  armonizzando 
r  amabile  e  cavalleresco  romanticismo  che  la  pervade  con  le  timide 
violenze  d'  un  realismo  preso  dai  miniaturisti  della  Francia  settentrio- 
nale 2.  Questa  fusione  di  maniere  e  di  tendenze  più  che  dall'  importa- 
zione dell'  arte  franco-fiamminga  attraverso  il  regno  di  Navarra,  che 
era  per  la  storia  artistica  e  politica  come  un  prolungamento  del  regno 
di  Francia,  è  favorita  dalle  relazioni  con  la  corte  avignonese,  divenuta 
il  centro  della  cultura  occidentale  d'  Europa. 

Ritornando,  nella  dolcezza  dei  ricordi,  agli  anni  della  sua  giovinezza 
e  spiegandoci  in  qual  mezzo  si  svolse  il  fervore  della  sua  attività 
letteraria,  il  Petrarca  ci  traccia  a  vivaci  colori  un  quadro  pittoresca- 
mente completo  ed  esatto  della  vita  scientifica  d'  Avignone,  dopo  il 
suo  soggiorno  fuggitivo  di  Bologna:  nella  schiera  dei  giovani  1'  am- 
mirazione incondizionata  verso  i  grandi  scrittori  classici ,  Cicerone, 
Virgilio,  Ovidio;  nei  giuristi  della  corte  pontificia  la  preferenza  data 
a  Tito  Livio,  del  quale  più  che  la  lucida  trasparenza  di  stile  e  la 
penetrazione  psicologica  dell'  anima  umana,  attirava  1'  ingenua  fede 
verso  il  meraviglioso  e  il  provvidenziale  onde  par  materiarsi  1'  origine 
e  la  storia  di  Roma  destinata  a  stabile  fondamento  della  potenza  della 
Chiesa;  ne'  teologi  il  culto  di  S.  Gerolamo  e  di  S.  Agostino,  in  cui 
i  trionfi  della  fede,  amareggiati  dal  prepotere  dell'  umano  sul  divino, 
parevano  documentare  le  aspirazioni  ideali  in  mezzo  agli  intrighi  e  ai 
raggiri  dell'  avara  e  perfida  Babilonia^. 


'  Circa  r  esportazione  di  opere  nostre,  cfr.  Mazzet,  Lettere,  II,  p.  415  sgg. 

2  A.  Michel,  Histoire  de  l'Art,  II,  2,  p.  651;  III,  2,  p.  743  sgg.;  Sanpere 
y  Miquel,  Los  aiatrocentisias  cat.,  I,  p.  40  sgg. 

^    ""  Familiares,  I,  2;  XXIV,  1;  Seniles,  XVI,  1;  M.  Faucon,  La  lihrairie 
des  papcs  d'Avignon  t.  I,  in  Bibt.  des  écoles  fram;.  d'Athènes  et  de 


IL  «SOMNI>  D'  EN  BERNAT  METGE  181 

La  partecipazione  che  a  questo  movimento  intellettuale  ebbero  alcuni 
italiani  iniziati  agli  studi  classici  nella  patria  loro  e  trasferitisi  di  là 
dalle  Alpi  —  ci  basti  menzionare  Raimondo  Soprano,  Giovanni  Cavallini 
e  Giovanni  Colonna  —  spiega  in  Francia  il  lento  ma  progressivo 
volgersi  delle  menti  verso  una  comprensione  più  larga  e  cosciente 
dell'  antichità  romana,  mentre  a  poco  a  poco,  di  mezzo  ai  tenebrosi 
labirinti  della  teologia  e  della  scolastica,  germinava  e  vigoreggiava 
J'  erudizione  sul  terreno  fecondo  dei  rimaneggiamenti,  degli  adatta- 
menti e  delle  versioni  che  delle  opere  classiche  s'  erano  cominciati  da 
tempo  ^. 

Quasi  contemporaneamente,  poco  prima,  poco  dopo,  ma  soprattutto 
durante  il  lungo  regno  di  Pietro  IV  (1336  —  1387),  s'  inizia  nella  Cata- 
logna quel  periodo  di  trasformazione  e  di  rinnovamento,  di  cui  accen- 
nammo le  ultime  e  caratteristiche  conseguenze.  La  società  feudale  e 
cavalleresca  si  dissolve  al  sorgere  di  una  borghesia  che,  temprata  nell' 
esercizio  delle  sue  facoltà  intellettive,  partecipa  con  una  coscienza  nuova 
alle  alte  funzioni  dello  stato;  la  cultura  laica  con  la  formazione  delle 
università  nazionali  costantemente  favorite  e  protette  dall'  autorità 
regia  ^,  accampa  i  suoi  diritti  di  fronte  alla  classe  ieratica  che  sin 
allora  ne  ha  impedito  o  raffrenato  ogni  speculazione  filosofica  e  razio- 
nale ;  lo  scisma,  che  sopraggiunge,  libera  gli  animi  dai  paurosi  enigmi 
dell'  oltretomba  e,  mostrando  il  valore  relativo  e  contingente  d'  ogni 
religione ,  disfrena  le  energie  dell'  individuo  verso  la  conquista  dei 
valori  umani  contro  ogni  formalismo  nella  concezione  del  mondo  e 
della  vita. 

La  figura  del  francescano  Anselm  Turmeda,  che  affanna  inutilmente 
i  biografi  desiderosi  di  comporre  a  unità  morale  i  contradittori  e  in- 
conciliabili elementi  della  sua  personalità^,  s'  aderge  su  questo  sfondo 
storico,  sintetizzando  il  contrasto  fra  la  tradizione  morale,  religiosa 
e  dogmatica  e  lo  spirito  razionalista  che  distrugge  i  vecchi  idoli  con 
r  arma  tagliente  dell'  ironia,  per  abbandonarsi  ai  mobili  impulsi  del 
sentimento  e  al  disordinato  amore  della  vita.  L'  averroismo  da  cui 
il  Turmeda   sarebbe   stato   preso  e  volto  all'  apostasia  durante  la  sua 


Rome,  fase.  XLIII,  Paris,  1886,  p.  23;  Voigt,  //  Risorgimento,  I,  p.  41; 
P.  DE  NoLHAC,  Pétrarqtie  et  l'hiimanisme'^,  Paris,  1902;  I,  p.  30  sgg. 

^  R.  Sabbadini,  Le  scoperte  dei  codici  latini  e  greci  ne'  secoli  XIV  e 
XV,  Firenze,  1914;  II,  p.  45  sgg. 

2  RuBió  y  Lluch,  Docnments,  I,  nn.  XV,  CXLVII,  CXLVIII,  CLXVII. 

^  J.  MiRET  y  Sans,  Vida  de  fray  Anselmo  Turmeda,  in  Revne  his- 
paniqiie,  XXIV,  1911,  p.  295;  A.  Calvet,  Fray  Anselmo  Turmeda, 
heterodoxo  espanol,  Barcelona,  1914;  pp.  141,  213. 


182  MARIO    CASELLA 

dimora  in  Italia  presso  lo  studio  di  Bologna  seguendo  le  lezioni  dell' 
enigmatico  maestro  Nicola  M3'rtil,  è  una  trovata  del  positivismo  critico  \ 
facile  a  rigettarsi  quando  si  consideri  1'  averroismo,  come  è  nella 
realtà,  una  profonda  eresia  razionalista  dell'  ortodossia  musulmana  2. 
Spirito  scettico,  gaio,  sensuale,  plasmabile  secondo  1'  ambiente,  pronto 
a  piegarsi  ad  interessi  immediati,  il  Turmeda  respira  a  pieni  polmoni 
r  aria  del  primo  rinascimento  italiano  e  può  scagliare  i  dardi  della 
satira  contro  il  clero  e  i  frati,  cantare  1'  amore  e  il  denaro,  svelare 
cinicamente  le  lagrimose  miserie  della  vita  religiosa  del  suo  tempo. 
Si  veda  come  nelle  sue  mani  si  trasforma  la  Dottrina  dello  Schiavo 
di  Bari,  quando  la  sua  personalità  apertamente  prorompe  di  tra  le 
massime  della  morale  consuetudinaria^;  si  noti  come  nella  Dispiitation 
de  V  asne  ritrae  senza  veli  o  attenuazioni  la  corruzione  della  famiglia 
religiosa  cui  appartiene.  Gli  elementi  boccacceschi  che  vi  furono 
additati*,  si  risolvono  in  tendenze  e  in  atteggiamenti  generali,  onde 
r  identica  realtà  storica  si  presentava  all'  occhio  di  chi  la  scrutava 
senza  pietà  ;  più  artista  di  lui  è  il  Boccaccio,  che  di  un  sorriso  arguta- 
mente incredulo  illumina  1'  opera  sua,  salendo  a  quella  sfera  dove  1'  indi- 
viduo si  risolve  nel  tipo  e  il  fatto  contingente  nell'  universale^. 

Dalla  scomposizione  dei  vecchi  elementi  la  società  catalana  sorgeva 
incerta   di   sé  e  bisognosa   di  un  nuovo  e  duraturo  ideale.     Lo  spirito 


^  Calvet,  op.  cit.,  p.  126  sgg.;  cfr.  M.  de  Montoliu,  Fray  Anselmo 
Turmeda,  in  La   Vanguardia,  23  gennaio  1915. 

2  Renan,  Averroès  et  Vaverroìsme"^,  Paris,  1861,  p   292  sgg. 

'  Menéndez  y  Pelavo,  Origenes  de  la  Novela,  Madrid,  1905;  I,  p.  CX; 
Calvet,  op.  cit.,  p-  168  sgg. 

*  Menéndez  y  Pelavo,  Origenes,  I,  p.  CVII. 

^  Circa  le  fonti  filosofiche,  cfr.  M.  AsFn  Palacios,  Et  originai  àrabe  de 
la  «Disputa  del  asno»  contra  Fr.  Anselmo  Turmeda,  in  Revista  de 
Filologìa  espanola,  I,  1914,  pp.  1 — 51  ;  per  certi  contatti,  del  resto  tutt'  altro 
che  probativi,  col  Novellino  (n°.  LXXXXI,  ed.  Sicardi),  cfr.  Calvet,  op.  cit., 
p.  183.  Qui  accenno  pure  a  un  pallido  riflesso  del  Decamerone,  Vili,  2. 
«E  quando  la  domenica  mattina  la  sentiva  in  chiesa,  diceva  un  Kyrie  et  un 
Sanctus,  sforzandosi  ben  di  mostrarsi  un  gran  maestro  di  canto,  che  pareva 
un  asino  che  ragghiasse..»  Cfr.  Disputation  de  l'asne  contre  frere  An- 
sehnc  Turmeda,  in  Reviie  hispanique,  XXIV,  1911,  p.  437  «. .  Et  quand 
il  chantoit  messe  le  feste  et  vcoyt  ladicte  Dame,  il  deschantoit  a  grand  contre 
poiritt  les  Kyrielles,  et  gringotoit  les  Sanctus,  qu'il  sembloit  que  ce  fust  un 
Rossignol,  et  faisoit  merveilles  des  Agnus  Dei.»  Per  il  carattere  storico  del 
racconto  che  si  riferisce  al  «grand  Abbc»  di  Y*cr\x^\Si{Disputation,  p.  433  sgg.), 
ossia  a  Gherardo  de  Podio,  abate  di  Cluny  di  Marmontier,  cfr.  Suppl.  terso 
al  Grasiani,  in  Arch.  Stor.  Ital.,  XVI,  I,  1850,  p.  217  sgg.;  Muratori, 
R.ISS.,  XVIII,  85. 


IL    «SOMNI»    D'  EN    BERNAT    METGE  183 

riformato  in  una  palestra  di  attività,  in  cui  le  sue  forze,  rese  inerti  e 
assopite  dall'  influenza  chiesastica,  avevano  acquistato  una  tonalità 
nuova  in  antitesi  con  la  tradizione,  per  mancanza  di  educazione  estetica 
e  per  deficienza  di  sentimento  speculativo  non  sapeva  passare  im- 
provvisamente per  mezzo  del  solo  empirismo  alla  cognizione  del  mondo 
fisico  e  morale. 

Bisogno  prepotente  di  azione  in  quanto  si  risolva  in  utile  immediato 
e  tangibile;  desiderio  intenso  di  cercare  oltre  i  confini  della  propria 
terra  le  ricchezze  che  ne  aumentino  lo  splendore;  spirito  pratico  che 
nelle  avventure  del  grande  mare  latino  traduce  ogni  pienezza  di  vita, 
caratterizzano  questa  razza  mediterranea  che  dopo  il  trionfo  sul  con- 
tinente contro  i  mori,  raccolta  nella  sua  unità  etnica,  s'  affida  al  bianco 
stuolo  delle  galere,  procede  alla  conquista  delle  Baleari  e,  liberatrice 
in  Sicilia,  appunta  lo  sguardo  sulla  Toscana  e  saluta  le  verdi  colline 
dell'  Attica,  accampandosi  sulle  rive  dell'  Elisso,  all'  ombra  austera 
del  Partenone.  Non  dobbiamo  chiederci  perchè  in  quel  fervido  periodo, 
in  cui  si  dispiega  con  1'  ardore  d'  una  giovinezza  e  con  la  baldanza 
d'  una  sicura  fede  la  mirabile  epopea  marinara  e  guerresca  che  ab- 
baglierà  la  fantasia  del  cavalleresco  Martorell,  la  letteratura  non  ebbe 
caratteri  nazionali,  mostrandosi  aperta  alle  varie  correnti  ideali  che  le 
venivano  dai  paesi  vicini.  Ai  catalani  importava  il  presente  fuggitivo 
come  la  fortuna  di  cui  tenevano  i  sorrisi  degni  degli  audaci  e  la 
letteratura  piaceva  sol  quando  rispondeva  all'  azione,  sanzionava,  per 
così  dire,  le  loro  attività  pratiche  o  concedeva  momenti  di  ozio,  durante 
i  quali  si  poteva  pensare  anche  all'  anima  ^  Le  cronache  di  Gio- 
vanni I,  del  Desclot  e  del  Muntaner,  che  cantano  1'  epopea  di  una 
razza  con  1'  accento  della  poesia  materiata  di  fatti,  sono  le  gemme 
fulgide  di  questo  glorioso  periodo  della  storia  e  della  cultura  cata- 
lana, che  è,  per  piegare  al  caso  nostro  alcune  geniali  e  profonde 
osservazioni  del  Parodi  2,  conquista  di  civiltà  e  rinnovamento  di  vita 
e  della  concezione  medievale  di  vita.  Contro  la  quale,  reazione 
ormai  sentita  e  oscuramente  voluta,  s'  offerse  come  guida  1'  antichità 
classica  con  la  inesauribile  ricchezza  delle  sue  verità  oggettive  ed 
eterne. 


^  A.  RuBió  y  Lluch,  [AIgtmos  caracteres  que  distinguen  a  la  antigua 
literatura  catalana].  Discurso  inaugurai  lei'do  en  la  solemne  apertura  del 
curso  académico  de  1901  a  1902,  Barcelona,  1901;  p.  24  sgg.;  e  Caràcters 
general  s  de  la  liter.  cai.,  in  Butti  et  i  del  Centre  Excursionista  de  Cata- 
liinya,  II,  1892,  pp.  64—66. 

2  L  eredità  romana  e  V  alba  della  nostra  poesia,  in  Atti  della  R. 
Accad.  della  Crusca,  Anno  accad.  1911  —  1912;  Firenze,  1913,  p.  97. 


184  MARIO    CASELLA 

Già  in  una  lettera  di  Giacomo  II,  del  19  febbraio  1315,  vediamo 
manifestarsi  quel  desiderio  di  possedere  libri  antichi,  che  spingerà  i 
suoi  discendenti  a  rivolgersi  ad  amici,  a  conoscenti  e  a  sovrani  per 
formare  ed  arricchire  la  propria  biblioteca.  Egli  prega  Giovanni  da 
Procida  di  acquistargli  un  Tito  Livio,  che  il  «sacrista»  di  Maiorca 
aveva  visto  a  Napoli  presso  un  libraio  *.  Con  Pietro  IV,  attorno  al 
quale  per  la  prima  volta,  dopo  il  tramonto  della  poesia  trovadorica, 
s'  accoglie  una  vera  corte  poetica  onde  ha  nascimento  la  lirica  di 
spiriti  catalani,  il  mecenatismo  regio  verso  ogni  manifestazione  di 
cultura  si  chiarisce  in  comunanza  d'  intendimenti  e  di  aspirazioni  con 
tutta  la  nazione  2.  Amante  della  poesia,  che  tra  le  occupazioni  politiche 
gli  concede  un'  ora  di  svago  ^,  egli  s'  affanna  a  domandare,  comprare 
e  regalare  libri;  tiene  a  sua  disposizione  copisti,  miniaturisti  e  rilega- 
tori; fonda  a  Poblet  una  biblioteca  che  deve  distinguersi  da  quella  de' 
suoi  predecessori  e  che  vuole  sia  appunto  da  lui  denominata*;  a'  suoi 
figli,  Giovanni  e  Martino,  dà  un'  educazione  scientifica  e  letteraria 
completa. 

Livio,  Trogo  Pompeo,  Svetonio,  Valerio  Massimo,  Giustino,  Paolo 
Orosio,  Vegezio,  le  Metamorfosi  e  le  Eroidi  di  Ovidio  quanto  più 
scendiamo  verso  la  fine  del  secolo  XIV  tanto  più  appaiono  avida- 
mente ricercati  e  studiati-^.  La  sete  di  conoscimenti  non  si  sazia,  ma 
si  fa  più  bramosa  e  per  appagarla  si  approfitta  delle  relazioni  personali 
o  delle  vicende  diplomatiche.  L'  Italia  nella  fervida  vigilia  del  suo 
rinascimento,  co'  suoi  signori  che  della  cultura  si  valgono  per  legitti- 
mare di  fronte  al  popolo  1'  usurpazione  del  potere  ricingendosi  dell' 
aureola  di  un  illuminato  mecenatismo,  attrae  1'  attenzione  dei  principi 
stranieri.  Da  Saragozza  il  31  marzo  1386  1'  infante  Giovanni  scrive 
a  Gian  Galeazzo  Visconti,  inchinandosi  alla  sua  magnificenza  per  avere 


'  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  p.  64. 

^  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  p.  XXXI-,  Et  renacimiento  clàsico, 
p.  53  sgg.  H.  FiNKE,  Retacions  dets  reys  d'  Aragó  ah  la  liter.,  la 
ciencia  y  V  art  en  els  segles  XIII  y  XIV,  in  Estiidis  Univ.  Cai.,  IV, 
1910,  p.  66. 

^  BoFARaLL,  Los  condes  de  Barcelona  vindicados,  Barcelona,  1836; 
II,  p.  288;  A.  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  nn.  CCXLVI,  CCXLV, 
CCCV;  Mila  y  Fontanals,  Obras,  II,  p.  499. 

*  RuBió  y  Lluch,  Documents,  1,  nn.  CCCXVII,  CCCXXI,  CCCXXVIII. 

'^  RuBió  y  Lluch,  Documents,  I,  nn.  CCXXVI,  CCXXXIL  CCCLXXII, 
CCCLXII,  CCCLXI,  CCCLXXVIII,  CCCLXXXV,  CCCLXXXIX, 
CCCXCII,  ecce  VII,  CCCCXXVII  ecc.  Del  resto  quale  fosse  1'  ideale 
scientifico  dell'  epoca  possiamo  vederlo  espresso  nell'  Eximenis,  Dotsè  del 
crestià,  cap.  XCII. 


IL    «SOMNl»    D'   EN    BERNAT    METGE  185 

«in  latino  vel  saltem  in  ydiomate  gallico»  i  libri  di  Trogo  Pompeo,  di 
Tito  Livio  e  di  Plutarco  K 

È  ben  vero  che  il  centro  prossimo  di  studii  rimane  sempre  Avignone. 
Il  manoscritto  ripollense  104,  contenente  il  De  vita  solitaria  del 
Petrarca  fu  scritto  da  Guglielmo  Coli  de  canes,  monaco  di  Ripoll  e 
priore  di  Panizars,  il  quale  nel  1377  si  trovava  ad  Avignone  per 
apprendervi  diritto  canonico  2.  L'  importazione  in  Catalogna  di  mate- 
riale letterario  procedente  dal  famoso  centro  di  studi  non  era  cosa 
saltuaria  e  sporadica;  ma  senza  dubbio  s'  accrebbe  quando  il  cardinale 
spagnolo  Pietro  de  Luna  fu  eletto  antipapa^. 

Credo  di  non  esser  lontano  dal  vero  affermando  che  il  testo  di 
alcuni  volgarizzamenti  catalani,  come  il  De  consolatione  philosopJiiae 
nella  versione  del  Ginebreda  anteriore  al  1375'*  e  le  tragedie  di  Seneca 
in  quella  del  Villaragut^,  provenga  da  compilazioni  e  interpretazioni 
erudite  in  uso  nelle  scuole  avignonesi;  primi  rudimentali  tentativi  di 
illustrazione  dell'  arte  classica,  lontanamente  intravista  fra  il  denso 
fogliame  di  note  mitologiche  e  storiche,  di  raccostamenti  e  di  cita- 
zioni^. D'  altra  parte  attraverso  a  rifacimenti  e  adattamenti  francesi 
r  intelligenza   catalana   s'    adeguava   alla    comprensione   dell'   antico', 


^  RuBió  y  Lluch,  Doctiments,  I,  n.  CCCLXXVII;  cfr.  SABBAniNi,  op. 
cit.,  I,  p.  7,  n.  23;  II,  p.  121  dove  si  parla  della  bibliomania  di  Gian  Galeazzo 
Visconti. 

2  Beer,  Die  HatidscJiriften  des  Klosters  S  Maria  de  Ripoll,  II,  p.  88  sgg. 

'  Cfr.  la  lettera  di  re  Martino  (1406)  con  cui  chiede  a  Benedetto  XIII  le 
opere  di  Seneca  in  due  volumi,  in  RuBió  y  Lluch,  Dociiments,  I,  n\  DI. 
Dell'  amore  che  l'  antipapa  ebbe  verso  ogni  manifestazione  di  cultura  parlano 
il  Faucon,  op.  cit.,  p.  60  e  il  Delisle,  in  Histoire  littér.  de  Frauce,  XXVII, 
p.  486. 

*  RuBió  y  Lluch,  Renacimiento ,  p.  56.  Cfr.  una  redazione  ridotta  del 
testo  (pubblicato  da  M.  Aguiló  neWa.  Biblioteca  Cat.,  Barcelona,  1877)  nella 
Coleccióii  de  dociim.  inéd.  del  Archivo  general  de  la  Corona  de  Aragó, 
XTII,  395. 

^  RuBió  y  Lluch,  Renacimieìito,  p.  56;  Schiff,  op.  cit.,  pp.  124  —  126. 
Il  manoscritto  più  completo  eh'  io  conosca,  quantunque  mancante  di  due 
tragedie  e  mutilo  nella  redazione  della  tragedia  ottava,  è  quello  dell'  Institut 
d'  Estudis  Catalans,  Bibl.  de  Catalunya,  n°.  295. 

*  Per  questi  commenti,  dichiarazioni  e  illustrazioni,  cfr.  Sabbadini,  op.  cit., 
II,  p  38  sgg.  Si  veda  pure  la  interessante  prefazione  alla  versione  dei 
Paradoxa  in  Institut  d'  Estudis  Cat.,  Bibl.  de  Catalunya,  n°.  296; 
ce.  137>-— 139^. 

■"  Cfr.  il  Tito  Livio  catalano  condotto  sulla  versione  del  Ber^uire  con 
dedica  a  re  Giovanni,  di  cui  P.  Meyer,  in  Archives  des  Missions,  S.  II, 
t.  Ili,  pp.  278  e  327;  e  Flors  0  autoritats  tretes  de  les  epistoles  de  Seneca 
à  Ludi,  in  Estudis  Univ.  Catal.,  IV,  1910;  p.  193. 


186  MARIO    CASELLA 

preparandosi  alle  versioni  dirette  e  originali.  Verso  la  fine  del  trecento 
o  nei  primordi  del  quattrocento  il  De  Offtciis  e  i  Paradoxa  di  Cice- 
rone, il  De  providentia  di  Seneca,  Valerio  Massimo,  le  Heroides  di 
Ovidio  sono  tradotti  ^ 

Un  uomo  di  carattere  intraprendente  e  sagace,  appassionato  d'  ogni 
sorta  di  discipline,  sopratutto  storiche,  diplomatico  esperto  che  arbitro 
per  alcun  tempo  delle  sorti  della  franca  Morea  al  pontefice  d'  Avi- 
gnone diede  1'  aiuto  della  sua  intelligenza,  Joan  Fernàndez  de  Heredia, 
può  meglio  di  tutti  documentare  come  il  risorgimento  dell'  antichità 
preparasse  in  Catalogna  accoglienze  lusinghiere  a  coloro  che  in  Italia 
furono  i  propugnatori  dell'  umanesimo,  e  spiegarci  come  gli  influssi 
italiani  sulla  letteratura  catalana  riuscissero  a  predominare  su  quelli 
di  Francia  e  di  Provenza.  Possessore  di  una  ricca  e  svariata  biblio- 
teca, che  eccitava  la  bramosia  di  re  Giovanni  Pel'  ammirazione  di 
Coluccio  Salutati^,  egli  fece  tradurre  in  greco  volgare  e  dal  greco 
volgare  in  aragonese  le  Vite  parallele  di  Plutarco,  quali  passarono 
poco  dopo  in  Italia  *  ;  mentre  dall'  Italia  in  una  redazione  abbreviata  e 
contaminata  a  lui  giungeva  il  Milione  di  Marco  Polo^. 

«En  la  literatura  catalana,  scrive  il  Nicolau,  es  dificil  de  separar 
del  italianisme  el  clasicisme,  perque  aquell  fou  el  vehicol  d'  aquest  >  "^  ; 
ma  r  affermazione   del    mio  caro  amico  resta  contradetta  dai  fatti  e  i 


^  RuBió  y  Lluch,  Renacimiento ,  p.  54  sgg.;  A.  Balaguer  y  Merino, 
Fragment  inédit  de  la  IV  Heroida  d'Ovidi,  in  La  Renaxensa,  Barce- 
lona, 1875;  V,  t.  I,  pp.  491-495. 

'^  A.  RuBió  y  Lluch,  Docwnents,  I,  n°.  CCCXIII. 

^  Epistolario,  ed.  No  vati,  in  Istit.  Stor.  Ital.,  Fonti  per  la  storia 
d'Italia,  Roma,  1893;  II,  p.  289. 

*  A.  RuBió  y  Lluch,  La  lengiia  y  la  cidtiira  catalanas  en  Grecia  en 
el  siglo  XIV,  in  Homenaje  d  Menéndes  y  Pelayo,  Madrid,  1899;  II,  p.  95; 
Catalimya  à  Grecia,  p.  93  sgg.  ;  Bis  governs  de  Matheu  de  Moncada  y 
Roger  de  Llnria  en  la  Grecia  catalana,  in  Annari  de  V  Insiitid 
d'  Estndis  Catalans,  IV,  p.  47  sgg.,  dove  s'  illustrano  altre  relazioni  tra 
i  catalani  d'  oriente  e  1'  Italia;  A.  F.  Giachetti,  Contributo  alla  storia 
del  volgarizzamento  del  sec.  XIV  delle  «  Vite  parallele^'  del  Plutarco, 
(estr.  dalla  Rivista  delle  Biblioteche,  XXI,  1—3),  Firenze,  1910,  p.  2  sgg 
SCHIFF,  op.  cit.,  p.  19  sgg. 

**  E  la  versione  aragonese  contenuta  nel  noto  cod.  Escurialense  j.  z.  2; 
ce.  58—104,  edito  recentemente  da  H.  Knust,  El  libro  de  Marco  Polo, 
Leipzig,  1902.  Di  questa  versione  abbiamo  una  redazione  catalana  del 
secolo  XIV  o  primordi  del  secolo  seguente  nel  Riccardiano  2048;  per  il 
quale,  cfr.  Pjjoan,  Crónicas  d' Italia.  Trcs  maniiscrits  de  la  Ricardiana, 
in  La   Veu  de  Catalunya,  15  ottobre  1903. 

"  Apunts  sobre  la  influencia  italiana,  in  Estudis  Univ.  Cat.,  II, 
p.  167. 


IL    «SOMNIJ-    D'   EN    BERNAT    METGE  187 

termini  da  lui  fissati  si  capovolgono:  classicismo  e  italianismo,  che 
sembrano  quasi  risolversi  in  una  identità,  stanno  tra  loro  in  stretto 
rapporto  di  causa  e  di  effetto;  il  primo  prepara  la  strada  al  secondo 
o  meglio,  lo  spirito  della  nuova  società  catalana  con  la  fidata  scorta 
della  risorta  antichità  può  piegarsi  verso  la  letteratura  volgare  italiana, 
comprenderla  e  imitarla.  Se  del  1367  è  la  traduzione  della  Historia 
Troiana  di  Guido  dalle  Colonne  per  opera  di  Giacomo  Conesa  proto- 
notario  di  Pietro  IV  ^  e  di  quegli  anni  o  poco  dopo  sono  le  versioni 
dei  trattati  morali  di  Albertano  da  Brescia^;  se  il  trattato  dei  sette 
vizi  e  delle  sette  virtù  del  Molla  tra  il  largo  corredo  di  citazioni 
classiche  e  medievali ,  sacre  e  profane ,  accanto  a  Livio ,  a  Valerio 
Massimo,  ad  Orazio,  e  ai  padri  della  Chiesa  accoglie  Arrigo  da  Setti- 
mello col  suo  De  adversitate  fortiiiiae^,  ad  illustrazione  della  Medea 
di  Seneca  nel  manuscritto  295  della  Biblioteca  de  Catalunya  nell' 
Institut  d'  Eshidis  Catalans  s'  inserisce  una  lunga  chiosa  tratta  dal 
De  genologia  deorum  del  Boccaccio*;    all'  eloquenza  poetica  di  Vir- 


^  A.  RuBió  y  Lluch,  Dociiments ,  I.  n°.  CCLXXIII;  Schiff,  op.  cit., 
p.  269. 

2  A  Morel-Fatio,  Katal.  Litterattir,  in  Griindriss  del  Grober,  II,  2, 
105.  Cfr.  Lo  livre  lo  qiial  ha  compost  mestra  Alberta  de  Bretanya  (l. 
Brexia),  in  Mentorias  de  la  R.  Acad.  de  Buenas  Letras  de  Barcelona, 
II,  pp.  519-613. 

^  Il  manoscritto  (cfr.  A.  Aguilo  y  Mirò,  Notas  sobre  algimos  códices 
de  la  bibl.  proviìicial  y  universitaria  de  Barcelona,  in  Universidad  de 
Barcelona,  1909  a  1910,  p.  525  sg^-)  porta  il  titolo  Sumari  de  Seneca^ 
che  può  trarre  e  trasse  talvolta  in  inganno.  Delle  citazioni  di  Arrigo  da 
Settimello,  ce.  23'"-^^  27^,  SO"",  35^,  102^  ecc.  trascelgo  quest'  ultima  a 
e.  120'—^'  «.  .per  90  Enrich  de  furtuna:  no  sens  la  sua  fel  endolcex  fortuna 
ni  enblanquex  sens  negror  ni  es  munt  sens  vali.  Car  axi  com  pus  greu- 
ment  cau  aquell  qui  a  forma  de  jaguant,  axi  pus  greument  cau  aquell 
qui  a  perduts  mes  bens.  Car  diu:  fortuna  no  seria  molt  menys  preade  si 
tostemps  effigues  una  matexa  o  bona  o  male  0  estant  en  abduy.  O  deus, 
e  per  que  soptodament  fortuna  per  la  sua  roda  totes  coses  fa  moura  ab  la 
roda  mobla.  Car  fortuna  es  axi  com  a  metge  ignorans  e  moltes  voltes 
se  gira;  donchs  mal  ventura  sia  a  tu,  mortai  linatge,  lo  qual  tostemps  te 
esforsas  en  cosas  altes,  per  qo  que  cages  en  pus  proffon  loch  e  decaiment 
doncs«. 

*  C.  173'^'-^  «La  mort  de  Medea  segons  Johan  Bocac^i  posa.  Diu  Johan 
Bocagi  que  apres  que  la  dita  Medea  hac  morts  sos  fills  propis,  segons  apar 
atr*  en  aquesta  tragedia,  que  la  dita  Medea  fugi  soptosament  en  la  ciutat 
de  Athenes.  E  estant  aqui  ella  pres  per  marit  Egeu,  constituit  en  edat  de 
vellesa,  del-  qual  ella  hague  un  fili,  al  qual  per  la  sua  maternal  derivacio 
mes  nom  Medeo.  E  com  aquest  Egeu,  novell  marit  de  Medea,  hagues  fili 
molt  maravellos  cavaller  apellat  Teseu,  lo  qual  fon  company©  de  Ercules  en 


188  MARIO    CASELLA 

gilio  r  anonimo  traduttore  dei  Paradoxa  di  Cicerone  paragona, 
per  -esaltarla,  quella  di  Cicerone  stesso,  di  Quintiliano,  Omero,  Boezio, 
Orazio,  Petrarca  «e  Dant  en  sa  vulgar  poesia»  ^  ;  in  una  lettera  del 
jl5  aprile  1410  in  cui  le  Cortes  premono  su  re  Martino  perchè,  morto 
il  figlio  re  di  Sicilia,  provveda  alla  successione,  il  dotto  cancelliere 
Giovanni  Dezpujol  s'  indugia  a  determinare  i  doveri  del  principe  verso 
lo  stato,  citando  tra  1'  altro  T  autorità  di  Cicerone  nel  De  mnicitia^ 
;di  Seneca  nell'  epistola  LXXX  a  Lucilio,  di  Francesco  Petrarca  nel  De 
■remediis  utriusque  fortunae^.  Un  fioretto  catalano  di  quest'  opera, 
che   nella   quiete   claustrale   del   Poblet    un   monaco   trascriveva   nell' 


"molts  actes  virtuosos  per  eli  enseguits,  e  lo  dit  Teseu  fos  tornat  dels  inferns 
hon  havia  acompenyat  Ercules,  Medea  sabent  que  aquest  Teseu  era  fili  de 
Egeu  marit  seu  e  atenent  encara  en  la  fama  e  renom  qual  aquest  havia  de 
bon  cavaller,  la  dita  Medea  moguda  de  iniquitat  de  madastra  contra  Teseu, 
fillastra  seu,  e  per  90  que  1  dit  fili  seu  Medeo  fos  volgut  e  preat  en  la 
senyoria  de  Egeu,  marit  seu,  pres  un  anap  de  veri  per  ociure  al  dit  Teseu, 
fillastre  seu.  E  com  Egeu  al  principi  no  hagues  hauda  conaxen^a  de  son 
fili  Teseu,  ampere  veent  en  lo  manti  de  la  sua  espasa  les  armes  e  senyal  de 
son  Hnatge,  aquel  conegue  esser  son  fili.  E  ladonchs  retengue  lo  abeuratge 
de  la  ma  de  Medea,  sabent  que  ab  aquell  veri  volia  auciure  Teseu,  fili  seu; 
volent  fugir  a  la  indignacio  de  Egeu,  marit  seu,  Medea  tement  se  que  la 
execusio  del  present  malefici  noia  aucies,  pres  fuy-(c.  l74''-ata.  E  ladonchs 
per  reconsiliacio  de  amor  torna  ab  Jason,  lo  qual  tan  fellonament  havia  avorrit. 
E  lavors  abduy  ensemps  retornaren  en  lo  realme  de  Colcos,  del  qual  realme 
era  exellat  Getes,  pare  seu,  de  gran  vellesa  e  miseria;  apres  Jason,  mogut 
per  condigna  remuneracio  e  phremi,  retorna  victoriosament  e  ab  gran  honor 
Getes  en  lo  dit  realme  de  Colcos,  jatssia  que,  segons  que  recita  Solimo  en 
lo  libre  de  les  maravelles  del  mon,  que  Gayo  Celio  diga  que  Jason  ocis 
Medea  ..  .»>  Continuando  la  narrazione  boccaccesca  si  conclude:  «.  .  Daci 
avant  no  tracta  pus  lo  dit  Johan  Bocaci  de  la  mort  de  la  dita  Medea;  be 
creu  que  Gayo  Celio,  demunt  allegat  per  Solimo,  tracta  de  la  mort  de  la  dita 
Medea  pus  largament.  ' 

'  Bibl.  de  Catalunya,  in  lìistitut  d'  Esfi/di's  Cataìans,  n°.  296;  e.  ISS^: 
«Mas  depuix  que  a  Virgili  (le  muse)  foren  familiars.  no  senti  ne  viu  que 
negun  altre  hagues  egual  part  en  elles.  Be  Tulli  e  Quintilia,  Omero,  Boeci 
e  Gracio,  Petrarqua  e  altres  latins  e  Dant  en  sa  vulgar  poesia  de  la  ad- 
ministracio  de  aquestes  se  aprofitaren,  mas  no  viu  degù  que  tant  aquelles 
se  costas  com  aquell  que  dix  Arma  viriimquc  cano;  elles  la  possaren  en 
la  culmen  e  altea  de  la  eloquencia». 

-  Colecc.  de  docum.  in  ed.  dèi  Archivo  general  de  la  Corona  de  Aragón, 
I,  p.  189.  ".  .  A  poques  coses  es  nat  qui  solamcnt  cogita  lo  poble  de  1^  sua 
edat;  e  per  90  Francesch  Patrarcha  ha  demostrat  quant  es  obligat  lo  rey  al 
regiment  de  son  poble;  dix  lo  bon  rey  servent  es  del  publich  . .»  Cfr. 
De  remediis,  I,  De  regno  et  imperio:  «.  .  ■  bonus  enim  rex  servus  est 
publicus». 


IL    «SOMNI»    D'  EN    BERNAT    METGE 


189 


ultimo  anno  del  secolo  XIV',  doveva  esser  composto  in  questo  tempo  ^^ 
quando  già  correva  tra  mani  religiose  la  versione  del  Bestiario  to- 
scano^. Così  mentre  le  melodiose  strofe  del  Cannoniere  in  vita  e  in 
morte  di  Madonna  Laura  molcevano  gli  orecchi  di  Lorenz  Mallol,  che 
neir  escondit  Molt  de  vets  dompna  ni  siiy  presentata  accenna  a  un 
rinnovamento  di  motivi  provenzali  dietro  influenze  petrarchesche*, 
Antoni  Canals  derivava  dall'  Africa  lunga  parte  del  suo  Tractat 
sobre  Scipio  y  Anibal  ^  e  Bernat  Metge  traduceva,  con  breve 
dedica  a  Isabel  de  Guimera,  la  Ystoria  de  Valter  e  de  Griselda 
nella  redazione  latina  del  Petrarca  «lo  qual  viura  perpetualment 
en  lo  mon  per  fama  e  per  los  insignas  libres  que  ha  fets  a  nostra 
instruccio»  ^. 


^  Beek,  Handschriftenschdtse  Spaniens,  p.  405;  Carini,  op.  cit.,  p.  458; 
P.  G.  Antolin,  Catàlogo  de  los  códices  latinos  de  la  R.  Bihl.  del  Es- 
coriai, Madrid,  1913;  III,  p.  192. 

^  Manoscritto  fattomi  conoscere  dal  caro  amico  Ramon  d'  Alós,  che  ne 
farà,  quanto  prima,  noto  il  contenuto  riguardante  «les  flors  de  Patrarcha  de 
remey  de  cascuna  fortuna  .  .» 

^  Bibl.  provincial  y  universitaria  de  Barcelona,  ms.  21.  2.9;  ce.  ISó^^-b  — lyS^-b. 
È  il  manoscritto  di  cui  parla  il  Villanueva,  Viage  litev.,  XVIII,  221. 
Dello  stesso  bestiario  una  redazione  più  antica,  ma  incompleta,  è  nella 
Bibl.  de  Catalunya  dell'  Institut  d'  Estudis  Catalans,  mise.  310; 
ce.  37--— 7P. 

*  Torres  Amat,  op.  cit.,  p.  359;  Mila  y  Fontanals,  Obras,  II,  p'.  504; 
Sanvisentj,  op.  cit.,  p.  364. 

^  In  Novelari  catald  dels  segles  XIV a  XVIII,  ed.  R.  Miquel  y  Planas. 
Cfr.  A.  Mg  KL  Patio,  Katal.  Litter.  in  Grundriss  del  Grober,  II,  2,  p.  125; 
Sanvisenti,  op.  cit.,  p.  345  sgg. 

^  Obres,  p.  79.  Per  la  storia  dei  volgarizzamenti  catalani  di  opere  italiane 
e  per  la  diffusione  di  queste  in  Catalogna,  ,cfr.  Nicolau,  Apiints  sobre 
r  iìifliicncìQ  italiana,  p.  168  sgg.  Ci  piace  del  resto  qui  notare  alcuni 
numeri  dell'  inventario  (in  Mila  y  Fontanals,  Obras,  II,  p.  516,  n.  22) 
dei  libri  appartenuti  alla  biblioteca  di  re  Martino  (1396 — 1410):  n°.  5  gloses 
del  Ovidi  metamorfoseos  (comensa:  Incipiunt  gloside  Ovidi .  .  .  E  faneix: 
//  boni  y  coragi;  n".  115  Coern  en  pergami  scrit  en  pianesch  (com.:  Queste 
sone  e  fan.:  per  public  a  fama):,  n°.  169.  De  sompni  en  revelació  en  sicilià; 
n°.  188.  Libre  de  Titu  (com.:  io  non  soye  bene  attuto).  Per  un  '^Titus 
Livius  en  paper  e  lenguatge  sicilià»  chiesto  da  Giovanni  I  (4  ottobre  1390) 
a  Bertrando  de  Jonquerio,  cfr.  A.  RuBió  y  Llucii,  DociUìients,  I,  p.  363 
e  J.  MiRET  y  Sans,  Llibres  y  joyes  del  Rey  Marti  no  inventariats 
en  1410  per  la  reyna  Margarida ,  in  Revista  de  la  Asociación  ar- 
tistico -  arqueológica    barcelonesa    VII,     1909—1910;     pp.    227  —  228; 


190  MARIO    CASELLA 

Se  dunque  alla  triplice  corona  toscana  i  catalani  prontamente  si 
volsero,  non  tanto  furono  guidati  dalle  loro  predilezioni  morali  e  di- 
dattiche, quanto  dall'  ardore  dell'  erudizione,  dal  senso  e  dall'  amore 
deir  antico  che  in  essa  ritrovavano.  L'  umanesimo  nascente,  come 
affermavamo  dianzi,  preparava  in  Catalogna  favorevoli  accoglienze 
a  coloro  che  in  Italia  furono  dell'  umanesimo  i  primi  assertori  e  i 
primi  propugnatori;  né  altrimenti  si  potrebbe  spiegare  la  rapida  di- 
vulgazione degli  scritti  latini  del  Petrarca  e  delle  opere  erudite  del 
Boccaccio. 

Nessuna  meraviglia  se  il  Somni  di  Bernat  Metge,  indagato  nelle 
sue  fonti,  ci  si  presenti  come  1'  esponente  più  significativo  del  movi- 
mento intellettuale  dell'  epoca  e,  disvelandoci  nel  loro  confluire  le 
correnti  del  pensiero  contemporaneo,  serva  a  fissare  un  momento 
critico  e  risolutivo,  dopo  il  quale  la  letteratura  catalana,  spoglia 
sempre  più  di  concezioni  medievali ,  procederà  alla  conquista  del 
classicismo. 

Per  la  dimostrazione  dell'  immortalità  dell'  anima,  in  cui  con  un 
procedimento  scolastico  di  autorità  sono  collocati  quasi  allo  stesso 
livello  i  pensieri  e  i  giudizi  di  scrittori  sacri  e  profani,  il  Metge  attinge 
liberamente  al  quarto  libro  dei  Dialoghi  morali  di  Gregorio  Magno, 
quadrando  la  forma  dialogica  con  lo  svolgimento  del  Somni.  Le 
domande  rivolte  all'  ombra  del  re  sul  fatto  che  1'  anima  abbandona  il 
corpo  senza  esser  vista,  originando  il  dubbio  che  altro  non  sia  che  la 
vitalità  del  corpo  senza  avere  un'  esistenza  propria  e  autonoma,  trovano 
riscontro  nella  questione  che  Pietro  pone  a  Gregorio  ^  e  servono  a 
fissare  la  triplice  distinzione  di  spiriti  vitali-. 


n°.  186  Epistolas  de  Seneca  en  Sicilia;  n°.  266  Marco  Polo  en  romans  (Asi 
conieni:a  lo  libre  de  las  provincias).  È  la  redazione  del  ms.  Riccardiano 
2048.  Per  la  traduzione  catalana  del  De  regimine  principiim  di  Egidio 
Colonna,  cfr.  A.  RuBió  y  Lluch,  Dociinicnts,  I,  n°.  COCXIV;  per  Brunetto 
Latini,  cfr.  J.  B.  Codina  y  For:\iosa,  Libre  dels  ensenyanients  de  bona 
parleria,  in  Boleti)}  de  la  R.  Acad.  de  Buenos  Lei  ras  de  Barcelona,  I, 
p.  181  sgg.  Per  lo  studio  dei  trattati  di  Albertano,  della  Retorica  di  Bru- 
netto Latini  e  della  compilazione  del  Canals  su  accennata,  cfr.  Doctrina 
moral  del  Mallorqiii  en  Pax,  ed.  G.  Llabrks  y  Quintana,  Palma  de 
Mallorca,  1889;  capp.  XVIII,  XIX,  XXV,  XXXII. 

'  Somni,  64-69;  Mignf,  P.  L.,  LXXVII,  328. 

^  Che  il  procedimento  formale  con  cui  il  dialogo  s'  inizia  si  rannodi  a  tradi- 
zioni scolastiche  e  costituisca,  per  così  dire,  un  motivo  tradizionale  serva 
d'  illustrazione  quanto  scrive  il  Parodi,  in  Bidl.  della  Società  Dant.  Ital., 
N.  S.,  XXII,  p.  42  sgg. 


IL    «SOMNIS»    D'   EN    BERNAT    METGE 


191 


MiGNE,  P.L.,  LXXVII,  321. 
Tres  quippe  vitales  spiritus  creavit 
omnipotens  Deus  :  unum  qui  carne 
non  tegitur  ;  alium  qui  carne  te- 
gitur,  sed  non  cum  carne  moritur  \ 
tertium  qui  carne  tegitur  et  cum 
carne  non  moritur.  Spiritus  nam- 
que  est  qui  carne  non  tegitur, 
angelorum  ;  spiritus  qui  carne  tegi" 
tur  et  cum  carne  non  moritur,  ho- 
minum;  spiritus  qui  carne  tegitur 
et  cum  carne  moritur,  iumentorum 
omniumque  brutorum  animalium. 
Homo  itaque  sicut  in  medio  crea- 
tus  est,  ut  esset  interior  angelo, 
superior  iumento,  ita  aliquid  habet 
commune  cum  summo ,  aliquid 
commune  cum  infimo;  immortali- 
tatem  scilicet  spiritus  cum  angelo, 
mortalitatem  vero  carnis  cum  iu- 
mento, quousque  et  ipsam  morta- 
litatem carnis  gloria  resurrectionis 
absorbeat  et  inhaerendo  spiritui 
caro  servetur  in  perpetuum ,  qua 
et  ipse  spiritus  inhaerendo  carni 
servatur  in  Deum. 


Omettendo  qua  e  là  ciò  che  può  parere  ingombrante  allo  svolgi- 
mento della  sua  tesi^  il  Metge  traduce  letteralmente  e  così  continua 
derivando  da  Gregorio  Magno  anche  le  citazioni  bibliche  che  valgano 
a  corroborare  le  sue  argomentazioni;  anzi,  dimostrando  una  larga 
lettura,  rileva  nei  Dialoghi  morali  una  fonte  di  S.  Tommaso  ^ 

Rimossi  i  dubbi  che  sempre  con  minor  persuasione  il  Metge  aveva 
manifestato  2  e  ammessa  1'  esistenza  autonoma  dell'  anima,  il  re,  dopo 
aver  accennato  sulla  scorta  del  De  anima  di  Cassiodoro  alla  distin- 
zione tra  anima  e  spirito-,  passa  alla  rassegna  delle  v autorità».  Per 
la  succinta  esposizione    delle  opinioni  tenute  in  proposito  dagli  antichi 


Somni,  81—94. 
.  .  .  car  de  tres  maneras  d'espirits 
vidals  ha  creat  nostre  Senyor  Deu. 
Uns  que  en  la  cre'acio  del  mon 
hagueren  comensement  de  eli,  e 
no  son  cuberts  de  carn,  e  aquests 
son  los  angels;  altres  que  han 
novell  principi  del  Creador,  e  son 
cuberts  de  carn,  mas  no  moren 
ab  aquella,  e  aquests  son  los  ho- 
mens;  altres  qui  son  cuberts  de 
carn,  e  nexen  e  moren  ab  aquella, 
e  aquests  son  los  animals  bruts. 
Lo  hom  es  stat  creat  en  lo  mig, 
per  tal  que  fos  pus  bax  quels 
angels  e  pus  alt  que  les  bestias, 
e  que  hagues  alguna  cosa  comuna 
ab  lo  subirà  e  ab  lo  jusa,  (;o  es  a 
saber  inmortalitat  ab  los  angels  e 
mortalitat  de  la  carn  ab  les  besties. 


entro  que 
mortalitat. 


la  resureccio  reparas  la 


^  Somali,  95—120;  Mignf,  P.  L.,  LXXVII,  321,  324;  Stimma  contra 
Gentiles,  II,  79. 

2  Somni,  150-154;  Migne,  P.L.,  LXXVII,  320. 
""  Somni,  210-235;  Migne,  P.  L-,  LXX,  1082-80. 


192 


MARIO    CASELLA 


greci  e  romani,  primo  gli  si  presentava  Cicerone,  che  nelle  Ttisculane 
esamina  le  idee  dei  filosofi  intorno  alla  morte  e  alla  natura  dell'  anima, 
per  conchiudere  che  la  morte  non  è  un  male,  sia  che  con  essa  cessi 
il  travaglio  dell'  esistenza,  sia  che  per  essa  s'  attui  il  passaggio  a  una 
vita  migliore.  Il  Metge  traduce  i  punti  principali  ^,  ma  non  afferrando 
bene  il  senso  delle  parole,  accomuna  con  Empedocle,  Zenone,  Aristosseno, 
Senocrate  e  gli  altri  greci,  anche  Cornelio  Scipione  Nasica,  1'  oratore 
e  giureconsulto  romano. 


Somni,  250 — 253. 
Entre  los  antichs  philosophs  fo 
gran  questio  que  era  la  anima.  E 
dix  Nasica,  quel  cor;  Enpedocles, 
la  sanch.  Altres  digueren  que  una 
part  del  cervell  tenia  lo  principat 
de  la  anima  .  .  . 


Ttisc,  I,  9. 

Aliis  cor  ipsum  animus  videtur,  ex 
quo  «excordes»,  «vaecordes»,  «con- 
cordesque»  dicuntur  et  Nasica  ille 
prudens  bis  consul  «Corculum»  et: 
Egregie  cordatus  homo  catus  Aelius 
Sextus.  Empedocles  animum  esse 
censet  cordi  suffusum  sanguinem, 
aliis  pars  quaedam  cerebri  visa  est 
animi  principatum  tenere  .  .  . 

Le  ragioni  positive  e  negative  addotte  per  dimostrare  1'  anima 
sostanza  spirituale,  vivificatrice,  razionale  e  immortale,  le  distinzioni 
sottili  tra  r  atto  creatore  e  il  fatto  creato,  tra  le  funzioni  dello  spirito 
e  quelle  del  corpo,  tutte  desunte  da  Cassiodoro^,  servono  di  trapasso 
logico  per  venire  allo  spiritualismo  cui  Cicerone  s'  attiene  contro  il 
materialismo  degli  Stoici  e  di  Posidonio'*  e  definire,  con  insistenza 
maggiore  e  con  più  ricca  copia  di  particolari  accessori,  1'  incorrutti- 
bilità dell'  anima  secondo  S.  Tommaso^. 

In  questo  rapido  passaggio  da  scrittori  pagani  a  scrittori  cristiani 
vediamo  la  materia  disciplinarsi  secondo  un  determinato  piano  pro- 
spettico, che  colloca  nella  sua  giusta  luce  ogni  particolare,  coordinan- 
dolo al  fine  proposto.  Si  noti.  S.  Tommaso  con  argomentazioni  rica- 
vate da  una  minuta  analisi  dei  fatti  naturali,  dimostrata  1'  incorrutti- 
bilità dell'  anima  e  la  sua  essenza  prettamente  intellettiva,  accenna 
fugacemente  ai  Mciaphysica  (11,  16)  di  Aristotele,  dove  é'  oppugna 
Platone,  iquoJ  causae  moventes  praeexistunt,  causae  vero  formales 
sunt   simul   cum  his  quorum  sunt  causae*.    È  un  rapido  accenno  alla 


1  Somni,  'lb^-i(il\  Tusc.  Dhpiit,  I,  9—10. 

2  Soynni,  269-350;  Mignk,  P.  L.,  LXX,  1083-85. 
""  Somni,  400-407;  Tusc.  Dispnt.,  I,  27. 

*  Somni j  407—459:  Stimma  contra  Gentiles,  II,  79. 


IL    «SOMNI»    D'   EN    BERNAT    METGE  193 

teoria  del  movimento,  ma  è  sufficiente  al  Metge  per  ritornare  a 
Cicerone  che  nelle  Tiisculane ,  come  nel  sesto  libro  del  De  repiiblica, 
attingendo  al  Fedro  di  Platone,  dopo  aver  con  prove  metafisiche 
combattuto  1'  opinione  che  1'  anima  non  si  possa  pensare  indipendente 
dal  corpo,  allarga  i  limiti  della  propria  dimostrazione  assurgendo  al 
concetto  della  preesistenza  ed  eternità  dell'  anima'.  Di  qui  ebbe  il 
Metge  la  conoscenza  del  «Phedrone*  di  cui  parla  poco  appresso^, 
senza  pensare  eh'  egli  possa  averlo  direttamente  letto  ^.  Del  resto  in 
Catalogna  ne  doveva  esser  diffusa  una  versione  latina,  come  sembrano 
provarlo  le  citazioni  dal  Fedro  nella  lettera  proemiale  al  Tractat  entre 
Scipio  e  Anibal  di  Antoni  Canals*. 

Compiuta  così  la  trattazione  dottrinale,  seguono,  come  1'  ombra  del 
re  aveva  promesso  sin  da  principio,  «les  auctoritats»  ;  e  il  primo 
appoggio  è  pur  qui  offerto  dalle  Tusculane.  Dell'  immortalità  dell' 
anima  umana  Cicerone  trovava  argomenti  di  dimostrazione  nella  diffu- 
sione di  tale  credenza  sin  dalle  età  antiche,  nell'  assentimento  che 
tutti  i  popoli  avevano  dato  ad  essa,  nella  fiduciosa  speranza  con  cui 
gli  uomini  avevano  fronteggiato  1'  incerto  avvenire  e  nel  pensiero 
persistente  della  gloria,  che  è  prolungamento  della  vita  oltre  la  tomba, 
premio  delle  fatiche  durate  in  vita.  Tale  naturalmente  è  il  pensiero 
del  Metge -^j  che  dalle  Tusculane  trae  anche  la  citazione  di  Ferecide 
e  dei  Pitagorei^. 

Trattandosi  di  una  rassegna  di  opinioni  era  facile  procedere  a  sbalzi 
dall'  una  all'  altra  opera,  senza  sentirsi  inceppati  da  necessità  d'  ordine 
logico.  Quindi  il  Metge  può  nel  Sonini  inserire  parte  del  discorso  di 
Lelio  sulla  morte  di  P.  Scipione  Africano,  qual  è  dato  al  principio  del 
De  amicitia'^,  ancor  che  accenni  quasi  di  sfuggita,  seguendo  però  le 
parole  di  Cicerone,  al  Somnium  Scipionis  da  lui  letto  nel  commen- 
tario di  Macrobio  e  al  noto  episodio  dell'  Africa  del  Petrarca^.  Quasi 
subito  dopo  questa  dichiarazione,  torna  alle  Tusculane  rammemorando 
r  ultimo  discorso  di  Socrate  e  la  morte  di  Catone  in  Utica^. 


^  Somni,  460—480;  Tusc.  Disput.,  I,  22. 

2  Somni,  511—512. 

^  Menéndez  y  Pelavo,  Ensayos  de  crii,  filosofica,  pp.  88—89. 

*  Ed.  cit.,  p.  12. 

s  Somni,  561—600;  620-635;  Tusc.  Disput.,  I,  12-14. 

^  Somni,  620—635;  Tusc.  Disput.,  I,  16. 

'^  Somni,  636—660;  De  amicitia,  capp.  3 — 4. 

8  Somni,  660—665;  Africa  VII,  740  sgg. 

9  Somni,  670—694;  Tusc.  Disput.,  I,  29—30. 

Archivum  Romanicum.  —  VoL  3.  —  1919.  13 


194  MARIO    CASELLA 

A  Valerio  Massimo  che  il  Metge,  come  noteremo  fra  poco,  conosce 
assai  bene  e  di  cui  si  gioverà  per  discostarsi  quando  può  e  come  può 
dal  De  claris  ìniilierihiis  del  Boccaccio,  sono  tolti  alcuni  pochi  esempi, 
più  tosto  accennati  che  svolti  ^  per  non  abbandonare  Cicerone,  di  cui 
plagia  il  discorso  di  Marco  Catone  a  Scipione  e  a  Lelio  nel  De  senectute  ^. 

Cicerone  costituisce  dunque  per  il  Metge  uno  dei  capisaldi  per  la 
conoscenza  del  pensiero  antico  sul  problema  dell'  immortalità  dell' 
anima,  e  nell'  eclettismo  della  sua  filosofia  trova  la  strada  per  risalire 
al  mondo  greco,  a  Platone,  a  Socrate  e  a  Pitagora.  Che  in  appoggio 
alla  trascendenza  cristiana  intervenga  per  la  prima  volta  nella  lettera- 
tura volgare  1'  antichità  classica,  sia  adattando  alla  più  rigorosa  orto- 
dossia le  dottrine  ontologiche  di  Platone,  sia  sostituendo  al  cielo  pro- 
messo ai  credenti  il  cielo  del  mondo  pagano  che  nel  Somnitim  Sci- 
pionis  abbagliava  con  1'  ideale  della  grandezza  storica  e  della  fama, 
è  un  fatto  singolarmente  degno  di  meditazione,  poiché  anche  una 
volta  conferma  il  lento  dissolversi  della  coscienza  religiosa,  oppressa 
dalla  sorgente  marea  di  scetticismo  e  di  mondanità,  e  implica  con  1' 
avvento  del  criticismo  e  del  razionalismo  la  distruzione  dei  dogmi 
fondamentali  del  cristianesimo  ^. 

Per  le  autorità  giudaiche  e  cristiane  il  Metge  si  vale  moltissimo 
della  Bibbia,  di  cui  abbiamo  direttamente  o  indirettamente  tradotti 
numerosi  passi  dal  Genesi  al  libro  di  Giobbe,  dai  libri  dei  Re  ai 
Salmi,   dall'  Ecclesiaste  a  Isaia,   da  Daniele  a  Sofonia*;    per  le  tradi- 


^  Somni,  695—700;  cfr.  Detti  mem.,  II,  6,  10;  Sonini,  714—715;  cfr. 
Detti  mem.,  I,  8,  1  ;  I,  8,  5. 

'-*  Somni,  l\l—l'iò\  De  senectute,  cap.  21.  Per  riscontri  più  particola- 
reggiati rimando  a  Ll.  Nicolau  y  d'  Olwer,  Del  classicisme  a  Catalunya. 
Notes  al  primer  dialech  d'  en  Bernat  Metge,  in  Estudis  Univ.  Cat.,  III, 
1909,  p.  429  sgg.  Di  questi  plagi  scriveva  Ferrando  Valenti  nel  prologo 
alla  sua  versione  dei  Pavadoxa  di  Cicerone:  «pensa  lo  que  ha  fet  en  Bernat 
Metge,  gran  cortesà  he  familiar  real,  en  la  gran  vesió  he  sompni  per  eli 
compost,  part  del  qual  venra  pots  en  la  primera  Questió  tosculana  he  part 
per  lo  Boccatci  recitat  he  narrat  * .  (G.  Llabrés,  in  Museo  Balear,  Segunda 
Època,  Palma  de  Mallorca,  I,  1884,  p.  63.) 

^  In  proposito  si  vedano  le  osservazioni  del  Burckhardt,  La  civiltà  del 
rinascimento  in  Italia,  Firenze,  1901;  II,  p.  339  sgg. 

'  Somni,  533-34,  Job,  XVII,  13;  537-40,  Job,  XIX,  25—26;  746, 
Genesi,  I,  26;  765,  Genesi,  XXXVII,  36;  779,  Re,  I,  XXVIII,  7-20; 
780-83,  Re,  III,  XVII,  17-24;  785-9,  i?^,  IV,  XIII,  20-21;  791,  Psal., 
XV,  10;  792,  Psal,  XLVIII,  16;  795,  Psal.,  XXIX,  4;  800,  Eccl.,  XII,  7; 
793,  Psal.,  CXXXVIII,  1;  801,  Isaia,  XXXVII,  10;  804,  Isaia,  XXXVII, 
17;  805-8,  Daniel,  XII,  1-3;  809,  Sofonia,  III,  8.  Cfr.  pure  100-4, 
EccL,  III,  19;  110-1,  EccL,  XII,  7;  113-5,  EccL,  XII,  13;  1000,  Genesi, 
IX,  4;  1001,  Levit.,  XVII,  11;  1140-2,  Job,  XIV,  5. 


IL    «SOMNIJ»    D'   EN    BERNAT    METGE  195 

zioni  cristiane  si  serve  dei  vangeli  di  Luca  e  di  Matteo'.  Non  manca 
pure  una  brevissima  allusione  al  Corano^,  ma  così  vaga  da  impedirci 
una  qualsiasi  identificazione.  L'  ultima  parte  del  primo  libro,  in  cui 
si  ritorna  alle  prime  questioni  sulla  mortalità  dell'  anima  nei  bruti,  è 
derivata  da  S.  Tommaso  con  amplificazioni  di  minor  conto  e  con 
ripetizioni,  che  intralciano  la  dirittura  logica  e  la  dimostrazione  serrata 
dell'  Aquinate^.    - 

Non  e'  indugeremo  a  lungo  sul  secondo  libro,  che  pure  presenta 
alcuni  punti  di  riferimento  a  opere  note.  Parlando  della  sua  morte  im- 
provvisa, il  re  afferma  che  «la  millor  manera  de  morir  que  esser  puxe 
es  morir  sobtosament»  ;  e  continua:  «^E  not  recorda  la  questio  que  diu 
Patrarcha  en  los  Ranieys  de  cascuna  Jortnna,  que  fou  antigament 
entre  alguns  insignes  e  savis  homens,  90  es  a  saber  qual  manera  de 
morir  era  millor;  en  la  qual  entrevench  Julius  Cesar,  qui  aquella 
diffini,  dient  que  la  mort  sobtosa  e  inopinada?»*  Non  manca  pure  uno 
dei  tanti  contrasti  tra  1'  anima  e  il  demonio,  «lo  princep  dels  mais 
spirits  acompanyat  de  terribla  companya»,  che  per  rapirla  a  Dio  usa 
di  tutti  gli  avvolgimenti  della  logica,  ma  è  sgominato  da  Maria  Ver- 
gine intercedente  presso  il  suo  divino  figliolo^;  se  non  che  i  caratteri 
troppo  generici  e  la  diffusione  del  tema  nella  letteratura  cristiana,  che 
già  s'  inizia  nella  epistola  di  S.  Giuda  ove  per  il  corpo  di  Mosé  sono 
in  lotta  il  diavolo  e  1'  arcangelo  Michele*^,  non  ci  acconsentono  di 
affacciare  il  sospetto  che  il  Metge  si  sia  ricordato  dell'  episodio  di 
Buonconte  da  Montefeltro. 


1  Luca.  XVI,  22,  Somni,  820;  Matteo,  X,  28  (^Liica,  XXII,  4-5),  Somni, 
824-6. 

2  Somni,  875,  884. 

3  Somni,  1000—1010;  1085—88;  Summa  cantra  Gentiles,  II,  82. 

*  Somni,  1237—42;  Cir.  De  remediisiitriiisgiie  fortiinae,  II,  De  dolore 
iliaco  atque  extasi. 

^  Somni,  1373-1494. 

*  D'  Ovidio,  Studii  sidla  Divina  Commedia,  Palermo,  1901;  p.  60  sgg. 
A.  Graf,  Miti,  Leggende  e  Superstizioni  del  Medio  Evo,  Torino,  1892; 
II,  p.  103;  E.  Amélinau,  Contes  et  Romans  de  l'Egypte  chréiienne, 
Paris,  1888;  I,  p.  64.  Mi  piace  qui  richiamare  un  passo  dell'  Eximenis  : 
«.  .  .  recompta  Judes  en  la  sua  canonica  dient  que  com  monsenyer  sent 
Miquel  Archangel  conteses  ab  lo  diable  sobre  lo  cors  de  Moj^ses  volent  lo 
amagar  per  que  los  juheus  no  1  adorassen,  el  diable  lo  volgues  publicar  per 
tal  que  1  adorassen,  ja  per  està  tanta  malicia  del  diable  monsenyer  sent 
Miquel  no  1  gosa  malayr,  mas  dixli:  «Imperet  te  Deus".  (Ter(:.  del  crestid, 
ms.  cit.,  e.  374''-b.)  Quasi  con  le  stesse  parole  in  Llibre  dels  angels,  Bar- 
celona, 1494;  cap.  XI,  tract.  II;  e.  XIX^ 

13* 


196  MARIO    CASELLA 

Se  il  Sanvisenti  con  la  consueta  vaporosità  di  impressioni,  affermando 
che  il  Somni  rivela  «T  efficacia  categorica  del  Petrarca^,  mostrava 
di  non  avere  dell'  opera  catalana  una  conoscenza  adeguata  né  di  aver 
presente  1'  episodio  di  Scipione  nel  settimo  libro  dell'  Africa,  coloro 
che  per  la  discesa  d'  Orfeo  all'  inferno  sì  richiamarono  a  Dante,  ne 
esagerarono  1'  importanza  e  dimenticarono  le  fonti  classiche  comuni^. 
Le  notizie  radunate  dal  Metge  intorno  al  greco  cantore  che  a  Plutone, 
per  intercessione  di  Proserpina,  strappa  la  cara  consorte,  il  patto  e  il 
furtivo  sguardo  che  gliela  rapisce  per  sempre  son  tratti  dalle  Meta- 
morfosi di  Ovidio^.  Lo  schema  invece  di  tutto  1'  inferno,  attraverso 
a  qualche  reminiscenza  dantesca,  è  desunto  dall'  Eneide. 

«Tu  me  forges  de  remembrar  cosas  fort  desplasents  a  la  mia  pensa; 
ma  pux  ho  vols,  sia  fet  axi  com  te  plaura>  dice  Orfeo  al  Metge, 
ricordando  il  principio  della  strage  troiana  fatta  da  Enea  a  Didone*. 
«En  lo  plus  alt  loch  de  una  gran  montanya  piena  de  selves,  sobra  la 
mar,  ha  una  gran  ubertura  que  a  tot  hom  mostra  ampia  cami.  La 
entrade  no  es  scura  ne  clara  de  tot  ;  apres  de  la  qual  troba  hom  gran 
spay  abte  a  resebre  tot  lo  humanal  linatge.  Lo  entrar  no  es  de 
treba3"ll;  mes  lo  exir  es  impossibla,  sino  a  aquells  que  Deu  ordona 
quen  hisquen»  ^.  Nella  gran  conca  infernale  scorrono  il  Lete,  la  cui 
onda  concede  1'  oblio  del  passato,  il  Cocito  sulla  cui  riva  s'  aggirano 
avvoltoi,  corvi,  uccelli  d'  ogni  specie  ;  vi  stanno  la  fame,  la  confusione, 
le  tenebre,  la  paura,  il  dolore,  i  pianti,  il  bisogno,  i  sogni  vani  e  la 
vecchiaia*'.  In  parte  separata  e  tenebrosa  svolge  il  suo  lento  corso 
r  Acheronte,  che  s'  impaluda  nello  Stige'^.  Lo  custodisce  Caronte 
«fort  ve)41,  ab  los  pels  blanchs,  larchs  e  no  pentinats,  ab  los  uylls 
flameyants,  abrigat  de  un  mantell  fort  sutza  e  romput»^;  egli  accoglie 
e  traghetta  le  anime  infernali  gridando:  «Passats,  animes,  a  les  tenebres 
infernals  e  hont  soffarrets  fret  e  calor  inextimable.  E  no  hayats 
speranse  de  veure  ja  may  lo  cel»  ^,  Presso  1'  Acheronte,  in  una  grande 
caverna   sta  Cerbero    che   «ab   grans   ladraments  espanta,    turmenta  e 


1  Op.  cit.,  p.  354. 

2  Farinelli,  Dante  in  Ispagna,  p.  25;  Rubió  y  Lluch,  El  renacimiento 
clds.,  p.  59  sgg.  NicoLAu  y  d'  Olwer,  Apunts  sobre  V  inflnencia  ital-, 
p.  177  sgg. 

3  Somni,  1745-1830;  Metani.,  X,  5-117. 
*  Somni,  1906-1908;  Aen.,  II,  3,  12. 

■^  Sojnni,  1909-1915;  Aen.,  VI,  126-131. 
«  Sonmi,  1916-1926;  Aen.,  VI,  272—281. 
'  Somni,  1927-1929;  Aen.,  VI,  323. 

8  Somni,  1930—1932;  Aen.,  VI,  298—301. 

9  Somni,  1935—1938;  Dante,  InJ.,  Ili,  84-87. 


IL    «SOMNI»    D'   EN    BERNAT    METGE  197 

devora  tot  go  que  devant  li  ve»  ^  All'  entrata  dell'  inferno  stanno  i 
fanciulli  e  coloro  che  non  hanno  ricevuto  il  battesimo  ;  non  sono  in 
pena,  ma  solo  oppressi  dalla  tristezza  di  non  avere  speranza  di  salute. 
Poeti  e  filosofi  pagani,  inventori  di  arti  e  cavalieri  —  e  tra  loro  Orfeo 
e  Tiresia  —  vi  si  trovano  raccolti  ;  i  santi  padri  che  v'  ebbero  stanza 
un  tempo,  dopo  la  passione  di  Cristo  poterono  salire  al  cielo.  Da 
questa  commistione  di  elementi  cristiani  e  pagani  il  Metge  si  scioglie 
continuando  la  sua  descrizione  con  V  ordine  stesso  con  cui  procede 
Virgilio  :  più  innanzi  Minosse  fa  confessare  i  peccati  e  rimette  a  Rada- 
manto  i  peccatori,  perchè  giudichi  e  assegni  la  pena. 

;;E  a  la  exide  de  aquesta  habitacio,  troba  hom  un  carni  fort  aspre, 
per  lo  qual,  passant  deius  lo  gran  palau  de  Pluto,  subirà  princep  in- 
ternai, va  hom  als  pus  pregons  e  terribles  inferns,  hon  ha  primera- 
ment  una  gran  ciutat  de  tres  murs  fort  alts  e  de  un  riu  fogayant 
apellat  Flegetont.  E  ha  hi  un  molt  gran  portai,  les  colones  del  qual 
son  de  diamant,  e  sobra  aquellas  sta  una  torra  de  ferra  fort  alta, 
devant  la  qual  seu  Thesifone,  ab  vestedura  sangonosa,  e,  vetlant  con- 
tinuament,  bat  les  animas  cruelment,  ensemps  ab  les  germanes  suas 
que  dessus  has  oydes,  ab  serpens  quels  pengen  per  los  caps  avall,  a 
manera  de  cabells»  ^  Con  loro  Eaco  cura  1'  adempimento  della  sen- 
tenza di  Radamanto. 

Una  ripartizione  razionale  dei  peccati  manca;  e  il  Metge,  applicando 
la  pena  del  contrappasso  e  derivando  da  Virgilio  ^  e  dalle  medievali 
tradizioni  d'  oltretomba,  rassegna  disordinatamente  i  principali  vizi  e 
le  corrispondenti  pene  ^.    Precisione,  armonia,  simmetrica  distribuzione 


1  Somni,  1974-1985;  Aen.,  VI,  549-556. 

2  Somni,  2030—34;  Aen.,  VI,  620-621. 

^  Si  veda  per  esempio  nelle  Istories  religioses  di  S.  Pkdro  Pascual 
(ObraSj  Roma,  1906;  I,  p.  17  sg.)  la  discesa  di  Lazzaro  all'  inferno,  doye  si 
ha  una  rassegna  dei  peccati  che  con  qualche  modificazione  d'  ordine  torna 
nel  Metge.  Per  considerazioni  generali,  cfr.  A.  d'  Ancona,  /  pì'eciirsori 
di  Dante,  in  Scritti  Danteschi,  Firenze,  [1913],  p.  37  sgg.  Non  credo  sia 
da  trascurarsi  un  passo  del  Somni  relativo  a  Flegias,  ammonitore  delle  ombre 
e  partecipe  alla  pena  dei  Lapiti,  poiché  è  una  chiara  riprova  delle  argomenta- 
zioni del  Parodi  [Bnll.  della  Società  dant.  ital.,  XVIII,  1911.  p.  103  sgg.) 
contro  lo  Schedilo  (//  "Flegias"  di  Dante  e  il  «Phlegyas»  di  Virgilio,  in 
Rend.  del  R.  Istituto  Lombardo  di  Se.  e  lett.,  S.  II,  Voi.  XLII,  1909, 
p.  327  sgg.)  inteso  a  ravvalorare  1'  opinione  dell'  Havet  circa  alcune  trasposi- 
zioni di  versi  avvenute  nel  testo  dell'  Eneide  (VI,  601,  616—620,  602—607) 
ai  primissimi  tempi  della  sua  diffusione  manoscritta.  «Part  asso,  alguns 
roden  rochas  molt  grans  ab  lurs  caps  incessantment,  per  tal  com  son  stats 
reveladors  de  secrets,  e  han  anganats,  robats  e  morts  aquells  qui  en  ells  se 
fiaven.    Altres  son  portats  entorn  en  grans  rodes,  e  pugen  amunt  e  devallen 


198  MARIO    CASELLA 

delle  parti,  evidenza  di  rappresentazione,  che  costituiscono  i  pregi  dell' 
alta  poesia  di  Dante, -sono  affatto  ignoti;  né,  attenendosi  più  stretta- 
mente a  Virgilio,  il  Metge  si  sforza  di  rendere  quel  palpito  di  umanità 
che  freme  attraverso  la  narrazione  dei  tormenti  e  le  meravigliose 
vicende  dell'  insolito  pellegrino-,  il  divino  e  1'  umano  s'  involano  e 
restano  i  vecchi  ruderi  delle  rappresentazioni  medievali. 

Notammo  già  nel!'  architettura  generale  del  Somnì\  non  ostante  le 
deviazioni  rilevanti  e  1'  eccessivo  abbondare  nei  particolari,  una  rasso- 
miglianza col  Corbaccio  boccaccesco.  Il  Farinelli,  messo  in  sospetto 
dà  una  postilla  che  si  trova  nel  manoscritto  del  Somni  conservato 
nella  Biblioteca  universitaria  di  Barcellona^,  ha  notato  quanto  deve 
al  Boccaccio  la  diatriba  contro  le  donne,  che  Tiresia  —  1'  altro  per- 
sonaggio le  cui  sorti  erano  tratteggiate  nelle  Metamorfosi  ovidiane  ^  — 
espone  al  Metge  innamorato  di  una  donna  «que  no  es  sa  muller»  ^. 
L'  ardente  accanimento  del  vecchio  indovino  contro  il  sesso  gentile 
accusato  di  lascivie,  d'  avarizia,  d'  astuzia  e  di  caparbietà,  le  volgarità 
grossolane  che  egli  accumula  in  un  lungo  discorso,  che  costituisce  la 
fine  del  terzo  libro,  sono  alla  lettera,  con  qualche  leggera  e  insipida 
variazione,  plagiati  dal  Corbaccio^,  in  cui  la  tendenze  misogine  eredi- 
tate dal  medioevo  culminano  in  uno  scatto  violento  d'  amor  proprio 
colpito,  con  una  acrimonia  che  eccede  e  scema  1'  efficacia  della  satira. 
Ma  le  armi  che  messer  Giovanni  forniva  a  coloro  che  volessero  rin- 
tuzzare quello  sfogo,  sono  raccolte  dal  Metge.  Nulla  era  più  proprio 
che  opporre  alle  ragioni  soggettive  di  Tiresia,  ossia  del  Boccaccio,  i 
fatti  mirabili  di  generosa  bontà,  d'  amore  disinteressato,  di  fortezza 
virile  che  questi ,  rifacendosi  dalla  storia  antica,  aveva'  radunati  nel 
De  claris  mulieribus.  La  storia  parlava:  Eva,  Orizia,  Semiramide, 
Tamiri,  Zenobia,  Aurelia,  Pantasilea,  Camilla,  Minerva,  Iside,  Carmenta, 
Saffo,  Proba,  Ipsicratea,  Porcia,  Giulia,  Artemisia,  Turia,  Sulpicia, 
Lucrezia,  Irò,  Clelia,  Cornelia^  avevano  avuto  nel  Boccaccio  un  illustfa- 
tore  avveduto,  che  da  più  fonti  aveva  derivato,  ampliando  a  colorendo 
con  maggior  vivezza  di  tinte,  aggiungendo  considerazioni  morali, 
spiegando  e  commentando  le  varie  azioni,   infondendo  un  certo  vigore 


continuament,  per  tal  com  son  stats  ambiciosos.  Altres  jahen  deius  grans 
rochas,  e  son  greument  premuts  per  aquelles,  cridants  altament:  «Aprenets 
de  fer  justicia,  e  de  no  menysprear  Deus»  (2024 — 2032). 

^  Les  obres  d'  en  Bernat  Metge,  p.  184;  n.  \. 

2  Somni,  2225—2260;  Metani.,  Ili,  316—338. 

^  Farinelli,  Note  sulla  fortuna  del  «Corbaccio»,  pp.  444—460. 

*  Somni,  2285—2855. 

'  Somni,  2970-3142. 


IL    «SOMNI»     D'    EN    RKRNAT    METGE 


199 


di  vita  a  brevi  e  aride  notizie,  che  gli  si  presentavano  in  veste  povera 
e  succinta  ^ 

La  Griselda  latina  del  Petrarca,  che  il  Metge  aveva  resa  catalana, 
non  poteva  dimenticarsi:  «la  pasciencia,  fortitut  e  amor  conjugal  de 
Griselda  callare,  car  tant  es  notoria,  que  va  la  reciten  per  enganar  les 
nits  les  velles  com  filen,  en  ivern,  entorn  del  foch>^;  e  con*  Griselda 
si  menzionano  Sara,  Rebecca,  Rachele,  Giuditta,  Ester  e  Rut,  per 
venire ,  trascorrendo  rapidamente  sulle  età  medievali ,  alle  regine  d' 
Aragona,  dalla  moglie  di  Giacomo  II  a  Sibilla,  a  Violante  e  a  Maria 
«ara  regnant;  no  gens  per  tal  que  ella  meresca  esser  derrera  per 
menoritat  de  virtutz,  mas  per  darlin  avantage  e  honor». 

Una  delle  fonti  a  cui  il  Boccaccio  attinge,  sono  i  Detti  memorabili 
di  Valerio  Massimo,  così  letti  e  ammirati  nel  medioevo,  così  cari  ai 
catalani  che  ce  ne  danno  di  questo  tempo  per  opera  del  Canals  una 
versione  completa.  Un  fatto  simile  non  sfuggì  al  Metge.  Con  un 
procedimento  che  si  riscontra  pure  nel  Libro  de  las  claras  e  virtuosas 
mtigeres  di  Alvaro  de  Luna  ^,  egli  trae  la  materia  dal  Boccaccio  senza 
dimenticarsi  di  Valerio,  anzi,  quando  può,  lascia  lo  scrittore  italiano 
per  il  latino. 


Dici.  Memor., 
.  IX,  3,  ext.  4. 
. . .  namque  Samiramis 
Assyriorum  regina, 
cum  ei  circa  cultum 
capitis  sui  occupatae 
nuntiatum  esset  Ba- 
bylona  defecisse,  altera 
parte  crinium  adhuc 
soluta  protinus  ad  eam 
expugnandam  cucurrit 
nec  prius  decorem  ca- 
pillorum  in  ordinem 
quam  urbem  in  po- 
testatem  suam  redegit. 
Quo  circa  statua  eius 
Babilone  posita  est  ilio 


De  claris  mulieribus, 
De  Semiramide,  e.  II 
.  .  .  non  solum  .  .  .  tu- 
tavit  imperium  sed 
Aethiopiam  a  se  acri 
lacessitam  bello  atque 
superatam  iunxit  eidem 
et  inde  in  Indos  vehe- 
mentia  arma  conver- 
tit  .  .  .  Babyloniam  in- 
super ...  in  civitatem 
restauravit ,  murisque 
ambivit.  Certissimum 
asserunt  eam,  pacatis 
rebus  et  otio  quiescen- 
tem  ac  die  quadam 
foeminea   solertia  cum 


Somni, 
2976—2989 

Ne  que  Semiramis,  re- 
gina dels  Assirians,  la 
qual  no  solament  regna 
per  molt  temps,  ans 
vencent  los  Indians  e 
Ethiops,  cresque  e  di- 
lata son  regna,  e  he- 
diffica  Babilonia  e  la 
sinyi  de  ampia  mur. 
No  res  menys,  com  un 
jorn  ella,  stant  en  la 
sua  cambre,  pentinant 
son  cap,  e  oys  dir  que 
Babilonia  havia  re- 
bellat,  tressada  la  una 


^  L.  Torretta,  Il  «Liber  de  claris  mulieribus  >  di  Giovanni  Boccaccio, 
in  Giorn.  Stor.  della  letterat.  ital.,  XXXIX,  1902,  p.  281. 
2  Somni,  3144—3148. 
^  Sanvisenti,  op.  cit.,  p.  289  sgg. 


200 


MARIO    CASELLA 


habitu,  quo  ad  ultionem 
exigendam  celeritate 
praecipiti  tetendit. 


pedissequis  crines  di-  i 
sterminantem  ac  ritu 
patrio  in  tricas  redu- 
centem,  actum  esse, 
cum  nondum  praeter 
medios  deduxisset,  ut<: 
illi  nuntiaretur  Baby- 
loniam  defecisse  ;  quod 
adeo  aegre  tulit,  ut 
proiecto  pectine  con- 
festim  ab  officio  mu- 
liebri irata  consurgens, 
corriperet  arma  ;  ac 
eductis  copiis  obsideret 
urbem  praevalidam  ; 
nec  ante  quod  inordi- 
natorum  crinium  su- 
perfuerat  composuit, 
quam  potentissimam 
civitatem  longa  obsi- 
dione  affectam  in  de- 
ditionem  cogeret  et 
suo  dominio,  infestis 
revocaretarmis.  Cuius 
tam  animosi  facinoris 
diu  exhibuit  testimo- 
nium  statua  ingens  ex 
aere  conflata  et  in  Ba- 
bylonia  erecta,  foemi- 
nam  solutis  ex  altero 
latere  crinibus,  ex  al- 
tero in  tricam  com- 
positis  praetendens. 


part  dels  cabells  tant 
solament,  e  1'  altre 
part  scampada  e  en- 
care  no  composta,  pre- 
ses  les  armes,  assetia 
la  dita  ciutat,  la  qual 
a  si  matexa  subjuga, 
abans  que  del  tot  ha- 
gues  acabat  tressar 
r  altra  part  dels  ca- 
bells. En  memoria  de 
la  qual  cosa,  fo  feta 
una  gran  statua  femi- 
nina  de  metayll,  po- 
sade  en  Babilonia,  en 
loch  alt,  ab  la  una 
part  dels  cabells  solta 
e  ab  r  altra  tressade. 


La  necessità  di  conseguire  il  massimo  effetto  col  minimo  dispendio 
di  parole  inducono  il  Metge  a  sunteggiare,  a  cogliere  i  punti  salienti, 
omettendo  i  particolari;  alcune  donne,  come  Pantasilea,  Minerva, 
Carmenta,  Camilla,  Iside  e  Saffo  hanno  solo  un  brevissimo  accenno  ^ 
Il  Boccaccio  amplifica  e  nel  suo  periodo  ampio  e  laboriosamente  con- 


*  Somni,  3005-3017. 


IL    «SOMNI»  .D'   EN    BERNAT    METGE 


201 


gegnato  troppo  raduna,  mentre  Valerio  semplice,  stringato,  più  atteso 
al  contenuto  che  alla  forma,  vago  di  quanto  può  allettare  la  fantasia 
senza  concederle  modo  di  liberarsi  al  volo,  s'  arresta  all'  episodio.  In 
ciò  sta  la  ragione  della  predilezione  del  Metge. 


Dict.  Memor.y 
IV,  6,  4. 
Quae  (Julia  C.  Cae- 
saris  filia)  cum  aedi- 
liciis  comitiis  Pompei 
Magni  coniugis  sui 
vestem  cruore  resper- 
sam  e  campo  domum 
relatam  vidisset,  terri- 
ta  metu  ne  qua  ei  vis 
esset  adlata,  exanimis 
concidit  partumque, 
quem  utero  conceptum 
habebat,  subita  animi 
consternatione  et  gravi 
dolore  corporis  eicere 
coacta  est. 


De  claris  nmlieribus, 
De  Julia,  e.  LXXIX. 
Quae  cum  vidisset  viri 
cruentas  vestes ,  an- 
tequam  causam  ex- 
quireret  suspicata  ne 
forsan  Pompeio  fuisset 
violenta  manus  iniec- 
ta,  quasi  non  illi,  oc- 
ciso  dilectissimo  sibi 
viro ,  supervivendum 
foret  in  sinistrum  re- 
pente delapsa  timorem, 
oculis  in  tenebras  re- 
volutis,  manibus  clau- 
sis  concidit  et  e  vesti- 
gio expiravit. 


Somni, 
3036—3042 

No  fo  manor,  a  mon 
juy,  aquella  que  Julia, 
filla  de  Julius  Cesar, 
hague  ;(la  amor  con- 
iugai) a  Pompeu  marit 
seu,  que  vehent  la 
vestedura  de  aquell 
un  poch  sanguonosa, 
e  cuydant  que  eli,  lo 
qual  ladonchs  no  era 
en  casa,  fos  mort,  en- 
continent  avorti  un  fili 
que  portava  en  son 
ventre,  e  sclatant  mori. 


Addurre  altri  esempi  è  superfluo;  ma  non  è  da  tacersi  che  dove  il 
Boccaccio  mesce  la  testimonianza  di  Valerio  Massimo  con  altre  fonti, 
come  nelle  vite  di  Lucrezia  ^  e  di  Clelia  ^  o  si  serve  di  scrittori  al 
Metge  ignoti,  come  nelle  vite  di  Proba,  di  Tamiri^  e  di  Orizia^,  la 
derivazione  del  Somni ^  dal  De  claris  mulieribus  è  più  che  mai 
evidente  '^. 

Ma  almeno  nell'  ultima  parte  della  risposta  a  Tiresia  in  difesa  delle 
donne   contro   gli   uomini'  fu  il  Metge  originale?     Anche  qui  accam- 


^  Dict.  Memor.,  V,  1,  1  ;  Livio,  I,  57—58. 

2  Dict.  Memor.,  Ili,  6,  2;  Livio,  II,  13. 

^  Giustino,  Ep.,  I,  8. 

*  Giustino,  Ep.,  II,  4. 

^  Somni,  3103-14;  3120-31;  3017-21;  2989-96;  2970-75. 

^  Le  conclusioni  del  Nicoi^AU  y  D'  Olwer,  Sobre  les  fonts  catalanes  del 
Tirant  lo  Blanch  (Estr.  dalla  Rev.  de  Bibl.  Cat.),  Barcelona,  1907;  p.  7  sgg. 
che  combatte  V  opinione  del  Farinelli,  Note  sulla  fortuna  del  Boccaccio, 
(in  Archiv,  CXV,  381,  n.  4)  vanno  quindi  accolte  con  qualche  modificazione: 
la  scienza  muliebre  rivelata  dal  Boccaccio,  passò  sicuramente  a  Mossen 
Johannot  Martorell  attraverso  la  contaminazione  di  fonti  operata  dal  Metge. 

^  Somni,  3395-3760. 


202  MARIO    CASELLA 

piamo  qualche  riserva.  Il  procedimento  logico  della  dimostrazione  è 
fondato  sull'  antitesi,  così  che  gli  spunti  dialettici  e  i  motivi,  dirò  così, 
morali  e  sentimentali  derivano  sempre  dallo  schema  boccaccesco.  Ciò 
non  toglie  che  quest'  ultima  parte  del  Somn/,  in  cui  si  riversava  la" 
realtà  osservata  con  occhio  non  più  da  nebbie  "sorpreso,  acquisti  un' 
importanza  storica  che  avvalora  le  considerazioni  presentate  nelle  nostre 
prime  pagine.  Se  nell'  impeto  della  ritorsione  le  tinte  appaiono  qua 
e  là  troppo  caricate  e  la  misura  viene  talvolta  sorpassata,  non  man- 
cano però  tratti  efficaci  e  quadretti  di  genere,  avvivati  da  un  tenue 
riso  d'  arguzia  e  di  malizia.  «De  la  superfluitat  del  arrear  e  del  ligar 
de  las  donas  no  ha  culpa  altre  persona  sino  ells  (los  homens),  qui 
cascun  jorn  troben  guisas  novellas,  deshonestas  e  sumptuosas.  Ades 
van  tan  larchs  que  nols  veu  hom  los  peus;  ades  tant  curts  que  mostren 
lurs  vergonyas.  Ades  scombren  les  carreres  ab  les  manegas.  Ades 
les  porten  trossades  a  mig  brassos.  Ades  les  fant  tant  stretas  que 
par  que  vullen  garrotar.  Ades  les  fan  tant  amples  que  par  que  porten 
a  cascuna  part  un  manto.  Ades  porten  los  cabells  plans,  ades  rulls; 
ades  rossos,  ades  negras  ;  ades  larchs,  ades  curts.  Ades  porten  caparo 
en  lo  cap,  ades  tovaylola  ;  ades  xapellet,  ades  vel  ;  ades  paternostros, 
ades  correge;  ades  capell  de  vebre,  ades  barret;  ades  porten  polaynes 
largues,  ades  curtes.  Ades  porten  les  ^abates  sobre  les  calq-es,  ades 
dejus.  Ades  van  vestits  de  draps  fins;  ades  de  friso.  Ades  armats, 
ades  sens  armas,  ades  sols,  ades  ab  companyes.  E,  asso  que  nols  es 
menor  vergonya,  van  ab  alcandores  brodades  e  perfumades,  axi  com 
si  eren  donzelles  qui  deguessen  anar  a  marit  E  fan  les  sobrepuyar  a 
les  altres  vestadures,  per  tal  que  mils  sia  vista  la  lur  dolentia»  '. 
Lussuriosi,  irosi  e  incostanti  gli  uomini  «bestias  de  prat;  si  gonfiano 
nella  loro  superbia,  stimandosi  pari  a  Salomone  in  saggezza,  a  Cice- 
rone in  eloquenza,  ad  Annibale  o  ad  Alessandro  nel  valore  delle  armi. 
^■Si  hom  parla  de  alguns  grans  fets,  diran  que  han  vist,  oyt,  sercat  e 
lest  tant  com  hom  vivent;  e  ja  may  no  hisqueren  del  niu,  ni  sabrien 
ajustar  tres  limons  en  un  bayin  de  barber.  Iran  per  les  plasses  e 
per  los  cantonts  jutyants  les  gents,  escarnints  e  gitants  veri  per  lurs 
bochas  ;  demaneran  regiments  de  vi  las  e  de  ciutats,  e  no  saben  regir 
si  mateys  e  lurs  casas.  Si  plou,  o  fa  vent,  o  fret,  o  calor,  diras  que 
son  estornells  de  carabassa:  bes  guarden,  que  no  exiran  de  la  archa 
tro  que  la  coloma  sia  tornade  ab  lo  ram  vert  en  lo  bech.  E  estaran 
de   stiu   en   lo   celler  e  de  ivern    en  la  cuyna,    truffant  e  dient  moltas 


^  Somni,  3442—3464.    A  commento  di  questo  passo  rimandiamo  a  quanto 
scrive  r  ExiMENis  nel  Terf.  del  crestidj  ms.  cit.,  ce.  308^-*^,  310^-'^ 


IL    «SOMNI»    D'   EN    BERNAT    METGE 


203 


pagueses  e  scarns»  '.  Il  loro  scarso  buon  senso  non  basta  a  tenerli 
lontani  dai  disordini,  a  cui  s'  abbandonano  incoscienti,  finché  il  male 
s'  è  fatto  incurabile.  ìE,  no  considerants  la  grosseria  que  per  disso- 
lucìo  de  menyar  ve  al  enteniment,  e  la  corrupcio  de  sanch  e  altres 
humors  al  cors,  viven  per  breu  temps,  e  malalts  de  tant  diversas 
malaltias,  que  ya  no  poden  trobar  medicinas  sufficients  a  curar 
aquellas,  car  los  antichs  fisichs  les  han  ignorades  e  noy  han  sabut 
ne  pugut  provehir:  axi  com  la  superfluitat  de  las  viandes  es 
crescuda,  han  presos  diversos  naximents  les  malaltias;  e  pendran  de 
qui  avant,  car  algun  vici  no  mor:  alla  hon  nex,  cascun  die  pren 
creximent  .  .  .»  ^ 

Se  dunque  le  donne  errano,  «attesos  los  deffalliments  dels  homens» 
esse  appaiono  degne  di  scusa;  per  lo  mero  il  giudizio  eccessivamente 
severo  del  sesso  forte  dev'  esser  temperato  dalla  considerazione  delle 
comuni  fragilità  e  debolezze^.  Così  molto  tempo  prima  che  alla  corte 
di  Giovanni  II  in  opposizione   alle   tendenze  misogine  del  medioevo  s' 


1  Somni,  3626-3638. 

2  Somni,  3711—3721.  Anche  qui  potremo  ricorrere  per  aver  lumi  mag- 
giori air  ExiMENis,  Terf.  del  crestid,  ms.  cit.,  e.  146'^■^  dove  ritroviamo 
curiose  notizie  «Atten  a  les  nacions  cristianes  qui  poch  mengen,  axi  com  son 
ytalians,  e  veuras  que  son  homens  pus  astuts  e  viven  longament,  e  veuras 
alamanys  qui  tostemps  mengen  que  son  comunament  homens  grossers  e  sens 
gran  astucia,  axi  matex  franceses  a  qui  plau  laminejar  e  angleses  no  en- 
veyllexen  raolt.  Espanyols  son  grans  menjadors  de  carn  e  jatsia  que  sien 
grans  parlers  .  .  .  son  estats  reputats  en  altres  coses  per  homens  grossers». 
Cfr.  pure  a  e.  Xlò"-^. 

^  Certo  non  può  sfuggire  come  la  breve  controreplica  di  Tiresia  (Somni, 
3778—3783)  riveli  uno  dei  luoghi  comuni  della  misoginia  medievale  eccle- 
siastica, per  la  quale  stimiamo  inutile  qui  apporre  riscontri.  Ad  ogni  modo 
accenniamo  all'  Eximenis,  Tevf.  del  crestid,  ms.  cit.,  ce.  46^-3,  40 b'-^,  ma 
soprattutto  a  e.  403''-a  dove  dimostra  «com  la  fembra  es  fort  falsa  e  decep- 
tiva»,  procedendo  «per  diverses  vies»  :  per  la  sacra  scrittura,  per  testimonianza 
dei  santi  (Ambrogio,  Origene,  Ugo  da  S.  Vittore)  e  per  detti  de  filosofi 
(Seneca,  Valerio  Massimo  e  Catone).  Pure  nel  Libre  de  les  dones,  ms.  cit., 
e.  22''-v  passa  in  rassegna  i  vizi  delle  donne  (cap.  XI)  con  un  analisi  spietata 
che  scende  talora  ai  particolari  più  intimi  e  brutali,  sempre  appoggiandosi 
alle  sacre  carte  e  alle  raccolte  satiriche  dei  trovadori;  ma  già  aveva  osservato 
(e.  16''-^)  che  Cristo  sublimò  alla  perfezione  angelica  non  solo  gli  uomini  ma 
«alcunes  infantes  e  donzelles  delicades  e  generoses».  Con  maggior  evidenza 
ritorna  suU'  argomento  nel  cap.  XII  ^c.  24'-a)  «Empero  ja  per  res  que  dit 
sia  nagun  no  pens  que  menysprear  ne  mal  parlar  de  dones  en  general  sia 
bona  cosa  ne  plasent  a  Deu,  raho  es  car  no  contrestant  los  deffalliments 
demunt  ditz  nostre  Senyor  les  ha  volgudes  en  alcunes  coses  axi  axal^ar  que 
tot  lo  mon  deu  haver  por  de  parlar  d'  elles  . .  .» 


204  MARIO    CASELLA 

innalzino  lodi  e  si  brucino  incensi  alla  nuova  deità  femminile    il  Metge 

scagliava   la   prima   pietra  contro   1'  edifizio   irosamente   costrutto  dal 
Boccaccio. 


Il  Somnt,  che  siam  venuti  decomponendo  nelle  sue  parti  costitutive, 
ci  si  rivela  ne'  più  ne'  meno  che  un'  aggregazione  di  materiale  ricavato 
da  numerose  e  svariate  opere,  tra  le  quali  primeggiano  quelle  di  S. 
Gregorio  Magno,  Cassiodoro,  S.  Tommaso,  Cicerone,  Valerio  Massimo, 
Ovidio,  Virgilio,  Dante,  Petrarca  e  Boccaccio.  Il  legame  che  tutto 
riunisce  e  coordina  è  più  formale  che  intrinseco,  non  scende  cioè  alla 
materia  fondendola  in  una  complessa  e  salda  unità  ;  le  deviazioni  vane 

0  eccessive  ci  divergono  troppo  spesso  dallo  schema  generale  e  ce  lo 
fanno  dimenticare;  lo  stile  risente  della  varietà  delle  fonti  a  cui  1' 
autore  s'  attiene,  mostrandosi  ora  artificiato  e  pretensioso,  ora  sciatto 
e  stentato,  talvolta  disuguale  e  disarmonico.  Nessun  lampo  di  passione 
illumina  quelle  carte  che  pur  accolgono  gli  sfoghi  dello  scrittore  contro 
i  suoi  calunniatori,  la  proclamazione  della  sua  innocenza,  la  visione 
triste  della  sua  prigionia,  i  cari  ricordi  del  tempo  di  re  Giovanni  e 
del    suo   tempo   felice.     L'  intento   morale  ha  spento  ogni  sentimento. 

1  protagonisti  sono  pallide  ombre  evanescenti  che  parlano  senza  fremiti 
e  senza  passioni  in  vista  di  un  bene  supremo;  e  il  loro  dialogo  è 
scialbo,  monotono  e  compassato.  Serii,  senza  sorrisi,  compiono  la  loro 
parte  successivamente,  1'  uno  dopo  1'  altro;  e  quando  hanno  esposte 
le  loro  ragioni,  spariscono  improvvisamente,  ombre  come  vennero. 

Eppure,  come  vedemmo,  1'  opera  del  Metge  considerata  nella  storia 
del  rinascimento  classico  nella  letteratura  catalana,  ha  una  grande 
importanza.  Siamo  ancora  ai  primi  e  dubbiosi  accenni  :  il  fine  didattico 
e  morale  che  informa  tutta  la  letteratura  medievale  non  è  rinnegato. 
Lo  spirito  positivo  e  pratico  dei  catalani,  la  tendenza  al  concreto  più 
che  all'  astratto,  la  predilezione  per  i  concetti  etici  faranno  sì  che  il 
loro  umanesimo  riesca  un  accordo  della  vita  morale  con  la  vita  in- 
tellettuale, dello  spirito  con  1'  azione;  e  solo  più  tardi  nel  secolo 
decimoquinto,  ma  non  mai  come  in  Italia,  a  un  primo  periodo  archeo- 
logico ed  erudito  succederà  il  periodo  delle  eleganze  e  della  forma. 
Il  rinascimento  catalano  senza  essere  caratterizzato  da  quella  febbre 
ardente  di  erudizione,  che  trascinerà  i  nostri  umanisti  a  liberare  dalle 
prigioni  dei  barbari  i  grandi  antichi,  a  esemplare  in  ottima  lettera  i 
codici  contenenti  la  saggezza  e  la  grandezza  di  Roma,  a  curarne  il 
testo  con  collazioni  ed  emendamenti,  si  terrà  pago  di  una  piccola  prò- 


IL    «SOMNI»    D'   EN    BERNAT    METGE  205 

paganda  nazionale,  come  avvenne  in  Francia  prima  che  dall'  Italia  si 
diffondessero  le  nuove  dottrine  pagane  e  universali.  Quello  spirito  di 
cosmopolitismo  che  aveva  animato  1'  antico  mondo  pagano  e  che,  al 
dissolversi  di  esso,  s'  era  continuato  nelle  tendenze  di  dominazione 
universale  proprie  della  gerarchia  ecclesiastica  e  dell'  impero  germanico, 
erede  dell'  impero  di  Roma,  danno  all'  umanesimo  italiano  un  carattere 
tutto  proprio,  che  non  ha  riscontri  nelle  letterature  degli  altri  paesi 
latini. 

In  Catalogna  il  rinascimento  s'  inizia  con  l'  opera  passiva  delle 
traduzioni  sia  integre  che  parziali,  le  quali  diffondono  una  conoscenza 
più  profonda  e  un'  intelligenza  meno  inesatta  dell'  antichità  ;  non  si  co- 
mincia con  r  imitazione  della  latinità  classica,  ne'  si  pensa  a  una 
letteratura  mondiale  da  ricostruirsi  sui  frammenti  del  mondo  greco  e 
romano,  ma  s'  intende  a  formare  una  letteratura  nazionale,  in  cui  si 
vogliono  introdurre  nuovi  ed  ignorati  tesori.  Il  Somni  del  Metge  è 
un  esempio.  Se  non  che  umanesimo  e  italianismo,  come  rilevavamo 
dianzi,  sono  termini  convergenti.  Dalla  consuetudine  coi  modelli  classici 
scaltrita  nei  più  minuti  accorgimenti  formali  e  resa  varia,  duttile  e 
copiosa,  la  prosa  catalana  felicemente  assurse  alle  initazioni  e  alle  tra- 
duzioni di  opere  italiane,  sia  il  Decamerone  del  Boccaccio  sia  la  Di- 
vina Commedia  del  Febrer.  Solo  allora  lo  spirito  purificato  nel  fresco 
bagno  della  realtà  umana,  lungi  dal  cosmopolitismo  astratto  e  fan- 
tastico dei  libri  di  cavalleria,  lungi  dagli  sterili  idealismi,  dalle  vane 
avventure,  dalle  passioni  sfrenate  e  tragiche,  potè  acquietarsi  in  conce- 
zioni veramente  originali,  in  cui  1'  ambiente  intellettuale,  non  ostante 
le  accidentalità  di  erudizione  compassata  e  pettoruta,  è  profondamente 
e  sinceramente  italiano  ^  Tali  il  Citrial  y  Guelfa  e  il  Tirant  lo 
Blanch^  dinanzi  al  quale  Miguel  Cervantes  s'  inchinava  con  reverente 
ammirazione. 

Mario  Casella. 

^  A.  RuBió  y  Lluch,  in  Disciirsos  leidos  en  la  R.  Academìa  de  Buenas 
Letras  de  Barcelona  en  larecepción  publica  de  D.  Isidro  Bonsoms  y 
Sicari,  Barcelona,  1907;  pp.  157—161. 


Benedizioni  e  maledizioni  in  amore 

(A  proposito  di  uno  strambotto  inedito  del  sec.  XV) 

Allorché  il  Petrarca  scriveva  il  primo  verso  della  seconda  quartina 
del  sonetto  XIII  in  vita  di  madonna  Laura 

r  benedico  il  loco  e  '1  tempo  e  1'  ora, 

non  faceva  altro  che  riprendere  quel  motivo  lirico  già  frequente,  tanto 
per  le  benedizioni,  quanto  per  le  maledizioni,  nei  rimatori  antecedenti 
al  Petrarca  stesso,  motivo  che  il  poeta  svolge  compiutamente  nel  LXI  : 

Benedetto  sia  '1  giorno  e  '1  mese  e  1'  anno 

E  la  stagione  e  '1  tempo  e  1'  ora  e  '1  punto 
E  '1  bel  paese  e  '1  loco  ov'  io  fui  giunto 
Da'  duo  begli  occhi  che  legato  m'  hanno; 

E  benedetto  il  primo  dolce  affanno 

Ch'  i'  ebbi  ad  esser  con  Amor  congiunto, 
E  r  arco  e  le  saette  ond'  i'  fui  punto 
E  le  piaghe  che  'n  fin  al  cor  mi  vanno. 

Benedette  le  voci  tante  eh'  io 

Chiamando  il  nome  de  mia  donna  ho  sparte, 
E  i  sospiri  e  le  lagrime  e  '1  desio; 

E  benedette  sian  tutte  le  carte 

Ov'  io  fama  1'  acquisto,  e  '1  pensier  mio 
Ch'  è  sol  di  lei,  si  eh'  altra  non  v'  ha  parte. 

È  concetto  tolto  in  prestito  da  Pietro  Ramondo  provenzale,  che 
però  non  chiamò  queste  medesime  cose  benedette  ma  fortunate,  annotò 
il  Tassoni^;   e  il  Gaspary   riferi   che   il  principio  del  sonetto  era  pro- 


^  Le  considerasioni  rivedute  e  ampliate  di  Aless.  Tassoni,  in  Le  Rime 
di  Fr.  Petrarca,  Modena,  1711.  I  nostri  poeti  popolari  del  sec.  XVI  le 
chiamano  felici: 

Felice  e  {gentil  letto 
Do'  posa  chi  me  strazia  .... 
(Bald.  Olimpo,  La  Camilla.)    Perugia,  Francesco  dei  Cartularii,  1522. 
Felice  porta  e  voi  felici  mura 
Che  dentro  avete  el  mio  felice  sole  .... 
(Benedetto  Silvio  da  Tolentino,  Strambotti  ecc. .  .  .    Venezia,  1518.) 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  207 

babil mente  imitato  .dal  verso  Ben  aia  7  temps  e  7  jorns  e  l'  ans  e 
7  mes,  nella  canzone  di  Peire  Vidal  :  Non  es  savis  ni  gaire  ben 
apvès  ^  Anche  una  canzone  di  Perdigo,  un  giullare  figlio  di  pesca- 
tori che  pois  se  rendei  en  /'  orde  de  Cistel  e  lai  el  morie,  aggiunge 
lo  Schedilo  ■•^,  cominciava  petrarchescamente 

Ben  aia  '1  mal  e  1'  afan  e  '1  consir 
Q'  eu  ai  sofert  lonjamen  per  amor, 
Qar  mil  aitant  mena  mais  de  saber 
Lo  bens  e'  Amors  me  fai  eras  sentir. 

Ma  era  necessario  ricorrere  alla  poesia  provenzale  per  trovare  le 
plausibili  origini  del  concetto  petrarchesco?  A  me  sembra  che  la 
fonte  prima  del  motivo  debba  essere  piuttosto  ricercata  nelle  sequenze 
e  nelle  benedizioni  della  liturgia  cristiana  e  in  parte  anche  in  quelle 
cantilenae  morales  in  cui  ai  versi  glorificanti  il  Benedictus  homo 
qui  .  .  .  facevano  riscontro  monotone  invettive  :  MaledicHis  homo 
etc.  .  .  .  Certo  doveva  essere  ed  era  assai  diffuso  nelle  preghiere 
e  nella  poesia  religiosa  latina  anteriore  al  Petrarca  :  da  questa  e  con 
questa  passò  al  popolo  il  quale  impadronitosene  se  ne  servi  tanto  per 
i  suoi  canti  religiosi  volgari  quanto  per  quelli  d'  amore,  invocando 
generalmente  coi  primi  la  benedizione  sulla  Vergine,  cantando  invece 
coi  secondi  le  laude  dell'  amata  ^. 


^  Storia  della  Ietterai,  ital.,  I,  p.  490. 

2  //  Canzoniere  . .  .  secondo  V  autografo  ecc.    Milano,  Hoepli,  p.  LXV. 

^  Vedine  un  esempio  tipico  nella  Xa-wàsi  Benedetta  sia  V  ora  àeì  Bianco 
da  Siena.  E  un  lungo  componimento  di  trecento  versi  in  cui  il  povero 
Gesuato  canta  e  benedice  la  .Vergine  in  ogni  «sacro  inetnbro».  Questo 
schema  suggerisce  forse  a  qualche  strambottista  le  sue  « comparationi  de 
laude»,  cosi  accette  al  popolo,  •^'incominciando  dal  capo  per  infino  alti 
piedi».  Ne  troviamo  alcuni  esempi  caratteristici  nelle  Opere  d'  amore  di 
Baldassarre  Olimpo  da  Sassof errato-. 

Benedetta  sia  V  ora 

L'  anno,  el  di,  el  mese, 
Che  tu  fusti  annunziata!  .  . 

Sempre  sie  benedetto 

Il  tuo  ventre  sacrato  .  .  . 

Sempre  sie  benedetta 
La  consacrata  porta 
Onde  passò  V  agnello  .  .  . 

Benedetto  il  tuo  parto 
Benedetto  il  tuo  nato 
Per  cui  tutto  mi  godo  .  .  . 


208  GUIDO    VITALETTI 

La  lauda  veronese  del  secolo  XIII  comincia: 

Bene[e]ta  (sia)  V  ora  e  '1  ^orno  (e  '1  di) 

che  Ila  pulgela  ueno  (e  apare)  en  questo  mondo: 

che  (1')  à  porta  quel  do^o  (glorioso)  po[nd]o, 

che  n'  à  trati  del  profundo 

de  r  (amoto)  abiso  .^; 


Benedetto  il  tuo  petto, 
Dove  si  riposava 
L'  umanità  di  Dio  .  .  , 

E  tuoi  occhi  lucenti 

Sempre  sieu  benedetti 
Che  viddon  quel  tesoro  . 

Le  tue  orecchia  sante 

Che  udirò  la  sua  voce 
Sopra  ogni  melodia, 
Sien  benedette  .  .  . 

Benedetta  la  Wocca, 

Benedetto  il  tuo  gusto 
Che  gustò  con  leticia 
Quel,  che  t'  aveva  tocca 

Le  tue  sacrate  mani, 
Che  toccarono  Iddio 
Sien  sempre  benedette  . 

E  le  braccia  perfette. 

Nelle  qua'  Gesù  stette 
Sempre  laudate  sieno.^ 

Benedetto  quel  seno 

-Che  sostenne  il  fattore  . 

Benedette  le  spalle, 

Benedetto  il  tuo  collo 
E  le  sacrate  reni  .  .  . 

Benedette  le  pocce, 

Benedetto  quel  latte. 
Che  nutricò  la  vita; 

Benedette  le  gocce 

Del  sacro  petto  tratte 
Senza  giammai  finita. 


1  Altitalientsche  Crestomathie  von  P.  Savj-Lopez  und  M.  Bartoli, 
Strassburg,  Trlibner,  1903,  p.  47.  Cfr.  anche:  C.  Cipolla,  Landa  spirituale 
in  volgare  veronese  del  sec.  XIII,  in  Ardi.  stor.  ital.,  serie  I\^  VII,  149-, 
e  F.  Pellegrini,  L'  antica  lauda  veronese  edita  dal  prof.  C.  Cipolla  in 
Giorn.  stor.  d.  leti,  ital.,  XXIII,  156.    G.  Bertoni,  Giorn.  cit.,  LXIV,  462. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  209 

la  medesima  intonazione  la  ritroviamo  in  un'  altra  umbra  del  sec.  XIV, 
calcata  su  piìi  antichi  originali  : 

Benedetta  sii  tu,  vergine  beata, 

e  r  ora  e  '1  di  che  fosti  annunziata  .  .  . 


La  tua  faccia  pulita, 
La  qual  toccò  quel  uiso 
Del  Re  del  Paradiso, 

Benedetta  a  tutte  ore  .... 

Benedetti  que'  baci 
E  le  dolci  caresse, 
Ch'  al  tuo  figliuol  facevi  .  .  . 

Benedetta  la  tua  gola 

Che  '1  sommo  spezioso 

Con  le  sue  man  toccava  .  .  . 

Benedetta  la  lingua 
Di  te  celestiale 
Che  sempre  Dio  laudava  .  .  . 

Benedetta  la  fronte 

Benedetto  il  tuo  capo 
Coronato  di  gloria  ... 

Gli  sacrati  tuo  piedi 

sempre  sien  benedetti 

Che  portaron  quel  figlio  .  .  . 

Tutto  il». tuo  corpo  santo 
Con  ogni  sacro  membro 
Sempre  sie  benedetto! 

È  contenuta  nel  rarissimo  opuscolo  Lande  fatte  e  composte  da 
pili  persone  spirituali  a  onore  dello  onnipotente  Iddio  e 
della  gloriosa  vergine  madonna  santa  Maria  .  .  .  stampate 
(si  crede)  in  Firenze  per  Antonio  Miscomini  nel  1489  per  cura  e  a  spese  del 
Magnifico,  e  ristampate  poi  in  Brescia  per  Bernardino  de  Misintis  die  XVII 
Marta  MCCCC.XCV. 

È  un  opusc.  di  118  ce,  segn.  A-0,  in  -4.  Il  Gallf.tti  la  riprodusse  nelle 
sue  Lande  spirituali  di  Feo  Belcari,  di  Lorenso  de'  Medici,  di  Fran- 
cesco d'  Albisso ,  di  Castellano  Castellani  e  di  altri  comprese  nelle 
quattro  più  antiche  raccolte-  In  Firenze,  Molini,  1863,  pag.  164.  Il  Bini 
la  riprodusse  di  su  i  codici  :  Laudi  spirituali  del  Bianco  da  Siena,  povero 
gesnato  del  secolo  XIV,  Lucca,  Giusti,  1851.    È  la  XXVIII. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  14 


210 


GUIDO    VITALETTI 


Cosi   ancora   in  una  sequenza  in  cui  la  benedizione  è  rivolta  a  Cristo 
invece  della  Vergine 

Benedicte,  filgio,  da  che  fusti  nato 

E  lo  late  che  te  de,  o  dolce  amore; 


Ecco  invece  trentanove  capoversi  di  strambotti  dell'  Olimpo  formanti  le 
Cornpavationi  de  laude  a  la  signora  mia  incominciando  al  capo  per 
infmo  a  li  piedi. 

1.  El  capo  de  costei  è  de  oro  fino 

2.  Li  amati  crin,  le  treccie  ornate  e  bionde 

3.  La  fronte  spatiosa  larga  ed  amena 

4.  Gli  arcati,  negri  rai,  minute  ciglia 

5.  Quelli  occhi  vaghi  a  me  soavi  e  grati 

6.  Se  '1  dolce  sguardo  verso  alcun  lei  volta 

7.  Quando  costei  me  guarda  con  soi  lumi 

8.  El  profilato  naso  tanto  bello 

9.  Benigne  orecchie  al  mio  lamento  sorde 

10.  Le  guance  anfi  doe  rose  in  latte  sparse 

11.  La  bocca  armario  de  coralli  e  perle 

12.  Le  labbra  di  costei  son  si  soave 

13.  La  tersa  lingua  chiara  presta  e  pronta 

14.  Lo  redolente  tuo  fragrante  fiato 

1 5.  Gli  eburnei  denti  qual  doe  labbra  absconde 

16.  Quel  dolce  favellare  umile  e  basso 

17.  Quando  costei  favella  parla  o  ride 

18.  Un  dolce  riso  m'  ha  cavato  el  core 

19.  El  biforcato  e  dilettoso  mento 

20.  La  gola  bianca  a  guisa  d'  alabastro 

21.  Quel  pomigero  petto  ove  s'  anida 

22.  Quelle  doe  picciol  tremolante  poma 

23.  Quella  candida  man  eh'  el  cor  me  tolse 

24.  El  gratioso  corpo  de  costei 

25.  Quelle  parte  scerete  donde  nasce 

26.  Le  belle  gambe  qual  solo  una  volta 

27.  El  pede  qual  d'  amor  dimonstra  1'  orma 

28.  Chi  vedesse  costei  quando  caraina 

29.  O  come  delicate  pure  e  nette 

30.  Felice  casa,  avventuroso  letto 

31.  O  cameretta  dove  sol  dormire 

32.  O  letticel  dove  costei  se  posa 

33.  Sottil  camiscia  ognor  stai  appresso 

34.  El  superbo  vestir,  la  portatura 

35.  O  robiconda  scarpa  eh'  el  bel  pede 

36.  La  cuffia  che  tu  porti  a  1'  aurea  testa 

37.  0  vaga  fronzaletta  che  la  fronte 

38.  La  collana  che  porti  al  bianco  collo 

39.  O  chiaro  spechio  dov'  è  quel  riso 


Delle  amate  chiome 
Della  spatiosa  fronte 
Delle  arcati  ciglia 
Delli  vaghi  occhi 
Del  dolce  sguardo 
Del  remirar  del  sguardo 
Del  profilato  naso 
Delle  benigne  orecchie 
Delle  rosate  guance 

Delle  robiconde  labbra 
Della  chiara  lingua 
Del  odorante  fiato 
Delli  eburnei  denti 
Del  dolce  favellare 
Del  parlare  e  riso 

Del  biforcato  mento 
De  la  bianca  gola 
Del  pomigero  petto 
Delle  tremolante  poma 
De  la  candida  mano 
Del  gratioso  corpo 

Delle  belle  gambe 
El  pede 
Del  caminare 
Delle  delicate  carne 
De  la  casa  e  letto 
Della  camera 

Della  camiscia 
Delle  adornate  veste 
Delle  robiconde  scarpe 
Della  bella  cuffia  fatta  a  festa 
Della  vaga  fronzaletta 
Della  collana 
Del  spechio 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  211 

Benedico  lo  tempo  che  t'  azo  afatigato, 
Quando  te  portai  in  Egipto  con  dolore  .  .  .  ^ 

E  gli  esempi  potrebbero  continuare  ^  :  anche  il  Mare  amoroso  ha 
dei  versi,  di  evidente  provenienza  popolare,  che  si  riattaccano  a  quelli 
del  Petrarca: 

Guardando  1'  anno,  il  mese  e  la  semana 

E  '1  giorno,  e  1'  ora,  il  punto  e  lo  quadrante  .  .  .^ 


Cfr.  Gloria  Damare  \  esposta  per  Baldesare  Olym  |  pò  de  li  Allessandri 
da  sasso  |  ferrato.  Strambotti  de  lau  |  de.  Mattinale.  Littere  da  1  more. 
Prosa.    Sonetti.  |  Caaitoli  (sic)  |  Et  cu  uno  Capi  |  tolo  agi-to.  $- 

In  -  8  pice.  di  36  ce.  non  numer.,  s.  A-E. 

In  fine:  d  Stampata  in  Vinegia  per  Bernardino  |  de  Bindoni  nel  Anno 
del  I  M.D.XXXIX. 

^  D'  Ancona,  Origini  del  teatro  italiano,  Torino,  Loescher,  1891,  I,  p.  194. 

^  Ecco  il  verso  iniziale  di  alcune  altre  poesie  religiose  in  cui  il  motivo  della 
benedizione  è  ricordato  o  svolto.  Cfr.  A.  Tenneroni,  Inizi  di  antiche  poesie 
italiane  religiose  e  morali  con  prospetto  dei  codd.  ecc.,  Firenze,  Olschki, 
1909,  p.  69. 

Secolo  XIII. 
Benedictu  laudatu  et  glorificatu  lu  patre. 

(Fra'  Benedetto  della  Cernetta). 
Benedicti  e  llaudati  |  sempre  siate  a  tutte  1'  ore,  santi  Apostoli  beati. 

Secolo  XIV 
Benedecta  sempre  sia 

Benedetta  sia  tu  e  laudata,  [  Alta  regina  incoronata 

Benedetta  sia  tu,  madre  del  dio  vivente,  |  che  portasti  lo  sprezzo  della  gente. 
Benedetta  sie  tu  e  laldata  |  alta  reina,  yogo  incoronato 
Benedetto  e  laudato  sia  Cristo  incarnato 
Benedetto  sia  il  Signore  |  quel  che  Gabriel  mandòne 
....  beneita  e  magnificaa  |  sea  la  vergene  Maria 
Sia  benedecta  e  rengratiata 

Secolo  XV 
Benedetta  sia  1'  ora  |  1'  anno,  el  di,  el  mese 
Benedetta  virzenella,  madre  di  Dio 
Benedetto  e  loldato  |  sia  Cristo  beato 
Benedetto  ne  sia  lo  forno 
Sie  benedetto  Dio  del  Paradiso 

^  Vedine  la  recente  ristampa  in  fondo  ai  "Libri  naturali  del  Tesoro  di 
Brunetto  Latini,  emendati  con  la  scorta  dei  codici,  commentati  e  illustrati 
da  G.  Battelli,  Firenze,  Le  Monnier,  1917. 

14* 


212  GUIDO    VITALETTI 

La  poesia  d'  arte  a  sua  volta  se  ne  impadronisce.  Dante  ha  un 
sonetto  che  comincia:  Io  maledico  il  di  eh'  io  vidi  in  prima  .... 
Cecco  Angiolieri  un  altro  consimile  : 

Maledetto  e  distrutto  sia  da  Dio 
Lo  primo  punto  eh'  io  'nnamorai  '  ; 

e  finalmente   il  Boccaccio,    spesso   portavoce   o  fonte   di   poesia  popo- 
laresca, svolge  il  motivo  dapprima  nel  Ninfale  Fiesolano  (V,  9) 

Benedetto  sia  1'  anno  e  '1  mese  e  '1  giorno 
E  r  ora  e  '1  punto  e  anche  la  stagione 
(Che  fu  creato  questo  viso  adorno) 

e  poi  nel  Filostrato  (III,  83) 

E  benedico  il  tempo,  1'  anno  e  '1  mese 

E  '1  giorno,  1'  ora  e  '1  punto  che  costei 
Onesta,  bella,  leggiadra  e  cortese 
Primieramente  apparve  agli  occhi  miei. 

E  la  benedizione  si  estende  alla  strofe  84  (E  benedico  i  ferventi 
sospiri)  e  alla  85  (Ma  soprattutto  benedico  Iddio). 

Le  notevoli  assonanze  tra  i  versi  del  Boccaccio  e  il  sonetto  petrar- 
chesco fece  sorgere  nel  Witte  il  dubbio  che  uno  dei  due  amici  avesse 
copiato  r  altro,  forse  il  certaldese  il  poeta  di  Valchiusa  2.  Lo 
Schuchardt  riprendendo  la  questione  affermò  il  contrario^,  ma  a  me 
non  sembra  che  si  possa  parlare  di  plagio  né  sia  affatto  arrischiato 
r  asserire  che  entrambi  i  poeti,  ciascuno  per  proprio  conto,  immette- 
vano nei  loro  versi,  nobilitandolo ,  un  tenue  filo  che  a  loro  giungeva 
dal  patrimonio  popolare.  Certo  il  motivo  ne  esce,  segnatamente  col 
Petrarca,  come  codificato  e  chiuso  in  se  stesso  :  poco  più  tardi  Lorenzo 
Moschi  lo  parafrasa  non  senza  una  grazia  ingenua  *  : 

Benedetta  [sia]  1'  ora  e  la  stagione 

E  1'  anno  e  '1  mese  e  '1  di  eh'  i'  fu'  legato; 

Da  si  dolze  catena  incatenato 

r  fui  da  'more  in  eterna  prigione. 


'  Cosi  comincia  il  sonetto  intitolato  ScJiiavitii ,  nelle  Rììiie  di  Cecco 
Angiolieri  curate  da  Domknico  Giunoni,  Siena,  Giuntini  Bentivoglio,  1914. 

^  Cfr.  pag.  LIX  della  Prefazione  al  Decamerone. 

^  Ritorn.  und  tersine,  Halle,  1874. 

••  CoD.  RiccARDiANO  1103,  c.  105  V.  È  riportato  a  pag.  233  delle  Rime 
di  trecentisti  minori  a  cum  di  Guglielmo  A'oi.i'i,   Firenze,  Sansoni,  1*^)07. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  213 

Benedetta  (sia)  la  pena  e  1'  afflizione 

Che  nel  cor  porto  e  quant'  i'  ho  sospirato, 
E  tutte  quelle  cose  che  m'  fia  dato 
A  farmi  innamorar  vera  cagione. 

Benedetta  colei  che  co'  begli  occhi 

Mi  passò  il  cor,  e  fé'  eh'  i'  non  potei 
Riparo  fare  agli  amorosi  stocchi. 

Benedetta  colei  eh'  e'  sensi  miei 

Signoreggia  e  che  gli  ha  per  modo  tocchi. 
Che  d'  altrui  non  ponn  ^  esser  che  di  lei. 

Si  riaffaccia  timoroso  anche  in  una  ballatella  del  Sacchetti: 

Benedetta  sia  la  state 

Che  ci  fa  si  solazare! 
Maledetto  sia  lo  verno 
Che  a  città  ci  fa  tornare  !  ^, 

e  in  un'  altra  di  Ser  Giovanni  Fiorentino: 

Benedetto  sia  '1  giorno  eh'  io  trovai 
Pace  negli  occhi  bei  eh'  io  tanto  amai^; 

il  quale  lo  svolge   ancor   più   ampiamente   in  un  altro  componimento 

Io  benedico  gli  affanni  e'  sospiri 

E  le  lagrime  tante  eh'  io  ho  sparte 
E  gli  afflitti  pensieri  e'  gran  martiri 
Che  ho  con  versi  piene  tante  carte  ; 
E  benedico  quell'  amorosa  arte 
Che  fé  contento  il  dolce  mio  disio  *. 

Durante  il  secolo  XV  serpeggia  vivace  in  tutta  1'  anonima  tradi- 
zione popolare  pur  apparendo  talvolta  come  vaga  reminiscenza  in 
numerose  laudi  e  nella  canzone  Benedetto  ne  sia  lo  giorno  del  Cod. 
Chigiano  577  e  in  un'  altra:    Sia  benedetto  el  di  eh'  el  tuo  bel  viso, 


^  Il  cod.:  posson. 

^  G.  Carducci,   Cantilene  e  ballate,  strambotti  e  madrigali  nei  secoli 
XIII  e  XIV,  Pisa,  1877,  n.  CLVIII. 
■'  Carducci,  Op.  cit.,  n.  CXXXIV. 
*  Carducci,  Op.  cit.,  CLVI,  9-14. 


214  GUIDO    VITALETTI 

entrambe   citate   dal    d'  Ancona  ^  :    è  accennato    fuggevolmente  in  uno 
strambotto  del  Poliziano  : 

Io  benedisco  ogni  benigna  stella 
Sotto  la  qual  felice  al  mondo  nacqui, 


^  Tavola  dei  principi  di  cansoni  del  sec  XV e  XVI  ecc.,  in  La  poesia 
popolare  italiana,  Livorno,  Giusti,  1906.  Anche  una  canzone  a  ballo  del 
Magnifico  comincia 

Benedetto  sia  quel  giorno 

eh'  i'  vidi  quegli  occhi  begli. 

È  la  quinta  della  celebre  Raccolta  del  sec.  XV  in  36  ce.  (E  B ALLATETTE 
DEL  I  Magnifico  Lorèzo  de  medi  |  ci  &  di  messere  Agnolo  Poli  |  tiani  &  di 
Bernardo  giàbur  |  lari  &  di  molti  altri.  |  (Firenze,  Nazionale,  D.  4.  7.  8.) 

Nella  lauda  Sic  benedetto  Dio  del  Paradiso  di  Feo  Belcari,  che  potrebbe 
intitolarsi  Benedizione  ritroviamo  il  motivo  ancor  più  scialbo  e  diluito. 
Vale  la  pena  di  riportarla  integralmente. 

Sie  benedetto  Dio  del  Paradiso,  Sia  benedetta  la  santa  scrittura, 
Del  celo  e  della  terra  creatore:  La  quale  ho  letta:  ed  ogni  inspira- 

E  Gesù  dolce  amore,  E  qualunque  sermone  [zione 

Che  m'ha  scampata  dagli  eterni  guai.  M'  é  stato  fatto  sol  per  caritade. 

Sie  benedetto  el  giorno,  eh'  io  t'  amai,  Sia  benedetta  1'  eterna  bontade, 

Per  la  tua  grazia,  sopra  ogni  altra  Ch'  ha  vinto  ogni  mio  vizio  col  suo 

Con  faccia  vergognosa              [cosa,  Ed  ogni  mal  costume              [lume, 

D'  avere  offeso  Dio,  salute  mia.  Ha  convertito  in  atto  virtuoso. 

Sia  benedetta  la  dolce  Maria,  Sia  benedetto  di  nuovo  el  mio  sposo. 

Che  lo  portò  per  far  m^a  voglia  sazia,  Gesù,  mio  padre,  signore  e  fratello 

Perchè  piena  di  grazia  E  1'  Angel  buono  e  bello,    [difesa. 

Vergine,  madre  d'esso  Dio  incarnato.  Che  m'  ha  guardata  e  dal  Demon 

Sia  benedetto  ogni  mio  avvocato.  Sia  benedetta  questa  fiamma  accesa 

Ch'  hanno  per  me  tanto  pregato  Dio,  Dentro  del  cor  dallo  spirito  santo, 

Che  m'  ha  dato  el  desio  El  qual  m'  infiamma  tanto,      [riso. 

D'esser  sua  serva  con  la  mente  pura.  Ch'io  spero  andare  in  eiel  con  gaudio  e 

È  la  landa  LXXV  della  Raccolta  uscita  circa  il  1480  in  Firenze  (S.  Jacopo 
di  Ripoli)  e  ripubblicata  il  1^  marzo  1485  per  ser  Francesco  Bonaceorsi. 
Cfr.  Galletti,  op.  cit.,  p.  39. 

Anche  negli  Evangelii  di  Castellano  Castellani,  che  venivano  cantati 
nei  giorni  di  Quaresima  dal  popolo  come  altrettante  laude,  troviamo  qua  e 
là  il  motivo  della  benedizione.    Cfr.  1'  Evangelio  XVIP: 

Beato  sia,  signor,  quel  ventre  santo, 
E  le  mammelle  ancor  che  t'  allattorno  .  .  . 

Cominciano  e  VaJigeli  della  Quaresitna  \  composti  in 
■versi  I  per  me  Castellano  di  Pierosso  Castellani  \  dottore 
fior entino  \  a  laude  e  gloria  dell'  Altissimo. 


BENEDIZIONI     E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  215 

il  quale  riprende  la  movenza  petrarchesca  in  una  elegante  e  appassio- 
nata canzone  a  ballo: 

Benedetto  sie  '1  giorno  e  1'  ora  e  '1  punto 
Che  dal  tuo  dolce  amor,  dama,  fu'  punto. 

r  non  ho  invidia  a  uom  eh'  al  mondo  sia, 
r   non  ho  invidia  in  cielo  alli  alti  dei, 
Poi  eh'  i'  ti  sono  in  grazia,  anima  mia. 
Poi  che  tutta  donata  mi  ti  sei; 
Anzi  contento  nel  foco  morrei 
Vedendo  il  tuo  bel  viso  in  su  quel  punto. 
Benedetto  sie  '1  giorno  .  .  . 

E'  non  ha  '1  mondo  uom  più  di  me  felice, 

E'  non  ha  '1  mondo  uom  più  di  me  contento. 
Son  come  fra  gii  augelli  la  fenice, 
Son  come  nave  pinta  da  buon  vento. 
Di  dolcezza  disfar  tutto  mi  sento, 
Quand'  io  penso  a  colei  che  '1  cor  m'  ha  punto. 
Benedetto  sie  '1  giorno  .... 

Quand'  io  penso  a  quegli  occhi,  a  quel  bel  viso 
Del  qual  m'  ha  fatto  degno  el  mi  signore, 
L'  anima  vola  in  sino  in  paradiso 
E  fuor  del  petto  vuol  fuggire  el  core. 
Ond'  io  ringrazio  mille  volte  Amore 
Che  si  ben  ristorato  m'  ha  in  un  punto. 
Benedetto  sie  '1  giorno  ...  • 

Amor,  tu  m'  hai  ristorato  in  un  tratto 
Di  si  lungo  servir,  d'  ogni  fatica  ; 
Tu  m'  hai  d'  un  uomo  vile  uno  dio  fatto: 
Onde  sempre  convien  eh'  i'  benedica 
El  tuo  (bel)  nome  e  con  alte  voci  dica 
—  Sia  benedetto  Amor  che  '1  cor  m'  ha  punto.  — 
Benedetto  sie  '1  giorno 


1 


In  fine:  Impresso  in  Firense  a  di  ultimo  di  Geìinaio 
MDXIIII.  a  petitione  di  Francesco  di  Jacopo  detto  il 
Conte  Cartolaio  \  F  C.  \  In  deo. 

Il  Galletti  li  ripubblicò  in  op.  cit.,  pagg.  I— XLVII. 

^  Carduccì,  Le  stanze,  V  Orfeo,  le  rime  rivedute  sui  codici  e  su  le 
antiche  stampe  ecc.,  p.  180. 


216  GUIDO    VITALETTI 

Ma  mentre  qui  si  sente  l'  elaborazione  eulta  al  disopra  della  materia 
popolare,  il  motivo  della  benedizione  viene  forbito  e  raccolto,  meglio 
che  non  da  altri,  in  uno  strambotto,  da  Leonardo  Giustinian,  nella 
forma  che  doveva  essere  ormai  comune  e  stilizzata  tra  i  volghi:  . 

Sia  benedetto  il  giorno  che  nascesti 

E  r  ora  e  '1  punto  che  fusti  creata. 
Sia  benedetto  il  latte  che  bevesti 
E  il  fonte  dove  fusti  battezzata. 
Sia  benedetto  il  letto  ove  giacesti 
E  la  tua  madre  che  t'  ha  nutricata. 
Sia  benedetta  tu  sempre  da  Dio  : 
Quando  farai  contento  lo  cor  mio  ? 

E  col  rincorrersi  dei  nuq:ierosi  libercoli  ««  proposito  di  ciascuno 
amatore»  il  vecchio  motivo,  rabbecciato  e  trasformato  ritorna  al  popolo, 
seguitando  il  suo  cammino  umile  e  oscuro  ^. 


Quanto  la  poesia   dotta  abbia  preso  dalla  popolare  e  viceversa,    noi 
non  possiamo  dire  con  precisione,    perché   non   troppo  frequentemente 


'  In  un  poemetto  in  ottava  rima,  La  storia  di  s.  Giovanili  Battista, 
stampato  in  Siena,  alla  Los2:ia  del  Papa  nel  1607,  ma  certo  riprodotto  da 
originali  molto  più  antichi,  ascoltiamo  il  motivo  della  benedizione  in  una 
forma  assai  ficina  a  quella  djl  Giustinian.  Infatti  con  tenero  pianto  cosi 
Zaccaria  benedice  il  giovinetto  quando  si  ritira  nel  deserto: 

Benedetto  sia  quando  io  t'  acquistai, 

benedetto  sia  el  dì  che  tu  nascesti, 
benedetto  sia  el  dì  eh'  io  t'  allattai, 
benedetto  sia  el  dì  che  ritto  stesti, 
benedetto  sia  el  tempo  che  tu  hai, 
benedetto  sia  ciò  che  mai  hauesti 
benedetto  sia  tanto  tuo  patire, 
benedetto  sia  il  vivere,  e  1  morire. 

E  con  versi  affini,  ma  intonati  alla  maledizione,  riappare  nella  Storia  di 
Ippolito  Biiondelmonti  e  Dianora  de'  Bardi.  L'  accenno  di  costei  alla 
sua  vita  sventurata  in  due  semplici  versi: 


Sia  maledecta  la  inimicizia 

Sia  maledecta  la  mia  disaventura, 


HKNF.DIZIONn    E    MAF. EDIZIONI    IN    AMORE  21.7 

rinveniamo  le  testimonianze  dell'  antica  letteratura  fiorita  tra  i  volghi. 
Certo  le  due  correnti,  la  dotta  e  la  popolare,  pur  camminando  per 
vie  diverse,  non  escludono  riavvicinamenti  e  prestiti  più  o  meno  pro- 
fondi e  vitali,  e  forse  al  popolo  si  deve  molto  più  di  quanto  comune- 
mente  si  creda.     L'  osservazione  non  è  nuova  e  fu  fatta  da  parecchi 


si  fa  più  vivo  e  prorompe   impetuoso  allorché  la  madre  d'  Ippolito,  ritenuto 
vano  ogni  tentativo  di  guarire  il  figliuolo  dal  folle  amore,  lo  maledice  : 

Dapoi  che  veggo  tua  obstinatione 
non  ti  vo  più  figliuol  contaminare, 
anzi  ti  do  la  mia  maladitione 
e  nove  mesi  che  tu  sai  portare 
e  il  latte  eh'  io  ti  diedi  con  ragione: 
come  va  el  corpo  1'  alma  possa  andare; 
e  maledetto  el  dì  che  t'  acquistai, 
e  le  fatiche  che  per  te  portai. 

E  maledetto  el  dì  che  tu  nascesti 
e  r  ora  e  il  punto  che  t'  ingenerai, 
di  giorno  in  giorno  il  dì  che  tu  crescesti 
e  maladetto  che  non  t'  annegai 
quando  del  petto  el  latte  recevesti 
che  di  venire  a  questo  non  pensai  ; 
e  maladetti  gli  anni  el  mese  el  punto 
infino  a  questo  dì  che  tu  sei  giunto. 

Ecco  la  descrizione  delle  due  stampe. 

La  vita  T  la  morte  di  santo  Gioiiatttii  \  Battista 

Dopo  il  titolo  una  rozza  xilogr.  rappresentante  s.  Giovanni  Battista  con 
gli  attributi  tradizionali,  1'  agnello  e  la  croce.  Intorno,  chiusa  in  un  nastro, 
r  iscrizione:  ECCE  AGNVS  DEI  .  .  . 

Al  disotto  della  xilogr.  altri  due  rozzi  intagli  decorativi  e  in  fondo  alla 
pag.:  In  SIENA,  alla  Loggia  del  Papa  .  1607. 

Inc.  e.  la,  col.  1: 

DOLCE  Madre  di  Dio  pietosa  e  degna 
concedi  gratia  all'  intelletto  mio. 

Fin.  (ottave  59),  e.  2^,  col.  2 : 

San  Gionanni  Battista  humile,  e  pio, 
prega  GIESV  con  la  madre  MARIA, 
che  in  die  iudicij  el  suo  regno  ei  dia. 
IL  FINE 

Misura  mni.  159^  122,  ce  [4] ,  vv.  36  per  p.,  s.  segnai,  e  s.  rich. 
Firenze,  Riccardiana.    (Miscellanea  Malfatti,  21.) 

et  Hyp  olito  Buondelmonti  &  Dianora  de  Bardi  Cipta- 
dini  Fiorentini. 


218  GUIDO    VITALETTI 

e  in  vario  tempo  :  lo  Schuchardt  asserì  che  la  nostra  poesia  d'  arte, 
specialmente  nelle  origini,  derivò  dalla  popolare  in  misura  maggiore 
che  non  questa  da  quella  ^  Ma  già  il  Fauriel^  aveva  fatto  un'  osser- 
vazione consimile  e  1'  argomento  fu  in  seguito  ampiamente  trattato 
del  Gaspary^  e  dal  Cesareo*.  Il  D'  Ancona  nel  suo  dotto  volume 
sulla  Poesia  popolare  italiana  con  minute  ricerche  e  frequenti  com- 
parazioni esaminò  i  mutui  prestiti  che  vennero  insieme  facendosi 
1'  umile  musa  del  popolo  e  quella  dei  dotti,  «Vi  è  nella  prima  origine 
della  poesia  volgare  un  rivoletto,  che  scaturisce  dal  fondo  stesso  del 
suolo  italico;  e  per  quando  esso  appaia  talvolta  men  limpido  e  copioso 
degli  altri  due  rivi,  che  sgorgano  T  uno  dai  delubri  e  dalle  scuole 
dell'  antichità,  T  altro  dalle  reggie  e  dalle  liete  ragunanze  d'  oltralpe, 
non  però  potrebbe  negarsene  1'  esistenza:  che  del  rimanente  dovrebbe, 
a  fil  di  logica,  supporsi,  quand'  anche  non  ne  avessimo  sicure  testi- 
monianze.    Ne'  queste   certamente   abbondano;    ma   sono   tuttavia  tali 


Sotto  il  titolo,  la  ben  conosciuta  e  squisita  xilografia  rappresentante  Dianora 
che  abbraccia  disperatamente  Ippolito  condotto  da  un  gruppo  di  armati  a  piedi 
e  a  cavallo,  all'  estremo  supplizio. 

Inc.,  e.  /«,  col.  1: 

O  sùmia  sapièzia  o  uero  Dio 

da  cui  procede  ogni  ìfinita  gloria 

Fin.  (ottave  108),  e  6.  v,  col.  2., 

adunche  seguitiamo  il  sacro  amore 
qsta  storia  e,  finita  al  nostro  honore 

Sotto:  a  Finito  Hypolito  &  Dianora  \  stampato  in  Firenze 
apeti"  I  Itone  di  Bartolomeo  Castelli. 

S.  a.  ma  prima  del  sec.  XVI.  Firenze,  Nazionale. 

Di  questa  novella  celebre  si  fecero  numerose  ristampe.  Cfr.  a  questo 
proposito:  Passano,  Novelle  in  verso,  Bologna,  1868,  p.  59;  Milchsack- 
ir  Ancona,  Due  farse  del  sec.  XVI,  Bologna,  1882,  p.  133;  Picot,  La 
race,  di  Chantilly,  Pisa,  1894,  n°.  '20;  Varnhagen,  Uber  eine  Sammhmg 
alt.-it.  Drucke  der  Erlanger  iiniv.  bib..  Eri.,  1892,  p.  5  e  7;  Segarizzi, 
Bibliografia  delle  st.  popol.  della  Bibl.  Marciana,  Bergamo,  1913,  n°.  16b, 
167;  Catal.  Libri,  1862,  n\  467. 

^  Ritornell  nnd  terzine.  Halle,  1874. 

-  Poesie  populaire  italienne  au  XIII  siede,  Paris,  Durand,  1854;  II, 
p.  460  e  segg. 

^  La  scuola  poetica  siciliana,  trad.  di  S.  Friedmann,  Livorno,  Vigo, 
1882;  p.  145  e  segg. 

*■  La  poesia  siciliana  sotto  gli  Svevi,  Catania,  Giannotta,  1894,  p.  293 
e  segg  ;  e  del  medesimo.  Le  origini  della  poesia  lirica  in  Italia,  Catania, 
Giannotta,  1899. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  219 

e  tante  che  bastano  a  dimostrare  il  fatto.  Chi  invero  consideri  le 
condizioni  della  cultura  italiana  anche  nei  tempi  più  tenebrosi  dell' 
età  media,  e  segua  anche  il  progressivo  innalzarsi  del  volgo  abietto 
a  libera  cittadinanza,  e  degli  aspri  e  rozzi  parlari  provinciali  a  lingue 
letterarie,  éion  dovrà  meravigliarsi  che  nei  petti  italiani  sopravvivesse 
una  scintilla  almeno  di  poesia.  Le  discendenza  latina  non  era  ridotta 
a  greggie  ignobilmente  inselvatichito;  restavano  vivaci  almeno  le  forze 
dell'  immaginazione  e  dell'  affetto,  mantenute  gagliarde  dallo  stesso 
immutato  aspetto  della  natura  e  del  cielo  ;  restavano  memorie  dell' 
antica  grandezza,  abbarbicate  quasi  di  ruderi  dei  templi,  dei  fori,  dei 
palagi,  degli  anfiteatri  :  indi  nascevano  favole  intessute  con  mirabili 
colori  sui  fatti  e  sui  personaggi  dell'  antichità  latina,  e  per  contrario, 
altre  di  tutt'  altra  indole  sui  tempi  e  sugli  uomini  delle  dominazioni 
barbariche. 

Ma  via  via  che  scorrevano  gli  anni,  anzi  i  secoli,  e  migliora- 
vasi  la  civile  condizione  delle  plebi ,  e  si  andava  recando  a  più 
corretta  forma  1'  idioma,  è  naturale  che  quella  torbida  vena  di 
poesia  dovesse  chiarirsi  e  crescere  in  copia,  finché  giungessero  altri 
tempi,  ne'  quali  al  suo  libero  espandersi  fosser  tolti  gli  ostacoli 
maggiori.» 

Le  parole  del  D'  Ancona  si  riferiscono  specialmente  al  '  periodo 
delle  origini,  ma  altrove  egli  istituisce  faticose  analisi  per  gli  scambi 
avvenuti  in  tempi  posteriori.  Quando  con  i  cataloghi  di  stampe 
popolari  della  Marciana,  dell'  Alessandrina  di  Roma,  della  Trivul- 
ziana  di  Milano  e  della  Nazionale  di  Firenze  (che  quivi  sono  le  raccolte 
più  importanti),  potremo  studiare  con  maggior  diligenza  la  cosidetta 
letteraiiira  a  un  soldo ,  non  soltanto  si  vedrà  come  moltissimi  com- 
ponimenti hanno  paternità  ben  definita,  ma  si  potranno  stabilire 
con  rigore  i  contatti  cui  si  è  accennato.  Nel  caso  nostro  lo  stram- 
botto del  Giustinian  è  una  derivazione  del  sonetto  petrarchesco  o 
non  piuttosto  egli  lo  raccolse  dai  canti  che  a  lui  salivano  dalle  calli 
e  dalla  laguna? 

E  ben  difficile  dirlo  :  molte  volte  dai  volghi  escono  delle  esclamazioni 
univoche,  dei  gridi  spontanei,  dei  quali  non  si  potrà  rintracciar  mai 
quando  nacquero  e  chi  ne  fu  il  primo  autore.  Basta  una  frase,  un 
tema,  perché  il  popolo  vi  si  compiaccia,  perché  li  ripeta,  li  modifichi  : 
le  varianti  che  vi  porta  sono  come  il  suggello  impresso  dal  sentimento 
comune  per  cui  1'  opera  si  generalizza  e  da  individuale  si  tramuta  in 
collettiva.  Poeti  d'  arte  non  isdegnano  attingere  a  questa  fresca 
sorgente  :  si  appropriano,  ampliano,  correggono  un  tema  che  non  di 
rado  torna,  limato  e  terso,  al  primitivo  ruscello. 


220  GUIDO    VITALETTI 

Che  il  tenue  motivo  fosse  assai  diffuso,  lo  abbiamo  già  visto  '  :  aggiun- 
geremo che  già  nei  primi  anni  del  secolo  XV  un  ignoto  cantore  scriveva 
in  un  bastardello  dell'  Archivio  Comunale  di  Camerino  il  seguente 
strambotto  che  possiamo  considerare  come  uno  degli  antenati  del 
componimento  giustinianeo;  « 

Sia  benedicto  chi  t'  engenerone 

Sia  benedicto  a  chi  te  resomeglie, 

Sia  benedicto  chi  lacte  lactòne 

La  bocca  tua  vèrmeglia,  chiara  stella. 

Sia  benedicto  chi  te  nutricone 

Sia  benedicto  chi  te  fé  si  bella: 

Sia  benedicti  1'  occhi  tó  lustranti 
Che  'namorare  à  facti  tanti  amanti^. 

Le  assonanze  tra  i  due  componimenti  sono  evidenti:  1'  anonimo 
cantore  ci  offre  la  sua  materia  grezza  ma  non  priva  di  ingenua  grazia 

*  Non  bisogna  neppure  dimenticare  V  ottava  del  Pulci  in  cui  Carlomagno 
benedice  al  morto  Paladino  e  gli  richiede  la  spada  Durlindana: 
Io  benedico  el  di  che  tu  nascesti 
io  benedico  la  tua  giovinezza, 
io  benedico  i  tuoi  concetti  onesti, 
io  benedico  la  tua  gran  prodezza; 
e  se  tu  hai  di  me  nel  ciel  mercede 
come  solevi  al  mondo,  alma  diletta, 
rendimi,  se  Dio  tanto  ti  concede, 
ridendo,  quella  spada  benedetta. 

-  E  in  un  bastardello  del  notaio  Bartolomeo  di  Nicola  (credenza  V, 
n''.  28)  contenente  atti  degli  anni  1424 — 1425  e  mi  fu  gentilmente  comuni- 
cato dal  Prof.  Bernardino  Feliciangeli. 

Lo  strambotto  è  seguito  da  un  altro,   incompleto,   che  trascrivo,   sicuro  di 
far  cosa  grata  agli   studiosi  di  poesia  popolare.     Non  esistono  notevoli  diffi- 
coltà paleografiche:  però  alcune  parole,  quali  si  leggono,  sembra  non  abbiano 
senso.     Ad  ogni  modo  eccone  una  possibile  ricostruzione: 
Quando  ve  passo  che  non  faccio  danno 
Perché  lo  mio  passare  è  gelosia, 
Se  ve  la  prendi  dateme  lu  bando 
O  toglierai  la  casa  de  la  via: 
La  via  é  comuna,  passiraggio  menne: 
Chi  non  me  vòle  vedere  rintesenne. 

Per  il  secondo  verso  ù  da  notare  che  in  un  Capitolo  de  gelosia  inserito 
in  un  libercolo  dell  Olimpo ,  ne  troviamo  uno  consimile:  per  il  passiraggio 
menne  potremmo  interpretare:  me  ne  ho  da  passare  (debbo  passare),  e  il 
rintesenne  dovrebbe  avere  il  significato  di  si  rintani  (si  ritiri). 


BENF.DIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  221 

rysticale:  il  Giustinian  la  elabora  e  fiorisce  di  qualche  ricordo  letterario, 
senza  dimenticare  di  darcene  una  tessitura  à  rebours: 

Biastemo  il  giorno  che  me  innamorai, 

Biastemo  il  giorno  che  ti  missi  amore, 
Biastemo  il  giorno  che  in  te  mi  fidai, 
Biastemo  il  giorno  che  ti  dei  il  mio  core; 
Biastemo  il  bene  eh'  io  te  volsi  mai, 
Biastemo  1'  alma  mia  che  per  te  more; 
Biastemo  1'  assai  beffe  che  m'  hai  fato: 
Ancor  biastemo  chi  cason  n'  è  stato. 

Ed  anche  qui  gli  esempi  non  dovevano  certo  mancare  al  poeta 
veneto.  Oltre  ai  sonetti  di  Dante  e  di  Cecco  Angiolieri  possiamo 
ricordare  la  disperata  di  Antonio  da  Ferrara  (1315  —  1363),  imitata 
evidentemente  da  alcuni  passi  del  Libro  di  Giobbe  e  della  Elegia  di 
Arrigo  da  Settimello,  in  cui  le  maledizioni  contro  tutto  ciò  che  ha 
contribuito  alla  vita  del  poeta  si  inseguono  ininterrotte.  Riproduciamo 
integralmente  la  bella  e  forte  poesia  tutta  pervasa  da  un  senso  acre 
di  spasimo  e  di  sarcasmo:  è  il  più  antico  esempio,  conosciuto  del 
genere  ^ : 

Le  stelle  universali  e'  ciel  rotanti. 
Le  loro  infusioni, 

L'  eterno  moto  e  tutta  la  sua  forza 
E  propriamente  quelle  impressioni, 
Gli  aliti  e  i  sembianti 
.  Che  da  lor  ^  prese  mia  natura  scorza, 
E  r  alimento  ^  che  mai  non  s'  amorza, 
L'  arie,  1'  acqua  e  la  terra, 
Che  'n  mia  forma  si  serra, 
Sie  maledetto,  e  tutto  lor  potere. 
Maledetto  il  voler  —  eh'  accese  il  padre 
Delle  mie  triste  membre 
A  spargere  il  suo  seme  e  '1  mio  dolore. 
Poi  maledico  il  corpo  della  madre. 
Dove  s'  agiunse- insembre 
L'  anima  tapinella  a  questa  pasta. 
Dogliosa  più  che  quella  di  locasta. 


*  Cfr.  G.  Volpi,  Rììuc  di  trecentisti  niiiiori,  Firenze,  Sansoni,   1896. 
•^  Dai  quali 
^  Elemento  (il  fuoco). 


222  GUIDO    VITALETTI 

Quel  primo  punto  eh'  io  scopersi  tempo 
E  caldo,  pioggia  e  vento 
Sia  maledetto,  e  chi  mi  vide  prima! 
Maledette  le  fascie  e  '1  nudrimento 
Che  cominciar  per  tempo 
A  darmi  la  cagion  di  questa  rima! 
Maledetto  dal  pie  fino  alla  cima! 
L'  acqua,  el  sale  e  '1  battesimo 
Di  mio  cristianesimo 
E  chi  mi  pose  nome  a  quel  zimbello. 
Stato  foss'  io  porcel  —  da  campanella, 
Quando  tre  dadi  di  groppo 
Mi  furo  appesi  a  collo  in  un  borsello: 
E  per  sé  maledetta  sia  la  stella 
Che  '1  mondo  di  galoppo 
Assai  più  tristo  m'  ha  fatto  cercare, 
Che  non  fu  Edipo  a  gli  occhi  suoi  cavare. 

Mille  trecento  quindici,  ov'  io  nacqui, 
Tempo  crudele  e  rio, 
Nimico  di  virtù,  sia  maledetto, 
La  mia  bassa  fortuna  e  '1  sito  mio. 
Là  dov'  io  giovin  giacqui 
E  '1  padre  mio  allora  poveretto, 
r  maledico  il  suo  buon  intelletto, 
Che  di  suo  stato  vile 
Volse  agrandir  mio  stile 
E  fuor  de  gli  animali  trarm'  a  scienza. 
Maledetta  la  'ntenza  —  e  quel  sudore 
Che  per  mio  studio  spese, 
Maledetta  la  'mpresa  intelligenza, 
Che  fa  centuplicare  il  mio  dolore: 
Maledetto  '1  paese, 

Dov'  io  la  'mpresi,  che  mi  tien  pensando 
Più  tristo  assai  che  Ecuba  furiando. 

El  vano  intender  mio,  la  lingua  sciolta 
L'  altezza  del  mio  animo 
Sia  maledetto  e  '1  tempo  vagabondo. 
Poi  eh'  io  son  fatto  tanto  pusillanimo, 
Che  una  picciola  volta 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE 

Di  dadi  mi  può  far  tristo  e  giocondo. 

Maledette  le  terre  e  1'  ampio  mondo, 

Ch'  i  ho  tanto  cercato, 

Pover  e  disviato, 

Senza  trovar  giammai  don  di  fortuna; 

Non  so  che  luna  —  la  mia  vita  guidi: 

Doglio  sospiro  e  piango, 

E  mai  di  questo  mia  mente  digiuna. 

Maledetti  i  sospiri  e'  grandi  stridi 

Ch'  io  trago  in  questo  fango 

Del  viver  miser  mio,  più  grave  assai 

Che  quel  di  lob  al  colmo  de'  suo  guai. 

Maledetti  i  servigi  reverenti, 
Maledetto  '1  servire 

Ch'  io  feci  ad  altri  con  borsa  o  con  bocca, 
Maledetto  '1  tacere  e  '1  sofferire 
De'  miei  dolor  cocenti, 
Maledetta  la  morte  che  no  scocca 
L'  ultimo  strai  di  sua  possente  rocca 
Tra  mia  indurata  mente. 
Disperata  e  dolente, 
Priva  d'  ogni  speranza  e  di  conforto, 
Da  poi  eh'  è  morto  —  il  pensier  che  mi  dava 
Frutto,  speranza  e  norma 
Della  mia  vita  rea  giugner  a  porto: 
Ove  fortuna  e  vizio  pur  mi  grava 
Di  nuovo  cangiar  forma. 
Gravosa  più  che  quella  d'  Apollegio  \ 
Trasfigurata  al  bestiai  collegio. 

Tu,  disperata  rima  e  tristo  verso, 
Canzon  nuova  di  pianto, 
r  ti  confermo  e  si  ti  benedico. 
Se  tu  trovassi  alcun  che  si  dea  vanto 
In  pena  esser  sommerso. 
Disperato  di  ben,  lasso  e  mendico, 
Fammigli  amico,  —  s'  amistà  può  essere 
Tra  sfortunati  e  rei; 


223 


'  Apuleio.    Allude  all'  Asino  d'oro. 


224  GUIDO    VITALETTI 

E  giura  per  li  dei 

Che  Dido  giunse  al  suo  gravoso  tessere, 

Ch'  assai  son  presso  a  privarmi  dell'  essere^. 

Sia  maledetto  quanto  per  te  figi  (sic) ,  comincia  più  tardi  uno 
strambotto  del  codice  Zichy  della  Biblioteca  Comunale  di  Budapest  ^  ; 
Sia  biastemata  la  crudele  usanza,  un  altro  di  un  codice  trivigiano  ^  ; 
El  hiastemar  non  giova,  io  maledico  ....  apostrofa  un  sirventese 
contenuto  nel  Codice  1739  della  Biblioteca  Universitaria  di  Bologna*; 
Sia  maledetto  chi  trovò  V  amore,  aggiunge  un  anonimo; 

Sia  maledetto  il  giorno  e  1'  ora  e  '1  punto 
Ch'  i  mi  condussi  della  morte  a  rischio 

canta  il  Poliziano  ricordando  la  movenza  petrarchesca,  e  cosi  via. 

Né  mancano  in  un  medesimo  componimento  curiose  mescolanze  di 
benedizioni  e  di  maledizioni.     Cosi  in  un  antico  repertorio  : 

Sia  maledeta  1'  ora  e  '1  di  eh'  io  vini 
Sotto  el  ziogo  d'  Amore, 
E  la  vana  speranza  che  manteni. 

Sia  maledecta  la  Fortuna,  e  dove 

Sostene  '1  colpo  che  non  guarrò  mai  ; 

Sia  la  costanza  mia,  la  fé,  le  prove, 

Le  lagrime  e  sospir  che  sparsi  mai. 

Sia  benedeta  tu  che  lieta  stai. 

Del  me  greve  dolore. 

Tanto  sì  bella  e  de  vertù  onore  ^. 

Ma  possiamo  affermare  che  spesso  la  maledizione  s'  identifica  con 
la  disperata^    che   doveva   essere    anticamente   un   epiteto   aggiunto  a 


*  «Questa  canzone,  nota  il  Volpi,  op.  cit.,  ci  è  giunta  molto  malconcia, 
forse  per  la  gran  diffusione  che  ebbe  «  L'  editore,  per  stabilire  il  testo,  si 
servi  di  tre  manoscritti:  (Laur.  PI.  XC  Inf.  47,  e.  42  v.\  Laur.  Gaddiano 
Rei.  198,  e.  Ili  v.\  Palatino  200  della  Nazionale  di  Firenze,  e.  29  ?;) 

2  L.  Zambr A,  //  Codice  Zichy  ecc. . . .  Contributo  alla  lirica  italiaiui 
del  quattrocento;  in  La  Bibliofilia,  XVI,  p.  5. 

^  V.  Gian,  Ballate  e  strambotti  del  secolo  XV  tratti  da  un  codice 
trevisano,  in  Giorn.  stor.  della  letterat.  ital.,  voi.  IV,  1884,  pagg.  1—55. 

^  G.  Rossi,  Tavola  del  Codice  1739  ecc....  nel  Propugnatore,  1893, 
p.  166. 

^'  T.  Casini,  Due  (inticlii  repertori  poetici,  nel  Propugnatore ,  nuova 
serie,  voi.  TI,  pag.   1  e  2.  ' 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  225 

cannone:  il  poeta  disperato  scaglia  per  proprio  conto  o  in  nome  di 
altri  una  serie  di  imprecazioni  e  di  invettive  contro  V  amore,  1'  amata 
da  cui  è  stato  tradito,  e  spesso  anche  contro  le  persone  e  le  cose  più 
care.  Ecco  perchè  ne  troviamo  frequenti  esempi  nella  nostra  poesia 
fin  da  tempi  remoti  e  specialmente  in  quella  popolare  e  popolaresca  ^ 
Per  la  storia  della  disperata^  di  cui  il  più  felice  cultore  fu  Simone 
Serdini  detto  il  Saviozzo^,  e  il  suo  svolgimento,  rimando  al  Cian  il 
quale  ne  riproduce   ed  illustra  una  di  Bartolomeo  Cavassico^.     Qui  il 


^  Cfr.  V.  Rossi,  Introdusione  alle  lettere  di  A.  Calmo,  Torino,  Loescher, 
1894,  p.  C,  n  1  ;  D'  Ancona,  La  poesia  popolare  italiana,  Livorno,  Giusti, 
1907,  p.  156;  V.  C[an,  Le  rime  di  Bartolomeo  Cavassico  notaio  bellunese 
della  prima  metà  del  sec  XVI,  Bologna,  Romagnoli  Dall'  Acqua,  1893, 
p.  XCII  e  segg. 

'^  Cfr.  F.  Flamini,  La  lirica  italiana  del  Rinascimento,  ecc.,  p.  532. 

^  Ne  abbiamo  persino  una  di  Pietro  Aretino  contenuta  nel  rarissimo 
opuscoletto:  d  Opera  Nona  del  FacTi dissimo  Gioitene  Pietro 
Pi  I  ctore  Arretino  soe  strambotti  sonetti  \  Capitoli  Epistole 
B ar sellete  &  \  una  Desperata. 

In  fine:  C  Impresso  in  Venetia  per  Nicolo  Zopino  Nel  M.CCCCC.  XII. 
Adi  XXII  I  de  Zenaro. 

Una  copia  nella  Marciana.  Cfr.  Prince  d'  Essling,  Les  livres  à  figures 
venitiens,  Paris -Florence,  Olschki,  1912.  Al  d'  Ancona  che  si  domandò 
chi  fosse  questo  Pietro  Aretino  pittore  rispose  A.  Luzio  identificandolo  col 
Flagello  dei  Principi.  Cfr.  P.  A  nei  suoi  primi  anni  a  Venezia,  ecc. 
Torino,  Loescher,  1888,  p.  109. 

Ne  troviamo  un'  altra  in  un  opuscolo  di  Narnese  Romano,  Operetta 
amorosa  cioè  sonetti  xij ,  Capitoli  iiij.  Disperata  j, 
strambotti  xxxij,  Venetia,  Rusconi,  1515.  (Milano,  Trivulziana);  e  alcune 
in  un  libretto  contenente  poesie  di  diversi  autori  che  ebbe  la  fortuna  di 
parecchie  ristampe  nei  primi  anni  del  sec.  XVI.  Ecco  la  descrizione  dell' 
edizione  di  Pesaro,  tra  il  1510  e  il  12: 

Fioretto  di  cose  none  nobilissime  degne  \  de  diuersi 
Auctori  nouiter  stampate  cioè:  \  Sonetti  Capitoli  Epistole  \ 
Egloge  Disperate  straìnbotti  \  Bar sellett e.  Et  contra  di- 
sperata I  Cum  Gratia.  Nel  recto  della  carta  40:  In  Pesaro  p. 
Pietro  Capha  ad  istantia  de  Nicolo  Zopino. 

Autore  di  alcune  di  queste  è  quel  Marcq  da  Rasiglia,  fulginate,  (t  1508), 
philosophus,  medicus  poeta  ac  canonista  Celebris.,  che  trova  modo  di  in- 
serire in  mezzo  alle  sue  egloghe  e  ai  suoi  capitoli,  oscene  frottole  e  lascive 
prediche  d'  amore.  Cfr.  Guido  Vitaletti,  Assonanze  dantesche  in  una 
epistola  in  versi  del  secolo  XVI,  in  Nuovo  Giornale  Dantesco,  maggio- 
agosto  1918. 

Il  PicoT,  nella  sua  Raccolta  di  Poemetti  italiani  della  Biblioteca  di 
Chantilly,  Pisa,  1894,  ne  descrive  un'  altra  sotto  il  n°.  33: 

Desperata  composta  per  Miser  \  Carlo  Vinasexi:  nona: 
mète  \  stampata.    Finis.  —  S.  l.  ed.  a.,  in  4,  di  e.  2  a  2  col.,  caratt. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  15 


226  GUIDO    VITALETTI 

poeta  si  rivolge  alla  Morte  pregandola  di  tardare  un  poco  finché  egli 
abbia  almeno  sfogato  il  suo  dolore  che  si  traduce  in  una  lunga  serie 
di  maledizioni  comincianti  ciascuna  con  un  Io  maledico.  Neppure  le 
cose  più  care  sono  rispettate  dal  notaio  bellunese  e  nella  sua  esplosione 
d'  ira  e  di  dolore  maledice  persino  il  ricordo  dei. piaceri  goduti: 

Io  maladico  quella  Aurora  invida 

che  tante  volte  m'  ha  de  braccia  tolta 
quella  che  vuol  che  1'  alma  mia  divida. 

I  poeti  secentisti  del  secolo  XV  e  XVI  nei  loro  grotteschi  contor- 
cimenti crearono  poi  la  controdisperata^  la  quale  naturalmente  cam- 
biava le  invettive  in  benedizioni  ed  elogi.  E  il  popolo  sembrò  acco- 
gliere con  favore  il  nuovo  componimento  se  dobbiamo  giudicare  dal 
numero  grande  di  esse  giunto  fino  a  noi  attraverso  i  soliti  opuscoletti 
di  quattro  carte  a  proposito  di  ciascuno  amatore.  Cosi  in  una 
controdisperata  adespota  stampata  nel  1513  leggiamo  tra  le  altre  cose: 

Sia  benedecto,  ioue,  el  tuo  scabello 

E  la  tua  moglie  e  sorella  junone 

E  ganimede  el  tuo  gentil  donzello, 

E  tuoi  fratelli  Neptuno  e  Plutone. 

Sia  benedecti  e  tutto  il  parentado 

E  quel  che  in  Monzibel  struscia  el  carbone. 

Non  lega  e  versi  miei  chi  è  disperato 

Ch'  io  son  pien  di  speranza  e  d'  allegrezza 

Et  con  el  papa  non  cambiarei  stato  ^ 


semigot. ,    con  una  grande  lig.  in   legno  (un  uomo  innamorato   ferito  dalla 
morte);  senza  segnatura. 

Il  poemetto  è  scritto  in  quartine; 

Sei  biastemar  non  vai  io  maledico 
amor  la  crudeltà  del  tuo  bel  viso  .  .  . 

Viene  poi  un  altro  poemetto  anch'  esso  scritto  in  quartine: 


I 


o  mi  lamento  del  più  duro  chore 
che  mai  crease  i  cieli  e  la  fortuna  .  . 


^  Sola  virtus  fior  de  cose  no  \  bilisshne  et  desine  de  di  \ 
versi  auctori  cioè  so  |  netti;  Epi  |  stole  Egloghe;  Disperate  et  una  contro- 
dispera I  tar  strambotti  et  Barzellette.  Infine:  Impressum  in  A'enetia  per 
Simone  de  Luere  M.D.XIIII.  Adi  XIIII  Octobrio.  È  nella  Misceli.  Mar- 
ciana, 2429,  2. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  227 

E  con  r  avvento  e  il  dilagare  degli  strambottisti  si  svolge  un  com- 
ponimento affine:  lo  strambotto  di  Icwiento.  Il  disprezzo  e  il  disgusto 
di  se  stesso,  della  vita  e  del  mondo  che  s'  impadroniscono  a  un  tratto 
e  soggiogano  1'  animo  per  un  momentaneo  rovescio  d'  amore  o 
d'  altro  e  oscurano  quanto  prima  era  sembrato  vivo  giocondo  e  lumi- 
noso, eccone  la  materia.  Nei  repertori  poetici  ad  uso  dei  volghi  tro- 
veremo invariabilmente  accanto  agli  strambotti  de  lode  belli  anche 
quelli  de  disgratia  e  de  lamento! 

Baldassarre  Olimpo,  il  quale  fu  il  più  conosciuto  dei  cantori  popolari 
del  secolo  XVI  e  dovette  la  sua  produzione  e  la  sua  educazione  oltre 
che  alla  musa  del  popolo  ad  alcuni  poeti  che  lo  precedettero,  non 
ultimi  il  Poliziano,  il  Magnifico,  Serafino  Aquilano,  Panfilo  Sasso,  il 
Giustinian,  profonde  a  diecine  nei  suoi  libretti  questi  strambotti  '.  Ne 
riferiamo  alcuni  dalla  Nova  Fenice. 

,  ^  Baldassarre  Olympo  degli  Alessandri  da  Sassoferrato  (1480? —  1540)  ebbe 
una  giovinezza  ardente  e  gioconda  e  nella  piccola  cittadina  il  cui  nome 
sonava  già  chiaro  per  aver  dato  i  natali  a  Bartolo  e  a  Niccolò  Perotti,  per 
non  parlare  dei  minori,  organizzò  insieme  ad  una  brigatella  di  pittori  senesi 
che  frescavano  in  Santa  Maria  del  Piano  e  in  altre  chiese  delle  curiose 
inunascarate  che  dovevano  portare  in  provincia  un  riflesso  dei  sontuosi 
carnasciali  del  Magnitico.  Caratteristiche  sono  quelle  del  Liiiguaccio, 
libretto  che  dovrebbe  significare  tormento  delle  lingue.  11  poeta  durante 
il  carnevale  percorre  le  vie  e  le  piazze  della  città  insieme  ai  suoi  amici, 
ciascuno  con  uno  stendardo  allegorico  la  cui  asta  reca  trafitta  una  enorme 
lingua:  //  generoso  Olimpo  accompagnandosi  col  liuto  canta  un'  invoca^ 
zione  a  Venere;  i  suoi  compagni  alla  lor  volta  intonano  strambotti  e  poesie 
satiriche  contro  le  male  lingue.  È  questo  il  libretto  che  contiene  inoltre 
quel  fragrante  mazzo  di  fiori  di  campo  che  sono  gli  strambotti  e  la  frottola 
in  laude  di  una  pastorella  che  Severino  Ferrari  tolse  per  primo  al  Poli- 
ziano cui  era  attribuita.  Oltre  il  Linguaccio  compose  ad  uso  dei  volghi 
numerosi  libretti  di  poesie  amorose,  dei  quali  lo  schema  generalmente  è  il 
seguente:  Mattinate  bellissime  ;  Capituli  tersi;  Mad  rigai  ecti;  Cansoni; 
Stra^nbotti  de  laude;  Strambotti  de  lamento;  Epistole;  Frottole; 
Bar  cellette  ;  Disperate,  etc.  ;  qua  e  là  vi  sono  innestate  prose  ^é»//^  e  anche 
bellissime.  Per  rendersi  grato  al  popolo  tra  cui  vive  e  per  il  quale  scrive, 
spesso  ricorre  a  dilinquimenti  e  ad  acrobatismi  insulti.  Ma  non  bisogna 
dimenticare  che  è  un  poeta  popolare  e  che  spesso  improvvisa:  tra  il  formu- 
lario di  repertorio  non  di  rado  1'  ispirazione  è  sincera  e  ingenua:  fioriscono 
allora -componimenti  di  una  insolita  vivacità  e  leggiadria.  Quod  flueret 
luiulentus  erat  quod  tollere  velles.  Specialmente  per  gli  strambotti  ritrova 
r  intonazione  e  la  semplicità  della  poesia  popolare  di  cui  strutta  e  diluisce 
i  motivi:  con  gli  snelli  canti  di  parteìisa  si  avvicina  a  forme  ancor  vive. 
Pili  tardi  pentitosi  dei  suoi  trascorsi  si  fa  frate  minore  e  scrive  dei  libri 
spirituali  :  lo  ritroviamo  nel  Convento  di  Concordia  e  più  tardi  a  Perugia 
dove  more  (circa  1540). 

15* 


228  GUIDO    VITALETTI 

Vorrei  che  tutte  1'  acque  fosser  tosco 
e  vorrei  eh'  ogni  augel  fosse  un  leone: 
e  vorrei  eh'  ogni  casa  fosse  un  bosco, 
e  vorrei  eh'  ogni  uom  fosse  un  Nerone: 
e  vorrei  eh'  ogni  lume  fosse  fosco, 
ogni  verme  vorria  fosse  un  dracone, 
e  vorrei  che  la  state  fosse  il  verno, 
e  che  cadesse  Giove  nello  inferno. 


Appartengono  sicuramente  al  nostro  ingenioso  giovene  V  Olimpia , 
r  Ardelia,  V  Aurora,  la  Camilla ,  la  Gloria  d'  Amore,  la 
Nova  Fenice,  la  Pegasea  :  anche  nella  Par  te  ni  a ,  libro  spirituale 
dedicato  ad  Elisabetta  Gonzaga  si  conservano  le  forme  e  i  ritmi  della  poesia 
amatoria,  contenendo  madrigali  a  Cristo,  frottole  a  Dio  e  alla  Vergine  e 
perfino  una  seretiata  alila  divote  figlie  spirituali.  Fu  il  poeta  più  cono- 
sciuto e  amato  dal  popolo  :  per  il  solo  secolo  XVI  si  possono  contare  un 
centinaio  di  edizioni.  Ha  grande  importanza  per  lo  studio  della  poesia  po- 
polare perchè  se  è  vero  che  molto  apprese  e  trasformò  dai  volghi,  a  questi 
lasciò  e  immise  una  vivida  corrente  di  poesia,  derivante  a  lui  dalla  sua  fanta- 
sia o  dai  modelli  che  imitò  Così  pure  non  è  a  credere  che  fosse  sempre  un 
improvvisatore  vacuo  :  quando  un  ritmo,  un  motivo  veramente  sentito  lo 
colpiscono,  egli  ci  dà  la  Frottola  per  la  Pastorella  o  il  Pianto  d'  Italia. 
Questi  due  componimenti  sono  pervasi  da  un  afflato  lirico  che  manca  quasi 
sempre  nei  suoi  repertori  :  il  divulgatore  di  rime  e  di  versi  d'  amore  per  il 
popolo  scompare  e  subentra  il  poeta. 

Che  i  suoi  repertori  andassero  a  ruba  lo  conferma  un  curioso  episodio 
riferito  da  G.  A.  Gilio  nei  suoi  Due  dialogi,  Camerino,  1564  :  «stando  un 
tratto  il  Deserto  con  certi  altri  signori  accademici  a  burlar  con  un  libraio 
in  Siena,  (questi)  disse  loro  :  Attendete  pur  quanto  volete  con  questi  vostri 
Danti  e  Petrarchi .  che  V  Olimpo  mi  fa  buona  bottega,  conciosiachè  in  un 
anno  io  non  vendo  dieci  Petrarchi  né  cinque  Danti,  ma  vendo  ben  più  di 
mille  opere  di  Baldassarre  Olimpo».  La  popolarità  dei  suoi  Strambotti  «come 
più  facili"  fra  tutti  quelli  del  suo  tempo,  è  attestata  da  T.  Garzoni,  Piassa 
universale,  Venezia,  1567,  discorso  LXX\'\ 

Per  la  bibliografia  dell'  01.  rimando  ai  miei  studi  :  B.  01.  da  Sasso/., 
Assisi,  Tip.  Metastasio,  1915;  I  sermoni  da  morti  di  B.  01.  da  Sasso/., 
in  Fan/  d.  Dom.,  n.  20,  1915;  La  Camilla  di  B.  01.  da  Sasso/err.,  in 
Fan/  d.  Dom.,  1915,  nn.  30-31. 

Libro  damore  \  Composto  per  Baldassane  \  Olimpo  da 
Sasso/erra  \  to  intitolato  no  \  uà  Phenice.  Strambotti  de  lode 
bellissimi  —  strambotti  de  historie  dotti  e  tersi  —  Serenate  —  Imma- 
scarate  —  Madrigali  32  —  Sonetti  —  Capitoli  —  Frottole  —  Lamento 
de  Rode  —  Pianto  de  Italia  —  Capitolo  a  Francesco  Maria  duca 
d'  Orbino  —  Capitolo  de  Giouan  Paul  Baglione  Morte  del  signor 
Gismondo  da  Camerino.    Lode  de  Sasso/errato. 

In  -8  picc.  Neil"  ultima  carta  (verso):  Stampato  in  Vinegia  per 
Nicolò  di  I  Aristotile  detto  Zopino  \  MDXXVL 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  229 

Vorrei  in  tutto  il  mondo  fosse  guerra, 
e  che  luoco  non  fosse  alcun  sicuro, 
e  vorrei  steril  che  fosse  la  terra, 
e  vorrei  che  se  fesse  il  sole  oscuro, 
vorrei  eh'  amato  fosse  chi  più  erra, 
e  che  al  basso  cadesse  ogni  alto  muro, 
e  mancasse  del  mondo  ogni  colonna 
acciò  non  fosse  mai  omo  né  donna. 

Io  vorrei  che  ogni  donna  fosse  un  orso, 
e  vorrei  eh'  ogni  amante  fosse  un  drago, 
acciò  che  insieme  con  orribil  morso 
fesSen  dell'  uman  sangue  un  ampio  lago  : 
e  avere  non  potessen  mai  soccorso, 
anzi  ognun  fosse  del  lor  mal  più  vago  ; 
e  vorrei  veder  ardere  per  giuoco 
il  ciel  r  aer  la  terra  in  fiamma  e  in  fuoco. 

Io  vorrei  che  dal  ciel  piovesse  sangue, 
poscia  regnando  al  mondo  i  traditori, 
io  vorrei  eh'  ogni  serpe  scorpio  ed  angue 
se  nutricasse  sol  de  gli  uman  cuori: 
veder  vorrei  ognun  restare  esangue 
che  fosse  privo  delli  interiori  ; 
e  per  più  mal,  veder  vorrei  il  mondo 
cadesse  sotto  e  sopra  nel  profondo. 

Con  la  mia  mau  se  prendo  una  viola 
presto  diventa  una  cocente  ortica: 
si  alcuna  donna  me  scontrasse  sola 
al  primo  sguardo  me  se  fa  nimica; 
si  alcun  augel  per  1'  aria  a  spasso  vola, 
per  non  vederme  al  bosco  se  rentrica: 
perchè  la  sorte  m'  è  contraria  tanto 
eh'  ogni  mio  riso  se  risolve  in  pianto  '. 


'  Confronta  la  medesima  intonazione,   ma  ancor  più  feroce,  che  si  tratta 
del  padre,  in  Cecco  Aiìgiolieri: 

Vorrei  che  fosse  cotto  e  poi  mangiato     - 
Dagli  uomin  no,  ma  da'  lupi  e  da'  cani; 

e  alcuni  luoghi  di  una  Disperata  di  Serafino  Aquilano  dalla  quale 
probabilmente  ha  attinto  il  nostro  Olimpo: 


230  GUIDO    VITALETTI 

E  cosi  per  un  pezzo;  anzi  questo  strano  poeta  popolare,  nell'  affan- 
nosa ricerca  del  nuovo  saprà  trovare  perfino  una  disperata  da  ridere. 
Del  resto  a  questi  contorcimenti  ci  aveva  gi<à  abituati  Serafino  ^,  di 
cui  1'  Olimpo  è  un  seguace,  e  al  dire  di  un  altro  poeta  di  picciolo 
nome,  Pietro  Laureano  di  Roccacontrada  (Arcevia),  ne  supera  perfino 
gli  intendimenti  : 

Ormai  de  1'  Aquilano  il  vecchio  stile, 
d'  il  Ferrarese  ancor  lasciate  i  versi 
e  sol  d'  Olyrapio  1'  opre  sequitate^. 

Eccone  i  passi  principali  : 

Possa  nascer  un'  aspro  calidonio 

che  mangi  tutti  quanti  i  verdoselli, 
poi  eh'  a  vedeila  non  mi  sento  idonio. 


Gli  altri  veder  vorrien  ciascun  contento, 

Et  io,  ognun  morir  d'  ira  e  di  rabbia, 
E  ritornare  in  guerra  ogni  elemento. 

Vorrei  vedere  il  fuoco  in  sulla  sabbia, 
E  fulgurar  dov'  abitan  le  genti; 
Strida,  pianti,  lamenti,  aprir  di  labbia; 

E  che  Eolo  lassasse  tutti  i  venti. 

Si  che  cadesse  a  terra  ogni  edifizio, 
E  in  guisa  d'  uccel  volar  serpenti  ... 

*  «Come  i  costumi  curiali  gravemente  insecta,  et  Come  suavemente  va 
tessendo  nelle  cose  amatorie!  oh  come  move  gli  animi  nel  parlar  de'  suoi 
tormenti!"  Cosi  Angelo  Colocci  nel  L'  Apologia  di  serafino  Aguilajw ; 
ristampata  da  M.  Menghini  innanzi  alle  Rime,  Bologna,  Romagnoli,  1894. 
Altrove  ne  magnifica  1'  improvviso  comporre  e  «quelT  apportare  strambotti 
et  cose  insolite  per  adietro»  ! 

^  Cfr.  il  sonetto  «ad  novellos  amantes»  inserito  nella  Camilla.  Libro 
novo  d'  amore]  Co fn posto  per  B al d asane  \  olympo  da  Saxo- 
f errato  \  Ì7t  laude  de  una  dona  \  chiamata  \  Camilla  piti 
bella  assai  chel  sole  \  Ar dente.  Mattinate  bellissime  \ 
strambotti  limati  \  Capituli  tessi  \  Madrigal ecti  \  Can- 
zone I  Epistole  I  sonetti  I  Prosa  \  Frottole  \  Bar èellette. 

68  ce.  n.  numcr.  ;  segnate  A-R,  tutti  duerni.    Caratt.  romani. 

In  fine:  stampata  in  Per  osi  a  per  Hieronymo  de  \  Fran- 
cesco de  Chartularii.    Adi.  28.  \  de  Aprile.    M.D.XXII. 

Di  questa  rarissima  ediz.,  dedicata  ad  Alessandro  Vitelli,  condottiero  di 
grande  sagacia,  se  ne  trova  una  copia  nella  Marciana  e  un'  altra  nella 
Comunale  di  Fermo. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE 

Possa  cader  le  frondi  alli  arbuscelli, 

poi  che  madonna  non  mi  vuol  vedere: 
e  possa  a  rosto  farsi  li  augelli. 

Possa  li  porcili  mangiarsi  le  pere 

poi  che  madonna  non  mi  voi  più  bene: 
possa  aver  sete  chi  domanda  bere. 

Romper  si  possa  tutte  le  catene: 

di  maggio  non  si  trovi  mai  le  rose, 
poi  che  madonna  un  altro  amante  tiene. 

Sian  maledette  tutte  le  morose 

le  qual  non  voglion  bene  a  favorirti, 
e  sian  le  selve  a  tutte  1'  ore  ombrose. 

Sian  maledetti  tutti  gli  empi  mostri 
qual  non  divoran  le  donne  crudeli 
che  non  contentan  gli  appetiti  nostri. 

Tosco  diventi  ogni  zuccaro  e  mèle 

poi  che  madonna  mia  tant'  è  superba; 
si  possa  senza  bosma  far  le  tele. 

Possan  le  capre  aver  carestia  d'  erba, 
possa  d'  aprii  cader  li  mandolini, 
possa  r  agresta  stare  sempre  acerba. 

Sian  maledetti  tutti  li  molini 

che  non  macina  '1  grano  almen  1'  inverno 
mangiar  si  possa  il  nibio  li  pulcini. 

Il  fuoco  sempre  star  possa  all'  inferno: 
sia  maledetto  chi  non  mangia  tordi 
quando  son  cotti,  e  beva  il  fin  falerno. 


231 


E  più  avanti: 


A  guazzetto  si  faccia  ogni  piccione 

e  sia  mangiato  il  grasso  beccafico: 

vada  al  bordel,  chi  non  mangia  il  cappone. 

Sia  maledetto  il  villan  contadino 

che  non  mangia  dell'  ova  e  della  carne, 
quando  eh'  è  ricco  più  del  cittadino. 


232  GUIDO    VITALETTI 

Impiccato  sia  chi  non  vuole  starne 

quando  son  grasse,  ben  conce  e  ben  cotte: 
Sia  maledetto  chi  '1  mal  cerca  darrae. 

Sien  maledette  tutte  le  ricotte 

quando  vengon  di  fumo  e  maledetto 
sia  quello,  al  qual  piace  la  botte. 

Mancar  possa  del  mèle  alla  frittella, 
sian  mangiate  di  maggio  le  cerese 


È  cosi  fino  alla  stanchezza,  per  conchiùdere,  a  mo'  di  Monsieur  de 
la  Palisse: 

E  chi  in  donna  si  fida  sia  da  poco, 

e  possa  esser  da  loro  ogn'  hor  gabbato 


Ed  a  chi  muore  possa  uscirgli  il  fiato  ^ 

Ma    torniamo    al    nostro    argomento.      Il   motivo    della    benedizione 
riappare  cosi  nell'  Ardelia: 

Sia  benedecto  quel  felice  giorno 

Che  amor  me  strinse  al  collo  el  dolce  laccio, 
Sian  benedetti  gli  occhi  che  a  te  fórno 
Mossi  per  remirarte  in  cui  disfaccio. 
Sia  benedetto  el  luoco  e  quel  contorno, 
Sia  benedetto  ogni  tormento  e  impaccio: 
Sia  benedetto  el  mese,  1'  ora  e  '1  ponto 
Che  fui  dalla  tua  grazia  preso  e  gionto^. 


*  Questa  disperata  è  inserita  nell'  Aurora,  di  cui  il  British  Museum 
possiede  V  edizione  veneziana  del  1539.  Io  mi  sono  servito  di  una  stampa 
del  sec.  XVII.  Aurora  I  opera  nova  t  et  piacevole  \  dove  si  con- 
tiene\  Capitoli,  sonetti,  strambotti,  Madri  \  gali,  et  Villa- 
nelle nove\Comp  osta  per  C  Baldassarre  Olimpio  \da  Sasso- 
ferrato. 

In  12;  ce.  24;  non  numer.,  segn.  A— C.    Caratt.  rom. 

Sotto  il  titolo  una  piccola  rozza  incisione  rappresentante  un  paniere  di 
frutta  e  la  sottoscrizione  tipografica: 

In  Viterbo,  per  Pietro  Martinelli ,  1672.  \  Con  licensa  de' 
superiori. 

Roma,  Angelica. 

^  Ecco  r  esatta  descrizione  dell'  opuscolo.    Libro  de  amore  chiama 
to  Ar delia  :  nouamente  composto  per  Baldassarre  Olympo 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  233 

E  nello  stesso  libretto  il  Capitolo  Come  V  amante  benedice  amore 
e  gli  affanni  sai  comincia: 

Sia  benedetto  quel  fanciullo  alato 

E  la  saetta  che  mi  ponse  il  petto 
Quel  di  eh'  a  voi  mi  fece  innamorato, 

e  con  r  augurio  sia  benedetto  o  sia  benedetta  prosegue  ciascuna 
terzina.  Egli  allontana  e  corregge  lo  schema  popolare,  al  quale  serba 
maggior  fedeltà  il  Verini  ^  : 

Sia  benedetto  chi  trovò  1'  amore. 
Sia  benedetto  chi  è  innamorato,  .... 
Sia  benedetto  e  benedetto  sia, 
L'  unica  di  beltà,  la  donna  mia  :  ^ 


da   Sasso/erra  \  to  :  gionene  (sic)   ingenioso  :  cioè   strani  \ 
botti  de  comparatione.    Mati\  nate,  chiuse  per  sententìe  :  \ 
sonetti  :  Capitoli  :  Dialoghi  .'frottole  :  et  \  Quartetti. 

Al  disotto  un'  incisione  in  legno  rappresenta  il  poeta  e  le  due  donne 
cantate  nel  libretto,  Ardelia  e  Leonzia.  La  prima  in  atteggiamento  com- 
posto canta  sulla  mandòla  che  un  giovinetto  suona  :  dietro  due  altre  donne. 
Olimpo  in  piedi,  coi  lunghi  capelli  sul  collo  e  il  cappello  ornato  di  penna, 
suona  il  liuto.  Un'  altra  donna,  vicina  a  Leonzia,  guarda  Ardelia  e  ne 
ascolta  il  canto.  L'  incisione  è  piena  di  grazia  e  di  vita  :  i  nomi  dei  personaggi 
sono  incisi  al  disopra  delle  loro  teste. 

Neil'  ultima  pagina,  dopo  i  Quartetti  ad  idetn  (Leontia):  «Tempo  saria 
eh'  ormai»  .  .  .  ecc.,  vi  è  la  seguente  nota  degli  stampatori: 

Et  per  far  noto  e  chiar  ogni  Letore 
Chi  de  novo  ha  stampata  lopra  degna 

Di  questa  Ardelia:  che  porta  il  valore 
Di  quante  a  torno  va  damor  linsegna 

Bernardinum  di  Guerralda  e  limpressore 
Da  Vercello  che  in  Ancona  regna. 

Et  alla  hystoriata  e  in  bona  rima 
Con  nona  agionta  et  meglio  della  prima. 

d  In  Ancone  Anno  Dni  1522  Die  15  aprilis. 

48  carte  di  cui  1' ultima  bianca;  segnate  A — F.  In  -8°.  picc.  Caratt.  gotici. 
Titolo  rosso  e  nero.    Una  copia  all'  Alessandrina  di  Roma. 

^  Ardore  di  amore  in  cui  contiene  Serenate ,  Capitoli  e  stanze  da 
giovani  innatnorati  con  alcune  Villanelle  alla  napoletana  e  Sonetti 
dilettevoli  ecc.    In  Lucca,  per  Domenico  Marescandoli,  s.  a. 

^  Cfr.  il  rispetto  toscano  (Tigri,  n.  418): 

Sia  benedetta  e  benedetta  sia 

La  casa  del  mi'  Amore,  e  po'  la  mia. 


234  GUIDO    VITALETTI 

e  più  avanti 

Sia  maledetto  chi  trovò  1'  amore, 

Sia  maledetto  chi  è  innamorato, 

Sia  maledetto  chi  ama  di  buon  core, 

Sia  maledetto  Amor,  sua  legge  e  stato,  ecc.  '. 

Pure  tra  il  rimpasto  e  1'  intreccio  di  versi  tradizionali  da  parte  dei 
nuovi  strambottisti  il  vecchio  motivo  torna  a  far  capolino,  cosi  come 
lo  vagheggiò  il  Petrarca;  ne  ritroviamo  gli  accordi  nell'  Olimpo 
medesimo  : 

Madonna,  s'  i'  ve  miro 
io  benedico  il  giorno 

la  notte  il  mese  1'  ora  il  ponto  e  1'  anno 
dove  '1  primo  sospiro 
gettasti,  o  volto  adorno  ; 

e  meno  fuggevolmente  li  riascoltiamo,  per  tacere  di  altri,  nel  sonetto 
di  Antonio  Minturno: 

Benedetto  sia  '1  luogo  e  '1  tempo  e  1'  anno, 
E  '1  mese  e  la  stagione  e  1'  ora  e  '1  giorno 
Che  m'  han  condotto  a  1'  amoroso  affanno 
Mirando  il  volto  sopra  ogni  altro  adorno. 

Benedetti  i  begli  occhi  che  mi  stanno 
Nel  cor  pensoso  folgorando  intorno 
E  con  faville  angeliche  mi  fanno 
Ardendo  un  lieto  e  candido  soggiorno. 

Benedetta  la  mano  e  i  dolci  nodi 

Che  m'  han  preso  e  legato  e  i  capei  d'  oro 
E  gli  atti  e  le  parole  e  i  santi  modi. 

Benedette  le  lagrime  e  i  sospiri 
Per  la  beltà  eh'  io  sola  al  mondo  adoro 
E  benedetti  i  caldi  miei  desiri  ^. 


'  Crudeltà  d'  amore,  opera  molto  bella  e  dilettevole  per  gli  amanti, 
nuovamente  in  quesV  ultima  impressione  ampliata  e  corretta,  in  Todi, 
con  permesso.     S.  a.  e  n»  t. 

■^  Rime  scelte  da  diversi  eccellenti  autori  etc.  .  .  In  Vinegia  appresso 
Gabriel  Giolito  de'  Ferrari,  MDLXIII,  LII,  p.  211.  In  un  Petrarca  tras- 
formato e  adattato  in  lode  della  Chiesa  e  pubblicato  dal  Farri  nella  seconda 
metà  del  sec.  XVI,  il  sonetto  conserva  parole  e  modi  petrarcheschi,  soltanto 
invece  delle  lodi  di  Laura  si  tessono  quelle  di  Dio  e  della  Vergine. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  235 

Riassumendo  :  il  popolo  derivò  il  motivo  della  benedizione  e  della 
maledizione  dall'  antica  poesia  religiosa  latina  :  dal  popolo  lo  presero 
a  prestito,  nobilitandolo,  i  poeti  d'  arte,  non  ultimi  il  Petrarca  e  il 
Boccaccio.  Ma  la  redazione  popolare  seguita  la  sua  via  oscura  e  pur 
continua  tra  i  volghi  :  la  ritroviamo  spesso  nella  produzione  poetica 
del  secolo  XV,  nel  bastardello  di  Camerino  e  in  altre  raccolte  finché 
il  Giustinian  fasciandola  d'  arte  la  riconsegna  al  popolo  e  agli  stram- 
bottisti  d'  allora.  Però  neppure  il  sonetto  del  Petrarca  viene  dimenti- 
cato e  quando  risorge  il  culto  e  1'  ammirazione  per  quel  grande,  anche 
il  motivo  petrarchesco  torna  a  vita  nuova  con  i  suoi  imitatori.  Cosi 
lo  spunto  della  benedizione,  singolarmente  caro  e  accetto  al  popolo, 
per  suo  mezzo  giunge  fino  a  noi,  svisato,  corretto,  ampliato  dal  lungo 
cammino  e  dalle  innumeri  redazioni  regionali. 

In  un  canto  raccolto  da  Casetti  e  Imbriani  è  cosi  diluito: 

Donna,  te  benedicu  li  lamieriti, 
Te  benedicu  li  sueni  e  li  canti. 
Te  benedicu  li  passati  tiempi. 
Lo  'scire  e  lu  'enire  de  quannanti  ; 
Benedico  toa  mamma  e  toi  parienti 
Benedico  tou  sire  e  tutti  quanti  :  * 

Poi  benedicu  tie,  rosa  fiurente  .  .  .  ', 

in  Sicilia  si  trasforma  in  una  affettuosa  diesilla  : 

Ti  binidicu,  figghiu,  ogni  mumentu 
Ddi  novi  misi  chi  t'  appi  di  stentu  ; 

Ti  binidicu  quannu  ti  purtai 
E  la  chiesa,  unni  po'  ti  vattiai; 

Parrinu  cappillanu  pri  cchiù  vantu. 
Ti  binidicu,  figghiu,  1'  ogghiu  santu; 

Ti  binidicu,  figghiu,  lu  cumpari, 
Ti  binidicu  puru  la  cummari. 

Sino  a  lu  vancu  e  lu  duluri  amaru, 
E  la  cannila  chi  pri  tia  addumaru  .  .  .^, 

in  un  canto  veneziano  è  soffuso  di  una  dolce  sensualità: 

Sia  benedetto  chi  t'  à  messo  al   mondo 
E  chi  t'  à  fato  nasser  cussi  bela! 

*  Canti  popolari  delle  Provincie  meridionali-,  Torino,  Loescher,  1871/72. 
"  PiTRÈ,  Canti  popolari  siciliani,  Torino,  Clausen,  1891,  I,  p.  39;. 


236  GUIDO    VITALETTI 

Ma  chi  te  adorerà,  viseto  tondo, 
E  chi  te  basarà  la  boca  bela?^ 

A  Chioggia  si  ripete  con  leggere  varianti: 

Benedir  vogiu  chi  t'  à  messo  al  mondo, 
Nassere  chi  t'  à  fato  tanto  bela, 
E  chi  t'  à  fato  quel  viseto  tondo: 
Ma  chi  te  godarà,  vita  mia  bela  ?  ^ 

Mentre  in  una  vilota  della  Carnia  1'  amante  confessa  di  essersi 
innamorato  in  chiesa  e  benedice  la  mamma  che  mise  al  mondo  una 
si  bella  figliuola: 

Un  di  bel  laut  a  messa. 
La  vardai  tal  ciaminà; 
In  che  glesa  benedeta, 
Mi  finii  d'  inamorà'. 

Benedetta  sei  to  mari. 
Che  à  mitut  che  fia  al  mond, 
■.  Cun  che  biela  vitulina, 

Cun  chel  pett  cussi  tarond. 

Né  mancano   esempi    nel  centro  della  penisola.     A  Roma  si  canta: 

Sia  benedetta  chi  t'  ha  fatta,  figlia! 

Prima  quel  Dio  d'  amor,  poi  tata  e  mamma. 
Beato  queir  amante  che  ti  piglia!^ 

e  in  Toscana: 

Vo'  benedir  quella  rosa  incarnata 
E  lo  padrone  e  tutta  la  brigata. 
Vo'  benedir  quella  rosa  vermiglia, 
E  lo  padrone  e  tutta  la  famiglia  .^, 


'  Dal  Medico,  Canti  del  popolo  veneziano,  Venezia,  x\ntonelli,  1872, 
p.  46. 

'  Garlato,  Chioggia  e  i  stwi  canti,  Venezia.,  Narratovich,  1885,  p.  2h2. 

^  Blessig,  Ròmische  ritornelle,  Leipzig,  1860,  I,  p.  119. 

*  Tigri,  Canti  popolari  toscani.  Terza  edizione  riveduta  dall'  autore 
sulla  seconda  nuovamente  ordinate  e  accresciuta  ecc.  Firenze,  Barbèra,  1869; 
I,  386. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  237 

o  più  brevemente: 

Io  benedisco  le  pene  e  gli  affanni 

Che  la  mamma  pati,  bella,  per  voi  ^ 

Nelle   Marche   abbiamo    una   lezione   raccolta   già   dal    Leopardi    in 
Recanati  : 

Io  benedico  chi  t'  ha  fatto  gli  occhi 
Che  te  r  ha  fatti  tanto  innamorati, 

cui  fa  riscontro  la  lezione  veneta  :  Sia  benedeta  chi  t'  à  fato  i  oci  -  ; 
un'  altra  dal  Gianandrea  : 

Te  vojo  principiare  a  benedire, 
SuUi  capelli  vojo  principiare  : 
Dalli  capelli  me  ne  vo  alla  fronte, 
Pare  'na  bianca  neve  'n  cima  al  monte  ; 
E  dalla  fronte  me  ne  vo  alle  cija: 
Chi  te  r  ha  profilate,  o  bella  feja?^ 

ed  una  terza  in  cui  il  concetto  si  estende  alla  bontà  divina  : 

Sia  benedetto  chi  fece  lo  mondo 

Che  chi  r  ha  fatto  1'  ha  saputo  fare: 
Prima  fece  lu  mare  e  poi  lo  fondo 
La  barca  pe'  potello  navigare*. 


'  Tigri,  op.  cit.,  I,  153.  Ricorda  un  canto  popolare  portoghese  citato  dal 
Lafuente,  II,  82: 

Bandita  sea  la  madre 
Que  por  ti  paso  dolores. 

2  Bernoni,  Canti  popolari  veneziani,  Venezia,  Fontana,  1873,  puntata  IV, 
n°.  31. 

^  Canti  popolari  marchigiani  ;  Torino,  Loescher,  1872,  p  48.  Cfr.  anche 
il  Marcoaldi,  Canti  popolari  umbri,  liguri,  piceni  ecc.,  Genova,  1855, 
n°.  91. 

*  La  lezione  toscana  è  forse  ancor  più  completa: 

Sia  benedetto  chi  fece  lo  mondo! 
Lo  seppe  tanto  bene  accomodare: 
Fece  lo  mare,  e  non  vi  fece  fondo. 
Fece  le  navi  per  poter  passare. 

Fece  le  navi,  e  fece  il  Paradiso 
E  fece  le  bellezze  al  vostro  viso. 


238-  GUIDO    VITALETTI 

E  neir  Appennino  umbro  -  marchigiano  la  benedizione  è  rimasta 
come  parte  integrante  dello  stornello,  il  quale  comincia  spesso  con 
un  Lo  henedisco  lo  .  .  .,  che  viene  cantato  come  se  fosse  una  sola 
parola  accentata  suU'  ultima  sillaba  (Lo  benediscolò)  o  con  una  forma 
meno  comune:  Lo  benedirilò  ...  A  Fossombrone,  secondo  che 
attesta  il  Róndini,  troviamo  una  forma  affine  :  Vói  benedire  .  .  .  (Vói 
benedire  la  resta  del  pesce  ....  Vói  benedire  V  erba  dei  tre 
mori  .  .  ecc.  ^)  Anche  nella  Leggenda  di  Sant'  Alessio  in  una  reda- 
zione da  me  raccolta  a  Val  d'  Olmo  di  Sassoferrato ,  questa  forma 
riappare  : 

Vo'  benedire  a  padre  e  a  madre 

E  Lena  bella  che  m'  ha  governato  : 

Vo'  benedire  anche  a  la  fantesca 

Che  m'  ha  buttata  1'  acqua  e  la  mondezza. 


Cfr.  Tigri,  op.  cit.,  n.  100.  Vedi  anche  i  nn.  279,  480  e  Tommaseo, 
Canti  popolari  toscani,  corsi,  illirici  e  greci,  Venezia.,  Tasso,  1841;  I,  18. 
Ad  essa  si  accosta  anche  quest'  altra  di  Terra  d'  Otranto: 

Sia  benedittu  ci  fice  lu  mundu! 
Comu  lu  sappe  bene  fabricare! 
Fice  la  notte  e  poi  fice  lo  giurnu, 
E  poi  lu  fice  criscere  e  mancare. 
Fice  lu  mare  tantu  cupu  e  fundu, 
Ogni  vascellu  possa  navigare: 
Fice  pure  le  stelle  e  poi  la  luna; 
Poi  fice  r  occhi  toi,  cara  padruna. 

Cfr.  Casetti  e.Ihbriani,  Catiti  popolari  delle  Provincie  meridionali, 
Torino,  Loescher,  1871-72;  II,  117. 

Il  motivo  è  comune  in  tutta  Italia.    Ricorderemo: 

Mandalari,  Canti  del  popolo  reggino,  Napoli,  Prete,  1883;  p.  15. 

Molinaro  del  Chiaro,  Canti  del  popolo  napolitano,  Napoli,  Argerio, 
1889,  p.  255. 

Molinaro  del  Chiaro,  Canti  del  popolo  di  Meta,  Napoli,  Detken,  1869,| 
n..,56. 

FuoRTiS,  Saggio  di  canti  popolari  di  Giidiano  (Terra  d'  Otranto), 
Napoli,  Unione,   1871;  n.  21. 

Amalfi,  Canti  del  popolo  del  Piano  di  Sorrento,  Milano,  Brigola,  1883; 
n.  142.  • 

GiANANDREA,  Canti  popolari  marcìiigiani,  cit.,  p.  193. 

Vergoli,  Saggio  di  canti  popolari  romagnoli,  Forlì,  1894;  n.  413. 

Mazzatinti,  Canti  popolari  umbri  raceolti  a  Gubbio,  Bologna,  Zanichelli, 
1883;  p.  349. 

1  Caìiti  popolari  marcfiigiani  raccolti  d  Fossombrone ,  Pesaro,  Nobili, 
1895. 


BENEDIZIONI    E    MALEDIZIONI    IN    AMORE  239 

E  il  motivo  echeggia  ancor  più  tenue  e  non  sempre  facilmente 
riconoscibile  tra  i  volghi  d'  Italia  discendendo  dalle  laudi  della  donna 
amata,  alle  erbe,  ai  fiori  e  perfino  alle  calze  appariscenti  di  qualche 
acquaiola. 

Sia  benedeto  el  pesse  che  ha  le  spine 
Sia  benedete  le  calze  turchine, 

cantano  infatti  i  veneti.  E  benedico  tre  sorta  di  fiori  .  .  .  oppure 
E  benedico  le  viole  verde,  risuona  nella  campagna  romana;  e  ancora 
e  in  modo  diverso  altrove.  Cosicché  anche  oggi  attraverso  le  sue 
vicende  secolari,  a  chi  abbia  cuore  di  poeta  oltre  che  di  studioso,  è 
permesso  di  seguire,  sia  pure  in  modo  assai  rozzo  e  sommario  la 
fortuna  del  motivo  tradizionale  della  benedizione  e  di  ascoltarne  1'  eco 
impallidita  attraverso  V  ingenuo  canto  che  si  libra  sulle  campagne 
d'  Italia. 

Guido  Vitaletti. 


Ricerche  sul  luog-o  ove  nacque  a  Reg^g'io 
Lodovico  Ariosto 

11  21  gennaio  1472  a  Reggio  d'  Emilia  o  di  Lombardia,  come  in  passato 
si  diceva,  prese  possesso  dell'  ufficio  di  Capitano  della  cittadella,  al 
quale  era  stato  destinato  dal  duca  Ercole  1  d'  Este  in  sostituzione  di 
Guglielmino  della  Rocca  dal  Piemonte ,  il  conte  Nicolò  figlio  di 
Rinaldo  Ariosto  ferrarese  ^  In  quella  città  1'  Ariosto  sposò  poscia 
Daria  Malaguzzi,  nata  nel  1453  da  Gabriele  e  da  Taddea  Valeri  2,  e 
nel  1474  ebbe  un  figlio,  che  fu  battezzato  1'  8  settembre  coi  nomi  di 
Lodovico  Giovanni^. 

In  tutto  ciò  non  v'  è  nulla  di  men  che  comune  ;  ma  questo  Lodovico 
è  il  medesimo  che  più  tardi  cantò  in  versi  divini 

le  donne,  i  cavalier,  1'  arme,  gli  amori, 

le  cortesie,  1'  audaci  imprese 

che  furo  al  tempo  che  passaro  i  Mori 

d'  Africa  il  mare 

seguendo  1'  ire  e  i  giovenil  furori 
d'  Agramante  lor  re; 

e  «giacché»,  ^ome  giustamente  osserva  un  suo  biografo,  «trattandosi 
d'  uomini  grandi,  sono  preziose  le  notizie  ancor  più  minute»,  i  posteri, 
guidati  da  un  sentimento  di  reverenza,  hanno  desiderato  di  precisare 
il  luogo  della  città  ove  egli  nacque. 

La  tradizione  —  tutti  lo  sanno  —  vuole  che  Lodovico  abbia  visto 
la  luce  nella  casa  appartenente  un  tempo  ai  Malaguzzi  e  ora  al  Comune 
nella  piazza  maggiore,    e  questa  tradizione  —  è  pure  noto  —  si  basa 


'  La  data  dell'  ingresso  di  Nicolò  in  ufficio  si  rileva  dai  registri  della 
Masseria  di  Reggio,  esistenti  nelT  Archivio  di  Stato  di  Modena  (\'ol.  del 
1472,  e.  51  v'),  e  così  il  nome  del  predecessore  Guglielmino  dal  Piemonte. 
Questo  nome  mi  risultava  anche  da  un  atto  del  3  ottobre  1471,  a  cui  fu 
presente,  come  testimonio,  Matteo  M^.  Boiardo  (Arch.  di  Stato  di  Reggio, 
Memoriali  del  1471,  e.  43  v  );  il  cognome  ci  è  dato  invece  da  un  altro  atto 
del  1483  {Memoriali  del  1483,  e.  13  r  ). 

2  Arch.  battesimale  di  Reggio.     Voi.   1450—1478,  e.  35  v^ 

^  Ibid.,  e.  300  r  . 


RICERCHE  SUL  LUOGO  OVE  NACQUE  A  REGGIO  LODOVICO  ARIOSTO   241 


Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919. 


16 


242  UMBERTO    DALLARI 

SU  un'  epigrafe  e  su  una  lettera.  Nella  prima,  che  con  sicurezza 
può  venire  attribuita  al  sec.  XVII,  e  si  trova  sotto  a  un  ritratto 
del  poeta,  già  posseduto  dalla  famiglia  Malaguzzi  e  presentemente 
dalla  Biblioteca  comunale,  si  legge  che  1'  Ariosto  è  nato  a  Reggio 
da  Daria  Malaguzzi  Valeri  in  domo  propria  ipsorum-  Malagutioruin 
de  Valeris ,  in  camera  media  primi  ordinis  erga  plateas.  La 
lettera  esiste,  in  minuta  o  meglio  forse  in  copia  autografa,  nell'  archivio 
Malaguzzi;  è  scritta  da  Roma  il  28  marzo  1620,  e  con  essa  Gabriele 
Malaguzzi  Valeri  manda  notizie  della  propria  famiglia  ad  Alfonso 
Isachi,  il  quale  aveva  pubblicato  un  libro  sulla  Madonna  della  Chiara 
e  continuava  a  raccogliere  materiali  storici.  Parlando  di  Gabriele  avo 
materno  dell'  Ariosto,  lo  scrivente  dice  che  fu  padre  di  «quella  non 
mai  a  bastanza  nominata  Daria,  che,  maritata  nel  conte  Nicolò  Ariosti 
Governatore  di  Reggio,  partorì  nella  camera  di  mezo  del  primo  piano 
verso  piazza  del  proprio  suo  et  mio  patrio  nido,  il  divino  poeta  Ludo- 
vico Ariosto La  lettiera    in   che  lui  naque   si  conserva   anco 

in  casa  in  una  camera  del  secondo  pianno.  La  camera  poi  ove,  mentre 
stava  in  Reggio,  componeva,  è  quella  più  grande  in  capo  alla  prima 
scalla,  et  questa,  al  mio  credere,  haveva  preso  per  sfuggire  i  strepiti 
della  piazza  ^.» 

Nella  persuasione  adunque  che  alla  casa  dei  Malaguzzi  in  piazza  si 
potesse  attribuire  il  vanto  d'  essere  stata  culla  di  Lodovico,  1'  Ammini- 
strazione Dipartimentale  del  Crostolo,  a  ciò  eccitata  dal  generale  fran- 
cese MioUis,  il  7  ottobre  1800  decretava  pel  dì  12  seguente  una 
pubblica  festa  in  onore  dell'  Ariosto  e  d'  altri  illustri  reggiani.  Il 
primo  articolo  del  programma  suonava  così:  «La  casa,  ove  nacque 
V  epico  italiano,  sarà  riccamente  addobbata  per  tutto  il  giorno.  In 
essa  sarà  posta  una  pietra  che  indichi  il  luogo  della  sua  nascita.»  La 
festa  ebbe  effettivamente  luogo  -,  e  la  lapide,  o  allora  o  poco  dopo,  fu 
collocata  al  posto  stabilito,  dove  anche  oggi  si  vede. 

Qualche  anno  appresso,  nel  1807,  Girolamo  Baruffaldi  pubblicava 
a  Ferrara  la  vita  di  Lodovico  Ariosto ,  e  con  sana  critica  cercava, 
credo  per  primo  ^,  di  dimostrare  che  questi  molto  probabilmente  è  nato 


^  Arch.  di  Stato  di  Reggio.  Vacchettone  segnato  Filza  13  n°  5  in  Arch. 
Malaguzzi,  e.  124  r=  e  v  . 

'^  Cfr.  Descrizione  della  festa  celebrata  in  Reggio  ai  20  vendemmiale 
anno  IX  in  onore  dell'  Ariosto.  In  Reggio,  dalla  stamperia  di  Michele 
Torreggiani. 

^  Secondo  il  Garofalo  e  il  Fornari,  Lodovico  nacque  nella  «fortezza»  di 
Reggio,  mentre  il  padre  né  era  Governatore;  ma  sono  asserzioni  troppo 
vaghe  e  imprecise  perchè  valga  la  pena  di  tener  ne  conto. 


RICERCHE  SUL  LUOGO  OVE  NACQUE  A  REGGIO  LODOVICO  ARIOSTO   2  43 

nella  cittadella  di  Reggio,  perchè  il  padre  suo,  come  Capitano,  era 
obbligato  a  dimorarvi;  il  che  è  confermato  da  alcuni  atti  che  lo  ri- 
guardano e  che  sono  rogati  per  1'  appunto  in  cittadella.  Sua  moglie, 
naturalmente,  abitava  con  lui,  e  infatti  il  rogito  di  dote,  stipulato  nel 
1479  ed  edito  quasi  interamente  dal  Tacoli,  è  segnato  in  cittadella, 
luogo  che  offriva  di  certo  al  Capitano  e  alla  sua  famiglia  agiata  e 
conveniente  abitazione.  Malgrado  ciò,  continua  il  Baruffaldi,  si  è 
affermato  che  Daria  partorì  nella  casa  dei  suoi  congiunti,  cosa  che, 
date  le  usanze  ancor  vive  in  occasione  di  parti,  è  inverosimile;  e  così 
pure  non  merita  alcuna  fede,  per  vari  e  ragioni  che  il  Baruffaldi  espone, 
r  epigrafe  scritta  sotto  al  ritratto  di  Lodovico.  Del  resto  poi,  dai 
libri  dei  Fuochi  di  Reggio  risulta  che  i  parenti  di  Daria  non 
dimoravano  nella  casa  di  piazza,  bensì  in  altra  casa  posta  nella  vicinia, 
vicinanza  o  parrocchia  di  S^.  Maria  Maddalena,  e  più  propriamente, 
secondo  il  parere  del  prevosto  Gaetano  Rocca,  nella  contrada  di  Porta 
Castello:  inoltre,  nel  libro  del  1473  Daria  stessa  è  notata  come 
abitante,  con  gli  altri  della  sua  famiglia,  sotto  la  predetta  vicinia 
di  S^  Maria  Maddalena,  onde  è  palese  che,  se  1'  Ariosto  fu  messo 
al  mondo  nella  casa  materna,  non  potè  nascere  nella  piazza  di  Reggio, 
che  apparteneva  alla  vicinia  della  Chiesa  maggiore  o  Cattedrale  ^ 

Queste  argomentazioni  del  Baruffaldi  rafforzava  Antonio  Cappelli 
nella  sua  prefazione  alle  lettere  di  Lodovico  Ariosto,  da  lui  stampate 
per  la  prima  volta  nel  1862,  aggiungendo  la  citazione  d'  una  lettera 
di  Nicolò,  padre  di  Lodovico,  al  duca  di  Ferrara,  con  la  data  Civita- 
telle  Regi],  28  ianuarij  1473'^.  E  nel  1.S74,  per  1'  occasione  del 
quarto  centenario  dalla  nascita  dell'  Ariosto,  Enrico  Manzini  pubblicava 
nel  giornale  La  Minoranza  di  Reggio  due  lettere,  nelle  quali,  gio- 
vandosi di  quanto  era  stato  detto  dai  due  prenominati  autori,  e  dimo- 
strando con  argomenti  propri  la  poca  autoritcà  dell'  iscrizione  posta 
sotto  al  ritratto  del  poeta,  si  sforzava  egli  pure  di  provare  che  questi 
non  potè  nascere  che  in  cittadella^.  Finalmente,  il  prof.  Giuseppe 
Ferrari,  in  una  lettura  fatta  alla  Deputazione  di  storia  patria  per  le 
Provincie  modenesi  (Sottosezione  di  Reggio  Emilia)  il  10  marzo  1902, 
appoggiandosi  agli  argomenti  già  prodotti  dal  Baruffaldi,  dal  Cappelli 
e  dal  Manzini,  giungeva  alle  stesse  loro  conclusioni,  che  cioè  1'  Ariosto 


'  Baruffaldi  Girolamo.  La  vita  di  M.  Lodovico  Ariosto.  Ferrara,  1807; 
pag.  46-50. 

^  Cappelli  Antonio.  Lettere  di  L.  A.  Terza  edizione.  Milano,  1887; 
pagg   Xlll. 

^  Queste  due  lettere  sono  pubblicate  in  estratto  col  seguente  titolo:  Dove 
nacque  in  Reggio  Lodovico  Ariosto?  Reggio  nell'Emilia,  Davolio,  1874. 

16* 


244  UMBERTO    DALLARI 

non  può  assolutamente  essere  venuto  al  mondo  nella  casa  dei  Mala- 
guzzi  in  piazza:  si  valeva  poi  d'un  elemento  nuovo,  ossia  della  notizia 
che"  nel  1473  una  figlia  di  Nicolò  Ariosto  fu  battezzata  quattro  soli 
giorni  prima  che  Daria  Malaguzzi ,  in  una  fede  battesimale,  si  pro- 
clamasse sua  moglie,  per  dedurne  la  probabilità  che  Lodovico  nascesse 
nella  casa  materna  dei  Malaguzzi  Valeri,  sotto  la  vicinia  di  S^.  Maria 
Maddalena  ^ 

Tali  i  precedenti  dell'  interessante  questione;  alla  risoluzione  della  quale 
mi  sia  ora  permesso  di  portare  un  modesto  contributo,  mercè  1'  esame 
di  qualche  documento  non  conosciuto  o  insufficientemente  vagliato  da 
coloro  che  m'  hanno  precorso  nello  studio  dell'  intricato  problema.  . 


Del  valore  che  può  avere  1'  epigrafe  messa  sotto  al  ritratto  del 
poeta  la  critica  ha  già  fatto  giustizia,  e  io  non  starò  a  ripetere  quanto 
hanno  scritto  gli  storici  da  me  ricordati,  che  la  presero  in  minuto  e 
coscienzioso  esame.  Quanto  alla  lettera  di  Gabriele  Malaguzzi  Valeri, 
essa  acquista  credito  dal  fatto  che  Gabriele  nacque  nel  secolo  stesso 
in  cui  fiorì  il  poeta,  e  che  il  suo  bisavo  era  di  quest'  ultimo  cugino 
in  primo  grado;  le  inesattezze  però,  e  più  che  inesattezze,  le  corbellerie 
che  contiene  la  lettera,  sia  nel  brano  da  me  trascritto,  sia  prima  e 
dopo,  tolgono  ogni  fede  alla  prosa  di  questo  storico  da  strapazzo, 
veramente  degno  del  seicento. 


*  «Nacque  nelle  case  materne,  come  pare  non  improbabile?  E  allora  il 
gran  poeta  vide  la  luce  nella  vicinia  di  St.  Maria  Maddalena.  Nacque  presso 
il  padre,  che  datava  una  lettera,  fin  dal  28  gennaio  1473,  Civitatellae  Regii, 
e  allora  questo  avvenne  in  cittadella.  Nella  casa  di  piazza  non  mai,  a  meno 
che  un  documento  d'  autenticità  e  di  perentorietà  assolute  non  venga  a  di- 
struggere quanto  legittimamente  si  deduce  dai  documenti  che  conosciamo.»  — 
«Una  induzione,  una  semplice  induzione,  favorevole  alla  ipotesi  della  nascita 
di  L.  A.  nella  casa  Valeri  trasse  il  Ferrari  anche  da  ciò  che  1'  8  ottobre 
1473,  cioè  quattro  soli  giorni  prima  che,  in  una  fede  di  battesimo  di  un 
neonato  de'  Fatali,  Daria  Malaguzzi  appaia  come  consorte  legittima  a  Nicolò 
Ariosto,  questi  presentò  al  sacro  fonte  una  bambina  cui  fu  imposto  il  nome 
di  Anna.  Che  fosse  nata  di  legittimo  concepimento  dai  due,  non  può  am- 
mettersi, perchè  sarebbe  stata  annoverata  poi  dagli  stessi  Ariosti  nati  dopo 
di  lei.  Che  fosse  figlia  d'  altra  donna  che  Daria,  non  può  escludersi  in 
modo  assoluto.  Ma  una  serie  di  circostanze  (sulle  quali  il  disserente  si 
riserva  di  ritornare)  lo  fanno  proclive  a  crederla  figlia  di  Nicolò  e  di  Daria, 
legittimatane  la  nascita  per  matrimonio  instante  partu  o  immediatamente 
dopo.»  (Sunti  della  lettura  pubblicati  in  L'  Italia  Centrale,  gassetta  di 
Reggio-Emilia,  del  14  marzo  e  del  29  maggio  1902,  e  ripubblicati  nei 
voli.  II  e  III,  ser.  V,  degli  Atti  e  Mem.  della  R.  Dep.  di  st.  p.  per  le  prov. 
modenesi). 


RICERCHE  SUL  LUOGO  OVE  NACQUE  A  KEOGIO  LODOVICO  ARIOSTO   245 

Così  mi  sembrano  posti  fuori  di  seria  discussione  i  due  più  validi 
argomenti  per  sostenere  che  1'  Ariosto  nacque  nella  casa  di  piazza. 
Ma  tra  questo  e  1'  affermare  che  egli  non  possa  esservi  nato  ci  corre 
molto  ;  anzi  la  possibilità  v'  è  benissimo,  perchè  i  Malaguzzi  del  ramo 
a  cui  apparteneva  Daria  possedettero  una  parte  di  quella  casa  per 
tutto  il  secolo  XV  ininterrottamente  e  anche  dopo. 

Pietro  figlio  di  Guido  Malaguzzi,  cittadino  di  Reggio,  appartenente 
alla  vicinia  della  Chiesa  maggiore,  ebbe  sul  principio  del  quattrocento 
tre  figli  maschi,  Gabriele,  Guido  e  AlberFco,  il  primo  dei  quali  sposò 
Taddea  figlia  di  Valerio  Valeri  e  di  Giovanna  Ruggeri.  Gabriele, 
sposandosi ,  si  recò  con  tutta  verosimiglianza  ad  abitare  in  casa  del 
suocero,  sotto  la  vicinia  di  S"*.  Maria  Maddalena,  e  dalla  moglie  Taddea 
ebbe  ivi  quattro  maschi,  Girolamo,  Lodovico,  Valerio,  Mattia,  e  una 
femmina,  Daria.  Quale  fosse  la  posizione  esatta  di  questa  casa,  che 
secondo  il  Rocca  era  situata  nella  contrada  di  Porta  castello,  io  con- 
fesso con  dispiacere  di  non  poter  dire.  Ho  trovato  che  Valerio  Valeri, 
fino  al  IO  novembre  1432  indicato  sempre  negli  atti  pubblici  come 
dimorante  sotto  la  vicinia  di  S.  Silvestro,  comincia  da  un  altro  atto 
del  15  febbraio  '33  ad  essere  designato  come  appartenente  alla  vicinia 
di'S^.  Maria  Maddalena  >,  il  che  significherebbe  che  entro  quel  breve 
spazio  di  tempo  si  trasferì  da  una  vicinia  all'  altra-  ma  lo  strumento 
col  quale  egli  ottenne  il  possesso  della  casa,  che  forse  avrebbe  servito 
a  farne  conoscere  i  confini,  m'  è  rimasto  sgraziatamente  ignoto,  né  ho 
rinvenuto  piante  della  città,  documenti  o  altre  memorie  che  abbiano 
giovato  a  rischiarare  il  mio  dubbio.  Può  essere  che  la  casa  pervenisse 
a  Valerio,  per  eredità,  dal  fratello  Ugolino,  il  quale  dimorava  precisa- 
mente nella  vicinia  di  S^.  Maria  Maddalena  quando  1'  anno  1428  fece 
testamento^;  di  positivo  si  sa  che  quello  stabile  non  figura  nell'  in- 
ventario, redatto  il  5  settembre  1415,  dei  beni  lasciati  da  Francesco 
Valeri,  padre  di  Valerio  e  d'  Ugolino^. 


^  Arch  di  Stato  di  Reggio.  Memoriali  del  1432,  e.  183  v°,  e  del  1433, 
e.  116  r°. 

2  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1429,  e.  88  v°. 

^  Arch.  sudd.  Memoriali  1415—1416,  e.  87  v: 

La  casa  formava  angolo,  e  ce  lo  indica  un  rogito  del  13  agosto  1477 
stipulato  nella  bottega  di  merceria  che  tenevano  nell'  angolo  della  casa  stessa 
Gregorio  e  Paolo  Vercellesi  (Arch.  di  Stato  di  Reggio.  Memoriali  del  1477, 
e.  41  r°).  In  un  atto  di  divisione  rogato  il  26  agosto  1490  le  due  metà  della 
casa  sono  così  descritte:  1^  «La  mità  della  casa  .  .  .  .,  zoè  dal  canale  andando 
in  zoso,  et  tutto  1' horto  con  la  casa  delle  botteghe»;   2^  «La  mità  della 

casa ,  zoè  la  parte  che  è  verso  la  Giara»  (Arch.  sudd.  Arch.  Malaguzzi, 

filza  IX,  Divisioni,  n°  2).    I  confinanti  della  prima  fra  queste  due  metà 


246  UMBERTO    DALLARI 

Comunque  sia,  Valerio,  morendo  nel  1466,  lasciò  eredi  della  sua 
sostanza  per  metà  la  figlia  Taddea  e  per  V  altra  metà  i  figli  maschi 
di  lei  e  del  premorto  Gabriele  Malaguzzi  ',  i  quali  difatti  continuarono 
ad  abitare  nella  casa  Valeri  ancora  per  molti  anni:  è  così  che  nella 
descrizione  delle  bocche  e  biade  di  Reggio,  compilata  nell'  agosto  del 
1473^,  vediamo  censita  sotto  la  vicinia  di  S\  Maria  Maddalena  questa 
grossa  famiglia,  composta  di  ben  ventotto  persone,  fra  cui  Daria,  che 
dal  destino  era  scelta  a  dare  V  anno  appresso  all'  Italia  uno  dei  suoi 
più  grandi  poeti.  Ma,  per  essersi  recato  a  dimorare  presso  il  suocero, 
Gabriele  Malaguzzi,  come  facilmente  s'  immagina,  non  avea  rinunziato 
ali  eredità  paterna,  che  comprendeva  anche  le  case  avite  sulla  piazza 
maggiore.  A  prova  di  ciò  avrei  da  citare  un  atto  di  divisione,  in 
data  23  aprile  1449,  tra  Gabriele  e  i  suoi  due  fratelli,  nel  quale  a 
ognuno  di  loro  è  assegnata  la  terza  parte  del  palazzo  di  piazza^; 
tuttavia,  siccome  di  tale  atto  conosco  solo  una  cattiva  copia  semplice, 
avendone  cercato  indarno  un  altro  esemplare  sotto  forma  più  degna 
di  fede,  preferisco  passar  oltre  e  fermarmi  a  un  documento  d'  indiscuti- 
bile autenticità,   perchè   registrato   nei  libri  dei  Memoriali.     E  questo 


erano  nel  1506  i  sef^uenti;  cioè  da  un  lato  i  proprietari  della  seconda  metà, 
da  un  altro  Girolamo  della  Fossa  pei  diritti  della  moiilie,  e  dai  due  rimanenti 
la  via  del  Comune  (Arch.  sudd.  Arch.  Malaguzzi.  Libro  che  contiene 
diversi  instromenti  e  testamenti  della  nobile  famiglia  Malegiissi,  p.  66; 
testamento  di  Lodovico  figlio  di  Gabriele  Malaguzzi).  Per  ultimo,  la  casa 
è  nominata  in  una  supplica  del  1573,  con  la  quale  Orazio  Malaguzzi,  che  ne 
era  allora  proprietario,  chiedeva  al  Comune  il  permesso  di  gettare  a  terra  e 
ricostruire  in  cotto  «un  corridore  d'  ascie  vecchio  ohe  passa  sopra  una  strada 
in  capo  della  Ghiarra  da  una  sua  casa  posta  nella  vicinanza  di  Santa  Maria 
Maddalena  ad  altre  sue  casette*  (Arch  sudd.  Recapiti  alle  Riformagioni 
del  1573.    V.  pure  le  Riformagioni  del  2'  semestre  1573,  e.  8  r''). 

Queste  sono  le  sole  notizie  sicure  che,  dopo  laboriose  indagini,  ho  potuto 
raccogliere  sulla  casa  appartenente  a  Valerio  Valeri  e  passata  poi  ai  Mala- 
guzzi; ma  era  dessa  una  medesima  cosa  col  palazzo  che  nei  secoli  XVII  e 
XVIll  ebbero  i  Malaguzzi  nella  strada  di  Porta  Castello?    Ne  dubito  assai. 

*  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1466,  e.  72  r^  a  73  r°. 

^  Questa  descrizione  si  conserva  nell'  arch.  di  Stato  di  Reggio,  fra  le  carte 
del  magistrato  dell'  Abbondanza  nell'  arch.  del  Comune.  Essa  fu  ordinata 
dalla  Comunità  il  22  agosto  1473  (Arch.  sudd.  Riformagioni  1473 — 1477, 
e.  15  r'^),  e  presumibilmente  condotta  a  termine  entro  il  mese,  perchè  uno 
dei  quattro  fascicoli  dei  quali  consta  porta  la  data  del  30  agosto.  Certo  è 
che  in  una  riformagione  del  17  settembre  se  ne  parla  come  di  cosa  già 
compiuta. 

^  Arch.  sudd.  Malaguzzi.    Volumetto  segnato  No.  20 'No.  36,  pagg.  19—23. 


RICERCHE    SUL    LUOGO    OVK    NACQUE    A    REGGIO    LODOVICO    ARIOSTO       2-17 

una  divisione  di  beni  tra  Guido,  Alberico  e  i  loro  quattro  nipoti,  figli 
del  fratello  Gabriele,  eseguita  il  31  marzo  1459,  nella  quale  a  ciascuna 
delle  tre  parti  interessate  tocca  una  casa  nella  piazza  del  Comune,  o, 
per  dir  meglio,  una  porzione  del  fabbricato  che  costituiva  la  casa 
Malaguzzi  sulla  predetta  piazza.  Di  più  :  a  questa  divisione  seguono  due 
altri  strumenti  che  ad  essa  hanno  rapporto  e  sono  stipulati,  uno  il 
10  marzo  del  medesimo  anno  /;/  apotecìia  paunoruììi  filioriim  quondam 
M'.  Gabrielis  de  Malagucijs,  il  secondo  ai  7  d'  aprile  in  camera  viridi 
dictormn fììiorum,  in  vicinia  Ecclesie  mayoris^.  E  ancora:  nel  1490, 
essendosi  divisi  i  tre  figli  superstiti  di  Gabriele  Malaguzzi,  fra  gli 
altri  beni,  Lodovico  e  Valerio  presero  ciascheduno  una  metà  della 
casa  che  aveva  appartenuto  a  Valerio  Valeri ,  mentre  Girolamo  si 
tenne  «la  casa  nostra  dalla  piazza»^;  ed  è  proprio  da  questo  Girolamo 
che  discende  quel  Gabriele  Malaguzzi  Valeri,  il  quale  nel  1620  scrisse 
la  lettera  di  cui  sopra  s'  è  fatta  menzione^. 

Potrei  proseguire  citando  altri  posteriori  passaggi  di  proprietà  della 
casa,  per  esempio  la  divisione  della  medesima  effettuata  il  12  novembre 
1506  tra  i  due  figli  di  Girolamo*;  ma  lo  stimo  superfluo,  perchè  mi 
pare  bastantemente  provato  che  i  fratelli  di  Daria  Malaguzzi  posse- 
devano, al  tempo  in  cui  nacque  Lodovico  Ariosto,  una  parte  della 
casa  di  piazza.  Sotto  al  quale  edificio  si  trovava,  come  s'  è  visto, 
una  bottega  di  drapperia,  che,  dopo  la  divisione  del  1459,  dai  figli  di 
Gabriele  Malaguzzi  fu  data  in  affitto  a  Giovanni  Montanari.  Ciò  è 
dimostrato  da  molti  documenti,  e  io  mi  limito  a  ricordare  questi.  Atto 
notarile  stipulato  a  Reggio  il  7  novembre  1471  sub  domo  Hyeronimi 
et  fratrum  de  Malagutijs,  iuxta  platheas  Communis  Regij,  in  apo- 
'  techa  draparie  quam,  ibi  tenet  Johannes  de  Montanarijs^.  Sentenza 
arbitrale  pronunciata  a  Reggio  il  1°  giugno  1473  in  apotecha  quam 
tenimus  nos  Ioanncs  (de  Montanarijs)  in  plateis  Regij,  sub  domibus 


'  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1459,  e.  63  va  67  r  . 

-  Arch.  sudd.  Malaguzzi.    Filza  IX,  Divisioni,  n"  2. 

^  A  evitare  ogni  possibile  equivoco,  non  è  forse  inopportuno  osservare  che 
il  secondo  cognome  Valeri  deriva  ai  Malaguzzi,  non  dall'  eredità  di  Valerio 
Valeri,  bensì  dalla  pretesa  discendenza  dalla  famiglia  romana  Valeria,  sicché 
essi  avrebbero  dovuto  più  esattamente  chiamarsi  Valeri  Malaguzzi,  e  i 
Valeri  stessi  non  sarebbero  che  un  ramo  della  famiglia  trapiantato  a  Parma. 
La  leggenda  è  accettata  anche  da  Gabriele  Ariosto  fratello  di  Lodovico, 
che  nel  carme  In  obitu  Ludovici  Ar eosti  (vv.  129—141),  cantando  le  lodi 
della  madre  Daria  Malaguzzi,  dice  che  ella  discendeva  dalla  stirpe  dei 
Valeri. 

*  Arch.  sudd.  Arch.  Malaguzzi     Filza  IX,  Divisioni,  n°  7. 

^  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1471,  e.  40  r". 


248  UMBERTO    DALLARI 

D.  Ludovici  et  fratrum  de  Malaguajs^.  Atto  notarile  rogato  il 
30  aprile  1476  a  Reggio  m  apotheca  draparie  qiiam  tenet  Ioannes 
de  Montanarijs  ab  illis  de  Mallagucijs  a  laiere  superiori  plathee  ^. 
Altro  atto  pubblicato  a  Reggio  il  6  ottobre  1479  in  vicinia  Ecclesie 
maioris,  super  hancho  appotece  posile  sub  domibus  Hyeronimi  et 
fratrum  de  Malagucijs  in  platheis  Communis^. 

Ma  più  che  di  sapere  chi  avesse  ad  affitto  la  bottega,  a  noi  importa 
di  conoscere  chi  dimorasse  nella  casa  dei  figli  di  Gabriele  Malaguzzi 
in  piazza.  Ebbene,  ci  è  dato  di  stabilire  anche  questo,  mediante  uno 
strumento  notarile  del  17  aprile  1472,  col  quale  Giovanni  e  Gio, 
Giacomo  Bosi  di  Reggio,  a  nome  proprio  e  di  Simone,  Francesco  e 
Giacomo  figli  del  defunto  loro  fratello  Guido,  vendevano  alcune  pezze 
di  terra.  Il  rogito  fu  stipulato  a  Reggio  in  domo  Hyeronimi  et  fra- 
trum de  Malagucijs  in  vicinia  ecclesie  Cathedralis,  in  qua  habitant 
suprascripti  de  Boxijs  *,  e  per  tal  modo  noi  apprendiamo  quali  erano 
nel  1472  gì'  inquilini  dei  Malaguzzi.  Vediamo  infatti  che,  in  uno 
stato  d'  anime  del  1471  esistente  nell'  archivio  del  Comune  di  Reggio 
fra  gli  atti  dello  Stato  civile^,  la  famiglia  Bosi,  composta  di  quattordici 
persone,  è  censita  fra  quelle  abitanti  nella  vicinia  della  Chiesa  maggiore; 
al  contrario,  nella  già  nota  descrizione  delle  bocche  e  biade  del  1473 
non  troviamo  più  i  Bosi  sotto  la  vicinia  della  Chiesa  maggiore,  bensì 
sotto  quella  di  S.  Raffaele.  Ora,  messi  a  confronto  i  due  documenti, 
si  osserva  che  le  famiglie  abitanti  nella  vicinia  della  Cattedrale  erano 
ventidue  nel  '71  e  soltanto  ventuna  nel  73.  Di  queste  ultime,  venti 
corrispondono  perfettamente  ad  altrettante  del  '71,  benché  siano  descritte 
in  ordine  diverso  e,  come  è  facile  comprendere,  alcune  famiglie  pre- 
sentino qualche  piccolo  cambiamento.  La  restante  famiglia  del  73  è 
formata  da  un  Bernardino  Caffo  di  anni  20,  che  non  è  nominato  nello 
Stato  d'  anime  del  71  ;  ma  in  esso  troviamo  in  suo  luogo  certo 
M°.  Damiano  chiodarolo  con  un  compagno  di  18  anni,  epperò,  quasi 
senza  esitazione,  sì  può  affermare  che  anche  queste  due  famiglie  si 
corrispondono.  L'  unica  che  rimanga  senza  riscontro  è  quella  dei  Bosi, 
che  si  erano  recati  ad  abitare  in  altra  vicinia;  dunque  la  casa  dei 
Malaguzzi  che  essi  avevano  abbandonata,  nell'  agosto  del  1473  pare 
che   fosse  vuota.     E  se  era  tale,    dato   che   in   quel  tempo  precedente 


^  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1473,  e.  99  v°. 
'■^  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1476,  e.  51  r°. 
^  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1479,  e.  46  v°. 
*  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1472,  e.  39  r^ 

^  Arch.   sudd.   Descrizioni  degli  abitanti  di  Reggio   per   ordine  di 
vicinie. 


RICERCHE  SUI,  LUOGO  OVE  NACQUE  A  REGGIO  LODOVICO  ARIOSTO   249 

di  poco  il  concepimento  di  Lodovico  Ariosto  qualche  motivo  a  noi 
ignoto  non  permettesse  al  Capitano  della  cittadella  d'  occupare  il 
palazzo  ivi  destinato  a  sua  abitazione,  qual  meraviglia  che  i  cognati 
offrissero  a  lui  e  a  Daria  una  loro  casa  che  pel  momento  si  trovava  libera  ? 


Nonostante  ciò  —  è  opportuno  ripeterlo  —  la  tradizione  che  Daria 
Malaguzzi  si  sia  sgravata  in  quella  casa  appoggia  su  basi  troppo 
deboli  e  si  fonda  su  argomenti  di  provenienza  troppo  sospetta,  perchè 
noi  possiamo  prestarle  fede.  Prendiamo  pertanto  in  esame,  per  tener 
nel  dovuto  conto  la  credenza  che  Lodovico  sia  stato  messo  al  mondo 
nella  casa  materna,  il  supposto  che  la  moglie  di  Nicolò  Ariosto  parto- 
risse presso  la  madre  e  i  fratelli  nella  vicinia  di  S"*.  Maria  Maddalena, 
e  occupiamoci  della  circostanza  su  cui  si  è  recentemente  soffermato 
il  prof.  Giuseppe  Ferrari. 

L'  8  ottobre  1473  è  battezzata,  col  nome  d'  Anna,  una  bimba,  figlia 
di  Nicolò  Ariosto,  e  quattro  giorni  appresso,  in  una  fede  battesimale, 
Daria  Malaguzzi  viene  designata  come  moglie  di  Nicolò  ^.  Considerando 
la  cosa  dal  lato  che  a  noi  interessa,  possiamo,  parmi,  fare  il  seguente 
ragionamento.  Se  quella  bambina  era  figlia  di  Daria,  è  probabile  che 
costei  la  partorisse  nella  casa  posta  sotto  la  vicinia  di  S^.  Maria 
Maddalena,  ove  ella  si  trovava  ancora  nelP  agosto  del  1473;  e  se 
Daria  si  sgravò  presso  la  sua  famiglia  della  primogenita,  è  lecito 
pensare  che  si  recasse  vicino  alla  madre  anche  in  occasione  del  secondo 
parto.  Ma,  per  giungere  a  questa  conclusione,  bisognerebbe  prima 
dimostrare  che,  quando  Anna  nacque,  Nicolò  e  Daria  erano  già  legittimi 
sposi;  poiché,  se  quella  bimba  fosse  stata  un  frutto  precoce  del  loro 
amore,  è  logico  che  Daria  si  sgravasse  nella  propria,  non  nella  casa 
dell'  amante.  Io  però  sono  fermamente  convinto  che  la  bambina  non 
uscisse  affatto  dal  grembo  di  Daria,  e  che  questa  andasse  a  marito 
pura,  come  ogni  ragazza  onesta  deve  essere. 

Hanno  anzitutto  non  poco  peso  nell'  indurmi  ad  abbracciare  questa 
opinione  i  due  conosciutissimi  versi  dei  figli  di  lei  Lodovico  e  Gabriele,  i 
quali  asseriscono  che  quegli  era  il  primo  dei  dieci  fratelli  e  che  nacque 
dal  primo  parto  di  Daria  ^.  Ma,  ammettendo  pure  che  essi  non  abbiano 
saputo  dell'  esistenza  di  quella  sorellina,  morta  indubbiamente  in 
tenera   età,   perchè   di   lei   non   si   trova   più   traccia,   oppure   che   ab- 

^  Arch.  battesimale  di  Reggio.    Voi.  1450—1478,  e.  280  v°. 

^  Io  son  de'  dieci  il  primo (L.  A.  Satira  1^,  terzina  73.) 

Haec  (Daria)  Uhi  reclusit  nova  primo  viscera  partu.  (G-  A.  Carme 
In  obitu  L.  A.,  v.  142.) 


250  UMBERTO    DALLARI 

biano  voluto  stendere  un  velo  pietoso  sul  fallo  giovanile  della  madre 
riparato  dal  matrimonio,  resta  sempre  da  spiegare  come  il  12  ottobre 
1473  Daria  Malaguzzi,  se  era  fresca  di  parto,  potesse  recarsi  al  batte- 
simo d'  un  bambino  altrui.  Imperocché  ella  medesima  dovette  esser 
presente,  se  il  sacerdote  non  ha  scritto  nella  fede  battesimale  che  era 
rappresentata  da  qualcun  altro,  conforme  è  d'  uso  e  si  vede  fatto  in  molte 
altre  fedi:  diversamente  si  dovrebbe  supporre  o  che  la  figlia  di  Nicolò 
Ariosto  battezzata  1'  8  ottobre  fosse  nata  molti  giorni  prima,  cosa  che 
non  sembra  verosimile,  giacché,  quando  nella  fede  battesimale  non  è 
fatto  cenno  in  contrario,  si  ha  la  presunzione  che  1'  infante  sia  nato 
lo  stesso  giorno  in  cui  gli  fu  amministrato  il  sacramento;  ovvero  che 
la  signora  Daria  Malaguzzi,  moglie  del  signor  Capitano  della  cittadella, 
fosse  sconosciuta  al  sacerdote  e  avesse  mandato  altra  persona  sotto  il 
proprio  nome ,  cosa  che  è  contro  il  buon  senso.  A  meno  che  non 
ammettiamo  pure  una  connivenza  al  falso  per  parte  del  sacerdote  ;  ma 
con  qual  diritto  possiamo  noi  far  ciò? 

Un  altro  indizio,  quantunque  di  valore  assai  relativo,  mi  conferma 
viemaggiormente  nell'  opinione  già  espressa.  La  bambina  di  Nicolò 
Ariosto  battezzata  nel  1473  non  ebbe  per  madrina  al  battesimo,  al  pari 
di  .tutti  i  figli  di  Daria  nati  a  Reggio,  la  levatrice,  certa  Capella  su  cui 
e'  intratteremo  brevemente  più  avanti  *,  onde  è  ragionevole  pensare 
che  la  piccina  nascesse  da  altra  donna  ;  se  poi  fosse  altrimenti ,  non 
si  comprenderebbe  il  perchè  Daria,  che  volle  rinnovare  nei  nomi  dei 
suoi  tre  primi  figli,  quelli  di  persone  a  lei  care  —  Lodovico,  il  piti 
autorevole  tra  i  fratelli,  Taddea,  la  madre,  Gabriele,  il  padre  —  si 
fosse  lasciata  sfuggire  1'  opportunitcà  di  dare  ai  parenti,  appena  le  era 
possibile,  quest'  attestato  del  proprio  affetto,  e  avesse  scelto  per  la  sua 
primogenita  il  nome  d'  Anna,  che  nessuno  della  famiglia  portava. 

Tutti  questi  scogli  si  possono  evitare,  a  mio  parere,  in  modo  molto 
semplice,  ritenendo  cioè  che  la  bambina  battezzata  nel  1473  fosse 
figlia  naturale  di  Nicolò;  il  che  non  deve  far  meraviglia,  trattandosi 
d'  un  etk  nella  quale  era  cosa  comune  1'  aver  figli  naturali  e  1'  alle- 
varli persino  accanto  ai  legittimi.  Il  più  beli'  esempio  ce  1'  offre,  per 
non  scostarci  dall'  ambiente  in  cui  ci  muoviamo,  quell'  Ercole  1  d'  Este 
che  aveva  mandato  a  Reggio  1'  Ariosto,  e  che,  per  diventar  duca, 
dovette  aspettare,  benché  figlio  legittimo,  la  morte  dei  fratelli  Leonello 
e  Borso,  figli  naturali  di  Nicolò  III.  E  tanto  meno  ha  da  sembrare 
strano    che  Nicolò  Ariosto,    prima   di    prender    moglie,    avesse   avuto 


'  Arch.  sudd.  Voi.  1450-1478,  e.  300  r^  323  r'  e  350  v=;  voi.  1479-1489, 
e.  12  v^  e  40  r". 


RICERCHE  SUL  LUOGO  OVE  NACQUE  A  REGGIO  LUDOVICO  ARIOSTO   251 

relazione  con  altra  donna,  se  uno  storico  riputato,  L.  N.  Cittadella, 
poteva  scrivere  che  nella  famiglia  degli  Ariosti  furono  «frequentissimi 
gli  esempii  di  figliuolanze  naturali»  ^. 

Rimarrebbe  soltanto  da  chiarire  come  mai,  se  V  Anna  era  figlia 
naturale,  fosse  tenuta  a  battesimo  da  uno  Zoboli  e  da  una  Ruggeri, 
che  appartenevano  a  due  tra  le  principali  famiglie  della  città,  e  una 
delle  quali  era  per  di  più  legata  in  parentela  coi  Malaguzzi,  mediante 
r  ava  materna  di  Daria.  Ma  non  abbiam  motivo  serio  per  non  attri- 
buire a  mera  combinazione  la  particolarità  che  costei  fosse  parente  della 
madrina  ;  non  va  poi  dimenticato  che  della  funzione  battesimale,  della 
sua  solennità,  dei  vantaggi  spirituali  che  per  mezzo  suo  s'  acquistano 
i  nostri  antenati  avevano  un'  idea  assai  diversa  che  non  abbiamo  noi, 
sicché  non  è  raro  il  caso  di  vedere  persone  cospicue  presentare  al  sacro 
fonte  dei  poveri  bastardini,  cosa  che  ora  non  accadrebbe  piìi.  Insomma, 
a  ogni  nuova  congettura  sorgono  tali  e  tante  obiezioni,  che,  dal  fatto 
della  nascita  d'  Anna  Ariosto,  non  si  può,  io  giudico,  trarre  alcun'  utile 

conseguenza. 

*  * 

* 

Passiamo  a  considerare  il  terzo  caso  ammissibile,  ossia  che  Lodovico 
aprisse  gli  occhi  in  cittadella. 

A  giustificare  la  tradizione  che  Daria  Malaguzzi  si  sia  sgravata  fuori 
di  cittadella  s'  è  detto  che,  trovandosi  questa  allora  soggetta  a  restauri, 
il  Capitano  e  la  sua  famiglia  non  vi  potessero  stanziare.  Non  nego  la 
possibilità  della  cosa,  tanto  più  che  negli  anni  in  cui  soggiornò  a  Reggio 
Nicolò  Ariosto  in  cittadella  si  lavorava  realmente;  ma  da  un  attento 
esame  dei  libri  che  ancor  si  conservano,  relativi  ai  lavori  ivi  eseguiti, 
mi  sono  formato  il  concetto  che  si  trattasse  quasi  esclusivamente  di 
lavori  di  fortificazione.  Invece,  di  lavori  fatti  alla  casa  del  Capitano,  nel 
periodo  fra  il  1472  e  il  74,  io  ho  trovato  soltanto  le  seguenti  memorie. 

Nel  1472:  'Jtem  s'  è  lavorato  la  caxa  del  Capitano  de  citadella  et 
altri  lavoreri  per  le  caxe  de  citadella  etc,  commo  se  pò  vedere  ei 
intendere.  Item  la  caxa  et  rocha  del  Castelan  ibi»  2,  Pure  nel  1472: 
«Quadrelli  tolti  dala  fornaxa  de  lacomo  Curio  et  conducti  al  lavorerò 
de  la  caxa  del  Capitano  de  citadela,  inscripti  al  debito  dela  fabrica 
sub   die  21  de  mazo,    ala    posta   del  Cereto  de  1'  Alpe  .  .  .  .»  3.     Nel 

^  Appunti  intorno  agli  Ariosti  di  Ferrara.  1874.  Ferrara,  Ambrosini  ; 
pag.  32. 

2  Arch.  di  Stato  di  Reggio.  Arch.  del  Comune.  Magistrato  delle  Forti- 
ficazioni. Vacchetta  delle  opere,  delle  spese  e  dei  carreggi  per  la  fabbrica 
della  cittadella,  del  1472;  pag.  3. 

^  Ibid.  Altra  vacchetta  e  s.  dello  stesso  anno;  pag.  32. 


252 


UMBERTO    DALLARI 


1473:  «Item  nota  che  questo  anno  1473  s'  è  etiam  facto  la  camera 
gra[n]da  in  caxa  del  Capitano  de  citadella  de  taselli,  letere,  cariole, 
archibanchi,  ussi  et  fenestre  etc,  cornino  se  vede  etc.  Item  s'  è  fon- 
dato et  facto  il  muro  de  la  corte  de  dieta  caxa  depresso  la  stalla, 
commo  se  vede  alto  et  longo  etc.j- ^  Nel  1474:  «Item  fu  fradata  la 
schala  dela  caxa  del  Capitaneo  de  citadella  et  stabilita  et  coperta  et 
factoli  li  ussi  et  cordonata,  comò  se  pò  vedere.  Item  smaltata  la  loza 
et  tavellata  la  corte,  comò  se  pò  vedere,  et  facta  la  schala  del  cane- 
vetto  sotto  il  palazo  vechio  et  cunzato  il  pozo  et  quelle  altre  facende 
ordinate  in  caxa  etc,  ale  spexe  tute  de  la  fabrica  etc.»  ^. 

E  chiaro  che  tutti  questi  lavori  dovettero  esser  disposti  per  rendere 
più  comoda  e  bella  1'  abitazione  del  Capitano,  né  si  spiegherebbe 
a  che  giovasse  il  lavorarvi  ogni  anno,  se  egli  non  vi  avesse  avuto 
la  sua  stabile  residenza.  D'  altronde,  i  lavori  che  colà  si  venivano 
eseguendo  non  vietavano  che  vi  stesse  gente,  e  se  ne  ha  la  conferma 
in  una  contesa,  avvenuta  al  principio  del  74,  fra  il  Capitano  della 
cittadella  e  il  Comune  di  Reggio,  il  quale  pretendeva  di  non  dover 
pagare  nulla  per  la  custodia  di  due  omicidi  ivi  appunto  trattenuti  in 
carcere  ^. 

Io  penso  pertanto  che  Nicolò  Ariosto,  durante  il  tempo  nel  quale 
rimase  a  Reggio  in  ufficio,  abbia  sempre  abitato  in  cittadella,  e  me 
lo  lasciano  anche  credere  i  due  documenti  che  altri  ci  ha  posto  in- 
nanzi, e  cioè  la  lettera  che  Nicolò  scrisse  da  quel  luogo  il  21  gennaio 
1473  e  il  rogito  dotale  di  Daria.  Ma  a  questi  due  documenti  sono  in 
grado  d'  aggiungerne  parecchi  altri  che  dimostrano  la  continuità  della 
dimora  di  Nicolò  in  cittadella,  e  ci  forniscono  inoltre  più  ampie  notizie 
sui  vari  locali  del  palazzo  che  gli  serviva  d'  abitazione. 

Come  è  noto,  Nicolò  Ariosto  acquistò  nel  contado  di  Reggio  molti 
terreni,  pei  quali  più  tardi,  nel  1486,  il  duca  Ercole  I  gli  concedette 
r  esenzione  dai  pubblici  carichi*;  come  è  naturale  poi,  egli  qualche 
volta,  mentre  stava  a  Reggio,  ebbe  occasione  di  trovarsi  presente,  in 
qualità  di  testimonio,  ad  atti  notarili.  Uno  solo  di  questi  strumenti, 
ossia  una  pace  conclusa  in  casa  dei  Malaguzzi  sotto  la  vicinia  di 
S^  Maria  Maddalena  il  29  ottobre  73,  alla  quale  Nicolò  assiste  come 


'  Arch.  di  Stato  di  Modena.  Camera  ducale  estense.  Amministrazione 
finanziaria  dei  paesi  dello  stato:  Reggio  (Cittadella).  Voi.  del  1473,  carta 
in  fine  non  num. 

2  Ibid.  Voi.  del  1474,  ultima  carta. 

^  Arch.  di  Stato  di  Reggio.    Rifomiagioni  1473—1477,  e.  47  r°  e  60  v°. 

*  Cfr.  Campori  Giuseppe.  Notisieiper  la  vita  di  L.  A.  Modena,  Vincenzi, 
1871;  pag.  13. 


RICERCHE  SUL  LUOGO  OVE  NACQUE  A  REGGIO  LODOVICO  ARIOSTO   253 

testimonio,  è  redatto  fuori  di  cittadella  ^  ;  tutti  gli  altri  invece  furono 
rogati  entro  il  recinto  della  fortezza,  e  a  me  è  necessario  darne  1'  intero 
elenco.     Eccolo. 

1474,  3  ottobre.  Nicolò  Ariosto  Capitano  della  cittadella  di  Reggio 
compra  una  pezza  di  terra  nel  territorio  d'  Albinea.  Rogito  di  Fran- 
cesco Parisetti,  actum  in  citadella  Regij,  in  curie  pallacij  rescidentie 
prefati  Capitanei  emptoris^. 

1477,  14  giugno.  Nicolò  Ariosto  Capitano  della  cittadella  di  Reggio 
compra  una  pezza  di  terra  in  villa  Ghiarola,  e  un'  altra  in  villa  Ga- 
vasseto.  Rogito  di  Francesco  Parisetti,  stipulato  in  citadella  Regij, 
sub  porticu  pallatij  habitationis  ipsius  Capitanei^. 

1477,  18  giugno  e  20  settembre.  Nicolò  Ariosto  Capitano  della 
cittadella  di  Reggio  compra  alcuni  terreni  in  villa  Gavasseto.  Rogiti 
di  Simone  Elia  Negromonti,  stipulati  in  civitatella  Regij*'. 

1478,  4  giugno,  23  giugno  e  29  agosto.  Il  conte  Nicolò  Ariosto 
compra  tre  pezze  di  terra  in  villa  Gavasseto.  Rogiti  di  Francesco 
Parisetti  OmozzoH,  stipulati  Regij  in  civitatella,  in  pallatio  rescidentie 
prefati  emptoris  '". 

1478,  23  giugno.  Nicolò  Ariosto  Capitano  della  cittadella  di  Reggio 
compra  una  pezza  di  terra  in  villa  Gavasseto.  Rogito  di  Francesco 
Parisetti  Omozzoli,  stipulato  Regij  in  civitatella,  in  camera  ad  terenum 
versus  ortttm  palatij  rescidentie  prefati  emptoris  ^. 

1478,  23  giugno.  Nicolò  Ariosto  Capitano  della  cittadella  di  Reggio 
si  trova  presente,  come  testimonio,  a  un  atto  notarile  rogato  da 
Francesco  Parisetti  Omozzoli  Regij  in  palatio  rescidentie  M".  D.  Ca- 
pitanei civitatelle  Regij,  et  in  ipsa  civitatella,  et  in  eius  camera  ad 
terenum  ^. 

1478,  senza  indicazione  del  giorno.  Il  conte  Nicolò  Ariosto  compra  una 
pezza  di  terra  in  villa  Gavasseto.    Rogito  stipulato  Regij  in  civitatella  ^. 

1479,  7  maggio.  Rogito  dotale  di  Daria  Malaguzzi  moglie  del  conte 
Nicolò   Ariosto,    stipulato   da   Francesco   Parisetti  Omozzoli  Regij  in 


1  Arch.  sudd.    Memoriali  del  1473,  e.  93  v\ 

^  Arch.  notarile  di  Reggio.  Rogiti  di  Francesco  Parisetti,  voi.  del  1474, 
e.  80  r°.   —  Arch.  di  Stato  di  Reggio.    Memoriali  del  1474,  e.  69  r°. 

A  questo  rogito  ne  segue  un  altro  col  quale  Nicolò  affitta  al  venditore 
la  terra  acquistata;  esso  ha  la  medesima  data  di  giorno  e  di  luogo. 

^  Arch.  di  Stato  di  Reggio.    Memoriali  del  1477,  e.  38  r=. 

*  Ibid.,  e.  54  v='  e  55  y\ 

^  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1478,  e.  36  v. 

«  Ibid.,  e.  26  v°. 

'  Ibid.,  e.  74  r^ 

8  Ibid.,  e.  39  v°. 


254  UMBERTO    DALLARI 

pallatio  rescidentie  prefati  comitis  Nicolai  in  civitatella,  et  in  camera 
voltata  que  est  supra  campani  a  vino  ^ 

1479,  7  settembre.  Il  conte  Nicolò  Ariosto  compra  una  pezza  di 
terra  nel  luogo  detto  Bazzarola.  Rogito  di  Francesco  Parisetti  Omozzoli 
stipulato  Regij  in  civitatella,  in  sala  pallatij  rescidentie  prefaii 
emptoris  2. 

1479,  17  settembre.  Il  conte  Nicolò  Ariosto  compra  una  pezza  di 
terra  in  villa  Gavasseto.  Rogito  di  Pietro  Parisetti  Omozzoli,  stipu- 
lato Regij  in  civitatella,  in  domo  rescidentie  prefati  emptoris,  et  in 
eius  camera  cubiculari  ad  tassellum^. 

1480,  7  marzo.  Cessione  di  diritti  sopra  una  pezza  di  terra  in  villa 
Gavasseto,  fatta  a  favore  del  conte  Nicolò  Ariosto.  Rogito  di  Fran- 
cesco Parisetti  Omozzoli,  stipulato  Regij  in  palatio  rescidentie  ipsius 
comitis  Nicolai  in  civitatella^. 

Riepilogando,  tre  di  questi  strumenti  portano  semplicemente  1'  indi- 
cazione che  furono  rogati  nella  cittadella  ;  quattro  aggiungono  nel 
palazzo  ove  risiedeva  il  Capitano;  tre  precisano  nella  corte,  sotto  il 
portico  e  nella  sala  del  palazzo.  Due  sono  fatti  nella  camera  a  terreno 
del  Capitano  e  nella  camera  a  terreno  verso  1'  orto  ;  uno  nella  camera 
a  volta  sopra  la  cantina;  un  altro  infine  nella  camera  da  letto  di 
Nicolò.  Che  occorre  di  piìi  per  convincerci  che  questi  abitava  in 
cittadella?  E  come  può  ragionevolmente  presumersi  che  ne  fosse 
fuori  al  tempo  in  cui  egli  ebbe  il  figlio  Lodovico,  se  la  compra  del 
1474  fu  fatta  nella  cittadella  venticinque  giorni  soltanto  dopo  la  nascita 
del  poeta -^'P  Si  noti  poi  che  il  contratto  fu  pubblicato  nella  corte  del 
palazzo  che  serviva  d'  abitazione  al  compratore.  Orbene,  non  è  facile 
sicuramente  indovinare  certi  piccoli  avvenimenti  domestici  attraverso 
le  aride  righe  d'  un  atto  notarile;  eppure,  fra  le  cose  possibili  non  v'  è 
forse  anche  questa,  che  il  notaro,  i  contraenti  e  i  testimoni  —  tra  i 
quali  ultimi  vedesi  Valerio  Malaguzzi  fratello  di  Daria  —  si  ritirassero 
quel  giorno  giù  nella  corte,  in  luogo  di  rimanere,  come  altre  volte 
fecero,    in    qualche    camera    interna,    per    timore    di    recar    disturbo 

*  Arch.  notarile  di  Reggio.  Rogiti  di  Francesco  Parisetti,  voi.  del  1479, 
e.  34  V  a  36  t\  —  Arch.  di  Stato  di  Reggio.  Memoriali  del  1479,  e.  73  vo 
e  74  r  . 

2  Arch.  di  Stato  di  Reggio.    Memoriali  del  1479,  e.  39  \\ 

3  Ibid. 

*  Arch.  sudd.  Memoriali  del  1480,  e.  3  v". 

'^  Alfonso  Lazzari  (La  vita  e  le  opere  di  L.  A.  Livorno,  1915;  pag.  3) 
•affaccia  il  dubbio  che  il  poeta  nascesse  qualche  giorno  prima  dell'  8  settembre; 
ma  ho  già  detto  che,  quando  nelle  fedi  battesimali  non  si  menziona  la  data 
della   nascita,   si   deve  supporre  che  essa  corrisponda  a  quella  del  battesimo. 


RICERCHE    SUL    LUOGO    OVE    NACQUE    A    REfiOIO    LODOVICO    ARIOSTO       255 

alla  giovane  puerpera  e  d'  essere  alla  lor  volta  disturbati  dagli  strilli 
del  futuro  poeta? 

Ma  non  fantastichiamo,  leggendo  nei  documenti  quello  che  essi  non 
dicono,  e  ritorniamo  nel  campo  della  realtà. 

La  fede  battesimale  di  Lodovico  Ariosto,  che  più  volte  è  stata,  e 
sempre  malamente,  stampata  \  ci  fa  sapere  che  al  sacro  fonte  egli 
ebbe  per  padrino  Leonello  Zoboli,  e  per  madrine  Apollonia  moglie  di 
Nicolò  da  Vianova  e  Capella  nutrice.  Leonello  Zoboli,  si  sa,  era 
reggiano  e  abitava  nel  quartiere  di  S.  Pietro,  sotto  la  vicinia  di 
S.  Nicolò 2;  tra  la  famiglia  Zoboli  e  Nicolò  Ariosto  e'  era,  in  fatto 
di  funzioni  battesimali,  una  specie  di  reciprocanza,  conforme  appare 
da  molte  fedi  di  battesimo.  La  nutrice  o  levatrice  Capella,  che 
si  chiamava  Elisabetta  e  il  cui  padre  aveva  nome  Simone  —  non  si 
tratta  punto  d'  una  capra  che  alimentò  Lodovico,  come  farnetica  un  suo 
biografo  recente^  —  era  anch'  essa  reggiana  e  dimorava  nel  quartiere 
di  S.  Nazaro,  sotto  la  vicinia  di  S.  Paolo*;  questa,  P  abbiam  veduto, 
rappresentava  la  madrina,  diremo  così,  d'  obbligo  pei  figli  di  Daria. 
Ma  r  altra  madrina,  quella,  direbbesi,  d'  occasione,  chi  era?  Dove 
stava  questa  buona  signora,  la  quale  ha  un  nome  che  non  pare 
indigeno  e  che  non  si  trova  negli  stati  d'  anime  di  quel  tempo? 

Fortunatamente  a  queste  domande  si  può  dare  risposta.  Il  marito 
di  madonna  Apollonia  era  —  ce  lo  dicono  i  registri  della  Masseria 
di  Reggio  esistenti  fra  gli  atti  della  Camera  ducale  estense'*  —  Capi- 
tano della  rocca  o  Castellano  della  cittadella  di  Reggio,  e  questi,  secondo 
un  documento  che  ho  già  riportato,  aveva  la  casa  in  cittadella,  ove 
doveva  pur  dimorare  la  sua  rispettabilissima  consorte.  Un  tale  dato,- 
messo  in  relazione  coi  vari  elementi  da  me  raccolti,  è  per  noi,  a  mio 
modo  di  vedere,  tutt'  altro  che  di  poco  momento. 


'  (1474)  Die  lovis  8  predicti  (Septembris). 

Liidovicus  lohaìiìies  fdins.  domini  Nicolai  de  Ariostis  Chapitanei  cita- 
dele  Regij  baptisatits  ut  siipra  per  supradictiini  (dotniniini  Gaspavem 
de  Ferris).  Compater  Lioneliis  de  Zobolis.  Comatres  /)"«.  Appellonia 
uxor  Nicolai  de  Vianova  et  (IsabetJia)  Capella  nutrix. 

^  Arch.  di  Stato  di  Reggio.  Arch.  del.  Comune.  Estimo.  Libro  dei 
Fuochi  1458—1459,  e.  32  v  -,  e  Descrizione  delle  bocche  e  biade  del  1473, 
già  citata. 

3  F.  Barbi  Cinti,    Vita  di  L.  A.    Ferrara,  1874;  pag.  4. 

*  Descrizione  delle  bocche  e  biade  del  1473. 

^  Arch.  di  Stato  di  Modena.  Nel  volume  del  1474  la  partita  relativa  a 
Nicolò  da  Vianova  o  dalla  Vianova  è  a  e.  56  v°  e  57  r^ 


256  UMBERTO    DALLARI 

Concludo,  riassumendo  in  breve  queste  mie  osservazioni.  La  prova 
decisiva,  che  valga  a  togliere  ogni  dubbio  ulteriore,  ne  io  1'  ho  trovata, 
né  credo  possibile  rinvenirla,  dopo  le  ricerche  da  me  fatte  e  che  mi 
lusingo  siano  riescite  esaurienti.  Per  mala  sorte,  sovra  le  labbra  del 
piccolo  Lodovico  dormiente  nella  culla  non  si  posarono  le  api,  come 
narrasi  di  Platone;  e  però,  non  potendo  alcuno  prevedere  che  da 
quelle  labbra  sarebbero  usciti  dei  canti  immortali,  la  comparsa  del 
poeta  sulla  scena  del  mondo  dovette  passare  inosservata.  Conviene 
dunque  procedere  nella  nostra  investigazione  per  via  d'  induzioni. 

Che  il  grande  epico  italiano  nascesse  nella  casa  così  detta  dell'  Ariosto 
in  piazza,  è  materialmente  possibile,  ma  non  probabile,  perchè  la 
tradizione  s'  attacca  a  un  filo  troppo  tenue,  e  ancor  meno  probabilità 
d'  esser  nel  vero  ha  il  supposto  che  la  madre  sua  si  sgravasse  sotto 
la  parrocchia  di  S-"".  Maria  Maddalena,  poiché  in  favore  di  questa  seconda 
ipotesi  non  parla  neppure  la  tradizione  popolare.  Per  1'  opposto,  noi 
vediamo  che  la  madrina  principale  al  battesimo  del  poeta  dimorava 
in  cittadella;  che  i  lavori  fatti  alla  casa  del  Capitano  fra  il  1472  e  il 
74  non  sembra  gì'  impedissero  d'  occuparla,  e  anzi  evidentemente 
ebbero  lo  scopo  di  renderla  sempre  meglio  abitabile;  che  ben  quindici 
documenti  fra  il  73  e  1'  '80  —  tutti,  meno  uno,  d'  indole  privata  — 
ci  mostrano  Nicolò  presente  in  cittadella,  ove  una  volta  s'  incontra 
anche  la  moglie  di  lui  e  ove  egli  era  persino  pochi  giorni  dopo  la 
nascita  del  figlio  :  laonde,  in  base  a  indizi  cosi  numerosi  e  precisi,  noi 
dobbiamo  ritenere  che  nel  talamo  maritale  Daria  Malaguzzi  si  dispo- 
nesse a  provare  i  primi  dolori  e  le  prime  gioie  della  maternità  ;  che, 
in  una  parola,  sotto  il  tetto  paterno,  nell'  antica  cittadella  di  Reggio 
ora  distrutta,  si  schiudesse  alla  vita  il  genio  di  Lodovico  Ariosto. 

Umberto  Dallari. 


VARIETÀ  E  ANEDDOTI. 


Note  varie  al  romanzo  di  «Durmart  le  Galois  >  K 

Vv.  9—10: 

Et  [m;iint]  om  blasme  sens  raison, 
Telz  chose  n'  est  se  annuis  non. 

Tale  è  il  testo  dello  Stengel,  il  quale  nelle  note  a  p.  534  giustamente 
propone  di  correggere  il  suo  [maini]  in  [mamsj,  meglio  [mainB]. 
Ma  1'  integramento  non  soddisfa.  Il  Foerster  propone  :  Et  s'  on  i 
blasme  ecc.     Io  propongo: 

E   [quant]  om  blasme  sens  raison,  ecc. 

V.  27  ms.  halece. 
V.  64: 

Lors  revenoit  a  grans  jornees 

Così  stampa  lo  St.  con  ragione.    Il  Foerster  vuol  correggere  o  grans 
iornees,    ma   il  ms.   ha   chiaramente  a  e  non  v'  è  nessuna  ragione  di 
cambiarlo.     V.  105    II  Foerster   afferma    che   il    cod.  ha  nisaige^   ma 
invece  uisage  (lez.  dello  St.)  è  chiarissimo. 
Vv.   131  — 134.     Lezione  dello  Stengel: 

Durmars  lor  estoit  bons  compains 
Et  si  navoit  mie  en  desdains. 
Les  povres  bachelers  gentiuz 
Il  ne  lor  estoit  mie  eskius,  ecc. 

11  F.  nulla  osserva  su  questi  versi,    ma  a  me  pare  certo  che  il  punto 
dopo  il  V.  132  vada  portato  dopo  il  v.  133.    V.  145.    Corr.  C  onques. 
V.  161.     F.  dice  che  il  ms.  ha  iert^  mentre  eri  (lez.  dello  St.)  è  chiaro. 
V.  170.    Mettere  fra  due  virgole  sachies. 
Vv.  181—182: 

N'  ai  cure  que  filz  d[e|  vilain 
L'  ait  en  baillie  ne  en  (sa)  main 

'  Ediz.  Stengel,   Tubingen,    1873.     Cfr.  Foerster,   Zeitschr.  f.  òst.  Gymn., 
1874,  fase.  II-III. 

Archiviim  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  1  7 


258  GIL'LK)    BERTONI 

Non  intendo  la  correzione  del  F.  :    If  en  sa  baillie.     Corr.    soltanto  : 
n'  en  sa  main.    V.  192.    A  torto  il  F.  \egg&  herhergera.    La  lettura» 
dello  St.  è  esatta.     V.  205.    Il    ms.   ha  seiieschalcesce.     Cfr.  v.  230. 
V.  329.     Soppr.  la  virgola  dopo  Durmars. 
Vv.  594—5: 

«Vien  cha  tost  a  moi  Dionet.» 
El  Diones  molt  tost  i  va 

\"irgola  dopo  moi^  e  legg.  col  ms.  Et  Diones^  ecc.    V.  660.  Ms.  che- 
vials.     \ .  755  fa[i]t. 
Vv.  868-9:  " 

Quant  je  fu  Jones  je  tendi 
A  lille  a  roi  de  haut  parage 

11  ms.  ha  fui^  e  ha  realmente  ie  tendi.  Io  credo  che  nel  modello 
stesse  ie  tendi  e  propongo:  7'  entendi — Afille^  ecc.  V.  910.  Punto 
alla  fine  di  questo  verso.  V.  939.  Questa  bianche  cité,  che  ricorre 
più  volte,  deve  essere  il  nome  della  cittcà.  V.  976.  atres.  V.  985. 
rejlanboie.»  Vv.  1161  e  1183  que[ì']re.  \.  1296  onque.  V.  1304 
tv  e  sor.  V.  1525  les  cliandoilles  col  ms.  V.  1581.  Certo  il  virs 
dello  St.  va  corretto  in  vers  ;  ma  non  è  vero  che  il  ms.  abbia,  come 
dice  il  Foerster,  la  «bekannte  Abkiirzung»  (us)  del  v.  1588.  Il  ms. 
ha  w'5,  il  che  spiega  1'  esitazione  dello  St.  V^.  2318  Errato  è  il  qiie 
dello  St.  ed  è  un  errore  di  stampa  il  qiiv  del  Foerster.  Leggasi  col. 
ms.  qui  (q'-). 
V.  2432: 

Quant  vos  mon  espervier  ballastes 

Corr.  bailastes,  ovvero:  ba[i]llastes. 
Vv.  2451—52: 

Miez  vaut  ses  regars  seulement 
Que  de  vo  damoisele  cent. 

Tale  è  la  lezione  del  ms.  Corr.  vos  damoiseles.  V.  2874  II  ms. 
ha  realmente  vengneson.  Corr.  veitgeson.  Così  :  vengance  3488. 
V.  2918: 

Se  ne  vos  ferai  altre  mal 

Nel  ms.  Se  è  chiaro;  ma  a  me  pare  convenga  correggere:  Je. 
Vv.  2993—4: 

Sos  la  branche  d'  un  Olivier 
Met  la  bele  son  espervier 


NOTE    VARIE    AL    ROMANZO    DI    DURMART    LE    GALOIS  259 

Corr.  Sor  la  branche^  sebbene  il  ms.  abbia  chiaramente:  Sos.  V.  3051. 
La  lettura  del  F"oerster  iia  destrangiiant  e  certamente  giusta.  V.  3453. 
Trop  eri  se  si  vuole  mantenere  la  lezione  del  ms.,  ovvero  :  Co  peri. 
V.  4149  or  l'ere.  Corr.  or  [n]  ter  e  ^  ma  non  è  detto  che  oriere  proprio 
non  possa  stare.  V.  4814:  daigtia  todiier.  Corr.  col.  ms.  daignai. 
V.  6778.  Il  Foerster  ritiene  le  forme  dierent  811  (=  diurent)  e  diet 
13239  (=  diut)  «kaum  richtig>.  Ma  al  v.  6778  leggiamo:  Moli  est 
cis  lieB  heaB  et  plaisans^  dove  lies  sta  bene  per  IhtB  lietis  {--~  locus). 
Ne  viene  che  diet  dierent  stanno  per  dieitt  e  dietirent.  Abbiamo  pò 
il  V.  2593  :  U  une  grant  liee  planierc.  dove  liee  rappresenta  lieues 
e  i  vv.  1919—1920:  Alais  dame  ne  s'  en  doit  iiieller,  —  Trop  est 
vies  chose  a  porpenser^  dove  vies  deve  rappresentare  v  i  1  i  s  ed  essere 
dunque  vieus,  vins.  La  stessa  voce  abbiamo  poi  in  vicx  del  v.  4336  : 
Qui  plus  les  tient  viex  que  ribaits.  Ed  ora  chieggo  il  permesso  di 
fermarmi  su  affieblee  del  v.  658  : 

Si  ot  une  manche  affieblee^ 

forma  che  ha  condotto  il  Foerster  (p.  141)  a  battere  una  falsa  strada:- 
«/'  in  Position  in  e  verwandelt,  und  letzteres  wurde  wie  ein  primiires 
behandelt».  La  verità  sarà  che  affieblee  sta  per  affieublee  e  questo 
per  affiiiblee.  Si  sa  infatti  che  nei  Dial.  di  Greg.  ricorre  affiubler. 
Affìehlees  si  trova  anche  al  v.  6873  e  affieblee  ancora  al  v.  1901. 

Giulio  Bkrtonl 


17* 


Due  etimolog^ie  (frig-nan.  gnàna:  lad.  geniU). 

Frignan.  «guàna»  alocco. 
Viene  subito  fatto  di  congiungere  questa  voce  coi  celebri  continua- 
tori alto  italiani  di  aquana  «fata  delle  acque»  (Meyer-Liibke,  Rom. 
Et.  Wb.,  573),  tanto  più  che  il  veronese  ha  la  locuzione  sigar  come 
11'  anguana  «gridare  come  un'  aquila»  ;.  ma  verisimilmente,  dato  il 
trapasso  non  impossibile  ma  poco  probabile  di  significato  da  «strega» 
ad  «uccello  notturno»,  meglio  conviene  battere  altra  via.  Durante 
un  processo  del  1712  in  Modena  (Arch.  di  stato:  «Inquisizione)  un 
testimonio,  parlando  di  una  donna,  che  per  malefizio  non  poteva  più 
parlare,  ma  soltanto  gridare,  disse  che  1'  infelice  aveva  «la  voce  di 
una  govannai .  Si  presenta  immediatamente  al  pensiero  quel  sost. 
cavannus  «gufo»,  che  ha  dato  all'  a.  frane,  clionan  (Meyer-Liibke, 
n°.  1787)  e  che  è  stato  discusso  dal  Thomas,  Noiiv.  Essais,  p,  301. 
Passando  per  *co('v)anna,  riconnetteremo  dunque  a  cavannus  il 
vocabolo  guaita^  piuttosto  che  ad  aquana,  la  quale  etimologia  però 
non  vorremmo  escludere  perentoriamente. 

Lad.  (Laax)  «genui»  campo  non  lavorato  da  un  anno. 
Ho  discorso  di  questo  vocabolo  nell'  «Arch.  rom.»  I,  507.  Chieggo 
ora  il  permesso  di  ritornare  su  questa  voce.  Il  dìs.  prdii  dir  (pratum 
durum)  mi  ha  tratto  fuori  di  strada  quanto  all'  esplicazione  del  primo 
elemento:  gè-  ger-  (gerntii  Truns),  gir-  {girnui  gerimii  Lugnetz). 
Ferma  restando  la  dichiarazione  di  nui  (novellu),  se  si  osserva 
r  espansione  della  voce  oltre  i  confini  di  un  dil-  di-  in  gi-  e  se  si 
pensa  al  sopras.  girdiin,  girdnk,  engad.  giràttnk,  con  senso  identico 
o  affine  a  quello  di  genui,  credo  che  non  si  esiterà  a  vedere,  con  lo 
Schuchardt  «Zeitschr.  f.  rom.  Phil.»  XXIII,  187,  in  questa  prima  parte 
del  composto  il  termine  corrispondente  all'  ital.  giro.  Si  tratta  invero 
del  così  detto  avvicendamento  della  coltivazione,  del  «giro»  insomma 
di  questa;  e  non  v'  è  ragione,  malgrado  il  prdu  dir  di  Disentis,  di 
abbandonare  la  spiegazione  dello  Schuchardt,  il  quale  ricorda  anche, 
per  meglio  rendersi  conto  dello  sviluppo  semantico,  gli  abr.  Veccnna 
Vicèni?a,    nome  di  contrade  o  campagne  in  molti  comuni  (Finamore). 

G.  B. 


«Erbolato». 

L'  «erbolato»  è  (dicono  i  vocabolisti)  una  «miscela,  una  specie  di 
torta  o  pasticcio  di  erbe»,  E  sta  bene;  ma  Erbolato  si  intitola  anche 
una  celebre  operetta  di  L.  Ariosto,  una  diceria  d'  un  ciarlatano,  che 
vuol  spacciare  al  volgo  uno  specifico,  un  elettuario  (cfr.  G.  Patini, 
«Giorn.  st,  d.  lett.  it.»,  LXV,  335).  E  gli  studiosi  ammettono  che 
il  titolo  ariosteo  erbolato  designi  appunto  codesto  elettuario.  Io  sono 
d'  altro  avviso.  Nel  1546  furono  comperati,  per  la  corte  di  Ferrara 
dal  «modenese  che  canta  in  banco»,  cioè  da  Jacopo  Coppa,  primo 
editore  (1545)  della  satirica  diceria  dell'  Ariosto,  alcuni  libri,  tra  cui 
uno  intitolato  crbolaio  (Mem.  in  Arch.  estense,  1543  —  59,  e.  2)  ^ 
La  forma  erbolato  ci  mostra  che  il  vocabolo  allora  si  riferiva  piuttosto 
al  ciarlatano  che  all'  elettuario,  che  il  fattucchiere  vendeva;  onde  il 
letterario  erbolato  poteva  cadere  facilmente  dalla  penna  di  un  ufficiale 
o  scrivano  estense.  Ma  anche  erbolato  può  riferirsi  a  colui  che 
vendeva  1'  elettuario.  E  non  v'  è  ragione  di  congetturare  che  la 
stampa  del  Coppa  abbia  un  errore  (-ato  per  -aio  o  -aro)  proprio  nel 
titolo.  Io  penso  al  lomb.  formagiat  «venditore  di  formaggio»  al 
venez.  segat-o  «segatore»  (friul.  segatt),  anche  penso  a  raxonato 
«ragioniere»  dei  registri  ferraresi  del  sec.  XV  (cfr.  venez,  rasonatti 
1494,  «Arch.  glott. -.  II,  436),  ma  sopra  tutto  penso  al  no  herbolato 
no  indivm  di  Ruzante  (Wendriner,  Die  padnan.  Mund.  von  Rusante, 
p.  47)2.  \\  Wendriner  vorrebbe  riconoscere  in  questa  terminazione 
-at(o)  un  lat.  -ator.  il  che  è  inammiissibile.  Vi  avremo  il  suff.  -attu 
(Meyer-Ltibke,  III,  §  506)  in  un'  interessante  funzione;  e  1'  Ariosto 
avrà  preso  il  dialettale  ét&o/^/^  «spacciatore  di  specifici  con  erbe»  e  lo 
avrà  raggentilito  in  erbolato.  La  prosa  dell'  Ariosto,  si  sa,  abbonda 
di  accatti  dialettali.  Giulio  Bertoni. 


^  II  documento  è  stampato  per  intero  nelle  note  al  cap.  III  della  P.  IV 
del  mio  libro  L'  Orlatido  furioso»  e  la  rinascensa  a  Ferrara,  Modena, 
1919  d'  imminente  pubblicazione.  I  libri  comperati  dal  Coppa  sulle  piazze 
di  Ferrara  passavano  nelle  mani  di  Bartolomeo  Ricci  e  poscia  in  quelle  del 
suo  allievo  Don  Alfonso  (Alfonso  II).  Cfr.  Arch.  rom.,  I,  530.  Nel  1543, 
il  1°  sett.,  'Bartholomeo  Rizo  maestro  del  S.  Principe»  aveva  acquistato  un 
libro  «chiamato  Cesaro  con  li  commentari  per  adoperare  per  sua  Signoria^ 
E  il  24  Novembre  1544  erano  stati  comperati  dal  cartolaro  «Zoan  Maria 
Caraffo"  altri  libri,  fra  cui  quattro  commedie  dell'  Ariosto  e  due  commedie 
del  S.  Hercole  [Benti voglio].     Mem.  cit.  1543—59,  e.  2. 

^  Dice  poi  il  Folengo:  «Sunt  ibi  diaboli  numero  tres  mille,  vel  ultra  — 
Jugiter  officium  facientes  Herbolatorum».  Macch.  e.  XXV,  ediz.  Portioli, 
Mantova,  1883,  p.  207. 


BIBLIOGRAFIA. 


Griachen  Caspar  Miioth.  Poesias  rinumdas  e  publicadas  per 
incaric  della  «Societat  Retoromontscha».  Samaden,  1908. 
Pp.  270  in  8«'. 

1.  Vita  di  G.  C.  Muoth.  La  giovinezza.  G.  C  Muoth  è  nato  a  Breil 
(Brigels)  il  2  settembre  1844.  Il  padre  suo,  Matteo,  si  dedicava  all'  alle- 
vamento del  bestiame;  possedeva  la  più  ricca  stalla  del  villaggio  ed  il  fan- 
ciullo lo  seguiva  sui  pascoli,  sull'  alpe,  s"  affezionav^a  alle  mucche;  visse  un 
pò"  gli  ozi  e  le  fatiche  della  vita  pastorale  riportandone  un'  impressione  forte, 
viva  e  fresca.  Frequentò  le  scuole  del  paesello  natio  e  nel  1859  il  padre 
lo  inviò  a  quelle  della  città  di  Feldkirch  nel  Tirolo,  di  dove  se-  ne  partiva 
il  primo  agosto  1860.  Ne  tornò  con  la  speranza  di  strappare  al  padre  il  con- 
senso ed  i  mezzi  per  continuare  gli  studi.  Il  padre  si  accontentò  di  accomo- 
darlo come  garzone  in  un'  osteria  di  Coirà,  all'  insegna  della  campana,  dove 
divideva  anche  la  camera  con  due  garzoni  macellai  che  consumavan  la  serata 
nelle  bettole  e  gli  andavan  in  istanza  fradici'-.  Oh,  con  qual  gioia  non 
sarebbe  tornato  ai  suoi  pascoli,  ai  duri  lavori  della  campagna!  Ottenne  qualche 
cosa  di  meglio;  poiché  nell'  anno  scolastico  1861 — 62  lo  troviamo  alle  scuole 
del  convento  di  Disentis.  Tra  i  manoscritti  di  questo  periodo  appare  già 
qualche  piccolo  tentativo  poetico,  in  tedesco.  Ma  non  posò  a  lungo  neppur 
a  Disentis:  se  ne  andò,  incerto  della  via  e  del  domani.  Già  la  fortuna  aveva 
da  qualche  anno  abbandonato  il  padre  nelle  sue  speculazioni  e  nei  suoi  rischi; 
ma  ora  la  miseria  veniva  a  porsi  sotto  il  tetto  paterno  ed  a  sedersi  accanto 
al  focolare:  poiché  soltanto  gli  zii,  quattro  e  senza  famiglia  tutti,  pensavano 
a  far  continuare  gli  studi  al  povero  giovinetto. 

Parte  poscia  per  Svitto,  entra  in  quel  collegio,  si  mette  allo  studio  del 
latino,  compie  la  terza  classe  ginnasiale  col  proposito  di  avviarsi  al  sacerdozio. 


^  Il  Muoth  è  il  maggiore  fra  i  poeti  ladino-romanci.  Della  sua  importanza 
nella  storia  della  letteratura  ladina  ha  discorso  brevemente  G.  Bertoni,  Lettera- 
tura ladina  dei  Griixioìii,  Roma,  1916,  p.  33  sgg,  il  quale  lo  ha  collocato 
ncir  alto  posto  che  gli  compete.  Togliere  questo  poeta  di  genio  dall'  oscurità 
immeritata  che  lo  avvolge  e  collocarlo  sul  piedestallo  che  seppe  costruirsi  è 
lo  scopo  di  queste  mie  pagine.  Altra  scritti  notevoli  sul  Muoth  sono  i 
seguenti:  G.  B.  Derungs  e  A.  Pfister,  introduzione  all'  ediz.  delle  poesie 
(Samaden)  pp.  1—31;  G.  Decurtins,  G.  C.  Muoth  in  Ischi,  Vili,  140—175; 
Fl.  Ca:mathias,  La  poesia  de  G.  C.  Muoth,  in  Ischi,  XIV,  1—20;  M.  Carnot, 
Im  Lande  der  Riitoromanen ,  pp.  52—61;  Bazzigher,  Programm  der 
Biindner  Kantonschule,  1906,  pp.  6—10;  C.  Jeki.ix,  Ini  36.  Jahrcsb.  der 
Hist.  Antiq.  Gesellschaft  Graubiindes,  1906,  pp.  V— XIV. 

2  DiiRUNGs,   Vita  de  G.  C.  Muoth,  p.  3  e  6. 


BIBLIOGRAFIA  263 

Ma  neir  anno  scolastico  1865—66  è  a  Friborgo  nel  ginnasio  tedesco,  entra 
nelle  corporazioni  studentesche  e  per  qualche  mese  la  giocondità  della  vita 
nelle  brigate  giovanili  lo  avvolge  e  lo  trasporta'.  Si  fa  notare  come  narra- 
tore, contastorie,  ascoltato,  ricercato,  pieno  di  passione  nel  dire,  di  sali,  di 
facezie  e  di  arguzie  nella  piana  conversazione;  contradditore  focoso,  testardo 
inconvertibile  nelle  dispute-.  Ma  un  giorno  scomparve  anche  da  Friborgo. 
Poca  circospezione  e  prudenza  negli  affari  avevano  tratto  il  padre  al  falli- 
mento. Il  figlio  si  trasportò  a  Losanna,  poi  a  Monaco  di  Baviera.  Tra  i  due 
pellegrinaggi  dolorosi  fece  una  sosta  a  Breil  nelF  inverno  1867—68.  Pure 
in  mezzo  alle  tristi  vicende  era  venuto  componendo,  in  parecchie  migliaia 
di  esametri  e  ad  imitazione  di  Vergilio,  dice  G.  Decurtins'',  un'  epopea 
«Rhaetus»  che  arse  di  sua  mano.  G.  G.  Muoth  rimase  a  Monaco  di  Baviera 
dalla  primavera  del  1868  all'  autunno  del  1873  e  si  iscrisse  a  quella  Uni- 
versità. Divideva  talora  la  camera  con  operai  e  spesso  si  preparava  egli 
stesso  il  magro  pasto:  pane  e  caffè  o  due  uova.  Talora,  e  non  di  rado,  cadeva 
la  sera  senza  che  egli  sapesse  dove  ricoverarsi.  Erano  i  giorni  più  dolorosi, 
quelli  ne'  quali  il  lavoro  eh'  egli  si  procurava  per  vivere  veniva  a  mancare  : 
che  operoso  egli  era  e  dava  lezioni  private  o  collaborava  a  pubblicazioni 
periodiche.  In  mezzo  a  tutto  ciò  trovava  tempo  e  forza  di  condurre  innanzi 
i  suoi  studi,  ai  quali  doveva  certo  applicarsi  assai  filosoficamente,  per  1'  amore 
puro  della  scienza,  poiché  troppo  frequentemente  cangiò  soggetto  e  materia. 
Si  occupò  di  filologia  germanica,  neolatina,  di  letteratura  classica,  di  lettera- 
tura medievale,  di  letterature  moderne  -,  non  solo  europee,  ma  orientali,  di  filo- 
sofia, di  storia;  fin'  anco  di  scienze  naturali  e  d'  altro  ancora.  Egli  cercava 
di  consolarsi  alla  meglio  delle  sue  sventure.  In  un  frammento  di  diario  di 
quegli  anni,  accanto  a  note  pessimistiche  e  dolorose  di  certi  giorni,  appaiono 
memorie  di  piccoli  prestiti  fattigli  da  compatriotti,  di  qualche  piccola  baldoria, 
perfin  d'  un  amoruccio  scettico  e  comico.  Ma  una  consolatrice  e'  era  anche 
a  Monaco,  che  toglieva  il  giovane  affamato  dalle  vie,  lo  involava  agli  uomini, 
che  gli  faceva  dimenticare  le  umane  ingiustizie,  per  chiamarlo  a'  queti  colloqui 
dove  essi  univano  le  anime  loro,  una  fanciulla  selvaggia  e  povera  anch'  essa: 
la  musa  romancia.  Da  quei  colloqui  nacquero:  Las  Spati itnsas  (1868); 
Las  valerusas  femnas  de  LiDigneza  (1868);  Ina  tcrrihla  hallada  cim 
ina  legra  fin  (1869);  la  liunga  Notg  Nadal  (1870)  e  qualche  altra  cosa 
minore.  Così  se  consumava  i  suoi  giorni  lontano  dalla  patria,  il  pensiero 
era  però  fisso  su  essa  e  non  1'  abbandonava  mai:  ed  egli  coloriva  con  soave 
e  mesto  dolore  nostalgico  le  immagini  della  patria,  il  mondo  libero  e  plebeo 
di  cui  si  sentiva  parte  e  per  cui  era  fatto,  mentre  doveva  vivere  in  esilio  in 
mezzo  a  gente  ritinta  dalla  civiltà.  Per  gli  ultimi  numeri  dell'  annata  1872 
della  Ligia  Grischa,  piccolo  foglio  settimanale  redatto  dal  letterato  romancio 
Alessandro  Balletta,  suo  compaesano,  inviò  Las  Spatìiinzas  e  la  traduzione 
di  alcune  favole  di  Lafontaine.  Teodoro  Curti,  letterato  e  critico  tedesco, 
che  andava  per  la  maggiore  in  Isvizzera,  ne  fece  attenti  gli  uomini  di  lettere. 
Intanto  A.  Balletta,  lasciata  la  «Ligia  Grischa»  e  diventato  segretario  del 
Governo    grigione,    preparava    al    poeta,    che    egli    aveva    già    presentato 


^  Derungs,   Vita  de  G.  C.  Miioth,  p.  5  e  6. 

"  Protocollo  della  Zàringia,  presso  Derungs,  Vita  de  G.  C.  Muoth,  pag.  8. 

^  Ischi,  Vili,  pag.  143.    G.  G.  M. 


264  FRANCESCO    VIELI 

alla  patria,  il  porto  desiderato  nell'  imperversare  delle  burrasche,  lo  ricon- 
duceva in  mezzo  alla  sua  gente,  nel  paese  dei  suoi  canti  e  della  sua  musa. 
Venuto  vacante  1"  ufficio  di  professore  di  latino  e  storia  alla  Scuola  cantonale 
di  Coirà,  suggerì  e  s'  adoperò  perchè  Muoth  vi  fosse  chiamato.  Il  presidente 
del  Governo  lo  volle  prima  vedere  e  squadrare  ben  bene  e  si  recò  a  Lindau 
ad  incontrarlo  II  poeta  discese  al  convegno  in  un  carrozzone  di  quarta 
classe  ma  coperto  da  un  bel  vestito  prestatogli.  Non  dispiacque  e  fu 
nominato. 

Glianni  operosi.  Gli  anni  dell'  esilio  e  della  miseria  erano  finiti  e 
con  slancio  giovanile  il  Muoth  si  accinse  alla  buona  missione  della  sua  vita, 
che  ora  gli  sorride  v^a.  Neil"  autunno  dell'  anno  1873  entrò  nella  sua  scuola 
e  incominciò  1'  insegnamento  del  latino  e  della  storia.  Rivelò  allora  ciò  che 
non  era  apparso  ancora  in  lui,  in  mezzo  alle  persecuzioni  della  fortuna, 
r  umana  calda  simpatia  con  cui  si  adoperava  per  tutti  coloro  che  si  volge- 
vano a  lui.  Dagli  scolari  sapeva  farsi  non  solo  ammirare  ma  anche  amare, 
perchè  sapeva  comprenderli  e  guidarli,  quasi  sempre  col  fare  bonario  di 
gran  papà  indulgente.  A.  Coirà  visse  quasi  sempre  presso  la  famiglia  Deflorin- 
Balletta,  e  quando  il  poeta  non  era  fuori,  la  processione  a  quella  casa  era 
continua:  eran  poeti,  cantori  romanci,  storici,  filologi,  amici,  studenti  e  poveri. 
Poi  veniva  A.  Balletta,  venivan  altri,  eran  lunghe  serate  ove  fluivano  le 
conversazioni  animate,  saliva  la  giocondità,  girava  il  vino  di  Valtellina  in 
larghi  bicchieri  diletti  al  poeta.  Ad  ogni  ricreazione,  ad  ogni  festa,  ad  ogni 
riunione  scientifica,  o  d' utilità  pubblica,  il  poeta  e'  era:  non  v'  era  uomo  più 
popolare  di  lui  in  Coirà.  Per  feste  popolari  di  canto,  di  tiro  a  segno,  di  carne- 
vale egli  ha  dettato  iscrizioni  e  programmi  rimati,  epigrammi  festosi,  giocosi, 
salaci,  mattaccini.  Neil'  estate  poi  soggiornava  a  Breil  ove  era  visibile  nella 
buona  «iistria  di  Fausta  Capaul.  Di  lassià  prendeva  il  bastone,  scendeva 
nelle  valli,  saliva  ai  villaggi  più  alpestri,  sempre  a  piedi,  discorreva  colla 
g:ente,  raccoglieva  vocaboli  ed  espressioni,  faceva  il  suo  dizionario,  coglieva 
dal  vero  le  figure,  i  paesaggi  dei  suoi  canti;  visitava  gli  archivi  comunali, 
annotava,  ordinava,  partiva.  Fin  dall'  anno  1874  entrò  a  far  parte  della 
Società  Retoromancia  sorta  in  difesa  della  lingua  e  degli  interessi  della  stirpe. 
Nello  stesso  anno  tradusse,  per  il  'Patriot'^  una  novella  la  < Marionna>  che 
è  un  racconto  in  prosa,  semplice,  candido  ed  ottimista,  di  scarso  valore:  ma 
r  anno  seguente  scrisse,  per  lo  stesso  giornale,  «Pregiudecis»  che  è  una 
vera  e  buona  novella  moderna.  Un  amore  contrastato,  che  vince.  Il  con- 
trasto è  creato  dai  pvcgiiidisi,  che  porgono  all'  artista  la  materia  per  fare 
una  grande  novella  di  costume  e  di  ambiente  '.  Ma  dalla  letteratura,  nel 
primo  decennio  che  passò  a  Coirà,  fu  distratto  dagli  studi  storici.  Egli  voleva 
venir  in  chiaro,  conoscere  a  fondo  le  cause,  ed  i  rapporti  esistenti  fra  esse, 
delle  fortun^e  diverse  di  sua  gente.  Poi  intendeva  farne  la  storia  come  aveva 
imparato  dai  Tedeschi  a  Monaco.  Non  d'  altro  spirito  era  animato  che  da 
quello  che,  all'  alba  della  risurrezione  d'  Italia,  metteva  sulla  bocca  di  Ugo 
Foscolo  nella  prolusione  di  Pavia  il  richiamo:  Italiani,  tornate  alle  storie! 
Entrava  perciò  nella  Società  storica  grigione  nel  1875,  muovendo  la 
società  affinchè  ottenesse  dallo  Stato  grigione  il  riordinamento  degli  archivi, 
di  tutti  gli  archivi  della  Rezia.    L'  oggetto  delle  sue  ricerche  e  dei  suoi  studi 


'  Ripubblicata  nelle     Seras  d"  unviern     Coirà  1893. 


BII'.LIOGRAFIA  265 

non  uscì  mai  dalla  storia  irrisione,  ma  qui,  dal  Medio  evo  in  su,  spaziò  in 
tutti  i  tempi.  I  lavori  storici  sono  stesi  però  quasi  tutti  in  lingua  tedesca: 
solo  quando  nel  1886  sorsero  le  «Annalas  '  vi  pubblicò  taluno  dei  suoi 
lavori,  non  i  principali. 

Ecco  che  allora  scrive  dodici  conferenze  sulla  «Rhatia  Curiensis  nei  tempi 
feudali»^;  studia  V  epoca  feudale  «della  dominazione  dei  Montfort»^;  il- 
lustra e  commenta  i  «Due  libri  officiali  del  vescovado  di  Coirà  nel  secolo  XV*  *i 
le  relazioni  dell'  Impero  colla  Rezia  studia  in  «Intervento  delle  curie  im- 
periali in  affari  giudiziari  della  Lega  grigia»^';  si  occupa  della  storia  della 
«Riorganizzazione  del  vescovado  di  Coirà  nel  secolo  XV»*^;  delle  strade  e 
del  commercio  grigione  nel  sec.  XVI  ^.  Poi  diede  ancora  minori  lavori 
non  meno  interessanti  per  chi  ricostruirà  V  edificio  col  materiale  eh'  egli  ha 
preparato:  studio  dei  nomi  locali,  delle  parentele  grigioni,  delle  famiglie 
storiche,  delle  vallate;  diede  notizie  scolastiche  grigioni  nel  sec.  XVII;  le 
arringhe  e  le  petizioni  di  agricoltori  nel  sec.  XVII;  formulari  di  istruzioni  a' 
deputati  ai  consessi  delle  Tre  Leghe  ^.  " 

G.  C  Muoth  era,  pei  più,  lo  storico.  Ciò  che  egli  sapeva  di  ogni  ruina, 
di  ogni  villaggio,  gli  creava  intorno  una  leggenda  popolare  di  sapienza  quasi 
meravigliosa  che  la  memoria  prodigiosa  e  la  bonarietà  comunicativa  del  suo 
carattere  lasciavan  prendere  sostanza  nel  popolo  e  nei  discepoli.  Il  poeta 
teneva  il  secondo  posto:  fu  poeta  dapprima  per  una  schiera  di  eletti.  Egli 
stesso  si  mostrava  ingrato  verso  la  sua  povera  musa:  per  un  decennio,  dal 
1873  al  1882  rimase  muto.  G.  Decurtins,  che  fu  dei  primi  ad  apprezzarne 
il  genio  poetico,  scrive:  «Durante  il  primo  decennio  del  suo  magistero  a 
Coirà,  Muoth  si  sprofondò  nella  vecchia  letteratura  poetica  romancia»  ^.  Lo 
spirito  suo  doveva  nuotare  a  grande  agio  in  quei  libri  antichi  dove  la  parola 
è  francescanamente  nuda  e  povera,  senz'  arte  vana,  grande  solo  per  1'  anima 
che  la  vivifica.  Quand'  egli  ne  uscì  sapeva  come  stare  nelle  tradizioni 
artistiche  di  sua  gente,  quando  le  incoronava  col  suo  canto  possente.  Nel 
1882  il  Governo  grigione,  che  ne  aveva  alta  stima,  lo  incaricò  di  tradurre 
ed  adattare  per  le  scuole  romance  il  libro  tedesco  in  uso  nelle  scuole  del 
Cantone,  V  Eberhart.  Assolse  il  compito  e  fu  in  esso  che  apparve  la  «Dert- 
gira  nauseila  de  Vallendau»  una  delle  gemme  della  sua  poesia  e  accanto 
ad  essa  diede  tradotte  tutte  le  poesie  del  testo  tedesco.  «Come  per  passa- 
tempo, per  divertimento,  in  breve  tempo  ha  dato  questo  numero  di  classiche 
traduzioni  dal  tedesco»  scrisse  G.  Decurtins'".  Ora  i  buoni  estri  che  si  eran 
desti  non  posarono  più.  Alle  opere  poetiche  Muoth  era  pigro  e  riluttante 
«aveva  bisogno  di  uno  stimolo  esteriore  per  poetare,  ma  una  volta  stimolata, 
la  sua  attività  era  simile  alle  onde  ricche  e  piene  di  un  torrente  alpino  che 
si  getti  giù  dalle  balze»  ^^.  G.  Decurtins  poi,  perchè  conducesse  a  termine  il 
"Ctirniii  d'  Uì'sera>>  eh'  egli  attendeva  da  lui,  dovette  farlo  prigioniero  nella 
sua  casa  ospitale   di  Truns.     Così   volgevano  gli   anni   migliori:    in   turbine 

^  Rivista  della  Società  Retoromancia. 
2  Nel  1902,  alla  «Casa  del  Popolo    a  Coirà. 

'  Annalas,  1905.  "  Annalas,  1898.  ^  Monatsblatt,  Coirà  1899. 

«  Monatsblatt,  1896.  '  Monatsblatt,  1897.  «  Monatsblatt,  1896. 

9  Ischi  Vili  G.  C.  M.  pag.  154.  '»  Ischi  Vili  p.  148. 

^'  G.  Decurtins,  Ischi,  Vili,  pag.  148. 


266  FRANCESCO    VIELI 

Operoso  di  vita.  Ma  V  autunno  s'  appressava.  Il  nobile  albero  aveva  recato 
i  suoi  frutti  e  stava  là  bensì  come  per  sfidare  il  tempo,  saldo  nella  terra, 
eretto  e  maestoso  contro  i  venti  e  le  bufere;  ma  aveva  dentro  di  sé,  nascosta, 
insidiosa  la  morte  che  andava  disfacendo  e  rodendo,  non  vista  non  temuta,  i 
tessuti  vitali.  Il  triste  autunno  si  palesava  ancora  pel  cadere  che  facevano 
intorno  a  lui  gli  esseri  più  cari.  Il  31  dicembre  1892  era  la  morte  della 
madre,  il  14  febbraio  1893  quella  del  padre.  Allora  lo  sguardo  del  poeta 
parve  ritirarsi  dalle  cose  esteriori,  il  suo  spirito  convergere  tutta  1'  attenzione 
a  contemplare  sé  stesso.  Quest'  uomo  che  tanto  aveva  pensato  per  gli  altri 
e  nulla  per  sé,  che  era  passato  accanto  all'  agiatezza  senza  rimirarla,  che 
aveva  visto  1'  amore  e  gli  aveva  riso  scetticamente  in  faccia,  s'  accorgeva, 
come  uscendo  da  un  sogno,  per  tante  piccole  cose  volgari,  banali,  ma  dolorose, 
che  la  sua  vita  era  compassionevole  e  grama.  Gli  amici  lo  invitavano  a 
levare  il  motto,  1'  epigramma  per  le  agapi  che  essi  solevan  tenere  ogni  anno, 
a  carnovale,  nelF  Albergo  del  Capricorno  a  Coirà,  ma  il  poeta  ammoniva: 

«La  stimada  compagnia 

Vegn  a  temps  aunc  avisada 

Che  jeu  porti  poesia 

Tuttavia  tartognada; 

Miu  Pegasus  ha  piars  las  plemas 

E  mes  versichels  rut  las  remas-  ^. 

Non  mancava  il  riconoscimento  del  valore  della  sua  opera:  era  chiamato 
nel  1891  alla  presidenza  della  Società  storica  grigione;  fatto  membro  della 
Società  svizzera  per  le  ricerche  storiche.  Neil'  anno  1898  discepoli,  amici, 
colleghi  celebrarono  il  venticinquesimo  anniversario  del  suo  insegnamento. 
Quattro  anni  dopo,  il  24  maggio  1902,  un  decreto  solenne  del  Gran  Consiglio 
(assemblea  legislativa)  gli  dava  incarico  di  scrivere  la  storia  grigione.  Era 
un  solenne  omaggio  della  patria  al  suo  poeta;  fu  un  lampo  di  gioia  che 
suscitò  ancora  1'  animo  suo,  ma  il  suo  cuore  era  stanco  e  malato.  Stese  bensì 
qualche  capitolo  della  storia  patria,  ma  la  penna  non  andava  più  innanzi. 
L'  appannaggio  dello  storico  sosteneva  con  certo  decoro  la  miseria  del  poeta 
a  cui  ogni  operosità  era  divenuta  oramai  alleata  della  morte. 

Passò  gran  parte  dell'  inverno  del  1903  nell'  ospedale  di  Coirà,  tornò  al 
villaggio  natio  1'  estate,  si  riposò  e  parve  riaversi.  Ma  nell'  anno  1905 
dovette  lasciare  anche  1'  insegnamento  della  storia;  il  male  onde  era  tribolato 
gli  toglieva  r  anelito,  lo  abbatteva  lentamente,  atrocemente.  Preparò  la 
biografia  dei  due  poeti  Antonio  ed  Alfonso  Tuor-,  ma  nella  primavera  dell' 
anno  1906  era  là  ancora  nell'  ospedale  di  Coirà.  Presentendo  che  il  giorno 
del  gran  passo  non  era  lontano,  vi  si  andava  disponendo  con  serenità,  come 
ad  un  riposo  meritato,  raccogliendo  cristianamente  lo  spirito  suo  e  preparan- 
dolo ai  grandi  colloqui  coli'  Eterno  in  cui  ebbe  fede^  e  che  sperava  trovar 
benigno  giudice  della  sua  vita  anche  per  quel  po'  di  bene  che  aveva  retta- 
mente sempre  cercato  di  fare  ai  suoi  fratelli  in  terra. 

La  mattina  del  6  giugno  si  sparse  per  tutta  la  terra  grigione  la  dolorosa 
novella  che  G.  G.  Muoth,  il  poeta,  era  morto. 

^  Poesias,  p.  30.  -  In  Annalds,  XX  1906. 

^  Vedi  M.  Carxot,  in  Biindner  Tagblatt,  8  giugno  1906. 


BIBLIOGRAFIA  267 

2.  La  formazione  dell' epopea  romancia  nella  «Poesia»  di  G.  G.  Muoth.  L'  aspetto 
dell"  opera  poetica.  Giacomo  Gaspare  Muoth  chiuse  e;!!  occhi  alla  luce 
senza  esser  confortato  da  quella  soddisfazione  che  accompagna  il  tramonto 
di  quei  grandi  lavoratori  di  genio  che,  alla  fine  della  loro  giornata  terrestre, 
ultimata  la  loro  opera,  la  vedono  innanzi  a  loro  compita  e  perfetta  e  se  ne 
possono  staccare  serenamente,  stanchi  ma  contenti,  per  andarsene  a  riposare 
colla  visione  della  gloria  che  li  accompagna. 

Egli  non  aveva  mai  fatto  stampare  neppure  una  raccolta  dei  suoi  versi. 
Come  egli  non  cantava  per  sé,  come  la  sua  persona  si  velava  dietro  le  crea- 
zioni e  le  armonie  e  scompariva,  così  aveva  anche  dato  i  suoi  canti,  come 
gli  uccelli  della  foresta,  non  chiedendo  che  di  essere  udito  ed  aveva  lasciato 
che  il  tempo  come  vento  se  li  portasse  via.  Il  disegno  dell'  opera,  che  il 
poeta  andava  costruendo  in  materia  perenne  come  il  granito  dei  nostri  monti, 
gli  fu  quindi  interrotto  dalla  morte.  Agli  altri  che  restava  fare,  se  non 
raccogliere  i  canti  sparsi ,  riunirli  per  salvarli  dall'  ingiuria  dilapidatrice 
degli  anni  ?  La  Società  Retoromancia  si  assunse  il  nobile  compito  subito 
dopo  la  morte  del  poeta  ed  incaricò  Giovanni  Derungs  da  Breil  di  preparare 
un"  edizione  completa  delle  poesie  del  suo  grande  compaesano.  La  raccolta 
apparve  nel  fascicolo  delle  Annalas  del  1908  e  nello  stesso  anno  in  volume 
separato,  che  fu  posto  in  commercio  '.  G.  Derungs,  dopo  aver  fatto  una  dili- 
gente ricerca  delle  notizie  della  vita  del  poeta  che  premise  al  volume,  stampò 
le  poesie  sparse  nella  Crestomazia  di  G.  Decurtins,  in  giornali,  riviste  e  fogli 
volanti,  poi  quelle  rimaste  inedite  e  rinvenute  fra  le  carte  del  poeta,  tenen- 
dosi all'  ordine  cronologico  secondo  il  quale  le  poesie  erano  apparse  in  pub- 
blico o  venivan  segnate  nel  manoscritto.  Accadde  così  che  i  pochi  che  lessero 
tutte  le  poesie  di  G.  G.  Muoth  si  fermassero  ad  esaltare  la  bellezza  di  taluno 
dei  lavori;  ma  non  avendo  il  potere  di  comporli  idealmente  fieli'  unità  ar- 
tistica dell'  opera  alla  quale  tendeva  il  poeta,  fossero  come  oppressi  dall' 
insieme  della  raccolta,  restassero  come  sconcertati  e  non  comprendessero  il 
poeta.  A  ciò  contribuisce  il  fatto  anche  che  i  frammenti  minori,  le  bozze  che 
r  artista  avrebbe  distrutto,  son  frammisti  nella  raccolta  ai  componimenti 
maggiori,  mentre  andavan  radunati  a  parte  con  quel  rispetto  con  cui  si 
raccolgono  ne'  domestici  musei  anche  i  minori  fra  i  cari  ricordi  di  un  grande 
scomparso.  Ora  quest'  opera  di  G.  G.  Muoth  non  si  può  comprendere  senza 
darle  quell'  ordine  che  lo  sviluppo  dell'  idea  e  del  pensiero  del  poeta  richie- 
dono. Esaminando  quest'  opera  vidi  che  tutta  una  serie  di  composizioni  sono 
un'  alta  celebrazione  di  fatti  gloriosi  ed  epici  dell'  antica  storia  grigione. 
Violai  allora  1'  ordine  cronologico  secondo  il  quale  quelle  composizioni  erano 
comparse  in  pubblico,  le  ordinai  sceverandole  da  altri  lavori  e  le  disposi 
secondo  1'  ordine  assegnato  dalla  storia  ai  fatti  narrati  e  celebrati.  E  poiché, 
per  testimonianza  di  amici  del  poeta,  non  mi  era  ignoto  che  egli  aveva  acca- 
rezzato r  idea  di  creare  1'  epopea  nazionale  romancia,  non  mi  rimase  alcun 
dubbio  che  quel  ciclo  di  canzoni  fosse  gran  parte  o  quasi  tutta  1'  epopea 
ideata  dal  poeta.  Ora  in  quel  ciclo  di  canzoni  gloriose,  tale  e  tanta  é  la 
simpatia  e  1'  amore  che  muovono  il  poeta  a  celebrare  i  passati  tempi  gloriosi 
della  sua  gente  che  s'i  liberava  dallo  straniero  e  si  affermava  in  forte  unità 
di  nazione,  che  non  poteva  non  colpirmi  il  contrasto  che  v'  é  tra  le  canzoni 


^  SamadenSiaxa^z.  dell'  Engadin  Press. 


268  FRANCESCO    VIEM 

■epiche  e  quasi  tutta  Y  altra  poesia  di  G.  G.  Muoth.  La  materia  di  quesf 
altra  poesia  è  tutta  contemporanea:  sono  quadri  della  vita  moderna  in  Sur- 
selva  \  della  minuta  vita  del  popolo,  colta  e  riprodotta  dal  vero  con  lieve 
sorriso,  poi  con  disgusto,  poi  con  amarezza  di  satira  demolitrice.  Perciò 
studiando  1'  opera  di  G.  G.  M.,  esporrò  da  prima  in  grandi  linee  quella  che 
io  chiamo  «epopea  romancia»  ad  essa  seguirà  V  esposizione  dei  poemetti  in 
cui  sono  le  scene  della  vita  contemporanea  e  parte  della  satira.  Quindi, 
tenendo  di  vista  le  minori  poesie,  le  inedite,  i  frammenti,  metterò  in  rilievo 
i  diversi  valori  di  tutta  1"  opera  poetica. 

Ciclo  di  canzoni  epico-leggendarie.  Gli  inizi  di  questo  ciclo 
possono  ben  essere  segnati  da  una  canzone  pubblicata  nel  <-Calender 
romontsch»  dell'  anno  1885,  «Igl  eremit  s.  Sigisbert»"-  che  è  la  leggenda 
che  ha  ravvolto  la  storia  del  primo  evangelizzatore  della  Surselva  quando 
intorno  al  614  vi  penetrò  dall'  Oberalp. 

I  —  San  Sigisberto  viene  attraverso  i  monti  perchè  cerca  un  deserto  per 
nascondersi  dagli  uomini  e  dai  loro  peccati.  Cammina  per  la  natura  sel- 
vaggia delle  grandi  Alpi  ed  entra  nella  foresta  ancora  vergine  della  valle 
del  Reno  dove  lo  colgono  la  notte,  il  sonno  ed  una  visione.  Una  voce  dall' 
alto  dice: 

«Cheu  eis  ti  Sigisbert!  —  Cheu  stos  ti  star!" 

Essent  mitschaus  dals  latschs  dell'  ambiziun, 

Dun  jeu  a  ti  la  nobla  commissiun, 

De  conduir  sils  trutgs  de  libertat 

In  pievel  simpel,  senza  vanadat. 

II.  È  giorno.  Il  santo  lavora  a  preparare  un  tetto  ed  un  altare  per  abitare 
la  terra.  Il  canto  è  agitato  e  mosso.  Vengono  gli  uccelli  e  le  fiere  della 
foresta,  guardano  e  fuggono,  mentre  il  santo  pensa  a  dissodarsi  un  pò"  di  terra. 
Poi  anche  le  fiere  gli  si  fanno  amiche: 

Ch'  in  uors  ina  sera  compara  semetta 
Cun  cots  e  gaglinas  avon  la  casetta, 
Ch'  el  létga  dil  pader  la  crina  manutta 
E  torna  puspei  egl'  uaul  alla  trutta. 

Ma  il  santo  non  può  rimanere  solo  nell'  innocente  natura  poiché  il  tumulto 
delle  passioni  mondane  viene  come  un  uragano.  È  la  caccia,  sono  corni, 
trombe,  cani,  cavalli;  è  scompiglio  e  fuga,  nella  foresta,  degli  animali  cari 
al  santo.    L'  orso  inquieto  viene  ai  suoi  piedi;  il  prodigio.stupisce  i  cacciatori: 

Danunder  la  forza  de  ventscher,  confunder 
la  rabia  dils  tgauns  e  dils  urs?     Di  danunder? 

Sigisberto  dice  loro  della,  potenza  e  della  misericordia  del  suo  Dio  e  va.  si 
ritira  a  far  orazione.     La  brigata  visita  1'  eremo: 

«Surstat  e  protesta,  rient  sesmerveglia» 


^  Per  Surselva:  i  territori  romanci  del  Cìrigioni  compresi  fra  le  tre  prime 
sorgenti  del  Reno,  dal  Flimserwald  all'  Oberalp.  — 
^  Poesias,  p.  137. 


l5Il',LI()(;kAKIA  269 

e  lascia  1"  eremita,  triste,  perchè  dappertutto  il  mondo  lo  raggiuns^e  e  Dio 
lo  tenta,  circondandolo  di  prodigi.  Ma  nella  notte  dai  gioghi  dell'  Alpe,  luci 
angeli  in  vesti  d'  argento  passeggiano  e  cantano.  Sigisbcrto  che  veglia,  com- 
prende la  volontà  di  Dio  e  la  accetta: 

» la  veglia  dil  Segner  daventi 

Sche  lein  pia  batter  cui  mund  e  siù  tenti. «  — 

//  tiranno  Vittore.  La  canzone  fu  pubblicata  nel  «Calender  romontsch^ 
r  anno  1887  e  fa  seguito  alla  prima.'  Eminentemente  drammatica  e  tragica, 
è  r  unica  che  abbia  metro,  foga  e  1'  andamento  della  ballata  romantica.  — 
Placido,  primo  discepolo  di  San  Sigisberto,  cade  martire,  vittima  della  sua 
fede  e  della  libertà  invocate  per  il  popolo  della  Surselva.  Accanto  al 
racconto  delle  virtvi  dei  santi  ed  ai  miracoli  della  misericordia  di  Dio,  stanno 
le  dissolutezze  e  i  vizi  dei  signori  pagani  e  i  prodigi  dell'  ira  e  della  vendetta 
di  Dio  contro  di  essi.  Ecco  Vittore  «il  cau  dils  perdavonts-  che  dal  suo 
castello  di  Caverdiras,  sopra  Disentis, 

Regieva  culla  spada,  regieva  cui  bastun, 
Siu  cor  enconoscheva  negina  remischun. 
Il  suadetsch  dil  pievel,  las  raubas  dils  altars 
Spendev'  el  cun  muronzas,  cun  pompas  e  giantars  .  .  . 

Victor,  cusrin  de  Piaci,  fuv'  era  pauc  contents 
De  schar  a  caussas  pias  la  rauba  din  parents. 

Placido  lo  visita,  cerca  di  convertirlo: 

Mo  quel  lai  el  cun  beffas  partir  epi  mazzar 

Neil'  orgia  del  banchetto, 

Cun  gibels  e  risadas  expriman  lur  applaus 
Ils  umens  de  rapina,  las  femnas  de  puccaus.   — 

Suona  il  corno  della  guardia,  come  se  si  scalasse  il  castello;  e  la  guardia 
non  ha  suonato!  I  carnefici  del  martire  ritornano  dalla  truce  impresa  e 
raccontano  terrorizzati  come  Placido,  cui  han  ben  divelto  la  testa  dal  tronco, 
s'  avvii  portando  colle  sue  mani  la  testa  sanguinante  al  convento.  Le  cam- 
pane dell'  eremo  suonano  a  stormo.  Sigisberto  e  gli  altri  eremiti  escono  in 
lugubre  processione  dalla  chiesa,  in  paludamenti  ed  ornati  sacerdotali,  in- 
contro al  martire  che  va,  cammina,  pur  senza  il  capo.  Vittore,  anima  demo- 
niaca, ha  la  forza  di  rianimare  i  compagni  smarriti  e  perduti  dallo  spavento  : 

«Stei  si,  gienira  stria,  bargada  de  poltruns! 

Nus  lein  untgir  ord  via  als  smaladi  striuns,» 

"Allò,  pinei  cavesters  e  sialas  pils  cavals    .  .  . 

La  cavalcata,  fra  le  ire  del  cielo,  tutto  folgori  e  tuoni,  arriva  sul  ponte  del 
Reno  che  si  spezza  e  li  precipita. 

Il  popolo  della  Surselva  appare  poi  per  la  prima  volta  già  unito  nella  fede 
cristiana,    con    un"   anima    nuova,    in   una   canzone  composta   nel    1893     La 


'  Poesias,  p.  142. 


270  FRANCESCO    VIELI 

vendetga  dils  Grischs^  \  —  Un'  orda  di  Unni  entra  dal  Lucomagno  nella 
Rezia  r  anno  670;  brucia  e  massacra;  deserta  e  distrugge  il  convento  di 
Placido  e  Sigisberto;  ma  i  Grigi  li  aspettano  a  Disia  e  ne  fanno  macello. 

Dalla  Storia.  —  Ora  il  poeta  si  trasporta  innanzi  negli  anni.  I  fatti  cele- 
brati nelle  canzoni  si  svolgono  in  un  periodo  che  va  dalla  prima  metà  del 
1400  alla  seconda  metà  del  1500.  Non  sono  più  le  gesta  della  leggenda  e 
della  fede,  ma  quelle  della  libertà  nazionale.  L'  energia  guerriera  della 
gente  romancia  è  esaltata  da  una  canzone  che  è  la  prima  prodotta  dal  Muoth, 
poiché  data  già  dal  1868,  benché  rimaneggiata  un  po'  quattordici  anni  dopo: 


Così  comincia: 


Las  valerusas  femnas  de  Lungnesa  ^. 

Dunnauns  dil  Glogn^  jeu  less  cantar 

Vies  laud  e  vossa  gloria, 

De  Porclas  lessel  jeu  risdar; 

Leu  veis  portau  Victoria; 

In  comt  haveis  vus  domognau 

E  vossa  patria  liberau.» 

Il  conte  di  Montfort  brucia  Flims  ed  Ilanz  ed  entra  nella  valle  Lunganezza. 
feudo  del  sire  di  Belmont  che  vuol  punire  e  spodestare,  e  1'  orda  nemica 
viene  su  Morissen  e  su  San  Carlo: 

In  triep  sii  pei  dil  piz  Mundaun, 
In  triep  a  Porclas  catscha  maun. 
Sii  cuolm,  briganti 

Ma  le  campane  chiamano  per  tutta  la  valle.  Chi  la  difenderà  la  valle? 
«or  ei  gie  mo  femnas  ed  affonts.v     Le  donne  valorose  accorrono,  che 

Ils  beins,  la  libertat,  ils  lur 
Ein  nuot  gidai  cun  larmas. 

Vanno  le  irte  alabarde  dietimo  le  cuffie,  e  alle  strette  di  Porclas,  come  d'  in- 
canto, le  donne  ammassano  tronchi  d'  alberi  e  macigni.  I  nemici  volgono  le 
spalle  in  fuga  oscena: 

Da  mumm'  e  figlia  spatatschai. 
Da  bab  e  figl  perseguitai. 

Ora  è  la  scena  del  ritorno  dei  vittoriosi.  Ecco  il  capo  dei  rozzi  guerrieri  chr 
si  volge  alle  donne  e  parla  dopo  una  pausa: 

«Mattauns,  dunnauns,  vies  guerregiar 
Stovein  nus  umens  respectar'  .  .  . 

La  Canzone  è  chiusa  dall'  omaggio  commosso  del  poeta  che  vede  ancora  le 
donne  a  destra  in  chiesa,  nella  casa  di  Dio,  e  rispetta  il  santo  uso. 


^  Poesias,  p.  150. 

2  Poesias,  p.'42. 

'  La  Glenner,  affluente  del  Reno  che  bagna  la  vai  Lunganezza. 


BIBLIOGRAFIA 


271 


Siit  igl  ischi  de  Triin.  —  Un  popolo  che  sa  difendere,  così  come  alle  strette 
di  Porclas,  la  sua  terra,  che  ritorna  vittorioso  ed  ha  in  mezzo  la  statuaria 
figura  del  capo  del  Comune  che  dispone  della  precedenza  in  casa  di  Dio 
senza  il  permesso  del  suo  signore  di  Belmont,  non  resta  servo.  Settanta  anni 
dopo  esso  ha  offerto  al  poeta  materia  ad  un"  altra  canzone  calma  e  solenne. 
In  questi  anni  in  ogni  villaggio  delle  valli  alpine  del  Reno  e  dei  suoi  affluenti 
la  ribellione  della  plebe  contro  i  feudatari  fermenta,  scoppia,  infrange  i  vincoli 
antichi.  I  signori  in  lotta  tra  loro,  non  hanno  la  forza  di  dominarla,  non 
riescono  a  spegnerla.  Il  popolo  invece  si  affiata  nelle  ombre  ed  in  silenzio, 
forma  una  lega  alla  quale  taluno  dei  signori  aderisce  poiché  il  popolo  la 
garantisce  colle  armi. 

«Sui  igl  iscJii  de  Triin»  fu  pubblicata  nel  «Calender  Romontsch»,  nel 
1891^  e  narra  la  congiura  di  Truns  del  1424. 

«Sper  Trun  sin  in  pastget  verdegia  in  ischi 
Barac  ed  umbrivaun  .  .  .  ." 

Qui  convengono  i  montanari  nella  notte  e  fanno  cerchio  intorno  ai  capi.  Questi 
interrogano,  e  le  voci  alterate  espongono  i  torti  dei  tiranni  ed  enumerano  i 
diritti  e  le  libertà  che  il  popolo  rivendica.  Allora  gli  uomini  alzano  la  mano 
e  fanno  giuramento  solenne  di  restar  uniti  e  di  assistersi  nella  lotta  contro  i 
tiranni;  e  poiché  v'  é  chi  dubita  e  teme,  Lumbriser  de  Sumvitg,  che  parla 
lentamente,  dice: 

"Gr  Avat  lai  dir  a  vus,  eh'  el  seigi  vies  amitg, 
Cun  quel  va  V  ovra  bein?» 

Il  popolo,  che  rispetta  il  suo  convento  di  Disentis,  risponde: 

Il  survient  de  Diu  pò  dar  a  nus  ruaus 
Salvar  la  libertat». 

Questo  lavoro  dall'  andatura  composta  segna  come  V  intermezzo  tra  la 
concitata  esaltazione  di  Porclas  e  le  due  ultime  cantate  celebranti:  V  una,  la 
difesa  della  libertà  conquistata,  1'  altra  le  supreme  ragioni  ideali  d'  esistenza 
della  gente  romancia. 

La  dertgira  nmischa  de  Valìendau".  Apparve  nel  1882,  con  accanto 
la  semplice  data  dell"  anno  in  cui  il  fatto,  che  è  materia  della  canzone,  si- 
svolse:  1450. 

Schiere  di  popolo  armato  vanno  partendo  da  una  valle  verso  Vallendas; 
il  rumore  delle  armi  e  delle  grida  s'  alza  dalla  selva  degli  abeti  agitati,  vince 
lo  scroscio  delle  onde  della  Rabiusa.  Che  sono  quella  grida,  chi  é  quell" 
uomo  in  catene  che  geme?  Enrico,  barone  di  Ràzuns.  Egli  ha  aderito  alla 
lega  giurata  a  Truns  dal  popolo,  la  Lega  grigia;  ma  poi  egli,  signore,  si  è 
volto  ai  signori  e,  spergiuro,  fé'  parte  dell'  alleanza  che  essi  strinsero  per 
schiacciare  la  plebe  :  la  Lega  nera,  Ma  il  popolo  rompe  in  battaglia  la  Lega 
nera,  ruina  il  castello  di  Razuns,  incatena  il  signore,  lo  trascina  a  Vallendas 
per  affidarlo  al  boia. 


^  Poesias,  p.  145. 
^  Poesias,  p.  71. 


272  FRANCESCO    VIELI 

'Sii  plaz-cumin  a  Vallendau 

Se  rimna  la  tschentada: 

Ils  purs  dils  aults  e  dellas  valls. 

De  tegias  isoladas. 

Il  pievel  drova  siu  dretg  e  trova 

A  fil  de  spada  la  sul  le  vada. 

Nuot  gida  Heinrich  siu  schemer; 

La  sort  ei  fretga,  sto  valer  .... 

La  posiziun  d'  in  losch  barun 

Il  grass  signur  molesta  zun. 
Cheu  arv'  in  mantel  tgetschen  gì'  èsch; 
Il  carnifex  compara, 
Per  salutar  il  delinquent, 
Pallids  SCO  ina  bara. 
El  se  perstgisa  tenor  la  disa; 
Mussond  la  spada  zund  fin  molada: 

«O  bien  Signur,  negin  sterment! 
Quei  ei  finiu  en  in  moment.» 

Ed  in  cavegl  el  sdrappa  spert 

Ord  sia  barba  grischa, 

E  suffla  quel  permiez  sii  fil 

De  sia  spada  glischa; 

Mo  pauc  levgiescha,  pauc  consolescha 

In  tal  auspizi  siu  grond  snuizi. 

Tgei  gida  bein  V  annetga  mort 

Ad  in  che'  veva  buna  sort?»  « 

«Avont  la  casa  vegn  dentont  —  La  fuortga  erigida»  —  Si  ode  il  rimbombo 
delle  asse  che  cadono  sulle  travi,  che  s'  ammassano,  si  ordinano,  si  spianano: 
suonano  gli  ordini  concitati,  le  voci  della  plebe  che  lavora,  consiglia,  commenta. 
Il  macabro  lavoro  ferve,  è  già  pronto.  Allora  sul  palco  sale  un  giovinetto 
e  fa  segno  di  parlare  :  è  un  servo  del  triste  barone.  Il  popolo  si  calma  e  il 
giovane  dice: 

«Signurs  Confederai!     Vischins! 

Nies  bien  barun  dil  Plaun-Razin 

Ha  gronda  disfortuna: 

El  oz  endira  la  peina  pira! 

Quei  ei  dueivel,  mo  er  snueivel  .... 

Gli  uomini  si  acquietano,  i  capi  deliberano;  e  per  esaudire  un  ultimo  desi- 
derio del  barone,  il  giovane  con  tutta  possa  s'  adopera  a  preparare  un  pasto 
copioso,  generoso,  grande  come  1'  ira  del  popolo: 

«Ils  bells  curtins  de  Vallendau 

Bizarra  vista  porschan; 

De  paun  e  vin,  caschiel  e  carn 

Las  meisas  tut  se  storschan. 

Il  pievel  sesa  e  se  pervesa, 

Bottiglias  svida  e  se  comblida, 

Las  tschéras  bruttas  van  stulir 

Per  fin  ils  caus  fan  sco  de  rir.» 


lUHI.IOGKAKIA  273- 

II  buon  iriovane  va  ora  dall'  una  all'  altra  mensa:  riverisce  i  capi,  adula  i 
montanari,  parla  del  suo  signore.  —  «Era  buono  il  barone,  magnanimo;  ha 
aiutato  a  fondare  la  Lega  grigia  staccandosi  dai  signori:  chi  sa  se  senza  il 
suo  aiuto  avremmo  vinto  i  tiranni?  Ma  il  povero  barone  s'  è  lasciato  in- 
gannare e  sopraffare  dai  suoi  parenti,  i  conti  di  Sargans,  quelli  sono  i  nemici!»  — 
Gli  argomenti  bagnati  dal  vino  già  commuovono  alcuni  dei  cuori,  v'  ha  già 
chi  lo  assolve  in  secreto.  Enrico  di  Ràzuns  passa  davanti  ai  suoi  carnefici 
col  capo  curvo  sul  petto,  con  passo  pesante,  solenne  come  una  bara.  Nessuno 
si  muove.  Egli  saluta  con  cortesia  ora  questo  ora  quello;  presso  il  palco^ 
domanda  di  poter  bagnare  le  labbra,  poi  va  alla  sua  pena. 

Cheu  clom'  in  um  sut  in  pommér 

Cun  clara  vusch  de  tiba: 

«Nies  bien  barun  dil  Plaun-Razin 

El  vivi  ditg!     E  viva!> 

E  las  masadas  sco  tschien  tunadas 

Ad  al  rispundan  da  plauns  e  spundas: 

«El  vivi  ditg,  el  vivi  bein! 

Siu  fallament  nus  perdunein!> 

Ora  nella  notte  vestita  della  luce  argentea  della  luna  la  triste  scena  si  volge 
in  lieta  e  grande  baldoria.  Ornati  con  ramoscelli  d'  abete,  fra  risa  e  canti, 
capi  e  plebe,  barone  e  servo  ritornano  alle  loro  case.  In  alto,  dai  boschi  di 
Laax,  escono  nel  cielo  due  grandi  rapaci  e  in  tardi  giri  solenni  vanno  a 
posarsi  sulle  balze  di  Flims  e  fanno  udire  il  loro  concerto  e  paion  dire: 
reggete  senza  atrocità,  siate  buoni  e  generosi  colla  vostra  forza  e  governerete 
in  eterno.  — 

//  Cumin  d'  Ursera  de  1425^.  (Apparve  la  prima  volta  nella  Rhàto- 
romanische  Crestomatie  di  G.  Decurti  ns,  1'  anno  1S96.)  "Il  ciclo  di  canzoni 
che  narra  la  formazione  dell'  indipendenza  della  patria  e  la  difesa  della 
libertà  si  chiude  col  Cittnin  d'  Ursera,  il  poema  che  è  1'  esaltazione  della 
razza  romancia.  Essa  è  figlia  di  Roma;  nel  sangue  che  pulsa  nelle  sue  vene, 
nella  lingua  che  scorre  dalla  sua  bocca,  nelle  tradizioni  e  nei  costumi.  Ma 
di  fronte  ad  essa,  nel  medesimo  baluardo  delle  Alpi,  s'  accampando  e  fre- 
mono altre  genti,  esse  vogliono  risalire  lungo  i  fiumi  che  scorrono  verso  il 
settentrione,  dilagare,  invadere  colla  potenza  del  numero,  penetrare  nelle 
valli  più  remote,  mescolare  il  loro  sangue  al  sangue  latino,  coprire  cogli 
aspri  suoni  della  loro  lingua  la  dolce  favella  romancia,  cancellare  i  costumi, 
mutare  la  gente. 

Contro  di  esse  il  poeta  muove  il  popolo  romancio  e  nei  bei  giorni  delle 
lotte  gloriose  contro  i  tiranni  pone  il  campo  della  grande  lotta  che  è  stata 
di  tutti  i  secoli  dal  giorno  del  tramonto  della  potenza  latina  di  Roma. 

—  Una  superba  cavalcata,  armata  come  in  guerra,  s'  avvia  verso  il  passo 
dell"  Oberalp;  sono  i  campioni  . 

Simpels,  nobels  e  baruns 
Tuts  honors  della  Cadi  ' 


'  Poesia s,  p.  170. 

Archivum  Romanicum.  —  \'ol.  3.  —  1919.  18 


274  FRANCESCO    VIELI 

Avanti   va  il  Signore  di  Pultengia,   abate  di  Disentis,   con  Clau  Cumengia, 
«migiur  de  Hospental  ; 

Agi"  avat  la  crusch  terlischa 
Sut  la  lada  barba  grisella; 

Poi  in  vari  aspetti  vengono  pittoresche  figure  del  tempo  antico: 

Gion  Pultengia  tegn  la  spada 

Sin  la  queissa  enferrada: 

La  bandiera  della  Ligia 

Porta  r  Lolp  de  Sulvanigia; 

Tschegn  de  Phiesel  tegn  la  lontscha 

Siila  tschenta  en  ballontscha, 

Clar  terlischan  ils  sparuns 

D'  Albertus  de  Chischliuns 


indi  la  gente  minore:  i  figli  di  Clau  de  Spinas,  Pageun  de  Medel,  Paul  de 
Sax,  Plazi  Berther.  Il  popolo  dai  pascoli,  dai  prati  alza  il  capo,  rimira  e  si 
domanda  se  a  qualcuno  in  Val  d"  Ursera  vien  la  stolta  idea  di  disturbare 
la  Lega  grigia.  L"  abate  rompe  il  silenzio  e  dice  a  Clau  Cumengia:  «è  vero 
dunque  che  quelli  d'  Ursera  si  vogliono  separare  da  noi  senza  neppur  salu- 
tarci?^ —  «Vostra  Grazia,  risponde  il  Cumengia,  sì;  ne  sono  anche  troppo  in- 
formato: r  assemblea  degli  uomini  di  Ursera  oggi  vuol  dividersi  dal  Con- 
vento per  passare  ai  Tedeschi,  per  unirsi  ad  Uri.  Gli  Urani  agognano  di 
avere  il  passo  del  monte  Avellino  che  dà  in  Leventina, 

Per  retrer  sii  cuolm  il  dazzi 
Ch'  appartegn  a  nies  sogn  Plazi. 
Quels  ded  Uri  ein  gutrus, 
Mo  pli  mais,  pli  ferms  che  nus. 

Ah!,  r  abate  non  può  credere!  unirsi  ai  Tedeschi,  staccarsi  dai  Romanci  per 
unirsi  ai  Tedeschi  .  .  .!  «Che  abbiamo  loro  fatto  di  male,  non  hanno  tutte 
le  libertà  che  ci  han  chiesto?  Eleggono  i  loro  magistrati,  non  pagano 
taglie  -; lur  affonts 

Ein  Romontschs  sco'ls  perdavonts, 
Han  artau  in'  aversiun 
Pils  Schuobs^  e  lur  naziun. 

-  Oh,  soggiunge  il  Cumengia,  i  vostri  sudditi  sanno  bene  quanto  devono 
essere  grati  al  Convento.     La  causa  è 

^  Che  Tudestgs  ein  arrivai 

Ella  \'al,  leu  secasai 
Ed  ein  davcntfii  patruns 
Dina  gronda  part  dils  funds. 

'  La  Cadi:  1'  odierno  Circolo  di  Disentis. 

■-'  La  valle  d'  Ursera  era  allora  ancora  romancia  e  feudo  dell"  abate. 

^  Svevi,  dispregiativo  odioso,  invece  di  Tedeschi. 


BIlil.IOC.KAFrA 


275 


Mi  perdoni,  Vostra  Grazia,  ma  il  Convento  che  fa?  Ci  trascura.  Ed  ecco 
che  i  signori  di  Ursera  si  alleano  con  Uri,  sposano  delle  tedesche 

Quellas  tilan  si  affonts, 

Che  san  nuot  dils  perdavonts, 

Seturpegian  dil  Romontsch. 

Gie  r  entira  giuncheraglia  — 

Ina  vera  buccadaglia!  — 

Fa  da  schàvet,  sestellegia 

Sco'ls  Schuobs,  schùob  balbegia: 

Ensaconts  dils  giuvens  purs 

Imiteschan  ils  signurs, 

E  se  crein  de  far  perdert. 

D'  esser  Schuobs  è  tont  pli  spert.» 

Questi  sono  gli  uomini  che  il  mistrale^  di  quest'  anno,  De  Moos,  trae  al 
tradimento.  L'  abate  è  commosso  e  ringrazia  il  suo  vicario  e  va  pensoso  e 
taciturno,  che  ora  cammina  sulle  sponde  del  lago  del  Badus. 

Poi  si  volge  e  al  Cumengia  ricorda  le  fatiche  e  gli   affanni  sostenuti  dal 
Convento  per  salvare  1'  Ursera  dal  toro-  tedesco  d'  Uri, 

Dalla  bestia  furibunda 

Che  ha  mai  magliau  avunda. 

—  Non  dimentichiamo,  soggiunge  il  padre  assistente,  la  giornata  di  Hos- 
pental  e  la  sconfitta  del  mio  povero  nonno  Tin  de  Sax,  nostro  mistrale  a 
cui  si  fece  tanto  torto,  poiché  lavò  1'  onta  cadendo  nella  battaglia  vittoriosa 
di  Realp. havent  viviu 

Indisch  onns  sco  in  murdiu!  — 

Tutti  tacciono  ma  il  Zignau,  «um  rubiesti,  maldolau  ,  fa  un  ghigno  alla 
«Fiergna  de  Bugaus  e  questi  incomincia  rozzamente  V  ontosa  canzone  del 
Tin  de  Sax.  In  triste  iroso  metro,  con  questa  canzone  il  popolo  chiede  conto 
della  sconfitta  al  mistrale  de  Sax.  Pochi  cantavano,  che  il  tono  non  era  lieto 
Ma,  spenti  appena  gli  echi  di  quella  triste  melodia,  Gion  de  Runs, 

Cun  rienta,  leda  fatscha, 
E  cun  vusch  sonora,  clara 
Sco  trorabettas  en  V  ujarra, 

intona  la  canzone  della  vittoria  di  Realp.  —  La  vigilia  di  santa  Verena  i 
Tedeschi  d'  Uri  tentano  un  colpo  di  mano  per  impadronirsi  della  valle 
d'  Ursera,  ma  trovano  gli  armati  della  Cadi  che  contro  essi  ingaggiano  una 
tenace  lotta;  colle  armi,  prima,  poi  corpo  a  corpo,  coi  pugni,  coi  calci,  coi 
denti;  come  felini  come  belve.  Gli  eroi  strozzatori,  spezzatori  di  ganasce,  i 
più  famosi,  son  là  col  nome  della  loro  casa  e  del  loro  villaggio:  Pageun  de 
Medel,  Gudegn  de  Phiesel.  —  Tutti  cantavano  la  canzone,  che  rimbombava 
dietro  te  spalle  dei  guerrieri  negli  spechi  e  dalle  muraglie  nude  dell'  Alpe, 
quando  apparve  innanzi,  mirabile  aspetto,  disteso  a  valle  il  paese  verde  colla 
Reuss  azzurra   come   una  vena  e  i  villaggi;  poi  la  corona  dei  monti  nevosi 


^  Magistrato  capo  delle  terre. 

-  Lo  stemma  d'  Uri  porta  per  arma  una  testa  taurina. 

18  = 


276  FRANCESCO    VIELI 

degradanti  lontano,  tra  il  cielo  e  la  terra.  La  cavalcata  discende  leggera, 
rapida,  animosa  le  chine. 

Il  secondo  canto  ci  presenta  veramente  il  Cumin  d'  Ursera--  la  grande 
assemblea  di  tutti  gli  uomini  della  valle,  ai  quali  è  sottoposta  la  domanda: 
volete  voi  staccarvi  dal  Convento  e  dalla  Cadi  per  unirvi  con  Uri?  Il 
popolo  circonda  il  ceppo,  seggio  inviolabile  del  mistrale.  De  Moos,  che 
secondo  il  rito  deve  esporre  al  popolo  il  suo  avviso  intorno  a  ciò  che  si  dovrà 
deliberare.  Il  discorso  è  lungo.  E  1'  argomentazione  di  un  leguleio  che 
vuol  dimostrare  come,  caduto  il  potere  imperiale,  non  abbiano  alcun  valore 
i  pochi  diritti  di  collazione  di  spada  e  di  investitura  de'  poteri  ancora  tenuti 
dal  Convento.  Il  popolo  è  libero  e,  come  tale,  può  disporre  dei  propri  destini 
in  modo  conforme  ai  propri  interessi.  Ora  la  vai  d'  Ursera,  dice  il  Mistrale, 
ha  interesse  a  cessare  le  lotte  con  Uri,  a  staccarsi  da  un  paese  dal  quale  è 
già  divisa  dalle  iVlpi  per  unirsi  alla  gente  colla  quale  da  natura  è  stata  posta 
nello  stesso  paese. 

Già  incomincia  il  popolo  i  commenti,  si  formano  opposti  partiti,  si  grida; 
ognuno  è  pronto  a  difendere  col  pugno  il  proprio  parere.  Ma  il  mistrale 
d'  Uri,  de  Fries,  sale  sul  ceppo  e  chiede  di  parlare.  Egli  porta  il  manto 
dorato  in  cui  campeggia  la  testa  del  toro.  De  Fries  consiglia  al  popolo 
d'  Ursera  di  allearsi  col  suo  paese,  ricordando  quanto  abbian  già  fatto  altre 
genti  della  Svizzera  tedesca  unite  contro  i  signori  e  1"  Impero.  Composto, 
sicuro  della  sua  forza,  pare  che  parli  in  lui  veramente  uno  dei  paesi  che  a 
Morgarten,  a  Sempach,  a  Nafels  hanno  fatto  a  pezzi  le  truppe  dell'  Austria. 
Dice:  'gli  abati  vostri  sono  eremiti,  ad  essi  spetta  piuttosto  convertire  i 
peccatori  e  levare  i  nostri  vecchi  dalle  fiamme  del  Purgatorio.  >  Uno  allora 
gli  grida:  «Ehi,  Mistrale!  i  nostri  abati  sono  anche  fieri  e  di  botte,  se  fac- 
ciamo i  conti  con  voi,  noi  siamo  in  credito.»  Il  mistrale  continua  celebrando 
la  potenza  della  federazione  già  gloriosa  dei  paesi  tedeschi  della  Svizzera  e 
raccomanda  1'  alleanza  con  Uri,  ricordando  come  anche  gli  abati  e  le  Leghe 
grigioni  siano  alleati  degli  Svizzeri.     Il  popolo   deve  deliberare  ma  è  diviso, 

E  schon  entschavevan 
Ils  giuvens  a  grir: 
«Cugl'  Uri,  cugl'  Uri! 
Cun  Fries  siu  Parsuri 
Vulein  nus  s'  unir!» 

Il  canto  finale  s"  apre  coli'  arrivo  dell'  abate  e  dei  campioni  della  Cadi.  Pietro 
di  Pultengia  benedice  il  popolo  e  va  con  maestà  al  ceppo  abbandonato  e  chiede 
ragione  della  straordiraria  grande  assemblea  convocata  senza  passarne  parola 
air  abate.     Poi  rivolto  al  mistrale  gli  domanda: 

«Tgei  fas  ti  leu,  Mistral  de  Moos, 
Cun  miu  manti  sii  cramadòs? 

Si  stupise  che  non  ossequi.,  tenendo  la  staffa,  il  suo  signore  e  aggiunge: 

Cun  tei,  de  Moos,  lein  nus  tener 
In  di  dertgira  vi  Muster, 
—  leu  tgiscl  tei  de  felonia!» 


BIBLIOGRAFIA  277 

Resta  ancora  de  Fries,  un  mistrale  straniero,  con  i'nse,2:ne  straniere  nella  sua 
terra!  A  lui  chiede  ragione  della  sua  presenza  in  Ursera  poiché  1'  abate  in  Alt- 
dorf  ha  firmato  con  Uri  un  patto  e  per  esso  gli  Urani  han  giurato  di  rispettare 
i  suoi  possessi  in  Ursera.  «O  il  vostro  popolo  o  la  Dieta  dei  nostri  comuni 
alleati,  gli  Svizzeri,  mi  risponderanno  di  questo  tradimento,  aggiunge  V  abate. 

En  rabgia  s'  avonza  De  Fries,  il  mistral, 
Volent  siglientar  il  cumin  d'  Hospental. 

Troppo  tardi!     Vecchi  e  giovani  difendono  il  seggio  e  1'  abate; 

E  SCO  dus  mattaschs,  engartai  sin  dagrettas, 
Ston  Fries  e  de  Moos  calar  cun  dispettas. 

Calmata  in  cuore  la  giusta  ira,  si  volge  al  popolo  il  Pultengia  dalla  voce 
potente  e  parla.  —  Clau  Cumengia  mi  narra  che  la  lingua  causi  confusione 
tra  voi,  che  il  contrasto  delle  due  razze  tanto  differenti  generi  errori  e  diffi- 
denze che  rompono  la  pace.  I  Tedeschi,  è  vero,  hanno  difficoltà  ad  imparare 
il  romancio,  anche  noi  ne  abbiamo  ad  imparare  il  loro  gergo.  Ma  se  noi 
siamo  tanto  generosi  da  tollerare  che  i  Tedeschi  possano  star  tra  noi  senz^ 
desistere  dal  parlar  tedesco,  essi  potrebbero  almeno  imparare  quanto  è 
necessario  per  discorrere  col  prossimo  come  farebbe  ogni  buon  cristiano. 

Con  un  tale  popolo  non  si  può  vivere  da  alleati,  si  diventa  schiavi!  E 
voi  per  questi  uomini  volete  rinnegare  il  vostro  carattere  e  sprezzare  il 
linguaggio  di  vostra  madre?  Tutti  intendono  il  vostro  romancio  dal  Vallese 
a  Lugano  e  giù  sotto  il  monte  Scopi.  I  Latini  vennero  or  sono  mille  anni 
in  queste  terre,  costrussero  le  case,  difesero  le  loro  libertà  e  son  sepolti 
accanto  alle  vostre  chiese,  poiché  furon  i  padri  vostri.  Io  vi  lascio  libertà, 
scegliete  voi,  uomini  liberi  della  valle,  se  volete  seguire  la  croce  di  San 
Placido  o  il  toro  d'  Uri.  — 

Il  poeta  interruppe  a  mezzo  il  secolo  decimoquinto  la  narrazione  epica 
della  storia  di  sua  gente  romancia,  della  gente  della  Surselva,  dalla  quale 
eran  discesi  i  suoi  padri,  che  parlava  la  forte  lingua  dei  suoi  canti.  Né  senza 
ragione.  Dopo  quest'  epoca  infatti  la  Surselva  colla  Grigia  entra  a  far  parte 
della  più  grande  repubblica  delle  Tre  Leghe  (1471)  e  gli  avvenimenti  che 
seguirono,  travolsero  la  Grigia  in  guerre  e  in  gesta  in  cui  essa  non  fu  più 
che  una  parte,  quand  anche  gloriosa,  come  nella  guerra  sveva  del  1498—99. 
Poi  venne  la  Riforma  ed  il  Grigioni  diventò  un  inferno  di  ire  e  di  massacri 
fraterni:  poi  le  punizioni  di  Dio,  le  invasioni  straniere,  venti  anni  di  lotta 
per  liberare  il  paese;  indi  il  lento  trapasso  verso  1'  epoca  della  Rivoluzione 
e  del  Buonaparte  e  la  fine  dell'  antica  e  gloriosa  Rezia  coli'  entrata  nella 
Confederazione  svizzera  —  1803.  — 

Scene  di  vita  contemporanea  romancia.  I.  Poemetti.  Nei  medesimi  anni 
in  cui  il  poeta  veniva  componendo  le  Canzoni^  scrisse  pure  alcuni  altri 
lavori,  che  di  fronte  alle  Canzoni  stanno  come  la  commedia  alla  tragedia. 
Più  di  un  romancio  rimpiange  che  Muoth,  dopo  aver  dato  nel  1875  Pregiu- 
decis»  che  è  una  buona  novella,  non  abbia  più  coltivato  quel  genere.  Ma 
nessuno  ha  forse  ancora  notato  che  il  poeta  ha  scritto  quel  lavoro  solo  per 
darci   una   poetica  descrizione   d'  ambiente  e  di  costumi  nazionali  e  che  egli 


278  FRANCESCO    VIELI 

si  é  trovato  più  nel  vero  e  maggiormente  a  suo  agio  trattando  quel  genere 
in  versi,  sfrondandolo  di  ciò  che  non  era  poesia,  'come  ha  latto  nel  'Gioder- 
e  in  'Mesiras'.  In  questi  poemetti,  scene,  personaggi,  tutto  é  mutato.  Siamo 
nei  villaggi  della  Surselva  contemporanea  o  suU'  alpe:  assistiamo  alla  batti- 
tura del  lino  o  alla  misura  del  latte  in  alta  montagna;  ad  una  festa  caratte- 
ristica in  famiglia  o  ad  una  sagra  nazionale;  usi,  costumi  e  figure  paesane 
sono  riprodotti  dal  vero  con  potente  arte  realistica  e  volgare.  Ma  una  pre- 
occupazione si  va  facendo  luce  dall'  opera  man  mano  che  il  poeta  la  crea: 
r  invasione  della  moda  forestiera,  la  decadenza  dei  costumi  nazionali  e  della 
razza.  Spunta  allora  la  satira  che  si  mesce  al  quadro  ed  alla  narrazione 
dapprima,  e  poi  li  sopraffa.  — 

Las  Spathmsas'^.  —  Il  poemetto  fu  composto  nel  1868,  apparve  quattro 
anni  dopo  nella  -Ligia  Grischa  •  e  fu  la  rivelazione  ed  il  battesimo  di  gloria 
del  poeta. 

—  «E  il  dì  di  San  Martino  ed  Antonio  ha  suonato  1"  organo  in  chiesa, 
accompagnando  i  santi  responsori  ma,  con  qualche  distrazione,  con  qualche 
debolezza 

Schia  eh'  enqual  pedal  fagieva  canera  macorta, 

che  son  subito  rilevate,  fuori  sul  sagrato: 

Igl'  ei  nagina  merveglia; 

Toni  ha  gie  cattau  sin  oz  in  diember  spatlunzas!» 

Si  dice  -  -  È  vero.  Da  lungo  tempo  i  fasci  del  lino  eran  là  che  aspettavano 
alla  pioggia  ed  al  vento,  o  ad  ingombrar  la  casa.  Ma  Tonio  e  la  fantesca 
preparavano  già  la  colazione. 

Er  in  vegliurd,  il  tat,  vegneva  ordavos  pegna 

E  miront  sili'  ura  de  preit  vilaus  murmignava: 

«Tgei,  las  ein  aunc  ca  cheu,  las  stodas  futidas  matatschas.» 

Ancora  non   sono   qui come   si   muta   il   mondo!     Quand'    io   lavorava 

ancora,  la  gente  veniva  all'  alba  e  si  partiva  a  notte; 

«Ussa  vegn  tut  de  miez  di  e  turna  naven  da  marenda.» 
Cheu  rebatta  il  zulù  de  legers  discurs  e  risadas; 

vengono,   entrano,   piene  di   grazia.     Il  nonno  è  già  a  tavola,  a  tavola  è  già 
la  matrigna  di  Tonio,  Cecilia,  la  vedova.    «Sedetevi,  non  fate  storie,  ragazze 
grida  il  nonno.     Antonio  prende  per  mano  la  brava  Rosina 

E  plazava  giudem  ci  plaz  della  mumma  de  casa. 

Rosina  era  la  sposa  già  di  Tonio,  ora  capo  di  casa,  e  moglie  sarebbe  stata 
non  appena  fosse  spirato  1'  avvento.  Ma  le  belle  sono  timide,  ritrose  nel 
mettersi  a  tavola,  nel  toccar  le  vivande,  per  non  parere  sfacciate.  Finita  la 
colazione,  Antonio  le  conduce  nell'  aia,  chiusa,  a  cui  passa  il  tepore  delle 
mucche  dalla  stalla   attigua;   distribuisce  il  lino  sotto  il  comando  di  Cecilia. 

^  Poesias,  p.  33. 


1!II!LI()(;  RAFIA  279 

la  vedova.  Le  operaie  s'  acconciano  le  vesti,  si  difendono  i  capelli,  s'  armano 
di  spatole  e  battono.  Lo  sposo  va  e  andando  raccomanda  a  Rosina  di  non 
lavorar  troppo,  di  non  farsi   male   e  alle   altre   di   coprire   di  reste  pungenti 

i  giovinotti se  verranno! 

L'  aria  risuona  di  colpi,  si  fa  grigia  di  reste  che  volano  lasciando  le  fibre 
e  i  fili  del  lino.  «Ah  che  si3orco  lavoro!»  dice  la  bella  Margretta.  "Sporco, 
ma  rende,  risponde  la  matrigna, 

Quellas  poppas  ded'  uss  seschniieschan  avon  ina  resta, 
Van  pli  bugien  enturn  en  camischas  ruttas,  scarpadas.» 

È  troppo,  o  vedova  Cecilia-,  tu  incomincerai  sei  volte  altro  discorso,  ma  non 
troverai  chi  ti  risponda!  Non  v'  è  alfine  che  la  brava  Rosina  che  sa  snodare 
la  lingua  alle  irate  intonando  la  canzone: 

1.    Dai,  spatlunza!  2.   Bella  resta  3.   Biara  resta 
Tgei  speronza                  Nossa  vesta  Nus  dadesta 

Schai  cheu  Sa  far  Lu  si 

En  quei  glin  Terlischar  In  murons 

Manedel  fin!  D"  admirar.  Els  megliers  onns. 

La  canzone  vola  e  vengono,  attratti,  i  giovinotti  ad  ammirare  le  cantatrici  ; 
essi  son  coperti  di  reste,  fuggono  e  torna  la  calma.  Taluna  racconta  qualche 
suo  modesto  caso  d'  amore,  ma  Rosina  invidia  nessuna  di  loro,  poiché  ha  il 
suo  Tonio.  Allora  la  vedova  Cecilia  parla  delle  nozze,  dei  piatti,  di  tutte  le 
pietanze  del  rustico  convito  che  sarà  apprestato,  facendone  già  assaporare  la 
squisitezza  a  chi  avrà  1'  onore  di  essere  invitato.  Intanto  è  giunta  V  ora 
della  cena  alla  quale  le  Spathmsas  si  presentano  dopo  aver  raccolto  il  lavoro, 
composto  abiti  e  capelli  ed  essersi  rifatte  belle.  I  giovinotti  sono  su  in  casa 
che  aspettano  da  tempo  che  incominci  un  pò  di  festa  dopo  la  giornata  di 
grande  lavoro. 

Lu  arvev'  gì'  organist  si'  orgia,  tergiev  ils  reghisters 
E  SCO  V  aua  dil  Rhein  sburflaven  Walzers  e  Hopsers; 
Giuvens  alzaven  il  pei  e  las  giuvnas  seravan  la  bratscha 
Stretg  enturn  culiez  e  mavan  enturn  en  rudella. 

Ma  al  nonno,  cui  assente  la  matrigna,  non  piacciono  i  nuovi  balli  moderni, 
che  altra  cosa  eran  quelli  dei  suoi  tempi,  e  non  appena  scoccan  le  dodici  esce 
di  dietro  la  stufa  e  grida 

^-un  vusch  ual  imperiala: 

«Ussa  calei.  mia  glieut,  ruassei  e  mei  lu  a  casa, 
L'  auter  onn  puspei  saveis  vus  saltar  e  far  fiasta.» 

Lia  terribla  ballada  ci  in  ina  legva  fin'^. 

Lasciato  1'  esametro  ondeggiante,  flessibile  ed  armonioso,  in  cui  aveva 
cantato  le  «Spatliinsas,  nel  1869  il  poeta  compose  le  sonanti  quartine  di 
questa  ballata.     L"  argomento  è  tenue:  un  ballo, 

'  Poesias,  p.  64. 


280  FRANCESCO    .VIELI 


La  sala  terlischa  da  melli  cazolas, 
Resuna  ils  miedis  de  corns  e  violas  —  - 
Er  Stoffel  blihius  en  camischa  de  fiasta 
Scomiava  la  comba  cun  Tina  la  casta; 


la  gelosia  per  Tina: 


(Ad  ina  tscharescha  compleina,  madira 
Semeglia  la  giuvna  d'  amur  e  calira.) 

tra  Cristoffel  e  Antoni: 

Cheu  uarda  gì'  Antoni  atras  la  lunetta 
E  vesa  las'  gliadas  dils  dus  en  dispetta 
E  vesa,  co  Stoffel  fa  bocca  rienta, 
Co'l  pez  della  matta  selai  e  leventa. 

Questo  è  troppo  per  il  povero  Antoni   che  ha  V  amore  giurato  della  perfida 
Tina  : 

Mo  dent  ussa  Stoffel  in  betsch  alla  Tina, 
Schegie  mo  bufatg  sin  manutta  carina, 
Sche  leva  gì'  Antoni  si  sco  in  selvadi 
Ed  urla  sco  tun  e  cametg  egl"  uradi 

«La  matta,"  di  el,     che  tiu  zvicher  engola, 
Defendas  dameun  ci  duel  sin  pistola. « 

Quando   la  luce   scioglie   le  ombre,   gli   alberi   brillano  di  rugiade  e  filomela 
canta  dalle  f rondi  da  spezzare  il  cuore. 

Compara  C  hristoffel  cun  sia  pistola, 

tra  gli  abeti  e  tra  la  rugiada, 

E  gleiti  suenter  arriv'  igl  Antoni, 
Tenent  er  la  mort,  sco  1'  auter,  pil  moni. 

I  campioni   spianano  le  armi  e  stanno  per   incominciare   la  terribii  battaglia 
quando  vedon  fuor  della  macchia cosa? 

Lur  Tina,  havent  la  stupenta  speronza 
Ded  esser  per  tuts  ina  stupenta  muronza. 

Allora. 

En  tasca  cupida  la  tribla  pistola 
EU'  aria  tarlàha  la  legra  lodola.  — 

La  Ihinga  Notg- Nudai  ^.  È  del  1870.  In  questo  componimento  un  tema 
caro  al  poeta,  quello  della  cucina,  fa  già  la  sua  comparsa.  La  UiuvAa  Notg- 
Nadal  è  una  povera  vigilia  di  Natale  passata  lontano  dalla  patria.  Chi  si 
immaginerebbe    che   la   vigilia   è   spesa    dagli    studenti    grigioni   a   Monaco, 

^  Pocsias,  p.  ò7. 


HUU.IOGRAKIA  281 

coir  andar  alla  compera  di  farina,  patate,  formao<>io  e  burro  per  prepararsi 
essi,  scienziati  in  erba  i  «bizochels»  il  piatto  nazionale  prigione?  La  poesia 
di  quella  notte  è  la,  in  bei  versi  giocosi,  tra  1'  aroma  del  burro  dileguato 
che  cola  sui  gnocchi  (bizochels)  ravvolti  nel  formaggio,  e  i  bicchieri  di  vino. 

A  Mesiras-Ina  cantada  alpìiid'^.    (1890.) 

La  scena  di  questo  poemettc»  è  portata  sull'  alpe,  dove  migra  nei  grandi 
giorni  d  estate  il  popolo  pastore  della  Surselva.  S'  apre  con  una  descrizione 
animata  della  vita  di  una  giornata  sulT  alpe.  Tutto  ha  il  suo  posto:  le  erbe 
potenti  di  colori  e  di  succhi  del  pascolo  nuovo,  la  cornice  delle  vette  ancora 
minaccianti  neve  e  tempeste;  vitelli,  mucche,  tori,  capre,  porci,  nella  loro 
vita  in  cui  abbonda  ora  il  pasto,  1'  ozio,  il  riposo  e  la  libertà.  Campeggiano 
le  rudi  figure  dei  pastori,  del  casaro,  del  capoccia,  che  attendono  alle  loro 
opere  con  serietà  e  con  passione.  Le  erbe  del  pascolo  devono  trasformarsi 
in  burro  e  formaggio,  devono  discendere  di  lassù  in  carni  vive  muggenti, 
belanti,  grugnenti.  Questo  come  per  introduzione.  Il  vero  corpo  della  can- 
tata è  la  descrizione  del  giorno  in  cui  si  fa  la  misura  del  latte  per  dare  a 
ciascuno,  che  tenga  sull'  alpe  la  mucca  che  produce,  quanto  gli  spetta,  in 
ragione  del  latte  che  essa  dà.  —  La  gente  viene,  giù  pei  sentieri:  i  giovani 
dinanzi  cc»lle  ragazze,  poi  donne,  uomini,  il  mistrale,  il  cappellano,  i  capoccia 
delle  grandi  famiglie,  tutti  in  differenti  parlari,  con  diverse  preoccupazioni. 
Suir  alpe  incomincia  la  commedia.  Prima  i  rinfreschi  in  ragione  di  dignità 
poi  la  riunione  dei  contadini,  indi  il  sorteggio  degli  uomini  che  in  presenza 
di  tutti  dovranno  mungere  ;  poi  da  ultimo  la  misura  del  latte  ed  il  conteggio 
di  ciò  che  esso  rende  ad  ognuno  in  burro  e  formaggio.  Il  mistrale,  muto, 
solenne,  è  il  braccio  della  giustizia  che  fa  rendere  secondo  il  diritto  ad  ognuno 
il  suo.  Sospetti,  invidie  torturano  tuttavia  1'  animo  di  taluno.  La  «calustra> 
una  donna,  terribile  capitano  e  carnefice  del  suo  povero  marito,  scatena  la 
tempesta  sul  suo  povero  uomo,  che  munge  le  vacche  del  mistrale  e  le  munge 
troppo  bene.  La  tempesta  è  un  fitto  battere  di  vituperi  ontosi,  bestiali, 
minacciosi,  detti  a  denti  stretti,  a  dosso  chino,  a  pugni  alzati  dalla  donna, 
finché  non  arriva  la  maestà  del  mistrale  e  la  plebe  col  suo  ghigno  beffardo 
e  mordace.  Munto,  misurato  e  pesato  il  latte,  si  fanno  i  calcoli  pel  burro  e 
pel  formaggio —  —  si  fanno  i  commenti  e  il  poemetto  si  chiude. 

//  Gioder-.  Fu  pubblicato  nel  giornale  il  "Sursilvan»  nel  1886.  E  il 
più  bello  dei  poemetti  ed  una  delle  più  squisite  cose  del  poeta.  E  steso  in 
ben  quattrocento  versi,  dei  quali  trecento  sono  magnifici  esametri.  In  esso 
due  correnti  della  vita  nazionale  sono  posti  a  contrasto.  Tipi  umani  mdi- 
menticabili,  colti  dal  vero,  della  pura  vecchia  razza  romancia,  coi  loro  costumi, 
colle  loro  tradizioni,  stanno  di  fronte  alla  nuova  gente  che  si  ingentilisce 
colla  moda  ed  i  costumi  forestieri.  Elementi  narrativi,  descrittivi,  satirici  si 
mescolano  e  si  alternano  ad  un  forte  senso  della  vita  plebea  materiale,  un 
realismo  sano  e  robusto  culmina  nella  pagina  della  sagra  di  Disentis.  —  Il 
poemetto  si  divide  in  tre  parti. 


^  Poesias,  p.  156. 
-  Poesias,  p.  108. 


282  FRAN'CESCO    VIELI 

I.  —  //  niatt.  Il  Gioder  è  figlio  di  un  mistrale  ed  unico  erede  della  roba 
fatta  dal  padre  con  aiuto  di  vedove  ed  orfani,  ed  era  sul  punto  di  far  il  pro- 
posito di  vivere  in  santa  verginità  e  portar  quella  nobil  corona  fin  sull"  orlo 
della  fossa.  E  ricco,  straricco  ed  avrebbe  potuto  sposare  1"  intero  villaggio, 
senza  gì'  impedimenti  della  chiesa, 

Rauba  scaulda  segir  ils  cors  de  gallatsch  e  de  marmel. 
Renda  pulits  il  poltrun  e  perderts  il  pli  grond  cuccalori; 

gobbi,  col  gozzo,  rognosi,  gli  uomini  piacciono  alla  donna,  se  loro  non  mancan 
quattrini.  Ma  Gioder  è  un  bel  giovane  e  molte  avevan  già  cominciato  a 
pungerlo  ....  non  fosse  stato  giovane  di  grande  prudenza.  Egli  aveva 
un"  idea  e  perciò  non  s'  era  lasciato  piacere  né  questa  ne  quella.  Poi  in  casa 
aveva  la  mamma: 

Ch'  er'  ina  dunna  de  noblas  vertits  e  stupenta  casrina 
E  surtut  in  ver  ideal  en  fatgs  de  cuschina. 

Quindi  non  aveva  sentito  desiderio  alcuno  per  figlie  di  contadine  tirate  su  a 
far  le  donzelle,  per  altezzose  ragazze  attillate  come  bambole  di  cera,  per  le 
sapute  del  villaggio  attive  sol  colla  bocca,  pelle  masssaie  che  sprezzano  rocca 
e  fuso,  sfanno  il  telaio  e  barattano  lin  per  cotone.  Ma  la  mamma  sua,  prima 
di  chiudere  per  sempre  il  suo  occhio  pieno  di  amore,  voleva  una  nuora  ed 
un  piccolo  angelo  beato  nella  culla.  Gioder  allora  si  decide  a  cercare  una 
sposa,  s'  appresta,  si  mette  in  via,  incomincia  il  pellegrinaggio: 

«Mumma  jeu  vom  e  vi  encurir  ina  dunna  pulita, 
Tei  contentar  e  puspei  popular  la  tgina  de  ruver.» 

II.  —  Da  tre  settimane  Gioder  correva  pei  Comuni  della  Surselva 

Senza  haver  cattau  la  giuvna  pulit  caserina. 

Giovani  fiere,  superbe,  disposte  a  fare  1'  amore,  ce  n'  erano:  ma  le  cucine 
puzzavano  di  sugne  tedesche,  le  loro  dispense  non  conoscevano  le  carni  salate 
e,  la  sera,  al  visitatore  d'  amore  toccavan  non  so  se  pietre  o  tortelli  con 
acquavite  e  caffé  in  tazze  cresimate,  piene  di  ruggine  e  pece.  Nelle  cucine 
il  pattume  era  ammassato  ai  cantucci  e  dalle  travi  pendevan  le  bianche  tele 
dei  ragni.  Canape  e  lino  eran  fuori  della  porta  di  casa  all'  acqua  e  al  vento, 
e  in  legnaia  stavano,  rovesciati  e  rotti,  gli  strumenti  che  avrebber  dovuto 
servire  a  convertire  canape  e  lino  in  tela  di  casa.    Allora  il  povero  Gioder. 

Pleins  de  grettas  e  fcl  segev'  el  la  ser'  eli'  ustria, 
Dava  de  beiber  a  ses  deplorabels  compogns  de  sventira, 

altri  scapoli  sfortunati,  e  con  essi  componeva  canzoni  e  quando  sorgeva  la 
luna  andavan  attorno  pei  villaggi  e  si  sfogavano  cantando  la  satira.  La 
satira  sono:  i  Versicoli  del  Gioder,  acre  invettiva,  fieri  giambi  pieni  di  furore 
contro  tutto  il  sistema  di  vita  moderno,  che  ha  rovinato  i  forti  costumi  patriar- 
cali della  Surselva.  La  donna  specialmente  é  tempestata,  malmenata  come 
non  lo  è  mai  stata  da  alcun  poeta. 


r.IISLIOCJRAFIA  283 

«Profjress  snueivels,  gie  strusch  carteivcls 
Havein  nus  fatg; 

Mo  giieut  cumina  han  aunc  adina 
Pign  avantatg.-^ 

III.  Di  San  Placido.  Ma  il  sole  delle  Alpi  che  scaccia  le  nubi  e  solleva 
i  cuori,  illumina  di  gioia  anche  questo  giorno  e  porta  oblio  e  tregua  agli 
affanni  del  Gioder. 

Oz  celebrava  Mustér  la  fiasta  la  pli  populara 

Pievel  immens,  marcadonts  e  hermés,  signerem  e  puraglia, 
Paders  e  prèrs,  devozius  pelegrins  e  giieut  de  merveglias 
Mavan  e  gnevan,  stuschont  e  stillont  per  vias  e  streglias. 

E  la  sagra  popolare  latina,  rumorosa:  festa  di  campane  e  di  mortai,  festa  in 
chiesa,  sulle  vie  e  nelle  osterie. 

Gioder  è  nella  chiesa  dei  santi  Placido  e  Sigisberto  che  fa  le  sue  croci, 
dice  il  suo  rosario  e  i  suoi  mea-culpa,  ma  un  pò  distratto;  poiché  quando  la 
processione  si  muove  per  uscir  dal  tempio, 

il  stinau  puccont  banduna  perfin  la  baselgia, 

Senza  haver  seoffretg  de  portar  ina  sontga  reliquia 

e  va  coi  pagani  lungo  la  via.  Là,  con  occhi  di  faìna  osserva  le  donne  che 
vengono  in  lunga  catena.  Due,  fra  le  molte  ragazze  che  passano,  X  attraggono 
perchè  son  modeste,  raccolte,  vanno  pregando  e  vestono  con  grande  sempli- 
cità in  panni  e  tele  grigioni.  Le  osserva  e  le  trova  gentili,  fresche  e  care 
di  viso.  Allora  segue  la  processione,  ma  non  vede  più  nulla  dell'  imponente 
corteo.  Non  vede  il  mistrale,  il  savio  reggitore,  che  incede  nella  maestà  del 
suo  manto  di  porpora:  non  vede  gli  altri  capi,  suo  nobile  seguito  di  uomini 
giusti  e  sapienti,  consiglieri  e  giudici;  non  vede  i  magnati  di  Disentis,  le 
nobili  schiatte,  che  vengono  a  gran  passi,  reggendo  con  forza  le  aste  del 
baldacchino;  nulla  vede,  nulla  ode  più  della  magnifica  festa.  Non  senza 
rimorsi  si  desta  alfine,  crolla  il  capo  e  dice  sorridendo: 

«Tgei  pelegrin,  che  ti  eis,  o  Dieus,  mo  seigi  sco'  i  vegli, 
Quellas  giuvnettas  leu  possedan  empau  calamita.» 

Poiché  è  r  ora  del  pranzo  anche  Gioder  discende  al  villaggio  e  vede  le  due 
giovani 

En  compagnia  din  um  vegliurd,  pusaus  siila  canna, 

entrare  nell"  albergo  della  Corona.  Anch'  egli  si  decide  per  la  Corona.  Il 
vecchio  e  le  figlie  veramente  hanno  recato  il  loro  viatico  e  chiedono  solo  il  vino. 
Ma  T  oste  li  accompagna  dove  sono  le  tavole  preparate  e  dice: 

„ Scrivon,  fagiei  sco  ils  auters, 

E  merendai  ina  gad'  a  tabla  cun  vossas  fegliettas, 
Custa  quei  in  vacca,  sche'  veis  de  quellas  avunda 

e  date  il  prosciutto  ai  poveri.»  Gioder  si  siede  accanto  al  «vegliurd»  cancelliere 
e  fa  le  sue  cortesie  ai  commensati,  poi  tenta  la  conversazione.    Si  parla^della 


284  FRANCESCO    VIELI 

zuppa.  'Non  è  la  zuppa  di  san  Placido  questa,  dice  il  vecchio,  questa  è  broda, 
se  amate  la  nuova  cucina! ^  —  «No,  no,  risponde  il  Gioder: 

Sundel  èr  in  amits?  della  veglia  maniera  de  viver!* 

«Ah,  grida  il  cancelliere  quadagnato,  è  vero,  basta  guardare  i  vostri  pugni 
e  le  vostre  guancie;  non  foste  nutrito  colla  cucina  di  pane  e  caffé.*  L'antico 
cancelliere  prende  le  staffe  e  rimpiange  la  vecchia  cucina  succulenta  e  grassa, 
i  piatti  nostrani  sostanziosi  ed  abbondanti. 

''Quei  ei  stau  tier  mei  1"  usitada  maniera  de  viver. 
Stevel  bein,  vegnevel  grass  e  sundel  otgonta; 
Er  mia  glieut  ha  floriu  e  teniu  il  miedi  ord  casa.* 

Si  ferma  un"  istante  quando  le  figlie  lo  esortano  a  tacere  poiché  solleva  le 
risa  e  lo  scandalo  di  tutti  col  suo  odio  anche  contro  il  caffé.  Ma  quando 
vede  r  oste  correre  coir  arrosto,  subito  dopo  la  zu"ppa,  rompe  ogni  argine. 
Già  r  arrosto!  I  forestieri  guastano  tutto,  rovinano  le  buone  regole  della 
mensa.  Ben  altro  era  1'  ordine  del  pasto  della  sagra  di  una  volta.  Quattro 
piatti  di  carne  almeno  precedevano  1'  arrosto  e  ognun  d'  essi  aveva  il  suo 
buon  contorno  di  gnocchi  o  di  pasta  o  di  fagiuoli  o  di  polenta.  Coronavano 
il  pasto  il  prosciutto,  pasticcini,  torte,  focacce,  riso  e  castagne. 

Bein  stuev'  ins  savens  slargar  il  nuv  della  tschenta; 
Mo  quei  fu  va  giantau  de  valur  e  fatg  perdanonza: 
Sai  de  negin,  che  seigi  morts  dina  tala  merenda  * 

11  cancelliere  antico  era  contento,  Gioder  giubilante,  ed  essendo  ormai  giunto 
il  momento  dei  brindisi,  s"  alzò  il  giovane  e  disse: 

«Viva,  scrivont!    Vus  esses  in  um  de  pasta  grischuna, 
Sco  ins  anfla  mo  paucs  sidretg,  spattatschai  pel  la  tiara. 
Esses  in  um  sin  vus  sezzi  dil  tgau  entochen  la  plonta. 
Vivien  ils  vegls  patriarcs,  che  han  consumau  ils  otgonta 
Onns  de  quittaus  e  lavur  cun  honur  e  valur  alla  grischa! 

e  abbasso  i  saputi  moderni  alla  moda,  che  son  nulla,  san  nulla,  han  nulla 
e  ridon  degli  altri;  se  ne  avessimo  ancora  molti  di  questi  venerabili  esempi, 

X'essen  nus  èra  citgei  e  bucca  mo  spesas  e  deivets, 
Fussan  nus  lu  in  pievel  per  nus  respectau  e  capavel. 
Pia  respect  dil  scrivont  vegliurd!     Evviva  la  Grischa!* 

e  le  fanciulle  anch'  esse  toccando  il  bicchieri'  e  brindando  col  giovane 

erano  diventate  di  porpora. 

-    Ora  è  il  riconoscimento.     I)ice  il   'A'egliurd*  ali    amico  sconosciuto: 

«Schei,  bien  amitg,  tgi  esses  vus  e  danunder  per  viaV* 

«Son  di  Kassuz,  mio  padre  era  il  Gilli  Curschinas,  cancelliere  anch'  egli 
ai  suoi  tempi  e  anche  conosciuto  in  Surselva«  risponde  il  Gioder.  Il  vecchio 
ritrova  il  figlio  dell'  amico,  che  ha  visto  un  giorno  in  culla,  nella  sua  casa 
in  mezzo  al  villaggio  e  presso  la  fontana  e  dice: 


BIBIJOdKAFlA  285 

«Tgei  baraccas  havei'n  nus  fato'  las  seras  de  fiera, 

a  Coirà, Contas  gadas  hai  jeu  menau  vies  bab  ella  combra! 

El  surveonev'  il  senglut,  cu  '1  veva  schijjiau  il  Valtltner»  — 

Si  informa  della  «buna  Marionna»  la  mamma  del  Gioder  e  vedendolo  tutto 
solo,  se  lo  porta  su  a  casa  sua,  a  Segnas,  per  far  conoscere  il  figlio  del  Cur- 
schinas  alla  moglie. 

Lassù  nella  casa  ospitale,  nella  casa  delle  antiche  virtù  e  degli  antichi 
costumi,  Gioder  dorme  e  sogna  e  nel  sogno  dice: 

«Mumma  jeu  vegn,  jeu  hai  enflau  ina  dunna  de  casa. 
Ina,  che  sa  cuschanar che  fila che  -teissa. 

Porti  chi  vuole  la  corona  della  santa  verginità, 

leu  vi  dunn'  ed  affonts,  che  bragien  sii  crest  della  fossa; 
Quei  ei  la  dretga  rugada  sii  di  della  gronda  levada.»  — 

Significato  ed  importanza  deli'  opera  poetica  di  0.  G.  Muotli.  Spiriti  della 
poesia.  —  L'  idea  nazionale.  Esposta  nelle  sue  linee  maggiori,  l'opera 
del  poeta  romancio  più  grande,  parla  già  essa  stessa  e  ne  rivela  lo  spirito. 
Noi  ci  troviamo  dapprima  dinanzi  al  poeta  di  un  popolo  semplice  e  primitivo 
al  quale  egli  non  può  agitare  complessi  problemi  dello  spirito,  non  cantare 
per  la  bellezza  dell'  arte  in  se  vagheggiata,  né  interessarlo  di  sé,  delle  cose 
della  sua  povera  vita  umana.  Ma  tale  del  resto  era  la  struttura  morale  dell' 
uomo  che  chiudeva  in  se  il  genio  del  poeta,  quale  noi  1'  abbiamo  visto  dalla 
sua  vita,  che  la  molteplice  attività  pubblica  e  privata  del  poeta  non  fu  spesa 
altrimenti  che  V  attività  poetica  ed  artistica.  Ora  G.  C.  Muoth,  che  ha  sortito 
dal  destino  la  natura  onde  si  plasmano  gli  apostoli  ed  i  poeti,  ha  saputo 
vivere  in  mezzo  alla  sua  gente  con  tutta  1'  opera  sua  ed  interpretare  1'  età 
che  essa  attraversava.  Il  buon  genio  della  stirpe  romancia  pareva  infatti 
aver  suscitato  questo  poeta  con  non  minore  favore  di  quello  per  cui  sorgono 
i  condottieri  di  genio  quando  le  sorti  della  guerra  calamitosa  minacciano 
r  esistenza  della  nazione  ed  i  riformatori  quando  le  grandi  perversioni  morali 
r  allontano  dalle  vie  della  verità  e  della  giustizia. 

La  gente  romancia,  che  appare  nella  storia  già  fatta  salda  nazione  ne'  primi 
decenni  del  secolo  decimoquinto,  dopo  aver  gloriosamente  combattuto  per  la 
sua  libertà  e  costrutto  faticosamente  un'  ideale  nazionale,  nella  seconda  metà 
del  secolo  decimonono  veniva  di  nuovo  a  trovarsi  minacciata  nella  sua  esistenza. 
Chiusa  nelle  Alpi,  aggredita  colle  armi  apertamente,  in  tempi  in  cui  poteva 
bastare  a  se  stessa  e  produrre  ciò  che  era  necessario  alla  sua  modesta  esistenza, 
si  era  difesa  gloriosamente  dai  suoi  baluardi  inaccessibili  e  dalle  lotte  ne  era 
uscita  più  orgogliosamente  conscia  della  propria  dignità  nazionale.  Ma  venuti 
i  tempi  nuovi  e  maturatasi  in  Europa  un  altra  organizzazione  economica  e 
civile,  aperte  le  vie  delle  Alpi  a  nuovi  rapidi  scambi  .fra  le  genti  ger- 
maniche e  latine,  questo  popolo  romancio,  piccolo  e  povero,  si  trovò  minacciato 
nella  sua  esistenza  di  nuovo;  ma  con  maggiore  pericolo  e  con  maggiori  in- 
sidie. Non  erano  più  i  feudatari,  i  tiranni  coi  loro  castelli  ed  i  loro  sgherri, 
né  r  imperatore  Massimiliano  colle  orde  dei  lanzichenecchi:  erano  il  commercio. 


286  FRANCESCO    VIELI 

r  emigrazione,  le  poste,  il  telegrafo;  la  necessità  di  imparare  nuove  lingue 
e  di  servirsene  per  procacciarsi  nuove  occupazioni,  nuova  coltura,  nuovi 
costumi.  Queste  necessità  nuove  imponevano  come  termine  alla  vita  del 
popolo  romancio  1'  acquisto  di  tutti  gli  agi  onde  si  arrichivano  con  soddis- 
fazione le  grandi  genti  civili  vicine  e  nel  medesimo  tempo  spogliavano  la  gente 
della  sua  lingua  e  dall'  anima  le  cancellavano  il  carattere  nazionale.  Divisi 
dalle  Alpi  dai  fratelli  latini,  la  penetrazione  veniva  dal  settentrione:  la  lingua, 
la  scuola,  il  pensiero,  i  costumi  tedeschi  facevano  la  loro  entrata  trionfale 
nelle  valli  romance  e  quanto  v'  era  di  nazionale  andava  ritraendosi  timida- 
mente ne"  villaggi  più  remoti  e  andava  morendo  colle  vecchie  generazioni. 
Ma  il  medesimo  pensiero  che  aveva  alimentato  il  metodico  ordinarsi  della 
razza  germanica  in  potente  unità  nazionale,  che  1'  aveva  guidata  a  successi 
fino  allora  sconosciuti,  per  mezza  Europa,  come  aveva  chiamato  a  raccolta 
ed  a  riscossa  altre  genti  europee  e  fatto  sorgere  in  ognuna  di  esse  un  proprio 
nazionalismo,  fece  sentire  le  sue  influenze  anche  su  coloro  de'  Romanci  che 
erano  a  contatto  spirituale  coi  moderni  pensamenti  della  nuova  Europa.  Quanto 
più  i  Romanci  si  erano  allontanati  dal  loro  ideale  nazionale,  tanto  più  il 
loro  risveglio  fu  lento  e  doloroso.  Fu  così  che  nel  1863  sorse  la  Società 
Retoromancia  che  lottò  per  un  ventennio  solo  per  chiamare  a  raccolta,  disci- 
plare  ed  unire  gli  sforzi  di  coloro  che  sentivano  la  gravità  del  danno  che 
incombeva  alla  loro  gente.  Già  due  poeti  ladini,  Corradino  Flugi  e  Simone 
Caratsch,  dall'  Engadina,  G.  A.  Biihler  dalle  valli  del  Reno  e  da  Coirà  stessa, 
avevan  levato  la  loro  voce  contro  1'  abbandono  della  lingua  e  rimproverato 
ai  propri  cittadini  la  fretta  con  cui  muovevano  a  diventar  tedeschi.  Ma  le 
loro  voci  erano  un  pò  come  quelle  che  si  levano  fuori  da  certe  canzoni  del 
senatore  da  Filicaia  sulle  sventure  d'  Italia.  Ben  altro  ci  voleva  per  svegliare 
r  interesse  del  popolo  e  fargli  comprendere  la  gravità  del  male  che  lo  con- 
duceva a  perdere  1'  anima  e  la  dignità  nazionale.  A  ciò  mosse  1"  opera  di 
G.  C.  Muoth:  non  colla  vuota  declamazione,  ma  costruendo  un'  opera  rappre- 
sentativa che  è  rievocazione  del  passato  e  pittura  del  presente  in  contrasto 
con  quello.  Col  migliore  periodo  poetico  nel!'  operosità  del  Muoth,  coincide 
difatti  il  maggiore  risveglio  del  nazionalismo  romancio:  lo  studio  della  lingua, 
di  tutti  i  dialetti,  la  pubblicazione  di  tutta  1'  antica  letteratura  romancia 
manoscritta^;  i  tentavi  di  unione  dei  dialetti  in  una  solo  lingua;  1'  appari- 
zione delle  «Annalas»  (1886),  degli  «Ischi»  (1898),  la  propaganda  per  la 
scuola  popolare  romancia,  per  la  conservazione  dei  monumenti  e  dei  costumi 
nazionali.  Tutte  queste  manifestazioni  del  nazionalismo  romancio  incomincia- 
rono dopo  il  1885  ed  il  poeta  le  precede  o  le  accompagna  col  suo  canto 
trionfale.  Scrivendo  di  quegli  anni  nelle  Annalas  del  1898,  in  morte  di 
G.  A.  Biihler,  la  cui  operosità  era  stata  spesa  per  1'  unione  dei  dialetti  in 
una  sola  lingua  e  pel  risveglio  nazionale,  così  il  Muoth  si  esprimeva:  ha- 
vevan  dapertut  las  ideas  dil  nazionalismus  (cioè  dopo  il  1860)  priu  possess 
dils  megliers  cors  e  della  grondas  intelligenzas  denter  ils  pievels  dell'  Europa 
civilisada.  Las  ideas  dil  nazionalismus  pretendevan  particularmein  la  culti- 
vaziun  e  sviluppaziun  dil  iioigag  ììiatern  e  sia  ìitteratiira.  Cheutras  volevan 

quellas  destedar denter  ils  oriunds  dil  medem  lungatg  in  patriotismus 

general  ed  ina  pli  gronda  premura  per  il  bcinstar  e  la  sviluppaziun  de  tuts 


^  G.  Decurtins:  Ràtoromanische  Chrestomatie  1896. 


bii{li()(;kafia  287 

ils  compatriots  (pa.2:.  332)«  E  più  oltre  «Ei  muncava  il  ver  interess  per  lur 
lungag-  denter  ils  Romontschs  sezzi;  ei  muncava  il  patriotismus  nazional. 
Tuts  Romontschs  fuvan  disposts,  de  se  sc/iar  nernianisar  ord  motivs  pratics- 
(pag-.  339). 

L'  esaltazione  del  passato.  Ed  ecco  il  poeta  che  suscita  i  morti  delle 
grandi  generazioni  e  li  conduce  a  parlare  al  secolo  assonnato.  Egli  si  rifugia 
come  in  un  regno  ideale  nelle  trascorse  età,  là  egli  vive  a  suo  agio,  pone 
le  sue  simpatie,  trova  gli  entusiasmi  e  la  fede:  di  là  la  sua  poesia  esce  forte 
evocatrice,    non  ha  voci  che  per  esaltare  e  celebrare,   mentre  ove  egli  volga 

10  sguardo  intorno  e  contempli  1'  età  che  lo  circonda,  anche  la  luce  eterna 
della  bellezza  che  brilla  ogni  giorno  sul!'  Alpe  nostra,  impallidisce  e  come 
grame  larve  di  morti,  di  contro  agli  eroi,  sono  gli  uomini  che  egli  morde 
colla  satira.  L'  epico  romancio  ha  fede  nella  predestinazione  di  Dio  al  suo 
popolo,  poiché  la  sua  epopea  incomincia  dal  giorno  in  cui  il  popolo  acquista, 
colla  predicazione  del  vangelo,  una  fede  ed  un'  anima  sola:  incomincia  dal 
dì  in  cui  Dio  si  propone  di  condurre  questa  gente  sui  sentieri  della  libertà. 
Le  canzoni  di  san  Sigisberto  e  del  tiranno  Vittore,  che  aprono  il  ciclo  epico, 
sono  le  voci  dei  voleri  di  Dio.  Il  popolo  romancio  venera  i  suoi  santi  nazio- 
nali. Placido  e  Sigisberto,  poiché  hanno  operato  in  nome  di  Dio  i  prodigi 
vivendo   in  santità  di  vita  e  morendo  per  la  loro  fede  e  pel  loro  apostolato. 

11  poeta  lo  sa  e  come  il  popolo  venera  i  suoi  santi:  la  leggenda  animata  dalla 
fede  rende  viva  e  religiosamente  vera  quest'  apparizione  del  soprannatuale 
neir  epopea  romancia.  Quale  significato  ha  la  voce  di  Dio  che  manda  1"  ere- 
mita Sigisberto  in  Surselva,  nell'  idea  di  G.  G.  Muoth?  —  Il  santo  va,  nella 
canzone,  va  ove  il  volere  di  Dio  lo  conduce.  Dove?  Egli  non  sa.  Egli  va 
per  fuggire  1'  uomo  ed  il  mondano  rumore.  Ma  varcati  i  monti  selvaggi, 
bagnata  la  fronte  nel  Reno,  entra  nella  selva  forte  e  la  voce  di  Dio  lo  arresta: 

«Cheu  eis  ti  Sigisbert!     Cheu  stos  ti  star 

Dun  jeu  a  ti  la  nobla  commissiun. 
De  conduir  sils  trutgs  de  libertat 
In  pievel  simpel,  senza  vanadat  »  — 

Il  vangelo  deve  essere  1'  anima  nuova  di  questa  gente,  il  vincolo  della  loro 
unione,  il  principio  della  loro  libertà.  Qui  incomincia  la  storia  della  gente 
romancia  ed  è  Dio  che  la  crea  e  la  predestina,  secondo  il  poeta.  Invano 
cercate  nella  canzone  il  mistico  ardore  che  spinge  V  apostolo  a  diffondere  il 
vangelo  per  1'  unico  amore  di  Dio  che  lo  consuma,  per  la  gloria  di  Dio  offeso 
dal  culto  prestato  agli  dei  bugiardi.  L'  apostolo  fugge  gli  uomini  e  sorpreso 
anche  nella  solitudine  che  copre  lo  sfondo  della  valle  del  Reno,  quasi  si 
ribella  a  Dio  per  fuggire  il  tumulto  mondano  e  non  s'  arresta  che  quando  si 
ripete  il  prodigio  che  gli  manifesta  la  volontà  di  Dio.  A  lui  che  sta  per 
fuggire  ancora,  la  visione  presenta  le  luci  che  passeggiano  negli  spazi  e  sor- 
volano dalle  vette.     Allora  solo: 

Il  Sogn  che  vegliava  udint  1"  harmonia 
Sentev'  en  siu  cor  ina  dulscha  legria 
E  scheva:  la  veglia  dil  Segner  daventi 
Sche  lein  pia  batter  cui  mund  e  siu  tenti. 


288  "  FRANCESCO    VIELI 

Nella  canzone  del  tiranno  Vittore  è  ancora  celebrata  la  jicsta  di  Placido» 
schernito,  decollato  dal  tiranno  eh'  egli  voleva  convertire,  poiché 

Il  suadetsch  dil  pievel,  las  raubas  dils  altars 
Spendev'  el  cun  muronzas,  cun  pompas  e  giantars; 
Cun  far  il  pittinader,  cun  far  il  baraccun 
Mettev"  el  aunc  en  cassa  muneidas  a  mantun. 

Ma  sovra  il  martire  sta  la  volontà  di  Dio  che  lo  glorifica,  mentre  folgora  e 
precipita  il  tiranno,  1"  oppressore  del  popolo,  nei  burroni  del  Reno.  Placido 
non  è  solo  martire  della  religione  ma,  e  più,  lo  è  della  libertà  del  popolo. 
La  religione  diventa  pel  poeta  una  forza  di  unione,  dà  al  popolo  coli'  idea 
del  Dio  cristiano  la  coscienza  che  gli  uomini  sono  eguali  davanti  a  lui,  che 
hanno  diritto  alla  indipenderìza  ed  alla  libertà.  — 

Nelle  Canzoni  storiche  il  Muoth  ha  fatto  specialmente  1'  esaltazione  della 
forza  e  dell'  antico  valore  plebeo.  Rievocando  il  fatto  delle  «valerusas  femnas- 
de  Lungneza-  sorte  in  unione  ai  mariti  ed  ai  figli  a  difendere  la  loro  terra, 
esprime  tutta  la  sua  simpatia  pel  passato  di  quella  sua  gente: 

■  Dunnauns  dil  Glogn,  jeu  less  cantar 
Vies  laud  e  vossa  gloria» 

dice,  introducendosi  come  un  trovatore  antico.  Poi,  con  calore,  con  compia- 
cenza ed  entusiasmo,  narrava  la  battaglia  accanita  e  chiudendo  il  suo  canto 
non  sapeva  ancora  nascondere  la  sua  soddisfazione  pel  coraggio,  per  le  azioni 
eroiche  e  per  la  vittoria  e  vedendo  le  donne  che  tengono  la  destra  in  chiesa 
ancora,  esclamava  : 

;,_  _  _  Vesel  jeu  dunnauns  dil  Glogn, 

Che  stattant  davart  dretga, 

Respectel  jeu  igl'  usus  sogn 

E  vai  la  franca  spetga. 

Che  quellas  vegnan  trer  affonts, 

Schi  buns  e  bravs  sco  'Is  perdavonts.  »  — 

Ed  è  ancora  alle  masse  plebee  del  tempo  antico,  forti,  energiche,  armigere, 
eh'  egli  mira  con  grande  compiacenza  nella  «Dertgira  nauscha  de  Vallendau  . 
I  sentimenti  primitivi,  feroci,  generosi,  ma  grandi,  di  quei  guerrieri  gngioni 
che  vanno  ad  ammazzare  il  signore  di  Ràzuns  piacciono  al  poeta.  Il  signore 
ha  tradito  la  causa  popolare  ed  ha  cercato  di  soffocarla  colle  armi  in  lega 
coi  signori  ed  ecco  che  d'  arma  egli  stesso  deve  perire: 

«Mo  la  battaglia  mett'  ci  en  paglia 

Pon  el  ils  pugns  purils  tschaffar» 

Quindi  v'  è  nulla  di  odioso  pel  poeta:  né  nella  masnada  che  lo  trascina  alla 
forca  e  neppure  nel.  boia. 

•     «Dil  pur  la  gritta  vul  sia  vita, 
A  tgi  cugliuna  el  vèss  perduna: 
Il  pievel  tegn  siu  plaid  e  crei,  — 
Pretenda  plaid  e  fatg  puspei  » 


BIBLIOGRAFIA  289 

Questo  popolo  è  santificato  dal  poeta  anche  nella  crudeltà,  per  la  buona  causa 
sua  e  pel  suo  ardimento. 

«Il  pievel  drova  siu  dretg  e  trova 
Al  fil  de  spada  la  sullevada!» 

Noi  assistiamo  all'  erezione  del  patibolo  e  siamo  presi  dalla  stessa  febbre, 
dalla  stessa  ansia  di  vendetta  onde  il  poeta  fa  ardere  i  guerrieri: 

«E  gleiti  stat  il  pallancau; 
Tut  spetga  mo  sii  condemnau» 

Siamo  attirati  un'  istante  verso  la  causa  di  giustizia  che  qui  si  compie  e  presi 
dall'  ammirazione  che  ogni  uomo  serba  sempre  in  fondo  ai  suoi  istinti  per  una 
vendetta  grandiosa  e  tragica,  ma  giusta.  Siamo  sul  punto  di  dire:  questo  si 
faceva  nei  tempi  antichi;  avevan  cuore  e  fegato  buono  quegli  uomini! 

La  forza,  1'  energia  della  plebe  romancia  non  sembrano  mai  messe  in  evi- 
denza sufficiente  dalla  simpatia  che  ha  per  esse  il  Muoth.  I  fondatori  della 
Lega  grigia  ai  convegni  notturni  sotto  1'  acero  di  Truns^  sono: 

«Ils  libers  Sursilvans, 
/       Ils  purs  independents,  supiervis,  obstinai, 
La  torta  dils  tirans.  ■ 

Gesti,  moti,  attitudini,  rivelazioni  dei  fieri  costumi  antichi  sono  risollevati 
dal  tempo.     I  congiurati  di  Truns  ancora: 

«In  vegl  cun  ferma  vusch  aud  ins  vonzei  clamont: 

«Amitgs,  fagiei  il  rin»; 
«Las  vuschs  aud  ins  tunar,  sbruflar  e  sefitgar 

Sul  regier  dils  baruns.» 

Indi  r  affermazione  dell'  indomita  incoercibile  volontà  d"  un  popolo  che  vuol 
vivere  libero  ed  indipendente: 

-Il  pur  independent  vul  buca  pli  pagar 

Las  taglias  de  subdit .... 

E  libramein  duei  passar  il  viandont 

La  via  de  cummin, 

E  senza  temma  ir  a  fier'  il  mercadont 

A  Sogns  il  pelegrin.» 

—  Ecco  più  tardi  nominati  tutti  gli  uomini  che  vanno  all'  Assemblea  d'  Ursera, 
neir  atteggiamento  che  si  conviene  alle  tradizioni  della  lora  famiglia,  fieri 
nomi,  fieri  aspetti  di  gente  che  porta  le  armi  come  i  ferri   del  loro  mestiere. 

«Il  turschett  ferm  entameun 
Vegn  de  Medel  il  Pageun, 
Paul  de  Sax  va  è  gagliard 
Sii  schuvi  il  halumbard; 


^  Sut  igl  ischi  de  Trun,  Poesias,  p.  145. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  19 


290  FRANCESCO    VIEI.l 

Plazi  Berther  ve^n  a  spass 

Culla  mazza,  sii  cuirass; 

Cui  marti  de  fra  vi  grond, 

Levamein  a  pesentond, 

Vegli  il  fravi  Risch  Liconis  .... 

Il  poeta  aveva  un  culto  per  la  forza  fisica,  per  1"  uomo  poderoso,  di  grandi 
muscoli,  di  gran  cuore,  quali  erano  i  suoi  eroi  delle  cantate  epiche.  Essi 
potevano  muovere  in  difesa  vittoriosa  della  loro  razza.  Non  andavan  dis- 
giunti, nel  fantasma  e  nell'  arte  sua,  gli  animi  generosi  dalle  forze  della 
macchina  umana:  1'  idea  muoveva  la  forza  e  la  forza  e  1'  energia  facevano 
il  trionfo  dell'  idea.  I  trionfi  poi  G.  C.  Muoth  si  piaceva  di  celebrarli  in 
azione,  in  campo,  nella  luce  delle  armi.  E  la  lotta  che  tempra  e  rinnova  le 
genti.  Guai  a  chi  si  lascia  vincere:  V  infamia  piomba  su  di  lui  ed  è  eterna. 
Il  mistral  de  Sax  è  stato  vinto  da  Tedeschi  e  il  popolo  grida: 

«Mistral  de  Sax,  Mistral  de  Sax! 
Va  per  entuorn,  runont  ils  sacs, 
E  rog"  avon  las  portasi»  ^ 

Ma  sette  anni  dopo  i  Romanci  si  prendono  la  rivincita  e  il  poeta  fa  un  monu- 
mento ai  gagliardi,  e  quale! 

«Ils  valerus  sedrovan 
Cun  punscher  e  sedar  ... 

Così  lottavano  nel  1339  i  Romanci  per  la  propria  difesa.  Tali  erano  le  figure 
forti  degli  avi  evocati  ai  Romanci  moderni  loro  nipoti,  per  dare  più  spiccato 
rilievo  alle  scene  della  vita  contemporanea  che  s"  apprestava  a  scrivere  per 
farne  la  satira 

La  satira  contemporanea.  Il  poeta  col  ciclo  delle  canzoni  epiche 
scende  come  in  pellegrinaggio  in  regione  oltre  terrena.  Eliso  di  eroi,  in  cui 
egli  è  degno  di  vivere;  ma  risalito  di  nuovo  sulla  terra,  guardati  gli  uomini 
che  lo  circondano  gli  muore  in  cuore  ogni  entusiasmo  e  qualora  tempri  ad 
essi  il  suo  canto  la  tristezza  e  1'  ira  lo  assalgono. 

In  tutta  r  opera  poetica  del  Muoth  non  si  trova  una  parola  sola  che  suoni 
soddisfazione  o  gioia  per  le  mutazioni  portate  dall'  ultima  civiltà  nella  vita 
e  nei  costumi  del  popolo  suo:  ciò  che  per  altri  è  progresso,  pel  poeta  è  corru- 
zione e  calamità.  Uno  dei  temi  satirici  del  poeta,  che  troviamo  già  nelle 
"  Spati  unzas"  del  1868,  è  la  giovane  donna. 

"Quellas  poppas  ded  uss  seschnueschan  avon  ina  resta, 
Van  pli  bugien  enturn  en  camischas  ruttas,  scarpadas.»  ^ 

La  donna  non  lavora  più.  lascia  là  rocca  e  il  fuso,  cresce  oziosa.  La  figlia 
del  contadino  vuol  far  la  signora,  la  incontri  fiera,  superba,  ornata  come  una 
signora,  tutta  merletti  nastri  e  fronzoli.»  ^ 

^  «Cumin  d'  Ursera»  v.  306—07.    Poesias,  p.  176. 

-  Versi  96—97.    Poesias,  p.  35. 

=>  Gioder  v.  30—40.    Poesias,  p.  109. 


lilliLIOGRAFIA  291 

La  giovinetta  che  va  a  marito  entra  nella  casa  e  porta  il  disordine  e  la 
rovina.  Le  cucine  visitate  dal  Gioder  sono  piene  di  lordura;  i  segni  della 
disoccupazione  e  della  inettitudine  della  massaia  si  riflettono  per  tutta  la 
casa.     La  donna  non  sa  ncppur  più  cucinare  il  semplice  pasto  paesano': 

-La  matta  tuppa.  sa  gnianc  la  suppa 
Pli  cuschanar: 

Igl  ei  mo  aua  ni  tenta  blaua, 
Che  fa  burgar. 
.  Vegn  fatg  bizochels  de  far  tgaubrochels 
Per  tucchiar.»  - 

La  donna  tutto  guasta  :  carni,  paste,  latte  ^.  Tre  volte  al  giorno  è  servita 
la  broda  nera  di  un  triste  caffé  *.  La  donna  ha  introdotto  la  piaga  dell'  abuso 
del  caffé  ed  il  poeta  la  piglia  a  parte  e  scrive  il  Barlott  ■''.  —  E  notte  ed 
egli  dorme  e  digerisce  una  cena  alla  buona,  quando  gli  capitano  in  casa  le 
streghe.  Ogni  cosa  si  muove  da  sé  nella  cucina:  s'  accende  il  fuoco,  corre 
r  acqua,  si  caricano  i  paiuoli. 

Sin  meisa  ramurr'  il  mulin  de  caffé 
Che  melli  manuttas  sedrovan  de  trer; 

Tutto  s"  appresta  pel  beveraggio  infernale.  Poiché  il  nepente  è  pronto,  sulla 
mensa,  sulle  sedie,  sulle  panche,  sul  pavimento  si  gettano  gli  spiriti  e  suc- 
chiano e  leccano 

quei  mèi  de  savur, 

^  Delizi,  che  para  pli  dulschs  che  V  amur: 

Mo  pli  eh'  ei  laguottan  de  quella  bubronda, 
E  pli  che  lur  stumi  de  beiber  damonda, 

e  più  si  affannano  bevendo,  ingoiando,  più  tendono  il  collo  gemendo  piangendo 
e  men  giova  la  stregata  bevanda. 

....  mo  pli  vehements 

Daventa  lur  stumi;  eh'  ei  sgrezian  ils  dents  .... 

Il  poeta,  dice,  avrebbe  attaccato  le  streghe, 

Mo  gì'  era  leu  denter  ils  sperts  en  cuschina 
Bia  mummas  de  casa  cun  mia  casrina. 

Il  quadro  della  famiglia  è  degno  del  ritratto  della  regina  che  la  governa: 

Ti  mo  lavura,  sche  tia  pura 
Vul  sfarlattar''. 


^  Gioder,  v.  65—81.    Poesias,  p.  110. 
■'  Versichels  dil  Gioder,  9—10,  p.  112. 
'  Versichels  dil  Gioder,  13,  p.  112. 
*  Versichels  dil  Gioder,  7,  p.  111. 
"  Poesias,  p.  134. 
^  Versichels  dil  Gioder,  4,  p    111. 

19^ 


292  FKAXCESCd    VIELI 

«Chi  regge  oggi  la  famiglia  in  Surselva  è  il  bottegaio;  da  lui  dipende,  a  lui 
è  legata  ogni  cosa.  Poiché  la  donna  non  lavora  più  è  necessario  comprare 
panni  e  tele.     Come  si  pagano? 

«La  flur  paschada,  vegn  barrattada 
Per  grass  de  broccs\» 

poco  importa  eh'  esso  rovini  lo  stomaco.  Tutto  il  latte  va  al  caseificio  e  la 
nidiata  dei  bimbi  mal  nutrita  di  brode  ne  paga  il  fio.  Per  far  danaro  e 
sollazzarsi  si  vende  vivo  il  porco,  che  dovrebbe  servire  secco  e  salato  alla 
mensa,  in  famiglia,  per  due  quarti  dell'  anno.  Si  compera  a  credito  dal  botte- 
gaio dandogli  a  pegno  la  vacca;  e  così  il  mercante  fa  schiavo  il  contadino.' '^ 
Tali  i  danni  portati  nella  famiglia  dalle  rapide  vie  di  comunicazione,  dal 
contatto  del  popolo  della  Surselva,  ricco  coi  suoi  prodotti,  colla  civiltà  nuova 
che  lo  inganna  ne'  traffici  e  negli  scambi.  Ma  perchè  tanta  ira  nel  poeta? 
«La  gente,  dice,  la  nostra  gente  declina:  le  ragazze  a  vent'  anni  sono  gialle, 
invecchiate;  i  giovani  slombati  e  sformati.  Gente  degenere  e  guasta,  di  voi 
che  farebbe  il  paese  in  una  guerra?»^ 

Alla  pittura  della  famiglia,  nella  quale  gli  antichi  costumi  romanci  sono 
scomparsi,  segue  quella  generale  del  popolo.  Il  trionfo  dello  straniero  e  della 
moda  forestiera  sono  messi  ancora  in  più  cruda  evidenza.  Il  Grigioni,  in  una 
composizione  del  1890  è  diventato: 

«77  Grischun  la  cucagna  dil  forestier.  *  -Se  un  forestiero  qualunque 
entra  nella  nostra  terra,  è  onorato  e  riverito  come  se  fosse  un'  eccellenza. 
La  nostra  gente  è  grossolana,  ignorante:  il  forestiero  è  sapiente,  fino,  pru- 
dente. Se  uno  straniero  desidera  un  posto,  un'  impiego,  il  Grigioni  ammazza 
il  prossimo  suo  anche,  e  per  fargli  grassa  e  profittevole  la  vita,  non  guarda 
alla  cassa,  mette  i  suoi  nudi  sulla  via> 

Per  far  al  forestier  empau  plascher. 
Lai  el  ses  convischins  las  steilas  ver. 

«Un  mercante  è  sicuro  di  vendere  ciò  che  vuole  se  le  patenti  che  mostra 
vengon  di  fuori.  Chi  sa  fare  *con  belle  marniere  diventa  padrone  il  dì  dopo, 
del  paese  dove  arriva,  se  è  straniero.  E  le  donne  giovani  e  vecchie,  mamme 
e  figlie  ardono  muoiono  di  amore  sol  che  appaia  un  forestiero. 

In  Jester  gob,  gutrus  ed  infectau 
Ei  cheu  adina  aunc  in  bien  bersau. 

Poiché  il  poeta  queste  cose  le  leggeva  a  un  banchetto  di  Romanci  a  Coirà, 
aggiungeva:  già,  anche  noi  non  avremmo  fatto  questa  lieta  cena,  se  non 
fossimo  nella  città  tedesca  di  Coirà, 

Nu  eh'  il  Scheiver  ha  la  tschera 
D'  esser  caussa  forestiera. 


'  Vers.  dil  Gioder,  17,  p.  112. 

2  Vers.  dil  Gioder,  15,  16,  19,  20,  pp.  112—113. 

»  Vers.  dil  Gioder,  26,  26,  p.  113. 

*  Poesias,  130. 


RIHLIOORAFIA  293 

Altrove  il  poeta  prende  di  mira,  oltre  la  minuta,  industriosa,  insistente  immi- 
grazione che  risale  il  Reno,  1'  altra,  la  maonifica  immigrazione,  1'  orda 
d"  oro'.  Il  Grigioni  pittoresco  e  sano  diventa  locanda  ed  ospedale:  la  natura 
e  la  gente  ne  son  deturpati: 

-Ils  pass  de  noss  cuolms  ein  averts  e  slargai; 
Ils  jasters  frequentan  nos  vitgs  isolai. 
Las  tegias  e  bargias  sin  trutgs  e  sper  vias 
Semidan  en  villas,  hotels  ed  ustrias. 

Gli  stranieri  passeggiano  sui  picchi  e  nelle  valli,  ammirano  le  nostre  rocce 
come  muli  e  vitelli  e  ammorban  1'  aria  di  pomate  e  cosmetici: 

Impestan  cun  tuoscher  entiras  valladas. 

Le  donne  che  sapevano  lavorare  in  casa,  filavan,  tessevan,  van  negli  alberghi, 
imparano  a  vivere  secondo  la  moda 

Orneschan  lur^queissas  con  seid'  e  vali 
E  vendan  als  jaster  las  flurs  dil  tschupi. 

Il  popolo  lavora,  soffre,  risparmia;  lo  Stato  fa  spese  e  dà  fondo  alle  sue  riserve: 

Il  stadi  fa  taglias  e  stroccla  la  buorsa 

Il  pur  vegn  spallaus  e  tundius  se'  ina  nuorsa.» 

—  Allora  il  contrasto  tra  1'  epopea  dei  secoli  passati  e  la  triste  commedia 
umiliante  de'  tempi  presenti  gli  faceva  dettare  i  Nostri  servizi  mercenari--. 
«I  nostri  avi  portavano  la  spada,  noi  le  posate;  essi  suonavan  la  tromba  in 
guerra  e  noi  grattiam  le  pignatte;  essi  aguzzavano  le  lance,  noi  coliamo 
rancido  burro,  essi  battevano  il  nemico  e  noi  gli  facciamo  il  letto;  essi  cade- 
vano in  battaglia  e  noi  ci  curviamo  sulle  marmitte. 

—  Il  poeta  è  scettico  e  sorrride  quando  il  leguleio,  diventato  legislatore, 
crede  di  sanare  le  piaghe  della  nazione  colle  sue  leggi  e  gli  lancia  contro  il 
'  Par  di»;  rat'  '^-  Dettando  questa  satira  G.  G.  M.  pensa  certamente  alle  libertà 
primitive,  ampie  indisturbate,  di  caccia,  di  pesca,  di  fare  e  disporre  per  tutto 
a  proprio  talento  sulle  vie  e  nei  pascoli,  nei  villaggi  e  sulle  alpi,  che  si  gode- 
vano nei  Grigioni  quando  la  legge  era  la  discrezione,  la  buona  naturale  in- 
dole del  popolo  dignitoso  e  rispettoso.  Ora  la  burletta  della  legge  che 
s'  attacca  ad  ogni  albero  del  bosco,  ad  ogni  trave  ne'  prati:  ogni  via,  ogni 
sentiero  dipende  da  un'  articolo  nuovo,  sotto  il  tetto  di  ogni  casa  v'  é  una 
legge  appollaiata,  sopra  il  corno  di  ogni  vacca: 

In  artechel,  che  setacea; 
Seigies  morts,  ni  seigies  vivs 
Has  ti  tes  regulativs. 

Ma  il  stat  modem  sesprova, 

De  scalfir  la  veta  nova  .... 


'  Ina  sbarrada  din  vegl  conducteur.  pag.  219. 
-  Poesias,  p.  132. 
•'  Poesias.  p.  148. 


294  FRANCESCO    VIELI 

Ma  il  serpe,  la  natura  che  rovina  il  cristiano,  passa  sopra  la  legge 

Rest"  il  mund  in  zanistrau 

E  lur  sabi  misterlem 

Mo  carschent"  il  scumbigliem. 

Ognuno  sente  qui  1"  eterno  minuto  persistente  divieto  germanico,  che  tende 
a  regolare  la  libertà  dell"  individuo  in  ogni  manifestazione  della  vita  per 
creare  colle  rinunce  dell'  individuo  la  felicità  e  la  forza  della  società.  Questa 
forza  e  questa  felicità  sociale,  così  concepite,  han  sede  tanto  in  alto  che  il 
poeta,  il  quale  non  vede  i  benefici  che  la  giustizia  distributiva  dovrebbe  pur  far 
discendere  suU'  individuo  per  ripagarlo  delle  rinunce  che  gli  impone,  ai  sottili 
provvedimenti  umani  delle  leggi  contrappone,  con  amaro  riso,  tutte  le  nostre 
miserie  presenti.  Poi  va  tanto  oltre  nel  disprezzo  di  tutto  ciò  che  è  moderno 
che  r  ira  sua  lo  porta  quasi  a  deridere  anche  la  scienza,  i  soccorsi  che  essa 
viene  a  portare  all'  agricoltura  ed  alla  pastorizia  nazionale.  Tra  i  manoscritti 
v'  era  il  frammento,  abbastanza  ampio',  in  cui  un  villaggio  romancio,  ed  è 
facile  riconoscervi  Breil.  sta  per  essere  convertito  in  un  eden  da  un  professore 
d'  agricoltura  che  viene  da  Coirà.  Lo  scherzo  non  aveva  fondamento  e,  pur 
dovendo  far  seguito  al  «Paragraf»,  non  vide  mai  la  luce.  Ma  noto  fu  mentr' 
egli  viveva  un  suo  epigramma  che  dice: 

«lì  caschici  fan  ils  zignuns, 

E  bue  ils  professers  grischuns.   - 

Né  solo  tutto  questo:  ma  il  progresso,  ogni  progresso  sotto  questa  luce  gli 
pareva  un'  ironia  ed  una  tristezza. 

«Progress  snueivels,  gie  strusch  carteivels 
.  Havein  nus  fatg: 
Mo  glieut  cumina  han  aunc  adina 
Pign  avantatg.   ^ 

G.  G.  Muoth  poeta  nazionale  Donde  venissero  le  maligne  infiltra- 
zioni straniere  eh'  egli  deprecava  alla  patria^  il  poeta  non  lo  disse  in  alcuna 
delle  satire.  E  troppo  facile  comprenderne  il  perchè.  Ma  là,  dove  il  quadro 
è  compito,  là  dove  il  poeta  fa  parlare  la  storia,  in  un'  epoca  remota,  nel  1423 
del  «Cumin  d'  Ursera^  il  nemico  è  nominato.  Poiché  nessuna  vendetta  e 
nessuna  ira  nemica  possono  attirarsi  i  morti  che  son  disfatti  in  polvere  da 
quattro  secoli,  egli  dà  incarico  a  Clau  Cumengia  ed  a  Pieder  di  Pultengia  di 
nominarli.  L"  ira  contro  la  penetrazione  tedesca  poteva  assumere  forme  epiche 
solo  in  quel  memorabile  cinquecento  della  storia  grigione  per  i  Romanci, 
ed  il  poeta,  con  opportuna  finzione,  ha  posto  in  quegli  anni  la  lotta  per  la 
conservazione  della  lingua  e  del  carattere  nazionale:  poiché  gli  pareva  certa- 
mente che  la  forma  che  assumeva  in  quel  tempo  tale  lotta,  nella  luce  delle 
armi,  fosse  ben  degna  dell'  alta  causa  per  cui  si  combatteva.     Mail  contenuto 

'  La  pasculaziun,  fra  le  inedite  pubblicate  da  G  B.  Derungs  in  Poesias, 
p.  234. 

^  Versichels  dil  Schei  ver  romontsch  a  Cuera  1<S89,  Poesias,  p.  128. 
■'■  "Vers.  dil  Gioder,  Poesias,  p.  111. 


r.lIil.loOKAKIA  295 

tutto,   storico,   nazionale  ed  ideale,   di  quel  poemetto  è  moderno  e  contempo- 
raneo. 

(guanto  nel  Cumin  d'  Ursera-  è  detto  del  fatale  lavoro  compito  dalla 
razza  germanica  che  vuol  sovrapporsi  colla  sua  lingua  ed  i  suoi  costumi  ai 
Romanci:  dell'  indolenza  opposta  dai  latini  alla  penetrazione  straniera,  deve 
essere  portato  qui,  nella  pittura  della  vita  contemporanea  in  Surselva,  a 
coronare  il  quadro  eh'  e.gli  ha  lasciato  della  distruzione  di  una  razza:  all' 
epopea  di  quei  tempi  deve  essere  invece  lasciata  la  gloria  della  lotta  e  della 
vittoria.  La  satira  dei  costumi  contemporanei,  di  G.  G.  Muoth,  che  va  dal 
sorriso  allo  scherno  e  all'  invettiva,  raramente  ha  assunto  forme  artistiche 
degne  del  poeta  maggiore,  ma  è  tanta  parte  dell'  opera  sua  che  da  essa  non 
si  può  disgiungere:  anzi  essa,  rude  e  plebea  com'  è,  completa  la  poesia  di 
G.  G.  Muoth.  ne  rivela  tutto  lo  spirito  e  pone  il  poeta  stesso  in  tutta  la  sua 
luce  di  fronte  al  problema  nazionale  romancio.  Poiché  colla  satira  egli  ha 
dipinto  metodicamente,  sistematicamente,  i  danni  portati  dall'  infiltrazione 
straniera  nell"  organizzazione  della  famiglia  e  della  nazione,  nell'  economia 
pubblica  e  privata,  ne'  costumi  e  nell'  anima  della  sua  gente.  La  satira  è 
come  r  ombra  da  cui  si  elevano  luminosi,  lontani,  gli  uomini  antichi  forti  ed 
energici,  della  religione  e  delle  battaglie  date  e  vinte  per  la  libertà  e  per  la 
difesa  della  lingua  e  dell'anima  nazionale:  dalla  satira  spiccano  in  rilievo  il 
Gioder,  robusto  e  forte,  il  cancelliere  e  le  sue  figlie,  che  vivon  ali"  antica  e 
disprezzano  le  mode  forestiere,  figure  tutte  del  buon  tempo  andato  e  idealizzate 
dal  poeta.  Per  1'  asprezza  del  morso  di  questa  satira  e  per  questi  ideali  accesi 
innanzi  alla  sua  gente,  Giacomo  Gaspare  Muoth  è  stato  salutato  dai  Romanci 
poeta  nazionale.  Come  poeta  nazionale,  nel  1887  a  guisa  di  proclama  lanciava 
dalle  Annalas,  a  tutti  coloro,  fratelli  di  stirpe,  che  parlano  romancio  o  ladino 
in  terre  grigioni  la  sua  «ode^  Al  pievel  romontsch  ( «Poesias»,  p.  154). 

La  materia  e  l'arte  delle  Canzoni  e  dei  Poemetti  G.  G.  Muoth 
aveva  composto,  poco  più  che  ventenne,  un  poema  Rhaetus-  ad  imitazione 
di  Vergilio,  che  poi  arse  quando,  dopo  gli  studi  universitari  di  Monaco,  si 
era  venuto  capacitando  "in  quali  relazioni  di  storia  e  di  coltura  fiorisca 
r  epopea  e  come  difficile  sia  al  poeta  di  creare  ciualche  cosa  che  assomigli 
alle  grandi  epopee  nate  dall'  anima  di  un  popolo  intero»  \  Anche  1'  umanista 
grigione  Simone  Lemnius,  (1510—50)  aveva  scritto  un  poema  sull'  origine 
dei  Reti  colla  sua  «Rhaeteis»  ed  il  Rhaetus  di  Muoth  avrebbe  avuto  certa- 
mente la  sorte  dell'  epopea  dell"  umanista.  Rimane  però  sempre  il  fatto  che 
dimostra  1'  inclinazione  di  questo  poeta  a  trattare  i  grandi  generi  e  1"  esistenza 
in  lui  della  genialità  epica,  che  non  potè  che  avvantaggiarsi  nelle  prove  e 
nei  tentativi  che  andò  facendo  nel  Rhaetus.  Che  il  poeta  poi  avesse  vera- 
mente neir  animo  1'  intenzione  di  creare  1'  epopea  nazionale  romancia,  lo 
dimostra  il  metodo  ciclico  con  cui  vcngon  legandosi  le  sue  canzoni  di  soggetto 
leggendario  e  poi  storico;  il  disporsi  di  esse,  il  raggrupparsi  intorno  ai  fatti 
più  salienti  e  veramente  eroici  di  un'  epoca  della  storia  e  della  patria,  viva 
ancora  e  vestita  di  leggenda  nelle  tradizioni  popolari;  infine  la  testimonianza 
del  poeta.    Gaspare  Decurtins  così  scrive^:   'Els  ano  80  tra  Muoth  repetida- 


^  Gaspare  Decurtins:  G.  G.  Muoth,  in  Ischi.  Vili,  p    155. 
^  Gaspare  Decurtins:  G.  G.  Muoth,  in  Ischi,  Vili,  p.  148 


296  FRANCESCO    VIELI 

mein  pHdau  cun  nus  dil  pian  eh'  el  haveva,  de  tractar  la  historia  della  Sur- 
selva  en  in  diemper  de  canzuns  epicas.  Tochen  el  dctagl  clars  e  precis  schi- 
scheva  quei  pian  avon  el."  Certo  parlando  di  epopea  bisogna  ben  guardarsi 
dal  correre  col  pensiero  ad  Omero.  E  necessario  stare  al  significato  moderno 
della  parola  ed  accettare  per  epppea  la  celebrazione  poetica  di  un  fatto  nella 
storia  e  nella  leggenda  moderna,  grandioso  ed  epico  come  quello  d'  Omero, 
ma  cantato  nella  luce  che  ha  assunto  nella  storia  e  nella  leggenda  moderna, 
e  non  nella  luce  in  cui  sorse  or  sono  mille  e  mille  anni  1'  opera  inimitabile 
del  Greco.  In  questo  concetto,  che  fece  nascere  le  canzoni  epiche  del  poeta 
romancio,  è  già  tanta  visione  sicura  di  ciò  che  all'  arte  ed  alla  poesia  moderna 
è  concesso  di  fare  nel  campo  dell'  epica,  che  alla  letteratura  romancia  ne 
ridonda  un  titolo  di  gloria,  che"  più  di  una  letteratura  moderna  potrebbe  in- 
vidiarle. Che  a  tale  concetto  debba  ispirarsi  1'  epica  se  vuol  essere  veramente 
sentita,  scuotere  i  sentimenti  e  gli  affetti  nostri  e  vivere  accanto  a  noi,  lo 
dimostra  il  successo  dell'  epopea  moderna  creata  dall'  uomo  di  genio  che,  con- 
cepiti i  piani  delle  sue  opere,  ebbe  la  fortuna  di  possedere  tutte  le  forze  per 
condurle  a  felice  compimento.  La  «Legende  des  Siècles»  di  V.  Hugo  non 
è  stata  condotta  da  concetti  differenti  da  quelli  che  ispirarono  G.  G.  Muoth  a 
creare  1'  epopea  in  ciclo  di  canzoni  \  benché  1'  epopea  romancia  sta  a  paragone 
di  quella  del  grande  francese  come  il  popolo  romancio  sta  al  popolo  di  Francia. 
Dalle  tradizioni  letterarie  romance  e  ladine,  oltre  che  dal  proprio  genio,  Muoth 
fu  certamente  tratto  verso  la  canzone  eroica,  poiché  essa  aveva  alimentato 
la  letteratura  antica  e  popolare  dei  Romanci  e  dei  Ladini.  La  prima  opera 
comparsa  in  ladino  è  di  fatti  la  'Guerra  di  Musso  composta  nel  1527  da 
Giovanni  Travers  da  Zuoz;  nella  letteratura  romancia  poi,  nel  1621,  era  stata 
rimata  la  canzone  11  vegl  Grischun»  di  Rhaetus\  dove  il  tema  delle  lotte 
sostenute  contro  i  tiranni  e  dell'  aiuto  prestato  da  Dio  al  popolo  grigione 
nel  difendere  la  libertà  è  largamente  trattato.  Nel  1625  era  stato  pubbli- 
cato «Il  ver  sulaz  da  pievel  giuvau",  del  ministro  riformato  Stefan  Gabriel 
(1580-1638),  libro  di  canzoni,  alcune  delle  quali  hanno  tutta  1'  intonazione 
epica,  come  quella  dell'  anno  1604  cur  eh'  il  Reg  da  Spania  ha  bagiau  la 
fortezia  en  Vultlina'-»  che  contiene  strofe  come  la  seguente: 

-'Cun  tut  scha  già  ilg  mund  fus  bein 

Da  Spangier,  a  dimunnis  plein 

Ca  lessan  nus  strunglare 

A  tut  il  mund 

Ancunter  zund 

Lein  nus  buca  zageiare." 

Nel  16(i5  fu  pubblicato  il  '  Chiet  dil  C.rischun  di  Luci  GabrieP,  dove  la 
parte  gloriosa  sostenuta  dai  Grigioni  nella  guerra  di  Svevia  del  1499  è  larga- 
mente narrata  in  una  lunga  canzone  che  va  sotto  il  nome  di  «La  guerra  de 
Venost'.  Della  fine  del  XVIII  secolo  sono  le  due  lunghe  e  prolisse  «Canzuns 
dils  Tumbliaschins'-  ■*,  narranti  episodi  delle  lotte  sanguionosc  di  religione,  e  del 

'  Rhàtoromanische  Chrestomatie  di  G.  Decurtins  \'.  l  pag.  40  —  42. 

-  Rh.  Chr.  V.  l,  p.  42 

'■"  Rh.  Chr.  V.  I,  pp.  70—72. 

*  Ibid.  In  Prefazione,  pp.  XXIII-XXVIll  e  pp.  ,330-337. 


Bir.I.IOdRAFIA  297 

1789  sono  le  belle  «Canzuns  de  Valtcrina'  di  A.  G.  Vieli  *  che  raccontano 
per  episodi  il  torbido  periodo  della  dominazione  lirigione  in  Valtellina. 
(Quando  si  noti  che,  queste,  ed  altre  a  loro  simili,  produzioni  poetiche,  colle 
laudi  mistiche,  religiose  e  morali  formano  quasi  V  unica  poesia  scritta  dell' 
antica  letteratura  .nazionale, romancia,  si  comprenderà  quanto  1'  importanza 
dell'  evoluzione  di  questo  genere  nazionale  dovesse  star  a  cuore  a  G.  G.  Muoth. 
Egli  colla  passione  della  storia  patria  nel  cuore  e  col  genio  del  poeta  che  la 
vivifica  e  la  fa  rivivere  in  plastiche  forme  viventi,  passa  davanti  alle  antiche 
canzoni  e  dalla  cronica  rimata  crea  il  capolavoro. 

—  Chi  affronterà  la  difficile  lettura  di  questo  poeta,  sarà  colpito  e  mera- 
vigliato dalla  bellezza  delle  canzoni,  poiché  già  la  materia  patriottica,  che  ne 
è  oggetto,  desta  un'  alto  interesse.  Onde  nasce  spontaneamente  il  desiderio 
di  chiedersi  com"  esse  sian  nate  dal  genio  del  poeta  nella  povera  letteratura 
di  un  piccolissimo  popolo  sperduto  nelle  Alpi.  La  materia  trattata  è  tutta 
nazionale,  tutta  romancia  e  non  è  entrata  come  soggetto  d'arte  nella  lettera- 
tura di  alcun  popolo,  neppure  nelle  letterature  germaniche:  è  tanto  nazionale 
che  r  originalità  del  poeta  per  tutto  ciò  che  rigviarda  la  creazione  della 
materia  delle  canzoni  scompare  quasi.  La  materia  è  offerta  sempre  dalla 
storia  o  è  contenuta  nell'  antica  letteratura.  Il  poeta  non  ha  tatto  che 
organizzarla  drammaticamente,  trasformar  la  narrazione  in  azione,  ridarvi 
il  colorito  storico,  vestirla  di  stile  adeguato  e  prestarvi  la  sua  lingua  ricca 
ed  espressiva. 

Così  la  materia  delle  due  canzoni:  1"  «Eremita  san  SigisbertO"  e  il  «Tiranno 
Vittore'  appare  già  trattata  in  una  grande  canzone  religiosa  contenuta  nel 
«Cudisch  de  Canzuns'  pubblicato  nel  1685 -.  Ancora  così,  e  mezzo  secolo 
prima,  di  San  SigisbertO  e  di  San  Placido  è  narrato  nella  -Pallas  Rhaetica» 
—  Anno  MDCXVII  —  di  Sprecher'^  Ma  poiché  Sprecher  si  appella  alla 
testimonianza  di  documenti  conservati  dal  convento  di  Disentis  (ut  antiqui- 
tates  Monasteri  tradunt)  una  maggior  indagine  mi  ha  portato  felicemente  a 
trovare  le  fonti  dalle  quali  il  Muoth  ha  atti-nto  la  materia  e  tanta  parte 
dell",  ispirazione.  Nella  Chronik  des  Gotteshauses  Disentis*  dell'  abate 
Jakob  Bundi,  morto  nel  1614,  la  leggenda  dei  santi  Placido  e  SigisbertO  è 
narrata  con  tanta  somiglianza  di  particolari  e  di  colorito  da  non  lasciar  alcun 
dubbio  che  Muoth,  lo  storico,  non  abbia  veduto  una  delle  non  rare  copie 
della  Cronica  e  1'  abbia  seguita.  La  narrazione  dello  Sprecher  è  troppo  arida 
e  breve  e  la  stessa  «Canzun  de  soing  Piaci  e  soing  Sigisbert»  nel  Cudisch 
de  Canzuns'  non  è  che  la  narrazione  dello  Sprecher  rimata  e  commentata 
piamente.  Mentre  nella  «Canzun"  del  1685  San  SigisbertO  è  ricordato  fuga- 
cemente e  semplicemente,  come  apostolo  mandato  dal  papa  san  Gregorio  ad 
evangelizzare  la  Rezia,  e  si  tocca  appena  delle  nobili  origini  e  delle  sue 
virtù,  la  Cronica  del  Bundi  aveva  ben  altro.  San  Sigisberto  appare  ivi 
veramente  come  uomo  scelto  da  Dio  one  Zweifel  auss  sonderen  gnaden, 
und  willen  Gotes   «.con  speciale   favore  per  la  Rezia;     das  Evangelium  und 


'  Rh.  Chr.  V.  I,  pp.  358-370. 

-  In  Combel,  presso  G.  G.  Barbisch  1685  (Bibl.  cant.  Coirà)  vedi  G.  Decurtins. 
Rh.  Chr.  V.  I,  pp.  124—127. 

■'  Biblioteca  cantonale  e  universitaria  di  Friborgo. 

*  Edita  la  prima  volta  da  G.  Decurtius.     Luzern,  J.  Schill,  1S.S7. 


298  FRANCESCO    VIELI 

wort  Gotes  zu  predigen  und  zu  pflantzen  und  mit  Irem  Heiligen  Leben  der 
Welt  ein  exempel  zu  geben,  welliches  Leben  und  exempel  mit  vilen  wunder- 
zeichen  Bestetiget,  nach  laut  und  Innhalt  der  Beschreibung  Ires  heiligen 
Lebens».  Così,  il  contrasto  tra  le  aspirazioni  del  Santo  e  la  volontà  di  Dio 
«che  è  tanta  parte  nella  canzone  "del  Muoth,  è  accennato  dal  cronista  poiché 
dice  che  Sigisberto,  Colombano  e  Gallo  Reichtumb  Hab  ond  guet,  deren 
sie  alle  drey  vii  haben  und  Ihr  vaterland  verliessend  incomiciarono  nella 
foresta  a  condur  vita  da  eremiti  perchè:  «darumb  si  dann  aus  Irren  vater- 
land gezogen';.  —  Anche  il  grande  quadro  del  Santo  che  passa  nella  natura 
deserta  dell'  Alpe,  nella  valle  vergine  e  selvaggia,  la  descrizione  della  vita 
che  il  Santo  vi  conduce,  costruendo  la  cappella  a  Maria,  dissodando  il  terreno, 
coltivando  gli  alberi  selvatici,  sono  nella  cronica,  ecco  le  parole  :  S.  Sigispert 
und  S  Gali  verliessen  den  H.  Columbanum  tracteten  auch  inen  einen  Ort 
zu  erkhiessen,  in  einem  Einsiedlischen  Leben  Got  zu  dienen,  komend  der- 
halben  alher  gehen  Disentis.  Darumb  dass  es  ein  grausamme  dunkle  wilde 
was,  von  Finsteren  Wàlderen  und  gar  ein  Einod;  doch  mit  gueten  Brunnen; 
heist  diss  Ort  Disertina  ....  Finge  da  an  zu  reiiben  und  seiiberen,  Bauwete 
im  selber  zu  ersten  da  ein  Kirchen  in  der  Ehr  unser  Lieben  Frauwen 
Mariae-.  L"  episodio  delle  fiere  della  foresta  e  degli  uccelli  che  si  amman- 
sano e  diventano  amici  all'  eremita,  la  caccia  rumorosa,  1'  orsa  ferita  sono 
ancora  amplificazioni  di  poche  parole  della  cronica:  «welliches  Leben  und 
Exempel  mit  vilen  wunderzeichen  bestetiget  nach  laut  und  Innhalt  der  Be- 
schreibung Ires  Heiligen  Lebens». 

La  Canzone  della  gesta  di  Placido  ha  1"  andamento  e  il  metro  della  ballata 
romantica,  poiché  alla  ballata,  per  tutto  il  contenuto,  mosso  e  drammatico,  e 
per  la  tragica  catastrofe,  si  avvicina.  Ma  il  poeta  si  è  ispirato,  più  che  ai 
romantici  tedeschi,  al  buon  vecchio  Bundi,  come  alla  stessa  Cronica  si  era 
ispirato  r  autore  della  «Canzun-  del  «Cudisch  nel  1685.  —  La  Cronica  dice: 
<-ward  ein  gewaltiger  Frey  herr  Jung  von  Jaren,  Der  ward  in  dem  Land 
piirtig  mit  namen  Placidus,  demuetig  der  Begeret  ein  Diener  zu  werden  des 
H.  Sigisberti  ...»  e  la  Canzun,  del  1685 

GÌ'  imprim  fritg  eh'  el  ha  survegniu  (Sigisberto) 

Del  siu  mussar  é  Priedi 

Ei  staus  soing  Piaci  vults  tier  Diu 

Se'  in  malsaun  tras  siu  miedi 

Quel  era  vivont  in  Signur 

De  gronda  e  niebla  mionza.» 

Cronista  e  «Canzun»  tirano  via  narrando  le  virtù  di  Placido,  la  crudeltà 
e  dissolutezza  del  tiranno  Vittore  suo  cugino,  1"  ammonimento  del  Santo  a 
mutar  vita,  il  furore  del  malvagio,  il  martirio,  prodigi  e  le  vendette  di 
Dio;  r  uno  il  cronista,  nel  suo  barbaro  tedesco,  1'  altro,  il  rimatore,  nel  suo 
pedestre  metro.  G.  G.  Muoth  segue  il  cronista  anche  fedelmente,  ma  come 
organizza  la  gesta  meravigliosa! 

'Sii  crest  de  Caverdiras  ei  stau  in  vogl  casti: 
Negin  che  se  regorda,  gnianc  d"  ina  muschnn  pli. 

gji  quei  casti  avdava,  von  varga  nielli  onns 

Victor,  Signur  en  Rezia,  il  Cau  dils  nerdavonts.» 


lilllLIOGRAFIA  299 

Ci  trasporta  in  mezzo  all'  azione,  leva  fuori  quegli  uomini  dalla  caligine 
del  tempo,  |vi  risoffia  le  loro  passioni,  li  fa  rivivere  e  morire  nella  luce  del 
prodigio  di  Dio:  vivifica  e  rinnova  la  leggenda  antica  con  tale  potenza  davanti 
al  nostro  spirito  che  non  ci  par  più  di  leggere  il  poeta  ma  di  assistere  al 
dramma  medioevale  di  presenza. 

Due  righe  della  'Pallas  Rhaetica  formano  il  fondamento  storico  del 
frammento,  -'La  Vendetga  dils  Grischs.  Dice  lo  Sprecher:  «Hunni  multas 
regiones  et  inter  has  Raetiam  quoq.  usq.  ad  disertinum  monasterium,  misere 
ferro  ed  igne  depopulati,  ibiqui  tandem  collecto  Rhaetico  exercitu  fusi  fuerunt.» 
Già  un  poeta  anonimo  del  secolo  XVIP  ricordava  il  fatto  nella  canzone  di 
Sant  Ursicino 

Cun  canera  muntanera 
De  schuldada  cau  vegnit  .... 
La  bargada  mal  mussada 
Quel  soing  liug  (convento)  han  ruinau.' 

Ma  r  episodio,  di  lieve  significato  per  lo  storico  e  pel  cantore  di  Sant"  Ursicino, 
ne  acquista  uno  grande  pel  poeta,  che  celebra  in  quella  <  vendetta  il  primo 
frutto  dell'  unione  dei  Romanci  ed  il  loro  valore 

"Per  figl  e  beadis  gì'  exempel  prestau 

De  nauscha  mo  giesta  vendetga  dils  Grischs.   ^ 

Le  grandi  canzoni  del  ciclo  che  fanno  seguito  spaziano  tutte  nel  secolo  XV 
e  non  sono  altro  che  la  celebrazione  degli  episodi  più  salienti  e  significativi 
della  storia  grigione  o,  più  propriamente,  del  popolo  romancio.  La  materia 
di  queste  canzoni  è  anch'  essa  tolta  ai  cronisti  ed  agli  storici  o  attinta  alle 
tradizioni  popolari.  Così  per  le  due  composizioni  «La  Valerusas  femnas  de 
Lungneza»  e  sut  igl  Ischi  il  poeta  si  è  evidentemente  ispirato  alla  sola 
tradizione.  Il  fatto  della  battaglia  di  Porclas  in  Lungneza  è  ricordata  dalla 
Pallas  Rhaetica'  di  Sprecher  nel  1617.  Ma  lo  storico  nel  suo  grave  latino 
non  parla  delle  "donne  valorose».  Il  poeta,  che  scrisse  la  Canzone  a  Monaco 
nel  1868,  non  s'  è  probabilmente  ispirato  che  alla  tradizione  rimasta  viva 
nel  paese  pel  privilegio  sempre  mantenuto  dalle  donne  di  Lungneza  di  tener 
la  destra  in  chiesa  e  di  aver  la  precedenza  agli  altari.  Così  pure  «Sut  igl 
ischi  de  Trun»  non  è  ispirato  che  dalla  tradizione.  Il  popolo  ama  veder 
sorgere,  come  per  incanto,  da  una  congiura  di  ribelli  il  patto  della  libertà, 
poiché  in  ciò  vi  è  qualchecosa  di  grandioso,  di  eroico  e  di  poetico,  perciò  esso 
ha  sempre  raccontato,  per  tutto  il  paese  dei  Grigioni,  la  formazione  della 
Lega  grigia  come  la  narra  il  poeta.  Secondo  gli  storici  però  questa  piccola 
ed  audace  repubblica  sorse,  assai  più  lentamente  di  quello  che  non  possa 
avvenire  per  la  magica  creazione  di  una  notte;  per  via  invece  di  intese  tra 
plebe  e  Comuni  con  alcuno  dei  signori  e  coli'  aiuto  del  convento  di  Disenfisi. 
Il  poeta  si  è  perciò  trovato  nella  necessità  di  premettere  alla  Canzone  il 
fatto  storico-:    «De  quei  temps  seradunavan  savens  da  notg  ils  umens  della 


^   Canzuns  dell"  Olma  devotiusa:  Muster  1749.     Bibl.  cant.  Coirà. 

'^  Poesias,  p.  150. 

^  Vedi  P.  C.  Pianta:  Geschichte  von  Graubiinden.     Bern,  "Wyss,  1913. 


300  FRANCESCO    VIELI 

Surselva  en  in  uaul  giù  sut  Trun.  per  sedisquorer,  co  mantener  lur  dretijs  e 
libertats  e  se  riscuder  dals  tiranns.» 

Ma  davanti  a  quella  ^  Dertgira  deVallendau-  così  romanzesca,  così  gran- 
diosa che  pare  V  affresco  d'  una  grande  crocifissione  tumultuosa  del  cinque- 
cento e  finisce  con  grande  grande  contrasto,  in  quel  banchetto  tra  i  pomieri 
e  la  baldoria  notturna  ed  ha  in  mezzo,  di  rilievo,  quella  inarrivabile  scena 
del  boia,  si  rimane  perplessi.  Ha  inventato  il  poeta?  Ha  tolto  i  motivi, 
gli  episodi,  a  leggende" straniere  che  vengon  d'  oriente? 

La  ricerca  delle  fonti  di  questa  che  è  la  più  bella  delle  canzoni  mi  tra 
condotto  a  trovare  gradatamente  anche  la  materia  delle  altre  ed  a  renderm- 
ragione  del  metodo  con  cui  il  poeta  procedeva  costantemente  a  creare,  i  suo{ 
lavori.  G.  G.  Muoth  è  incapace  di  inventare:  la  materia,  racconto  scene  e 
tipi,  deve  già  esistere  i  deve  essergli  fornita  da  altri,  egli  non  ha  che  da  in- 
fondervi lo  spirito  e  farla  vivere.  Il  fatto  della  Dertgira  de  Vallendau  è 
narrato  dallo  storico  nazionale  del  Grigioni,  P.  C  Pianta,  contemporaneo  al 
poeta,  ed  è,  qua  e  là,  vagamente  accennato  da  qualche  cronaca.  Ma  la  fonte 
comune  a  cui  attinsero  evidentemente  il  Muoth  ed  il  Pianta  mi  vL-nne  fatto 
di  scoprirla  nella  Pallas  Rhaetica  ,  la  cronaca  latina  dimenticata  dello 
Sprecher,  che  deve  essere  stata  filo  conduttore  e  guida  del  poeta  in  tante 
ricerche  storiche. 

Della  Dertgira  de  Vallendau  "  è  narrato  al  Liber  VII,  a  pagina  192—3. 
Lo  storico  incomincia:  Comes  Henricus  .Sexamienses  opprimere  statuit  .  .  .  .» 
Il  poeta  esordisce,  in  piena  azione  quando  il  conte  non  opprime  più,  ma  va 
in  catene  a  \'allendau: 

"La  vali  Versom  rabatta  stagn 
*Tja  roschas  bein  armadas  ' 

Lo  storico  spiega  e  continua:  «Henricum  doli  consciu  ex  improvviso  capiunt 
et  Vallendanum  deducunt;  jamque  cummuni  judicio,  uti  fedifragum  et  prodi- 
torem,  capitis  damnant.»  Due  righe,  dalle  quali  il  poeta  trae  la  laude  dell" 
energia  e  della  forza  del  popolo  e  sei  strofe  storiche,  vive  e  drammatiche, 
alle  quali  segue  la  scena  de  1'  erezione  del  patibolo  e  la  comparsa  del  boia.  — 
Dice  la  'Pallas  Rhaetica  :  Carnificem,  ab  eo  veniam  petentem,  vicissim 
captivus  (cum  pinguis  esset)  orat  ut  unu  ictu  sibi  caput  amputet.  Ille  agili- 
tatem  suani  ostentans,  gladio  semidistricto  capillum  lenioris  halitu.  in  illuni 
impellit  et  dissecat.  Ma  sulle  parole  dello  storico  non  altri  che  il  grande 
poeta  poteva  creare  quell"  incontro  del  condannato  e  del  boia  che  tiene  tutta 
la  seconda  parte  della  canzone: 

Serraus  en  stiva  ca     -  cumin 

Il  spirt  agli  presenta 

Il  k'^d  vergau,  il  trist  futur. 
La  nobla  sort  rienta: 

Servilas  fatschas,  fugusas  catschas 


—  Cheu  arv'  in  mantel  tgetschen  gì'  èsch; 
Il  carnifex  compara 


bikli()(;rafia  301 

Mussont  la  spada  zund  (in  molada: 
«O  bien  Siffnur,  negin  sterment! 
Quei  ei  finiù  en  in  moment» 

Ed  in  cavegl  el  sdrappa  spert 
Ord  sia  barba  grischa 

—  Ora  ecco  anche  la  finale  secondo  lo  Sprecher:  ^  Baro  totus  horrens  et 
hoscitans,  a  servo  suo  salutare  consilium  accipit:  ut  nempe  militibus,  in 
mortis  solatium  prandium  parari  jubeat,  Cererò  et  Baccho  maxime  ditatum 
id  quid  statim  executioni  mandatur.  Exilaratus  jam  militum  animus  erat  : 
cum  interim,  de  mensa  in  mensam,  illos  benignis  verbis  interpellat;  et  culpam 
baronis  juvenili  furore  agitati,  qua  ratione  potest,  excusat  ac  prò  illius  redem- 
ptione  sollicitat.  Animi  leonum,  naturam  agnorum  (quam  multis  vinum  tribuit) 
induunt  et  vocibus  elatis  vitam  Baroni  condonant;  qui  corani  eis  semi  mor- 
tuus  adductus,  et  in  genua  prolapsus  supplices  gratias  agit  foedamque  illam 
et  atram  conjurationem  abnegat  ac  detestatur.  -Il  poeta  vi  ha  messo  di  suo 
quel  ritorno  notturno  in  canti,  in  allegrie: 

Ornada  cun  dascha  1'  entira  bagascha, 
Cun  spass  e  risaglia  signurs  e  puraglia. 
Ed  il  barun  e  siu  fumegl 
Ei  d'  ina  luna  senza  preigl.» 

Il  lavoro  più  grandioso  e  più  significativo  nell'  opera  di  Muoth  il  Cumin 
d"  Ursera»  non  è  artisticamente  il  più  perfetto.  Il  poeta  ha  voluto  forzare 
un  po'  la  materia  storica  e  la  struttura  architettonica  della  composizione  ne 
ha  sofferto.  Egli  stesso  nelle  «Annalas  del  1900  ha  sentito  il  bisogno  di 
dichiarare  brevemente  il  contenuto  della  ^Cantata»  e  di  giustificarsi  "di 
aver  combinato  con  licenza  poetica  fatti  storici  e  diverse  tradizioni  popolari, 
per  descrivere  la  lotta  tra  Romanci  e  Tedeschi,  lotta  che  ha  avuto  luogo  in 
diverse  vallate  .  .  .  p.  es.  in  Lunganezza  e  Pretigovia». 

Il  fatto  che  forma  la  materia  principale  del  poemetto  è  il  viaggio  dell' 
abate  Pietro  di  Pultengia  che,  insieme  ai  notabili  della  Cadi,  si  reca  in  Ursera, 
allora  ancora  romancia,  onde  distogliere  1'  assemblea  degli  uomini  della 
valle  di  passare  agli  Urani  tedeschi.  Lo  zelo  di  salvaguardare  la  lingua  e 
r  anima  nazionale  romancia,  anche  al  di  là  delle  Alpi,  muove  i  campioni  e 
li  infiamma  di  ardore  patriottico,  secondo  il  poeta.  Poiché  lo  scopo  del  viaggio 
induce  gli  uomini  d'  armi  a  riandare  per  via  i  guai  che  ha  già  cagionato 
r  Ursera  alla  patria,  ecco  che  il  poeta  fa  cantare,  in  due  canzoni,  ai  guerrieri 
le  lotte  avvenute  nel  1332  e  nel  1339  tra  Romanci  e  Tedeschi.  Storiche 
sono  tali  lotte,  ma  causate  non  dal  contrasto  di  razza,  non  dalla  difesa  nazionale 
latina  della  lingua  e  della  razza,  bensì  dagli  intrighi  dei  partiti,  prò  o  contro 
r  Impero,  che  lottavano  per  il  possesso  del  passo  di  monte  iVvellino,  1'  odierno 
San  Gottardo*.  Il  fatto  stesso  di  questo  viaggio  e  di  questa  comparsa  dell' 
abate  di  Disentis  in  Ursera  è  stato  creato  dal  fervore  nazionalistico  del  poeta 
poiché  non  ne  é  fatta  memoria  da  alcuno  storico  né  in  alcun  atto  conosciuto. 


*  Cos'i  la  Pallas   Rhaetica  Lib  III  e  i  Cronisti   citati   da  J.  Cahannes  in 
«Das  Kloster  Disentis»  Stans  1S89. 


302  FRANCESCO    VIELI 

Mentre  il  viaggio  avrebbe  dovuto  avvenire  nel  1425  e  nell'  estate,  le  contro- 
versie tra  1"  Ursera  ed  il  convento  appaiono  invece  già  quietate  da  un  com- 
promesso deir  8  febbraio  1425  firmato  dall'  abate  di  Pultengia  e  dai  maggio- 
renti di  Ursera.  Il  documento^  parla  di  concessioni  politiche  e  civili  dell' 
abate  all'  Ursera  dietro  un  certo  tributo  d'  omaggio  da  parte  degli  abitanti 
della  valle  che  giurano  anche  fedeltà  al  Convento;  nessun'  accenno  alla 
questione  nazionale  o  alla  lingua  :  che  anzi  il  testo  originale  di  questo  lungo 
e  minuziosissimo  compromesso  è  redatto  in  tedesco  arcaico:  «Wir  Peter  Gottes 
gnaden  abt  des  gotts  haus .»  Se  in  questo  lavoro  il  poeta  volle  per- 
mettersi di  rimaneggiare  la  materia  storica,  con  una  licenza  eh'  egli  chiamava 
poetica  e  di  cui  non  si  servì  più  mai,  v'  era  obbligato  dal  tema:  «descrivere 
la  lotta  tra  Tedeschi  e  Romanci».  Così  sotto  il  velame  di  un  fatto  che  collo- 
cava nella  storia,  poteva  portare  il  più  fiero  de  suoi  colpi  contro  la  germa- 
nizzazione contemporanea  del  popolo  romancio  nei  Grigioni.  Ma  poiché  il 
poeta  è  obbligato  a  foggiarsi  gran  parte  della  materia  del  poema,  1"  azione 
diventa  piccola  cosa,  scompare  davanti  ali"  esposizione,  alla  narrazione  fatta 
dai  personaggi.  Per  far  parlare  1'  abate  e  pronunciare  1"  accalorata  difesa 
della  lingua  romancia,  1'  esaltazione  dell'  orgoglio  della  latinità  dei  Romanci, 
il  poeta  è  obbligato  a  darci  i  due  lunghi  e  noiosi  discorsi  dei  due  mistrali 
di  Ursera  e  d'  Uri.  Questi  discorsi  occupano  ben  trecento  versi  dei 
mille  e  duecento  onde  si  compone  il  poema  e  gli  tolgono  tanta  efficacia  e 
bellezza. 

La  materia  dei  poemetti  e  delle  ballate  di  soggetto  contemporaneo  è  poca 
cosa.  Ciò  che  forma  il  valore  e  la  bellezza  di  questi  lavori  è  1'  osservazione, 
lo  studio  dal  vejro,  la  facoltà  che  il  poeta  ha  di  riprodurre  con  naturalezza  e 
con  facilità  la  scena,  il  quadretto,  il  tipo  umano  studiato.  Di  tipi  umani  in 
questi  lavori  ve  ne  sono  di  interessanti  e  tutti  sono  figure  del  popolo.  I  vecchi 
campeggiano  in  due  composizioni:  nelle  «Spatlunzas»  e  nel  «Gioder».  Da- 
vanti a  questi  due  «vegliurds»  noi  non  possiamo  nascondere  il  nostro  sorriso 
di  compiacimento.  I  vegliardi  sono  simpatici  nella  poesia  del  Muoth  perchè 
rappresentano  .la  venerabile  e  sana  tradizione.  Essi  vivono  nel  passato  come 
il  poeta,  lodano  il  passato  secondo  i  precetti  di  Orazio,  ma  con  tutta  la  passione 
dell'  animo  loro,  perchè  il  poeta  li  ha  fatti  rappresentanti  degli  antichi  santi 
costumi  nazionali,  i  custodi  delle  tradizioni  patrie.  Poi,  accanto  ai  vecchi, 
in  antitesi,  i  giovani:  fanciulli  e  fanciulle.  Essi  mancano  di  personalità,  di 
caratteristiche  umane  spiccate;  il  poeta  li  dipinge  in  folla,  li  sentiamo  presenti 
dallo  schiamazzo  e  dalle  loro  risa,  come  dal  cinguettio  sentiamo  la  presenza 
di  uno  stormo  di  passeri  in  un  grande  albero  fronzuto  di  primarcra.  Così  le 
fresche  operaie  di  «Spatlunzas»,  gli  amici  della  «Liunga  Notg-Nadal»,  ragazzi 
e  ragazze  che  vanno  all'  alpe,  in  «Mesiras»,  così  alla  sagra  di  Disentis  nel 
Gioder;  non  si  ha  un  ritratto,  un  profilo  di  tanta  gioventù:  1'  impressione 
viva  della  loro  presenza  è  data  dai  loro  parlari,  dal  canto,  dal  riso  e  dallo 
schiamazzo.  L'  unica  figura  delineata  è  il  Gioder,  i  cui  tratti  fisionomici  si 
imprimono  in  noi,  per  fantasma,  dalla  descrizione  morale  dell'  individuo.  Il 
Gioder  è  figura  originale,  un  po'  bizzarra,  in  cui  il  poeta  ha  voluto  certa- 
mente adombrare   un  po'  sé  stesso  e  in  cui  ha  idealizzato  il  tipo  del  giovane 


'  Pubblicato  da  G.  Decurtins:   Beilage  XIV,   pag.  70,   in  <Die  Disertiner 
Kloster-Kronik  des  Abt  J.  Bundi",  Luzern  1888. 


IIIBLIOGRAFIA 


303 


romancio  quale  dovrebbe  essere.  Il  Gioder  veste  semplicemente,  ali"  antica, 
è  ijrande,  forte  e  poderoso, 

mirei  sin  quei  schani 

Tgei  figura,  eh'  el  fa,  tgei  spatlas,  tgei  dies  e  statura!» 

Mangia  con  frugalità,  secondo  le  ricette  dell"  antica  cucina  nazionale;  è 
nemico  delle  ragazze  ambiziose,  oziose,  civettuole  e  chiaccherone  ;  nemico  di 
tutte  le  mode  forestiere,  di  tutti  i  saputelli  alla  moderna: 

« a  bass  tochen  funs  culs  sabiuts  misterluns  alla  moda 

Ch"  ein  nuot,  san  nuot,  fan  nuot,  han  pauc  e  rian  dils  auters!' 

Eppure  quanto  brio,  quanta  vivacità  in  questo  giovane  all'  antica;  quanta 
poesia  in  quel  suo  viaggio  semiserio  in  cerca  della  «dunna  de  casa,  pulit 
caserina»;  in  quelle  baldorie  all'  osteria,  in  quelle  cantate  a  chiaro  di  luna! 
Il  Gioder  che  è  nel  tempio  di  Dio,  nella  festa  maggiore  di  Mustèr  e  si  trova 
tra  il  dovere  di  essere  raccolto  davanti  al  Signore  e  le  tentazioni  di  essere 
distratto  alla  vista  delle  figliuole  degli  uomini,  che  alla  '< Cruna '^  lentamente 
e  senza  eh'  ei  se  ne  accorga,  esce  fuori  dalla  vita  reale  perchè  è  dinanzi  a 
quelle  due  creature  "de  fina  manonza>'  nate  nella  casa  delle  «veglias  vertits 
ed  isonzas»  è  il  giovane  sognatore  e  fidente,  il  giovane  che  tutti  gli  uomini 
hanno  visto  in  loro  almeno  una  volta  nella  loro  vita.  Ma  il  Muoth  è  nel 
genere  suo  dove  e"  è  folla,  moto,  dove  può  tratteggiare  quadri  animati.  Tutte 
le  canzoni  del  ciclo  epico  incominciano  con  una  scena  di  gente  che  è  in  via. 
Anche  nei  poemetti  moderni  il  poeta  vuole  folla,  quadri  animati,  mossi;  ma 
essi  devon  essere  nazionali  ed  originali.  Per  le  feste  popolari  antiche,  pei 
costumi  paesani,  aveva  un  culto  prima  che  la  scienza  moderna  si  fosse  mossa 
a  studiarli.  Perciò  dà  la  battitura  del  lino,  come  si  fa  e  con  che  festa  si 
chiude,  nei  Grigioni;  la  vita  dell'  alpe,  come  si  svolge  nei  Grigioni  e  in  una 
grande  giornata  come  quella  della  misura  del  latte. 

In  questi  lavori  nessuno  ha  prestato  al  poeta  la  materia  che  tratta. 

Notevole  è  ancora  nell"  arte  di  G.  G.  M.  1'  uso  della  lingua.  La  lingua 
romancia  nella  poesia  sua  non  conosce  altre  tonalità  che  quelle  della  lingua 
parlata.  Non  esiste  una  lingua  dotta,  una  lingua  raffinata,  una  lingua  poetica, 
la  poesia  non  si  sprigiona  dalle  parole  ma  dall'  essenza  stessa  dei  fatti  e  delle 
cose  rappresentate  colla  parola.  Il  poeta  ha  nobilitato  la  lingua,  1'  ha  arri- 
chita richiamando  in  uso  parole  e  modi  di  dire  caduti;  poiché  è  facile  cono- 
scere e  rilevare  la  maggiore  abbondanza  e  ricchezza  della  lingua  degli  ultimi 
lavori  confrontati  coi  primi;  ma  anche  in  quest'  opera  procedeva  con  grande 
cautela,  poiché  si  sentiva  di  rimproverare  lo  sfoggio  e  la  ricerca  dell'  epiteto 
ad  Alfonso  Tuor,  giovane  poeta  di  valore  della  sua  scuola,  e  ciò  «perchè, 
diceva,  il  popolo  non  ha  mai  parlato  così  e  così  non  s"  è  mai  scritto-  '.  Per 
questo  medesimo  rispetto  alle  tradizioni  nazionali,  egli  che  aveva  facilità  di 
rimare  in  tutti  i  metri,  con  tutti  i  generi  di  versi,  si  è  ben  guardato  dall' 
innovare.  Il  solo  metro  da  lui  felicemente  introdotto,  perchè  vi  rimase  e  vi 
suona  assai  bene,  nella  lingua  romancia  è  infatti  1'  esametro.  Tutti  gli  altri 
metri  da  lui  usati  egli  li  ha  tolti  a  Stefan  Gabriel,  al  sulaz  da.pievel  giuvan 

'  In  Annalas  1907  «Dus  auturs  sursilvans,  p.  116.       • 


304  '  FRANCESCO    VIELI 

alle  «Canzuns  dell'  Olma  dezoziusa».  ai  poeti  dell  secolo  XVIII  e  non  ha 
fatto  che  vivificarli,  combinarli  e  renderli  più  espessivi  ed  armoniosi.  Così 
nella  tecnica  del  verso,V  Muoth  ha  potuto  ottenere  che  i  metri  della  cantilena 
e  della  laude  medioevale  antica,"^ cadenzati,  rimati,  adattati  dai  rimatori  e  dai 
poeti  antichi  all'  indole  del  volgare  romancio,  ad  esso  rimanessero  acquisiti 
come  titolo  di  gloria  e  di  nobiltà. 

4.  Il  poeta  nella  sua  opera.  La  religione  e  la  patria  del  poeta. 
G.  G.  Muoth  è  uno  di  quegli  uomini  che  non  hanno  creduto  alla  vita.  A 
lui  la  giovinezza  è  venuta  incontro  non  come  appare  in  cielo  sorridente  e 
coronata  di  rose  V  aurora  nel  maggio,  ma  grigia  e  fredda  quale  si  eleva  nell' 
Alpe  spoglia  e  già  bianca  nel  novembre.  La  miseria  ed  il  dolore  gli  hanno 
ucciso  la  poesia  della  giovinezza  e  quando,  a  trent'  anni  egli  si  ridesta  alla 
vita,  è  già  a  mezzo  del  fatale  cammino,  della  vita  è  già  a  un  punto  in  cui 
le  cose  più  belle  ad  ogni  uomo,  sono  i  ricordi.  Gli  anni  premono,  le  opere 
sospingono:  guai  a  colui  che  è  solo  e  senza  fortuna!  La  lunga  via  percorsa 
nel  dolore  fa  parer  brevi  e  menzogneri  anche  gli  anni  che  sembrano  sorri- 
dere innanzi  ed  egli  si  lascia  condurre  dal  tempo,  come  la  nave  nella  tem- 
pesta si  lascia  portare  dalle  onde  della  fortuna.  Il  nostro  poeta  non  si  lasciò 
spezzare  né  uccidere  dall'  avverso  destino:  ma  piegò,  fuggì  la  lotta,  parve 
cercare,  in  ogni  luogo  ove  fosse,  di  posare  lo  sguardo  lontano;  do  ogni  istante 
del  presente  corse  a  rifugiarsi  nel  passato.  Quand'  egli  è,  colle  miserie  della 
sua  vita  quotidiana,  a  Monaco,  il  suo  pensiero,  la  sua  poesia  sono  lontani, 
nelle  valli  della  patria;  e  quando  la  vita  gli  è  più  tranquilla  e  cessano  le 
preoccupazioni  del  domani,  la  vita  lo  fastidisce  ancora  e  scende  nel  passato 
della  storia.  Perciò  la  rappresentazione  della  vita  contemporanea  volge  in 
lui  presto  alla  satira.  Perciò  dei  tempi  onde  si  compone  lo  spazio  in  cui  opera 
r  uomo,  manca  al  poeta  romancio  lo  sguardo  al  futuro,  poiché  a  lui  manca 
la  fede  nella  vita  e  la  confidenza,  e  1'  occhio  umano  rifugge  di  guardare 
air  avvenire  quand'  esso  appaia,  come  al  Leopardi  «del  dì  presente  più  noioso 
e  tetro». 

Delle  fedi  manca  alla  sua  poesia  veramente  e  intimamente  la  più  grande, 
quella  religiosa.  La  poesia  di  G.  G.  Muoth  è  tutta  umana;  la  religione  vi 
ha  un  posto  granue  come  forza  morale  determinante  gli  umani  avvenimenti 
ma  il  problema  della  fede  per  cui  ogni  azione  compita  dagli  uomini  si  coor- 
dina alla  visione  di  un  al  di  là  futuro  oltreterreno,  manca.  La  missione  di 
Placido  e  Sigisberto  più  che  religiosa  è  patriottica;  la  parola  dice  delle  virtù 
monastiche  e  dei  mistici  raccoglimenti  degli  eremiti,  ma  lo  spirito  della  can- 
zone rivela  che  lo  scopo  del  loro  operare  è,  per  il  poeta,  pratico  e  terreno: 
formare  la  concordia,  la  forza,  V  unità  di  una  patria  terrena.  In  tutte  le  altre 
canzoni  la  materia  religiosa  è  quasi  sempre  assente.  Le  virtù  di  cui  il  poeta 
si  compiace  sono  le  virtù  romane,  il  culto  della  forza  e  dell'  energia.  Il  con- 
trasto principale  della  sua  poesia  con  tutta  la  letteratura  antica  sta  ap- 
punto nel  contenuto  tutto  umano  della  sua  opera.  Le  virtù  passive,  colle 
loro  mortificazioni  della  carne  e  dello  spirito,  muovono  in  guerra  contro  le 
distrazioni  e  le  passioni  terrene  è  particolari  dell'  uomo,  il  vino,  la  donna, 
V  avarizia,  1'  ambizione:  Stefano  Gabriel  nel  cinquecento,  le  «Canzuns  dell' 
olma  devoziusa»  nel  sei  e  settecento,  tutti  i  rimatori  della  scuola  riformata 
dell'  ottocento;  i  riformati  minacciano  coi  castighi    biblici,  i  cattolici  col  fuoco 


lUl'.IKx;  RAFIA  305 

e  colle  liamme  del  purgatorio  e  dell'  inferno.  G.  G.  Muoth  è  indulgente 
con  questi  peccati  se,  quandosi  sa  superarli,  essi  sviluppano,  rendono  forte  1'  ani- 
male uomo  che  diventa  strumento  di  energia  prezioso  alla  patria.  Liberar 
le  anime  dal  purgatorie^  è  opera  che  il  mistrale  de  Fries  oppone  con  ironia 
air  energia  del  guerriero  che  deve  saper  fare  ben  altro  per  la  patria.  Contro^ 
le  astinenze  degli  antichi,  il  poeta  è  beato  quando  può  far  stendere  allegra- 
mente la  tovaglia  ai  suoi  eroi  :  la  gioia  del  pasto,  del  mangiare  e  bere,  nelle 
«Spatlunzas»  nella  «Dertgira»  e  nel  "Gioder»  ha  qualche  cosa  di  grandioso, 
sprigiona  tanta  potente  animalità  che  bisogna  portarsi  in  Rabelais  per  tro- 
vare qualchecosa  di  superiore.  Le  feste  religiose,  le  Sagre,  sono  spettacoli 
mondani  per  il  nostro  poeta:  qualche  cosa  che  diletta  i  sensi,  che  è  occasione 
a  mangiare  e  bere.  Ecco  come  è  concepita  già  in  un  frammento  del  1870  la 
"Perdanonza»  la'sagra,  che  fu  poi  più  completamente  trattata  molti  anni  dopo 
in  un"  altro  lavoro,  il   "Gioder. 

Sum  quei  vitg  renomau  celebrava  oz  perdanonza. 
Tgei  preziusa  staziun  peli"  olma  eh'  enquerra  il  Segner. 
Tgei  custeivels  moments  per  enqual  pietusa  giufnetta, 
Per  gudigniar  il  cor  d"  in  giuven  en  casa  digl'  jester. 
Tgei  legreivla  chischun  de  schigiar  las  tratgas  legidas 
Din  curtaseivel  cumpar  en  ina  vischneunca  vischina  '." 

Con  che  dolce  sorriso  di  compiacimento  estetico  di  uomo  superiore  anche 
è  descritta  la  pocessione  di  Disentis  nel  «Gioder»  quando  sfilano  via  i  ma- 
gnati in  parata,  portano  il  baldacchino. 

Fan  sbargattuns  e  tegnan  cun  forza  las  astas.» 

Ben  tre  volte  il  Muoth  tenta,  in  diversi  lavori,  nelT  «Orazione  di  un  pastore 
convertito»'-^  del  1868  e  nelle  due  «Voci  di  San  Lucio^  ^  del  1869  e  1905 
di  ridarci  V  ardore  del  neofita  convertito  dal  paganesimo:  in  tutti  e  tre  i 
brevi  tentativi,  Dio  non  é  sentito  che  attraverso  una  parafrasi,  piena  di  interie- 
zioni, dell'  argomento  con  cui  Tomaso  d"  Aquino  prova  V  esistenza  di  Dio. 
Le  controversie,  le  lotte  di  religione  lo  lasciano  indiffererlte  o  lo  irritano  e 
lo  esasperano  perchè  esse  turbano  la  concordia  nazionale  gettano  il  paese 
nelle  lotte  civili.  -In  una  canzone  lasciata  frammentaria  ed  inedita,  il  Zen 
de  Bergun  che  commenta  la  riunione  del  famoso  sinodo  riformato  dell' anno 
1618,  le  di  cui  decisioni  segnarono  1'  inizio  della  guerra  di  religione  nel 
Grigioni,  il  poeta  dice: 

Gì"  entir  cantun  ei  di\idius 
Tenor  la  confessiun. 
Il  tgau  ei  vids,  il  coi   turrius, 
Pauc  vera  religiun; 
Tut  zuppa  vi  igl  egoist 
Cui  num  papist  u  calvinist.^  ^ 


'  La  Perdanonza.    Poesia s,  p.  51. 

-  Poesias,  p.  51. 

^  Poesias,  pp.  66  e  1210. 

*  Poesias,  p.  226. 

Archivum  Romanicum.  —  Voi.  3.  —  1919.  20 


306  FRANCESCO    VIELl 

Se  in  questa  canzone  e  in  qualche  altra  egli  appare  aw^erso  ai  protestanti, 
non  lo  è  per  motivi  di  fede  o  di  religione:  ma  perchè  è  contrario  alle  inno- 
vazioni che  mettono  sossopra  il  paese.  Dio,  la  fede,  rimasero  lontani  dal  poeta 
ed  egli  senza  amarezza,  in  indifferenza  di  spirito,  passò  accanto. alla  religione 
che  pure  confortò  gli  ultimi  istanti  dell'  uomo  e  della  quale  gli  piacquero 
le  esteriori  manifestazioni  del  culto,  che  non  disdegnò  in  vita;  e  compì,  anche 
come  artista  e  poeta,  la  sua  missione  verso  gli  uomini  guardandoli  come 
fratelli  in  un'  altra  società,  la  patria. 

L'  amore  della  patria  gli  ispirò  la  gloriosa  rievocazione  del  suo  passato  e 
la  satira  dileggiatrice  contro  quelli  che  gli  parvero  giustamente  costumi 
degeneri  delle  tradizioni  nazionali  e  causa  di  rovina  alla  nazione;  gli  ispirò 
r  opera  maggiore,  più  perfetta  nelle  forme  dell'  arte,  che  non  andò,  come 
voce  spersa  nel  deserto,  inascoltata,  ma  scosse,  rivelò  i  pericoli  della  germa- 
nizzazione e  fu  tanta  parte  nel  far  nascere  il  movimento  popolare  nazionale 
romancio,  per  cui  gli  sarà  titolo  imperituro  di  gloria.  Per  patria  egli  intese 
dapprima  la  sua  Surselva  e  amò  la  terra  di  amore  sensibile  in  tutti  i  suoi 
aspetti.     Le  Alpi,  dalle  quali 

<  Las  scaglias  dil  Crispalt,  la  vali  Sarcuns 
Scadeinan  e  rebattan  tschien  darguns.»    , 

"In  dar  solegl  terlischa  sii  Badus 

Sclarescha  cheu  in  tempel  majestus."  ' 

Le  cime,  i  picchi  inaccessibili  las  pli  aultas  montognas»,  che  Cun  neivs  e 
garniallas  smanatschan-  i  pascoli  alpini  dove 

Prueschan  las  jarvas  et  catschan. 
Las  vaccas  remeglian  compleinas 
E  schaian  els  fops  dils  muletgs.'^  - 

I  boschi,  i  prati: 

«Tgiembels,  spundas  e  planira, 
Praus  e  pradas  en  verdira, 
Selvas  spessas  e  pastira 
Circumdeschan  la  cultira.»^ 

Poi  i  villaggi:  Mustòr  (Disentis)  col  suo  convento,  la  Claustra;  Disentis  ed 
il  Convento  sono  il  centro  ideale,  la  capitale  della  Romancia.  Là  arriva  il 
messo  di  Dio,  Sigisbertu,  di  là  parte  1"  iniziativa  e  la  forza  della  lega  di 
Truns,  di  là  la  spedizione  simbolica  di  Segner  Pieder  de  Pultengia  in  Ursera 
a  salvare  la  lingua  e  la  nazionalità  romancia,  infine  a  Disentis  viene  il  Gioder 

e  trova  : 

«las  veglias  vertits  ed  isonzas" 

e  la  donna  dell'  ideale  suo  e  del  poeta.  Poi  tutte  le  valli  minori,  tutti  i 
villaggi  sono  ricordati,  nel  passato  e  nel  presente,  negli  eroi  morti  e  nelle 
debolezze  dei    viventi,     in  essi    ha  studiato    dal  vero  tutti  i  suoi  personaggi, 

'  In  «Igl  eremi t  s.  Sigisbert.    Poesias,  p.  138. 
-  A  Mesiras.    Poesias,  p.  15b. 
^  Pasculaziun.    Poesias,  p.  234. 


BIBLIOGRAFIA  307 

dall'  abate  di  Pultengia  alla  Calustra,  bocca  contumeliosa  delle  «Mesiras». 
Ma  ciò  che  il  poeta  diceva  della  Surselva  era  di  tutto  il  Grigioni  a  cui  mirava 
specialmente  nell'  opera  degli  ultimi  anni.  A  tutto  il  Grigioni  abbracciato 
colla  sguardo  dell'  aquila  dalla  sua  capitale,  da  Coirà,  mandava  nel  1902  il 
suo  saluto  prima  di  morire: 

'  Seis  salidaus  cun  tia  pezza  grischa 
Sulom  de  libertat,  miu  car  Grischun  > 

il  sole  che  illumina  le  sue  Alpi  gli  pare  più  bello,  esso  che: 

'Arda  sils  glatschers  sco  in  tizun,» 

il  poeta  si  compiaceva  di  amare  il  paese  di  amore  sensibile: 

«Ti  has  miìi  cor,  ti  eis  miu  ver  delezi 
Grischun  alpin  cui  tschess  sii  precipezi.- 

Il  suo  saluto   discende    nelle  cento  valli,   nelle   scure   foreste,  sui   vichi,   tra 

i  prati: 

«Sin  tes  pastgets  en  casas  spatta tschadas 
Resentan  spert  e  cor  in  dultsch  ruaus!»' 

Poi  r  ave  del  morituro  al  Reno,   fiume  latino,   romancio,  prima  che  tedesco: 

....  Ti  Rein  robust,  selvadi. 
Che  vas  navent,  nutrius  da  tschien  darguns. 
Ti  has  mussau  als  Grischs  de  far  viadi*  .  .  .  .» 

il  Reno  che  ha  indicato  lo  lunghe  vie  del  mondo  ai  figli  della  terra.  Il 
Reno  eterno  che  raccoglie  tutte  le  acque,  di  tutti  i  tempi  e  bagna  la  terra, 
vive  in  tutta  la  poesia  come  un  personaggio  umano. 

«Melli  onns  e  melli  uras 
Sbrufr  il  Rein  atras  Surselva 
Sias  undas  turbulentas  .... 

Curra  V  aua  che  curreva 

Per  la  prada,  sur  la  grava  .  .  .  .  - 

Il  fiume  va  come  misuratore  del  tempo  che  non  si  arresta  e  canta  le  ore 
della  gente,  che  conosce: 

Sco  cantadur  e  vegl  Grischun 
Cont  er  il  Rein  sia  canzun  .... 
....  la  canzun  de  libertat 
Baul  gretta,  baul  carinadat!»  ^; 

ora  gemendo  ed  urlando,  quando  nei  giorni  oscuri  fra  tuoni  e  lampi 

'   «Tirans  e  mistrals  scongiurai  dals  babuns 
Cavalcan  sur  V  aua  e  sfraccan  las  punts.»* 


'  Alla  patria  grischuna.     Poesias,  p.  '207.  ' 

-  Poesias,  Frammento,  p.  233. 

•'  Poesias,  p.  151. 

•*  L"  aua  gronda.    Poesias,  p.  222. 

20^ 


308  FRANCESCO    VIEl.I 

L"  amore  della  patria  è  pel  poeta  "La  pli  sublim  amur  sin  tiara>.  Perciò 
aveva  tentato  di  volgere,  negli  ultimi  anni,  la  canzone  gloriosa  che  aveva 
narrato  le  geste  de"  Romanci,  a  cantare  quelle  di  tutti  i  Grigioni  quando» 
uniti,  il  22  maggio  1499  disfecero  V  esercito  dell'  imperatore  Massimiliano, 
allorché  1'  Impero  attentò  all'  indipendenza  degli  Svizzeri.  In  due  composi- 
zioni per  canto,  del  1891—1899,  ricordò  storicamente  la  battaglia  di  Calven 
e  celebrò  Benedetto  Fontana,  il  duce  a  cui  la  Rezia  dovette  la  vittoria  e  la 
libertà'.  Poi  tra  le  inedite  lasciò  ancor  tre  lavori,  tre  canzoni  frammentarie 
che  per  carità  patria,  per  non  turbare  1'  unione  nazionale  per  la  gran  lotta 
in  prò  della  Romancia,  non  pubblicò  mai.  Là  prima  è  il  Zen  de  Bergun» 
ricordato,  dove  il  poeta  si  leva  contro  il  primo  che  in  nome  della  fede  infrange 
il  patto  fraterno  e  della  religione  si  fa  scala  alla  propria  ambizione. 

<Mo  '1  Grischun  ei  liungs  e  lads 
Per  diversas  libertats 
Catolics  e  reformai 
Fussan  nuotta  disturbai.» 

La  Canzone  del  Zen  è  seguita  da  un'  altra  la  «Revolta»  ^.  —  Il  partito  pro- 
testante, eccitata  la  plebe  al  fanatismo,  colle  armi  corre  attraverso  1'  Engadina, 
brucia  i  castelli  dei  Pianta,  capi  del  partito  cattolico,  scende  a  Sondrio.  L"  altra 
masnada  che  correva  la  Bregaglia 

«Zambra  pigliava, 

Il  vegl  patriot, 

Se'  in  paur  galiot 

Struschaus  e  sdrappaus  sin  via  .... 

e  come  un"  uomo  cui  manchi  1"  anelito,  oppresso  dall"  ira  il  poeta  cessava  la 
canzone.  Poi,  come  per  riposarsi  dalle  nequizie  fratricide  eh'  egli  detestava, 
1"  ultimo  uomo  della  storia  grigione  eh'  egli  commemorò  fu  Giorgio  Jenatsch 
non  certo  per  esaltare  in  lui  il  prete  che  corse  colle  bande  per  1'  Engadina 
a  saccheggiare,  né  il  fazioso  che  fu  tra  coloro  che  imposero  la  tortura  e  la 
morte  di  Rusca,  ma  bensì  per  esaltare  il  prete  fattosi  soldato  e  diplomatico 
ed  eroe  dell  indipendenza.  Questo  prete  Jenatsch  che,  lasciati  agli  imbelli 
i  monotoni  ministeri  della  Chiesa,  ama  le  lotte  ed  i  pericoli,  piace  al  poeta. 
Che  importa  se  qua  e  là  qualcuno  ha  dovuto  dare  la  vita  alla  gran  causa? 
Con  forza  rabbiosa  Jenatsch  ed  i  suoi  scuotono  i  tiepidi  e  i  freddi  spersi  né 
villaggi  grigioni 

Sia  forza  "prepotenta 
Ha  finalmein  dumognau 
Marschadetgna  dormulenta 
Ed  il  pievel  destadau  ! 

Tale  era  1'  animo  del  poeta  verso  la  patria  grigione,  non  dissimile  anche 
in  questo  dal  costume  dell'  uomo  privato  che  nessun  partito  potè  contare  tra 
i  suoi;  perché  ai  partiti  era  superiore,   poiché  ergli  era  per  la  giustizia,   per 

'  Poesias,  Alla  Tgalavaina.  p.   1,")2;  Benedetg  iMjntan.i,  p.    196. 
2  Poesias,  p.  227. 


Hini.lOCKAFlA 


309 


r  equità  e  per  la  concordia  nelle  relazioni  civili  che  yli  uomini  di  parte  ed 
in  lotta  non  possono  sempre  rispettare.  Perciò  maledisse  alle  guerre  nate 
dai  dissidi  religiosi  perchè  questi,  non  del  tutto  spenti  .nel  paese  mentr' egli 
viveva,  sono  ostacolo  alla  grandezza  ed  alla  forza  della  patria.  Indi  allargava 
il  suo  sguardo  anche  al  di  là  del  Grigioni  alla  patria  più  grande,  la  Svizzera; 
nel  1891  ne  ricordava  i  fasti  centenari  della  libertà,  commemorava  gli  eroi 
confederati  e  nella  santa  fratellanza  si  compiaceva  del  fiorire  pacifico  e  rigo- 
glioso che  la  svizzera  andava  facendo  nelle  opere  della  civiltà  '. 

Idee  sensazioni  ed  affetti  del  p'oeta.  La  poesia  di  G.  C.  Muoth  è 
specialmente,  come  ogni  opera  de'  grandi  generi  epici  e  satirici,  impersonale; 
non  tanto  però  che,  se  ad  essa  si  aggiungano  le  cose  minori  anche,  non  si 
possa  scorgere  il  poeta  nelle  sue  idee  e  nei  suoi  affetti  dietro  1"  ombra  dei 
suoi  personaggi.  L'  esposizione  dell'  opera  mostra  già  in  tutta  la  sua  esten- 
sione il  dominio  di  una  grande  idea:  1"  idea  nazionale.  Essa  è  elaborata  e 
maturata  in  lui  dallo  studio  della  storia  che  compì  sotto  V  influenza  di  quella 
corrente  del  pensiero  moderno  che  ha  creato  presso  tutti  i  popoli  moderni  il 
nazionalismo  e  1'  imperialismo.  L'  incanto  che  desta  la  grandezza  della  storia, 
poetica,  del  passato  che  da  le  ali  al  suo  genio  non  fa  che  rendere  più  acute 
le  sue  osservazioni  sulla  vita  presente  e  più  grande  il  contrasto  tra  la  bellezza 
epica  del  passato  e  la  meschina  decadenza  della  vita  contemporanea.  È  lo 
storico  del  passato,  il  poeta  del  passato  che  fanno  V  uomo  più  pessimista  e 
scoraggiato,  che  ispirano  al  poeta  la  satira  contro  tutto  ciò  che  nel  presente 
è  diverso  da  ciò  che  fu.  Essendo  il  poeta  legato  con  tutti  i  suoi  affetti  al 
passato  si  chiede  invano  a  G.  C.  Muoth  un  ideale  costruzione  della  vita,  che 
debba  essere  additata  alla  sua  gente  pei  tempi  presenti  e  futuri.  Le  idee  dello 
storico  e  del  poeta  non  sanno  sempre  risalire  nel  tempo:  dopo  aver  compreso 
le  leggi  che  governarono  la  storia  trascorsa  de'  Grigioni,  egli  sembra  incapace 
a  riconoscere  le  grandi  leggi  che  trasformano  le  genti  di  oggi  e  di  domani, 
diverse  da  quelle  d'  ieri.  Così  il  poeta  lancia  la  sua  satira  frequente  contro 
i  peggiorati  costumi  del  popolo:  il  popolo  veste  con  panni  comperati,  non  fila 
e  non  tesse  più;  vende  i  prodotti  della  pastorizia,  vende  il  bestiame,  si  priva 
della  carne  e  del  latte  per  pagare  altri  generi,  necessari  alla  vita,  che  importa; 
il  popolo  si  nutre  male,  la  gente  abbandona  1'  agricoltura  per  correre  agli 
impieghi  ed  agli  uffici;  le  donne  lasciano  il  telaio  e  la  rocca  per  andar  negli 

alberghi,  gli  alberghi  rovinano  la  vita  sana  e  poetica  di  una  volta tutto 

serve  a  snaturare  la  gente  romancia,  a  uccidere  la  lingua,  a  cancellare  i  forti 
costumi.  Tale  è  il  pensiero  doloroso  del  poeta.  Le  sue  idee  si  arrestano  là 
poiché  pare  eh'  egli  non  possa  comprendere  certe  leggi  inesorabili  e  fatali  della 
storia;  gli  sfuggono  tutti  i  problemi  economici  e  sociali  connessi  alle  leggi 
degli  scambi  della  produzione  e  della  ricchezza.  Non  può  rassegnarsi  a  vedere 
che  oggi  si  produce,  si  lavora  e  si  vive,  là  dove  si  produce  a  più  buon  mer- 
cato, che  la  povera  terra  delle  Alpi,  bella  ahimè  e  sterile,  oggi  meno  che 
nei  secoli  trascorsi  produce  quanto  basti  a  nutrire  la  forte  gente  e  i  sani 
costumi;  che  se  una  volta  il  Romancio  migrava  coli'  alabarda,  oggi  deve  pere- 
grinare col  tovagliolo  sulle  spalle.  Così  finché  trovato  un  equilibrio  tra  il 
valore  delle  forze  alimentatrici  della  terra  e  i  bisogni  degli  uomini  che  la 
popolano,  essi  non  s'  arrestino  a  lavorarla  coli'  antico  amore  e  a  ritrovarvi 


Salid  alla  Svizzera  e  Fideivladat  svizzera,  Poesias,  p.  240  e  247. 


310  .  FRANCESCO    VIELI 

nuova  felicità  colle  energie  rinnovate  degli  avi.  Ma  se  il  poeta  non  era  un 
economista  né  un  sociologo,  se  la  luce  della  bellezza  e  la  fiamma  degli  affetti 
arsero  e  consumarono  in  lui  la  speculazione  materialistica  in  cui  muore  la 
poesia,  Muoth  ha  tuttavia  esaltato  un'  ideale,  dal  culto  del  quale  la  sua  gente 
potrà  ben  ritrovare  le  vie  della  vittoria  e  la  conservazione  della  propria  anima 
nazionale.  Il  poeta  ha  esaltato  la  forza  e  V  energia.  Con  pensiero  scienti- 
fico e  positivo  ha  fatto  i  suoi  eroi  in  corpi  ben  nutriti,  sani,  quadrati,  gagli- 
ardi, con  grandi  braccia  e  grandi  pugni;  indi  animosi,  fieri,  amanti  delle  lotte 
e  non  aborrenti  anche  dal  sangue.  Perciò  indulgeva  con  gioia  ai  larghi  pasti, 
alle  baldorie  dei  suoi  campioni;  perciò  in  cento  iscrizioni,  rimate  per  le  gare 
e  le  feste  ginnastiche  nel  Grigioni,  1'  incitamento  di  Muoth  era: 

Bratsch  lingier,  pugn  de  fier, 
Spatlas  grevas,  combas  levas, 
Eigls  gizzai,  cors  scaldai, 
Fin  giudizi,  pauc  caprizi.»^ 

—  Tre  componimenti  poetici  rinvenuti  fra  i  manoscritti  del  Muoth,  e  che 
risalgono  ancora  al  periodo  giovanile  di  Monaco,  ci  rivelano  qualche  altra 
attitudine  del  pensiero  del  poeta.  Una  satira  curiosa,  o  uno  scherzo,  pone  il 
poeta  di  fronte  alla  massoneria.  Ecco  cosa  scrive^:  —  In  vai  di  Medels  non 
arriva  il  sole  d'  inverno;  si  decide  di  mandar  un'  uomo  a  prenderlo,  fuori  di 
valle,  con  una  brenta.  Uno  spirito  maligno  meette  un  vespaio  in  fondo  al 
recipiente  sonoro  e  dice  al  buon  uomo  di  andarsene  che  porta  il  sole.  La 
gente  di  Medels  adunata  in  chiesa  denuda,  per  ordine  mandato  dallo  spirito, 
e  petto  e  spalle  per  accogliere  il  sole  e  fruirne.  Allora  sciamano  le  vespe 
maligne  sulle  misere  carni  di  quella  gente  dabbene.  La  brenta  ed  il  vespaio 
ritrovati  da  Voltaire  e  da  Rousseau  son  mandati  in  giro  pel  mondo  e  tenuti 
nascosti  in  locali  secreti,  che  sono  i  ritrori  massonici.  Scherzo,  questa  poesia, 
che  anche  per  la  fattura  è  tanto  misera  cosa  che  non  par  lavoro  del  grande 
poeta.  Una  satira  giovanile  è  pure  «Ils  calgiès'^''.  Chi  sono  questi  ciabattini? 
I  capitalisti.  Il  lavoro,  di  nessun  valore  come  il  primo,  non  è  altro  che  un' 
aspro  risentimento  del  giovane  studente  povero  contro  la  cattiva  distribuzione 
della  ricchezza.  Alquanto  migliore  è  una  satira  contro  i  tutori:  «I  tutori  in 
conferenza  secreta».  L"  istituto  della  tutela  dal  poeta  non  è  visto  altrimenti 
che  come  un  sistema  per  far  cambiar  padrone  a  roba  ed  averi  di  vedere  e 
pupilli.  Forse  con  tutori  aveva  qualche  astio  personale,  poiché  assai  tardi, 
ai  tempi  del  Gioder,  il  poeta  non  ha  cambiato  idea:  la  roba  del  Gioder  e 
stata  fatta  dal  padre 

«cun  agid  de  vieuas  ed  orfens». 

Positivo,  sano,  plebeo  nel  romano  senso  della  parola,  non  soverchiamente 
idealista,  scettico  e  pessimista  su  quanto  lo  circonda,  il  poeta  romancio  non 
é  un   sensitivo,   neppure   davanti   alla  natura.     Nessuna  grande   descrizione, 


^  Inscripziun  per  la  fiasta  cantonala  de  gimnastica  a  Cuera  1SS4.    Poesia s 
p.  195. 

-  Origin  della  frammassoneria.    Poesias,  p.  52. 
^  Poesias,  p.  59. 


BIHLIOGKAFIA  311 

nessun  compiacimento  intimo  di  estatico  raffinato  davanti  ai>li  spettacoli  naturali 
La  natura  nella  sua  poesia  v'  è  a  .grandi  tratti,  come  sfondo  su  cui  si  muo- 
vono i  suoi  esseri  animati,  uomini  ed  animali,  quanto  basti  per  farli  vivere- 
nel  loro  ambiente  con  verità. 

Poca  parte  ha  pure  1'  amore  nella  poesia  del  Muoth:  tra  i  manoscritti  fu 
rinvenuta  una  sola  lirica  erotica,  1'  <>  Amur  studiosa»  '  e  nelV  opera,  un  tenue 
idillio  appare  nelle  «Spatlunzas",  amore  contadinesco,  semplice,  composto 
e  serio;  un'  altro  amore,  terribile,  sacrilego,  fatale  avrebbe  dovuto  ispirare 
una  ballata  drammatica.  Il  lavoro  è  rimasto  in  quattro  frammenti  tra  i  mano-  • 
scritti  e  si  intitola  Avat  Martin  Winkler» '-.  —  Un'  anima  dannata,  Martin 
Winkler  da  Maladers,  abate  di  Disentis,  ritorna  talora,  nella  notte,  dai  regni 
della  morte,  al  convento.  Chi  ha  perduto  quest'  anima  se  1'  abate,  intrepido 
e  santo,  era  stimato  dal  popolo,  non  temeva,  combatteva  gli  apostati  e  gli 
eretici  e  rideva  delle  forze  armate,  delle  minacce  dei  capi  popolari?  L'  abate 
va  accarezzandole  le  trecce  bionde  mentre  ella  leva  gli  occhi  .... 

tut  surprida 

Dell'  amur  ed  envidada 
En  siu  cor  de  spir  letezia. 
In'  egliada  clara,  viva. 
Da  burnida  "camegionta 
Sco  1'  egliada  bandunonta 
Dil  solegl  davos  la  pizza». 

La  donna  e  V  abate  perduto,  amanti,  vanno  nella  sera  lunare,  sotto  gli  alber 
fioriti,  stride  solo  la  melolonta  e  .  .  .  .  viene  1'  ora  schmaladida  mo  beada>' 
Dice  infine  la  donna: 

Mo  tgei  fas,  ti  car  sogn  Pader, 
Tgei  endridas  mia  veglia? 
Ti  emblidas  vut  e  rassa 
E  commettas  sacrileghi, 
Car  Martin,  mo  jeu  tuccada 
Sundel  de  martala  Irida, 
Tras  r  amur  tut  sanistrada. 

L'  amore  semplice  è  descritto  dal  poeta  quando  egli  esordisce  nell'  arte  sua; 
la  passione  che  devasta  le  anime,  nel  giorno  del  dramma,  condensato  in  un' 
ora,  come  la  tragedia  di  Paolo  e  Francesca,  è  dipinta  dal  poeta  maturo.  I 
frammenti  lasciano  comprendere  come  il  poeta  intendesse  dare  intensità 
passionale  e  funesta  a  questo  dramma  di  anime  che  rese  apostata  il  principe 
abate,  sollevò  1'  orrore  del  popolo  fedele  in  Surselva  e  parve  spazzar  via  il 
Convento.  Il  poeta  non  si  indugiò  che  a  dipingere  1'  incendio  della  passione 
sacrilega,  resa  più  terribile  da  tutte  le  circostanze  che  dovevan  spegnerla  e 
vietarla  e  vi  si  indugiò  lentamente  silenziosamente,  poi,  quasi  pentito  ed 
atterrito,  lasciò  a  mezzo  la  triste  istoria  che  certo  gli  parve  non  poter  essere 
letta  in  Surselva  senza  turbare  le  anime. 


^  Poesias,  p.  45. 
2  Poesias,  p.  222. 


312  FRANCESCO    VIELl 

Per  conoscere  quanto  il  poeta  abbia  intensamente  sentito  e  reso  colla  sua 
arte  questa  passione  proibita  e  funesta  è  necessario  porre  qui  qualchecosa 
della  storia. 

Martin  Winkler  eletto  abate  giovane  ancora  nel  1528,  abbandonava  il 
convento  1"  anno  1536.  Dice  il  cronista  I.  Bundi^:  "Dieser  armselige  Herr 
henkte  sich  an  ein  Weib,  die  ward  bei  im  in  seiner  Kammer  ergriffen. 
Uarauf  des  Weibes  Freundschaft  inne  gezwungen,  sie  zu  der  Ehe  zu  nemmen. 
oder  da  sein  Leben  zu  lassen-  ed  un  cronista  citato  da  Wan  der  Meer.  ^ 
Spectaculum  id  erat  sunguineis  lacrimis  dignum,  dum  cerneres  Abbatem 
quondam  Desertinum  S.  I.  R.  Principem,  iam  rusticum  misellum  prò  Pedo 
Pastorali    tridentem  cum  uxore  tractantem  Desertina  nostra,   quae  hactenus 

per  tot   saeculorum  decursum   magistra   pietatis,   nutrix   sanctorum 

nun  tantam  infamiae  notam  ab  impiis  Apostatis  ac  perfidis  desertoribus  sibi 
inustam  sustinere  cogebatur.» 

G.  C.  Muoth  sapeva  sentire  1"  amore  e  la  passione,  essi  sono  passati  un 
giorno  nel  cuore  del  poeta  ma  non  vi  hanno  preso  lungo  albergo:  V  amore, 
del  cuore  suo  non  è  mai  stato  a  lungo  nò  dolce  né  doloroso  signore.  Se  ne 
è  partito  ed  ha  lasciato  il  poeta  scettico.  La  triste  esperienza  della  donna 
pare  che  1"  abbia  amareggiato  e  reso  diffidente.  Ancor  a  Monaco  scrisse  la 
lirica  «Amur  studiosa-*:  essa  sola  parla  di  un  amore  del  poeta,  di  tutti  i  suoi 
amori,  forse  di  tutti  gli  amori  degli  uomini  perchè  è  un  capolavoro.  Si  divide 
in  cinque  piccole  composizioni:  L'  occhio  —  Amore  e  dolore  —  Riconcilia- 
zione —  Beatitudine  —  Rimpianto.  Ognuna  della  composizioni  è  in  tre  strofe 
rimate.  L"  amore  del  poeta  nasce  in  -Occhio->  con  tutti  i  suoi  incanti;  cresce, 
diventa  geloso,  soffre  in  «Amore  e  dolore-;  trionfa  in  Ricon  iliazione  ed  in 
Beatitudine  il  poeta  bisbiglia: 

'Bina,  r  egliada  camionta! 
Sia  manutta  strihonta. 
Sia  patiarla  amurusa. 
Sia  bunetta  gustusa! 
En  pleunadat  dormulenta 
Ura  sin  ura  vergenta; 
L'  olma  traso  murtirada 
Less  è  guder  inagada!» 

ma  in  «Rimpianto-^  già  tutto  1"  incanto  è  sparito  e  V  amore  è  morto.  Era 
quella  la  donna  fatta  per  lui? 

«Miù  cor  ha  quella  bue'  enflau. 

Qualche  anno  più  tardi,  in  un  altro  frammento,  si  ricorda  ancora  con 
dolore  dell"  amore  perduto".  Ma  nel  1889  il  vecchio  scapolo  si  siede 
una  triste  domenica  e  rifa  in  versi  il  diario  della  settimana.  Sente  il 
bisogno  non  più  dell'  amore,   ma  di  una  donna  che  regga  e  governi  la  casa 


^  Cronica  citata. 

-  Presso:    J.  Cahannes,   Das  Kloster  Disentis.     Stans    1889,   pag.  54— r)5. 

'  Reminiscenzas  1870.    Poesia,  p.  70. 

*  Poesias,  p.  61. 


BIBLIOGRAFIA  313 

e  si  curi  di  lui;  si  da  attorno  tutta  la  settimana,  mi  non  tr<)va  che-  difetti 
nella  donna  che  studia  e  dice: 

Per  quei  vi  schar 
De  mandar 
Vi  sar  attents 
Sin  ina  senza  muncaments.»  ' 

Dopo  dieci  anni  agjiiunse  al  diario:  sei  stato  attento,  hai  aspettato,  calcolato, 
studiato  per  trovare  una  donna  senza  difetti 

Ed  eis  uss  in  pauper  bandunau. 

Le  consolazioni  del  poeta  Scettico,  esitante  sempre,  G.  C.  Muoth 
chiedeva  1'  oblio  delle  gioie  che  non  trovava  nelF  amore,  nella  casa,  nella 
famiglia,  nei  bimbi,  nel  dolce  imperio  della  donna  e  cantava:  e  celebrava 
la  casa  e  le  feste  popolari.  Ma  il  più  caro  consolatore,  il  nemico  delle  cupe 
ore  del  poeta  e  suo  ispiratore  era  il  chiaro  e  focoso  vino  di  Valtellina. 

«La  Valtellina  ha  schendrau 

Quei  vin  va  far  puccau, 

E  nos  babuns,  che  vevan  seit, 

Han  priu  giù  dalla  preit 

Lur  spada  liunga,  lur  turschets, 

La  tiara  suttamets.  > 

T  padri  bevvero  trecento  anni  quel  vino  e,  discordi  in  tutto,  si  trovarono  uniti 
per  difendere  quelle  viti.  Se  fu  triste  calamità  1'  aver  perduto  quella  terra 
essi  bevvero  tuttavia  ancora  di  quel  vino  .... 

O  vin  Valtrina,  tgietschen  dar. 
Tei  lein  nus  aunc  gustar, 

Ti  eis  adina  staus  d'  engrau 

Mo  nus  vein  fatg  puccau."  - 

Come  poi  aveva  celebrato  tanti  benemeriti  della  patria,  gli  pareva  ingiusto 
di  non  aver  celebrato  colui  che,  secondo  la  leggenda,  aveva  portato  dall'  Italia 
il  segreto  con  cui  correggere  le  vigne  del  Reno  che  circondano  Coirà  e  danno 
il  bianco  e  ardente  vino  con  cui  si  dissetarono  e  si  consolarono  vescovi,  capi 
e  plebei  grigioni  e  compose  «Il  barun  Sghier  d'  Aspermunt' ^. 

«Dal  temps  de  Barbarossa 
Ei  stau  in  vegl  Grischun, 
In  um  de  spirt  e  possa, 
Barun  ded'  Aspermunt. 
N       Quel  mava  tier  1'  ujarra 
Cun  siu  imperatur, 
Sunava  la  guitarra 
E  fuva  cantadur.- 


^  Notizias  ord  il  schurnal  d'  in  mat  vegl,  Poesias,  p.  129. 

-  Il  vin  de  Valtrina.    Poesias,  p.  257. 

■'  Il  barun  d"  Aspermunt.     Poesias,  p.  247. 


314  ^  FRANCESCO    VIEI.I 

Di  giorno,  in  battajjlia,  tremendo;  la  sera  beveva;  beveva  in  Lombardia,  in 
Toscana,  a  Napoli.  Qui  trova  un  vino  che  è  il  re  dei  vini  e  poiché  1"  oste 
geli  spiega  che  è  tale,  perchè  Cristo  dentro  vi  ha  sparso  una  lacrima,  il  barone 
cade  in  ginocchio: 

"Ed  ur":  O  Segner!  spondas 
Ti  larmas  aunc  sii  mund, 
Sche  sponda  sin  la  gondas 
Dil  Crest  ded  Aspermunt. 
E  r  orazion  ferventa 
Ei  stada  de  vertit 
E  bein  suffizienta 
De  transformar  la  vit. 

Così  il  poeta,  evocati  gli  eroi  e  combattuta  la  grande  battaglia  per  la  causa 
nazionale  romancia,  deridendo  e  flagellando  le  mutazioni  e  le  dedizioni  della 
sua  gente  ali"  invadenza  forestiera,  solo  e  deserto,  disilluso  nelle  sue  fedi  e 
nei  suoi  affetti,  chiudeva  V  opera  sua  non  in  dolore  disperato  e  disdegnoso, 
ma  guardando  alla  patria  ed  accettando  dalla  vita  le  poche  consolazioni  che 
essa  poteva  porgergli. 

Francesco  Dante  Villi. 


Modem  Language  Notes.     Voi.  33,  number  1  (January  1918). 

20— 23:*H.  L.  Bruce,  Feriod  ofgreatest  popidarity  of  Voi  taire' s  pìays 
on  the  Englislì  stage.  Voltaire's  popularitj'  reacht  its  climax  in  the  therd 
cwarter  ov  the  ehteenth  century,  rather  than  in  the  second  cwarter  (az  stated 
by  Lounsbury).  —  30—33:  H.  C.  Lancaster,  Four  letters  of  Racine.  A 
discussion  ov  letters  suppozed  to  be  by  Racine.  —  Reviews.  33—38:  R.  Schevill, 
A  first  readcr  in  Spanish;  F.  B.  Luquiens,  Elementary  Spanish-Aìueri- 
can  reader  ;  E.  W.  Supple,  Spa/iis/i  recider  of  SoutJi  American  /listory; 
J.  Warshaw,  SpanisJi  American  cotnposition  hook;  L.  A.  Wilkins  and 
M.  A.  Luria,  Lecturas  fciciles  con  ejercicios;  V.  Fuentes  and  V.  E.  Francois, 
A  trip  to  Latin  America  (in  very  simple  Spanish),  reviewd  by  E.  S.  Ingraham. 
—  45—46:  G.  L.  Kittredge,  A  stitdy  of  Gaisoain  and  the  Green  Knight, 
reviewd  by  K.  F.  Smith.  —  Correspondence.  53—55:  K.  F.  Smith,  Note  on 
Dante,  Inferno  viii  7.  The  mar  di  tutto  il  senno  may  refer  to  Maro, 
Vergil's  cognornen.  —  58—59:  G.  W.  Thayer,  Barlaam  and  Joasaph. 
The  Cleveland  Public  Library  has  a  version  publisht  at  Venis  in  1514;  it 
seems  to  be  òlder  than  enj^  other  dated  Italian  text.  —  Brief  mention.  64: 
E.  Buceta,  Biblioteca  Calleja  (segunda  serie). 

Number  2  (February). 

65—73:  L.  F.  Mott,  Renan  and  Matthew  Arnold.  A  discussion  ov 
Renan's  influence  on  M.  A.  —  79-85:  B.  M.  Woodbridge,  Mme  de  Monte- 
span  and  la  Princesse  de  Clèves  Remarks  on  the  sorse  ov  à  passage 
criticized  by  Bussy.  —  Reviews.  111  —  113:  D.  H.  Carnahan,  The  Ad  deum 
vadit  of  Jean  Gerson,  reviewd  by   D.  S.   Blondheim.  —  Correspondence. 


HIKLIOCIRAFIA  315 

132—122:  O.  M.  Johnston,  Froissart' s ,  Dittié  de  la  flour  de  la  Margherite. 
A  note  on  the  sorse  ov  the  mith  about  flouers  growing  from  teers.  —  123: 
S.  G.  Patterson,  Note  oii  the  Haclictte  Rousseau.  An  editnrial  mistake 
corècted. 

Number  3  (March). 

129 — 137:  J.  D.  Bruce,  Gaìaliad,  Nascien  and  some  other  names  in 
■the  Grail  romances.  On  the  history  ov  several  proper  names.  —  150—154: 
G.  R.  Havens,  The  date  of  the  composition  of  Manon  Lescaut.  Probably 
1722—23.  —  154—163:  J.  van  Home,  Cotnment  on  some  posthumous 
poems  and  fragments  of  Leopardi.  —  Reviews.  163—168:  R.  S.  Rose, 
Do)i  Francisco  de  Qnevedo  por  Eulogio  Fiorentino  Sanz,  reviewd  by 
E.  Buceta.  —  Brief  mention.  182:  E.  Buceta,  Menéndez  Pidal's  Antologia 
de  prosistas  castellanos. 

Number  4  (Aprii  1918). 

P.  208—211:  H.  C.  Lancaster,  Molière's  borrowings  from  the  Comédie 
des  proverbes.  Molière  seems  to  hav  made  use  ov  Montluc's  Comédie  des 
proverbes.  —  Review,  p.  236—238  :  Las  Bvrlas  Veras,  coraedia  famosa  de 
Ivlian  de  Armendariz,  edited  by  S.  L.  M.  Rosenberg  (Philadelphia,  1917), 
reviewd  by  M.  Romera-Navarro.  —  Brief  mention,  p.  254—255:  K.  McKenzie, 
Scherillo's  edicion  ov  Petrarc's  Canzoniere  (Milano,  1918). 

Number  5  (May  1918). 
P.  268-278:  T.  A.  Jenkins,  Deschamps' Ballade  to  Chaucer.  Text,  trans- 
lacion  and  comments.  —  Review,  p.  304 — 306:  First  Spanish  Course  by 
E.  C.  Hills  and  J.  D.  M.  Ford  (Boston,  1917),  reviewd  by  S.  M.  Waxman. 
—  Correspondence,  p.  309—310:  B.  M.  Woodbridge,  A  motto  of  Mérimée's. 
Remarks  on  la  ine  est  un  combat.  —  P.  311:  J.  de  Perott,  The  Spanish 
ìòìom  f arido  en  .  .  .  —  Brief  mention,  p.  320:  R.  A.  S.,  Simplest  Spoken 
French  by  W.  F.  Giese  and  B.  Cerf  (New  York);  War  Frencìi  by  C.  D.  Willcox 
(New  York);  Frencìi  for  Soldiers  by  A.  F.  Whittem  and  P.  W.  Long 
Cambridge). 

-   Number  6  (June  1918). 

Reviews,  p.  357—366:  Ossian  en  France  par  P.  van  Tieghem  (Paris, 
191 7  \  and  L' Année  littéraire  (1754  —  1790)  comme  intermédiaire  en 
France  des  littératures  étrangères  par  P.  van  Tieghem  (Paris,  1917  \ 
-reviewd  by  E.  P.  Dargan.  —  P.  366—376:  Living  French  by  R.  T.  Holbrook 
(Boston,  1917),  reviewd  by  P.  B  Fay.  -  Brief  mention,  p.  384:  P.  B.  Fay, 
Handbook  of  French  Phonetics  by  W.  A.  Nitze  and  E.  H.  Wilkins  (New 
York,  1918). 

Number  7  (November  1918). 

399-405:  E.  e.  Dunn,  The  Drawbridge  of  the  Graal  Castle.  The 
bridj-episode  in  Crestien's  Contes  del  graal  (3356—3383)  seems  to  hav  a 
Celtic  basis.  —  Review,  424 — 427:  R.  S.  Phelps,  Italian  Grammar  (Boston, 
1917),  reviewd  by  G.  Gruenbaum.  -  Correspondence^437 — 438:  G.  H.  Gerould» 


316  E.    H.    TUTTLE 

Deschamps  as  Etistace.  Remarks  on  T.  A.  Jenkins'  artici  in  the  May 
number.  —  438—440:  O.  H.  Moore,  Boccaccio' s  Filocolo  and  tJie  Annun- 
ciation.  Lelios  prair  iz  derived  from  the  ferst  chapter  ov  Lukes  Gospel. 
—  441—442:  M.  A.  Buchanan,  Gray's  Elegy  in  Spanish.  Many  transla- 
cions  wer  made  besides  thós  menciond  in  Northups  Bibliographie  of 
Thomas  Gray. 

Number  8  (December  1918). 
476—480:  R.  C.  Whitford,  Madaìne  de  Staèl's  literary  reputation  in 
America.  Mme  de  Stael  waz  known  and  apreciated  in  America  befoar  the 
apearance  ov  her  work  De  l'Ali  emagne.  -  Reviews,  481—484:  E.  Levi, 
H  libro  dei  cinquanta  miracoli  della  F^r.^"/»^  (Boloo-na.  1917).  and  I  mira- 
coli della  Vergine  neW  arte  del  medio  evo  (Roma,  1918),  reviewd  by 
T.  F.  Grane.  -  485—491:  M.  Romera  Navarro,  El  ìiispanismo  en  Norie 
Atnérica  (Madrid,  no  date  givn),  reviewd  by  E.  Buceta.  —  Correspondence, 
501—503:  A.  H.  G.  Spiers,  Molière  and  Corneille.  The  speech  ov  Thomas 
Diafoirus  in  le  Malade  imaginaire,  ii,  5,  iz  derived  from  Corneille,  not  (az 
ofn  asumed)  from  Cicero.  —  503  504:  R.  \^eeks,  Flowers  from  blood  in 
Old  French  literature.  Remarks  on  O.  M.  Johnstons  artici  in  the  February 
number. 

Publications   of  the   Modem  Language.    Association   of 
America,  volume  33,  number  1  (March  1918j. 
96—134:  O.  H.  Moore,   The  romanticism  of  Guy  de  Maupassant.    A 
discussion  ov  M.'s  caracteristics  and  sorses. 

Number  2  (June  1918). 
204—234:  A.  Carnoy,  L'imagination  flamande  dans  l'école  symbolique 
fran<;aise.    A  discussion  ov  the  Flemish  features  ov  the  symbolistes,  meny 
ov  them  being  nativs  ov  Belgium. 

Number  3   (September)   and   4    (December)   contain    no 
Romanie  papers. 

E.    H.    TuTTLE. 


CRONACA  BIBLIOGRAFICA  E  CRITICA. 


J.  Murray.  Le  Chdteau  d'amour  de  Robert  Grosseteste,  Paris,  Champion 
1918,  pp.  182.  —  Ciò  che  il  M.  dice  di  R.  Grosseteste  e  delle  sue  opere  è 
interessante  e  utile.  Per  contro,  V  edizione  del  Chàteaii  d'  amour,  poemetto 
morale  la  cui  fortuna  fu  di  gran  lunga  superiore  al  suo  merito  intrinseco, 
lascia  molto  insoddisfatto  lo  studioso.  Manchevole  1'  esame  linguistico,  oltre- 
modo lacunoso  il  glossario:  né  vale  a  cancellare  la  cattiva  impressione  che 
la  lettura  di  questa  edizione  produce  nel  critico,  la  coscienziosa  descrizione  dei 
manoscritti  del  poemetto  del  Grosseteste.  È  accaduto  che  in  luogo  di  f  sia 
stato  stampato  soventi  volte  5  tanzi  7),  p.  es.  forfet  invece  di  forfet,  sei 
invece  di  fei,  fu  invece  di  fu,  confunt  invece  di  confuiit  ecc.  ecc.  11  numero 
stragrande  di  questi  s,  in  luogo  di  f,  è  sorprendente,  e  non  si  capisce  come 
r  a.  li  abbia  lasciati  passare  durante  la  correzione  delle  prove  di  stampa.  La 
punteggiatura  è  difettosissima  ed  io  non  starò  a  rilevare  i  molti  casi,  in  cui 
manca  un  punto  o  il  punto  si  trova  laddove  tutt'  al  più  occorrerebbe  una 
virgola  (?il  punto  fermo  sta  per  un  punto  interrogativo  (p.  es.  v.  394).  ecc. 
ecc.  Il  rettore  interverrà  facilmente  laddove  1'  autore  è  caduto  in  fallo.  V.  43 
O  es,  seignurs,  corr.  Oea,  seigiiurs.  V.  146  Ott  guerra  il  mesate.  Corr. 
On  guerra  il  mes  aie.  V.  208  Ki  trestut  san  sen  saveit.  .Corr.  son  sens 
aveit  (cfr.  v.  315  plein  de  sens)  ovvero:  son  sen  s'  aveit.  V.  742  Corr. 
pai  in  par.  V.  80 1  Cest  li  diable.  Corr.  C  est  li  d.  Vv.  845—46  :  Natures 
dous  a  cest  la  somme.  De  verrai  Deu  e  verrai  home.  Corr.  Natures 
dous  a .—  e'  est  la  somme  —  De  verrai  ecc.  V.  1421  Eient  il  (sing.). 
Corr.  Eie  'nt  (inde).  V.  1499  Corr.  autresi.  V.  1570  Corr.  E  en  pnson. 
V.  1719  Corr.  C  est.  Nel  glossario  mancano  voci  importanti,  p.  es.  derubes 
V.  1544),  su  cui  v.  'Romania-'  XXXIX,  218  e  <Rev.  de  dial.  rom.>>  IV,  110. 

G.  B. 

F.  Torraca.  L'  Entrée  d'  Espagne.  (Estr.  dagli  Atti  d.  R.  Accad.  di 
Arch.  Lett.  B.  Arti  di  Napoli^  N.  S.,  voi.  VI)  Napoli,  1917,  pp.'85.  —  L' 
edizione  del  Thomas  dell'  Entrée  (vedasi  un  mio  resoconto  nel  «Giorn.  stor. 
d.  lett.  ital.  LXVI,  426)  ha  permesso  al  T.  di  addentrarsi  nell'  esame  del 
prezioso  poema  franco-italiano.  Delle  attitudini  artistiche  dell'  autore  pado- 
vano e  della  sua  coltura  il  T.  ragiona,  mentre  offre  un  sunto  dell'  opera  e 
propone  alcuni  emendamenti  al  testo.  Stabilisce  anche  che  1'  Entrée  fu  com- 
posta fra  il  1298  (data  della  composizione  del  Milione  di  Marco  Polo  a  cui  il 
poeta  ha  attinto  in  un  punto  della  sua  fatica)  e  il  1328  (nel  quale  anno,  come 


318  GIULIO    BERTONI 

vide  già  il  Rajna.  Giovanni  di  Nono  riassunse  in  parte  e  in  parte  tradusse  un 
passo  del  poema).  \\  1515  tisian.  Non  Asian,  come  corresse  il  Th.,  ma 
ti  stari  <tuo  zio»,  come  propone  il  T.  Mi  sia  concesso  di  ricordare  il  merid. 
siami  (Tappolet,  Verwandtschaftsnamen,  p.  95);  C>«//7.  del  Pucci  :  siano; 
Fiori  e  Bianc.  (ediz.  Crescini,  II,  148l:  lo  suo  QÌano  ;  Uggeri  il  Danese  (San- 
visenti,  p.  171):  ciano,  ant.  ital.  siano  (Petrocchi).  Vedi:  Bertoni  Zeitschr. 
f.  roman.  Phil.  XXIX,  343.  Il  guasc.  sian  siaa  zia»  (Lespy  et  Raymond, 
p.  280)  risale  alla  deci,  in  -anem,  mentre  le  forme  italiane  in  -aìio  rappre- 
sentano, avuto  riguardo  air  emil.  siin,  una  forma  di  thius  col  suff.  -anum 
(emil.  -inum).  Quanto  a  ti  tuo»,  cfr.  nella  stessa  Entrée:  ini  «mio»  (Thomas, 
introd.  pron.  poss.).  Altre  proposte  del  T.  toccano,  a  mio  avviso,  la  verità 
mentre  per  alcune  rimangono  parecchi  dubbii.  Chiudo  osservando  che  il 
vocabolo  regort  (v.  4971)  designa  probabilmente  un  campo  di  fieno.  Cfr.  i 
riflessi  di  chordum  e  rechordum  raccolti  dallo  Jud,  «Arch.  f.  d.  St.  d.  n. 
Spr.  u.  Lit.»  CXXVII,  421. 

G.  B. 


Torraca  Francesco.  Giovanni  Boccaccio  a  Napoli  {1326—1339).  Estratto 
dalla  "Rassegna  Critica  d.  letter.  italiana»  Voli.  XX -XXI.  F.  Torraca  ri- 
prendendo lo  studio  del  de  Blasiis  «La  dimora  del  Boccaccio  a  Napoli  cominciato 
a  pubblicarsi  nel  1882  nell'  Archivo  storico  napoletano  e  rimasto  disgrazia- 
tamente interrotto,  riesce  a  portare  sulla  scorta  di  nuovi  e  importanti  docu- 
menti in  porto  la  non  facile  impresa,  con  quale  utilità  degli  studi  boccacceschi 
ciascuno  comprende  che  conosce  1'  acutezza  e  la  notevole  diligenza  di  ricerca 
dell"  autore  e  1'  importanza  di  questo  periodo  nella  vita  e  nelT  opera  del 
certaldese.  » 

Il  Torraca  valendosi  di  un  passo  del  Filocolo  riesce  a  precisare  la  data 
della  venuta  a  Napoli  del  Boccaccio,  dicembre  1325.  Comprendiamo  sola- 
mente ora  r  accenno  a  Sulmona  "freddissima  e  circondata  da  fredde  mon- 
tagne ,  perchè  tale  si  presentò  la  città  al  nostro  scrittore  nel  cuore  dell' 
inverno. 

Seguiamo  il  Boccaccio  attraverso  il  suo  studio  ed  amore  per  Dante  così 
grande  e  profondo  da  far  ritenere  che  le  sentenze,  le  similitudini,  le  locu- 
zioni dantesche  così  frequenti  nel  Filocolo  gli  spuntassero  spontanee  di  sott() 
la  penna. 

Importanti  sone  le  identificazioni,  allo  quali  attraverso  diligenti  ricerche 
il  Torraca  è  pervenuto.  11  maxinms  mercator  coi  quale  il  Boccaccio  venne 
a  Napoli  e  presso  il  quale  non  fece  altro,  per  sei  anni,  che  perdere  il  tempo, 
è  Bentivegna  di  Buonsostegno,  Calmeta  è  Paolo  da  Perugia. 

Interessanti  e  preziose  notizie  ci  sono  fornite  intorno  a  quelli  che  ebbero 
influenza  suH"  educazione  del  Boccaccio  quali  il  Bardato,  il  Barrili,  Paolo 
Minorità.  \'  Agostiniano  Dionigi.  Roberto"  da  S.  Sepolcro,  Paolo  da  Perugia. 
Di  costui  il  T.  parla  diffusamente  illustrando  le  Collectiones»,  disgraziatamente 
perdute,  ma  che  tanta  eco  trovano  nell"  opera  del  Boccaccio,  i  commenti  a 
Persio  e  alla  Poetica  di  Orazio,  quesf  ultimi  trovati  dfil  Torraca. 

Sulla  scorta-  di  questi  nuovi  documenti  e  studi  il  Torraca  fa  del  Filocolo 
un  esame  pieno  ed  esauriente  ponendo  in  rilievo  tutta  1'  importanza  dell' 
innovazione   del  Boccaccio  nel  Filocoln  nel  c|u;il(,'  attua  1'  ardito  pensiero  di 


CRONACA  319 

versare  hi  cultura  classica,  lar.uamcnte  acquistata,  in  un'  opera  d'  immagina- 
zione scritta  in  volgare. 

Con  valide  ragioni  è  sostenuta  la  paternità  del  Boccaccio  della  «Caccia  di 
Diana  .  11  poemetto  gli  è  ispirato  dalla  sua  vita  napoletana  e  dalla  cono- 
scenza eh'  egli  aveva  di  queir  ambiente. 

Troviamo  qua  e  là  interessanti  notizie  sulle  abitudini  e  costumanze  napole- 
tane ai  tempi  del  Boccaccio,  accenni  alla  moda  e  a  costumi.  Alla  presenza 
dei  giullari  a  Napoli  forse  si  deve  1'  importazione  degli  eleganti  versi  del 
Petrarca,  che  fin  dal  1334  il  certaldese  cominciò  a  con'oscere  e  ad  ammirare. 

Trattato  ampiamente  di  Maria  d'  Aquino,  il  Torraca  esamina  il  Filostrato 
e  la  Teseide,  dimostrando  la  priorità  di  questa  su  quello,  facendo  vedere 
che  il  Boccaccio  molto  vi  ha  messo  di  sé,  molto  della  storia  del  suo  amore 
nei  primi  tre  canti,  e  in  tutto  il  carattere  di  Troilo  .  .  .  perciò  Troilo  è  quasi 
il  primo  getto  di  ciò  che  poi  sar'à  Fiammetta  nel  romanzo,  che  da  lei  prenderà 
il  titolo. 

L'  autore  in  proposito  di  certe  scoperte  nuovissime  basate  su  ipotetiche 
basi  di  critica  invita  a  pensare  al  giudizioso  avvertimento  di  Guido  Orlando 

Per  troppa  sottiglianza  il  fil  si  rompe; 

ma  non  così  possiamo  pensare  e  ritenere  del  T.,  sebbene  fini  e  sottili  siano  le 
sue  deduzioni,  e  arrivi  a  conclusioni  di  gran  lunga  diverse  a  quelle  di  tanti 
critici,  che  nello  studio  di  questo  periodo  1'  hanno  preceduto. 

T.  S. 

A.  Kolsen.  Dicììtmigcìì  dcr  Trobadors,  3.  Heft.  Halle,  Niemeyer,  1919 
(cfr.  «Arch.  Rom.»  1,  272).  —  Continuazione  della  raccolta  che  il  K.  va  ap- 
prestando con  molta  diligenza,  ma  con  criteri  distributivi  tutt'  altro  che  chiari. 
P.  161.  È  sfuggito  al  K.  un  secondo  studio  del  Crescini  in  Atti  del  R.  Ist. 
Ven.  di  Se.  Lett.  ed  Arti  ,  LXX,  p.  267  sgg.  Che  marcheis  (v.  3)  risalga 
col  Cr.  a  niarescheis  non  credo,  e  non  credo  neppure  che  si  debba  intendere 
rnarqiiis.  1  niarchis  saranno  i  prati,  ove  radunanvasi  le  truppe  nella  bella 
stagione.  P.  16*:',  v.  74  qii  en  dcs  iicìiaiso.  Il  ms.  V  ha  qeni.  Corr.  que'ni 
desiicliaiso  «che  mi  discolpi,  che  mi  scusi»  (cfr.  i  sensi  di  ochaisonar,  accanto 
al  qual  verbo  è  ben  lecito  ammettere  un  desochaisonar).  P.  173.  v.  9  ai 
raso;  v.  13.  Io  leggo  semplicemente:  Si  peri  mon  joy  et  autresi  ostatge. 
P.  178,  vv.  ,5—6.  Leggere:  Per  qii'  csqitiii  —  Tot  quau  vcy  qii  a  penas 
vili.  Ho  r  impressione  che  il  K.  cerchi  (e  trovi)  delle  difficoltà  anche  là  dove 
non  sono.  P.  188.  Virgola  o  punto  e  virgola  dopo  il  v.  4.  P.  209,  v.  15. 
Che  qui  (iuido  de  Cavaillo  si  rivolga  anziché  a  Ricaut,  a  una  certa  Peironella, 
non  mi  pare  punto.  Nella  frase  /'  esdig  no  Pciroìicìla  deve  nascondersi 
un'  allusione  che  ci  sfugge. 

G.  B. 

Lopez-Celley  Ezio.  La  Crisi  inde  di  AL  G.  Vida.  Poema  della  Rif orina 
cattolica.  Alatri,  Isola,  1917.  —  Nel  1907  Andolfi  Otello  pubblicava  in  Roma 
uno  studiolo,  tutto  entusiasmo  e  ammirazionione,  sulla  Cristiade  del  \'ida, 
versando  in  quelle  63  pagine  1'  ardore  che  la  lettura  del  poema  cristiano,  fatta 
con  intendimenti  estetici,  può  risvegliare  in  un'  anima  aperta   alla  compren- 


320  (HULfO     KKRTONl 

sione  della  poesia  e  delF  umanità  dell'  argomento  trattat<i  dal  grande  Cre- 
monese. 

Alla  distanza  di  dieci  anni  con  ugual  entusiasmo  il  D"".  Lopez-Celley, 
ma  con  criteri  diversi,  in  opera  più  poderosa  e  più  nutrita  di  studi,  si  in- 
dustria a  far  rivivere  la  Cristiade  e  a  delinearci  1'  ambiente,  dal  quale  doveva 
nascere  e  di  cui  doveva  essere  il  migliore  esponente. 

Ma  mentre  1'  autore  parte  da  un'  ottima  tesi,  dimostrando  cioè  tutta  1'  in- 
fluenza esercitata  dal  Divino  Amore  e  dal  nuovo  risveglio  di  studi  e  di  fervore 
religioso,  di  cui  è  frutto  e  specchio  la  Cristiade  e  tutta  la  rimanente  produ- 
zione letteraria  di  carattere  religioso,  d'  altra  parte,  per  troppo  amore  di  tesi, 
spinge  le  sue  conclusioni  tropp'  oltre,  come  quando  afferma  che  la  Cristiade 
è  poesia  umile,  domestica,  destinata  a  rimanere  entro  la  chiusa  cerchia  di 
una  società  religiosa,  più  che  espandersi  con  gli  squilli  della  tromba  epica, 
il  che  non  si  può  ammettere,  né  per  quanto  si  adoperi,  V  autore  riesce  a 
dimostrare. 

Né  conveniamo  con  lui  quando,  sempre  per  troppo  amore,  cerca  di  far 
gravitare  tutta  la  produzione  letteraria  di  questo  movimento  religioso  intorno 
alla  Cristiade.  L'  effetto  ottenuto  è  tutto  il  contrario  del  desiderato.  Centro 
del  nuovo  sistema  cosmico-letterario  è  la  terra  in  luogo  del  sole. 

Per  quello  che  riguarda  i  rapporti  tra  il  Vida  e  Leon  X,  avrei  voluto  che 
r  autore,  che  dimostra  di  non  ignorare  la  fonte,  si  fosse  valso  dei  tratti  della 
prima  redazione  dell'  A7'te  poetica  ommessi  dal  Vida  nella  redazione  finale. 

Si  suole,  e  tutti  lo  ripetono,  ritenere  che  tutti  i  meriti  dell'  amicizia  tra 
Leone  X  e  il  Vida  si  debbano  attribuire  al  Gtberti.  Non  nego  che  1'  ami- 
cizia tra  il  Giberti  e  il  Vida  non  abbia  avuto  i  suoi  frutti,  ma  osservo  che, 
se  si  tenessero  nel  debito  conto  quei  tratti,  che  tante  questioni  possono  aiutarci 
a  risolvere  riguardo  al  Vida,  si  troverebbe  che  al  nostro  poeta,  nei  primi  tempi 
del  pontificato  di  Leone  X,  fu  di  valido  aiuto  e  protettore  Ercole  Rangoni. 
Parlano  con  abbastanza  evidenza  questi  versi  : 

Quidquid  canam,  quodcumque  canam,  non  Herculis  esse 

Rangonis  memor  et  laudum  meminisse  tuarum; 

O  praestans  animi  iuvenis,  spes  maxima  vatum! 

Tu  magnum  mihi  conci lias  ultro  ipse  Leonem. 

Ocia  tu  mihi  fecisti;  me  spernere  vulgi 

Insanas  curas  atque  impia  vota  dedisti  .  ecc. 

Queste  e  altre  osservazioni,  che  potrei  fare,  non  debbono  menomare  per 
nulla  i  meriti  dello  studio  accurato  del  Lopez-Celley,  studio,  nel  quale  egli 
ha  raccolto  fin  troppa  dottrina. 

L'  avere  voluto  trattare  troppi  argomenti  e  il  non  avere  sempre  saputo 
mostrare  quale  relazione  abbiano  col  soggetto  principale  nuoce  alla  riuscita 
del   volume. 

Buoni  elementi  ci  sono,  perchè  riprendendo  1"  argomento  e  1'  esame  accu- 
rato della  vita  e  dell'  opera  del  Vida,  1'  A.  possa  giungere,  per  quanto 
riguarda  la  Cristiade.  all'  opera  definitiva  tanto  auspicata  dal  compianto 
Novati.  y    t;; 


.-' 


ARCHIVUM  ROMANICUM 

Voi.  3.  —  No.  ;>.  Luglio— Settembre   1919. 


Poesie  alchimistiche  attribuite  a  Jean  de  Meun. 

Fra  i  codici  francesi  posseduti  dalla  R.  Biblioteca  Universitaria  di 
Bologna  è  singolarmente  notevole  una  raccolta  di  scritti  alchimistici 
latini  e  francesi,  in  prosa  e  in  verso,  in  centosessantatre  volumetti 
racchiusi  in  trentotto  buste  col  n.  457,  provenienti  dai  Conti  Caprara, 
come  tutti  i  codici  d'  alchimia  posseduti  dalla  stessa  biblioteca.  Non 
so  chi  di  questa  famiglia  siasi  tanto  dilettato  di  questa  scienza;  ma  è 
certo  che  la  raccolta  fu  messa  insieme  a  Parigi,  o  almeno  in  Frància, 
nella  prima  metà  del  secolo  XVI  ^,  e  poscia,  fu  diligentemente  collazio- 
nata con  altri  codici  dal  lò'if)  al  1639.  Ciò  che  rende  più  pregevoli 
cotesti  codici  sono  le  postille  marginali,  che  indicano  da  quali  testi 
originali  furono  tratte  le  copie,  o  con  quali  collazionate,  ed  il  tempo 
della  trascrizione,  o  collazione.  Gli  archetipi  di  cui  si  servi  il  racco- 
glitore erano  tutti  di  proprietà  privata,  ed  appartenevano  principalmente 
a  M^  de'  la  Barre,  a  M^  de  Champigny,  a  Al'.  (ìuy  de  la  Brosse 
<  1550  — 1641),  a  M'.  Gabriel  (oly,  a  M^  Geolfrois  Du  Bois  gentilhomme 
de  Normandie.  a  j\F.  de  Brignoles,  a  M"".  de  Raganc  e  ad  altri  biblio- 
fili francesi. 

Non  poche  sono  in  cotesti  codici  le  poesie  attribuite  a  Giovanni  di 
Meung,  o  Meun,  il  celebre  continuatore  del  Roniaìì  ile  la  Rose. 

Egli  fu  pure  un  appassionato  studioso  d"  alchimia,  come  appare 
dallo  stes.so  Roman  de  la  Rose,  e  particolarmente  dai  versi  17  001  e 
seguenti  (secondo  1'  edizione  di  Francisque  Michel  del  1872)-.  nei  quali 
descrive  le  progressive  trasformazioni  metalliche  nel  crogiuolo  dell' 
alchimista.       On    n'aurait    donc    pas  été  surpris  (scrive  Paulin  Paris") 


^  Il  conte  Alberto  Caprara  lettore  di  filosofia  morale  nello  Studio  bolo.t!inesc 
(1667 — 69).  neuli  anni  1664—65  era  in  Francia  searelarit»  del  Card.  Rinaldo 
d"  Este. 

"  Non  posso  consultare  T  introduzione  di  E.  La.n(.i,oi>-.  Le  Roman  de  la 
Rose  par  Giiillaìiììi'e  de  Lorris  et  Jean  de  Meunii,  1.  Paris.  P'14.  intro- 
duzione, nella  quale  si  parla  dei  mss.  Il  v(tl.  II.  contenente  il  testo,  non  è 
d"  altronde  ancora  comparso. 

-  Hi  stai  re  l  iti  ér  aire  de  la  Frane  e  (XXVlll.  P,92). 

Archi\um  Romanicuin    —  Voi.  ?>.  —  l^JU».  •  "M 


322 


l.()DOViC(^    KRAI  1 


«de  le  voir  ensuite  composer  des  traités  spéciaux  sur  les  moyens 
«d'obtenir  ces  transformalions  si  longtemps  et  toujours  si  vainement 
«attendus  ^ 

1  versi  del  Roman  de  Rose  che  si  riferiscono  alla  scienza  alchi- 
mistica sono  trascritti  in  due  volumetti  della  nostra  collezione,  cioè 
nel  cod.  179  (e.  1430'^  e  nel  cod.  457  (Busta  XXXTV,  n.  3,  e.  37)3. 

Alcuni  versi  che  incominciano: 

A  ceste  rubriche  estudier, 

e  che,  secondo  una  postilla  marginale,  apparterebbero  al  Testamento 
di  Jean  de  Meun,  non  corrispondono  al  testo  quale  è  ripubblicato  dal 
Méon,  ed  anche  sono  rimati  diversamente.  Si  trovano  nei  due  codici 
179  (e.  144^')  e  457  (Busta  XXI,  n.  7,  e.  203),  nel  primo  de'  quali  è 
notato  in  margine  :  Cecy  est  intittilc:  Testament  de  AP.  Jean  de 
Mehun  *.  Neil'  altro  codice  si  ha  il  seguente  titolo  :  Addition  trouvée 
après  les  vers  de  Jehan  de  Meung  estraits  dti  Roman  de  la  Rose. 
Ne  trascrivo  i  primi  versi  : 

Addicion  stibsequente  por  faire  elixir  naturel. 

A  ceste  rubriche  estudier 

Qui  veult  mon  elixir  composer, 
Si  entende  bien  ceste  rime, 
Car  point  ne  contient  de  sophisme: 
Mais  est  oeuvre  de  dieu  transmise 
Qui  est  par  les  anciens  prise, 
etc. 

La  Complainte  de  la  nature,  attribuita  a  Jean  de  Meun  dal  Méon'"', 
trovasi    nel   cod.  457  (Busta  V.  n.  5),    del  secolo  XV,  ed  incomincia: 

Helas!  que  je  suis  malht-ureusel 

Finisce: 

Mo3'ennent  Dieu  et  bon[ne]  nature. 

'  11  cod.  109  (II)  della  Biblioteca  Univ.  di  Bologna  contiene  il  Liber  de 
magni  lapidis  compositione .  e  vi  è  notato:  Attrihuituv  atiteni  tractatus 
iste  maiiistro  Joanni  de  Meun. 

2  Cfr.  coi  vv.  17  061-17  084  nell"  edix.  di  Francisque  Michel  (1864),  II,  173. 
^  Cfr.  coi  vv.   17004  — 17084' della  stessa  edizione. 

*  Trascritto  da  un  cod.  di  M^-  de  Brignoles. 
*■'  Voi  IV.  pp.  135  e  sejjo-. 


POESIE    ALCHIMISTICHE    ATTRIBUITE    a'  JEAN    DE    MEUN  323 

Non  trovo  che  nell'  edizione  del  Méon,  né  in  quella  di  Francisqme 
Michel  sia  fatto  cenno  di  una  poesia  che  trovasi  in  due  codici  segnati 
n.  1445  (e.  7P)  e  n.  457  (Busta  VII,  n.  2,  p.  89).     È  intitolata: 

Caìcination   de  notrc  première   maticre  quant  on  la  mect  dessus 
terre  mise  en  mcmte  pondre,  par  M^.  Jean  de  Mehun. 


Ed  incomincia  : 


La  caìcination  que  je  devise 

Est  digne  qu'en  tous  lieux  est  prise; 
Car  pour  dissouldre  et  congéler 
Métaulx  se  peuvent  calciner. 


Finisce 


Affin  que  les  bons  ne  m'en  haient. 

Nel  cod.  457  ha  questo  titolo: 

Caìcination  de  nótre  oeuvre  première  matière.  Qitand  on  la  met 
dessHS  la  terre  mise  en  menue  poitdrière,  par  M^'.  Joh^.  de 
Meiing-Jeìian  de  Meung. 

In  ambedue  i  codici  questa  poesia  è  seguita  immediatamente  da  un' 
altra  che  incomincia  : 

Une  chose  est  qui  la  scauroit  ^ 

Sur  toutes  désirant  en  seroit 


e  termina 


D'entrer  en  l'oeuvre  d'alchemie. 


Explicit  Magister  Johannes  de  Mehun^.  Nel  cod.  1445  è  intitolata: 
Maistre  Jehan  de  Mehun,  e  vi  è  inseritala  Tahle  d' Esmeraude^  che 
va  sotto  il  nome  di  Ermete  Trismegisto  nelle  edizioni  2;  ma  che  in  tre 
nostri  codici  ha  il  nome  di  Giovanni  di'  Meun  sostituito  a  quello  di 
Hermes.  Ermete  Trismegisto  è  un  autore  immaginario,  al  quale  furono 
attribuite   molte   opere   greche   alchimistiche   composte   forse   dai  neo- 


^  Nel  cod.  457  è  aggiunta  questa  postilla:  le  livre  du  Phoenix  et  les 
vers  ont  été  pris  du  Corpus  sur  un  manuscrit  de  Carpin  fan  1529  a 
Montmartin  en  Dauphiné. 

^  La  prima  edizione  è  di  Norimberga,  1541  ;  p?r  altre  edizioni  latine,  fran- 
cesi e  tedesche  v.  Ferguson  John,  Bibliotheca  Chemica  J,  391—393  e 
419-422). 

21* 


H24  LODOVICO     IRAI! 

platonici.  Con  ciò  non  voglio  dire  che  la  Tabula  Smaragdina  sia  di 
Giovanni  di  Meun;  poiché  la  grande  fama  che  egli  erasi  acquistata 
col  Roman  de  la  Rose  forse  fece  si  che  gli  fossero  attribuite  poesie 
composte  da  altri.  Ad  ogni  modo  è  notevole  questa  attribuzione  non 
notata  finora,  eh"  io  sappia,  da  altri.  La  Tabula  Smaragdina  in 
francese  antico,  col  commento  in  pi  osa  francese  di  Martino  1'  Ortolano  \ 
trovasi  pure  attribuita  ad^Hermes  in  un  codicetto  della  prima  metà 
del  secolo  XV,  che  fa  parte^della  nostra  collezione,  nella  busta  XXVIIl, 
n.   1.  ove  incomincia: 


N'raie  chose  san/  point  de  fablc 


e  termina 


J'a}'  nom  Hermes  de  m'enfance. 
En  qui  trois  parz  de  sapience 
De  tout  le  mond  m'ont  éplie 
D'ou  livre  d'or  est  acomplie. 

Nei  codici   1445  (e.  74^)  e  457  (Busta  \'ll.  n.  2)  quest'  ultima  sestina 
leggesi  così  : 

)e  Jehan  de  Mehun  de  mon  enfance. 
Qui  en  trois  pars  de  sapience 
De  tout  le  monde  multiplie 
Dont  livre  d'or  je  acomplie 
En  ma  vie  par  vérité 
,  Au  nom  de  sainte  trinité. 

E  nel  codice  n.  457  (Busta  XXX1V\  n.  :>.  e.  30): 

Jay  nom    (ehan  de  Mun  très  enfance. 
Quy  les  3  part  de  sapience 
Dont  tout  le  mond  multiplie 
Et  livre  d'or  j'ay  acomplie 
En  ma  vie  par  vérité 
Aidant  la  saincte  trenilé. 

Nei  codici   1445  e  457  {VW.  2)  cotesta  poesia   inconìincia  : 

l'ne  chose  est  qui  la  scauroit. 

e  la  così    detta    fabula  Smaragdina   v  preceduta    da    cinquanta    versi 
che  mancano  nelle  edizioni.    Assai  più  lunga  é  nel  codice  n.  457  (Busta 


'  Incomincia:   Jc  dit    Orl/iohìii   desco///// :    Mi/iiii/   fx/i'   d/'oil   him/iìi/c 
envolepc  en  Jacobin,  cti . 


POESIE    ArXHlMlSllCm.    AIJRIHUITK    A    JEAN     DK    MKUN  320 

XXXIV,  n.  3)  ove  è  preceduta  immediatamente  (e.  18')  da  La  Jontaine 
des  atnouyeux,  attribuita  a  Jean  de  la  Fontaine  de  Valenciennes,  secondo 
l'ediz.  del  Méon  (IV.  245)  e  composta  nel  1413.  Incomincia  a  e.  18'' 
come  segue  : 

Ce  l'ut  au  temps  du  moy  de  may 
Qu'on  doit  tuir  deuil  et  esmay 
Que  entré  dedens  ung  vergier 
Dont  zephirus  fut  jardinier. 

E  in  testa  al  verso  : 

Vous  qui  voyez  ceste  escripture 

è  notato  in  margine:  Bu  testament  mestrc  Jchmi  de  Mmu. 

A  Giovanni  di  Meun  sono  pure  attribuite  due  ballate  ;   una   trovasi 
nel  codice  n.  457  (Busta  XXXI,  n.  4,  p.  252)  ed  è  così  intitolata: 

Autrc  halladc  traictant  de  ce  mesme  faict,  composéc  par  M> .  Jehan 
de  Memi. 

Ed  incomincia: 

Qui  en  son  cejeur  veuldra  penser 
A  mes  elixir  composer 
Premier  luy  fault  scavoir  la  kymie 
Qui  point  ne  contient  de  sophisme 
etc. 

L'  altra  ballata  leggesi  nel  codice  n.  458  (n.   12)'  come  segue: 

Balade  maislrc  jehan  de  Mung. 

Qui  veult  estre  enfant  Mais  fault  consulter 
De  vraye  philosophie  Que  sans  espingement 

Fault  estre  estudiant  II  ne  peust  sublimer 

Sur  le  faict  d'alkymie.  A  proffict  nullement. 

Cueillir  la  fleur  jolye  je  croy  certainement 

Qui  croist  au  beau  vergier  Que  bien  j'en  saiche  l'art 

De  mercure  de  vie  Dont  je  me  tais  à  présant, 

Lequel  fault  sublimer.  Et  laysse  celle  à  part. 

'  In  margine  è  notato:   Conféré  le  8  oct.  1625   à  ai  ni  anitre  qiie  J'ay 
de  M^.  de  Bris^noles  r'est  font  un. 


326 


LODOVICO    FRATI 


Sept  fois  fault  sublimer 
Trestoutz  les  esperitz, 
Puys  fault  consulerer 
Le  lieu  cu  seront  mys. 

Or  entendez,  beaux  amys, 
Ce  nota  que  t'  enorte  : 
Il  fault  estudier 
A  bien  faire  eau  forte, 

Car  c'est  la  droicte  porte 
Opurant  les  esperitz 
Au  mains  a  belle  sorte 
Que  j'ay  nouvel  aprins. 

Prand  dono  tes  esperitz 
Qui  sont  bien  sublimés 
Et  sur  ung  marbré  liz 
Il  les  te  fault  ceier 
Puys  te  le  fault  getter 

Dedans  jcelle  eau 
Et  puys  l'evaporer 
Sur  cendres  bien  et  beau; 
Après  sur  un  forneau 

'I\i  les  congelleras 

Dont  ung  corps  tout  no v eau 
Au  fondz  tu  trouveras; 
Puys  tu  les  covras 

C^omme  as  faict  au  premier 
Et  puys  l'abreveras 
De  sei  armeniac  clair; 
Puys  le  metz  au  fumier 

Par  VII  tours  jour  et  nuit 
Pour  bien  purifier, 
Et  a  ton  grand  proffict 
Puys  trouveras  reduict 


Ta  matière  en  eau  clairé 
Dont  auras  acompli 
La  plus  part  du  mistèro. 
Et  ainsi  te  fault  faire 

Du  moins  Y  fois  ou  VI, 
Si  veulx  que  le  mistère 
Taigue  moult  de  parties 
Et  note,  mes  amj^s, 

(^u'il  te  fault  de  la  lune 
Avec  tes  esperitz, 
Ou  tu  n'as  chose  aulcune 
fé  ne  donne  une  prune 
De  trestout  ton  ouvrage 
Se  la  chose  commune 
Le  leuam  sans  paraige, 

Poursu}'  ton  labouraige 
Comme  l'as  commencé, 
Et  puys  tu  trouveras 
Ou  dieu  si  t'a  aj'dé 

COmme  j'ay  divise 
Congelle  ta  matière 
Et  tu  seras  arme 
De  la  pierre  très  claire. 

1  )ont  jecte  une  partie 
Sur  cent  daultung  metail 
Tu  auras,  je  t'apfie. 
Lune  comme  cristail. 

Tu  as  ung  des  secretz 
Qui  font  à  la  science 
Pour  certain  expériences 
Sans  aulcune  faillance. 

je  te  pri,  sans  tardance 

Prie  Jhesus  Christ  pour  moy; 
Car  j'ay  de  la  science 
Extraict  cecy  pour  toy. 


Finis, 


Ludovica   Fra  i  i 


Doeuments  d'hlstoire  trouvés  au  XVI**  siècle  dans 
des   llvres   de  Pierre   Cardinal  et  de   sa  famille 

(1218-1286). 

].  Textes. 

Extraits  du  Livre  de  Podio,  d'Etienne  de  Médicis,  manuscrit  du  XVI<=  siècle 
[tome  I  et  table].  —  Bibliothèque  municipale  du  Puy-en-Velay) 

I.  Anno  domini  millesimo  IP'  XVIII.  fuit  prima  guerra  civitatis 
anicii ,  et  aquel  an  donnet  lo  rey  Ics  privileges  a  la  viala 
del  Peu. 

II.  De  l'encarnacion  nostre  seignor  mil.  11''  e  XXXVI.  ans  qua, 
fo  comènsada  la  clausos  de  la  Chabraria,  et  aquo  a  la  quinzenada 
de  Pascias,  e  fo  faicta  tro  al  portai  que's  te  a  la  maiso  de  Johan 
Rey,  a  la  festa  de  Sainct  Peire  intrant  aoust,  e  costa  XIII.  m. 
sol  de  poges. 

IH.  L'an  mil.  IP'  L  III.  morie  l'avesques  B''  del  Peu  lo  mars  entre 
los  dos  caremantrans,  et  aquel  an  fo  elegit  a  evesque  dom  Peire 
de  Ventadour.  e'I  segont  au  resignet. 

IV.  L'an  mil.  IP'  L  IIII.  tornet  lo  reys  Loys  d'oultre  mar,  el  mes 
de  mars,  el  Peu  en  la  maiso  de  Peire  Cambafort. 


I.  Tome  1.  feuillet  XXVI,  table,  f.  9^".  -  Variantes  de  la  table  :  m'^  du- 
centesimo  decimo  octavo  .  .  .  ville. 
II.  I.  f.  XXVI  et  XXVII,  table,  f.  lO^o.  -  Variantes  de  la  table:  .  . .  mils 
[sol].  —  Le  texte  fut  écrit  «engravé»,  d'après  Médicis,  sus  la  posterie 
outre  le  portalet  de  la  Chabraria'.  —  V.  en  outre,  une  note  au  com- 
mentaire. 

III.  I.  f.  XXVII.  table,  i.   X^^.  —  Variantes   de   la  table:   .  .  .  en   [evesque' 
domp  .  .  .  et  el  segond  .... 

IV.  I.  f.  XXVIII.  table,  IO--".  -  Var.  .  .  .  rev  .  .  .  doultra  .  .  . 


328  e.  FAHKi: 

A'.    |En  lan  .ni.  11'"^  1,  V.  fo  ly  mortondatz  del  Poy.  io  lus  de  Rosols. 
que  fo  ly  festa  de  la  Croux.] 

V\.  Lan  .m.  Il*'  L  XVII.  chevaugeronl  li  home  del  Peu  a  Rieutort 
per  niossen  Guillaume  de  la  Roda,  evesque  del  Peu.  el  mes  de 
septembre. 

VII.  L'an  .m.  Il"  L  XXI.  trames  lo  reys  Philips  el  Peu  mossen  Florent 
de  \'arenas,  chevalier,  et  mossen  Guillaume  de  Villenova,  chanoni 
de  Chartres,  que  ressoupegueront  la  feseutat  dous  hommes  del 
Peu  per  sagrament  a  sainct  Laurens.  lo  dia  de  sainct  Marti 
d'ivern. 


Vili.    L'an  mil   II"  1111^'  et  j.  fo  pres  Laurens  lo  mazeliers  el  fort.    a 
la  porta  de  la  gleisa. 

IX.  L'an  .m.  IL'  IIIL^  et  ij.  lo  re}-  Philip  trames  gens  an  armas 
sobre  Monpelier  et  li  home  del  Peu  anet  qui  se  volia  per  luy, 
et,  per  l'evesque,  aquil  que  so  volgront.  Et  lo  reys  e  l'eves- 
ques  aviant  lours  baneiras  el  Breulh,  et  cridet  on  de  par  chascu: 
et  chascus  anet  per  aquel  que  li  plasia;  et  redront  fé  a  la 
marce  del  rey  de  France  aquil  de  Montpelier  seix  dias  avanl 
la  Magdalena. 


V.  Le  texte  ne  figure  qu'à  la  table.  f.  7.  —  Mais  une  version  latine  se 
trouvc  au  feuillet  XXVIl  du  livrc:  nnus  la  reproduisnns  au  commen- 
taire. 
VI.  I.  f.  XXVIL".  table,  lO^".  —  \ariantts  dr  la  tablc:  ...  avesqut-  .... 
(Le  texte  a  été  conuu  par  les  auteurs  de  la  Cdllia  Christiana,  qui 
le  copièrent  très  inexactement,  croyant,  sans  doute.  à  un  texte  en 
langue  d'oVl:  l,an  .m.  CC.  LXVII.  chevaugerent  les  hommes  del 
Deu  a  Rieutort  ....  |E.  Ch.  Anicii].  —  \'.  Gallia  Christ.  nova, 
II.  e.  236. 
VII.   I.  f.  XXVIL",   tabk.    10'^".  ~  Variantes:    ....  reis   Philip/.  .  .  .  des 

homes  .  .  .  di  ver. 
Vili.    I.  f.  XXIX-^",  table,   IO'".  —  Variantes:  .  .  .  mazelier  .  .  .  for. 
IX.    I.  f.  XXIX-^",  table,  10^".  —  Le  texte  de  la  table  est  si  différent  de 
celai   du   livri-.   que   nous   croyons  utile   de  le  donner  en  entier  pour 
montrcr   le   peu   de  soin    que   Médicis    mettait    parfois  à    relever  les 
documents: 

«Commenl  sur  l'an  .m.  Ib'  llll''^  11.  ay  trouve  une  memoire  en  telz 
termes  :  Lo  reys  Philipz-  frames  i^ens  en  armas  sobre  Montpelier 
et  y  aneront  aquiì  del  Peu,  los  nns;s  el  noni  del  Rey,  anltres  el 


DOCU.MKNTS    D'HISrOlKl.  ?i2^ 

X,  Lan  .m.  11"  1111^^  et  IH.  vent  el  Peu  lo  rey  l'hilips.  X.  dias 
avant  la  Tous  Sainctz,  ung  sablcs,  et  s'en  anet  lo  lus.  Et  moss. 
Guillaume  de  Montrevel,  prcbost  del  Peu,  el  li  autre  chanoni 
rendront  li  las  claux  de  la  viala  et  de  la  claustra  a  la  maiso 
de  Barthoulmiou  Cambafort.  Et  beilet  las  lo  rcys  a  mes  sire 
Guillaume  de  Pont  Chabron,  sencschal  de  Belcaire.  Et  en  aquel 
an  fo  elegit  a  evesque  del  Peu  mossen  Peire  d'Estaing,  archi- 
diacre  de  Rodes,  lo  mars  avant  Tous  Sainctz,  et  non  ou  volguet 
prendre. 

II.  Le  Chapitre  qui  eontient  les  doeuments. 

Ces  espèces  d'éphémérides  ont  été  relevées,  au  XVl«^  siècle,  par 
Etienne  de  Médicis  dans  son  Livre  de  Podio  que  nous  décrirons  som- 
mairement  plus  loin.  Le  compilateur,  après  avoir  reproduit  des  doeu- 
ments divers  sur  l'histoii'e  plus  ou  moins  fabuleuse  du  Puy  et  de  son 
église  pendant  le  haut  moyen  àge,  jusqu'en  1185,  arrive  enfin  (feuillet 
XXVT,  verso)  au  moment  où  cette  histoire  peut  ètre  suivie  à  peu  près 
sans  lacunes.  Il  écrit  alors,  en  gros  caractères,  la  phrase  suivante, 
qui,  dans  son  esprit,  constitue  un  titre  de  chapitre  : 

xj'ay  trouve  en  aucuns  livres  et  cayers  vieulx  ces  memoires  qui 
s'ensuivent  ainsi  succinctement  mises. 

Il  transcrit,  immédiatement  après,  les  deux  premières  éphémérides 
et  les  fait  suivre  aussitót  d't'phémérides  latines  congues  dans  le  méme 
esprit  et  rédigées  avec  le  méme  laconisme.  Il  en  traduit  méme  une 
en  frangais. 

[a]  Anno  domini  .m.  IP^  XXX  VII.  fuit  portale  de  Crebacor  ediffi- 
catum  per  cappitulum  anicii. 

Ih]  Anno  domini  .m.  II"  XXXIX.  fuit  guerra  inter  clericos  et  laycos 
ciyitatis  anicii. 

noni  de  l'avesquc ;  et  enint  despliiukis  el  Breiil  las  enseignas 
del  Rey  et  las  enseignas  de  l'avesquc:  et  serviguevont  aqiiel  que 
bon  tour  seniblave.  Et  se  renderont  aquil  de  Montpelier  seix 
dias  avant  la  Magdaleìia. 
,  X.  I.  f.  XXX''°.  —  Médicis  11"  a  pas  rcpruduit  le  texte  à  la  table.  Mais 
il  en  donne  néanmoins  une  analyse  (f.  IP»):  Comment  en  l'an 
.m.  Ipt  IIIP'^  III.  vint  au  Puy  le  roy  Philippes,  et  comment  les  clefs, 
tant  de  la  ville  que  de  la  cloistre  luy  furent  baillées.  Les  quelles  il 
bailla  a  noble  Guillaume  de  Pont  Chabron,  sénéchal  de  Beaucaire.» 
Comment  aud.  an  .m.  IP*  IIIP>^  II J.  Messire  Pierre  dEstain»?, 
archidiacre  de  Rodes  fut  esleu  Evesques  du  Puy  et  qu'il  reffusa. 

Nous   reproduisons,  au  commentaire,   une   version  latine  du  texte 
relevóe  par  la  Gallia  Christiana  dans   un   re^istre  de  Montpellier. 


330  *  e.    FABRE 

[c]  Led[itj  an  mil  IF'  XXXIX.  fut  le  grant  feu  de  la  Saunerie  du 
Puy  par  Roisons. 

[d]  Anno  domini  .m.  11*='  XLV.  in  testo  beati  Dominici,  fulgur  dirupit 
clocherium  Aculee. 

Viennent  ensuite,  au  milieu  du  feuillet  XXVIP",  les  deux  mentions 
des  années  1253  et  1254,  c'est-à-dire  celle  de  -la  mort  de  l'évéque 
Bernard  de  Montaigu  et  celle  du  retour  du  roi  Louis  IX  de  la  croisade 
d'Egypte.     Puis  reparaissent  les  éphémérides  latines: 

[e]  Anno  domini  .m.  11*='  LIIII.  fuit  electus  dominus  Armandus  de 
Podemniaco,  et  consecratus  est  ab  archiepiscopo  vianensi  in  ecclesia 
anicii. 

[f]  Anno  domini  .m.  IP'  LVII.  in  festo  beati  Barnabe.  fuit  electus 
Guido  Fulcadi  in  episcopum  anicii. 

Là.  Médicis,  interrompant  lui-mème  la  liste  des  «.memoires»  qu'il 
copie,  consacre  un  article  de  quinze  lignes  <'i  ce  prélat  qui  devint  pape 
sous  le  nom  de  Clément  IV"  (1265 — 1268).  Nous  verrons  que  cet 
article,  d'ailleurs  fort  retouché  en  marge  par  l'auteur.  est  visiblement 
inspiré  par  une  notix:e  inserite  à  la  suite  de  deux  bulles  de  Clément  IV, 
soumises  par  Jean  Cardinal,  alors  fordo3^en  d'Anis,  h.  l'examen  du 
concile  de  Lyon,  en  1274.  sous  le  pontificat  de  Grégoire  X. 

Après  cet  article,  Médicis  reprend  la  liste  des  éphémérides  et  copie 
la  suivante  qui  contient  qua  tre  mots  (L'aìi  .  .  .  de  las  Farghas)  en 
langue  d'oc  : 

[g]  L'an  .m.  11''  LV.  fuit  oppressio  gentium  in  festo  Sancte  Crucis 
in  portale  de  las  Farghas  prima  die  Rogationum. 

On  volt  que  la  mention  n'est  pas  à  sa  place  chronologique,  puisque 
la  précédente  est  de  1257.  On  pourrait  donc  penser  à  une  erreur  de 
date.  Néanmoins,  une  version  en  langue  d'oc  —  c'est  le  n""  V  de 
nos  textes  —  a  été  transcrite  à  la  table,  et  là,  l'année  1255  est  in- 
diquée  deux  fois,  L'erreur  n'est  donc  point  probable,  et  l'interversion 
doit  avoir  été  produite  par  le  fait  que  Médicis  a  puisé  son  textc  en 
langue  d'oc  dans  un  livre  nouveau,  celui  de  Pierre  Chardonal,  dont 
nous  parlerons  dans  un  instant.  Quant  aux  mots  l'an  et  de  las  Farghas, 
ils  s'expliquent  par  une  traduction  que  nous  mcntionnerons  aussi. 

L'éphéméride  qui  suit  est  tout  entière  en  latin: 

jh]  Anno  domini  .m.  11*='  LX.  fuit  electus  episcopus  anicii.  dominus 
Guilhermus  de  Rota,  circa  festum  Marie  Magdalenc. 

Mais  les  textes  en  langue  d'oc  reviennent  avec  les  mentions  n""  VI 
et  VII.  Et  alors  Médicis  interrompt  une  seconde  fois,  et  très  longue- 
ment,  sa  liste,  pour  décrire  le  e  Grant  exces  du  baile  du  Puy  qui  fut 
occis»,  c'est-à-dire  la  revolution  de  1276,  que  nous  exposerons  dans  les 


DOCJUMENJ'S    D  HISTOIKE  331 

notes.  Ce  récit  remplit  trois  grandes  pages,  tout  le  feuillet  XXVIII, 
puis  le  recto  du  feuillet  XXIX,  jusqu'au  milieu  du  verso. 

Une  éphcméride  latine  suit  encorc  ce  récit  : 

[i]  Anno  domini  .m.  li"  IIII'^''.  comes  de  Torena  festivitatem  fecit 
beate  Marie  mensis  augusti  in  Brolio. 

Médicis  relève  ensuite  les  éphémérides  n"  Vili  et  IX,  en  languc 
d'oc,  puis  une  nouvelle  mention  latine  : 

[j]  Anno  domini  .m.  II"  IIII'^'^  et  IIJ.  in  vigilia  sancti  Laurentii  obiit 
dominus  Guilhermus  de  Rota  episcopus  anicii  apud  castrum  de  Bello 
Jocco,  et  fuit  traditus  sepulture  in  ecclesia  Casedei. 

Enfin,  après  le  n"  X,  les  deux  mentions  suivantes,  dont  la  dernière 
est  en  fran^ais,  terminent  la  liste  des  éphémérides: 

[k]  Anno  domini  .m.  II"  IIIl^'-  et  IIIJ.  post  Pejithecostem  fuit  provi - 
sum  a  domino  papa  Honorio  de  domino  Fredolo  de  Sancto-Bonito  in 
episcopum  ecclesie  anicii. 

[l]  L'an  mil  II"  IIII""  VI.  fut  mué  l'abit  des  frères  Carmes  qui  pour- 
toient  les  manteaulx  ou  chappes  a  bandes  ou  barres  blanches  et  no.yres 
et  leur  fut  enjoinct  doresnavant  porter  lesd[ites]  chappes  blanches 
purement. 

Après  cette  dernière  mention,  Medicis  fait  un  saut  brusque  de 
quarante- trois  ans  et  commence  un  nouveau  chapitre  intitulé  :  <  Daucunes 
prérogatives  de  Tevesque  du  Puy  et  des  lions  de  pierre  et  aultres 
choses.  5 


111.  Sourees  de  Médleis. 

(!''  Un<>"  cayer  vieulx  [1254];  2°  ung  livre  vieulx  appelle  Piefrrej  Chardonal 
3°  una  breviere  de  Téglise  Sainct-George  [1286].) 

Ainsi,  vingt  -  et  -  un  documtnts,  dont  dix  en  langue  d'oc,  ont  été 
consèrvés  par  Médicis  dans  un  chapitre  special  de  son  Livre  de  Podio 
(feuillets  XXVII — XXX),  et  ces  documents,  malgré  leur  concision, 
sont  si  importants  et  si  précis  qu'ils  forment  le  sommaire  de  tout  ce 
que  les  historiens  ont  pu  connaìtre  depuis  des  annales  d'Anis,  de  1218 
à  1286.  Quelques-uns  mémes  de  ces  documents.  comme  les  n'"^  IX 
et  X,  n'ont  pas  encore  été  interprétés  par  les  historiens,  méme  par 
ceux  du  Puy,  et  nous  devrons  les  commenter   dans  de  longues  notes. 

Mais  les  documents  en  langue  d'oc  présentent,  pour  les  romanistes, 
un  intérét  special.  Médicis  les  a  trouvés  dans  un  cahier  et  un  livre 
de  Pierre  Cardinal. 

Médicis,  en  effet,  a  eu  la  bonne  pensée  d'indiquer  les  sourees  où  il 
a  puisé  ses  documents.    La  liste  entière,  nous  le  savons,  a  été  trouvée 


33*2  «-.    KABKI 

dans  *aucims  livres  et  cayers  vieulx  .  Cela  ne  dit  pas  grand'chose; 
mais  l'auteur  précise  dans  une  longue  table  anal3^ticiue  où  il  a  classe 
les  documents,  non  plus  dans  l'ordre  chronologique  suivi  dans  le  livre^ 
mais  par  espèces.  Là,  toutes  les  éphémérides  sont  analysées  ou  re- 
produites  in-extenso,  mais  groupées  dans  trois  chapitres  divers. 

1.  Celle  de  1253  (n''  III)  et  celles  qui  concernent  les  évèques  (e,J\ 
j,  k)  sont  oomprises  dans  un  premier  chapitre  sans  titre,  qui  reproduit 
des  documents  concernant  l'église  et  le  diocèse  jusqu'en  1284.  Elles 
sont  mentionnées  au  feuillet  4'"  de  la  table'. 

2.  Celle  de  1255,  concernant  la  mortoiidatz,  est  classée  dans  un 
chapitre  dont  le  titre  est  le  suivant:  Aultre  chappitre  des  devotes 
processions  ausquelles  a  été  porte  le  sainct  et  miraculeux  ymage  de 
Notre  Dame  du  Puy.  Cette  éphéméride  est  donc  mentionnée  plus 
loin,  au  fol.  7'"',  en  tCte  d'autres  «memoires  ou  récits  concernant  les 
processions  jusqu'au  XVI°  siècle. 

3.  L'éphéméride  de  1218  et  celles  qui  restent  sont  groupées  dans 
le  chapitre  des  «Gestes  et  faicts  concernans  la  ville  du  Puy  (ff.  10 
et  11). 

Mais,  Médicis,  tenant  à  rappeler  ses  sources,  malgré  cette  dispersion, 
est  ainsi  amene  à  détailler  les  livres  et  cayers  vieulx:>  qu'il  avait 
annoncés  en  bloc  dans  son  livre,  au  commencement  de  la  liste. 

1°  Les  éphémérides  en  langue  d'oc  ont  été  puisées,  jusqu'en  1254, 
dans  un  caier  vieulx  .  Cette  mention  précède,  à  la  table,  l'éphémé- 
ride de  1218  dans  les  termes  suivants:  «j'ay  trouvc  en  ung  caier 
vieulx  une  telle  memoire  ainsi  succinctement  mise.s  Le  mot  memoire» 
suffit  ensuite  à  l'auteur  pour  rappeler  cette  première  indication:  «J'ay 
trouve  une  memoire  disant  semblables  termes,»  etc. 

2°  Mais,  à  partir  de  1255,  la  source  des  éphémérides  change.  La 
mortondats  a  donne  lieu,  non  seulement  à  la  mention  n°  V,  mais 
aussi  ;ì  un  récit  que  nous  analyserons  plus  loin  dans  une  note.  Or, 
voici  indiquée  à  la  table  (f.  7^")  la  doublé  source  du  récit  et  de  la 
mention:  Comment  l'an  .m.  11"  L\^  et  le  jour  de  la  saincte  Croix 
de  may  qu'estoit  par  Roisons  fut  porte  ledit  sainct  ymage  ert  devote 
procession.  Icy  est  a  noter  ung  merveilleux  esclandre  que  surce  en 
advint  ainsi  qu'il  est  escript  en  la  susdlite]  saincte  eglise  en  leur  livre 
de  processionibus,  ont  moururent  a  la  porte  des  Farges  par  une  oppression 
de  peuple  plus  de  XIIIL  personnes  et  aultres  chosfes]  inscriptcs  feuillet 
au  premier  livre  CXX\^ 

'  Médicis  n'avait  pas  numéroté  les  folios  de  la  table.  Cesi  une  maiiì 
moderne  qui  a  fait  ce  travail  et  qui  s'est  servie  de  chiffres  arabes. 


«Surce  a}'  trouve  en  ung  livre  viciilx  appello  Pie|rre|  Chardonal  «ne 
menioire  disant  En  l'an  .m.   Il"  LA',  lo  ly  inortoìidat.^.  etc. 

Voilà  dono  une  deuxième  source  nettement  indiquée.  C'est  un  livre 
de  Pierre  Chardonal  (=  Cardinal).  Gomme  précédemment,  les  autres 
éphémérides  en  lanftue  d'oc  sont  précédées  dii  simple  mot  memoire  : 
: Aultre  memoire  ay  trouve  ainsi  escripte.: 

3°  Quant  aux  éphémi'rides  latines.  elles  ne  figuraient  ni  dans  le 
<aier,  ni  dans  le  livre  de  Pie  Chardonal,  mais  bien  dans  un  bré- 
viaire:  celle  de  1237  («),  qui  est  la  première  en  cette  langue,  est  pré- 
cédée  à  la  table  de  Tindication  suivante :  Jay  trouve  en  ung  breviere 
vieulx  de  Feglise  de  Sainct  George  du  Puy  une  succincte  memoire 
ainsi  disant  Anno  domini  ...»  Le  mot  memoire?  suffit  ensuite 
pour  rappeler  la  source:  Aultre  memoire  ay  trouve  disant  .  .  .  etc.» 
Et,  quand  il  s'agit  des  évèques,  tonte  mention  de  source  est  méme 
oubliée:  l'auteur  se  contente  des  mots  :  «Comment  fut  esleu  en 
evesque.  » 

Il  faut  remarquer  que  les  deux  mentions  Iranvaises  (f  et  /)  el 
la  mention  mi -provengale  mi-latine  {g)  ne  sont  pas  rappelées  à  la 
table  1. 

Nous  voilà  donc  fixés.  Les  anciens  livres  et  cayers  \ieulx»  con- 
sultés  par  le  compilateur  étaient  au  nombre  de  trois  :  le  premier  était 
un  caier  redige  en  langue  d'oc  :  Médicis  y  a  puisé  les  quatre  premières 
éphémérides  écrites  dans  cette  langue.  I-e  second  était  un  livre  de 
Pierre  Chardonal,  redige  aussi  naturellement  en  langue  d'oc,  et  Médicis 
y  a  puisé  les  six  dernières  mentions  de  notre  texte.  Mais,  toutes  les 
éphémérides  latines  ont  été  trouvées  dans  un  breviere  vieulx  de  l'ei^lisi 
Sainct  George  du  Puy.  Nous  verrons,  par  deux  remarques  concernani 
les  mentions  de  1255  et  de  1283,  que  ce  brev'ere  contenait  une  version 
de  toutes  les  éphémérides. 

Ainsi,  un  Cahier^  un  livre  et  un  bréviaire  du  temps  de  Cardinal 
avaient  servi  à  consigner  les  événements  notables  qui  se  passèrent 
au  Puy  depuis  1218  jusqu'à  dix  ans  environ  ;iprès  la  mort  du  poète. 
Et  ces  trois  ouvrages  ont  existé  au  Puy  au  moins  jusqu'en  155(), 
moment  où  Médicis  les  a  consultés.  Il  est  méme  probable  qu'ils  furent 
conservés  jusqu'en  1790.  epoque  où  les  archives  de  l'église  anicienne 
furent  brùlées  par  accident  ou  intentionnellement  sous  l'empire  des 
passions  politiques  du  temps. 


^  Cette  circonstance  a  fait  oublier  ielle  de*   l'icSó  par  Chassaing.  dans  son 
édition  du  Livre  de  Podio,  dnnt  nous  dirons  un  mot  plus  loin. 


334 


PABRE 


IV.  Rapports  du  cayer  vfeitix  avee  la  vie  et  l'oeuvre  de  Pierre 
Cardinal  (1218—1254). 

Est-ce  Cardinal  lui-meme  qui  avait'écrit  les  éphémérides  sur  le  Cahier 
iusqu'en  1254?  L'hypothèse  est  d'autant  plus  séduisante  que  ces  nien- 
tions  pnt  toutes  des  rapports  étroits  avee  son  oeuvre  ou  avec  quelques 
détails  précis  de  sa  vie, 

Nous  savons  avec  quelle  véhémence  Cardinal  avait  attaqué  l'évéque 
Bernard  de  Montaigu,   celui   qui   avait   fait  un     baile  et  un  sénéchal 
du  chanoine  assassin  Estève  de  Belmont  ^ 

Aussi  trouverions  -  nous  tout  naturel  qu'il  eùt  note  la  mort  du 
prélat.  11  faut  méme  remarquer  que  jusque-là  les  éphémérides  n'ont 
mentionné  aucun  évéque  et  qu'elles  en  ont  ainsi  oublié  trois  de  1218 
à  1253:  1°  Robert  de  Mahun  (1214—1219);  2°  Etienne  de  Chalancon 
(  1220-1231);  3°  Bernard  de  Rochefort  (1231-1236).  Quant  à  Bernard 
de  Montaigu  (1236 — 1253),  on  voit  que  les  éphémérides  ne  signalent 
que  sa  mort. 

Mais  les  mentions  //  a,  b  et  e  sont  aussi  liées  elles-mOmes  à  l'oeuvre 
età  la  vie  de  Pierre  Cardinal.  EUes  datent,  en  effet,  des  années  1236—1239. 
Or,  pendant  ce  temps,  Cardinal  est  sùrement  au  Puy.  C'est  le  moment 
où  il  compose  ses  sirventés  contre  Estève  de  Belmont,  et  ces  sirventés 
indiquent  plusieurs  fois  le  lieu  où  se  trouve  le  poète.  Dans  le  chant 
Un  sirventés  ai  en  cor  que  comens,  Cardinal  cite  deux  fois  Aenac 
(=  Eynac),    un    modeste   chàteau   du  V^elay,   voisin  de  Chapteuil.     Et 

'  V.  C.  Fabre,  Estevc  de  Belmont  (Amiales  du  Midi,  XXI,  1909). 
Dans  cette  étude,  j'ai  montré  que  l'assassinat  commis  par  Estève  eut  lieu  à 
Toccasion  de  la  guerre  de  1237—1239  "Inter  clericos  et  laycos',  rappelée  ci- 
dessus  dans  les  éphémérides  latines.  Jai  aussi  montré  que  le  prélat  attaqué 
par  Cardinal  dans  son  sirventés  Atressi  curn  per  favolar,  est  bien  Bernard 
de  Montaigu: 

Trahidor  sol  hom  cassar 
E  penre  coma  lairo  ; 
Mas  aras  lo  ten  hom  car, 
E'n  fai  seschal  e  bailho. 
E  s'us  grans  prelati  i  chui. 

A  hom  esmay 
Co'l  puesc'en  luec  assire 
Q'el  sia  dons  e  segner  e  regire. 
Lo  dernier  vers  doit  ètre 
Haurnè  plus  à  gauche,  au 
point  que  je  marque  au 
Cravon  far  une  croix. 


DOCUMKNTS    D'HISTOIKK  335 

cette  indication  d'un  lieu  inconnu   n'aurait   pas  pu  Gtre  comprise  si  le 
poète  n'avait  pas  été  dans  la  région  : 

.  .  .  Az  Aenac  fetz  tals  tres  tracios 
Que  no  feyra  judas  ni  Guaynelos. 


Esteves  fes  l'autr'ier  us  ignocens 
Quan  fazia  martirs  e  cofessors 
Az  Aenac. 


Le  mot  guerra  est  méme  employé  par  le  poète: 

Que'ls  enneytz  ditz  e  las  guerras  comensa. 

Le  chant  D'Esteve  de  Belhmon  m'enueia  est  un  portrait  du  chanoine 
assassin  trace  sur  les  lieux  mémes  : 

Esteves  a  la  testa  grossa 
E'I  ventre  redon  coma  bossa  .  .  . 
E  jatz  ab  una  vielha  rossa 
Que  cordeia  e  tiragossa  ... 
Quan  es  el  cor,  un  luec  empacha 
Sa  peccairitz  arma  orfacha, 

Tracheiritz 

E  pessa  en  qual  terrador 
Emblaran  siey  gazanhador  .  .  . 
Esteves  non  a  tanhedor 
Quan  sera  pendutz  que  ja'l  plor. 

Dans  le  chant  El  mon  non  a  leo  aitan  salvatge.  Cardinal  dit 
nettement:  iQu'Estève  s'en  aille,  pieds  nus  et  en  pleurant,  jusqu'à 
Compostene,  car  dans  cette  région-ci  (le  Velay)  il  a  fait  trop  de  bruit: 

Tro  en  Compostella, 
Pes  descausses,  ploran, 
S'en  an, 

Qu'en  cesta  rudella 
A  fag  trop  de  mazan. 

Enfin,  dans  le  méme  poème,  Cardinal  mentionne  Polignac  comme 
il  avait  mentionne  deux  fois  Eynac  : 

Qui'm  fizava  la  renda  e'I  pezatge 
De  Polonhac,  ges  non  ai  en  coratge 
Que  ieu  n'embles  lo  pretz  d'una  fivella. 

Ainsi,  le  poète  a  fait  certainement  un  séjour  au  Puy  pendant  les 
événements   auxquels  a  été   mele  Estève   de  Belmont,   c'est-à-dire   en 


3oÓ  e.    KAIIKK 

1239,  pendant  la  guerre  Inter  clericos  et  laycos  civitatis  Anicii  .  Et 
ce  séjour  a  été  assez  jong,  puisque  !e  poète  a  écrit  alors  quatre  de 
ses  plus  beaux  poèmes  \ 

Dès  lors,  nous  pouvons  dire  que,  non  seulement  il  a  été  témoin  de 
tout  ce  qui  concerne  les  années  1236 — 1239,  mais  qu'il  a  probablement 
redige  lui-mème  l'inscription  qui  fut  cengravée»  sur  les  portes  de  la 
Chabraria  et  de  Pamwaira,  c'est-à-dire  la  mention  qui  forme  l'éphé- 
méride  n°  li. 

D'autre  part.  Cardinal  était  déjà  poète  depuis  environ  quinze  ans-, 
au  moment  où  Le  Puy  avait  conquis  une  première  fois  ses  franchises 
communales  {sos  privileges.  1^'^''  éphéméride).  Or,  sans  nous  demander, 
pour  l'instant,  si  l'événement  avait  répondu  à  ses  propres  aspirations 
anticléricales  qu'unc  telle  revolution  ne  pouvait  que  satisfaire^,  il  est 
visiblc  que  la  date  était  bien  choisie  pour  servir  de  point  de  départ  à 
ses  souvenirs  historiques.  Et  justement,  l'éphéméride  de  1218  forme 
un  incipit  qui  contient.  comme  presque  tous  les  incipit  des  vieux 
manuscrits.  une  première  phrase  en  latin:  «Anno  domini,  millesimo 
ducentesimo  decimo  octavo  fuit  prima  guerra  civitatis  Anicii  .  .  ,> 
Cette  guerre  n'était  peut-étre  pas  la  première  réellement,  puisque,  vers 
1169,  la  cité  avait  dù  prendre  part  aux  luttes  de  son  évéque  contre 
Ics  vicomtes  de  Polignac  *  :  mais  elle  était  la  première  de  celles  dont 
le  troubadour  avait  été  témoin  et  qui  ne  fut  malheureusement  pas  la 
seule,  puisque  des  luttes  qu'il  a  rappelées  dans  son  reuvre  déchirèrent 
la  ville  en  1237—1239. 

Enfin,  jc  n'insiste  pas  sur  l'intérét  que  dut  présenter  pour  Cardinal 
le  retour  de  Louis  IX  de  la  croisade  en  1254.  L'expédition  Tavait 
vivement  préoccupé:  dès  1245,  au  moment  où  le  roi  de  France  l'avait 
préparée,  Cardinal  avait  accuse  les  clercs  de  ne  vouloir  pas  s'y  rendre 
ot  de  cherchcr  à  détròner  l'empereur  Frédéric  II  : 

fa  non  aion  paor 

Al  Cair  li  almassor 

Que  abat  ni  pri<ìr 

Los  anon  envazirl  .  . 

'  Notre  étude  de  19U9  (Annalcs  du  Midi,  XXI)  donin-  justcnn-nt  linter- 
prétation  historique  de  ces  quatre  poèmes. 

-'  Il  résulte  de  toutes  nos  recherches  que  Cardinal  lommmva  à  écrin- 
vers  1200-1204. 

'  Nous  montreruns  plus  loin,  dans  la  première  ;/o/f' historique.  que  la  i'uerre 
de  121.S  affranchit  Le  Puy  de  la  tyrannie  dun  évéque. 

^  J'ai  dit  un  mot  de  cette  lutte  en  1911,  dans  mes  Aotes  sur  tes  troubu- 
dours  Guillem  et  Gaitceran  de  Saitd- Didier  (Amiaìes  du  Midi  XXIII. 
pp.  167.  169  passim). 


Doi'iiMKNrs   i)iiis roiRi'.  337 

Mas  sai  SOM  en  cossir 
Del  mon  cossi  lur  sia, 
Ni  com  Kn  Frederii 
Gieton  de  son  abric  '. 

Des  attaques  du  méme  genre,  et  aussi  vives,  sont  lormulées  dans 
le  sirventés  Taìi  vey  lo  segìc  cobei'tos,  qui  est  de  la  mème  epoque 
(1245j  ou  très  peu  postérieur: 

iLes  moines  bAtissent.  grace  à  l'argent  des  morts,  leurs  maison> 
avec  de  beaux  vergers. 

Mas  ges  li  Ture  ni  li  Persan 
No  cre5^ran  Dieu  per  lurs  sermos 
(^)u'ilh  lur  fasson  :  quar  paoros 
Son  del  passar  e  del  morir, 
E  volon  mais  de  sai  bastir 
Que  lay  conquerre  los  fellos.» 

Et  le  texte  de  Téphéméride  IV.  concernant  la  croisade  conlient  une 
erreur  qui  est,  <-i  mes  yeux,  un  enseignement  saisissant.  Ce  n'est  pas  cn 
mars  que  Louis  IX  s'arréta  au  Puy,  dans  la  maison  de  Pierre  Camba- 
fort.  mais  bien  en  aont  (le  9,  le  10  et  le  11).  vSculement  le  roi  s'était 
embarqué  à  Acre  à  la  fin  du  caréme  (mars)  et  c'est  cette  première 
date  qui^  était  restée  dans  la  mémoire  du  poète.  Cclui-ci,  au-dessus 
des  événements  du  Pu}',  voyait.  dans  leur  ensemble,  les  grands  faits 
de  son  temps.  J'ai  pensé  que  Cardinal  était  à  Marseille  lors  du  retour 
du  roi^.  et  là,  dans  le  grand  port  méditerranéen,  ce  n'était  pas  le 
passage  du  monarque  au  Puy  qui  avait  frappé  les  esprits,  mais  bien 
son  départ  d'Orient  et  erisuite  son  débarquement  à  Hyères  en  juillet, 
avec  une  armée  presque  anéantie. 

Ainsi,  rien  ne  s'opposerait  à  ce  que  Cardinal  lùt  lauteur  des  courtes 
mentions  que  nous  venons  de  commenter,  et.  au  contraire,  tout  plaide- 
rait  en  faveur  d'une  h3'pothèse  qui  en  ferait  cet  auteur. 

Mais  pourquoi  le  caler  vieulx»  a-t-il  été  arrété  en  \'27)-i':'  On  en 
comprend  facilement  la  raison  si  l'on  songe  qu'à  cette  date  Cardinal 
avait  près  de  quatre-vingts  ans,  et  qu'il  passa  ses  vingt  dernièi^es 
années  loin  du  Puy,  probablement  à  Montpellier,  sur  les  terres  de 
Jaime  l'^'',  le  Conquistador,  roi  d'Aragon.  dont  il  fut  jusqu'à  sa  mort 
un  familier  mot  onratz  e  grazits;. 


'  Extraits  du  sirventés:  Li  deve  si  f cui  paslor. 

-  V.  mon  étude  sur  Uìì  planh  de  Bertran  Carboìiel  ....     i>e  Puy, 
1914. 

Archivum  Romaniciini    —  \^il.  ?,.  —  lOl'i.  22 


338 


V.  Le  livre  vieulx  appelle  Pierre  Chardonal,  le  breviere  de 
reg-lise  de  Sainct  George  et  Jean  Cardinal. 

Mais  la  rédaction  des  éphémérides  fut  reprise  plus  tard,  après  1286, 
puisque  ces  éphémérides  s'arrétent  cette  année-là.  Dès  lors,  elles 
furent  écrites,  non  sur  l'ancien  Cahier,  mais  sur  un  livre  méme  de 
Cardinal,  c'est-à-dire  vraisemblablement  dans  un  recueil  de  ses  poèmes. 
Le  savant  éditeur  de  Médicis,  Chassaing,  qui  ne  semble  pas  avoir 
connu  la  vie  et  Tteuvre  du  troubadour,  arrive  néanmoins  à  une 
conclusion  analogue  à  la  mienne.  11  voit  dans  Pierre  Chardonal  le 
«possesseur  du  livre  vieulx  appelle  Pie  Chardonal^  et  dit  que 
l'éphéméride  de  125.")  a  été  écrite  sur  les  marges  ou  la  feuille  de 
garde  du  volume  '. 

Et  il  est  certain,  en  eftet,  qu'en  1286,  des  recueils  plus  ou  moins 
complets  des  poèmes  de  Cardinal  existaient.  Dès  1276,  au  plus  tard, 
Miquel  de  La  Tor  avait  relevé  à  Nimes  un  nombre  déjà  considérable 
de  sirventés  du  poète'^.  Ce  nombre,  autant  que  nous  pouvons  en 
juger  par  les  indications  de  Giammaria  Barbieri  ^, ,  était  d'une  trentaine 
et  tormait  vraisemblablement  la  première  partie  de  la  collection  que 
l'auteur  du  ms.  I  (n°  854  de  la  Bibliothèque  nationale  de  Paris)  copia 
bientót  après.  Or,  la  collection  du  ms.  I,  qui  comprend  cinquante- 
deux  poèmes,  s'étend  sur  onze  folios  (n"^  164  —  174)  où  le  texte  est 
très  serre.  Le  premier  recueil  dont  il  est  question  ici  pouvait  donc 
former  un  véritable  livre.  Il  est  regrettable  que  Médicis  ne  nous  ait 
indiqué  ni  le  format,  ni  la  longueur  du  volume  ;  mais  on  verrà  bientòt 
qu'un  bréviaire  de  l'église  de  Saint-Georges  recut  dans  ses  marges 
et  se  feuillets  de  garde  toutes  les  éphémérides  traduites  en  latin.  Le 
livre  cappelle  Pie  Chardonal)  n'avait  donc  pas  besoin  d'ètre  volumineux 
pour  recevoir  aussi  dans  ses  marges  la  moitié  des  éphémérides  en 
1  angue  d'oc. 

En  toufcas,  à  qui  appartenait  le  livre  en  1286  V  11  est  vraisemblable 
qu'il  était  la  propriété  de  la  famille  méme  de  Cardinal.  Et  alors, 
nous    pensons    qu'un    des  descendants  ou  neveux  du  poète   a  repris  la 


'  V.  ed.  Chassaiiiii  du  Livre  de  Podio,  Le  Pu\.  Marchessou,  1869,  L 
p.  191,  note. 

^  Voir  la  biographie  de  Cardinal  par  Miquel  de  La  Tor  dans  Chabaneau 
(Biographies). 

'  Dell'  origitie  della  poesia  rimata  ou  Riniarii,  par  G.  Barbieri,  ed. 
Tiraboschi  (1774).—  Dans  ce  livre,  Barbieri,  décrivant  le  manuscrit  aujour- 
•d'hui  perda,  de  Miquel  de  La  Tor,  y  donne  aux  sirventés  de  Cardinal  un 
espace  de  six  folios. 


UOCUMENTS    D'HISTOIRK  339 

rédaction  ancienne  des  éphémérides,  et  a  joint  intimement  cellesci  à 
la  mémoire  du  troubadour  en  les  faisant  passer  dans  un  de  ses  livres. 
Catte  attention  pieuse  est  tellement  naturellc  que  je  n'insiste  pas  sur 
sa  vraisemblance. 

Mais,  dès  lors,  nous  pensons  aussi  que  le  mCme  parent  de  Cardinal 
a  traduit  ensuite  en  latin  tous  les  textes  (les  anciens  comme  les 
nouveaux)  dans  le  «breviere  de  l'egHse  Saint-George). 

En  effet,  que  les  textes  latins  de  ce  bréviaire  soient  une  simple 
version  des  textes  en  langue  d'oc,  personne  ne  saurait  en  douter 
après  avoir  confronta  les  deux  legons  de  la  mortoiidats  de  1255.  Ces 
deux  Ie?ons  sont  absolument  les  mémes  et  la  version  latine  est  encombrée 
de  mots  en  langue  vulgaire  : 

1.  Texte  en  langue  d'oc:  En  l'an  .m.  II'^'  LV\  fo  ly  mortondats  del 
Poy,  lo  lus  de  Rosols  que  fo  ly  festa  de  la  Croux. 

2.  Texte  latin  :  L'an.  m.  IP'  LV.  fuit  oppressio  gentium  in  feste 
sancte  Crucis,  in  portale  de  las  Farghas,  prima  die  Rogationum. 

Le  texte  latin  contient  en  plus  les  mots  in  portale  de  las  Farghas  ■ 
mais  qui  ne  voit  que  Médicis,  dont  les  copies  sont  fort  peu  soignées 
a  oublié  de  relever  les  mots  équivalents  el  portalh  de  las  Farghas 
dans  le  texte  provengal  ?  Le  mot  Ins  (lundi)  semble  avoir  été  oublié 
par  l'écrivain  latin,  mais  il  était  inutile  de  le  traduire,  parce  que  le 
premier  joiir  des  Rogations  (prima  die  Rogationum)  est  forcément  un 
lundi.  Ainsi,  la  version  de  l'écrivain  latin  était  absolument  littérale. 
Nous  en  avons  une  autre  preuve  dans  une  version  latine  de  l'éphéméride 
n°  X.  Cette  legon  n'a  pas  été  copiée  par  Médicis,  mais  la  voici  dans 
un  passage  que  les  auteurs  de  la  Gallia  Christiana  ont  tire  du 
Registro  Ctirioe  Francia:  (f.  37)  asservato  in  arch.  Montispessulani. 
(V.  Gallia  Christ.  nova,  II,  Instr.  C.  236)  : 

Anno.  M.  ce.  LXXXIIJ  (corr:  .m.  IP' IIII--  et  II J.)  rex  Philippus 
Anicium  venit  decem  diebus  ante  festum  omnium  Sanctorum,  die 
scilicet  Sabati,  et  profectus  est  die  Luna:,  et  D.  Guillelmus  (corr: 
Guil/zermus)  de  Mont  Revel  pracpositus  Aniciensis  et  alii  canonici  ei 
tradiderunt  claves  urbis  et  claustri,  in  sedibus  Bartholomei  Cambefort 
(corr:  Cambrtfort)  quas  rex  tradidit  D.  Guillelmo  de  Pont  Chabran 
(corr  :  Chabron)  senescalli  Bellicadri.  Eodem  quoque  anno  electus  est 
in  episcopum  Aniciensem  D.  Petrus  d'Estaing  archidiaconus  Rutenensis, 
die  Martis  ante  festum  Sanctorum  omnium,  et  noluit  episcopatum 
acceptare. 

Cette  fois,  la  traduction  est  complète  et  absolument  littérale  ;  c'est 
à  peine  si  les  noms  propres  ont  été  légèrement  dénaturés  par  le  copiste 
de  la  Gallia. 

22* 


c}4(>  e.     lAIJKK 

L'ette  rcrtitiide  de  la  traduction  acquise,  qui  a  pu  ètre,  parmi  les 
nombreux  membres  de  la  famille  Cardinal  en  1286,  l'auteur  des 
dernières  éphémérides  en  langue  d'oc  et  celui  de  la  version  latine  du 
bréviaire  de  vSaint-Georgesy  jc  songe  à  Jean  Cardinal,  un  neveu  du 
poite,  qui  avait  encore  bien  connu  son  onde. 

Jean  était  instruit  et  lettre.  Il  était  chanoine  d'Anis  dès  1252.  En 
1270j  il  devint  fordoyen  du  chapitre.  Il  fut  ensuite  vicaire  general, 
puis  maitre  de  l'hópital  et  ne  mourut  qu'en  1305^.  Comme  fordoyen 
et  vicaire  general,  il  s'occupa  de  toutes  les  affaires  de  l'église  et  de 
l'éveché  du  Puy.  Or.  la  chevauchée.  en  1267,  des  gens  du  Puy  à 
Riotord,  en  faveur  de  l'évèque  Guillaume  de  la  Roue  (Roda),  est  un 
des  événements  qui  demandèrent  forcémcnt  son  concours.  Jean  était 
alors,  non  seulement  fordo)'en,  mais  baile  de  la  coitr  des  clercs 
(Archivcs  de  l'hòpilaì  du  Ptiy.  B.  342). 

Il  est  aussi  nature!  qu'un  fordoyen  devenu  vicaire  general  n'ait 
oublié  aucun  éveque  d'Anis  de  1255  fi  1286.  Or,  l'un  de  ces  évéques. 
Guido  Fulcadi  (alias  Gui  Folqueis)  devint  pape  en  1265,  et  Jean 
Cardinal  alla  défendre  deux  de  ses  bulles  au  concile  de  Lyon  en  1274. 
Et  Médicis.  lorsqu'il  arrive,  dans  ses  éphémérides  ( /)  à  la  mention 
de  cet  ancien  éveque  du  Puy,  redige  une  notice  de  quinze  lignes  et 
reproduit  presque  textuellement  ce  quc  contient  le  compte-rendu  de 
la  délibération  du  concile  concernant  les  bulles  de  ClémentlV". 

Jean  Cardinal,  alors  vicaire  general,  a  dù  faire  déployer  lui-mème 
au  Breuil  las  haneiras  de  Tévéque  en  1282;  enfin,  en  1283,  il  était 
forcément  au  nombre  des  autre  chanoni  (alii  canonici)  qui.  avee 
(niillaume  de  Montrevel,  remirent  au  roi  Philippe-le-Hardi,  las  claux 
de  la  viala  et  de  la  claustra. 

(,)uant  à  l'avénement  de  Frédole  de  Saint-Bonet  en  1284,  Jean 
Cardinal  n'en  aurait  pas  seulement  été  informe  de  la  manière  précise 

'  Dans  un  étudc-  encore  inèdite,  mais  d(nit  jai  exposé  les  grandes  lignes 
à  la  Société  scientifique  du  Puy.  en  1913,  j'ai  résumé  plus  de  quarantc  docu- 
ments  concernant  la  carrière  de  Jean  Cardinal. 

-  Médicis  ne  connatt,  en  effet,  de  la  vie  de  Clément  IV  que  ce  qui  est 
rapporté  dans  les  Statida  ccclesioc  aniciensis  (Ardìives  dép.  de  la  Hatitc- 
Loirc)  après  les  bulles  du  pape  défendues  par  Jean  Cardinal,  savoir:  que 
Clément  était  natifz»  de  la  province  ecclésiastique  de  Narbonne,  quii  avait 
été  marie  et  quii  avait  eu  des  enfants;  qu'il  fut  conseiller  de  Louis  IX  et 
éveque  du  Puy;  qu'il  devint  archevéque  de  Narbonne  et  cardinal  éveque  de- 
Sabine;  quii  fut  élu  pape,  eut  l'esprit  de  prophétie  et  «mit  paix"  entre  «Henry 
ròy  d'Angleterre  et  le  comte  Simon  de  Montfort»,  entre  les  "Florentins  et 
les  Sennois' .  —  Les  bulles  et  la  notice  qui  les  suit  figureront  dans  mon 
livre  sur  Gìii  Folqtieis.,  qui  est  sous  presse  au  Puy  depuis  1914. 


i)()CL  .\ii:n  I  s   D'ms  roiKK  ^>4I 

qui  lui  ferait  dire,  dans  notre  hypothèse,  que  ce  prélat  avait  été  nomine 
par  le  ^pape  Honorius  IV,  après  la  Pentecòte  .  Il  a  été  témoin  de 
l'installation  de  cet  évéque  le  7  déceinbre  suivant.  j'ai  écrit  moi- 
méme  ce  qui  suit  dans  la  notice  encore  inedite  que  j'ai  consacrée  à 
Jean  Cardinal  ^  : 

«1284,  7  décembre.  —  Frédde  de  Saint-Bonet,  évéque  nt)uvellement 
élu,  prete  sermcnt  devant  le  chapltre,  et  Jean  Cardinal  est  préscnt 
à  son  rang  de  quatrième  dignitaire  de  l'assemblée:  Acta  fuerunt 
predicta  in  capitulo.  [presentibus]  verenabilibus  viris  Raymundo  Algeri, 
decano,  Guillelmo  de  Monte-Revello,  preposito,  Austorgio  de  Monte- 
Acuto,  abbate  Secureti,  Johanne  CardinaUs,  forisdecaìio  ...■>' 

Mais  la  mention  du  pape  Honorius  IV  dans  l'éphéméride  k  «en 
1284,  après  la  Pentecòte»  est  une  erreur.  Honorius  ne  fut  élu  que 
le  2  avril  Vlfiò.  C'est  donc  Martin  (IV)  qu'il  faut  lire.  Comment 
une  Ielle  erreur  a-t-elle  pu  se  produire"?  Elle  ressemble  fort  à  celle 
que  nous  avons  relevée  plus  haut  dans  l'éphéréride  n"  \\  concernant 
le  passage  au  Pu)-  de  Louis  IX.  Nous  avons  alors  pensé  c(ue  Pierre 
Cardinal  s'était  trompé  par  distraction,  en  songeant  au  départ  du  roi 
de  la  Palestine  en  mars  1254.  Jean  Cardinal ,  en  écrivant  ou  en 
dictant,  a  dù  avoir  une  distraction  tout  aussi  compréhensible.  Il  a 
pensé  au  pape  régnant  et  non  à  son  prédécesseur.  Et  cela  nous 
donne  la  date  méme  à  laquelle  les  éphémérides  ont  été  rédigées,  puis 
traduites^  Honorius  IV  mourut  en  1287,  et  les  éphémérides  s'arrétent 
en  1286.  Il  devait  en  Ctre  forcément  ainsi,  si  elles  ont  été  écrites 
papa  Honorio  regnante,  c'est-à-dire  au  plus  tard  en   1287. 

Mais  Jean  Cardinal  s'est  surtout,  pendant  sa  longue  carrière,  occupé 
avec  amour  de  l'église  de  Saint-Georges.  En  1252,  il  est  chanoine  de 
cette  église;  en  1274,  il  attribue  à  Saint-Georges  la  dime  de  Jandriac, 
un  très  beau  domaine  près  du  Puy,  sur  les  rives  de  la  Loire.  En 
1280,  il  fait  payer  à  Saint-Georges  la  dime  d'un  champ  sis  à  Chaussende 
(banlieue  du  Puy).  En  1286,  il  octroie  à  Bertrand  Mazoyer,  cure  de 
Saint-Georges,  le  droit  de  paroisse  sur  des  maisons  et  un  champ  sis 
au-delà  de  la  porte  Pannessac.  Il  n'oubliera  pas  Saint-Georges  dans 
son  testament  du  27  septembre  1305,  et  lui  lèguera  20  sols  tournois 
pour  la  célébration  d'une  messe  annuelle,  plus  une  rente  de  quatre 
livres  pour  la  fondation  d'une  vicairie».    (Archives  départcmcidales  de 

*  Dès  1911  (Annaìes  du  Midi.  Ausforc  de  SegretJ  j'avais  cu  roccasion 
de  signaler  ce  document,  pour  donner  une  personnalité  à  Ausforc  de  MoiitaÌQ;u, 
abbé  de  Séguret. 

-  L'erreur,  en  effet,  nest  pas  due  à  Médicis:  les  mots  papd  honorio 
existcnt  aussi  bion  dans  le  toxtc  de  la  table  que  dans  celui  du  livre. 


542 


e.    FABRE 


la  Haute-Loire.    Fonds  Saint-Georges.     Inventaire  de  M.  A.  Jacotin, 
archiviste;  Sèrie  G^  clergé  séculier,  passim.) 

On  ne  serait  dono  point  surpris  si  le  fordoyen  avait  cède,  en 
mourant,  et  mSme  auparavant,  un  de  ses  livres  à  Saint-Georges'. 

Et  ainsi  se  justifie  notre  doublé  hj^pothèse: 

1°  Jean  Cardinal  aurait  continue  à  rediger  sur  un  livre  de  son 
onde  Pierre,  les  éphémérides  que  le  troubadour  avait  laissées  sur  un 
-caier?/  ; 

2°  Il  aurait  ensuite,  en  1286  —  1287,  traduit  le  tout  en  latin,  dans 
un  «bréviere»  qu'il  aurait  donne  à  l'église  de  Saint-Georges. 

Ainsi,  Pierre  Cardinal,  puis  son  neveu  Jean,  auraient,  pendant  leur 
longue  vie,  non  seulement  honoré,  l'un  la  poesie  et  l'aulre  l'Eglise, 
mais  encore  redige,  à  la  manière  de  leur  temps,  une  chronique 
sonimaire  mais  très  précise  des  èvénements  qui  illustrèrent  sous 
leurs  yeux  leur  ville  natale.  Ce  soin  pieux  était  bien  digne  de  tels 
hommes,  et  Thistorien  de  Cardinal  doit  le  noter  avec  respect. 

Malheureusement.  Mèdicis  n'a  pas  eu  le  mcme  respect.  Le  nom 
de  Pierre  Chardonal  ne  lui  a  rien  dit,  et  pourtant  le  poète  était  mort 
depuis  moins  de,  trois  cents  ans  en  1556.  D'autre  part,  la  famille 
Cardinal  avait  èté  considèrable  au  Puy  pendant  plus  de  deux  siècles, 
jusqa'en  1420,  et  Mèdicis  avait  trouvè,  dans  ses  documents,  à  diverses 
reprises,  les  noms  de  Jean  Cardinal,  fordoyen  d'Anis  (mort  en  1305), 
et  d'Odon  Cardinal,  abbè  de  Séguret  (mort  en  1326).  Mais,  c'est 
surtout  avec  la  langue  de  ses  auteurs  que  le  compilateur  prend  des 
libertès.  Il  en  a  ramené  l'orthographe  à  celle  de  son  temps.  Il  est 
ainsi  intèressant,  pour  le  romaniste  qui  suit  revolution  de  la  langue, 
de  voir  des  textes  du  temps  de  Cardinal  contenir  en  apparence  les 
mots  croux  pour  crots,  ungs  pour  ttns,  Dwrtoiuiats  pour  lìwrtandatB, 
lotirs  pour  lurs,  doits  pour  dels,  etc.  Mais  les  nègligences  sont  si 
nombreuses  que  la  claire  grammaire  du  XIIP  siècle  re^oit  des  atteintes 
inqualifiables.  La  suppression  frequente  du  cas  sujet  est  une  des 
moindres.  Dautres  corruptions  sont  plus  graves:  les  deux  textes  de 
réphémèride  de  1283  sont  si  différents  l'un  de  l'autre,  quoique  Mèdicis 
pretende  les  avoir  trouvès  dans  la  mème  cmemoire  .  que  nous  avons 
dù  les  reproduire  tous  les  deux.  Celui  de  la  table  est  visiblement 
une  simple  analyse,  pour  ne  pas  dire  une  parodie,  du  texte  authentique. 

'  L'habiludc  de  légucr  des  livres  aux  i}j:,lises  est  conslatée  par  de  nombreux 
documents,  et  justement,  du  temps  de  Jean  Cardinal,  en  1277,  le  2  septembre. 
Guillaume  de  Saint-Paul,  chamnne  de  Saint-Georges,  lègue  à  Pierre  de  la 
RouO,  trésorier  de  cette  église,  son  propre  brévinirc.  (A.  Jacotin.  —  Inven- 
taire cité,  pp.  116— .17.) 


DOCUMBNTS     DHlSroiKI'  343 

Toutefois,  les  textes  latins  sont  cxcellents;  on  sent  que  Médicis  les 
comprenait  sans  effort.  Dans  ces  conditions,  pourquoi  n'a-t-il  pas 
omprunté  tous  ses  documents  au  «.breviere  de  Sainct  George  ?  Nous 
l'ignorons.  Mais  il  est  probable  que  ce  breviere  vieulx  avait  été 
endommagé  par  l'usage  beaucoup  plus  que  le  «cayer»  et  le  divre 
vieulx»  de  Pierre  Chardonal.  11  devait  avoir  servi  à  la  célébration 
des  offices  et  aux  prières  quotidiennes  de  générations  de  prètres.  11 
n'était  donc  plus  guère  lisible  au  XVI''  siècle,  et  Médicis  se  voyait 
ainsi  contraint  de  s'adresser  plus  souvent  qu'il  ne  l'aurait  voulu  aux 
deux  autres  livres. 

VJ.   Notes  et  éelaireissements  historiques. 

l.  Prima  guerra  civitatis  Anicii  et  Privileges  de  la   \  iala 

del    Peu. 

La  guerre  de  1218  est  intimement  liée  à  la  croisade  contre  les 
Albigeois.  En  1214,  avait  été  nommé  évGque  d'Anis.  Robert  de 
Mahun,  un-  prélat  jeune  et  fougueux  que  Philippe-Auguste  traite  de 
consanguiiiens.  Cette  nomination  avait  vivement  mécontenté  le  chapltre, 
qui  avait  élu  régulièrement  un  prétre  charitable  du  pays,  Brocard  de 
Rochebaron.  Mais  Brocard  mourut  inopinément  et  Robert  de  Mahun 
t'ut  accepté  sur  l'ordre  d'Innocent  111.  Le  nouvel  évéque  se  rendit  au 
concile  de  Latran  (11 — 30  novembre  1215)  où  fut  spolié  (dcseretats) 
Raimon  VI,  comte  de  Toulouse.  A  son  retour,  il  émit  la  prétention 
de  faire  exécuter  tous  les  canons  du  concile  contre  les  albigeois:  les 
hérétiques  devaient  étre  exterminés  et  les  fauteurs  d'hérésie  dépouillés 
de  leurs  biens,  qui  seraient  distribués  aux  catholiques.  Deux  marchands, 
suspects  de  sympathie  pour  Raimon  \^II  furent  emprisonnés.  Les 
remparts  qui  entouraient  Le  For,  c'est-à-dire  le  Cloìlre  (La  Clatistra) 
ou  ville  ecclésiastique  autour  de  la  cathédrale,  recurent  des  gardes 
qui  veillèrent  jour  et  nuit  sur  la  sécurité  de  l'église  ;  mais  l'un  de  ces 
gardes  insulta  une  femme  du  haut  des  murs,  et  la  ville  se  révolta 
en  1217. 

L'évéque  dut  s'enfuir  précipitamment  par  une  porte  dérobée.  Il 
gagna  Montbrison,  d'où  il  anathématisa  ses  diocésains,  puis  se  rendit 
à  Paris,  dont  les  habitants  manifestèrent  l'intention  de  marcher  sur 
Le  Puy. 

Mais  lés  bourgeois  aniciens  avaient  envoyé,  de  leur  coté,  des  députéi» 
au  roi  Philippe-Auguste,  et  celui-ci  eut  un  séhtiment  exact  de  la  gravite 
de  la  situation:  par  une  décision  prise  à  Vernon,  il  accorda,  le  18  mars 
1218,   une   charte   de  comtmme  à  la  ville   du  Puy.     Celle-ci  eut,  dès 


!i44  e.  FAiJKi: 

lors.  un  consulal.  une  milice  et  des  revenus  propres,  et  l'évéque  resta 
confine  dans  la  ville  ecclésiastique. 

Vuoila  la  i(uerre  que  rappellent  nos  éphémérides,  et  voilà  aussi  /os 
privileges  de  la  vi  ala  del  Peti. 

•  Robert  de  Mahun,  rentré  amoindri  dans  son  diocèse,  ne  se  corrigea 
pas.  Il  possédait  en  propre,  en  Velay,  quatre  chateaux  que  les  rois 
avaient  donnés  à  ses  prédécesseurs,  et  il  était  encore  redoutable.  Un 
jeune  seigneur,  Bertrand  de  Caires,  que  les  documents  montrent  en 
relations  avec  la  famille  Cardinal,  résolut  de  l'assassiner:  le  prélat 
tomba  sous  les  coups  du  meurtrier  en  1219  (le  19  novembre)  pendant 
une  tournée  pastorale  qu'il  faisait  à  Saint-Germain-Laprade,  dans  les 
environs  immédiats  du  Puy. 

TTous  ces  faits  sont  aujourd'hui.  au  Puy,  du  domaine  de  l'histoire 
courante,  et  je  les  ai  relatés  moi-mCme  dans  mon  étude  sur  Roiis  de 
Montlaitr,  en  1909.  Les  sources  sont  nombreuses,  et  je  me  contente 
de  signaler  la  Gallia  Christiana  /lava  pour  la  carrière  de  Robert  de 
Mahun  (ou  Mehun)  (Tome  11.  col.  709—710),  et,  pour  les  Privilège.s 
de  la  ville  du  Puy,  Baluze  (Miscellanea,  liv.  VII.  pp.  3'%,  sq). 

II.     La   Chabraria  et  la  Clausos. 

L'un  des  premiers  soins  du  consulat  tut  de  fortifier  sa  ville,  et  la 
Clatisos  est  Tenceinte  de  remparts  qu'il  iit  élever  peu  à  peu.  La 
Chabraria  était  un  quartier  de  la  cité  consulaire  :  une  rue  de  ce  nom 
(rue  de  la  chèvrerie)  existe  encore.  Elle  se  trouve  à  lest  et  dans  la 
partie  basse  du  Puy.  Médicis  fait  observer,  à  la  table,  que  «semblable 
super  escript  est  sus  la  porte  Panavaira^  et  (que)  en  ce  temps  tout 
ce  pan  de  mur  et  closture  fut  faicte  d'une  porte  à  l'aultre». 

1 1 1.    P e i  r  e  de  V e n  t  a d o u r. 

Nous  n'ajoutons  rien  à  ce  que  nous  avons  rapporté  de  Bernard  de 
Montaigu.  Quant  à  Peire  de  Wmtadour,  les  dates  de  son  épiscopal 
sont  controversées  dans  les  historiens  du  Pu}',  qui  appellent  méme  le 
prélat  Bernard  (nom  du  troubadour  bien  connu).  Notre  éphéméride 
est  un  document  unique  et  précieux  qui  tait  disparaìtre  toutes  les  erreurs 
commises. 

iV. 


DOCUMENTS    D'HISTOIKK 


345 


V.  La  mortondatz  de  1255. 
Nous  najoutons  rien  à  ce  que  nous  avons  dit  conccrnant  le  passugc 
de  Louis  IX  au  Puy  en  1254  (les  9,  10  et  1 1  aoùtj.  Mais,  à  cette 
occasion,  le  roi  avait  naturellement  fait,  avec  la  reine,  Marguerite  de 
Provence,  ses  dévotions  à  la  cathédrale.  Or,  la  tradition  veut  qu'il 
eùt  donne  à  la  basilique  la  statue  de  la  Vierge  Noire.  Cette  statue 
était  Tcjeuvre  du  prophète  Jérémie  et  avait  été  confiée  au  pieux  monarque 
par  le  Soudan  d'Egypte  au  moment  où  celui-ci  avait  rendu  la  liberté 
à  Louis  en   1251. 

Quoi  qu'il  en  soit  de  cette  tradition  merveilleuse  à  laquelle  on 
cro3'ait  encore  très  fermement  au  XV1*=  siede,  la  statue  de  la  Vierge 
Noire  devint  aussitót  l'objet  d'un  eulte  universel.  Dès  l'année  suivante, 
les  pèlerins  qui  venaient  se  prosterner  à  ses  pieds  furent  si  nombreux 
que  la  cathédrale  n'était  pas  assez  spàcieuse  pour  les  contenir.  Le 
clergé  alla  jucher  la  statue  sur  une  des  portes  de  la  ville  consulaire, 
celle  des  Farges,  et  une  immense  procession  descendit  de  la  cathé- 
drale pour  passer  ainsi  tout  entière  et  en  ordre  sous  la  sainte  image, 
et  se  disperser  ensuite  hors  des  remparts. 

Mais  les  premiers  arrivés,  s'étant  jetés  à  terre,  ne  voulurent  plus 
se  relever.  Une  poussée  formidable  se  produisit  et  plus  de  quatorze 
cents  personnes  périrent  étouffées.  C'est  ce  que  le  bon  Médicis  appelle 
«ung  merveilleux  esclandre».  Les  cimetières  de  la  ville  ne  purent 
pas  recevoir  tous  les  corps  des  victimes.  On  en  embauma  une  partie, 
et  les  cadavres  ainsi  conservés  furent  appelés  transits.  Le  jour  de 
la  catastrophe  porta  désormais  ce  nom  sinistre.  On  finit  par  enterrer 
les  transits  dans  le  cimetière  de  Saint-Pierre-Latour.  et,  pendant  des 
siècles.  on  hit  ce  distique  sur  la  porte  du  champ  des  raorts: 

Undecies  quinque  elapsis  cum  milk-  ducentis 
Annis,  Anicii  fuit  ingens  pressi©  gentis. 

(Gali.  Clirist.  nova,  II,  col.  716. i 

Tel  fut  la  mortondats  du  Puy,  en  1255,  le  lundi  des  Rogations,  le 
3  mai,  jour  de  la  féte  de  la  Croix.  L'éditeur  de  Médicis,  le  savant 
Chassaing,  a  cru  devoir  remplacer  le  mot  mortondalz  qu'il  ne  comprit 
pas  par  celui  de  morfonduts  {Le  Livre  de  Podio,  Le  Puy,  Marchessou, 
1869,  t.  1,  p.  192,  note).  Le  mot  mortondats  dans  le  ms.  est  clair. 
Nous  ne  corrigeons  pas:   ìuortaudats. 

Le  récit  que  je  viens  d'esquisser  se  trouve  très  circonstancié  dans 
Médicis  (1.  ff.  CXX\^— CXXVll).  Le  compilateur  en  avait  trouvé  les 
détails   dans   le    livre   des  Proces-iionihns   à    la  cathédrale.     En  effet. 


346  e.    KABRE 

sous  les  auspices  de  Tévéque  Gui  Folqueis  {postca  pape  Clément  IV'}, 
le  chapìtre  institua  une  procession  annuelle  en  commémoration  du 
mortandats  de  1255.  Cette  procession  eut  lieu  le  jour  de  i'Ascension, 
et.  par  une  bulle  de  1267,  Gui  Folqueis,  devenu  pape,  consacra  l'in- 
sti tution  et  joignit  les  fétes  des  Rogations  à  celles  de  la  Vlerge.  (V. 
mon  étudc  sur  Gui  Folqueis,  Le  Puy,  1914,  passim.) 

VI.  Rieutort. 
Rieutort  (Rieutord,  Rioutord,  Rioiord)  est  aujourd'hui  une  commune 
importante  de  l'arrondissement  d'Yssingeaux,  canton  de  Montfaucon. 
Un  chàteau  qui  dépendait  des  seigneurs  de  Saint-Didier,  dominait  la 
région.  Lev^éque  Guillaume  de  La  Roue,  dont  l'élection  avait  été 
longtemps  contestée,  méme  au  Puy,  alla  l'attaquer  pour  y  faire  recon- 
naìtre  ses  droits  de  suzerain.  L'affaire  eut  des  suites  importantes: 
Guigon  de  Saint-Didier  (1258—1284).  fils  et  successeur  de  Gauceran, 
le  troubadour,  dut  céder  ìx  l'évéque,  pour  mille  trois  cent  soixante 
livres,  la  seigneurie  de  Monistrol  -  sur  -  Loire ,  et  Gérenton  de  Saint- 
Romain,  seigneur  de  Riotord,  cèda  aussi,  pour  mille  vingt  livres,  la 
chatellenie  de  Beaujeu.  L'évéque  alla  s'installer  dans  ce  dernier  manoir 
et  c'est  là  qu'il  mourra  le  9  aotìt  1282.  (L'acquisition  des  chateaux 
de  Monistrol  et  de  Beaujeu  est  placée  par  le  F'"''  Théodore  [Hist.  de 
N.  P.  dii  Puy]  au  commencement  de  1270.  Les  historiens  modernes 
en  ont  conclu  que  Guigon  de  Saint-Didier  et  Gérenton  de  Saint-Romain 
se  procuraient  de  l'argent  pour  se  rendre  à  la  croisade  de  Tunis!) 

VII.    L'hommage  à  Phi  I  ippe- le- Hardi  en  1271. 

Cet  hommage  correspond  à  celui  que  tous  les  seigneurs  et  les 
villes  de  France  prétèrent  au  fils  de  Louis  IX  à  son  avénement  en 
1271,  lorsqu'il  revint  de  la  croisade  de  Tunis.  Le  serment  était 
surtout  important  en  Auvergne  et  dans  le  Toulousain.  parce  qUe  ces 
terres  entraient  pour  la  première  fois  directement  dans  les  domaines 
royaux.  Elles  avaient  appartenu  à  Alphonse  de  Poitiers,  onde  du 
jeune  roi.  Or,  Alphonse  venait  de  mourir  en  Italie,  au  retour  de  la 
croisade. 

L'église  sainl- Laurent  était  celle  d'un  beau  couvent  de  dominicains 
qui  s'élevait  hors  des  murs,  vers  la  porte  des  Farges.  Elle  avait  été 
batic  il  y  avait  près  de  cinquante  ans  (à  partir  de  1221)  et  le  monument 
est  encore  aujourd'hui  l'église  gothique  la  plus  vaste  et  la  plus  majestueuse 
du  Puy. 


DOCUMENT.s    D'HISTOIRE  o47 

Vili.  Laurens  lo  Mazeliers  et  la  guerre  civile  de  1276. 
La  capture  de  Laurens  lo  Masehers  (le  boucher)  se  rapporto  à  un 
événement  douloureux  qui  provoqua  au  Puy,  en  1276,  une  guerre 
pareille  à  celles  de  1218  et  de  1239.  Guillaume  de  Rochebaron,  baile 
de  Tévéque  Guillaume  de  La  Roue,  s'éprit,  d'après  Médicis,  d'une 
femme  très  belle  de  la  ville  consulaire,  la  convoqua  chez  lui  et  la 
viola.  Ce  fut  la  cause  d'une  révolte  qui  éclata  le  14  avril  1276  et 
dont  le  prétexte  fut  l'enlèvement  par  des  soldats  de  l'évéque  de  quel- 
ques  bestiaux  à  un  seigneur  voisin.  Les  bouchers  du  Pu}-,  avec  la 
connivence  des  consuls,  dépouillèrent  les  pillards,  et  le  baile  et  quatrc 
sergents  trouvèrent  la  mort  dans  Tasile  mCme  qu'ils  avaient  cherch"'- 
au  couvent  des  Frères  Mineurs. 

Hélas!  la  révolte  eut  des  conséquences  contraires  à  celles  de  1218; 
l'évéque  pria  le  roi  d'intervenir,  et  Philippe,  après  avoir  fait  faire  une 
«nquéte  par  les  sénéchaux  de  Beaucaire  et  d'Auvergne,  soumit  l'affaire 
au  parlement  de  Pàques  1277,  11  se  prononya  lui-méme  par  une  lettre 
datée  d'avril  {Le  Livrc  de  Podio,  I,  ed.  Chassaing,  pp.  214 — 216,  con- 
tieni le  texte  de  cette  lettre).  II  priva  la  ville  de  ses  prlvilèges  et 
lui  imposa  une  rangon  ruineuse  de  30000  livres  tournois.  Le  consulat 
ne  sera  rétabli  que  soixante-sept  ans  après,  en  1344,  sous  Philippe-de- 
V'^alois.  Les  révoltés  furent  poursuivis  comme  des  bétes  fauves,  et 
l'un  d'eux,  Laurent  le  boucher,  est  signalé  ici  au  moment  de  son 
arrestation. 

Médicis  a  encore  raconté  longuement  la  mutinerie    et    le  viol  de    la 
belle  bouchère>  (I.ff.  XXVIl— XXIX).  A  propos  de  Laurent,  il  ajoute: 
C'estoit  ung  de  ces  bouchiers  qui  feyrent  l'homicide   du  baile  et  des 
sergents  en  la  maison  des  Cordeliers.  v 

IX.    Expédition  con  tre  Montpellier,  en  1282. 

X.   Passage  du  roi  Phi  lippe- 1  e-Hardi  au  Puy.  en   1283. 

Les  faits  rapportés  dans  ces  deux  mentions  se  rattachent,  les  premiers 
à  l'histoire  de  Montpellier,  les  seconds  à  l'histoire  generale  du  rógne 
de  Philippe-le-Hardi.  Or,  ce  lien  n'a  pas  été  vu  par  les  historiens  du 
Puy,  et  Chassaing  lui-méme  n'a  pas  commenté  les  textes  relevés  par 
Médicis.  Nous  sommes  donc  contraint  de  faire  un  exposé  assez  long 
des  deux  questions. 

IX.  Expédition  contee  Montpellier.